Pagelle: Giove Pluvio e il Dio della terra, Elina si ripete

Pagelle

Pagelle: Giove Pluvio e il Dio della terra, Elina si ripete

L’ottava meraviglia di Nadal e il bis di Svitolina. L’incubo Halep, la pioggia che beffa Zverev e i progressi di Djokovic. Fognini profeta in patria, l’ira di Pliskova e una strana racchetta d’oro

Pubblicato

il

 
 

Per uno che oramai ha trasceso i confini dell’umanità ed è abituato a frequentare l’Olimpo, è normale che in un momento di difficoltà arrivi il collega Giove Pluvio a dare una mano. Poi chiaramente bisogna essere Rafa Nadal (9,5) per rientrare in campo dopo la pioggia e sbranare l’avversario in quel modo. In una partita dove certamente non aveva dato il meglio e in un torneo nel quale qualche scricchiolio si era intravisto. Restano i rimpianti per Alexander Zverev (8,5) che aveva trovato il modo per mettere in crisi il Re, ma dopo la pioggia non ci ha capito più nulla. D’altra parte non tutti sono Rafa Nadal di testa già a 21 anni, e anzi, prima.

Denis Shapovalov (7,5) è un altro che ha quel qualcosa di indefinibile, quel quid in più che ti porta a dire che uno così è destinato a lasciare il segno. A proposito di Mancini, a Roma si è visto anche il neo c.t. che si diverte con il paddle dove si diletta anche Potito Starace, iscritto anche alle pre-quali di doppio: eppure la FIT voleva radiarlo… Per un Marin Cilic (7) che sta carburando anche sul rosso, abbiamo apprezzato da pochi passi la gestualità di Tsitsipas (6,5): il ragazzo si farà anche se l’impressione é che spesso tenda ad essere più bello che efficace.

Eppure c’è ancora qualcuno in giro che continua a sostenere che il tennis maschile sia in crisi – che barba che noia vincono sempre quelli che vincevano dieci anni fa perché gli altri sono tutti scarsi – e che invece il circuito femminile stia vivendo un bellissimo momento di incertezza. Poi un giorno a Roma scopriamo che la numero 1 del mondo riesce a racimolare ben otto punti in un intero primo set in finale, mentre tra gli uomini racconteremo di uno dei più bei tornei degli ultimi anni. Povera Simona Halep (6,5) bravissima a spazzare via Osaka (4,5) e a fermare la rediviva Maria Sharapova (7,5) ma imbarazzante una volta di più giunta al momento decisivo.

 

Nulla da dire sul trionfo di Elina Svitolina (9) che avrà superato lo shock di quel match buttato via in maniera assurda e sfortunata al Roland Garros dello scorso anno e che avrebbe la continuità necessaria per vincere finalmente uno Slam. Peccato che indovinare chi vincerà a Parigi tra le donne sia quasi più complicato che trovare una logica ai capelli esibiti da Serena Williams al Royal Wedding. Male l’ex campionessa Muguruza (5) e Wozniacki (5) travolta dalla scatenata Kontaveit (7,5), meglio Ostapenko (6,5) ma è dura che i miracoli possano ripetersi. La scena a Roma l’ha comunque rubata la furia ceka di Karolina Pliskova (4) alla quale evidentemente non avevano spiegato che quando sono in Italia gli arbitri sono solitamente sensibili ma anche e soprattutto scarsi.

Nel tracollo delle azzurre, il tricolore ha sventolato grazie ai giovanotti. Nelle scorse settimane, nel dargli votacci per le scialbe prestazioni sul rosso, avevamo auspicato che Fabio Fognini (8) si stesse concentrando su Roma e Parigi. Nicoló, sei anni, esordiente al Foro sognava una vittoria di Fabio “ma speriamo che spacchi qualche racchetta”. Perché fa sempre spettacolo. Risultato: trionfo e racchetta sfasciata dal disorientato Dominic Thiem (5) e amore scoppiato tra l’azzurro e il pubblico romano. E se anche Il Re della terra ha tremato per una buona oretta, tra una settimana (speriamo due) potremo anche divertirci molto.

Nel complesso, ottimo il torneo dei nostri con i progressi confermati da Cecchinato (6,5) e le buone notizie dai giovani Berrettini (7), Sonego (7) e Baldi (7). È stato comunque il torneo dei miracoli, quello della pace tra Camila Giorgi (5) e la Fit nell’anno dell’addio di Roberta Vinci (10 alla carriera) e quello dell’improvviso ritorno al tennis degli occhi della tigre di Novak Djokovic (7,5) dopo mesi di guru, sorrisi abbozzati e ostentata serenità. Se sarà un’illusione o l’inizio di qualcosa lo scopriremo presto. Miracoli sì, ma fino ad un certo punto: Adriano Panatta – sinonimo di tennis per tutti in Italia tranne che per la federazione – resta un fantasma che aleggia sul foro ed il direttore della tv federale ha pensato bene di intervenire in diretta durante la finale femminile (vabbè dai, in effetti non era interessante…) per illuminare tutti con i suoi strali contro colui che nel 1976 vinse Davis, Roma e Roland Garros.

Trai viali del Foro abbiamo apprezzato l’attenzione rivolta ai bimbi, con il trenino elettrico (7) che li porta in giro per tutta la struttura e le lezioni gratuite (9) dei maestri federali nei campetti accanto alla NextGen Arena. Certo, sarebbe meglio non fargli pagare il biglietto a prezzo pieno e soprattutto non costringerli alla ressa con spintoni e senza regole per accedere agli impianti.

Ovviamente, in un torneo che si vanta di essere un punto di riferimento a livello mondiale, siamo riusciti ancora una volta a distinguerci. Come? Questo l’albo d’oro della Racchetta d’Oro, riconoscimento assegnato a grandi giocatori del passato durante gli Internazionali. Giochino: trova l’intruso. Indizio: ha qualcosa a che fare con la stessa federazione che assegna il premio.

2006 Maria Esther Bueno e Tony Roche
2007 Margaret Court Smith e Ilie Nastase
2008 Gabriela Sabatini e Manolo Santana
2009 Conchita Martinez e Tom Okker
2010 Arantxa Sanchez e Andres Gimeno
2011 Ken Rosewall e Monica Seles
2012 Mary Pierce e Yannick Noah
2013 Boris Becker
2014 John Newcombe
2015 Michael Chang e Martina Hingis
2016 Stan Smith e Mima Jausovec
2017 Rod Laver e Flavia Pennetta
2018 Jan Kodes e Mara Santangelo.

Volemose bene, è pur sempre er quinto slamme.

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Pagelle Roland Garros: Rafa Nadal, un piede e mezzo nella leggenda

PARIGI – Il quattordicesimo titolo di uno zoppo Nadal e il finto scoop del suo ritiro. Swiatek padrona, fantastica Trevisan. Il caso Sinner e ed le sessioni notturne che più notturne non si può

Pubblicato

il

Rafael Nadal - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

dal nostro inviato a Parigi

Eh no, non si ritira. Rafa XIV è il Re Sole del tennis e il suo regno è il più lungo della storia come quello del suo gemello numerico Luigi. Lo speravano in tanti eh, in trepidante attesa. Ora si sbarazza rapidamente del norvegese e poi farà il discorso al mondo del tennis in lacrime annunciando l’addio. Un bel “Well”, una lacrimuccia e via: “è stato bellissimo, ma non ci rivedremo più”.

Ma dove? Ma perché? Uno che a trentasei anni corre e zompa più di un ragazzino, mentre i suoi presunti avversari si arenano, scompaiono o si fanno male. E perché mai dovrebbe ritirarsi? Rafael Nadal (10 e lode, 11, 12, 13 e 14, pure il voto dobbiamo dargli?) continuerà, anche se erano stati convocati d’urgenza a Parigi il Re di Spagna, Roger Federer, tutto il Real Madrid, tutti gli abitanti di Manacor  e tutti gli avversari battuti nel corso delle 14 cavalcate vincenti (più o meno lo stesso numero di persone) per tributargli il dovuto omaggio. Non se n’è fatto più nulla e allora sono andati tutti a Disney capitanati dai 4 gemelli Federer.

 

A proposito di Roger, ma cosa si pretendeva da Casper Ruud (9)? Davvero si poteva pensare che il buon norvegese, che quasi perdeva con Sonego (6,5), potesse riuscire dove avevano fallito Federer (4 volte), Djokovic (3 volte), Thiem (2 volte), Wawrinka, Ferrer, Soderling e Puerta?

Ad inizio torneo in ogni caso l’auspicio di tutti era stato che il torneo maschile diventasse avvincente e incerto come quello femminile. Ecco, ci ha pensato Iga Swiatek (10) che senza trucco (se ne farà una ragione il Direttore) e senza inganno ha allungato la sua serie vincente e una concreta minaccia di dominio.

È stato in ogni caso il torneo di Martina Trevisan (10) che ha deciso di farsi eliminare in semifinale perché non avrebbe retto la settima conferenza stampa nella quale rispondere per la settima volta a domande sul suo passato. Comunque Martina è ufficialmente il nostro idolo: quando ha confessato di lavare i panni sporchi solo nei giorni in cui non gioca, di mangiare sempre la stessa portata la sera prima della partita nello stesso ristorante, ci siamo sentiti meno folli quando diamo di matto nel non trovare il nostro polsino preferito la sera prima della partita del torneo sociale. La sconfitta con Coco Gauff (9) è solo un punto di partenza verso mete sempre più ambiziose e Martina ha tutto il diritto (che colpo!) di guardare al futuro con grandi speranze.

Anche Camila Giorgi (7,5) ha giocato un gran torneo, le sua prestazioni con Zhang, Putintseva e soprattutto  Sabalenka sono state da sballo, un po’ meno con Kasatkina (8) ma non si può pretendere che cambi gioco all’improvviso. Più che altro, sempre dal basso del nostro tennis di quarta categoria dove lottiamo con infortuni muscolari e acciacchi vari, saremmo grati a Sergio se ci fornisse qualche chilo di quel carbone miracoloso che ha fatto guarire Camila dallo strappo rimediato a Roma.

Resta intanto il mistero sul significato della scritta apparsa sulla maglietta della giovane invaditrice (pare si dica così) di campo durante la semifinale tra Ruud e Cilic. Ci restano 1028 giorni per:
– il ritorno di Tsitsipas dal toilette break?
– digerire quella cosa informe definita “pasta alla bolognese” propinata in mensa al Roland Garros?
– Comprendere il motivo degli infortuni di tutti i nostri?

A tal proposito a Parigi si è consumato  l’affaire Jannik Sinner (7) che, poveretto, il suo buon torneo l’aveva giocato prima che il fisico gli chiedesse il conto. E via con le accuse del vecchio entourage al nuovo, accuse al preparatore, e non c’ha il fisico, e ha giocato troppo l’anno scorso, e ha giocato poco adesso, e si è allenato poco, e deve fermarsi 2-3 mesi senza giocare e fare preparazione, etc. etc. Un vero e proprio caso politico, nel senso che è sembrato assistere alle scene del nuovo governo che accusa il vecchio (“Questa è la situazione disastrata che ci hanno lasciato”) e il vecchio che deride il nuovo (“Quando c’eravamo noi…”).
 Il ragazzo si farà anche se ha le gambe secche, diamo tempo al tempo.

Intanto Lorenzo Musetti (6) ha confermato di poter giocare due set sublimi ad un anno di distanza, ma poi Rune (8), oltre a far rasserenare i rapporti tra Danimarca e Norvegia, ha fatto capire che in fondo in fondo Tsitsipas (4,5) non era proprio imbattibile.

E Novak Djokovic (5,5)? Sembrava dovesse far un sol boccone di Rafa e invece nell’unico Slam che gli dava punti nel 2022 ha raggiunto solo i quarti. Bravo comunque a riconoscere i meriti dello spagnolo e a proiettarsi sulla stagione sull’erba, a meno che il vaiolo delle scimmie…

Che dire poi di Sascha Zverev? Voto difficile perché il terribile infortunio ha lasciato tutti amareggiati e sconvolti, ma non si può dimenticare che sin lì doveva essere (quasi) comodamente due set a zero su Nadal e invece era nei pasticci. Ma il tedesco non deve deprimersi anche se l’infortunio alla caviglia pare molto brutto. In fondo il suo avversario in semifinale gioca con un piede rotto da 15 anni e ha vinto 22 slam quindi, chi va con lo zoppo, impara a zoppicare…

Marin Cilic (8) in semifinale a Parigi viene classificato come l’undicesimo mistero di Medjugorje, ma intanto a Wimbledon il vecchio Marin potrebbe anche fare lo scherzetto. Daniil Medvedev (4,5) ha invece confermato che la terra non fa per lui mentre sulla terra è un po’ tornato Carlos Alcaraz (7) che doveva vincere il primo dei suoi quindici Roland Garros e invece si è fermato ai quarti. Felix Auger Aliassime (7,5) ha portato Nadal al quinto e Zio Toni al manicomio, mentre la delusione del tabellone femminile è sicuramente Ons Jabeur (4) che però ringraziamo perché ha aperto uno spiraglio in cui si è infilata la nostra Martina.

Le sessioni serali, anzi notturne del Roland Garros (3) hanno emozionato talmente il pubblico che per i brividi si è rannicchiato sotto le coperte, per l’entusiasmo di tutti gli addetti ai lavori ritrovatisi alle 02.00 alla disperata ricerca di un taxi. Ma i francesi hanno classe, solo loro potevano ricavare un campo – il Simonne Mathieu (9) – da una serra, anche se il caffè non è arte loro, soprattutto se propongono quella brodaglia a € 3,80, promettendo di restituirti un euro in cambio della restituzione del bicchierino.

Ma insomma il tempo vola e, punti o non punti, russi o non russi, si sente già il profumo delle fragole. A Parigi era attesa ogni giorno una riunione “decisiva” sulle sorti di Wimbledon, così come era attesa la tanto famigerata conferenza stampa “di addio” di Nadal.

Chi vivrà vedrà, tra fake news a volontà.

Continua a leggere

evidenza

Pagelle: Mille e una Nole, Swiatek m…Iga male!

Sesto trionfo romano di Djokovic che sfonda il tetto delle mille vittorie. Swiatek padrona, Sinner unico sorriso azzurro

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Roma 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Più che Foro italico, è stato il forno italico, tra colpi di calore, folla oceanica, malori e canicola garantita. Di ombra neanche a parlarne e i poveri spettatori hanno dovuto arrangiarsi spiaggiandosi sui pochi metri di prato nei pressi dei campi di padel. A proposito di prati e di padel, è vero che gli Internazionali viaggiano verso l’upgrade di super1000 ma ad Angelino VI oramai non interessa più nemmeno l’appellativo di quinto slam. “Roma sarà la Wimbledon del Padel”: avvertite la Regina che il prossimo anno dovrà organizzarsi un fine settimana a Roma, in alternativa dovremo declinare su Papa Francesco per la premiazione.

C’è poco da scherzare comunque, Roma resta il migliore torneo del mondo, figuriamoci quando non piove, al punto che anche il tetto sul centrale sembra stia per assumere la stessa utilità e lo stesso numero di progetti poi scartati del ponte sullo stretto di Messina. Il fascino delle statue, l’atmosfera della Dolce  vita, il profumo della porchetta andata a male, sono cose che nessuno al mondo può offrire, così come il parcheggio in divieto di sosta sul lungotevere o le file di 2 ore per una bottiglia d’acqua.
Che poi oramai il pubblico romano è diventato raffinato: sì, qualcuno che ancora fischia gli avversari dei gladiatori azzurri c’è (bazzecole rispetto ai tempi di Panatta), ma la maggior parte oramai ha il palato fine. “No, non prendo i biglietti sul centrale, che devo fare con Djokovic e Nadal? Meglio il Grandstand, si vede più vicino e i match sono più interessanti”. “Ti dirò, il ground è meglio i primi giorni, che puoi vedere come colpisce Brooksby e le rotazioni di Jabeur”.

Ma veniamo a temi relativi allo sport minore che più ci interessa (quando dovremo interessarci di padel, ci daremo all’ippica). Jannik Sinner (7) ha finalmente capito qual è la sua più grande colpa: non essere Alcaraz e soprattutto essere più “anziano” di lui. Le imprese del fenomeno di tutti i mari e monti, oramai prossimo a superare il record di 21 slam e di stracciare ogni altro primato hanno dunque offuscato le gesta di Jannik, oramai relegato al ruolo di comprimario. Dodici sconfitte su dodici contro i top5 sono la prova provata che il nostro è un bluff, che non vincerà mai niente, che sarà un comprimario, ma in fondo Jannik mica è un italiano vincente, è il solito tedesco perdente. 

 

Novak Djokovic (9) è tornato a vincere, ha sciorinato il suo italiano eccellente, è tornato a lanciare urla belluine e Parigi ha il suo naturale favorito. La brutta notizia per le nuove generazioni è che Stefan Djokovic ha iniziato a seguire le orme del papà, giocando il primo torneo a 7 anni: le cronache raccontano che abbia vinto, superando in semifinale e poi  in finale due gemelli svizzeri, tali Leo e Lennart, annullando  ad entrambi due match point.
In assenza del futuro dominatore di tutti i terreni di gioco, il vecchio Re di Roma Rafa Nadal (6) si è dovuto arrendere agli acciacchi dell’età: chissà se il sole e il caldo di Porte d’Auteuil riusciranno in un nuovo miracolo. Intanto il povero Stefanos Tsitsipas (8) sognava di fare di Roma una colonia greca e invece   è stato tramortito per un set in finale e poi non è riuscito ad allungare il match al terzo.

Tra le donne oramai il regno di Iga Swiatek (10) non conosce più confini: 5 tornei di fila, 28 vittorie consecutive e una superiorità tecnica imbarazzante. Il bis a Parigi sembra prenotato, ma chissà, le sorprese sono sempre dietro l’angolo. Roma comunque ha scoperto la classe e la gentilezza di Ons Jabeur (9), giunta un po’ cotta in finale, dopo maratone e il trionfo di Madrid, ms sempre sorridente e disponibile con i bambini a bordo campo.

Sinner a parte, non è stato un torneo indimenticabile per i colori azzurri. Con Berrettini e Musetti fermi ai box, il plotone di wildcard proveniente dalle prequali è stato irrimediabilmente spazzato via ai primi contatti con il tennis di un certo livello, tra le ragazze non abbiamo raccattato nemmeno un set. Per fortuna i “Chicchi” Fognini e Bolelli hanno ben figurato in doppio, arrendendosi in semifinale ma gettando le basi per una tappa torinese a fine stagione. Ma non c’è da disperarsi, il tennis oramai è alle spalle, il futuro è il padel ed è alle porte, Roma caput mundi, la Wimbledon del Padel vi aspetta…

Continua a leggere

evidenza

Pagelle: Tsitsi-Pasqua monegasca

Il bis di Tsitsipas nel Principato, la sorpresa Fokina e il coraggio di Sinner. L’Italia di Giorgi e Paolini torna a sorridere

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - Montecarlo 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Stefanos Tsitsipas - Montecarlo 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

E così Stefanos, figlio di Apostolos, ha fatto una palla di pelle di pollo e tutti i pesci sono saliti a galla nella sua rete del bis di Montecarlo.

Decisamente avvantaggiato dalla circostanza che il tennis al meglio dei tre set non richiede lunghe pause fisiologiche ed anche dall’assenza del Re di Montecarlo, il Principe Greco Stefanos (10) ha confermato la sua supremazia sulla terra, in attesa di responsi nella tarda primavera parigina.

Papà Apostolos è apparso entusiasta del bis del suo figliolo, anche se  ha voluto rimarcare la necessità di apportare delle modifiche al tennis moderno, ad esempio con la legalizzazione del coaching. “È l’unico sport professionistico dove non è consentito, non è possibile che io non possa suggerire a mio figlio quando deve andare in bagno!”

 

Eppure sembrava dovesse essere tutto pronto per l’annunciato dominio di Alcaraz (5,5) che ormai deve vincere ogni partita e sbaragliare ogni avversario che osi presentarsi al suo cospetto, e invece almeno per quest’anno non sarà Monte-Carlos. Forse il giovane fenomeno spagnolo ha giocato un po’ troppo e dopo il trionfo di Miami ha tirato troppo la… Korda (7).

Novak Djokovic (5) pare avesse la febbre a 40 ed è dunque comprensibile che si sia arreso al forcing del clamoroso Davidovich Fokina (9) visto in questo torneo.

Le buone notizie per Nole sono comunque tante, il suo principale avversario infatti sembra essere ormai sul viale del tramonto dopo il gennaio che lo ha visto ancora una volta protagonista. Insomma, salvo clamorosi ritorni in auge, stavolta nessuno dovrebbe frapporsi tra Nole, Parigi e Wimbledon perché stavolta davvero sembra essere tramontata l’era del Green Pass.

A Montecarlo intanto si è tenuto un interessante congresso di Video-Podologia applicata al tennis dal titolo: “Fenomenologia del piede di Sinner: dallo sci al rovescio bimane nonostante le vesciche” con riflessi filmati da ogni angolazione. Particolarmente suggestiva l’immagine del piede martoriato di Jannik con lo sfondo del mare della riviera con yacht annessi.

Il povero Jannik (8) in ogni caso ha dimostrato di che pasta è fatto, mostrando tanto cuore, tanta testa ed anche un tennis in evoluzione.

Buoni segnali anche da Lorenzo Musetti (7) che ha battuto un altro top10 regalando momenti di tennis sublime e lasciando intravedere ciò  che potrebbe far innamorare un’intera nazione. In quel di Montecarlo in ogni caso è stato fondato il nuovo movimento di opinione tra gli appassionati e gli addetti ai lavori (che ovviamente la sanno lunghissima di tecnica e tattica) con un preciso obiettivo, coach Tartarini: “Caro coach o fa un passo avanti Lorenzo o fai un passo indietro tu, altrimenti facciamo la fine di Gasquet”. Uno scarso eh, sette del mondo, semifinali a Wimbledon e US Open, Finals etc ma si sa, si dimentica in fretta dove eravamo 15 anni fa.

Intanto, a proposito dei bei tempi andati, Jasmine Paolini (7) e Camila Giorgi (8) hanno portato l’Italia femminile alle Finals della ex Fed-Cup oggi BJK-Cup, per poi ritrovarsi subito contro in tabellone a Stoccarda. Se anche il tennis rosa dovesse tornare ai fasti di un tempo, Papa Francesco farebbe bene a temere per il suo ruolo: Angelino VI (mandato), l’uomo dei miracoli, scalpita…

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement