La rimonta di Konta ferma la marcia di Bertens: finale a Roma con Pliskova

WTA

La rimonta di Konta ferma la marcia di Bertens: finale a Roma con Pliskova

Kiki Bertens si ferma a due punti dalla finale, stoppata dalla progressione di Konta. Prima finale a Roma per la britannica, che trova Karolina Pliskova

Pubblicato

il

Johanna Konta - Roma 2019 (foto Twitter @InteBNLdItalia)

J. Konta b. [6] K. Bertens 5-7 7-5 6-2

Si arresta in semifinale il percorso di Kiki Bertens verso quello che avrebbe potuto essere il suo secondo titolo Mandatory/Five consecutivo. Dopo un primo set ben giocato nel quale ha imbrigliato Jo Konta con i suoi schemi da fondocampo, sia offensivi sia difensivi, ha perso via via smalto per poi subire la rimonta dell’avversaria dopo che, giunta a due punti dalla sconfitta, si è scrollata di dosso le sue incertezze ed ha sfoderato un terzo set di grande livello.

Entrambi i precedenti a livello WTA si erano disputati sul cemento nord-americano e Kiki avevaconquistato la sfida più recente a Indian Wells di quest’anno. A questa partita l’olandese ci si è presentata dopo aver disputato solamente due match (secondo e terzo turno, tra l’altro nello stesso giorno) con un tempo totale di gioco di circa quattro ore, mentre la britannica ne ha giocate il doppio restando in campo per 7 ore e 3 minuti. 

Bertens ha impostato il gioco puntando prevalentemente sullo schema servizio e dritto, le sue due armi principali oltre al back di rovescio, ma Konta oggi particolarmente mobile sul laterale, è riuscita a difendersi così bene de poter spesso crearsi l’occasione per passare al contrattacco. Le sue palle corte di rovescio hanno mandato in crisi la n.4 del mondo (che sul 3-3 è anche scivolata in un tentativo di recupero) e a rete Johanna si è presentata più spesso del solito e si è comportata con grande disinvoltura. Purtroppo per lei, però, è mancata nel momento decisivo, quando ha avuto la chance di servire per il set sul 5-4, anche perché Bertens ha fatto vedere, soprattutto in quel frangente, grandi doti di difesa.

 

Perso il primo set, Konta ha fallito anche la chance di consolidare il break ottenuto in apertura di secondo parziale dopo essere andata 30-0, ma invece di annegare nei rimpianti durante la pausa avvenuta sull’1-1 per soccorrere uno spettatore in difficoltà sugli spalti, la tennista britannica è riuscita a cancellare le occasioni appena perdute continuando nel suo tennis di pressione. Nonostante due palle break mancate sul 3-3, una delle quali con una palla corta di diritto messa malamente in rete, Konta ha tenuto il servizio sul 4-5, grazie a due punti anche un po’ fortunati (uno smash colpito molto male rimasto sulla riga e un corpo a corpo a rete) ed ha approfittato di un brutto game di battuta di Bertens per piazzare la zampata vincente nel secondo set.

Una volta passata la paura (era stata a due punti dalla sconfitta, e quello smash scentrato avrebbe mandato Bertens al match point) ed equalizzato il punteggio, Konta ha progressivamente ma inesorabilmente preso il comando della partita, portando il suo gioco ad un livello che Bertens ha mostrato di non avere nella giornata specifica. L’unico momento di incertezza nel set finale si è avuto quando nel corso di un recupero Kiki Bertens ha perso il controllo della racchetta che ha colpito un giudice di linea: il giudice di sedia Kader Nouni non ha avuto dubbio nel considerare l’episodio come un’azione di gioco accidentale e il set è continuato normalmente, lasciando che Johanna Konta completasse in grande stile il match otto minuti prima dello scoccare delle tre ore di gioco.

È la prima finale a Roma per Konta, che non aveva mai superato il terzo turno in tre partecipazioni agli Internazionali BNL d’Italia e che per la prima volta arriva all’atto conclusivo di un torneo Premier 5 dopo le due finali ai Premier Mandatory di Pechino nel 2016 e di Miami nel 2017 dove ha vinto il suo titolo più prestigioso. Per Bertens arriva alla fine una cavalcata che le ha regalato il titolo al Mutua Madrid Open e, da lunedì prossimo, il n.3 della classifica mondiale (se Pliskova non alzerà il trofeo domani) alla vigilia di uno Slam che può sicuramente giocarsi da protagonista.

Vanni Gibertini

[4] K. Pliskova b. [Q] 6-4 6-4

La semifinale tra Karolina Pliskova e Maria Sakkari aveva un unico precedente disputato proprio qui a Roma 12 mesi fa il quale non era affatto passato inosservato. Pliskova era uscita sconfitta tra mille polemiche e lei stessa ha ammesso ieri che “persino io non vedeva l’ora che si disputasse questa partita. Già in un paio di tornei recentemente stava per accadere ma lei aveva perso prima, forse aveva paura di affrontarmi.” Poi però ha smorzato i toni riconoscendo il grande valore del tennis fatto vedere dalla n. 39 del mondo, la quale però oggi forse, se non paura, sicuramente ha sentito la pressione.

Sarà stato per via delle condizioni meteo poco favorevoli (cielo grigio, vento, e pioggia che ha interrotto il match in una occasione a metà primo set), o forse per il precedente burrascoso o ancora per il gioco monocorde da fondo che entrambe propongono, fatto sta che la seconda semifinale femminile non ha entusiasmato particolarmente il pubblico romano che ha sonnecchiato tutto il tempo, fatta eccezione per il gruppetto di greci già fattosi sentire nel match di Tsitsipas. Sakkari però, come il suo compatriota, è stata fallosissima e anche la ceca avrebbe avuto altrettanti problemi nel vincere game se non avesse potuto contare su una battuta così efficiente. Karolina infatti guida con leggero distacco la classifica del conteggio degli ace in stagione (247 contro i 246 di Bertens) e oggi l’aiuto arrivatogli con questo colpo è stato a dir poco fondamentale.

Anche quando Maria riusciva a rispondere alla prima della ceca, entrare nello scambio per lei è stato complicatissimo e il suo andamento altalenante non l’ha certo agevolata. Nel primo set sono stati due break in rapida successione ottenuti al rientro in campo dopo la pioggia, mentre nel secondo la zampata decisiva è arrivata nell’undicesimo game con Sakkari che non può certo essere contenta del suo tennis, diametralmente opposto a ciò che aveva fatto vedere meno di 24 ore prima. Una Pliskova non brillantissima quindi diventa la prima ceca dal 1982 a contendersi il titolo a Roma dopo Hana Mandlíková, e per la n. 7 del mondo sarà la quarta finale in un Premier Mandatory/Five in carriera (1-2 il record). Con Konta Pliskovaè in vantaggio 5-1 nei precedenti.

da Roma, Paolo Di Lorito

Continua a leggere
Commenti

WTA

Halep strepitosa a Dubai, troverà Brady. Rybakina-Martic l’altra semifinale

La romena gioca un secondo e terzo set ai limiti della perfezione contro una buonissima Sabalenka. Sfiderà la sorpresa del torneo, Brady, vincitrice in tre set contro Muguruza. Diciottesima vittoria dell’anno per Rybakina

Pubblicato

il

La partita del giorno a Dubai era sicuramente quella tra Simona Halep e Aryna Sabalenka. A spuntarla è la romena, che da campionessa è riuscita a superare le iniziali difficoltà e a uscire vincitrice da una sfida ad altissima intensità, seppur decisa da parziali dall’andamento molto rapido. Il primo set dura appena 27 minuti, merito di una Sabalenka molto in palla che scappa avanti 4-2, si fa rimontare, ma si riprende immediatamente il vantaggio con una serie di accelerazioni davvero pesanti. Nel secondo set però arriva la prevedibile e violenta reazione di Halep, poco abituata a farsi comandare in questo modo. La numero uno del seeding decide intelligentemente di non dare più angoli all’avversaria mantenendo il palleggio profondo e centrale, spingendo non appena si presenta l’occasione.

Anche in questo parziale si vedono tre break consecutivi, stavolta però alternati in favore di Halep, che poi allunga definitivamente strappando ancora una volta il servizio a Sabalenka: 6-2 e terzo set. Nel parziale decisivo Halep non molla un centimetro e ributta di là dalla rete ogni pallata dell’avversaria, disegnando benissimo il campo e stuzzicando la bielorussa sulla mobilità. Ne risulta un vantaggio di 4-1 che Sabalenka non riesce più a colmare nonostante un’intensità sempre molto alta. L’ultima scintilla di ribellione viene spazzata via da uno strepitoso rovescio in corsa di Halep che suggella il 5-2. Sulle ali dell’entusiasmo arriva anche un secondo break che spalanca ad Halep le porte della semifinale.

Nel penultimo atto, la romena si troverà davanti la sorpresa del torneo, Jennifer Brady, che dopo le vittorie su Elina Svitolina e Marketa Vondrousova ha eliminato anche la finalista dell’Australian Open, Garbine Muguruza. Tre set molto lottati che hanno regalato alla 24enne statunitense la prima semifinale della carriera in un Premier. I set avrebbero anche potuto essere solamente due se Brady avesse concretizzato sul 5-4 e servizio, quanto di buono fatto fino a quel momento. Muguruza è invece riuscita a recuperare lo svantaggio e a spuntarla poi al tiebreak. Alla lunga però i dettagli hanno fatto la differenza e la condizione sfavillante dei colpi di Brady ha iniziato a pesare. Due break consecutivi sul finire del secondo set le hanno permesso di giocarsela al terzo, in avvio del quale ha annullato tre chance di break una di seguito all’altra. Nello spalla a spalla che ne è seguito, il dritto di Brady si è fatto sempre più incisivo e nel decimo gioco le ha consentito di comandare il gioco, centrando un ultimo e decisivo break.

IL TRENO RYBAKINA NON FA FERMATE – Non si vuole fermare Elena Rybakina che elimina in due set la seconda testa di serie, Karolina Pliskova, e centra la diciottesima vittoria del 2020. La partita è una sfida a chi tira più forte tra due giocatrici dalla mobilità piuttosto ridotta (eufemismo), ma dalla grande potenza di fuoco. Pliskova va avanti 4-2 nel primo set, ma si fa subito recuperare. Un vincente dopo l’altro si approda al tiebreak, che Rybakina indirizza subito a proprio favore con un rovescio vincente. Il dritto fa il resto, portandola rapidamente sul 6-0 e poi al 7-1 che chiude il parziale. Nel secondo set, la kazaka cancella la bellezza di cinque palle break nei primi due turni di servizio, riuscendo nel mezzo a sfruttare l’unica in suo favore. Pliskova prova a rimettersi in partita nel quinto game, ma anche quest’ultima chance le scivola dalle mani. Rybakina non concede più nulla e a suon di colpi vincenti (33 alla fine dell’incontro) si guadagna la quarta semifinale della stagione (su cinque tornei disputati).

La sua prossima avversaria sarà l’elegante Petra Martic, che ha avuto la meglio in due set su Anett Kontaveit. Dopo uno scambio di break a inizio incontro, la croata ingrana e intorta la propria avversaria con slice, dritti carichi e velenosissime smorzate. Martic però spreca due palle break, una nel settimo e una nel nono gioco, e rischia tantissimo sul 6-5: Kontaveit infatti alza i giri col dritto e si porta a set point, annullato da Martic con uno splendido serve&volley vincente. Nel tiebreak Kontaveit va avanti 3-1 grazie a un doppio fallo dell’avversaria, ma si dimentica di portarsi dietro il dritto e vince solamente uno dei successivi sette punti. Nel secondo parziale, le energie vengono un po’ meno all’estone che non riesce a portare a casa i punti importanti e cede 6-1, in balia di un’ispiratissima Martic.

Risultati:

[1] S. Halep b. [7] A. Sabalenka 3-6 6-2 6-2
[Q] J. Brady b. [9] G. Muguruza 6-7(5) 6-3 6-4
[8] P. Martic b. A. Kontaveit 7-6(4) 6-1
E. Rybakina b. [2] Ka. Pliskova 7-6(1) 6-3

Il tabellone completo

Continua a leggere

WTA

Halep annulla un match point e avanza a Dubai. Bene Pliskova e Muguruza

Simona si mangia un vantaggio di sei a tre nel tie break del terzo ma salva la qualificazione contro un’eccezionale Jabeur. Ai quarti Sabalenka e Martic. Vondrousova si fa rimontare un set e due break

Pubblicato

il

Simona Halep - Dubai 2020 (via Twitter, @DDFTennis)

I radiocronisti RAI di classe vintage che tanto ci mancano avrebbero definito la vittoria centrata da Simona Halep poco fa sul Centrale dell’Aviation Club “al cardiopalma”. Nel giorno del ritorno alle competizioni dopo la somma delusione patita all’Open d’Australia, quando sembrava la favorita tra le qualificate alla final four e dove invece è crollata nella tremenda fornace della Rod Laver Arena contro Garbine Muguruza, la romena è prima stata sballottata da una Ons Jabeur semplicemente deliziosa, poi ha cambiato marcia trasformando la partita in un feudo intoccabile, e infine ha scialacquato lo scialacquabile, trovandosi a dover annullare un match point prima del sospiro di sollievo finale.

La tunisina, wild card per diritti territoriali ma ampiamente meritevole di un posto tra le trenta magnifiche dell’Emirato, certi pomeriggi, anche solo per qualche mezz’ora di buona vena, è magia purissima. Il primo set, oggi, uno spasso: per tutti, ma non per la numero due del mondo, stordita da tagli, palline narcotizzate e improvvise accelerazioni che mai le hanno consentito di trovare l’amato ritmo. Il break nel quarto gioco, in seguito a un dritto volato lunghissimo, ha dato il via all’assolo, chiuso sul seiuno dopo ventisei minuti da applausi.

Il tennis di Jabeur, difficilino anzichenò, come tutti sanno richiede uno sforzo cerebrale notevole per essere protratto sul medio periodo, specie contro una come la tennista di Costanza, regolare, regolarissima, e in grado di far giocare male la sua avversaria se proprio la giornata è nera al punto da non consentirle di generare i famosi angoli a getto continuo. Così va la vita, e certe volte ce la si aspetta: esaurito l’incantesimo, Halep ha preso di forza il controllo dello scambio rifiutando ogni errore, e la partita è scivolata dalla sua parte addirittura facilmente. Qualche patema per salvare tre estemporanee palle che avrebbero cancellato un break ottenuto all’alba del secondo set e poi via, di volata fino al quattro a uno nel terzo.

 

A quel punto il copione aveva però previsto una nuova, imprevedibile svolta. Riacquistato il possesso della bacchetta magica, Jabeur non ha impiegato molto per far innervosire oltre ogni limite del consentito un’intrattabile Simona, obbligandola a subire un parziale di cinque giochi a uno e riducendola nella scomodissima posizione in risposta per salvare il match, impresa in effetti riuscitale anche grazie alla collaborazione di una Ons nuovamente incerta.

Ons Jabeur – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Nel tiebreak decisivo, altra baraonda: sul sei a tre in suo favore, Halep ha dovuto incassare, tra gesti irripetibili indirizzati al suo angolo muto nonostante la fresca chance di comunicare, un nuovo parziale sfavorevole di quattro a zero, e stavolta è toccato a lei annullare il match point. Gli ultimi tre punti, targati Costanza, sono comunque giunti in suo aiuto per garantirle i sudati quarti di finale, commentati così a caldo: “È davvero difficile leggere il suo gioco perché non ti dà ritmo, può fare dei colpi incredibili“. Il torneo della romena proseguirà contro Aryna Sabalenka. La bielorussa è emersa molto bene da una partita che ci si aspettava più combattuta contro la sorella di doppio Elise Mertens, che l’ha aiutata a scoprirsi doppista di prestigio e con la quale ha vinto l’ultimo Open degli Stati Uniti, nientemeno.

BENE PLISKOVA E MUGURUZA

Nel capo opposto del tabellone si è rivista anche Karolina Pliskova, ma della sua partita contro un’impotente Kiki Mladenovic c’è poco da dire: ventidue punti in più, l’85% con la prima in campo e zero palle break concesse sono la sintesi di un dominio. Nel prossimo turno la Pliskova destrimane affronterà Elena Rybakina, e non sarà una partita scontata. Quella ottenuta ai danni di Katerina Siniakova è la diciassettesima vittoria stagionale per la naturalizzata kazaka e siamo solo al diciannove febbraio. Un anno fa era centonovantasette WTA: l’ascesa è sempre più impressionante.

Dopo il successo nel pubblicizzatissimo incontro con la rientrante Kim Clijsters prosegue nel suo ottimo 2020 Garbine Muguruza, comunque obbligata a una lotta di quasi due ore e mezza dalla sempre più convincente qualificata Veronika Kudermetova. Strappato il primo set sul filo di lana grazie al break del dodicesimo gioco, la nativa di Caracas ha subito nel secondo il ritorno di una rivale abituata a portare a casa scalpi nobili (tre vittorie e due sconfitte in carriera sino a oggi contro le colleghe top 20), prima di sbrogliare la complessa matassa in lotta al terzo, ancora con un break letale nel gioco numero dieci.

Garbiñe Muguruza – Dubai 2020 (via Facebook, @ddftennis)

Lei sta giocando sempre meglio, serve alla grande e la troveremo spesso ai massimi livelli, sono felice di aver vinto una partita così difficile“, ha dichiarato nel dopo-partita Muguruza, che sfiderà per un posto in semifinale la sorpresissima Jennifer Brady, autrice oggi di un autentico miracolo contro la sempre più tormentata Vondrosuova. Sopra di un set e di due break, la finalista dell’ultimo Roland Garros ha finito per essere travolta al terzo set, incassando un’amarissima sconfitta che non risolleverà il suo umore, sempre nero dopo l’operazione al polso dello scorso settembre. Coraggio Marketa, arriveranno presto tempi migliori.

Risultati:

[Q] J. Brady b. M. Vondrousova 4-6 6-4 6-1
[2] Ka. Pliskova b. [Q] K. Mladenovic 6-1 6-2
[9] G. Muguruza b. [Q] V. Kudermetova 7-5 4-6 6-4
[8] P. Martic b. B. Strycova 6-3 6-3
[7] A. Sabalenka b. E. Mertens 6-4 6-3
[SE] E. Rybakina b. [Q] K. Siniakova 6-3 6-3
[1] S. Halep b. [WC] O. Jabeur 1-6 6-2 7-6(7)
A. Kontaveit b. A. Pavlyuchenkova 7-6(5) 7-5

Il tabellone completo

Continua a leggere

WTA

Insurrezione a Dubai: fuori Kenin, Bencic e Svitolina

La regina di Melbourne diventa l’ennesima vittima stagionale della lanciatissima Rybakina. La campionessa uscente cede a Pavlyuchenkova dopo aver vinto i primi diciannove punti del match. Giornata storta per l’Ucraina: fuori anche Yastremska

Pubblicato

il

Gli organizzatori probabilmente avrebbero preferito altri risultati, ma il tennis, tra le sue molte qualità, ha soprattutto quella di essere imprevedibile, specie se si parla di circuito femminile. Nel giorno del lancio del coaching dagli spalti, hanno salutato emiri ed Emirato tre alte teste di serie; tre top ten, per giunta, che ci saremmo aspettati di ritrovare nei pressi del weekend. Si parta dalla fine, visto che l’eliminazione di Sofia Kenin, alla prima uscita dopo il trionfo all’Open d’Australia, è notizia di ampio rilievo, anche se il sorteggio, che comunque non sarebbe potuto essere magnanimo visto il cut-off da capogiri del torneo, le aveva riservato l’avversaria peggiore possibile tra quelle sprovviste di una testa di serie.

Elena Rybakina sta macinando scalpi con ritmi che iniziano a essere inquietanti: per le avversarie, s’intende. Con quella ottenuta oggi a danno della quinta favorita in gara, il bilancio del suo detonante inizio stagione dice sedici vittorie e tre sconfitte, con tre finali già conquistate e l’immacolato record quando la partita si è protratta al set decisivo: sette su sette. Impressionante. Impressionante come la freddezza della ragazza, la quale ha accolto il successo sulla collega più sponsorizzata del momento quasi avesse prevalso in allenamento sulla sparring partner di turno.

E dire che s’era messa male: Kenin avanti un break e quasi, se non proprio, in controllo sulle ali di una fiducia inattaccabile. Ma Rybakina ha le proprie certezze, e a quelle s’è affidata senza smarrire la strada maestra. Al servizio, prima di tutto, fondamentale con cui guida la classifica 2020 per numero di ace messi a segno, che le ha permesso di stare agganciata e di sfruttare il primo passaggio a vuoto di Sofia. Comunque salvatasi al tie break, la numero sette del mondo non ha mai trovato la propria zona di comfort e ha ceduto abbastanza di schianto il secondo set, affannandosi a rincorrere specie sulla diagonale destra senza riuscire a muovere Rybakina, il cui tallone d’Achille starebbe proprio nel gioco di piedi.

 

Costretta alla volata, Kenin è sempre stata sotto, tanto nel punteggio quanto nello scambio, e la palla break, pericolosissima, salvata con la combinazione servizio-rovescio nel quarto gioco della partita decisiva non è valsa a garantirle la serenità tipica dello scampato pericolo. Vistosamente abbandonata dal servizio – per lei appena una prima in campo su due nel terzo set e sei doppi falli in totale – l’americana di Mosca ha finito per capitolare al secondo match point avverso nel nono gioco, dopo che il primo era stato cancellato da hawk-eye per un paio di millimetri illegali.

Rybakina nel secondo turno affronterà Siniakova, in ripresa dopo un periodo di appannamento e oggi capace di rifilare un bagel nel terzo a Karolina Muchova. Il tabellone, in attesa dei debutti di Simona Halep e Karolina Pliskova, si è aperto in modo interessante: perché hanno lasciato Dubai dirette a Doha anche Elina Svitolina e Belinda Bencic, rispettivamente terza e quarta testa di serie. La svizzera, addirittura campionessa uscente, ha ceduto di schianto a Pavlyuchenkova una partita in cui aveva vinto i primi diciannove punti in fila. L’ex Maestra di Odessa, per la quale forse dovremmo iniziare a parlare di crisi, ha raccolto appena tre giochi contro Jennifer Brady. La giornata storta dell’Ucraina è poi proseguita con l’eliminazione di Dayana Yastremska, incapace di difendere un vantaggio di cinque a due nel terzo dalla rimonta di Veronika Kudermetova.

Nel cataclisma generale e in attesa della settima testa di serie Sabalenka, l’unica tra le graduate a passare il turno quest’oggi è stata infine Petra Martic, facilmente districatasi dalle insidiose ragnatele di Su-Wei Hsieh. Semifinalista della scorsa edizione, la quadrumane da Taipei sarà costretta a lasciare la Top 50.

Risultati:

[Q] K. Siniakova b. K. Muchova 6-4 4-6 6-0
[Q] J. Brady b. [3] E. Svitolina 6-2 6-1
[Q] K. Mladenovic b. [Q] A. Sasnovich 6-4 6-3
A. Pavlyuchenkova b. [4] B. Bencic 1-6 6-1 6-1
[Q] V. Kudermetova b. D. Yastremska 5-7 6-3 7-6(2)
[8] P. Martic b. [LL] S-W. Hsieh 6-4 6-3
[SE] E. Rybakina b. [5] S. Kenin 6-7(2) 6-3 6-3
A. Kontaveit b. [Q] S. Cirstea 6-1 6-3
[7] A. Sabalenka b. M. Sakkari 6-2 4-6 6-1

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement