Nuove accuse su Gimelstob ma lui passa al contrattacco

Flash

Nuove accuse su Gimelstob ma lui passa al contrattacco

The Telegraph ha riportato altri episodi di volenza che coinvolgono l’ex tennista statunitense. In una lettera al Player Council Gimelstob ha però negato tutto

Pubblicato

il

Piove sul bagnato per Justin Gimelstob, ex tennista e coach americano, attualmente membro del board ATP in rappresentanza dei giocatori. Solo qualche giorno fa, Gimelstob è stato arrestato per aggressione ai danni di tale Randall Kaplan per questioni legate all’amicizia di quest’ultimo con la sua ex moglie Cary Sinnot. Tuttavia, il quotidiano britannico The Telegraph ha raccolto nuove testimonianze che riguardano episodi di violenza da parte dell’ex n.63 del mondo. Pare anche che le vittime siano disposte a testimoniare contro Gimelstob di fronte alle autorità giudiziarie.

Le difficoltà del 41enne del New Jersey a controllare i propri nervi emergono anche dalle situazioni più banali, come una partita di tennis in doppio. Durante il match, un membro del team avversario ha chiesto al proprio compagno se una palla fosse fuori. Non appena Gimelstob ha sentito la conversazione si è subito irritato profondamente. “Pensi che fosse dentro?”, ha sbottato, “Se pensi che abbia bisogno di barare per batterti sei uno stupido”. La situazione è poi degenerata con lo statunitense che avrebbe minacciato di “picchiare a sangue” l’avversario e lo avrebbe apostrofato in malo modo, solo per aver messo in discussione una chiamata.

Il secondo episodio, capitato nel novembre 2016, consiste nell’aggressione di un altro amico dell’ex moglie, tale Kris Thabit. All’interno di un ristorante, Gimelstob avrebbe preso di mira Thabit, accusandolo di avere avuto un flirt con la signorina Sinnot. L’attuale membro del board ATP sarebbe stato cacciato dal locale. Tuttavia Gimelstob avrebbe aspettato Thabit fuori dove la discussione è andata avanti. Non appena Thabit si è chinato a terra per prendere il cellulare uscito dalla tasca per colpa di Gimelstob, quest’ultimo avrebbe cominciato a malmenarlo.

 

Ma cosa forse persino più grave, Gimelstob si sarebbe macchiato di violenza domestica anche nei confronti della propria ex moglie, talvolta di fronte al figlio Brandon. A raccontarlo sarebbe stata proprio la vittima. Le minacce sono andate avanti anche dopo la separazione. “È piombato in casa mia e ha detto che avrebbe continuato a farlo anche in futuro”, ha dichiarato Cary Sinnott.

In una lettera privata al Player Council, Gimelstob ha negato ogni accusa e scritto che il quotidiano britannico non gli abbia dato la possibilità di offrire la sua versione dei fatti. Pare che l’opinione diffusa a livello ATP sia che l’americano si debba dimettere. Tuttavia lui non sarebbe intenzionato a farlo per non rendere più debole la sua posizione di fronte alla giustizia. Teoricamente, lo stesso Player Council, presieduto da Novak Djokovic, potrebbe destituirlo dal board. Ma giusto un mese fa è stato fatto fuori uno dei rappresentanti dei giocatori, il celebre ex coach australiano Roger Rasheed, sostituito da David Edges pro temore. Difficilmente, i tennisti ATP vorranno rinunciare ad una loro pedina nel board.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Lo US Open vuole dare una wild card a Coco Gauff… ma in teoria non potrebbe

La 15enne ha esaurito il numero di wild card ottenibili fino al compimento dei 16 anni. Ma lo US Open vorrebbe invitarla lo stesso, in barba ai regolamenti WTA

Pubblicato

il

Cori Gauff - Wimbledon 2019 (photo Art Seitz c2019)

Dopo aver condizionato l’inizio di carriera di un’altra giocatrice statunitense dal grande avvenire, Amansa Anisimova, le age eligibility rules che la WTA impone alle tenniste più giovani con lo scopo di preservarne la crescita, hanno prevedibilmente incrociato il cammino del nuovo potenziale fenomeno del tennis a stelle e strisce, Cori Gauff.

La 15enne ha raggiunto gli ottavi di finale a Wimbledon, dando seguito alla prima vittoria nel circuito maggiore ottenuta a Miami, e ha fatto così il suo ingresso in top 150. Una classifica sufficiente a garantirsi un posto nel tabellone di qualificazione per lo US Open, ultimo Slam stagionale. La federazione statunitense, però, intende evitare a ‘Coco’ la trafila cadetta per gli evidenti meriti sportivi, e sta così meditando di concederle una wild card per il tabellone principale.

Tutto lineare, sembrerebbe, non fosse – appunto – per i regolamenti WTA che non solo impongono un numero massimo di tornei che la giovane tennista potrà disputare fino al compimento dei 16 anni (potrà giocarne altri sette fino al 13 marzo 2020), ma addirittura non le permetterebbero di accettare un ulteriore wild card. Fino a 15 anni, infatti, sono soltanto tre le wild card consentite. E Coco è stata già invitata a Miami, al Roland Garros e alle qualificazioni di Wimbledon.

Il punto è che USTA sembra voler aggirare questo cavillo facendo leva sullo status particolare dei tornei dello Slam. “Ci aspettiamo di vedere Coco nel main draw dello US Open‘, ha detto al New York Post il responsabile delle comunicazioni di USTA Chris Widmaier. Che messa così, non appare troppo meno di un affronto diretto alla WTA.

Né sembra essere un mero capriccio nazionalista, perché Cori Gauff è diventata a strettissimo giro un nome altamente spendibile a livello mediatico. Giovane, apparentemente fortissima e già capace di tenere campo e palcoscenico con l’agio della campionessa. Il +29% fatto registrare nei dati di audience dalla ESPN sarebbe da attribuirsi principalmente alla cavalcata di Coco, fermatasi solo al cospetto di Simona Halep. E USTA ha tutte le intenzioni di mettere la ragazzina nelle condizioni di provare a ripetere l’exploit, strizzando così l’occhio alla stessa ESPN che – secondo voci d’oltreoceano – avrebbe cominciato a pentirsi del grosso esborso necessario all’acquisto dei diritti per trasmettere lo US Open.

Insomma, i vertici USTA vogliono ‘forzare’ il regolamento WTA. L’organo presieduto da Steve Simon chiuderà un occhio o saprà far valere le sue ragioni di regolamento?

Continua a leggere

Flash

Anna Tatishvili fa appello per la multa ricevuta al Roland Garros

La statunitense, lontana dal Tour per quasi due anni, non ha ricevuto il prize money del primo turno a Parigi. Non è stata ritenuta in grado di affrontare un match di uno Slam

Pubblicato

il

È stato un ritorno nel Tour molto amaro quello di Anna Tatishvili, statunitense ma nativa della Georgia. Con un passato da numero 50 WTA è stata fuori dai giochi per quasi due anni, tormentata da un problema alla caviglia. Grazie al ranking protetto ha avuto accesso al main draw del Roland Garros 2019, ma il sorteggio non è stato dei più fortunati. Al primo turno ha incrociato Maria Sakkari, che pur non essendo tra le favorite per la vittoria nel 2019 ha fatto registrare ottimi risultati sulla terra battuta.

6-0 6-1 perentorio per Sakkari. Esito prevedibile per Tatishvili. Tuttavia l’ex georgiana ha ricevuto una bruttissima notizia il giorno successivo, quando è andata a riscuotere i 46.000 euro per il primo turno. Le è stato negato il pagamento poiché doveva scontare una multa. Secondo le norme introdotte nel 2018, a un giocatore può essere decurtato il 100% del prize money di un Grand Slam se non compete a un determinato standard. Le nuove regole sono state introdotte per evitare le “furbate” dei giocatori che, sebbene non in grado di giocare al giusto livello, scendono in campo senza impegno o si ritirano dopo pochi game, riscuotendo comunque il compenso. Ora un giocatore o giocatrice che non è in grado di competere può comunque ricevere il 50% del prize money del primo turno se si ritira prima dell’inizio del torneo a tabellone già compilato.

Tatishvili non era sufficientemente pronta per giocare un incontro di un Major. Questa la motivazione della multa che ha lasciato senza parole sia la statunitense che la stessa Sakkari, dal momento che Tatishvili ha giocato al meglio delle sue possibilità. Poche settimane dopo l’ATP ha riservato lo stesso trattamento a Bernard Tomic. L’australiano ha perso in 58 minuti al primo turno di Wimbledon contro Jo-Wilfired Tsonga e non ha ricevuto il suo prize-money per scarso impegno.

 

Sia Tomic che Tatishvili hanno fatto appello. Quest’ultima da qualche settimana non potrà più usufruire nemmeno del ranking protetto, che le è valso negli ultimi tre anni. Ora assieme ai suoi avvocati ha presentato un documento di quaranta pagine al Grand Slam Board, dove sono presenti i pareri di diversi giocatori e allenatori, tra i quali anche la stessa Maria Sakkari e Chris Evert. Vincere la causa sarebbe un grossissimo aiuto per far ripartire una carriera che sembra già segnata.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon 2019: boom di ascolti e di interazioni sui social

Sfiorato il record di affluenza sui campi di Church Road (più di 500mila spettatori). Seguito senza precedenti sui canali della BBC e sui social del torneo

Pubblicato

il

Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

È stata un’edizione di Wimbledon indimenticabile. Non solo per Roger Federer, Novak Djokovic e i loro rispettivi tifosi. Le due settimane di incontri, culminate con l’epica finale tra i due fenomeni, hanno avuto un seguito senza precedenti, soprattutto a livello televisivo. L’affluenza complessiva all’All England Club sui tredici giorni dei Championships non ha ritoccato il record assoluto: si contano 500.397 spettatori totali, la seconda affluenza più alta nella storia del torneo.

Il crescente utilizzo di supporti digitali come computer e smartphone ha permesso all’edizione 2019 di Wimbledon di battere tutti i record di broadcasting e di incrementare il seguito sui canali social del torneo. Sulle piattaforme della BBC hanno seguito le due settimane di incontri più di 28 milioni di persone su smartphone, tablet e PC (quattro in più rispetto al dato record del 2018) e la diretta TV del torneo ha raggiunto 27 milioni di spettatori (quasi la metà della popolazione della Gran Bretagna).

Nonostante il Gran Premio di Silverstone e la finale della Coppa del Mondo di cricket, la finale maschile di Wimbledon di domenica 14 luglio ha fatto registrare un picco di audience di 9,6 milioni di spettatori su BBC1. Numeri strepitosi anche negli Stati Uniti, dove il match tra Federer e Djokovic è stata la finale Slam più seguita sui canali ESPN dal 2012 e la terza in assoluto a livello di audience. Nei giorni scorsi anche Sky Italia ha comunicato il record di ascolti per la finale maschile.

 

L’impatto dei Championships 2019 ha portato un aumento senza precedenti di interazioni e iscritti sui social media ufficiali del torneo di Wimbledon. Su Twitter la pagina ha raggiunto 3,7 milioni di follower e durante la finale 750 mila utenti hanno interagito con i post per commentare la sfida mozzafiato in corso su Centre Court. Record di interazioni anche su Facebook (1,3 milioni) e Instagram (3,5). Inoltre durante il torneo il sito ufficiale dei Championships ha sfiorato i 60 milioni di visite, un incremento del quasi 30% rispetto all’anno passato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement