Ludmilla Samsonova e un passaporto che non arriva

Flash

Ludmilla Samsonova e un passaporto che non arriva

Nonostante viva in Italia da sempre, la 19enne tennista di origine russa non riesce ad ottenere la cittadinanza e dovrà tornare a gareggiare per il suo paese natio

Pubblicato

il

La terza più forte teenager italiana non è più italiana. Sembra un controsenso ma è proprio così. Ludmilla Samsonova, nata l’11 novembre del 1998 a Olenegorsk, cittadina russa non lontana dal circolo polare artico, ma trasferitasi nel bel paese con la famiglia quando aveva un solo anno non potrà più rappresentare l’Italia come succede dal 2014. La ragione? Le difficoltà ad ottenere la nazionalità italiana, dovute alla mancanza di un reddito solido e magari anche di qualche supporto esterno. Samsonova, che aveva impressionato per qualità e determinazione il nostro direttore Ubaldo Scanagatta agli Australian Open di due anni fa, ha raccontato la vicenda in un’intervista esclusiva al sito livetennis.it.

“Non so neanche io per che paese gareggerò alla fine, ma ora come ora manca il passaporto italiano per cui, anche se sul sito dell’ITF c’è la bandierina italiana, in realtà non è così”, ha affermato con amarezza la n.623 del ranking WTA, quest’anno finalista in un paio di tornei del circuito ITF. “Il passaporto era quasi una certezza perché erano iniziate le pratiche e mi avevano detto che a 18 anni lo avrei avuto. Ma non è stato così, manca un reddito certo. In pochi sanno questa cosa ma è la verità”.

 

La decisione sulla sua nazionalità non è stata dunque una scelta ma una strada obbligata, considerate le complicazioni legislative e burocratiche. Non ho deciso niente perché è andata così: se magari da un lato avrei voluto da un altro lato però è la legge e purtroppo aiuti non ci sono stati per cui ora sono russa a tutti gli effetti”, ha proseguito la ex allieva di Riccardo Piatti, che ora si allena a Roma dai fratelli Piccari. “Di fatto, se ci fosse stata una persona con un certo potere forse sarebbe stato più facile ma, come ho già detto, non è stata una scelta. Magari più avanti lo diventerà”.

Magari quella persona con un certo potere sarebbe potuto essere Angelo Binaghi, presidente della FIT. Ma, nonostante la penuria di giovani promesse a livello femminile, la federtennis non le ha fornito alcun supporto, legale e burocratico. “Ne avevamo parlato a gennaio di quest’anno e mi hanno detto che avrei dovuto vedermela da sola”, ha rivelato la neo tennista russa.

Ludmilla ora si ritrova quindi da sola, senza aiuti né dalla federazione italiana e nemmeno da quella russa, notoriamente priva di grandi risorse finanziarie. Tuttavia la speranza di poter di nuovo tornare a rappresentare l’Italia, il paese in cui ha vissuto, studiato e imparato a giocare a tennis è ancora viva. “Ancora non so neanche io per cosa stia gareggiando e in questo momento non c’è nessuna federazione che mi aiuti ma una cosa è certa: giocare per una nazione che non è la tua per niente non ha molto senso, ha commentato Samsonova in maniera molto pragmatica. “Ora come ora sono russa e sono contenta: se un giorno dovesse arrivare il passaporto vedrò quale sarà la federazione che mi offrirà possibilità migliori”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Jannik Sinner firma con Nike

Jannik diventa testimonial della grande azienda statunitense. Si unisce a Musetti, anch’egli testimonial Nike

Pubblicato

il

Jannik Sinner per Nike (foto via Instagram, @janniksin)

I successi di Jannik Sinner non potevano passare inosservati agli occhi dei vari grandi sponsor. A 17 anni, l’azzurrino ha già preso parte a ben tre tornei del circuito maggiore, riportando anche due vittorie. L’ultima è arrivata agli Internazionali BNL d’Italia contro Steve Johnson, nonostante il primo set perso e tutta la pressione di giocare davanti al pubblico di casa. La successiva sfida contro un top 10 come Stefanos Tsitsipas si è rivelata ancora fuori portata, ma Sinner ha mostrato di poter già appartenere al tennis maggiore.

Come spesso accade quando si parla di mettere sotto contratto giovani talenti, Nike è stata la più rapida a muoversi o quantomeno l’azienda a farlo con maggior successo. Tramite il proprio profilo Instagram infatti, Sinner ha annunciato di aver firmato per la grande casa d’abbigliamento statunitense.

 

Così felice, così orgoglioso, così emozionato, così riconoscente di essere diventato parte della famiglia Nike! Grazie Nike per questa grande opportunità, farò di meglio per rendervi fieri di me”, si legge nella didascalia sotto la foto che ritrae un sorridente Sinner completamente targato Nike. Jannik si unisce dunque all’altro giovanissimo azzurro, Lorenzo Musetti, anch’egli sponsorizzato da Nike. Al femminile invece Sara Errani è rimasta l’unica azzurra a sfoggiare lo storico “baffo”, dopo il ritiro di Roberta Vinci.

Continua a leggere

Flash

Kyrgios, ancora? “Il Roland Garros fa schifo rispetto a Wimbledon”

L’australiano, in visita all’All England Club, si lascia andare a dichiarazioni decisamente sopra le righe

Pubblicato

il

Nick Kyrgios sull'erba di Wimbledon (foto via Instagram, @k1ngkyrg1os)

Nick Kyrgios si prepara a giocare il Roland Garros, come tutti gli altri giocatori che ne hanno diritto, anzi non proprio come tutti gli altri giocatori. Il tennista australiano infatti attualmente si trova all’All England Club di Wimbledon, anche se non sono chiari i motivi della sua presenza laggiù a pochi giorni dal più importante torneo sulla terra. La solita ordinaria follia di Kyrgios che però ancora una volta non ci è andato leggero con le dichiarazioni. Durante una diretta Instagram infatti, Nick si è lasciato andare alla seguente esternazione: “Tra un paio di giorni dovrò andare a Parigi. Il French Open fa schifo paragonato a questo posto. Davvero schifo“.

Dopo essersi inimicato gli spettatori romani con la sceneggiata della sedia agli Internazionali d’Italia, siamo sicuri che anche il pubblico parigino non lo accoglierà a braccia aperte.

Continua a leggere

Flash

Federer si allena al Roland Garros: il ritorno a Parigi dopo 4 anni [VIDEO]

Lo svizzero in campo al Roland Garros per la prima volta dal 2015. La diretta streaming del suo primo allenamento

Pubblicato

il

Martedì 21 maggio: il primo allenamento di Roger Federer al Roland Garros dopo quattro anni di assenza.

Hello stranger 👋Roger Federer is back at Roland-Garros for the first time since 2015!

 
Pubblicato da ROLAND-GARROS su Martedì 21 maggio 2019

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement