Bautista Agut batte Pella nella sfida degli underdog: è la sua prima semifinale Slam

ATP

Bautista Agut batte Pella nella sfida degli underdog: è la sua prima semifinale Slam

LONDRA – Il “quarto” meno nobile regala una bella partita e un nuovo semifinalista Slam

Pubblicato

il

Roberto Bautista Agut - Wimbledon 2019 (via Twitter, @wimbledon)
 
 

[23] R. Bautista Agut b. [26] G. Pella 7-5 6-4 3-6 6-3 (da Londra, il nostro inviato)

Se poteva esserci qualche dubbio su quale dei “Big 3” non sarebbe stato programmato sul campo centrale nella giornata di quarti di finale, era abbastanza scontato che il match “latino” tra Roberto Bautista Agut e Guido Pella avrebbe ottenuto il campo n.1. Nonostante entrambi siano testa di serie (n.23 lo spagnolo e n.26 l’argentino), la loro presenza a questo punto del torneo è tutto sommato abbastanza sorprendente e, per qualcuno, un ulteriore prova che l’erba di quest’anno è venuta decisamente lenta.

Bautista Agut era sicuramente il favorito alla vigilia e si è dimostrato il giocatore più solido durante tutte le tre ore e tre minuti del match, durante il quale soltanto a sprazzi Pella è riuscito a tenere il controllo degli scambi, soprattutto con il rovescio bimane, ma troppe volte è stato tradito dagli errori di diritto.

 

LA PARTITA – Molto più lesto Bautista Agut a uscire dai blocchi, approfittando anche di una comprensibile emozione di Pella al suo esordio nei quarti di finale di uno Slam. Il suo diritto, molto più liscio della frustata mancina del suo avversario, fila che è una meraviglia nell’aria decisamente più calda di questo mercoledì londinese (temperatura quasi estiva, prima delle piogge previste per il fine settimana) e in nemmeno 20 minuti si porta 3-1 con tre palle per il 4-1 pesante. Cinque punti dell’argentino accendono il match, che con Pella liberato dalla tensione iniziale e decisamente più aggressivo da fondo diventa avvincente ed equilibrato. In un ottavo game da 16 punti giocati, il sudamericano ottiene il controbreak per il 4-4 alla sesta occasione per poi passare in vantaggio sul 5-4 con un altro game-fiume (18 punti) nel quale riesce a rimediare a ben quattro errori non forzati da fondo.

Pella è propositivo, ma sbaglia decisamente troppo: nel turno di battuta successivo non riesce a compensare i troppi “grautiti” (altri tre), cede la battuta e con quella il set dopo 59 minuti di gioco.

La giornata da pubblico “posh mainstream” (i biglietti per i quarti di finale sono tutt’altro che a buon mercato) e l’incontro da “hipster” sul campo n.1 provocano un curioso mix: ogni palla che va vicino alla riga provoca un mormorio tipico degli spettatori non abituati al tennis, ma un paio di puntualissimi overrule nel primo set, avallati dal comportamento esemplare dei giocatori e dalla occasionale benedizione di Hawk-Eye, hanno riportato immediatamente l’atmosfera ad un aplomb più consono al Campo n.1 di Wimbledon.

Dopo il break subito all’ottavo game, Bautista Agut tiene tre turni di battuta cedendo un solo quindici e infila cinque giochi consecutivi prendendo il comando del punteggio anche nel secondo set. Pella evita il tracollo scongiurando il doppio break, ma la sua mancanza di continuità da fondo non riesce a scalfire la corazza di Bautista Agut che porta il vantaggio fino alla fine e sale due set a zero dopo 1 ora e 42 minuti.

Gli spagnoli dietro di noi confermano che “hay mucho calor”, la giornata è decisamente calda, non solo per gli standard britannici. Vorrebbero passare velocemente al secondo match di oggi per loro, quello di Nadal, ma Pella è di altro avviso: sfruttando un lieve rilassamento fisiologico di Bautista Agut, l’argentino prende a menare di diritto con rinnovato vigore e sale subito 3-0. Lo spagnolo rimane in scia, prova a insistere con colpi bassi e tagliati sul rovescio di Pella ma l’argentino è decisamente più regolare, e sale 5-2 con uno splendido guizzo a rete che fa esplodere il pubblico del n.1. Sugli scambi a ritmo più elevato Pella sembra trovarsi a meraviglia: dopo aver fallito un set point sul 5-2, deve salvarsi da una delicatissima palla del controbreak sul 5-3, ma la annulla ottimamente con un serve and volley, conquistando il terzo set un paio di minuti dopo.

All’inizio del quarto parziale il match gira in un attimo: sull’1-1 Bautista Agut cancella bene due palle break e poi, nel game seguente, è lui che riesce a strappare la battuta a Pella grazie a un altro gratuito di diritto issandosi subito sul 4-1. Con grande coraggio l’argentino attacca per annullare una palla dell’1-5 e rimanere con soltanto un break di ritardo, ma il palleggio di Bautista Agut è profondissimo e impedisce al suo avversario di picchiare come ha fatto nel set precedente. Quel break però si rivela decisivo, ed è lo spagnolo a poter festeggiare, indice al cielo, la sua prima semifinale di un torneo dello Slam, nella quale affronterà il n.1 del mondo Novak Djokovic.

Era ovviamente una bella occasione per tutti e due – ha detto Bautista Agut dopo il match – quindi il match è stato complicato anche dal punto di vista emotivo. Sono molto contento del torneo che ho fatto, mi piace molto l’erba e sono ancora più felice del mio Wimbledon dopo essermi dovuto ritirare lo scorso anno e guardare le partite in televisione“.
Il percorso sui prati londinesi ha scombinato un po’ i piani di Roberto che aveva previsto di celebrare il suo addio al celibato proprio il prossimo fine settimana a Ibiza: “Ci sono sei miei amici che sono già là, era tutto organizzato, ora credo che li farò venire a Londra“.
Il suo stile di gioco piuttosto atipico con uno spagnolo, con prese decisamente aperte, è molto adatto al tennis su erba in quanto include colpi piuttosto piatti: “Nel club dove sono cresciuto in Spagna ci sono 15 campi tutti sulla terra battuta: niente cemento, niente erba. Il motivo per cui le mie impugnature sono così aperte è che fin da molto piccolo ho giocato con racchette molto pesanti, e giocare con poca rotazione era l’unico modo che avevo per effettuare i colpi“.
In semifinale per lui ci sarà Novak Djokovic, già battuto nei due precedenti incontri disputati quest’anno: “Credo che anche se non ci siamo mai incontrati sull’erba sarà una partita piuttosto simile alle altre che abbiamo giocato, anche se per me ci sarà da gestire la situazione nuova del campo centrale e di una semifinale di Wimbledon, cosa che invece per lui non è nuova per nulla“.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Scanagatta: “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi” [VIDEO]

Il commento del direttore: Carreno Busta come Fabio Fognini: primo Masters 1000 dopo i 30 anni. Dai 2 azzurri di Montreal ai 5 di Cincinnati. Ma brutti sorteggi

Pubblicato

il

Da Orbetello a Montreal 9 anni dopo. “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi”.

CONFERENZA CARRENO BUSTA

TABELLONE ATP 1000 CINCINNATI

 

Continua a leggere

ATP

ATP Cincinnati: Fognini perde ma è ripescato, si qualificano Sonego e Musetti. Si conosce l’avversario di Sinner

Si aggiungono tre italiani al tabellone principale, dopo Berrettini e Sinner. L’altoatesino affronterà il qualificato Kokkinakis

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Rio 2022 (Twitter - @RioOpenOficial)
Fabio Fognini - Rio 2022 (Twitter - @RioOpenOficial)

Si sono completati ieri domenica 14 agosto i turni decisivi delle qualificazioni per il Masters 1000 di Cincinnati, in cui erano impegnati tre italiani. In pallio i sette posti per il tabellone principale (sorteggiato nei giorni scorsi, con Berrettini e Sinner inclusi) e, in un modo o nell’altro, tutti gli azzurri hanno centratol’obiettivo. Fabio Fognini, Lorenzo Muetti e Lorenzo Sonego prenderanno parte al Western & Southern Open. Il tennista ligure numero 61 era tuttavia stato sconfitto – 7-6(9) 7-5 perdendo la battuta tre volte in totale – dallo statunitense Marcos Giron, una manciata di posizioni più in alto di lui nel ranking. La defezione di Alexander Bublik ha comunque liberato un posto, e il sorteggiato fortunato è stato proprio Fabio Fognini il quale esordirà contro Alberto Ramos Viñolas nella giornata di martedì.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

I due Lorenzo invece hanno rispettato senza grosse difficoltà il loro pronostico. Il primo è stato Sonego, vittorioso 6-2 6-4 sul 31enne Bradley Klahn (ex n.63, attualmente sprovvisto di classifica dopo l’operazione alla schiena nel dicembre 2020). Per Sonego sono bastati 76 minuti, durante i quali ha concesso una sola palla break, annullata, e ha brekkato tre volte il suo avversario; per il torinese ora ci sarà un’altra wild card locale, Ben Shelton (19 anni, n.229). Lorenzo Musetti invece, che con la posizione n.33 era testa di serie n.1 nelle qualificazioni, ha battuto il sempre ostico Dusan Lajovic con un doppio 6-4 in un’ora e 36. Ora per il 20enne carrarese la sfida col croato Borna Coric, sul quale aleggiano ancora interrogativi sulle sue condizioni, visto che di fatto è ancora in fase di recupero.

 

Altri nomi di spicco che hanno preso parte al tabellone cadetto sono l’ex top10 David Goffin – vittorioso su Chun Hsin Tseng per 3-6 6-3 6-0 – e Thanasi Kokkinakis – che ha battuto contro pronostico Ilya Ivashka per 7-5 1-6 7-5. Il belga Goffin ora esordirà al primo turno del tabellone principale contro un altro qualificato, Giron, mentre l’australiano Kokkinakis sarà avversario di Jannik Sinner.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

Continua a leggere

ATP

ATP Montreal, Carreno Busta: “Quest’anno non abbiamo ottenuto buoni risultati, ma ora possiamo dire di avere il nostro trofeo”

“In questo momento della mia carriera a 31 anni, ho solo bisogno di divertirmi” così Pablo Carreño Busta, dopo la prima vittoria il un 1000

Pubblicato

il

Pablo Carreno Busta - Montreal 2022 (foto Twitter @OBNmontreal Pascal Ratthe/Tennis Canada)

Il 31enne Pablo Carreño Busta ha battuto in tre set Hubert Hurcakz vincendo il Masters 1000 canadese, il primo della sua carriera di questa categoria. Di seguito la conferenza stampa del tennista spagnolo dopo il successo.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Montreal

D. Di cosa sei più orgoglioso per questo titolo e questa settimana?
PABLO CARRENO BUSTA: Beh, devo ringraziare tutta la mia squadra. Fanno un lavoro incredibile con me più mentalmente che con il tennis (sorridendo). È molto importante. Credono più in me stesso di quanto lo faccia io, probabilmente. Mi danno l’energia, il potere, per essere qui, no? Tutta la mia squadra presente qui, ma anche qualcuno che mi aspetta a Cincinnati, e Walter, il mio preparatore atletico che ora è a Barcellona. Grazie a tutti loro perché sono molto, molto importanti per me.

 

D. Ovviamente non è il tuo primo titolo in carriera, ma dove si colloca questo successo?
PABLO CARRENO BUSTA: Non è il primo, ma è probabilmente o sicuramente il più importante. È un Masters 1000. È qualcosa di fantastico vincere questo tipo di titoli. Probabilmente quest’anno non abbiamo ottenuto buoni risultati, ma finalmente possiamo dire che abbiamo il nostro trofeo, ed è un trofeo molto, molto importante.

D. Ricordo che l’anno scorso quando hai vinto la medaglia di bronzo alle Olimpiadi eri emozionato. Oggi eri anche emotivo. Due gare molto diverse. Puoi confrontare i sentimenti tra l’anno scorso e quello di oggi?
PABLO CARRENO BUSTA: È difficile fare un confronto perché le Olimpiadi sono le Olimpiadi. Era una medaglia di bronzo. Non ho vinto come oggi. Ma ho battuto Medvedev. E battere Djokovic per vincere la medaglia di bronzo è stato sicuramente il momento più emozionante della mia carriera. È vero che oggi ovviamente mi sento anche molto, molto felice. È diverso, ma me li sto godendo entrambi. Vorrei continuare a divertirmi.

D. Chi hai chiamato per primo quando sei tornato negli spogliatoi? I tuoi genitori, la tua famiglia?
PABLO CARRENO BUSTA: Beh, ho mio padre con me qui. Mio padre chiamava mia madre e mia nonna. Così ho parlato con loro. Dopo di che ho chiamato il mio Samuel che è a Cincinnati che mi aspetta. Arriva ieri. Adesso cambiamo allenatore. Jose Antonio sta tornando a casa. Sono con Samuele. Queste sono entrambe le chiamate. Anche a mia moglie che è in Spagna. Quindi cercherò di chiamare molte persone. Ma ora in Spagna stanno dormendo. Stavano guardando la mia partita. Quando ho finito, sarebbero dovuti andare a dormire. Probabilmente domani con più calma parleremo con molte persone.

D. Puoi spiegare perché giochi sempre il tuo miglior tennis all’aperto sui campi in cemento? Qual è il tuo gioco che si abbina bene al cemento?
PABLO CARRENO BUSTA: Beh, io sono cresciuto su questa superficie, su questi campi, quando ero nella mia città natale a Gijon. Quando ero giovane, mi allenavo sempre su questa superficie, quindi mi sento molto a mio agio. È vero che quando andai a Barcellona a 15 anni cominciai a giocare di più sulla terra battuta. Quindi è per questo che gioco bene su entrambe le superfici, penso. Ma è vero che in questa parte dell’anno, ad agosto, quando vengo in America, in Canada e negli Stati Uniti, mi sento davvero a mio agio in campo. Probabilmente faccio il mio miglior tennis qui.

D. Sei in tour da 13 anni. Hai aspettato a lungo un titolo come questo. C’è mai stato un momento nella tua carriera in cui hai pensato di non avere le carte in regola?
PABLO CARRENO BUSTA: Non c’è stata una pressione in più. So che non è facile vincere questo tipo di titoli. Non tutti hanno un Masters 1000 nella loro carriera. Ad esempio, Ferrer era il numero 3 al mondo e ne ha vinto appena uno. So che è molto difficile vincerlo. Non c’era una pressione extra per avere questo titolo. Ma è vero che ora ce l’ho e mi divertirò. Cercherò di continuare non concentrandomi solo sui trofei, più sul godermi i momenti, godermi il mio gioco, godermi i tornei, la vita in generale. So che in questo momento della mia carriera con 31 anni, ho solo bisogno di divertirmi. Probabilmente ho qualche anno in più, non so, tre, quattro, cinque, sei, spero siano di più ma non lo sappiamo, quindi devo divertirmi molto.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Montreal

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement