Schiavone: “Smettere a fine anno? Potrei ma ora non ci penso”

Le dichiarazioni di Francesca Schiavone dopo la sconfitta contro Kaia Kanepi. "Il tennis è sempre stata la mia priorità e lo è ancora, ma non ho più 20 anni"

Schiavone: “Smettere a fine anno? Potrei ma ora non ci penso”

Francesca Schiavone non nasconde la sua delusione per aver perso il suo match di primo turno contro Kaia Kanepi dopo che ieri aveva vinto il primo set per 6-0. Nel 2017 ha raccolta una sola vittoria nei tabelloni principali dei quattro Slam (a Wimbledon). “L’unico rimpianto è forse sul primo game alla ripresa, fossi andata 3-4 invece che 2-5 sarebbe stato diverso ma io sono un diesel e servire sul 2-4 40 pari non è il massimo perché devi essere pronta subito”.

 

Sul suo futuro nulla è ancora deciso…
“Avevo detto che questo sarebbe stato il mio ultimo anno ed è possibile che lo sia ma non posso prendermi il lusso di pensarci ora. Sono ancora iscritta a due tornei prima della fine della stagione”.

Il tennis è ancora una sua priorità?
“Certo che è una mia priorità come lo è sempre stata ma è chiaro che alla mia età non si può vivere come a 20 anni o a 15, mi pare anche normale. Ma finché scenderò in campo sarà sempre una priorità”.

Lo stato del tennis italiano…
“Farina e Grande ci hanno spinto a migliorarci quando eravamo giovani e poi dopo il loro ritiro siamo andate per la nostra strada e abbiamo vissuto anni di grande tennis. Ho visto tanti italiani e italiane nelle qualificazioni. Magari un giorno potrò dare una mano visto che amo il tennis, potrebbe essere un buon modo di restare in questo mondo”.

Ascolta il resto dell’intervista nell’audio esclusivo

CATEGORIE
TAG
Condividi