Osaka ha scelto: manterrà solo il passaporto giapponese

Flash

Osaka ha scelto: manterrà solo il passaporto giapponese

La due volte campionessa Slam, nata da mamma giapponese e papà haitiano, non avrà più il doppio passaporto. Sarà la protagonista di Tokyo 2020

Pubblicato

il

Naomi Osaka con il trofeo - WTA Osaka 2019 (via Twitter, @torayppo)

Naomi Osaka doveva prendere una decisione entro il 16 ottobre 2019. L’ex numero uno del mondo è nata in Giappone da padre originario di Haiti – ma con passaporto statunitense – e da madre giapponese, e al momento risiede e si allena negli States. Ha perciò un doppio passaporto Giappone-USA, ma la legge giapponese è piuttosto selettiva in materia di cittadinanza. Nel Paese del Sol Levante si predilige lo ius sanguinis, il criterio che considera la discendenza per determinare la nazionalità di un individuo, e perciò chiunque sia nato da padre e madre di diversa nazionalità può mantenere il doppio passaporto solo fino ai 22 anni. Poi si è chiamati a scegliere tra la nazionalità giapponese o l’altra.

Osaka compirà 22 anni il prossimo 16 ottobre, ma stando a quanto scrivono i media giapponesi, ha già iniziato l’iter burocratico per mantenere il passaporto giapponese e rinunciare a quello statunitense. La scelta di Naomi era piuttosto prevedibile, nonostante abbia vissuto tutta la vita negli Stati Uniti. Tuttavia in Giappone si contano centinaia di migliaia di casi di cittadini che hanno mantenuto il doppio passaporto anche dopo i 22 anni, ma se Osaka (personaggio pubblico di grande rilievo) non avesse preso una decisione, avrebbe fatto nascere un annoso problema da risolvere per il governo giapponese.

Tuttavia ora non sarà così semplice per lei continuare ad allenarsi negli Stati Uniti. Nel momento in cui ha rinunciato al passaporto USA, ha rinunciato anche a tutti i diritti che lo stato americano le garantiva, compreso quello di risiedere in Florida, a Boca Raton. Perciò se vorrà continuare ad allenarsi negli Stati Uniti, Naomi dovrà armarsi di pazienza per sbrigare le numerose pratiche relative ai visti, prassi per uno straniero che vuole vivere negli States.

 

Potrebbe anche scegliere di trasferirsi in Giappone, ma in caso contrario dovrebbe prima ottenere un visto e poi cercare di avere riconosciuta la Green Card, la “carta verde” che consente a uno straniero di risiedere negli USA per un periodo illimitato. L’opzione più plausibile è che le venga riconosciuto il visto O-1, riservato “a chi ha abilità straordinarie o può dimostrare risultati eccezionali nel suo ambito di attività/competenza”, quindi attori, grandi chef, scienziati o sportivi, come nel caso di Osaka. Se sceglierà invece di vivere in un’altra nazione, non dovrà nemmeno più pagare le tasse sul reddito da destinare al governo a stelle e strisce, risparmiando una cospicua somma di denaro visto il guadagno che potrà accumulare in tutto l’arco della sua carriera.

Naomi sarà al centro dell’attenzione alle prossime Olimpiadi, che si terranno a Tokyo nell’estate del 2020. Avrà grandi chance di regalare l’oro alla sua nazione, ma allo stesso tempo un’enorme pressione sulle spalle. “È una sensazione speciale ambire alla medaglia olimpica da rappresentante del Giappone” ha commentato Osaka dopo aver confermato la sua scelta. Sarò più emotiva, ma so che posso giocare bene sui grandi palcoscenici, quindi ho molte aspettative per le Olimpiadi a Tokyo”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Numeri: Halep ha già timbrato il cartellino, Rybakina è a 25

Le due finaliste del torneo di Dubai protagoniste dei numeri della settimana al femminile. Elena si è arresa solo alla fatica a Doha

Pubblicato

il

Simona Halep - Dubai 2020 (via Twitter, @DDFTennis)

Dopo l’appuntamento maschile, vi proponiamo anche i numeri più interessanti della scorsa settimana a livello femminile. Sono due, e riguardano due tennista che ci attendiamo protagoniste sul cemento nordamericano di Indian Wells e Miami.

8 – gli anni consecutivi in cui Simona Halep ha vinto almeno un torneo. In un circuito femminile in continuo ricambio, sia ai vertici della classifica (con sette diverse tenniste al numero 1 negli ultimi tre anni) che dal punto di vista generazionale – ci sono cinque giocatrici non ancora 24enni nella top 10, e una sola over 30 nella top 20 – questo risultato della tennista rumena vale molto. L’allieva di Darren Cahill, nata in Romania nel settembre 1991, aggiunge un altro tassello agli elementi che la indicano come la tennista più continua ad alti livelli negli ultimi anni. Non solo ha vinto due Major (solo Osaka può dire di aver fatto altrettanto) ed è la giocatrice ad essere stata per il maggior numero di settimane (64) al numero 1 WTA, ma è anche quella che da più tempo è in top 10 (dal febbraio 2014).

Dal 2013 vince almeno un torneo a stagione: sette anni fa vinse quattro tornei, di cui uno era già un Premier (Mosca), il primo di altri nove (di cui tre Mandatory e tre Premier 5). Per questi motivi, sebbene anche Karolina Pliskova vinca da otto anni almeno un titolo, non può essere paragonata per continuità alla rumena: la ceca ha vinto in totale meno tornei (sedici, invece che i diciannove di Simona) e tra di questi non ci sono Slam e vi figurano appena tre Premier 5. A far compagnia ad Halep c’è anche Petra Kvitova, che distribuisce 24 dei 25 titoli presenti nella bacheca personale in stagioni consecutive, ovvero dal 2011 al 2019: è ancora in corsa a Doha, dove ha la possibilità di arrivare in doppia cifra.

 

25 – le partite giocate da Elena Rybakina nel 2020. La tennista nata a Mosca e cresciuta tennisticamente in Russia, che dal 2018 gioca per la federazione kazaka, è la tennista che ha disputato più partite in queste prime settimane dell’anno. Elena aveva iniziato a palesarsi nel giugno 2019 con la semifinale a S’Hertogenbosh per poi affermarsi il mese successivo, con la vittoria dell’International di Bucarest da numero 106 del mondo. Il suo approdo tra le grandi non sorprende: da junior è stata numero 3, ha raggiunto le semifinali all’Australian Open e al Roland Garros e ha vinto il Bonfiglio, superando in finale Iga Swiatek. I primi segnali li aveva lanciati già a fine 2017, qualificandosi al main draw di Mosca e, soprattutto, a inizio 2018, quando a San Pietroburgo sconfisse l’allora 7 WTA Caroline Garcia, spingendosi poi sino ai quarti. Grazie a una programmazione sapiente nei tornei secondari – a settembre Elena aveva fatto finale anche a Nanchang – pur sconfiggendo durante tutto l’anno una sola top 50, aveva chiuso il 2019 tra le prime 30.

Elena Rybakina a Bucarest

Nel 2020 ha dimostrato di aver apportato ulteriori miglioramenti al suo tennis: dopo aver perso contro Alexandrova la finale a Shenzhen, ha vinto l’International di Hobart, raggiunto gli ottavi a Melbourne e fatto finale al Premier di San Pietroburgo e a quello di Dubai, perdendo solo contro Barty, Halep e Bertens. Risultati che l’hanno catapultata al 17° posto del ranking femminile: tra le tenniste più giovani di lei, l’unica a precederla in classifica è una certa Bianca Andreescu. Un piazzamento che in queste settimane ha dimostrato di meritare con vittorie prestigiose come quella su Mertens a Shenzhen, ma soprattutto per quanto ha fatto a Dubai, dove ha superato due top ten – Kenin (6-7 6-3 6-3) e Karolina Pliskova (7-6 6-3). In finale – dopo una lotta di due ore e mezza conclusa con il rimpianto di aver sprecato un vantaggio di un break nel terzo set e di un mini-break nel tie-brak decisivo – si è arresa con tantissimo onore a una campionessa esperta come Halep, vincitrice col punteggio di 3-6 6-3 7-6. Poi non ha rinunciato al Premier 5 di Doha, dove ha vinto due partite molto sofferte contro Cirstea e Van Uytvanck prima di arrendersi alla fatica e rinunciare all’ottavo di finale con Barty, riservando un saggio pensiero all’imminente Sunshine Double.

Continua a leggere

Flash

Davis: Australia senza gli infortunati Kyrgios e De Minaur

Il capitano Lleyton Hewitt dovrà fare a meno contro il Brasile dei suoi due migliori giocatori. Peers e Bolt i sostituti per la sfida sul cemento di Adelaide

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

L’Australia sarà forzatamente priva dei suoi due migliori giocatori nella sfida di Coppa Davis contro il Brasile. Ad Adelaide, la prossima settimana, il capitano Lleyton Hewitt non potrà fare affidamento sugli infortunati Nick Kyrgios e Alex De Minaur. “Quando abbiamo annunciato le convocazioni eravamo fiduciosi sulla loro presenza – ha dichiarato Hewitt -, ma abbiamo visto come ad Acapulco entrambi abbiano avuto problemi: una lesione addominale per De Minaur (ko al primo turno contro Kecmanovic, ndr) e il polso dolorante per Kyrgios che è stato costretto al ritiro. E’ giusto che riposino e si concentrino sul loro recupero“. A sostituirli saranno John Peers (doppista di lungo corso della Davis Aussie, in campo nelle ultime Finals madrilene) e Alex Bolt, per il quale arriva così la prima convocazione. A completare il team John Millman, Jordan Thompson e James Duckworth.

Si giocherà sul cemento outdoor del Memorial Drive Tennis Centre, con le assenze che rendono leggermente più aperto un pronostico comunque orientato a favore dei padroni di casa. Per il Brasile, il capitano Jaime Oncins potrà contare sul solo Thiago Monteiro come top 100 (88 ATP). Completeranno il gruppo Joao Menezes, Thiago Seyboth Wild, Felipe Meligeni Rodrigues Alves e Marcelo Demoliner. L’Australia ha sempre vinto nei tre precedenti. In palio, nelle sfide di qualificazione del 6/7 marzo, 12 posti alle Davis Cup Finals 2020.

Continua a leggere

Flash

Ad Acapulco prima semifinale WTA per Zarazua, Fernandez e Xiyu Wang

La messicana (numero 270 WTA) non smette di sognare e vuole regalare il titolo alla sua gente. Anche Heather Watson tra le ultime quattro. Il tabellone è aperto a qualunque risultato

Pubblicato

il

Renata Zarazua - Acapulco 2020 (via Twitter, @AbiertoTelcel)

Se le semifinali del WTA di Acapulco non sono le più sorprendenti della stagione, poco ci manca. Dopo l’uscita delle prime cinque teste di serie ancora prima dei quarti di finale, il tabellone si apriva a scenari imprevedibili, tutto a favore di chi non è solito trovarsi ancora in gioco nel weekend di un torneo WTA. In particolare parliamo delle due semifinaliste della parte alta, Leylah Fernandez e Renata Zarazua. La prima, canadese, classe 2002, ai limiti della top 200 prima del torneo, ha vinto la sfida tra teenager contro Anastasia Potapova, raggiungendo la sua prima semifinale a livello WTA. È il terzo grande traguardo che raggiunge quest’anno, dopo il debutto in un torneo del Grande Slam a Melbourne e la prima vittoria su una top 5 (Bencic in Fed Cup).

Renata Zarazua è invece la star del torneo per il pubblico messicano. La giocatrice di casa sta vivendo un sogno: in tabellone da wild card, vittoria sulla numero uno del tabellone Stephens al primo round e ora la prima semifinale in carriera nel circuito maggiore. La 22enne nativa di Città del Messico ha battuto in tre set la slovena Tamara Zidansek, contro la quale aveva perso un precedente nobile al Roland Garros 2018. Zarazua diventa così la prima semifinalista messicana in un torneo in Messico dal 1993, quando Angelica Gavaldon raggiunse il penultimo atto a San Juan.

Nell’altra semifinale giocherà l’ultima testa di serie rimasta in gara, Heather Watson (la settima). La ragazza britannica ha vendicato la sconfitta di quattro anni fa ad Acapulco contro Christina McHale, battuta 6-1 al terzo set. Per Watson è la seconda semifinale del 2020 (a Hobart è stata sconfitta a un passo dalla finale da Rybakina). La qualificata Xiyu Wang, 18 anni, si è conquistata la possibilità di lottare per un posto nell’ultimo atto battendo nel derby cinese Lin Zhu con un doppio 6-2. Sarà anche per lei l’esordio in una semifinale WTA e in caso di vittoria potrebbe entrare tra le prime cento giocatrici del mondo.

Risultati:

[WC] R. Zarazua b. T. Zidansek 6-2 3-6 6-2
[Q] L. Fernandez b. A. Potapova 6-3 7-5
[7] H. Watson b. C. McHale 6-3 1-6 6-1
[Q] X. Wang b. [6] L. Zhu 6-2 6-2

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement