Circuito ITF, primo successo per Lorenzo Musetti

Flash

Circuito ITF, primo successo per Lorenzo Musetti

Nella settimana in cui brilla Jannik Sinner, che vola a un passo dai primi 100 del mondo, il nativo di Carrara conquista il primo titolo ITF vincendo il 15000 dollari di Antalya

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Roland Garros junior 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Dopo una stagione caratterizzata da una programmazione molto ambiziosa, che ha visto Musetti confrontarsi quasi solo in tornei Challenger, in questo finale di stagione Lorenzo ha deciso assieme al suo staff di mettere qualche partita in più nelle gambe abbassando leggermente il livello per giocare più match possibili. La scelta è stata premiata dal titolo ottenuto questa settimana in Turchia, il primo a livello professionistico in singolare, dopo la vittoria ottenuta poche settimane fa in doppio a Santa Margherita di Pula assieme all’amico Giulio Zeppieri.

Dopo un inizio incerto e un set perso contro il montenegrino Saveljic (privo di ranking), il livello dell’italiano si è alzato sempre di più raggiungendo l’apice nella semifinale contro Mate Valkusz, giovane ungherese che da junior era stato numero 1 del mondo, così come Musetti, ma che a causa di frequentissimi infortuni non riesce a ritrovare la giusta continuità ma rappresenta comunque un ostacolo molto più duro dell’attuale ranking: Musetti si è imposto in rimonta, 1-6 7-6 6-4, dimostrando grande carattere e tanta voglia di lottare.

La finale contro Maroszan, sulla carta, era assai più semplice della partita precedente e Lorenzo ha rispettato il pronostico imponendosi con lo score di 7-5 6-2. Vince così a 17 anni e 7 mesi il primo titolo ITF, praticamente la stessa età alla quale Sinner, otto mesi fa, si era imposto in successione prima al Challenger di Bergamo e poi all’ITF di Trento: i due ragazzi, nonostante siano separati da pochi mesi, sono due giocatori estremamente diversi e chiaramente non è facile pensare ad una crescita così rapida anche per Lorenzo, che però con questo titolo si conferma ancora una volta una delle più grandi promesse del tennis italiano.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Richard Lewis, ex CEO di Wimbledon: “Siamo fortunati ad essere assicurati”. In arrivo 100 milioni di sterline?

Sono state diffuse le prime cifre: a fronte di un premio assicurativo di 1,5 milioni di sterline all’anno, Wimbledon potrebbe ottenere un risarcimento 70 volte superiore

Pubblicato

il

Roger Federer - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

Vi avevamo già detto che Wimbledon, nonostante la cancellazione dell’edizione 2020, potrà contare sul provvidenziale paracadute assicurativo. La conferma è arrivata dalla voce di Richard Lewis, ex CEO dello Slam londinese che ha rimesso il suo incarico lo scorso settembre per essere sostituito da Sally Bolton, prima donna a occupare la poltrona da quando la carica è stata istituita.

Siamo fortunati ad avere l’assicurazione e questo ci aiuta“, ha detto Lewis al The Guardian. “Gli assicuratori, i broker e tutti quelli che sono stati coinvolti hanno svolto un lavoro eccellente finora, ma c’è ancora molto da fare. L’assicurazione ci aiuterà a proteggere gran parte del surplus, anche se le cifre e i dettagli probabilmente non saranno noti prima di qualche mese“. Un surplus che ammonta a circa 50-55 milioni di dollari ed è particolarmente strategico per il tennis britannico, perché il 90% viene girato alla federazione (LTA) e ne sostiene il bilancio annuale per oltre il 60%. Semplificando, senza quei soldi si rischiava un effetto domino negativo su tutto il settore che grazie alla copertura assicurativa dovrebbe essere evitato.

Sul The Times, Stuart Fraser ha ipotizzato che al torneo possa spettare un risarcimento di oltre 120 milioni di dollari (100 milioni di sterline) a fronte di oltre 300 milioni di introiti previsti per l’edizione 2020. Vista così sembrerebbe una compensazione piuttosto magra, ma in realtà il mancato svolgimento del torneo elimina anche molte voci di spesa, tra le quali la più ingente è quella del montepremi che quest’anno avrebbe superato i 50 milioni.

 

È difficile ed è soprattutto troppo presto per fare i conti in tasca a Wimbledon, ma il paragone finanziario con il Roland Garros – che le sue centinaia di milioni rischia di perderle quasi per intero – sembra già piuttosto impietoso. Se davvero il premio assicurativo è inferiore ai due milioni di dollari all’anno come stima Fraser (Lewis ha svelato che Wimbledon ha scelto di stipulare la polizza nel 2003, dopo l’epidemia di SARS), qualcuno a Bois de Boulogne potrebbe essere alla ricerca di un modo innovativo di mangiarsi i gomiti.

Continua a leggere

Flash

Federer sfida ancora il muro (sulla neve)

Dopo l’annuncio di voler giocare a Wimbledon nel 2021, lo svizzero è tornato nel suo cortile a palleggiare contro il muro. E manda anche un messaggio di incoraggiamento

Pubblicato

il

Stesso muro, stesso clima, stesso giocatore. Come pochi giorni fa Roger Federer ha ripreso in mano la racchetta per palleggiare contro il muro della sua casa in Svizzera. Nel suo ultimo video aveva colpito solo qualche trickshot mentre iniziava a nevicare, mentre stavolta oltre a un semplice palleggio da fermo sopra qualche centimetro di neve, Roger ha voluto anche lasciare un messaggio sui social. La raccomandazione è seguire le indicazioni dei governi e stare a casa, al sicuro. Ma non a girarsi i pollici: “Restate attivi anche a casa. Supportatevi l’un l’altro, lo supereremo insieme!”

Wimbledon cancellato, Federer: “Non vedo l’ora di tornare il prossimo anno”

 

Continua a leggere

Flash

Stop fino al 13 luglio, i Challenger di Parma e Perugia saranno riprogrammati

MEF Tennis Events prova a ridisegnare il proprio calendario di tornei, che costituiscono il 35% dei Challenger organizzati sul territorio italiano: “Stiamo lavorando con l’ATP ad una nuova bozza di calendario”

Pubblicato

il

ATP Challenger Perugia (foto Marta Magni)

Dopo la sospensione del tennis professionistico internazionale fino all’8 giugno, le istituzioni ATP e WTA hanno annunciato, insieme alla definitiva cancellazione di Wimbledon, il prolungamento della sospensione di tutti i circuiti fino al 13 luglio. L’attuale situazione internazionale e la diffusione del virus Covid-19 in quasi tutti i Paesi del mondo rendono ogni giorno più incerta la data di effettiva ripartenza, trattandosi di un fenomeno del tutto nuovo e difficile da gestire soprattutto nell’ambito dell’attività tennistica professionistica.

MEF E ATP A LAVORO SUL NUOVO CALENDARIO – In un quadro ancora in pieno movimento, dove resta in primo piano il superamento della pandemia, diventa essenziale riadattare i programmi, provando, per quanto possibile, a far scivolare il calendario degli eventi nella seconda parte dell’anno. In quest’ottica, MEF Tennis Events sta lavorando per poter ridisegnare il proprio calendario di tornei, che costituiscono il 35% dei Challenger organizzati sul territorio italiano. “In questo momento di profonda incertezza, stiamo continuando a lavorare con dedizione e impegno per poter ripartire quanto prima con una visione chiara” afferma Marcello Marchesini, Presidente di MEF Tennis Events. “Con l’annuncio dello stop fino al 13 luglio, quattro dei nostri tornei Challenger (Francavilla al Mare, Todi, Parma e Perugia) sono stati ‘sospesi’ e dichiarati da ‘rischedulare’. Riteniamo ora necessario rimettere mano al nostro calendario, riprogrammando gli eventi nel modo più efficacie possibile contando sulla vicinanza degli sponsor e delle istituzioni che ci supportano da anni. Stiamo lavorando con l’ATP per poter uscire nei prossimi giorni con la nuova bozza di calendario. In questo momento abbiamo bisogno di stabilità”.

INTERNAZIONALI DI TENNIS EMILIA ROMAGNA – “Guardiamo al futuro con la volontà di riprogrammare la seconda edizione degli Internazionali di Tennis Emilia Romagna, unico torneo ATP Challenger della regione” annuncia il Presidente del Tennis Club President, Romano Botti. “Stiamo valutando, insieme alle amministrazioni comunali e regionali che ringraziamo per essere al nostro fianco, la migliore soluzione per non perdere uno degli eventi del calendario ormai dimezzato di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020. Il nostro territorio ha bisogno di ripartire e gli Internazionali rappresentano uno dei fiori all’occhiello della nostra bellissima regione”.

 

INTERNAZIONALI DI TENNIS CITTÀ DI PERUGIA“Non possiamo certamente sottovalutare la situazione e ora dobbiamo rispettare i tempi per il completo rallentamento del virus, posticipando il torneo di Perugiacommenta il Presidente del Tennis Club Perugia Avv. Luigi Grafas. Siamo convinti di poter ripartire insieme, ospitando anche quest’anno gli appassionati umbri e non solo nell’atmosfera unica del nostro circolo, godendoci di nuovo insieme la bellezza dello sport e della nostra meravigliosa città”. Il direttore del torneo Francesco Cancellotti, ex tennista n.21 del ranking ATP, aggiunge: “Siamo certi che i nostri sponsor ci saranno vicini, soprattutto in questo momento, come sempre ci hanno dimostrato. Nella vita, come sul campo da tennis, gli ostacoli si presentano per essere superati e noi lo faremo. Dopo cinque edizioni memorabili, la sesta edizione confermerà a giocatori e appassionati la qualità organizzativa e la solidità del nostro evento.

Ufficio Stampa Internazionali di Tennis Città di Perugia ed Emilia Romagna

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement