Corentin Moutet, il nuovo poeta maledetto del tennis francese

Interviste

Corentin Moutet, il nuovo poeta maledetto del tennis francese

Esclusiva con la giovane promessa francese. Vittorioso contro Karlovic al suo primo Roland Garros, Moutet ci ha svelato le sue passioni: tennis, musica e poeti maledetti

Pubblicato

il

Dalla nostra inviata

PARIGI – Nella prima giornata degli Internazionali di Francia, oltre all’eliminazione della campionessa in carica Ostapenko, ha fatto sensazione la prestazione di una delle stelle nascenti del tennis francese in un match che prometteva spettacolo: si scontravano il tennista più giovane del tabellone contro il più anziano, Corentin Moutet, 19 anni e 38 giorni e “Ivone” Karlovic, 39 anni e 88 giorni. E, udite udite, è stato il francesino ad avere la meglio sul croato, superandone i 211 centimetri e l’esperienza dei suoi quasi 40 anni. Tennista sorprendente Corentin Moutet che, nonostante la giovanissima età, è già un personaggio. Dall’andatura lenta e ciondolante e dall’espressione imperturbabile, in realtà Corentin ha il fuoco dentro.

 

Con la racchetta il tennista di Neuilly sur Seine fa meraviglie, facendo esplodere un ardore che lo contraddistingue dentro e fuori dal campo. Dotato di variazioni deliziose, un serve & volley tanto delicato quanto spumeggiante e di smorzate imprevedibili e maliziose, il 19enne parigino si distingue dalle ultime generazioni di tennisti costruiti sulla regolarità martellante e monocorde da fondocampo. È vero che Ivo è apparso particolarmente falloso, ma Moutet ha saputo coglierlo di sorpresa, prendendogli continuamente il tempo, cercando di arginare le sue bordate di servizio e prendere l’iniziativa durante gli scambi con smorzate, volée e passanti, superandolo così in tre set con lo score di 7-6(9) 6-2 7-6(5) in 2 ore e 8 minuti. Quest’oggi sfiderà David Goffin, vittorioso su Robin Haase dopo una maratona terminatasi 6-0 al quinto.

IL GUSTO PER L’ITALIA E L’ARTE – Insomma, Corentin supera il primo vero “esame” della sua giovane carriera tant’è che, nella sua prima importante conferenza stampa egli stesso stenta a crederci. Quando arriva in sala stampa è incredulo; scatta una foto alla stanza con i giornalisti seduti ad aspettarlo ed entra esordendo “Ma siete davvero tutti qui per me?! Non ci credo!“. Sorridente ed emozionato, il francese è raggiante, felice di rispondere alle domande di rito post match. Dopodiché, terminata la conferenza stampa generale, si è concesso alle domande di Ubitennis. Una bella chiacchierata, in cui non si è parlato solo di tennis ma anche di musica, poesia e dell’Italia. “Lei è italiana?” mi chiede Corentin non appena viene a sapere che desideriamo intervistarlo, “una volta ho giocato vicino al Lago di Como e mi sono innamorato di quella regione. Era così bello che ho voluto imparare l’italiano; ho cominciato a studiarlo ma poi, dopo un mese, purtroppo ho smesso perché le regole della grammatica erano molto complicate e non avevo nessuno con cui poter fare un po’ di esercizio. Ma mi piacerebbe tantissimo poter parlare italiano!” 

È noto infatti il gusto della letteratura e delle belle arti da parte del giovane francese, aspetto che, rispetto alla maggior parte dei suoi colleghi, gli conferisce quel carattere un po’ insolito e intrigante. Eppure, nonostante si diletti a leggere i classici e ad imparare a suonare il pianoforte, egli dice che, in fondo, “non mi piace poi tanto studiare. Associo lo studio alla scuola e, quando andavo al liceo, non mi piaceva la gerarchia che viene imposta; per esempio, non era possibile entrare in classe con il cellulare e questo non mi piaceva. Non mi andava che qualcuno mi dicesse cosa dovevo o non dovevo fare o leggere. In fondo siamo tutti uguali, no?“. Un temperamento ribelle che, molto spesso, si manifesta anche sul campo, con sfuriate e lanci di racchetta tanto da far gettare la spugna anche a un coach “navigato” come Thierry Ascione. “Leggere è meraviglioso” continua Moutet “ma se ti impongono una lettura che non ti interessa, poi ti passa la voglia e ti viene il rigetto dei libri, ed  è un gran peccato. Invece adesso leggo quello che mi piace e adoro prendere del tempo per dedicarmi a un bel libro“.

E allora, quali sono le letture preferite di Corentin?Mi piace molto Baudelaire e l’aspetto un po’ oscuro della sua poesia, l’emozione e la tristezza che essa sprigiona; è molto profondo, mi piace davvero tanto. Mi dedico alla lettura soltanto da due anni, ma ci sono delle opere che ho trovato meravigliose come, per esempio, “L’ultimo giorno di un condannato a morte” di Victor Hugo, è un romanzo stupendo. Ogni tanto mi piace soffermarmi su una poesia; come dicevo, adoro quelle di Baudelaire ma mi piacciono molto anche i versi di Rimbaud“. Il 19enne parigino ha inoltre una grande passione per la musica e, tra i suoi gusti, c’è anche un compositore italiano: “Sì adoro la musica, la ascolto tutto il giorno. La lettura richiede più tempo, bisogna essere soli e avere molto tempo a disposizione per leggere un libro mentre possiamo ascoltare la musica in qualsiasi momento. La mia musica preferita? Nella musica classica mi piace molto il “Notturno” di Chopin e i pezzi di Ludovico Einaudi; poi mi piace la musica leggera francese. La lingua francese è magnifica e la musica la valorizza molto. Apprezzo cantanti anche del recente passato o di generazioni passate ma che sono sempre attuali come Jacques Breil e Charles Aznavour. Adoro i cantanti che raccontano nei loro pezzi la loro vita e le loro emozioni“.

INIZIO PROMETTENTE – Mentre parla, Corentin appare molto diverso dal bad boy insofferente e irrispettoso che ha scoraggiato allenatori e pubblico e, del resto, contro Karlovic, ha mantenuto un aplomb e una calma sorprendenti, rimanendo concentrato e in silenzio ad ogni punto: “Sto lavorando molto nel cercare di mantenere la calma in campo. Spesso sono criticato per il fatto di innervosirmi quando gioco ma ci sto lavorando davvero tanto. E con Karlovic ci sono riuscito, sono orgoglioso di come ho saputo gestire il match e restare concentrato. Mi fa piacere che sia stato notato. In Francia, ma anche altrove, di solito, se l’atteggiamento in campo è negativo, viene subito criticato e se ci si comporta correttamente la cosa viene considerata del tutto normale e non viene valorizzata. Invece è importante notare quando facciamo dei progressi anche in questo senso”.

Qual è stata la chiave con Karlovic allora?È stato importante giocare punto dopo punto senza pensare allo scambio o al gioco precedente, dovevo restare nel presente del match. Un passante o una volé, potevano fare la differenza. Karlovic può prendere facilmente il controllo della partita con il servizio e per me era importante quindi restargli sempre attaccato e fare quello che in generale mi riesce bene“. A differenza della maggior parte dei tennisti della nuova generazione, Moutet infatti non si limita a ingaggiare la lotta da fondo ma ama ricorrere a soluzioni diverse e imprevedibili come il serve & volley e le smorzate. Che ne pensa Moutet di queste sue caratteristiche, anche rispetto ad altri tennisti? “Io giocavo molto a minitennis. Con i miei amici, da ragazzini trascorrevamo ore e ore sui campi del minitennis ed è un tipo di gioco in cui non fai altro che eseguire colpi di tocco e al volo e credo di aver conservato quei meccanismi nel mio gioco. Tutto quello che facciamo quando si è molto giovani poi lo ritroviamo più tardi, sono schemi che ora fanno parte del mio tennis”.

Dopo essere stato seguito da Thierry Ascione, Corentin ora si allena al Centro federale francese e, in particolare con Laurent Raymond. Al prossimo turno, per Moutet (attualmente n. 140 ATP) ci sarà il n. 9 del ranking David Goffin. Come ha trascorso Corentin questi due giorni per prepararsi al prossimo rendez-vous del Fench Open? Leggendo qualcosa di particolare per rilassarsi aspettando David? “No, in questo momento in realtà non sto leggendo un libro in particolare ma sto seguendo una serie televisiva, “13 Reasons Why” e voglio terminarla. Poi ricomincerò a leggere. Però non voglio neanche dare l’impressione di una persona che legge tutto il tempo perché non è esatto“. In bocca a lupo a Corentin (ora anche lui lo sa dire), per tutto.

Continua a leggere
Commenti

evidenza

ATP Anversa, Sinner: “Sto lavorando su un aspetto del mio gioco, ma non vi dico quale!”

Dopo la vittoria su Harris, l’azzurro tira le somme del 2021: “Giocare un’altra finale vuol dire tanto. Credo di aver fatto una buona stagione, seppur con alcuni alti e bassi che secondo me sono normali”

Pubblicato

il

Jannik Sinner ad Anversa 2021 (Credits: @atptour on Twitter)

È uno Jannik Sinner soddisfatto quello che ha parlato ai microfoni della stampa dopo la netta vittoria riportata ai danni di Lloyd Harris nella semifinale dello European Open di Anversa: “Ho iniziato bene in entrambi i set, ho cercato di crearmi un vantaggio con il servizio e mi sentivo bene anche in risposta. Di sicuro è più facile giocare quando sono in vantaggio, perché sono molto più rilassato. Lui è un grande giocatore, non concede niente, quindi sapevo di dover rimanere concentrato: per esempio, quando ero avanti 4-1 nel secondo non volevo consentirgli di riavvicinarsi. In generale sono stato molto solido“.

Ha poi aggiunto: “Raggiungere un’altra finale vuol dire tanto per me, credo di aver giocato bene e di aver fatto una buona stagione, seppur con alcuni alti e bassi che secondo me sono normali. Non mi interessa chi sarà il mio prossimo avversario, scenderò in campo e farò del mio meglio“. La conferenza stampa si è svolta durante la seconda semifinale, e quindi l’azzurro non conosceva ancora il nome del suo avversario: ora sappiamo invece che gli toccherà il secondo favorito del torneo Diego Schwartzman (curiosamente anche a Sofia la finale contro Monfils aveva messo di fronte il primo seed Sinner e il numero due), che ha battuto Jenson Brooksby 6-4 6-0 – fra i due non ci sono precedenti.

LE SUPERFICI INDOOR E IL LAVORO “SEGRETO”

Non è un mistero che Sinner ami giocare al chiuso, dove ha vinto gli ultimi sette incontri giocati senza mai perdere un set fra Sofia e Anversa. Interrogato sull’argomento ha commentato: La superficie è buona per il mio stile di gioco, perché non ci sono né il sole né il vento. Indoor poi la palla non rimbalza molto alta, come invece succede per esempio ad Indian Wells. Certo, le condizioni sono le stesse per entrambi i giocatori, quindi se le condizioni sono cattive lo sono per entrambi e viceversa“.

 

Una prestazione di questo livello non è però motivo di adagiarsi sugli allori, come ben sanno sia lui che Riccardo Piatti: “Non siamo mai soddisfatti, c’è sempre qualcosa da migliorare. Io vedo delle cose da sistemare, lui ne vede altre. Ora stiamo lavorando tanto su una cosa in particolare, anche se non voglio dire cosa, ma è un aspetto che sto cercando di mettere in pratica anche durante le partite. Non vi dico cos’è perché altrimenti nella prossima partita vi metterete a parlare solo di quello! Però lavoriamo su ogni aspetto, inclusi i piani tattico e mentale“.

LA PROGRAMMAZIONE: VIENNA, BERCY, LA DAVIS…E TORINO?

Questo risultato consente a Sinner di rimanere in corsa per le ATP Finals, obiettivo che lo sta portando a giocare tutte le settimane. A prescindere dall’esito del match di domani, infatti, la settimana prossima sarà a Vienna, dove spera di poter scendere in campo mercoledì per riposarsi un pochino, anche come dice lui stesso dipende solo dal torneo: “La verità è che non siamo noi a decidere quando giochiamo, possiamo solo chiedere, poi decidono gli organizzatori: se a Vienna mi metteranno mercoledì bene, altrimenti giocherò martedì“.

Esordire di mercoledì lo obbligherebbe a giocare tutti i giorni, programmazione che alcuni giocatori preferiscono perché consente loro di mantenere il ritmo partita, mentre altri prediligono il giorno di pausa ad inizio torneo. Sinner però non sembra avere una condizione favorita in questo senso: “Se hai giocato tre ore sicuramente preferisci riposarti il giorno successivo, però onestamente non ho una preferenza, dipende dalla situazione“.

Il suo avversario a Vienna sarà Reilly Opelka (in coppia con il quale ha peraltro vinto il titolo di doppio ad Atlanta durante l’estate), ma per ora la sua mente è rivolta giustamente alla finale: “Non penso ad Opelka, ora mi concentro sul match di domani. Sicuramente è un primo turno complicato, lui tirerà forte e mi darà poco ritmo, e io magari non avrò buonissime sensazioni perché non avrò molto tempo per adattarmi al campo“.

La grande densità del calendario di queste ultime settimane è anche il motivo per cui ha deciso di giocare meno partite in doppio: “Ho preferito non giocare in queste ultime settimane in doppio perché credo di aver fatto tante partite quest’anno [al momento sono 59 con 41 vittorie, ndr]; in ogni caso mancano ancora molti tornei, Vienna, Parigi, una fra Stoccolma e Milano, poi la Davis, quindi vedremo“. E chissà che non si aggiunga un altro impegno sempre in Italia del nord, verrebbe da dire: di sicuro lui se lo augura!

Continua a leggere

Interviste

Anversa, Sinner verso la sfida ad Harris: “Sta giocando bene, ma questa è la mia superficie preferita”

Jannik cercherà di raggiungere la quarta finale del 2021: “Ho sempre detto che il cemento indoor è la mia superficie preferita”. Obiettivo accorciare su Norrie e Hurkacz

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2021 - BELGA PHOTO LAURIE DIEFFEMBACQ

Non sarà affatto semplice per Jannik Sinner neutralizzare il gioco di Lloyd Harris nella semifinale dell’ATP di Anversa. Ci sono in palio punti pesanti per la classifica ‘Race’. Vincere contro il sudafricano significherebbe portarsi a -50 punti da Cameron Norrie nella corsa alle ATP Finals di Torino e a -160 da Hurkacz che occupa l’ultimo posto utile. Un distacco importante, ma non impossibile da colmare nelle prossime settimane. Di calcoli e di ATP Finals non si è – giustamente – parlato nella conferenza stampa post vittoria (6-4 6-2 a Rinderknech) dell’altoatesino. Lo sguardo è verso quella che potrebbe essere la quarta finale del 2021.

Non ci sono precedenti tra Sinner e Harris, che sta vivendo un buonissimo periodo di forma e dopo aver concluso il suo match di semifinale in singolo, sarà in campo in doppio assieme al suo coach Xavier Malisse (tornato in campo dopo 8 anni dall’ultimo match ufficiale) in un’altra semifinale. Sicuramente la storia più bella del torneo “Harris gioca bene” spiega Sinner, “ha avuto una buona stagione ed è un giocatore solido. Ho guardato la sua partita perché era prima della mia, sta servendo bene, si sta muovendo bene. Speriamo che sia una buona partita. È la prima volta che ci gioco in un match ufficiale, forse una volta in allenamento. Per entrambi ci saranno situazioni che potranno far girare la partita ovviamente”.

“A come affrontarlo ci penserò domani però, con il team” ha concluso. “Stasera come faccio sempre guarderò qualche partita che ha giocato. Sarà importante rilassarsi un po’, altrimenti non recuperi mai. Sicuramente per il 70% farò ciò che sto provando a fare in questi giorni, ovvero fare il mio gioco e tentare di servire bene. Poi servirà affrontare le difficoltà come sempre”.

 

Harris si trova a suo agio in queste condizioni, ma Sinner ci ha vinto due dei suoi tre titoli e non potrebbe chiedere campo migliore per affrontare la partita: Mi è sempre piaciuto giocare indoor. Sin da piccolo. A Sesto d’inverno ci sono cinque metri di neve fuori, dunque l’unico modo per giocare è indoor. Ho sempre detto che è la mia superficie preferita, mi piace. Anche quando mi alleno mi piace. Indoor non c’è vento, non c’è sole. Ci sono solo la palla e il campo.”

C’è stato spazio, infine, per un commento sul suo rapporto con coach Piatti: “Mi piace girare con Riccardo. Non c’è bisogno di chiamarlo quando è con me, può aiutarmi subito. In più quando si è sul campo a vedere la partita è un conto, vederla in TV è un altro. Per esempio, dalla TV sembra che io tiri sempre dritto per dritto. A volte dipende anche dall’angolazione della camera. Per questo mi fa piacere quando c’è lui. Anche perché mi ci trovo bene, stiamo attenti a tutti e speriamo di continuare così”.

Continua a leggere

Flash

ATP Indian Wells, Cameron Norrie dal college in Texas alla finale in California: “Mi godo il mio tennis”

Il tennista britannico riconosce il valore della sua prima finale in un Masters 1000: “Sarà di nuovo il match più importante della mia carriera”

Pubblicato

il

Cameron Norrie ad Indian Wells 2021 (Credits: @BNPPARIBASOPEN on Twitter)

Il torneo delle sorprese avrà la finale più inaspettata di tutte. A vincere le loro rispettive semifinali infatti sono stati Cameron Norrie e Nikoloz Basilashvili, risultati leggermente contro pronostico. Nel caso del britannico però l’importanza del palcoscenico non ha pesato molto sull’esito finale, vista la disinvoltura con la quale ha battuto Dimitrov lo dimostra. “Onestamente neanche per una volta ho pensato alla posta in palio“, ha confermato in conferenza stampa. “Stavo solo facendo il mio gioco allungando gli scambi. Quando sono andato a servire per la partita mi sono detto, ‘be’, questo è decisamente un game di battuta importante!’. Ero un po’ nervoso, ma sono andato lì fuori e ho servito alla grande. Penso che mi abbiano aiutato le nuove palle. Non stavo pensando troppo. Ero davvero nel momento presente e non stavo davvero pensando troppo. Mi godevo il mio tennis e giocavo“.

Nella finale in programma all’1 di notte italiana, Norrie se la vedrà come detto con Basilashvili, e così ha parlato del suo imminente avversario. È un giocatore incredibilmente complicato, soprattutto quando è così sicuro di sé. Colpisce la palla alla grande da entrambi i lati. Si muove bene. È un grande atleta. Come ho detto, quando è in fiducia può battere chiunque. È super-pericoloso. Sarà difficile, ma mi sento bene fisicamente e non vedo l’ora di giocare. Lui però sta servendo bene ed è molto propositivo con il suo dritto”. E dopo giorni e giorni di rilassamento apparente, finalmente anche lui inizia a sentire un po’ di pressione.Gli ultimi due giorni sono stati i più grandi match della mia carriera, quindi domani andrò là fuori e sarà di nuovo il più grande match della mia carriera. Andrò in campo e, si spera, farò più o meno lo stesso. C’è molto lavoro da fare. Non vedo l’ora. Sentire tutti i nervi e tutta la pressione, è sicuramente fantastico sperimentare questa cosa. Non vedo l’ora di provare concretamente l’intera esperienza”.

Si potrebbe dire, con i numeri alla mano, che il ventiseienne Norrie ci abbia impiegato un bel po’ a sbocciare nel circuito maggiore, e in effetti forse è così. Ma il processo che lo ha portato adesso ad entrare in Top 20 è stato costante e graduale, e uno dei passaggi chiave è stato il periodo passato alla Texas Christian University dal 2014 al 2017. Così Cameron ha raccontato la sua esperienza nel college americano: “Sono andato alla TCU, dove sono stato molto fortunato con gli allenatori. Devin Bowen, Dave Roditi, entrambi grandi persone dentro e fuori dal campo. Avevo fatto una visita lì all’ultimo minuto. Mi piacquero sia Roditi che Devin quando li incontrai per la prima volta. Il piccolo campus che hanno lì è fantastico. Io mi sono detto ‘va bene, qui è dove posso andare e lavorare sodo’. Il meteo sarebbe stato buono e avevo delle buone sensazioni sul posto. Avevo una squadra meravigliosa. Penso che il tennis universitario sia un’ottima decisione, specialmente venendo dalla Top 10 juniores; mi ha dato sicuramente un po’ più di tempo per maturare e uscire e godermi il mio tempo lì, anche per ottenere un’istruzione. Tutto è organizzato per te. I tuoi amici sono lì. Puoi uscire con loro nei fine settimana. Puoi allenarti con loro e migliorare. Sono stato in grado di non pensare davvero al tour e alle brutte sensazioni di perdere molte partite nei tornei Futures. Ho pensato che fosse davvero un’ottima decisione per me. Mi stavo davvero divertendo lì, andavo anche alle feste dopo le partite di football!”

 

Tornando al presente, è inevitabile che con un risultato così ragguardevole – prima finale in un 1000 – si inizi a guardare anche un po’ più in là, e quindi è lecito chiedersi se Cameron Norrie sia un giocatore da seconda settimana in uno Slam, traguardo che ancora manca al britannico. “Ho avuto alcune opportunità per raggiungere la seconda settimana di uno Slam, ma non è andata per il verso giusto. Sono tutte fonti di apprendimento per me. Spero che con questi risultati potrò avere una testa di serie più alta, quindi forse avere qualche possibilità in più. Ma ho affrontato alcuni giocatori abbastanza discreti quest’anno al terzo turno. Rafa in Australia, Rafa in Francia, poi Roger a Wimbledon. Questi match sono state grandi esperienze per me”.

Qui il tabellone aggiornato di Indian Wells 2021

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement