Giorgi bene a Tokyo, va in semifinale. Cecchinato out (Crivelli). Giorgi Osaka, che esame! (De Ponti)

Giorgi bene a Tokyo, va in semifinale. Cecchinato out (Crivelli). Giorgi Osaka, che esame! (De Ponti)

Giorgi bene a Tokyo, va in semifinale. Cecchinato out (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Squilli di gong a Tokyo, dopo il lungo letargo di risultati post Wimbledon, per la Giorgi. Camila, che si era già tolta la soddisfazione di battere al turno precedente la Wozniacki, nei quarti approfitta del ritiro di un’altra ex numero uno, la Azarenka, costretta al forfeit sul 5-3 per l’azzurra (28 minuti di gioco) per un problema alla coscia sinistra che la accompagnava da qualche giorno: per Camila si tratta della terza semifinale Premier in carriera (New Haven 2014 e Sydney 2018), che le consente al momento di eguagliare il best ranking al numero 30. Per migliorarlo, dovrà aver compiuto l’impresa stamattina all’alba contro la Osaka, vincitrice degli Us Open, al nono successo di fila: tra le due non ci sono precedenti. Si ferma invece la corsa di Cecchinato a San Pietroburgo: il palermita non sfrutta due set point sul 5-4 e servizio per lo spagnolo Bautista e poi cede nettamente al tie break: nel secondo set cala al servizio e non può più opporsi al 26 del mondo. NEXT GEN ITALIANA Come l’anno scorso, la wild card italiana per le Next Gen Finals di Milano (6-10 novembre) uscirà da un torneo a eliminazione diretta tra i migliori otto under 21 azzurri in classifica, dal 2 al 4 novembre sui campi dello Sporting Milano 3 di Basiglio. Al momento guida la race nostrana Gian Marco Moroni, seguito da Brancaccio e Jacopo Berrettini. Al quarto posto Balzerani che precede Pellegrino, Fonio, Giacomini e Caruana.

 

Giorgi Osaka, che esame! (Diego De Ponti, Tuttosport)

Camila Giorgi punta a diventare big in Japan. La marchigiana si è qualificata per le semifinali del Toray Pan Pacific a Tokyo, in Giappone, che si gioca sul veloce indoor dell’Arena Tachikawa perché l’Ariake Coliseum è in ristrutturazione in vista dei prossimi Giochi Olimpici. La 26enne di Macerata, numero 37 del ranking mondiale, ha superato nei quarti la bielorussa Victoria Azarenka, numero 63 del ranking di mondiale, ritiratasi sul punteggio di 5-3 per in l’azzurra nel primo set, dopo appena 28 minuti di partita, per un problema alla coscia sinistra già accusato nel match precedente. La 29enne di Minsk era partita bene togliendo la battuta a Camila già nel terzo game ma ha immediatamente concesso il contro-break, addirittura a zero. Vika ha iniziato a manifestare qualche evidente difficoltà negli spostamenti e si è affidata al servizio ma che ha battuto il bosniaco nell’ottavo game quando a subito il break a zero ha deciso che non aveva senso continuare. “Mi spiace per lei, sarebbe stato meglio vincere sul campo”, il commento della marchigiana, approdata per la terza volta in carriera nelle semifinali di un torneo di categoria Premier (Sydney 2018 e New Haven 2014 le precedenti). Oggi la Giorgi si è giocata un posto in finale con la giapponese Naomi Osaka, numero 7 del ranking mondiale e terza testa di serie, al rientro nel circuito dopo il trionfo di New York, che ha regolato 6-3 6-4 la ceca Barbora Strycova. CECCHINATO KO Marco Cecchinato esce di scena nei quarti di finale del “ST. Petersburg Open”, in corso sul veloce indoor di San Pietroburgo, in Russia. Il tennista palermitano, testa di serie nr. 2, si è arreso per 7-6(0) 6-3 allo spagnolo Roberto Bautista Agut, quinta forza del seeding, che vola in semifinale. Gli altri semifinalisti sono Martin Klizan, che con il punteggio di 3-6 7-6(4) 6-3 ha superato Denis Shapovalov; lo svizzero Stan Wawrinka che ha battuto il bosniaco Dzumhur 6-3 6-4

CATEGORIE
TAG
Condividi