Verdasco 'incassa' le parole di Kyrgios e gonfia il petto: due vittorie in cinque ore

Flash

Verdasco ‘incassa’ le parole di Kyrgios e gonfia il petto: due vittorie in cinque ore

‘Ehi amico, hai un rovescio mediocre’ gli aveva fatto sapere Kyrgios in una lunga intervista provocatoria. Nando risponde così: cinque ore in campo, due top 20 battuti e quarti a Roma

Pubblicato

il

Uno dei bersagli colpiti più duramente da Nick Kyrgios nel corso dell’intervista rilasciata a Ben Rothenberg, ovvero Fernando Verdasco – di lui Nick ha detto ‘crede di avere un talento fuori dal comune pur avendo un rovescio mediocre‘ – si è rivelato il re indiscusso del folle giovedì di Roma. Dei quaranta singolari disputati, infatti, ben due sono stati vinti dallo spagnolo. E in appena otto ore complessive, quasi cinque delle quali passate in campo: erano quasi le 13 quando ha stretto la mano di Thiem, spedendolo a lamentarsi in conferenza stampa dopo 2 ore e 43 minuti di lotta, e le 18:26 al momento del match point convertito contro Karen Khachanov, già battuto la scorsa settimana a Madrid.

Il 35enne è tornato così a qualificarsi per i quarti di un 1000 a due anni da Bercy 2017, quando assieme ad Anderson aveva battuto ancora Thiem; due top 20 in fila, proprio come qui a Roma. Certo non gli era mai capitato di farlo nello stesso giorno, addirittura in così poche ore, in un momento della carriera in cui vederlo vincere più di un paio di partite in fila è più o meno sempre una sorpresa.

Per gli amanti dei numeri: quattro ore e cinquantaquattro minuti complessivi, validi a garantirgli un probabile quarto di finale contro sua maestà Rafael Nadal (impegnato in serata contro Basilashvili), sconfitto l’ultima volta nel memorabile primo turno dell’Australian Open 2016 e poi appena in altre due occasioni, sul lungo di 19 sfide complessive.

Risultati:

F. Verdasco b. [11] K. Khachanov 7-5 3-6 6-3

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

Flash

Tsitsipas si pente: “Non sono ancora pronto per uno Slam”

Il greco corregge il tiro sulle sue dichiarazioni post-ATP Finals. “Mi sono messo troppe aspettative”

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - Marsiglia 2020 (foto Cristina Criswald)

Il tennista greco Stefanos Tsitsipas dopo la vittoria delle ATP Finals aveva dichiarato di sentirsi “vicino a vincere uno Slam”, ma dopo nemmeno un anno arriva il dietrofront. Intervistato da Alize Lim per Tennis Majors il campione in carica delle ATP Finals ha ammesso di aver sbagliato a caricarsi con tutte quelle aspettative che hanno messo ulteriore pressione su di lui.

“Tornandoci indietro penso di aver detto una cosa troppo grande per essere presa sul serio. Non dovrei guardare così lontano così presto. […] Penso di essermi messo troppa pressione addosso puntando così in alto. Devo prendere tutto questo passo passo e non pensare troppo al futuro. […] Dovrei parlare meno di queste cose e concentrarmi sul presente.”.

L’attuale numero 6 del ranking mondiale dopo la vittoria delle ATP Finals è considerato come il Next Gen più promettente e quello che più probabilmente potrebbe spezzare il dominio dei Big3, vincitori di ogni Slam dal 2017.

 

E proprio parlando degli Slam Tsitsipas non nasconde il suo desiderio. “Dico ogni volta che è la cosa che più voglio in tutta la mia vita, però la mia idea è che se ci pensi troppo potrebbe anche non accadere, quindi è meglio rilassarsi e godersi tutto quello di buono che succede.”

Continua a leggere

Flash

L’ATP lancia un questionario per costruire il tennis del futuro

I tifosi possono esprimere la propria opinione per aiutare Gaudenzi (o chi per lui) a costruire uno sport modellato sulle nuove esigenze degli appassionati

Pubblicato

il

La nuova ATP presidiata da Andrea Gaudenzi – qui intervistato da Ubitennis – ha dimostrato da subito di avere una propensione e un’attenzione particolare per i nuovi media. In questo questionario sarà possibile per i tifosi esprimere le proprie opinioni sul futuro del tennis. Questo aiuterà l’ATP a ricevere il feedback dei tifosi in maniera ottimale per poter programmare le strategie utili a rendere il tennis uno sport sempre più globale.

Come del resto Gaudenzi ha già espresso in diverse occasioni, nella nuova epoca digitale si tratta di competere con l’attenzione del consumatore – e non soltanto con gli appassionati degli altri sport. Il tennis ha tutto per coinvolgere i tifosi dal vivo ma anche per conquistare un nuovo pubblico in competizione con tante altre forme di intrattenimento, sportivo e non. Come? La strada maestra è ovviamente sfruttare le potenzialità del digitale, ma per farlo bisogna conoscere i nuovi gusti del pubblico.

Il questionario è compilabile in pochi minuti cliccando sul link qui in basso.

 

QUESTIONARIO ATP

Continua a leggere

Flash

C’è un Agassi che non gioca a tennis

Il figlio di Steffi Graf e Andre Agassi ha deciso di non seguire le orme dei genitori e di giocare a baseball; è già eleggibile per il draft MLB

Pubblicato

il

I suoi illustri genitori, Andre Agassi e Steffi Graf, non volevano che tentasse una carriera nel mondo dello sport, proprio perché sanno benissimo quanto sia difficile emergere. Jaden Agassi però non se n’è curato, ed ora è considerato uno dei migliori prospetti statunitensi del baseball.

A differenza del padre Andre, che ha dichiarato in Open di “non avere mai amato il tennis”, Jaden ha le idee chiare da quel punto di vista. “Io amo il baseball, amo i miei compagni e il lottare insieme a loro. Con ogni partita arrivano nuove sfide, e adoro doverle risolvere ogni volta“.

Il 18enne americano ha dimostrato di saper portare questo amore dentro il diamante, il campo su cui si gioca a baseball. Alto 1.90 per 96 kg gioca nel ruolo di terza base e di lanciatore per i Las Vegas Recruits, ma ha appena dichiarato la sua intenzione di iniziare la carriera universitaria ad USC, la University of Southern California. Jaden avrebbe potuto dichiararsi da subito per il draft dell’MLB, ma le troppe incertezze dovute al coronavirus e l’infortunio al legamento collaterale ulnare (si è da poco operato) lo hanno indotto a optare per la carriera universitaria, almeno per adesso.

 

Il ragazzo non si è mai vergognato di essere un figlio d’arte. Nonostante non abbia seguito le orme dei genitori, Jaden ha parole di ammirazione per i suoi genitori e la loro carriera. “Mi hanno insegnato sin da bambino ad impegnarmi tanto per migliorare“. Parole ricambiate da papà Andre: “Sono molto orgoglioso di lui. È sempre stato un ragazzo che pensa molto prima di fare qualcosa. Ha imparato come crearsi il proprio percorso di vita e so che andrà sempre oltre i propri limiti per portarlo avanti. Sono orgoglioso di vederlo giocare e per me non c’è bisogno che diventi un fenomeno per poterlo apprezzare quando gioca“.

Per adesso Jaden è solo un giovane prospetto, ma molti scout dell’MLB sono sicuri che il ragazzo farà strada ed è destinato a giocare nella Major League. E chissà che non ritroveremo un altro Agassi a brillare come un diamante… sul diamante.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement