Fed Cup, Spagna-Italia: con Errani-Muguruza inizia il week end di passione

Fed Cup

Fed Cup, Spagna-Italia: con Errani-Muguruza inizia il week end di passione

Nel fine settimana, a Lleida, l’Italia affronterà la Spagna per restare nel World Group della Fed Cup. Torna in squadra Roberta Vinci la cui presenza fa da contraltare alle polemiche Giorgi-Fit. La tenacia della Errani e il carisma della Schiavone unite per provare a battere le favorite Muguruza e Suarez Navarro

Pubblicato

il

Mentre gli uomini danno spettacolo a Montecarlo il circuito femminile nella sostanza si ferma (è in corso un torneo minore a Bogotà) per dare spazio alla Fed Cup, torneo a squadre riservato alle rappresentative nazionali omologo della Coppa Davis, che nel prossimo week-end vedrà di scena non solo le due semifinali (Francia-Olanda e Svizzera-R.Ceca) ma anche gli spareggi per guadagnarsi un posto nel World Group 2017. Tra questi ultimi anche la sfida che riguarda da vicino i nostri colori, quella che si svolgerà a Lleida tra Spagna e Italia.

La sfida di Fed Cup è stata preceduta dalle polemiche intercorse tra Camila Giorgi e la nostra Federazione, che hanno portato all’esclusione della tennista nativa di Macerata ed alla sua sostituzione con Karin Knapp. Se l’assenza di Camila rischiava da una parte di compromettere non solo l’equilibrio e l’armonia del team ma anche le nostre speranze di vittoria finale, dall’altro ha fatto da contraltare il ritorno (auspicato dai più) di Roberta Vinci, assente nella sfortunata trasferta di Marsiglia perché aveva preferito la propria programmazione all’impegno con la nazionale. Nel momento in cui c’è stato bisogno Roberta da veterana qual è non ha saputo dire di no e si è unita con piacere alla nostra squadra che cercherà di condurre insieme alla sua ex compagna di doppio Sara Errani alla vittoria finale in quella che sulla carta è un’improba trasferta in terra spagnola. Alle loro spalle ci penserà l’esperienza di Francesca Schiavone a tenere unito il gruppo ed a sferzarlo e tenerlo sulla corda fino all’ultima palla, come solo la “leonessa” sa fare. Del resto da più parti Francesca è indicata come futuro capitano di Fed al posto di Barazzutti e quindi chi più di lei può recitare questo ruolo in questo momento.

In queste condizioni difficile dire se il sorteggio sia stato buono meno. Sta di fatto che l’incontro si aprirà con Sara Errani che proverà a fare il colpaccio contro Garbine Muguruza. Inutile dire quanto sarebbe importante iniziare con una vittoria, anche per non mettere troppa pressione a Roberta Vinci, chiamata a sfidare Carla Suarez Navarro nell’incontro a seguire.

 

Domenica Muguruza e Vinci apriranno le ostilità e poi sarà il turno (speriamo) di Errani e Suarez Navarro. Come da tradizione Barazzutti ha annunciato che il doppio lo giocheranno le due restanti giocatrici, cioè Karin Knapp e Francesca Schiavone.  Come da tradizione non lo giocheranno loro, a meno che il risultato non sia già stato acquisito. La stessa cosa ha fatto Conchita Martinez annunciando la coppia Tormo-Garrigues.

 

Le spagnole sulla carta partono favorite, Garbine Muguruza e Carla Suarez Navarro sono due tenniste di primissimo livello (nr.3 e 11 del ranking), capaci insieme anche di giocare un doppio valido, ma ad onor del vero non hanno nel complesso proprio brillato in questo inizio d’anno e la terra rossa non è detto favorisca le padrone di casa. Insomma Muguruza e Suarez Navarro da una parte, Vinci ed Errani dall’altra, sfida non scontata che l’imprevedibilità di Roberta e l’agonismo di Sara potrebbero far girare dalla nostra parte, ma bisognerà essere perfette, dall’inizio alla fine.
Vediamo come le due squadre si avvicinano alla sfida

 

SPAGNA

Conchita Martinez è andata sul sicuro, Garbine Muguruza e Carla Suarez Navarro per i singolari, Annabel Medina Garrigues ottimo rincalzo per il doppio, Sara Sorribes Tormo giovane promessa (classe ’96, nr. 211 Wta) come quarto elemento.

Le due punte della formazione iberica hanno avuto un inizio 2016 ben diverso. La Suarez Navarro si è ben difesa nella stagione sul cemento, semifinale a Brisbane, quarti di finale agli Australian Open ed addirittura vittoria a Doha dove in finale ha battuto la Ostapenko. Per lei a Lleida inizia la stagione sul rosso, la superficie preferita, sulla carta la nr.11 del ranking può solo migliorare in questa fase dell’anno.

Dopo invece essersi rivelata nel 2015 (finale a Wimbledon, vittoria a Pechino) Garbine Muguruza ha avuto non pochi problemi fisici in questo inizio si stagione dove non ha di certo brillato. Appena terzo turno agli Australian Open, quarti di finale a Doha e otatvi a Miami, dove però è apparsa in ripresa, perdendo solo dalla futura vincitrice Vika Azarenka in una sfida molto tirata. Non è di sicuro la terra la sua superficie preferita visto che la sua esplosività si fa valere di più sul veloce, rimane però la nr.3 del mondo, bisogna vedere in che condizioni arriva all’appuntamento. Di base in doppio se in buone condizioni dovrebbero giocare proprio le due singolariste ma la Martinez ha portato comunque con sé in squadra Anabel Medina Garrigues, che non ha più classifica in singolare ma è ancora nr. 30 in doppio e sicuramente potrebbe dare il suo contributo in caso di necessità sul 2-2. Come detto quarto elemento della formazione spagnola la giovane Sorribes Tormo che difficilmente troverà spazio nella due giorni di Lleida.

 

ITALIA

Detto della rinuncia/esclusione della Giorgi, il quartetto di Barazzutti è l’unico immaginabile allo stato attuale grazie al ritorno di Roberta Vinci, che torna in squadra e va a fare compagnia a Sara Errani, Francesca Schiavone e Karin Knapp, da poco rientrata nel circuito dopo alcuni problemi fisici e che pare ancora lontana da un minimo di forma accettabile.

Come nel team spagnolo anche in quello italiano andamento divergente per le due probabili singolariste. L’inizio di stagione di Roberta Vinci è stato l’ideale continuazione del finale di quella precedente. Roberta infatti ha raggiunto i quarti di finale a Brisbane, il terzo turno agli Australian Open, ha colto una straordinaria vittoria a San Pietroburgo, e raggiunto i quarti altrettanto straordinari a Doha, infine quarto turno ad Indian Wells (ritiratasi contro la Rybarikova per un problema al tendine d’achille). A corollario di tutte queste straordinarie prestazioni è arrivata la sospirata entrata nella Top10 ed il suo best ranking alla posizione nr. 8. Con questa Vinci in squadra tutto è possibile.

Più alterna e incostante invece Sara Errani, che ha iniziato con i quarti di finale a Sydney e la vittoria a Dubai, prima di attraversare un lungo periodo nero interrotto proprio la scorsa settimana con la semifinale sulla terra americana di Charleston. Sara è finalmente sembrata in ripresa, sulla terra da il meglio di sé, se in palla può rendere la vita difficile alle due spagnole.

Non finisce mai di stupire Francesca Schiavone, che proprio la settimana scorsa a Katowice ha raggiunto i quarti di finale incantando il pubblico sugli spalti con le sue magie d’altri tempi. Crediamo che Francesca possa al massimo trovare spazio in un’eventuale doppio finale se una tra Errani e Vinci non se la dovessero sentire sul piano fisico (o perché no anche su quello emotivo dopo la separazione non facile di inizio 2015), certo però la sua presenza sarà importantissima da un punto di vista emotivo e siamo sicuri si farà sentire dalle sue compagne.

 

PRECEDENTI TRA LE NAZIONALI

In perfetta parità gli scontri tra le due nazionali. Ricordiamo soprattutto gli ultimi due, la netta vittoria a Saragozza in semifinale dell’Italia nel 2006 che ci spalancò le porte verso la nostra prima vittoria nella manifestazione (che arrivò nella finale in Belgio) e lo scivolone inopinato del 2008 a Napoli delle nostre ragazze. Le azzurre arrivavano dalla vittoria del 2006 e dalla finale persa nel 2007 in Russia e partivano con i favori del pronostico. Ma Pennetta e Schiavone si mostrarono nettamente fuori forma e finirono con il cedere nettamente alle non irresistibili Nuria Llagostera e Anabel Medina Garrigues.

SPAGNA-ITALIA 3-3

20 marzo 1972, Johannesburg, hard, outdoor, World Group 1st Round
Italia-Spagna 2-1

Estalella Manso-Vido 7-5 4-6 6-3
Nasuelli-Mandarino 6-3 1-6 6-2
Nasuelli/Vido- Estalella Manso/Mandarino 6-2 6-4

 

3 maggio 1973, Bad Homburg, terra rossa, outdoor, World Group Consolation Round
Spagna-Italia 2-1

Il sito ufficiale della Fed non riporta gli estremi della sfida

 

17-18 aprile 1999, Reggio Calabria, carpet, indoor, World Group quarti di finale
Italia-Spagna 3-2

Serna-Grande 6-2 6-4
Farina-Ruano Pascal 5-7 6-3 6-0
Farina-Serna 3-6 7-6(4) 6-4
Grande-Ruano Pascal 6-4 6-1
Leon Garcia/Sanchez Lorenzo-Garbin/Ad. Serra Zanetti 7-5 6-0

 

27 aprile 2000, Bari, terra rossa, outdoor, World Group Round Robin
Spagna-Italia 3-0

Sanchez Vicario-Casoni 6-1 6-1
Martinez-Garbin 6-3 6-3
Serna/Torrens Valero-Casoni/Grande 6-2 3-6 6-1

 

15-16 luglio 2006, Saragozza, terra rossa, outdoor, World Group semifinale
Spagna-Italia 1-3

Pennetta-Medina Garrigues 6-3 6-0
Schiavone-Dominguez Lino 6-4 7-5
Medina Garrigues-Schiavone 6-2 6-2
Pennetta-Dominguez Lino 6-2 6-4

 

2-3 febbraio 2008, Napoli, hard, indoor, World Group 1st round
Italia-Spagna 2-3

Llagostera Vives-Schiavone 7-6(4) 3-6 6-2
Medina Garrigues-Pennetta 6-2 6-3
Medina Garrigues-Schiavone 6-4 6-1
Errani-Dominguez Lino 5-7 6-4 6-0
Errani/Garbin-Llagostera Vives/Suarez Navarro 6-4 6-3

 

PRECEDENTI TRA LE GIOCATRICI

Muguruza e Vinci non si sono mai affrontate e c’è curiosità nel capire come le variazioni ed i tocchi della Vinci possano mettere in difficoltà sulla terra la nr.3 del mondo. In perfetta parità Errani e Muguruza. Sara è anche nettamente in vantaggio contro la Suarez Navarro (8-3) a dimostrazione che seppur con un gioco simile la nostra tennista è abile a disinnescare le trame ed il rovescio penetrante della spagnola. Nettamente in vantaggio invece la Suarez Navarro contro la Vinci, la quale invece trova difficoltà ad imporre il suo gioco contro la solidità a fondo campo della nr.11 del mondo.

Muguruza-Errani 2-2

2012, US Open, hard, R128, Errani 6-3 6-7(6) 6-1
2014, New Haven, hard, R32, Muguruza 6-2 3-6 6-1
2015, Sydney, hard, R32, Muguruza 6-0 7-5
2015, Miami, hard, R32, Errani 4-6 6-4 6-1

Muguruza-Schiavone 0-1

2014, Roma, terra rossa, R32, Schiavone 3-6 6-1 7-6(5)

Muguruza-Knapp 2-0

2012, Bucarest, terra rossa, R16, Muguruza 6-2 6-3
2013, Parigi, hard, qualificazioni, Muguruza 7-5 6-4

Non ci sono precedenti tra Muguruza e Vinci

 

Suarez Navarro-Vinci 4-1

2008 Latina, terra rossa, R32, Suarez Navarro 6-3 6-1
2009 Australian Open, hard, R128, Suarez Navarro 7-5 6-4
2010 Marbella, terra rossa, R32, Suarez Navarro 6-4 6-0
2013 Miami, hard, R32, Vinci 5-7 6-4 6-4
2013 New Haven, hard, R32, Suarez Navarro 7-5 6-3

Suarez Navarro-Errani 3-8

2005 Siviglia, terra rossa, R32, Suarez Navarro 6-1 6-0
2006 Barcellona, terra rossa, R32, Suarez Navarro 6-3 6-2
2008 Palermo, terra rossa, quarti, Errani 4-1 rit.
2012 Barcellona, terra rossa, semifinali, Errani 6-1 6-2
2012 New Haven, hard, R16, Errani 6-4 6-3
2013 Australian Open, hard, R128, Suarez Navaro 6-4 6-4
2013 Parigi, hard, quarti, Errani 7-5 4-6 7-5
2013 Acapulco, terra rossa, finale, Errani 6-0 6-4
2013 Roland Garros, terra rossa, R16, Errani 5-7 6-4 6-3
2014 Stoccarda, terra rossa, quarti, Errani 6-3 6-7(6) 3-0 rit.
2016 Sydney, hard, R32, Errani 6-3 6-3

Suarez Navarro-Schiavone 2-1

2010 Barcellona, terra rossa, quarti, Schiavone 6-4 6-4
2013 Acapulco, terra rossa, quarti, Suarez Navarro 6-7(7) 6-4 6-2
2015 Anversa, hard, quarti, Suarez Navarro 6-3 6-2

Suarez Navarro-Knapp 2-0

2004 Siviglia, terra rossa, qualificazioni, Suarez Navarro 7-6(1) 6-3
2012 Estoril, terra rossa, semifinali, Suarez Navarro 6-4 6-0

 

Medina Garrigues-Vinci 1-3

2003 Castellon, terra rossa, R16, Vinci 7-6(5) 7-5
2003 Girona, terra rossa, R32, Vinci 6-4 6-2
2004 Palermo, terra rossa, R16, Medina Garrigues 7-6(3) 6-2
2010 Miami, hard, R64, Vinci 6-4 7-6(5)

Medina Garrigues-Errani 3-3

2007 Bali, hard, R16, Errani 7-5 4-6 6-4
2008 Portoroz, hard, finale, Errani 6-3 6-3
2009 Marbella, terra rossa, quarti, Medina Garrigues 6-2 6-7(7) 7-5
2010 Marbella, terra rossa, R16, Errani 6-1 7-6(1)
2011 Budapest, terra rossa, quarti, Medina Garrigues 4-6 7-5 3-0 rit.
2011 Toronto, hard, R64, Medina Garrigues 7-5 6-1

Medina Garrigues-Schiavone 4-0

2006 Saragozza, terra rossa, Fed Cup, Medina Garrigues 6-2 6-2
2007 Charleston, terra, R32, Medina Harrigues 2-6 6-4 6-2
2008 Napoli, hard, Fed Cup, Medina Garrigues 6-4 6-1
2008 Wimbledon, grass, R64, 3-6 7-5 9-7
2011 New Haven, hard, quarti, Schiavone w/o

Medina Garrigues-Knapp 3-0

2006 Palermo, terra rossa, quarti, Medina Garrigues7-5 7-6(2)
2011 Roma, terra rossa, qualificazioni, Medina Garrigues 6-4 6-2
2011 US Open, hard, R128, Medina Garrigues 6-7(7) 6-4 6-3

 

Sorribes Tormo-Errani 0-1

2015 Charleston, terra, R16, Errani 6-2 5-7 6-2

La Sorribes Tormo non ha precedenti con le altre tenniste italiane

 

PRONOSTICO

Quando siamo stati sorteggiati con la Spagna per questi play-off abbiamo scritto da più parti che forse era uno dei sorteggi peggiori (se non il peggiore). A distanza di un paio di mesi ci sentiamo di dire che la trasferta di Lleida rimane ostica, ma non del tutto chiusa. L’imprevedibilità e la classe della Vinci unita alla tenacia della Errani possono sicuramente complicare la vita di Muguruza e Navarro. Un’eventuale vittoria sarebbe probabilmente il canto del cigno di questa squadra che da quasi un decennio ci permette di raccogliere soddisfazioni in giro per il mondo. Siamo sicuri che le nostre daranno l’anima e che di conseguenza le spagnole non potranno permettersi distrazioni. Padrone di casa favorite, ma i valori in campo sono molto vicini

Spagna 55%-Italia 45%

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

BJK Cup, play-off: Canada, Ucraina, Lettonia e Gran Bretagna sul 2-0

Equilibrio tra Argentina e Kazakistan così come tra Olanda e Cina e tra Polonia e Brasile. Oggi si concludono le sfide

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko - Billie Jean King Cup 2021 (via Twitter, @BJKCup)

Oltre alla sfida di Cluj tra Romania e Italia sono in corso altre sette sfide valide per i play-off della Billie Jean King Cup, le cui vincenti saranno ammesse alle qualificazioni per le Finals 2022. Dopo la prima giornata tutto abbastanza facile per la Gran Bretagna contro il Messico e per l’Ucraina contro il Giappone.

Al National Tennis Center di Londra Katie Boulter e Heather Watson faticano solo nel primo set dei loro rispettivi incontri chiudendo poi in scioltezza i loro match. La prima regola con il punteggio di 7-5 6-0 la messicana Zacarias, la seconda con un similare 7-5 6-1 completa il 2-0 britannico contro la Olmos. A Chornomorsk, sulla terra rossa, vita facile per le ucraine contro il Giappone orfano di Naomi Osaka. Elina Svitolina lascia 5 giochi a Chihiro Muramatsu (6-3 6-2), Marta Kostyuk uno in più a Yuki Naito (6-3 6-3).

Sul 2-0 anche il Canada in Serbia e la Lettonia contro l’India. Sul veloce di Kraljevo Fernandez supera Olga Danilovic dopo tre combattuti set (7-5 4-6 6-4) e a seguire Rebecca Marino supera 6-4 7-6(8) Nina Stojanovic. Nordamericane ad un passo dai Qualifiers 2022. Qualche problemino per la Lettonia contro l’India anche se alla fine della prima giornata si è come da pronostico sul 2-0 per le padrone di casa a Jurmala. Jelena Ostapenko impiega infatti 2 ore e 25 minuti per superare in tre set la quasi sconosciuta Raina (nr. 147 WTA) con il punteggio di 6-2 5-7 7-5. Passata la paura Sevastova dà il 2-0 alla Lettonia superando in tranquillità Tandi (6-4 6-0).

Equilibrio invece nelle altre 3 sfide. Parità dopo la prima giornata tra Polonia e Brasile a Bytom. Magdalena French aveva dato l’1-0 alle padrone di casa superando Meligeni Rodrigues 6-4 6-3 ma nel secondo singolare Laura Pigossi ha ristabilito la parità superando in tre set Urszula Radwanska (7-6 (9) 3-6 6-2). A ‘s-Hertogenbosch sembrava una passeggiata di salute per l’Olanda contro la Cina. Ma dopo la facile vittoria di Kiki Bertens contro Xinyu Wang (6-2 6-0) ci pensava l’altra Wang Xiyu a rovesciare il pronostico contro Arantxa Rus e portare in parità le asiatiche (6-1 3-6 6-2).

 

Infine 1-1 anche sulla terra rossa di Cordoba tra Argentina e Kazakistan. Yulia Putinsteva rimonta la tenace Nadia Podoroska battuta 2-6 6-4 6-0 ma la sorpresa arriva dal secondo singolare, dove Maria Luise Carle (nr. 415 WTA) supera al terzo Elena Rybakina (6-4 3-6 6-0)

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup: Romania-Italia 0-2. Cocciaretto e Trevisan non tradiscono

Vittoria al cardiopalma per Martina, che salva due match point a Buzarnescu. Tutto facile per Cocciaretto contro Bara

Pubblicato

il

Inizia nel migliore dei modi per la nazionale azzurra la sfida di play-off contro la Romania nella Billie Jean King Cup (ex Fed Cup). Nel cemento indoor della Sala Polivalenta di Cluj le italiane guidate da Tathiana Garbin (senza la numero 1 Camila Giorgi, positiva al coronavirus) hanno vinto i primi due match di singolare, andando a riposo sul 2-0. La Romania non sta certamente schierando la sua formazione migliore: mancano infatti le prime cinque giocatrici della nazione, ovvero Simona Halep, Patricia Maria Tig, Sorana Cirstea, Irina Camelia Begu e Ana Bogdan. Non per questo il risultato che potrebbe acquisire l’Italia vincendo il tie (la qualificazione ai preliminari del tabellone di BJK Cup 2022) avrebbe meno valore.

La prima sfida è tutta nel segno di Elisabetta Cocciaretto. Scesa in campo da numero 2, ha battuto nettamente Irina Bara, n.132 WTA, in un’ora e mezza di partita con il punteggio di 6-1 6-4, recuperando da uno svantaggio di 0-3 nel secondo parziale dopo aver dominato il primo. Per Elisabetta è la quarta vittoria con i colori della nazionale azzurra: le prime tre sono state preziosissime (e anche più nette rispetto a quella su Bara). Le ha messe a segno lo scorso anno in Estonia e hanno permesso alle nostre ragazze di giocare questo match di play-off.

Il secondo match invece è stato un autentico dramma, durato oltre tre ore. Martina Trevisan ha superato Mihaela Buzarnescu (n.137 WTA) al tie-break del terzo set (7 punti a 5), finendo il match in lacrime. Una vittoria che ha il freddo valore del 2-0 per la squadra, ma ha un significato inestimabile per lei. Anzi, probabilmente ce lo spiegano quelle lacrime alla stretta di mano e l’abbraccio con Tathiana. Martina infatti aveva vinto un solo match in questo 2021, quello nel primo turno di qualificazione a Dubai contro Rodionova. La striscia di sconfitte stava per allungarsi oggi, perché nel terzo set (durato la bellezza di 103 minuti) è stata a un passo dalla sconfitta.

Prima si sono rifilate un 6-2 per parte. Poi è iniziata una sfilza di break, che ha portato la rumena a servire per il match sul 5-4. Martina è stata tenace e nonostante non si stesse esprimendo al meglio (complici alcuni fastidi fisici) è riuscita a salvare due match point consecutivi (40-15) e anche a non lasciarsi condizionare dal disappunto per aver perso il servizio sul 5-5 con numerose chance di tornare avanti nel punteggio. Ha recuperato ancora una volta il break e non si è distratta nel lungo Medical Time Out di Buzarnescu che ha preceduto il tie-break. Qui si è portata avanti 5-3 per poi chiudere il match alla prima occasione.

Sabato si continua con gli altri due singolari: salvo imprevisti, Cocciaretto incrocerà proprio Buzarnescu, mentre a Trevisan toccherà Bara.

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup, i playoff: Cocciaretto-Bara il primo incontro

A Cluj, l’Italia affronta la Romania priva di Halep; Trevisan-Buzarnescu il secondo match. In campo anche Ostapenko, Svitolina e Bertens per le rispettive nazionali

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

La squadra azzurra di Billie Jean King Cup torna in campo nella giornata di oggi contro la Romania, a oltre un anno di distanza dal successo sulla Croazia a Tallinn che è valso l’accesso ai playoff, inizialmente previsti per il 17 e 18 aprile del 2020 prima di essere rinviati al 2021. Il gruppo a disposizione di Tathiana Garbin include Elisabetta Cocciaretto, Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Jasmine Paolini e Bianca Turati, alla sua prima convocazione. Gli incontri saranno visibili su Supertennis dalle 14:30 di oggi e dalle 13 di domani.

Il tie si svolgerà presso la Sala Polivalenta di Cluj (cemento indoor), e vedrà l’Italia opposta ad una formazione decisamente rimaneggiata, visto che saranno assenti le cinque migliori giocatrici rumene (Halep, Tig, Cirstea, Begu e Bogdan). Le selezioni di Monica Niculescu hanno quindi incluso… sé stessa (N.173 in singolare e 55 in doppio), oltre a Irina Maria Bara (N.132 in singolare e 124 in doppio), Mihaela Buzarnescu (137 in singolare e 114 in doppio) e Elena Gabriela Ruse (168 in ambo le specialità).

Il primo incontro di oggi, a partire dalle 14:30 italiane, sarà Bara-Cocciaretto, a cui farà seguito Buzarnescu-Trevisan. Domani, invece, si inizierà alle 13 con Bara-Trevisan, poi Buzarnescu-Cocciaretto e infine il doppio Niculescu/Ruse vs Gatto-Monticone/Paolini.

 

Questi gli altri incontri di playoff:

REGNO UNITO-MESSICO

  • Sede: National Tennis Centre, Londra
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 15 italiane):

  • K. Boulter vs M. Zacarias
  • H. Watson vs G. Olmos

Incontri di sabato (a partire dalle 12:30 italiane):

  • H. Watson vs M. Zacarias
  • K. Boulter vs G. Olmos
  • H. Dart/H. Watson vs F. Contreras Gomez/G. Olmos

SERBIA-CANADA

  • Sede: Sport Hall Ibar, Kraljevo
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • O. Danilovic vs L.A. Fernandez
  • N. Stojanovic vs R. Marino

Incontri di sabato (a partire dalle 11 italiane):

  • N. Stojanovic vs L.A. Fernandez
  • O. Danilovic vs R. Marino
  • O. Danilovic/A. Krunic vs S. Fichman/C. Zhao

LETTONIA-INDIA

  • Sede: National Tennis Centre Lielupe, Jurmala
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 17 italiane):

  • J. Ostapenko vs A. Raina
  • A. Sevastova vs K.K. Thandi

Incontri di sabato (a partire dalle 15 italiane):

  • A. Sevastova vs A. Raina
  • J. Ostapenko vs K.K. Thandi
  • D. Marcinkevica/D. Vismane vs S. Mirza/A. Raina

UCRAINA-GIAPPONE

  • Sede: Elite Tennis Club, Chornomorsk
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs C. Muramatsu
  • M. Kostyuk vs Y. Naito

Incontri di sabato (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs Y. Naito
  • M. Kostyuk vs C. Muramatsu
  • L. Kichenok/N. Kichenok vs S. Akita/H. Sato

ARGENTINA-KAZAKISTAN

  • Sede: Córdoba Lawn Tennis Club, Córdoba
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 16 italiane):

  • N. Podoroska vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle vs E. Rybakina

Incontri di sabato (a partire dalle 15:30 italiane):

  • N. Podoroska vs E. Rybakina
  • M.L. Carle vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle/N. Podoroska vs A. Danilina/Y. Shvedova

OLANDA-CINA

  • Sede: Maaspoort Sports & Events, s-Hertogenbosch
  • Superficie: terra indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xiyu Wang
  • A. Rus vs Xinyu Wang

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xinyu Wang
  • A. Rus vs Xiyu Wang
  • L. Pattinama Kerkhove/D. Schuurs vs S. Zhang/S. Zheng

POLONIA-BRASILE

  • Sede: Hala Na Skarpie, Bytom
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • M. Frech vs C.M.R. Alves
  • U. Radwanska vs L. Pigossi

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • M. Frech vs L. Pigossi
  • U. Radwanska vs C.M.R. Alves
  • W. Falkowska/P. Kania Chodun vs G. Ce/L. Stefani

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement