Quando un bambino fa il mental coach

Flash

Quando un bambino fa il mental coach

Un commovente episodio ha coinvolto la tennista britannica Emily Webley-Smith e un giovanissimo ball boy di nome Spencer durante le qualificazioni per l’ITF di Lexington

Pubblicato

il

 
 

In “Oliver Twist,” l’omonimo (e francamente inerte) protagonista pensa, nelle parole del narratore onnisciente: “Per il resto della sua vita, Oliver Twist ricorda ogni singola parola di benedizione pronunciata da un altro bambino, perché quella parola si ergeva straordinariamente dal persistente sconforto che lo circondava”. E in maniera non dissimile si deve essere sentita la britannica Emily Webley-Smith durante il suo secondo match di qualificazione nel combined di Lexington, in Kentucky (ITF da 60.000 dollari), tanto da condividere l’episodio su Instagram. L’account Twitter ufficiale dell’ITF ha poi deciso di riprendere la storia sotto forma di thread.

View this post on Instagram

Yesterday during the last round of qualifying for Lexington 60k tournament the coolest thing happened to me. Spencer, who is 9 years old, was a ball boy on my court and in super humid conditions was doing a great job with only 2 others on the court to help him. I won the 1st set 6-4 and was 6-5 down in the 2nd when it started to rain but we were told to stay on the court and Spencer to put the umbrella up. It was tricky so I asked if he needed help and told him he could sit on my bench under the umbrella with me to stay out of the rain. So he did. And as we were there a little while I said if it gets too heavy we can take turns to hold the umbrella. So I’m sitting there, feeling pretty sad and frustrated at the way I’m playing, and thinking that I really don’t want to have to play a super tiebreak 3rd set to decide this match. I can feel that Spencer is watching me and with my head in the towel he looks up at me and says: “I hope you know you’re a really good tennis player.” Clearly I must have looked like I did not think that, and the perception of this little boy to say such a thing at that time, was incredible. I almost cried, then I smiled and said thankyou. The umpire said the court was ready to play and as I helped him put the umbrella down he said: “You can win”. And looked at me so earnestly that I had no choice but to say yes I can. I took the balls, I held serve, and I won the tiebreak to win the match in 2 sets. And I learnt 3 life lessons from Spencer. Firstly, a little positivity goes a long way, even when it’s the hardest thing in the world to stay so with ourselves, or to take the time to encourage others. Secondly, in a sport where you never ever feel good enough, from one point, one day, one week to the next, whatever you think about yourself is just your own perception. Because in Spencer’s eyes, I was good at tennis, and right there in the present moment, that was all that mattered to him to let me know that, because I looked sad. Lastly, a reminder that every action has an impact, and our attitude is an example to those around us at all times. Stay strong, you never know who you may be inspiring. Spencer, you are a hero. Thankyou 🙏🏽

A post shared by Emily Webley-Smith (@emilywebleysmith) on

 

La trentacinquenne, terza nel seeding delle qualificazioni e N. 517 del ranking WTA, stava giocando contro la statunitense Shatoo Mohammad. Vinto il primo set 6-4, era sotto per 6-5 nel secondo parziale, quando la pioggia, che di certo non lesina di presenziare nell’est degli USA durante questo periodo dell’anno, ha interrotto le operazioni. Come molti tennisti, Webley-Smith deve aver percepito l’interruzione come particolarmente nefasta. Sentiva di essere lì lì dal perdere il set e, molto probabilmente, la partita.

Sconfortata, aveva sotterrato il volto nell’asciugamano, quando Spencer, ball boy di 9 anni che la stava riparando, le ha detto: “Spero che tu sappia di essere una grande tennista”. Folgorata dalle parole del bambino, la britannica lo ha ringraziato, quasi in lacrime, prima che Spencer, all’annuncio di ripresa del gioco da parte del giudice di sedia, aggiungesse: “Puoi vincere”.

Stando alle parole della Webley-Smith, lo sguardo di Spencer era talmente diretto che non si sarebbe potuta esimere dalla vittoria anche volendo: servizio tenuto e tie-break vinto a 3, qualificazione in tasca.

EMILY – Nativa di Bristol, best ranking di 240 in singolare, ha passato l’interezza della sua carriera nei circuiti ITF. Non ha la fortuna, se di fortuna si può parlare, di far parte del novero di tenniste albioniche che si affacciano sul tour principale – via wild card – quasi esclusivamente durante la stagione erbacea.

Webley-Smith ha poi perso nettamente (6-1 6-2) il match di primo turno con un’altra statunitense, la testa di serie N. 2 Ann Li, ma è ancora in gioco nel doppio, dove è a sua volta deuteragonista del seeding, in coppia con la giapponese Junri Namigata, assieme alla quale ha vinto il match d’esordio addirittura con due bagel. Chissà che le parole di Spencer non diventino un talismano per il quinto titolo ITF di doppio del 2019.

Di certo però le rimarranno le tre lezioni che ha scritto di aver appreso dal ball boy: primo, un briciolo di positività porta lontano, anche quando sembra la cosa più dura da provare; secondo, la percezione di non essere bravi abbastanza è puramente solipsistica, perché per un occhio esterno lei era abbastanza forte da cavarsi d’impaccio, e a ragione; terzo, che ogni azione ha un impatto, e che il nostro atteggiamento non deve mai smettere di essere un esempio per chi ci sta attorno. Niente da aggiungere, se non che è confortante sapere che la gentilezza senza secondi fini praticata da Spencer può esistere anche laddove gli atleti e le atlete lottano letteralmente per sopravvivere.

Tommaso Villa

Continua a leggere
Commenti

ATP

Replica di Wimbledon: “Profonda delusione. Chiedere ai giocatori dichiarazioni scritte è un rischio”

Secondo l’AELTC, non assegnare punti è una “decisione sproporzionata e dannosa per tutti i giocatori”

Pubblicato

il

Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Si è fatta attendere circa un’ora la replica dell’All England Lawn Tennis & Croquet Club, il circolo che organizza il torneo di Wimbledon, alla decisione da parte di ATP e WTA di non assegnare punti per il prossimo Slam londinese. Nel comunicato, vengono rispiegate le motivazioni che hanno portato all’esclusione dei tennisti russi e bielorussi dai tornei sul suolo britannico (cioè la forte presa di posizione del governo locale contro la Russia), e si sottolinea il fatto che interpellare giocatori russi e bielorussi singolarmente – magari con dichiarazioni scritte – possa rappresentare un “rischio significativo”.

“Apprezziamo il fatto che le opinioni divergano in relazione alla nostra decisione di rifiutare le iscrizioni di giocatori russi e bielorussi ai Championships di quest’anno e ci rammarichiamo profondamente per l’impatto di questa decisione sulle persone colpite. Tuttavia, data la posizione assunta dal governo del Regno Unito per limitare l’influenza globale della Russia, e la risposta diffusa di governo, industria, sport e istituzioni creative, rimaniamo del parere che abbiamo preso l’unica decisione praticabile per Wimbledon come evento sportivo di fama mondiale e istituzione britannica, e sosteniamo la decisione che abbiamo preso.

Come abbiamo affermato in precedenza, dopo un’attenta considerazione contro una varietà di fattori e obbligati ad agire in conformità con le linee guida della direttiva del governo del Regno Unito, siamo giunti a due solide conclusioni che hanno costituito la base di questa decisione. Non eravamo preparati a intraprendere alcuna azione che potesse mettere a rischio l’incolumità personale dei giocatori o delle loro famiglie. Riteniamo che richiedere dichiarazioni scritte da parte dei singoli giocatori – e ciò si applicherebbe a tutti i giocatori rilevanti – come condizione per l’ingresso nelle circostanze di alto profilo di Wimbledon comporterebbe un controllo e un rischio significativo.

 

Inoltre, rimaniamo riluttanti ad accettare che il successo o la partecipazione a Wimbledon vengano utilizzati a beneficio della macchina di propaganda del regime russo, che, attraverso i suoi media statali strettamente controllati, ha una storia riconosciuta di utilizzo del successo sportivo per sostenere una narrativa trionfante per le persone russe. Desideriamo quindi esprimere la nostra profonda delusione per le decisioni prese da ATP, WTA e ITF di rimuovere punti in classifica per i Championships. Riteniamo che queste decisioni siano sproporzionate nel contesto delle circostanze eccezionali ed estreme di questa situazione e della posizione in cui ci siamo trovati, e dannose per tutti i giocatori che gareggiano nel Tour. Stiamo valutando le nostre opzioni e ci stiamo riservando la nostra posizione in questa fase. Stiamo anche discutendo con i nostri colleghi del Grande Slam. Nel frattempo, rimaniamo concentrati sui nostri entusiasmanti piani per i Campionati di quest’anno”.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: Zeppieri pesca Hurkacz, Agamenone trova McDonald. Sinner esordio con Fratangelo

Si completa il tabellone principale con gli accoppiamenti dei qualificati: Zverev contro Ofner e Alcaraz contro Londero

Pubblicato

il

Giulio Zeppieri – ATP Roma 2022 (foto via Twitter @InteBNLdItalia)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Domenica inizierà il secondo Slam della stagione tennistica 2022 e, terminati anche gli ultimi match di qualificazione sono stati annunciati gli accoppiamenti dei tennisti che superati il tabellone cadetto, sono entrati nel tabellone principale. Tra di loro c’è il 20enne romano Giulio Zeppieri carico per il suo primo major della carriera ma sfortunato nel sorteggio, dato che esordirà contro la testa di serie n.12 Hubert Hurkacz in un match inedito. Franco Agamenone invece è stato tutto sommato doppiamente fortunato perché oltre ad esser ripescato come lucky loser, al primo turno affronterà il n.58 del mondo Mackenzie McDonald; anche in questo caso l’italiano e lo statunitense non si sono mai affrontati.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

C’era anche un altro tennista italiano che ha seguito con interesse questo sorteggio e cioè Jannik Sinner: la testa di serie n.11 infatti esordirà contro un tennista passato dalla porta di servizio, e si tratta di Bjorn Fratangelo. Sinner ha già giocato una volta contro il n.185 a stelle e strisce, perdendo 7-6 6-3 nel Challenger di Aptos nel 2019. Tra gli altri nomi di spicco coinvolti, il n.3 Zverev esordirà nel torneo contro Sebastian Ofner, mentre il n.6 Alcaraz contro Ignacio Londero.
Di seguito tutti gli altri accoppiamenti maschili e femminili:

 

[Q] C. Tsung vs J. Sousa
[Q] A. Kuznetsov vs [15] D. Schwartzman
[Q] J. Varillas vs [9] F. Auger-Aliassime
[Q] C. Carabelli vs A. Karatsev
[Q] B. Gojo vs A. Tabilo
[Q] N. Gombos vs [LL] P. Cachin
[Q] P. Kotov vs [26] B. van de Zandschulp
[Q] S. Ofner vs [3] A. Zverev
[Q] S. Rodriguez Taverna vs [13] T. Fritz
[Q] B. Zapata Miralles vs [WC] M. Mmoh
[Q] J. Kudler vs D. Kudla
[Q] N. Borges vs [21] K. Khachanov
[Q] J. Blancaneaux vs M. Fucsovics
[LL] J. Londero vs [6] C. Alcaraz
[Q] Z. Collar vs [WC] L. Pouille

(Q) Lesia Tsurenko vs Iga Swiatek
(Q) Hailey Baptiste vs Anhelina Kalinina
(Q) Oksana Selekhmeteva vs Kaja Juvan
(Q) Aleksandra Krunic vs Kamila Rakhimova
(Q) Lin Zhu vs Veronika Kudermetova
(Q) Fernanda Contreras vs Panna Udvardy
(Q) Irina Bara vs Yulia Putinseva
(Q) Valentini Grammatikopoulou vs Daria Saville
(Q) Linda Noskova vs Emma Raducanu
(Q) Ysaline Bonaventure vs Bianca Andreescu
(Q) Mirjam Bjorklund vs (Q) Donna Vekic
(Q) Rebecca Marino vs Cori Gauff
(Q) Cristina Bucsa vs Beatriz Haddad Maia
(Q) Olga Danilovic vs Dalma Galfi
(Q) Jule Niemeier vs Sloane Stephens

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

ATP

ATP Ginevra e Lione: in svizzera finale Ruud-Sousa, in Francia Norrie ferma Rune e trova Molcan

Il norvegese Ruud supera Opelka e si guadagna la nona finale in carriera sulla terra. Il britannico Norrie ancora in finale a Lione

Pubblicato

il

Casper Ruud - ATP Roma 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Mentre l’attesa per il secondo Slam stagionale cresce, il tennis di alto livello non manca nemmeno negli ATP 250 che precedono il Roland Garros. Coloro che sono riusciti a guadagnarsi un posto in finale a Ginevra e Lione andranno tenuti sott’occhio nel corso dei primi match a Parigi: vincere, infatti, aiuta a vincere. I quattro che domani si giocheranno un titolo sono da un lato – in Svizzera – Ruud e Sousa, dall’altro – in Francia – Norrie e Molcan.

GINEVRAIl norvegese numero 8 del mondo (e 2 del seeding) ha confermato di aver ritrovato le giuste sensazioni sulla sua superficie preferita. I risultati di Montecarlo e Madrid (con solo una vittoria) avevano fatto scattare l’allarme, ma già a Roma Casper aveva dimostrato di essere tornato su buoni livelli raggiungendo la semifinale, poi persa con Djokovic. A Ginevra Ruud ha superato egregiamente la prova del nove: un numero non casuale visto che la finale di domani sarà proprio la nona su terra della sua carriera (l’undicesima in assoluto, con un bilancio di 7-3). In semifinale oggi il norvegese ha sconfitto Opelka per 7-6 7-5: fondamentali i due mini-break ottenuti nel corso del tie-break del primo parziale e l’aver strappato il servizio all’avversario sul 5-5 del secondo nell’unica chance avuta in tutto il match. Lo sfidante di Ruud in finale (domani alle 15) sarà Joao Sousa che ha eliminato con un doppio 6-2 Gasquet: per lui domani sarà la 12esima volta in un atto conclusivo a livello ATP (4-7 il suo record). Sousa e Ruud potrebbero incrociarsi anche al terzo turno del Roland Garros: da italiani però speriamo che non sia così in quanto il portoghese potrebbe prima vedersela con Sonego al secondo turno.

Il tabellone di Ginevra

LIONEAnche in Francia la finale (domani alle 14.30) sarà tra un outsider e uno dei massimi favoriti già ai nastri di partenza del torneo. La sorpresa è Molcan che ha sconfitto per 7-6 6-2 De Minaur. Quest’ultimo rimane così a secco di finali sulla terra, mentre lo slovacco proverà a conquistare il primo titolo della carriera dopo le finali perse a Belgrado nel 2021 (con Djokovic, di cui potrebbe essere l’avversario nel secondo turno del Roland Garros) e a Marrakech lo scorso aprile. Il favorito della finale sarà però la prima testa di serie del torneo Norrie: il britannico ha sconfitto al terzo set Rune (il danese sarà protagonista di un primo turno spettacolare a Parigi con Shapovalov – qui il tabellone completo) e torna così a giocarsi l’ultimo atto del torneo di Lione dopo aver perso l’anno scorso da Tsitsipas.

 

Il tabellone di Lione

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement