Eurosport-Sky, rinnovo triennale: in arrivo il player su Sky Q?

Tennis e TV

Eurosport-Sky, rinnovo triennale: in arrivo il player su Sky Q?

Trovata l’intesa con il gruppo Discovery fino al 2021. Probabile arrivo delle app sul decoder di nuova generazione. Si completa anche l’accordo con Mediaset, Premium verso la chiusura

Pubblicato

il

NON SOLO TVGià negli scorsi mesi avevamo parlato delle novità di SKY sempre più padrona incontrastata della televisione a pagamento in Italia, anche se ormai limitarsi a definirla televisione non è più sufficiente. Pochi giorni fa è stato messo un altro tassello importante con il rinnovo triennale (scadenza fine 2021) dell’accordo con il gruppo americano Discovery per trasmettere i loro canali . Per gli appassionati di tennis, banalmente, questo significa accesso garantito ai canali di Eurosport tramite l’abbonamento SKY. Ma in un mondo sempre più connesso i canali televisivi lineari rappresentano solo una delle modalità di accesso. Così il nuovo accordo dovrebbe permettere l’accesso a Eurosport Player, il servizio streaming a pagamento dell’emittente, anche direttamente tramite il decoder di nuova generazione SKY Q che è già stato scelto da più di 600.000 clienti. Ricordiamo che Eurosport detiene i diritti in esclusiva assoluta per l’Italia di 3 dei 4 tornei del Grande Slam incluso l’Australian Open che si gioca tra circa un mese a Melbourne. Poi sarà la volta di Roland Garros e US Open.

MULTI-CAMPO? – Il rinnovo della partnership con Discovery permetterà dunque agli abbonati SKY di accedere con un solo decoder a tutta l’offerta tennistica italiana sommando ai canali SKY Sport, i canali Eurosport e Supertennis. La novità dovrebbe essere nella possibilità di accedere a tutti i campi coperti dalle telecamere con un solo telecomando tramite il Player (ovviamente bisognerà abbonarsi a tale servizio).

OLTRE EUROSPORT – Insieme a Eurosport Player dovrebbe arrivare anche l’accesso via SKY Q a Dplay  servizio dedicato agli altri canali free e pay del gruppo dedicati a intrattenimento e documentari tra cui il principale è proprio lo storico Discovery Channel. I canali Animal Planet e Discovery Travel&Living chiuderanno però i battenti per volontà del gruppo americano. I contenuti Discovery continueranno a essere comunque disponibili anche su SKY On Demand. La trattativa per il rinnovo è stata lunga e complessa dopo la scadenza del 31 agosto scorso poi prorogata per qualche mese in modo da avere il tempo di trovare un accordo. Nel nuovo contratto NON sono incluse al momento le Olimpiadi di Tokyo 2020, pezzo pregiato dell’offerta sportiva di Discovery. Vedremo se nei prossimi 18 mesi saranno oggetto di una trattativa separata. Nel febbraio scorso SKY e Discovery non avevano trovato l’accordo per la trasmissione delle Olimpiadi invernali di Pyeongchang in Corea del Sud. Ma ovviamente le Olimpiadi estive potrebbero avere ben altro appeal per la stessa SKY.

 

LA (LENTA) FINE DI PREMIUM – Il gruppo Discovery ha ancora un contratto in corso per i canali Eurosport anche con quella che fino a pochi mesi fa era “la concorrente” di SKY sul mercato della pay-tv, ovvero Mediaset Premium. Nel 2016 su forte spinta del gruppo Vivendi che era sul punto di acquisirla, Mediaset Premium firmò un rinnovo triennale con gli americani ma in seguito il passaggio ai francesi sfumò proprio al momento del closing ed è ancora oggi oggetto di cause in tribunale. Mediaset si è trovata dunque a dover onorare un contratto che non avrebbe mai rinnovato senza la spinta di Vivendi. Questo contratto con Discovery scadrà la prossima estate ed è a questo punto scontato che non verrà rinnovato.

Mediaset ha di fatto firmato “la resa” nei confronti di SKY il 30 marzo scorso, un accordo attraverso il quale torna a vestire i panni del semplice editore (come la stessa Discovery) e non più di provider di pay-tv. Così i canali Premium editi da Mediaset di cinema e serie TV sono finiti nel bouquet SKY e la pay di Santa Giulia ha anche affittato alcune frequenze terrestri per lanciare una propria offerta a pagamento anche sul DTT. Una volta che Premium è uscita completamente dal mercato dello sport a pagamento perdendo anche i diritti della Serie A di calcio oltre alla Champions League, è apparso evidente come l’avventura della pay-tv di Mediaset fosse al capolinea.

MEDIASET TORNA SEMPLICE EDITORE – L’accordo Mediaset-SKY infatti sta vivendo ulteriori sviluppi nelle ultime settimane: come da accordi del 30 marzo, Mediaset ha ceduto a SKY la società R2 Srl la piattaforma tecnologica di Premium (che include le smart card e la codifica Nagravision per il criptaggio dei contenuti su DTT) scorporata dalla stessa Mediaset Premium S.p.A. Una cessione avvenuta per circa 23 milioni di euro e che in questi giorni sarà soggetta all’approvazione degli organi competenti (AGCM e AGCOM). Una decisione potrebbe arrivare già prima della fine dell’anno. Oltre alla parte tecnica di Premium, dal 2 gennaio SKY trasmetterà sul satellite con la sua codifica (NDS) anche tutti i canali gratuiti di Mediaset disponibili oggi solo sul digitale terrestre o via Tivùsat, la piattaforma satellitare riservata ai canali gratuiti. Oltre ai canali lineari a breve arriverà (come per Discovery) l’app di streaming on-demand Mediaset Play sul decoder SKY Q sempre dedicata ai canali free del gruppo di Cologno Monzese. L’accordo con SKY frutta a Mediaset circa 70 milioni di euro l’anno a cui vanno aggiunti come detto i 23 incassati per la cessione di R2 S.r.l (salvo approvazione antitrust).

IL NUOVO ASSETTO – Mediaset Premium intanto ha già comunicato la chiusura del canale Studio Universal per il prossimo 1° gennaio. A quel punto rimarrà in corso solo un contratto con editori esterni, proprio quello con Discovery firmato nel 2016 ma che come detto scadrà tra pochi mesi, la prossima estate. Proprio alla scadenza di tale contratto, con la dipartita dei due canali di Eurosport e Investigation Discovery, è pressoché scontato che Mediaset stacchi la spina definitivamente a un’azienda e a una pay-tv che non avrà più motivo di esistere. Magari dirottando i (pochi) clienti rimasti verso il suo servizio di streaming OTT di cinema e serie, Infinity, che non viene toccato in alcun modo dall’accordo con SKY.

Si va a delineare dunque un sistema televisivo pay con SKY al centro e i grandi editori esterni intorno in primis proprio Discovery e Mediaset, in attesa di ridiscutere poi l’accordo con il gruppo Disney/Fox (la casa di Topolino sta per completare l’acquisizione del gruppo di Murdoch). Allo stesso modo il passaggio della stessa SKY al gruppo Comcast dovrebbe favorire il ritorno su SKY di canali e contenuti di NBCUniversal, anch’essa di proprietà del gigante americano dei media.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020: come seguirle in TV tra Discovery/Eurosport e Rai

Il gruppo americano è il main broadcaster dei Giochi: copertura totale su Discovery+ ed Eurosport Player. Niente accordo con SKY, due canali su DAZN. 200 ore sulla TV di Stato, senza streaming

Pubblicato

il

Discovery/Eurosport senza limiti

L’attesa sta per finire per poter finalmente seguire la corsa alle medaglie delle Olimpiadi più sofferte della Storia. Con la cerimonia di apertura di venerdì 23 e le prime medaglie assegnate sabato 24, partono i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (posticipati di un anno causa pandemia). Come potranno seguirle gli appassionati italiani? Beh ci sono essenzialmente due possibilità, una free e una a pagamento.

Per gli appassionati più esigenti bisognerà passare obbligatoriamente dallo streaming di Discovery+ o Eurosport Player che offriranno la copertura totale degli eventi.

Perché citiamo due piattaforme streaming? Perché Eurosport Player sta per confluire all’interno di Discovery+ come avevamo già anticipato nel dicembre scorso. Tuttavia il gruppo americano non è riuscito a completare in tempo il processo di migrazione degli utenti abbonati alla “vecchia” piattaforma Eurosport Player e quindi le due continueranno a funzionare in modo parallelo ancora per un po’. Se ne riparlerà dopo i Giochi.

 

Tuttavia per i NUOVI clienti non sarà più possibile abbonarsi a Eurosport Player ma solo a Discovery+ che viene offerto a 7,99€ al mese o in una conveniente offerta a 29,99€ per un anno (promo fino all’1/8).

L’offerta streaming di Discovery per le Olimpiadi è enorme: oltre 3000 ore di dirette tramite i 30 feed dai campi di gara di tutte le 48 discipline, con la copertura di tutti i 339 eventi previsti, dall’inizio alla fine della premiazione, senza interruzioni. Un’esperienza totalmente personalizzata, in cui ognuno diventerà regista dei Giochi, scegliendo l’avvenimento che più gli interessa.

Altre informazioni sulla copertura Discovery:

  • Discovery+ è disponibile anche per tutti i clienti TIMVision, che, oltre ai 30 feed della proposta olimpica, avranno in la possibilità di vedere un canale streaming esclusivo in 4K attraverso il decoder TIMBox;
  • Discovery ha siglato un accordo con Fastweb, grazie al quale tutti gli abbonati fibra e mobile di Fastweb avranno accesso gratuitamente per tre mesi a tutti i contenuti di Discovery+, compresi quindi i Giochi Olimpici di Tokyo 2020;
  • Chi è già abbonato a Eurosport Player, come detto, avrà la visione dei Giochi garantita nelle stesse modalità di Discovery+;
  • Chi NON è abbonato a Eurosport Player/, per vedere le Olimpiadi dovrà abbonarsi a Discovery+
  • Nel giro di qualche mese il Player di Eurosport confluirà in Discovery+, cessando di esistere come prodotto a sé stante
  • Su DAZN è garantita la visione dei Giochi sui due canali lineari Eurosport 1 e 2 (sempre in streaming ma senza feed dedicati);
  • Con Sky, invece NON è stato trovato un accordo economico per le Olimpiadi quindi sui canali lineari 210 e 211 non saranno trasmesse immagini dei Giochi ma una programmazione alternativa;
  • Gli abbonati Amazon Prime Video potranno scegliere di abbonarsi a Discovery+ direttamente attraverso la piattaforma Prime Video (Discovery+ rientra tra i Channels, cioè i canali visibili con abbonamento a parte);
  • Sul NOVE ogni sera ci sarà un programma di approfondimento condotto da Margherita Granbassi. Si chiamerà “Azzurri – La Notte dei campioni” e sarà un contenitore dedicato a risultati e speranze degli atleti italiani.

La copertura TV in chiaro su Rai 2

La Rai potrà trasmettere, solo via digitale terrestre e via Tivùsat200 ore complessive (tra dirette e differite) delle Olimpiadi di Tokyo. La TV di stato ha rinunciato però ai diritti via streaming, giudicati troppo cari. Quindi non si vedrà nulla sulla piattaforma RaiPlay. Rai 2 è stata designata come rete olimpica e tutta la programmazione si troverà su quel canale.

La programmazione televisiva firmata Raisport, con il direttore Auro Bulbarelli in veste di team leader della spedizione, e il coordinamento affidato a Gigi Cavone, Massimiliano Mascolo e Riccardo Pescante comincerà a mezzanotte e mezza, con “Go Tokyo”, l’agenda della giornata olimpica, che Arianna Secondini, quando in Giappone saranno le 7.30 del mattino, proporrà ai telespettatori ogni sera, dal 24 luglio in poi (il 23 la Cerimonia di Apertura andrà in onda dalle 13.00 alle 16.30). Un appuntamento carico di notizie, tra studio e siti olimpici, per presentare la giornata che di lì a poco comincerà con le gare del mattino, fascia oraria generalmente dedicata alle batterie e/o a i tornei di qualificazione delle varie specialità (come da tradizione la prima settimana sarà appannaggio del nuoto, la seconda dell’atletica, per citare le due discipline “regine” del programma a cinque cerchi).

Dall’1.30 alle 17.15, con le sole interruzioni per l’informazione del Tg2, si snoderà un lungo racconto, punteggiato dalle varie edizioni del Tg Olimpico, che a intervalli regolari fornirà aggiornamenti in tempo reale, notizie e curiosità.

Continua a leggere

Flash

Si rafforza la partnership tra SKY e Supertennis: 12 tornei su SKY Sport nel 2021 e nel 2022

Su Supertennis un match al giorno in differita di Wimbledon, degli ATP Masters 1000 e delle Nitto ATP Finals

Pubblicato

il

Sky Italia e Sportcast, la società controllata dalla FIT che gestisce il canale tv Supertennis (ch. 224 di Sky e ch. 64 del digitale terrestre), rafforzano la loro partnership per le stagioni 2021 e 2022. Il nuovo accordo amplia ulteriormente la reciproca offerta dei due canali, massimizzando la visibilità del grande tennis oltre che dei tanti tennisti italiani impegnati nel circuito maschile. Per la prima volta nella storia ci sono infatti 10 italiani nella top 100 del FedEx ATP Rankings. 

Su Sky Sport e su NOW, in simulcast con SuperTennis, andranno in onda 12 tornei, 5 del circuito ATP 500 e 7 del circuito ATP 250. Su Sky Sport e NOW anche tutti i nove ATP Masters 1000 (tra cui il Rolex Monte-Carlo Masters in diretta su Sky Sport Arena e Sky Sport Uno fino a domenica 18 aprile), Wimbledon e le Nitto ATP Finals, per la prima volta in Italia, a Torino, per la programmazione più ricca di sempre per il tennis su Sky.

Dopo il Sardegna Open di Cagliari (ATP 250), appuntamento con l’Open Banc Sabadell di Barcellona (ATP 500, dal 19 al 25 aprile), il BMW Open di Monaco di Baviera (ATP 250, dal 26 aprile al 2 maggio), la Mercedes Cup di Stoccarda (ATP 250, dal 7 al 13 giugno) e il cinch Championships al Queen’s Club di Londra (ATP 500, dal 14 al 20 giugno).

 

Tennis senza soste su Sky fino a Wimbledon

Successivamente verranno selezionati gli altri tornei, che accompagneranno gli abbonati fino all’appuntamento decisivo con le Nitto ATP Finals. Sulla piattaforma Sky (Eurosport, canali 210 e 211) sono visibili anche il Roland Garros e lo US Open, oltre all’Australian Open che si è già svolto. Gli abbonati Sky, dunque, potranno vivere un’altra grande stagione di tennis live.

tennis

Quattro azzurri in Top 30: non accadeva dal 1977

A sua volta, Supertennis trasmetterà in chiaro, in differita e integralmente a partire dalle ore 21, una partita per ciascun giorno di gara del torneo di Wimbledon, oltre alla diretta degli incontri dei tornei juniores e, in simulcast con Sky, delle finali di doppio. Le finali del singolare maschile e femminile saranno trasmesse in differita il giorno successivo al loro svolgimento. Per quanto riguarda il circuito ATP, SuperTennis trasmetterà in differita e integralmente una partita per ciascuna giornata di gioco  di tutti i tornei ATP Masters 1000 e delle Nitto ATP Finals disponibili su Sky (per quanto riguarda le Nitto ATP Finals e gli Internazionali BNL di Italia sarà una partita diversa per ciascun giorno di gara da quella selezionata da altri operatori in chiaro), dopo le ore 21 del giorno di gara per i tornei ATP Masters 1000 che si svolgeranno a Monte-Carlo (in corso), Shanghai e per le Nitto ATP Finals  di Torino, dopo le ore 23 per quelli di Roma, Madrid e Parigi, al termine della giornata per i tornei di Miami, Indian Wells, Montreal/Toronto e Cincinnati. L’offerta tennistica in chiaro di SuperTennis include inoltre tutti i tornei del circuito femminile WTA, tutti e 13 i tornei ATP 500, 35 tornei ATP 250, il World Group della Coppa Davis, la Billie Jean King Cup, la ATP Cup, e una vasta selezione degli altri più importanti eventi internazionali e nazionali organizzati in Italia. 

Continua a leggere

Flash

Tennis in TV: quattro tornei, 16 ore al giorno di diretta su Supertennis

SuperTennis offre una settimana straordinaria di tennis in diretta con la prova Wta a Doha, l’ATP 500 a Rotterdam e il 250 di Buenos Aires. Anche il WTA 250 di Lione troverà ritagli di spazio

Pubblicato

il

Supertennis HD (Ch. 64 del Digitale Terrestre, Mux TIMB 3 – Copertura nazionale)

ATP 500 Rotterdam 2021
lunedì 1° marzo – LIVE alle ore 13.00: Basilashvili c. Norrie
non prima delle 14.30: Nishikori c. Auger-Aliassime
non prima delle 19.30: Murray c. Haase
a seguire: Fucsovics c. Opelka
martedì 2 marzo – LIVE alle ore 11.00, 12.30, 14.30, 19.30 e 21.15
mercoledì 3 marzo – LIVE alle ore 11.00, 12.30, 14.30, 19.30 e 21.15
giovedì 4 marzo – LIVE alle ore 11.00, 12.30, 14.30, 19.30 e 21.15
venerdì 5 marzo – LIVE alle ore 13.00, 15.00, 19.30 e 21.15
sabato 6 marzo – LIVE alle ore 15.00 e 19.30 (semifinali)
domenica 7 marzo – LIVE alle ore 15.30 (finale); in replica alle 23.00

ATP 250 Buenos Aires 2021
lunedì 1° marzo – LIVE non prima delle ore 17.00: CECCHINATO c. Djere
non prima delle ore 22.00: Andujar c. Londero
martedì 2 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.30
mercoledì 3 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.00
giovedì 4 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.30
venerdì 5 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.30
sabato 6 marzo – LIVE alle ore 18.00 (semifinale); differita alle ore 23.00 (semifinale)
domenica 7 marzo – LIVE alle ore 19.00 (finale)

 

WTA 500 Doha 2021
lunedì 1° marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
martedì 2 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
mercoledì 3 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
giovedì 4 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
venerdì 5 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00 (semifinali)
sabato 6 marzo – LIVE alle ore 16.00 (finale)

WTA 250 Lione 2021
lunedì 1° marzo – LIVE alle ore 11.00: Rus c. Wang
alle ore 19: GIORGI c. Kuzmova
martedì 2 marzo – differita alle ore 02.00
mercoledì 3 marzo – differita alle ore 02.00
giovedì 4 marzo – differita alle ore 02.00
venerdì 5 marzo – differita alle ore 02.00
sabato 6 marzo – differita alle ore 02.00; LIVE alle 13.30 (semifinale1)
domenica 7 marzo – differita alle ore 01.00 (semifinale2), alle ore 21.15 (finale)

Tennis TV
Copertura integrale dei tornei ATP 250, 500, 1000 in streaming

Prezzi
14,99€ per un mese
109,99€ per un anno

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement