La rimonta di Konta ferma la marcia di Bertens: finale a Roma con Pliskova

WTA

La rimonta di Konta ferma la marcia di Bertens: finale a Roma con Pliskova

Kiki Bertens si ferma a due punti dalla finale, stoppata dalla progressione di Konta. Prima finale a Roma per la britannica, che trova Karolina Pliskova

Pubblicato

il

Johanna Konta - Roma 2019 (foto Twitter @InteBNLdItalia)

J. Konta b. [6] K. Bertens 5-7 7-5 6-2

Si arresta in semifinale il percorso di Kiki Bertens verso quello che avrebbe potuto essere il suo secondo titolo Mandatory/Five consecutivo. Dopo un primo set ben giocato nel quale ha imbrigliato Jo Konta con i suoi schemi da fondocampo, sia offensivi sia difensivi, ha perso via via smalto per poi subire la rimonta dell’avversaria dopo che, giunta a due punti dalla sconfitta, si è scrollata di dosso le sue incertezze ed ha sfoderato un terzo set di grande livello.

Entrambi i precedenti a livello WTA si erano disputati sul cemento nord-americano e Kiki avevaconquistato la sfida più recente a Indian Wells di quest’anno. A questa partita l’olandese ci si è presentata dopo aver disputato solamente due match (secondo e terzo turno, tra l’altro nello stesso giorno) con un tempo totale di gioco di circa quattro ore, mentre la britannica ne ha giocate il doppio restando in campo per 7 ore e 3 minuti. 

Bertens ha impostato il gioco puntando prevalentemente sullo schema servizio e dritto, le sue due armi principali oltre al back di rovescio, ma Konta oggi particolarmente mobile sul laterale, è riuscita a difendersi così bene de poter spesso crearsi l’occasione per passare al contrattacco. Le sue palle corte di rovescio hanno mandato in crisi la n.4 del mondo (che sul 3-3 è anche scivolata in un tentativo di recupero) e a rete Johanna si è presentata più spesso del solito e si è comportata con grande disinvoltura. Purtroppo per lei, però, è mancata nel momento decisivo, quando ha avuto la chance di servire per il set sul 5-4, anche perché Bertens ha fatto vedere, soprattutto in quel frangente, grandi doti di difesa.

 

Perso il primo set, Konta ha fallito anche la chance di consolidare il break ottenuto in apertura di secondo parziale dopo essere andata 30-0, ma invece di annegare nei rimpianti durante la pausa avvenuta sull’1-1 per soccorrere uno spettatore in difficoltà sugli spalti, la tennista britannica è riuscita a cancellare le occasioni appena perdute continuando nel suo tennis di pressione. Nonostante due palle break mancate sul 3-3, una delle quali con una palla corta di diritto messa malamente in rete, Konta ha tenuto il servizio sul 4-5, grazie a due punti anche un po’ fortunati (uno smash colpito molto male rimasto sulla riga e un corpo a corpo a rete) ed ha approfittato di un brutto game di battuta di Bertens per piazzare la zampata vincente nel secondo set.

Una volta passata la paura (era stata a due punti dalla sconfitta, e quello smash scentrato avrebbe mandato Bertens al match point) ed equalizzato il punteggio, Konta ha progressivamente ma inesorabilmente preso il comando della partita, portando il suo gioco ad un livello che Bertens ha mostrato di non avere nella giornata specifica. L’unico momento di incertezza nel set finale si è avuto quando nel corso di un recupero Kiki Bertens ha perso il controllo della racchetta che ha colpito un giudice di linea: il giudice di sedia Kader Nouni non ha avuto dubbio nel considerare l’episodio come un’azione di gioco accidentale e il set è continuato normalmente, lasciando che Johanna Konta completasse in grande stile il match otto minuti prima dello scoccare delle tre ore di gioco.

È la prima finale a Roma per Konta, che non aveva mai superato il terzo turno in tre partecipazioni agli Internazionali BNL d’Italia e che per la prima volta arriva all’atto conclusivo di un torneo Premier 5 dopo le due finali ai Premier Mandatory di Pechino nel 2016 e di Miami nel 2017 dove ha vinto il suo titolo più prestigioso. Per Bertens arriva alla fine una cavalcata che le ha regalato il titolo al Mutua Madrid Open e, da lunedì prossimo, il n.3 della classifica mondiale (se Pliskova non alzerà il trofeo domani) alla vigilia di uno Slam che può sicuramente giocarsi da protagonista.

Vanni Gibertini

[4] K. Pliskova b. [Q] 6-4 6-4

La semifinale tra Karolina Pliskova e Maria Sakkari aveva un unico precedente disputato proprio qui a Roma 12 mesi fa il quale non era affatto passato inosservato. Pliskova era uscita sconfitta tra mille polemiche e lei stessa ha ammesso ieri che “persino io non vedeva l’ora che si disputasse questa partita. Già in un paio di tornei recentemente stava per accadere ma lei aveva perso prima, forse aveva paura di affrontarmi.” Poi però ha smorzato i toni riconoscendo il grande valore del tennis fatto vedere dalla n. 39 del mondo, la quale però oggi forse, se non paura, sicuramente ha sentito la pressione.

Sarà stato per via delle condizioni meteo poco favorevoli (cielo grigio, vento, e pioggia che ha interrotto il match in una occasione a metà primo set), o forse per il precedente burrascoso o ancora per il gioco monocorde da fondo che entrambe propongono, fatto sta che la seconda semifinale femminile non ha entusiasmato particolarmente il pubblico romano che ha sonnecchiato tutto il tempo, fatta eccezione per il gruppetto di greci già fattosi sentire nel match di Tsitsipas. Sakkari però, come il suo compatriota, è stata fallosissima e anche la ceca avrebbe avuto altrettanti problemi nel vincere game se non avesse potuto contare su una battuta così efficiente. Karolina infatti guida con leggero distacco la classifica del conteggio degli ace in stagione (247 contro i 246 di Bertens) e oggi l’aiuto arrivatogli con questo colpo è stato a dir poco fondamentale.

Anche quando Maria riusciva a rispondere alla prima della ceca, entrare nello scambio per lei è stato complicatissimo e il suo andamento altalenante non l’ha certo agevolata. Nel primo set sono stati due break in rapida successione ottenuti al rientro in campo dopo la pioggia, mentre nel secondo la zampata decisiva è arrivata nell’undicesimo game con Sakkari che non può certo essere contenta del suo tennis, diametralmente opposto a ciò che aveva fatto vedere meno di 24 ore prima. Una Pliskova non brillantissima quindi diventa la prima ceca dal 1982 a contendersi il titolo a Roma dopo Hana Mandlíková, e per la n. 7 del mondo sarà la quarta finale in un Premier Mandatory/Five in carriera (1-2 il record). Con Konta Pliskovaè in vantaggio 5-1 nei precedenti.

da Roma, Paolo Di Lorito

Continua a leggere
Commenti

WTA

WTA Madrid: Sabalenka sa vincere anche sulla terra, battuta Barty al terzo

MADRID – La 23enne bielorussa batte la n. 1 del mondo prendendosi la rivincita dopo Stoccarda, da lunedì sarà n. 4 del mondo. L’australiana poco incisiva nei momenti chiave

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - WTA Madrid 2021 (ph. Mateo Villalba)

dal nostro inviato a Madrid

[5] A. Sabalenka b. [1] A. Barty 6-0 3-6 6-4

La ruota del tennis è un continuo girare ed era solo questione di tempo prima che Aryna Sabalenka tornasse a battere Ashleigh Barty. Dopo aver perso le due recenti sfide infatti la bielorussa è riuscita ad avere la meglio sulla n. 1 del mondo e a conquistare a Madrid il titolo n. 10 della sua carriera. Anche due settimane fa a Stoccarda si ritrovarono in finale e in quell’occasione era partita alla grande ma aveva ceduto alla distanza. Oggi invece, dopo una partenza sprint ha sì avuto un calo nel secondo set ma in quello decisivo ha sfruttato l’unico passaggio a vuoto della sua avversaria proprio ad un passo dal traguardo. Con questo successo Aryna ottiene il suo best ranking diventando n. 4 del mondo scalzando Sofia Kenin e lo fa vincendo il suo primo titolo su una superficie che non sia cemento, a conferma di come qui in altura la palla viaggi molto ma anche di come lei stia lavorando sempre di più per essere una giocatrice completa. A 23 anni del resto i tempi sono maturi per fare un ulteriore salto di qualità e sarà tenuta sempre più a dimostrarlo negli Slam.

 

IL MATCH – Le due tenniste hanno una grossa arma nella battuta ma eccetto questa somiglianza il loro gioco differisce eccome: Ash ha molta più tecnica, usa con insistenza il back di rovescio e non disdegna la rete, ad Aryna invece piace controllare le operazioni da fondo cercando subito l’accelerazione. Questo scontro di stili oggi ha iniziato ad incastrarsi solamente a secondo set inoltrato, e tutto sommato ne è venuto fuori un match godibile ma non spettacolare deciso più dagli errori che dai vincenti. 
Il limpido cielo mattutino col volgere della giornata è stato completamente coperto da nuvole non eccessivamente minacciose, ma il vento che le ha condotte è rimasto persistente durante tutta la giornata. Il pubblico del Manolo Santana Stadium non si è schierato a favore di una delle due tenniste bensì ha preferito lasciarsi stupire dai colpi di entrambe. Oltre a loro, chi sembra essersi stupita eccome sembra esser stata anche l’australiana la quale è stata letteralmente surclassata dalla n. 7 del mondo nel primo set, perso 6-0. Il primo break è arrivato in un game nel quale la 25enne aveva avuto più volte palla game ma una serie di banali errori gliel’hanno compromesso. Sabalenka non è una che si fa pregare né una che ha  timori reverenziali: se c’è una cosa che sa fare alla grande è spingere sin dalla risposta e non ha lasciato respiro a Barty. Lei ci ha messo del suo sembrando persino frettolosa di andare a servire durante i suoi turni e il tutto si è concluso in 25 minuti.

Nel secondo parziale Barty è stata molto più efficace sia in risposta che con il rovescio tagliato – spesso combinando le due cose – e con due break ha è tornata in parità vincendo il set 6-3. La frustrazione è iniziata a palesarsi sul volto di Sabalenka (anche a livello sonoro con qualche urlo) ed è stata lei la prima a concedere delle chance nel set decisivo. Tuttavia una volta scampato il pericolo con all’aiuto del servizio non ha più tremato con questo colpo, anzi a farlo è stata l’australiana nel nono game. Un rovescio tagliato in rete e un doppio fallo l’hanno mandata sotto 0-40 e la 23enne alla prima occasione ha lasciato immobile la sua avversaria con una risposta di rovescio lungolinea. Andata a servire per il match la n. 7 del mondo non ha sentito pressione e con grande scioltezza ha proseguito la sua serie concludendo con 11 punti consecutivi e dopo un’ora e 40 minuti ha vinto 6-0 3-6 6-4.

Questa sconfitta mette fine alla striscia di 16 successi consecutivi sulla terra rossa per Barty, iniziato al Roland Garros 2019, ed è arrivato con il primo 6-0 subito in una finale WTA per lei; Sabalenka invece alza il titolo a Madrid alla terza partecipazione avendo perso sempre al primo turno nel biennio 2018-19. Dopo questo match i detrattori di Barty potranno continuare ad affermare che lei non meriti la classifica che ha (nonostante qui abbia eliminato Swiatek e Kvitova) mentre quelli di Sabalenka la continueranno ad accusare di saper solo tirar forte (come se prediligere un gioco di potenza non possa essere una scelta di stile, vedi Kvitova). Loro due invece continueranno a seguire la propria strada e a Roma saranno impegnate nello stesso quarto di tabellone; assisteremo ad un altro capitalo di questa saga? 

Continua a leggere

Flash

Il tabellone femminile di Roma 2021

Sorteggiato il tabellone femminile dell’edizione 2021 degli Internazionali BNL d’Italia. Giorgi debutta contro Sorribes Tormo, Cocciaretto pesca Garcia. Sabalenka nel quarto di Barty, Serena Williams in quello di Osaka

Pubblicato

il

Simona Halep - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Tutte le giocatrici migliori in campo a Roma: il torneo WTA completerà nel migliore dei modi la settimana di grande tennis al Foro Italico. Ai nastri di partenza non ci sono defezioni (salvo novità dell’ultima ora) tra le prime dieci del mondo: a guidare il tabellone femminile estratto oggi è l’australiana numero uno del mondo Ashleigh Barty (che oggi si giocherà il titolo a Madrid contro Aryna Sabalenka), con la giapponese Naomi Osaka testa di serie numero due. A ingolosire gli appassionati ci saranno anche le performances della campionessa uscente Simona Halep e dell’ultima regina del Roland Garros, Iga Swiatek. Ed è presente a Roma anche Serena Williams, le cui condizioni sono tutte da valutare. La campionessa americana resta comunque uno dei grandi volti della settimana di tennis che ci apprestiamo a vivere.

E le italiane? Sono tre le azzurre presenti nel main draw grazie a delle wild card, in attesa dei risultati delle qualificazioni: si tratta di Camila GiorgiMartina Trevisan ed Elisabetta Cocciaretto.

IL TABELLONE – Parte alta

 

IL TABELLONE – Parte bassa

Il link al tabellone completo (aggiornato quotidianamente)

OTTAVI TEORICI

[1] A. Barty vs [14] E. Mertens
[9] Ka. Pliskova vs [7] A. Sabalenka
[4] S. Kenin vs [15] I. Swiatek
[12] G. Muguruza vs [5] E. Svitolina

[6] B. Andreescu vs [11] P. Kvitova
[16] J. Konta vs [3] S. Halep
[8] S. Williams vs [10] B. Bencic
[13] J. Brady vs [2] N. Osaka

IL SORTEGGIO DELLE ITALIANE

[WC] C. Giorgi vs S. Sorribes Tormo
[WC] M. Trevisan vs J. Shvedova
[WC] E. Cocciaretto vs C. Garcia

INFORMAZIONI SUL TORNEO

Entry list

  • tabellone a 56 giocatrici (16 teste di serie, 8 bye)
  • 45 giocatrici entrate per accettazione diretta
  • 8 qualificate (il tabellone delle quali)
  • 3 wild card

Il sito ufficiale del torneo

Copertura televisiva

Il torneo sarà visibile su Supertennis, canale 64 del digitale terrestre.

Calendario di gioco

Lunedì 10: primo turno
Martedì 11: primo e secondo turno
Mercoledì 12: secondo turno
Giovedì 13: ottavi di finale
Venerdì 14: quarti di finale
Sabato 15: semifinali
Domenica 16: finale

Continua a leggere

Flash

Barty si prende la rivincita su Badosa, a Madrid è di nuovo finale con Sabalenka

MADRID – La n.1 del mondo domina contro la tennista di casa e raggiunge la quarta finale della stagione. Si ripete la sfida di Stoccarda contro Sabalenka

Pubblicato

il

Dal nostro inviato a Madrid,

[1] A. Barty b. [WC] P. Badosa 6-4 6-3

Non si è fatta sorprendere una seconda volta la n. 1 del mondo Ashleigh Barty contro Paula Badosa. La wild card spagnola infatti aveva vinto il loro unico precedente il mese scorso sulla terra verde di Charleston ma ieri in conferenza aveva assicurato: “queste giocatrici non fanno due volte lo stesso errore” e così è stato. Barty ha vinto 6-4 6-3 in un’ora e 15 minuti ottenendo la 16esima vittoria consecutiva sulla terra rossa europea (a partire dal Roland Garros 2019) centrando la quarta finale dell’anno. Per Badosa comunque resta un ottimo torneo che le darà gran fiducia per la restante stagione su questa superficie. 

Entrambe le giocatrici hanno una battuta capace di regalarle tante soddisfazioni ma oggi per Paula questo colpo è stato croce e delizia. Barty è rimasta imperturbabile di fronte ai servizi vincenti della sua avversaria e quando si entrava nello scambio è stata quasi sempre lei a controllarlo. I suoi vincenti sono stati di pura posizione, colpi precisi e irraggiungibili dopo aver spostato a dovere l’avversaria, mentre è stata la n. 62 del mondo a ricorrere più spesso alla potenza pura. La pressione di giocare in casa e di essere la prima semifinalista spagnola nella storia del torneo però l’ha pagata a caro prezzo, e al momento di servire nel decimo game quanto di buono fatto fino a quel momento è stato vanificato da un doppio falll che ha mandato l’australiana avanti di un set. 
Nel secondo parziale l’equilibrio è durato ancora meno e di nuovo è stato interrotto da un doppio errore alla battuta di Badosa. Con Ash avanti 3-1, tutto lo stadio si è esibito in un caloroso applauso di incoraggiamento che ha sortito, almeno in parte, l’effetto sperato: Badosa si è rifatta sotto cercando l’immediato contro-break e ha anche avuto tre chance per farlo. Barty però è stata più solida, conscia che mantenere il servizio in quel momento sarebbe stato letale per la sua avversaria. Da vera numero 1 ha mantenuto la battuta e nei suoi due successivi turni ha concesso solo due punti chiudendo con un ace a 182 km/h.

[5] A. Sabalenka b. A. Pavlyuchenkova 6-2 6-3

Nell’ultimo match della giornata non c’è stata proprio storia: la bielorussa n. 7 del mondo ha battuto nettamente la russa Pavlyuhenkova arrivata a questa sfida senza più energie dopo le maratone dei giorni scorsi. Due break per set hanno condannato la n. 41 del mondo ad una sconfitta contro una giocatrice decisamente di un altro livello. “Guardando dall’esterno sembra che tutto giri nel verso giusto” ha ammesso Aryna Sabalenka in conferenza stampa. “Non so spiegarlo, io resto concentrata sul mio gioco, su quello che devo fare in campo. Non penso molto al punteggio o ad altro. Mi diverto sempre in campo, questa è la mia personalità. Questa settimana qui è come se fosse scattato qualcosa e mi avesse indirizzato nella giusta direzione. Inoltre qui ci sono i fan che mi sostengono e la cosa mi è mancata tantissimo.” La bielorussa ha proferito tutte queste parole con un beato sorriso sul viso; chi cercherà di toglierlo adeso sarà la n. 1 del mondo Barty. Le due si sono affrontante in finale al WTA 500 di Stoccarda due settimane fa e a vincere fu l’australiana: quale modo migliore dunque per concludere questa settimana se non con una rivincita?

 

Il tabellone aggiornato con tutti i risultati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement