Roberta Vinci: come battere la Williams ti cambia il tennis e la vita. "Gioco bene perché sono... Serena!"

Interviste

Roberta Vinci: come battere la Williams ti cambia il tennis e la vita. “Gioco bene perché sono… Serena!”

Roberta Vinci racconta il suo “dopo Serena”. La stampa americana non la molla un attimo. “Sono tranquilla, non ho ansie, se non entro tra le prime dieci non muore nessuno. Non penso farò la telecronista. Il tennis in televisione e in campo sono completamente diversi”

Pubblicato

il

 
 

Dopo quattro mesi dalla leggendaria impresa di New York, si percepisce ancora nettamente come il ruolo della Vinci nel mondo del tennis sia cambiato: nella conferenza stampa successiva a un secondo turno francamente banale, una vittoria in scioltezza contro una onesta tennista di seconda fascia, si sono presentati diversi giornalisti americani, ma la povera Irina Falconi – che è di West Palm Beach in Florida – non è nemmeno stata nominata. Per l’ennesima volta, i colleghi USA hanno voluto sapere i ricordi della notte di Flushing Meadows, le sensazioni, le prospettive per il futuro. È chiaro che per i media statunitensi, e per l’ambiente del tennis in generale, la figura di Roberta Vinci è ormai indissolubilmente legata a quella di Serena Williams. Un po’ come John Isner e Nicolas Mahut, che rimarranno per sempre “quelli del 70-68 al quinto”, con tanto di pagina Wikipedia specificamente dedicata al match, e alla fine poco importa perfino chi dei due abbia vinto.

E Roberta conferma, con la schiettezza e l’onestà che la contraddistinguono, che la “nuova Vinci” che stiamo ammirando negli ultimi tempi è figlia di quella semifinale newyorkese. “Gioco bene perché sono serena”, dice la tarantina, con involontario ma riuscitissimo gioco di parole. “Dopo quella finale allo US Open non ho più ansie, non mi arrabbio, sento di aver raggiunto quello che volevo. Non mi sento appagata, e ci tengo ancora moltissimo, ma visto che questo sarà il mio ultimo anno, me la godo, e questo in campo si vede. Il mio gioco ha bisogno che io sia lucida e tranquilla, e pensare che ho battuto Serena, che ho fatto finale Slam, mi fa stare bene. Se non entro tra le prime dieci non muore nessuno”.

Abbiamo poi riferito un simpatico siparietto alla Vinci, partito da una domanda fatta dal direttore Ubaldo Scanagatta a Serena Williams: “Fernando Verdasco ha detto che ha rivisto dieci volte il suo match perso con Rafa Nadal qui a Melbourne in semifinale nel 2009, tu lo hai fatto con la partita di New York con Roberta?” Serena, chiaramente ironica, risponde: “Io riguardo la semifinale con Roberta ogni giorno!”. La Vinci, che è una delle giocatrici più attente e intelligenti del circuito, dopo essersi fatta una bella risata, ha colto lo spunto per riflettere e raccontare le sensazioni profondamente diverse che si provano in campo, rispetto alla più asettica visione di un match su uno schermo televisivo.

 

“Quando tu guardi una partita di tennis con la pennina (USB, n.d.r.), o al computer, o alla televisione, non capisci il vento, non capisci la velocità della palla, e non lo capisci perché non puoi riuscirci, non è che il commentatore o il telecronista ‘non ci arrivano’. È che proprio è impossibile da percepire, in campo è tutta un’altra storia, se sei contro sole o contro vento, se ti va lento il braccio. Sono tutte cose che puoi vedere e puoi capire stando al limite fuori dal campo, secondo me, mentre dalla televisione è più difficile immedesimarsi nella partita”.

“Un commentatore può dire ‘ah, lì doveva giocare lungolinea’, ok, però non sa se la giocatrice era in difficoltà col braccio, era controvento, o cose così. Non credo che vorrò mai fare la telecronista, anche se mi piace tanto guardare il tennis, capire gli schemi, con il mio tipo di gioco devo farlo, devo usare il cervello, non sono una che tira e basta. Certo, penso che potrei essere brava a far capire le situazioni al telespettatore… non ci ho mai provato. Ho paura che sarei molto critica con le giocatrici, però”.

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Wimbledon, Tsitsipas: “Kyrgios ha un lato malvagio che può fare del male a chi gli è vicino”

Tsitsipas definisce Kyrgios un bullo e avverte: “Noi giocatori non dobbiamo più tollerarlo”

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas è stato il primo a entrare in sala conferenze dopo la sfida con Nick Kyrgios. L’australiano, imbeccato dai giornalisti, avrebbe poi avuto di replicare alla sua maniera alle accuse di bullismo rivoltegli dal greco. Dopo una piccola premessa, Stefanos parte subito all’attacco quando gli domandano un’opinione sul match.

Stefanos Tsitsipas: “Mi piace quello che il suo tennis porta al nostro sport. Lui è diverso e non è una brutta cosa. Ma non credo ci sia stato un solo incontro con lui in cui si sia comportato così. Arriva un punto in cui ti stanca davvero, diciamo così. Il continuo parlare, lamentarsi… Sto per servire e c’è un vuoto, senza tennis giocato, che è la cosa più importante. Siamo qui per giocare, non per conversazioni e dialoghi, soprattutto quando sai che l’arbitro non torneà sulla sua decisione. È stupido in un certo senso. È frustrante vedere gente farla franca in quei casi.”

D. Dopo il match, ha detto di avere rispetto per te, ma durante chiedeva la tua espulsione per la pallata tra il pubblico. Che ne pensi?

 

ST: “Devo dire che è stato brutto da parte sua. Non avevo mai tirato una palla in quel modo in passato. Mi sono scusato con quelle persone. Non ho colpito nessuno, grazie a Dio. Non lo farò più, questo è certo. Ma c’è stato anche qualcosa che ha scatenato quel comportamento che non mi appartiene.”

D. Da anni sentiamo queste lamentale anche da altri giocatori quando giocano contro Nick. Pensi che arriverà il momento in cui i giocatori prenderanno una posizione? Perché è chiaro che gli ufficiale di gara non fanno nulla.

ST: “Mi piacerebbe che fossimo tutti’ d’accordo e fissassimo una regola, non so, qualcosa sul parlare. Perché devi parlare mentre giochi? Durante ogni singolo punto oggi, sentivo che succedeva qualcosa dall’altra parte della rete. Cerco di non farmi distrarre perché potrebbe essere volontario. È il suo modo di manipolare l’avversario. Nessun altro lo fa. Dobbiamo far sì che questo comportamento non sia più tollerato.”

D. Sono curioso sul punto di penalità che hai ricevuto quando hai tirato la risposta sul muto dietro al campo. È stato volontario? Cosa pensi della decisione?

ST: “Miravo al corpo dell’avversario ma lo mancavo di molto.”

D. Diverse volte. Perché?

ST: “Perché finisse. Questo deve finire. C’è sicuramente della frustrazione dietro. Di solito non gioco così, ma non posso sedermi lì, comportarmi da robot, completamente freddo e inconsapevole. È successo tre o quattro volte. Una volta la capisco, ma poi inizia a darti sui nervi quel rumore che arriva da oltre la rete”.

D. Credi che alla fine avresti preferito non stringergli la mano? Lo hai fatto, ma forse pensavi che non lo meritasse. E quando hai fallito un rovescio ha gridato bel colpo, lo ricordi?

ST: “Sì, è bullismo costante, ecco cos’è. Lui bullizza gli avversari, probabilmente era un bullo a scuola. Non mi piaccio i bulli. Ha un lato malvagio in sé che, se viene fuori, può davvero fare del male alle persone che gli stanno attorno. Se qualcuno non mi rispetta, è normale che io faccia qualcosa. Sulla stretta di mano, bel match, sicuro, devo congratularmi con l’avversario, non è mai successo che non l’abbia fatto. Ma se ci fosse una stretta di mano per l’atteggiamento, la eviterei.”

D. Sembri un po’ raffreddato, hai fatto il test per il Covid?

ST: “Ho fatto il test, ma è solo un raffreddore. Ha iniztao dopo Maiorca ed è ancora piuttosto pesante.”

D. Togliendo tutto il circo, stasera, solo tennis, quale sarebbe stato il risultato?

ST: “Davvero non lo so. È difficile dirlo perché non ti sei visto, ma non penso che lui riesca a giocare senza quel circo. Gli piace fare le cose in quel modo e la fa sempre franca. Senza quello, sarebbe stato un match di qualità migliore anche da parte mia, credo, sempre che lui pensi di non saper giocare in modo normale.”


Continua a leggere

Flash

Wimbledon, Kyrgios: “Al posto di Tsitsipas, sarei stato espulso”

Dopo la vittoria su Tsitsipas, Nick Kyrgios non le manda a dire a Stefanos che lo ha accusato di bullismo: “Penso che lui abbia dei problemi seri”

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas e Nick Kyrgios – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @Wimbledon)

C’è stato spazio per un po’ (e anche molto) di tutto nella sfida tra Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas vinta in quattro set dall’australiano. Tra violazioni del codice (entrambi), pallate tra gli spalti e all’avversario (Tsitsipas) e quello che ci ha messo del suo non solo con l’arbitro (Kyrgios), la successiva conferenza stampa di Nick non poteva non proseguire nell’adrenalinico e polemico solco tracciato dallo spettacolare confronto. Si parte subito in quarta. E, spoiler, l’immagine di copertina ha il solo scopo di presentare il prodotto.

D. Tsitsipas è appena stato qui e ha detto: è bullismo continuo, lui [Kyrgios] è stato probabilmente un bullo a scuola. Non mi piacciono i bulli, lui ha un lato malvagio in sé.

Nick Kyrgios: [risata] “Non so cosa dire. Non sono sicuro di come lo abbia bullizzato. Era lui quello che mi tirava addosso, lui quello che ha colpito uno spettatore [dalle immagini, non sembra aver colpito nessuno, ndr], quello che ha tirato una pallata fuori dallo stadio. Io non ho fatto nulla, a parte andare avanti e indietro dall’arbitro per un po’. Non sono stato irrispettoso verso Stefanos, non credo, tu che dici?”

 

D. È arrivato a dire che alcuni giocatori dovrebbero riunirsi e parlare di te o parlare con te a proposito di quello che fai in campo.

NK: “Beh, anch’io sarei agitato se avessi perso da qualcuno in due settimane di fila. Forse dovrebbe capire come battermi un paio di volte prima e poi pensare all’altra cosa.”

D. Quando ti rivolgi continuamente all’arbitro e vedi che l’avversario si innervosisce, è una questione tattica o emotiva?

NK: “Quando ho giocato con Filip Krajinovic, lui non ha tirato una palla a uno spettatore colpendolo. Non ho molto da dire, quindi, mi chiedo solo perché fosse ancora in campo. Perché so che a parti invertite sarei stato espulso, di sicuro.”

D. Di solito, I giocatori non vengono espulsi per aver tirato una palla tra il pubblico. Pensi che debba cambiare’

NK: “Quindi non pensi che colpire in testa uno spettatore con una pallata meriti l’espulsione?”

D. Non credo abbia davvero colpito qualcuno.

NK: “Ha colpito uno spettatore. Ho visto il video.”

D. Ok. Ma non riesco a ricordare qualcuno espulso per tirare una palla tra il pubblico. Djokovic aveva colpito una giudice di linea.

NK: “Stai dicendo che puoi colpire uno spettatore e non venire espulso?”

Segue un botta e risposta con il giornalista in cui i due concordano che la pallata tra il pubblico dovrebbe comportare l’espulsione.

D. Entrambi avete ricevuto delle sanzioni per violazione del codice…

NK: “Dobbiamo davvero finire di mettere sullo stesso piano i nostri comportamenti odierni.”

D. Sarebbe la domanda. Lui si è scusato profusamente.

NK. “E questo aggiusta tutto? Io che ho fatto? [abuso verbale, gli ricorda] Verrò multato per quello, vengo sempre multato perché dovrei scusarmi? Sono proprio desideroso di sapere cosa faranno a lui.”

D. Stai giocando molto bene, ma penso di poter vincere il torneo? E, se è così, credi che questo circo – la parola usata da Stefanos – possa essere stancante per te?

NK: “Mi sento alla grande, sarei pronto a giocare domani [domenica]. Turno dopo turno, se continuo a fare quello che so fare. Però, lui ha messo su il circo, oggi. Penso solo che lui abbia dei problemi sei, ma proprio seri. Nello spogliatoio ho molti amici, in realtà sono uno di quelli che piacciono di più. Lui no, mettiamola così.”

D. Eri stato caloroso con Stefanos e Petros [il fratello], ma negli ultimi 20 minuti non sembra più così. Pensi che vi scrollerete la faccenda di dosso e sarete amici fra due giorni?

NK: “Non mi importa. Se vedi i tipi contro cui gioco a basket in Australia, sono dei cagnacci. Quelli con cui gioco a Wimbledon, no. Lui è così delicato da venire fuori con la storia del bullismo. Se si è fatto influenzare da questo, oggi, penso che sia troppo tenero”.


Ora è il momento del direttore Scanagatta con cui inizia uno .scambio di battute D. Innanzitutto, congratulazioni, gran match, mi è piaciuto tantissimo. Poi, credi di non meritare tutte queste critiche? In generale, non solo oggi, pensi di avere tutti contro o sei una vittima dei media e roba del genere? Infine, quando lui ha sbagliato un colpo facile, tu hai detto ‘bel colpo’.
NK: “Vero.”

Scanagatta: Non è molto gentile, devi ammetterlo.

NK: “Non sto cercando di essere gentile.”

Scanagatta: Se qualcuno lo avesse fatto a te, non ti sarebbe piaciuto.

NK: “Molto probabilmente non sarei venuto qui a dire di essere stato bullizzato. Per rispondere all’altra domanda, non mi interessa, mi devono guardare mentre gioco gli ottavi a Wimbledon e ho già un bell’assegno. E non era un colpo facile, avevo tirato un bel servizio. L’ho visto lavorare sulla risposta di rovescio ieri e ha colpito la recinzione alle sue spalle. Ho detto, bel colpo.”


Continua a leggere

Flash

Wimbledon: Venus Williams torna in campo nel doppio misto e vince con Jamie Murray

La campionessa statunitense commenta così in conferenza stampa la sua situazione: “Sono ancora un’atleta professionista, ma ho tante cose da fare fuori dal tennis. Il futuro? Non si sa mai dove io possa saltare fuori”

Pubblicato

il

Jamie Murray e Venus Williams - Wimbledon 2022 (Twitter @Wimbledon)
Jamie Murray e Venus Williams - Wimbledon 2022 (Twitter @Wimbledon)

I Championships 2022 saranno ricordati, tra le altre cose, anche per il ritorno alle competizioni di Serena Williams, che dopo un anno esatto di inattività ha giocato e perso il primo turno contro Harmony Tan promettendo che questa non è stata l’ultima partita della sua carriera. Ma a Wimbledon è tornata in campo anche Venus: pure la maggiore delle due leggendarie sorelle si è rivista sull’erba londinese. Per ora solo in doppio misto, insieme a Jamie Murray. E l’esordio dei due è andato bene: superato il duo polacco-neozelandese formato da Alicja Rosolska e Michael Venus in tre set (6-3 6-7 6-3) sul Court 1 di Wimbledon, concesso ai due per l’occasione. Il prossimo turno, gli ottavi di finale, sarà contro la coppia britannica Barnett-O’Mara. C’era da aspettarsi che il viaggio a Londra di Venus non si risolvesse solo con il tifo per la sorella Serena, ma ora c’è altrettanta curiosità di capire quali possano essere i piani della 42enne. Che si è espressa in conferenza stampa così, al fianco di Jamie.

D: Come è nata questa partnership? Chi ha preso l’iniziativa?

 

Murray: “Il coach di Venus mi ha scritto un messaggio. Me lo aveva già chiesto l’anno scorso, ma mi ero fatto male al collo. Non potevo dire di no due volte! Ci siamo divertiti, è stato bello giocare sul Court 1 davanti a tante persone. Fantastico essere in campo con una campionessa così”.

D: Venus, quando e perché il tuo coach ha scritto a Jamie?

Williams: “Da sempre cerco di giocare insieme a Jamie. Ma fa il prezioso… (ridendo). No, è stata una cosa dell’ultimo minuto. Mi sono fatta ispirare da Serena. Sono molto soddisfatta”.

D: Ma eri venuta qui con l’idea di giocare?

Williams: “No, non era nei piani. Ma ho visto l’erba e mi è venuta voglia… (sorridendo). Sono stata anche al Roland Garros, ma il cuore non mi batteva come qui. Comunque l’idea mi è venuta all’ultimo minuto, ho chiesto a Jamie sapendo che era difficile perché lui ha appena avuto un figlio. Non pensavo che ce l’avremmo fatta. Non giocavo da un anno, quindi non sai cosa puoi aspettarti, e l’allenamento è molto diverso dalla partita. E alla fine abbiamo pure vinto”.

D: Hai detto che non avevi intenzione di giocare qui. Ma pensavi di rientrare più in là?

Williams: “Non si sa mai dove io possa saltare fuori…

D: Siete qui per fare un’esperienza o per provare a vincere il torneo?

Williams: “Sei qui per scrivere un ottimo articolo o per scriverne uno mediocre?”

D: Farò quello che faccio sempre…

Williams: “E’ così anche per noi”.

D: Venus, tu hai così tanti interessi anche extra-campo. Ma in questo tempo lontano dalle competizioni, c’è qualcosa che ti è mancato particolarmente del tennis? E sul film “King Richard” cosa pensate tu e tuo padre?

Williams: “Sono stata molto impegnata. Penso che la vita sia più facile sul circuito che fuori da esso. Penso che dovrei tornare a giocare con continuità, almeno dormirei di più… Sono una professionista e lo rimango, Ma anche quando mi ritirerò starò bene. Sto bene sia quando gioco, che quando non gioco. Il film? Se ne è parlato molto, più di quanto avessimo immaginato. Cose tipo l’Oscar erano fuori dalle aspettative. In generale, ho avuto davvero molto da fare nel periodo in cui non ho giocato. E ho tanti altri progetti su cui sto lavorando”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement