Federer pianto greco. Tsitsipas va in finale (Ferri). Finals delle novità. Tsitsipas o Thiem sarà la prima volta (Crivelli). Sinner vola, quarta finale nel 2019 (Cocchi). Tsitsipas da sogno, la resa di Federer (Marcotti)

Rassegna stampa

Federer pianto greco. Tsitsipas va in finale (Ferri). Finals delle novità. Tsitsipas o Thiem sarà la prima volta (Crivelli). Sinner vola, quarta finale nel 2019 (Cocchi). Tsitsipas da sogno, la resa di Federer (Marcotti)

La rassegna stampa di domenica 17 novembre 2019

Pubblicato

il

Federer pianto greco. Tsitsipas va in finale (Roberto Ferri, Nazione – Carlino – Giorno)

Per il terzo anno consecutivo Roger Federer, il Maestro dei Maestri, ha perso in semifinale a Londra. Era accaduto anche con Goffin nel 2017, con Zverev nel 2018 e ieri con Tsitsipas (63 64), dopo un match in cui, breakkato al secondo game del primo set e al terzo del secondo, è stato costretto sempre a inseguire. In finale Tsitsipas troverà oggi Thiem che ha battuto 75 63 Zverev. Sarà l’età? L’irrispettoso interrogativo nei confronti del mitico svizzero, alla fine di un anno in cui Nadal e Djokovic si sono divisi equamente i 4 Slam, avrebbe ragione di esistere soprattutto se lo svizzero non fosse arrivato due volte a un punto dal vincere Wimbledon.

(…)

 

Venerdì con Nadal Tsitsipas non era riuscito a conquistarsi neppure una pallabreak. Ieri il ragazzone ateniese ha strappato a Federer la battuta in tre occasioni e ha avuto anche una quarta chance. Lui ha risposto bene, ma Federer ha servito soltanto il 56% di prime palle. Contro Djokovic era stato il 73%. Una bella differenza. Pur con qualche errore di troppo da parte di Federer, spesso in ritardo e costretto a giocare un match difensivo, la partita è stata complessivamente intensa e bella, favorita anche dalla spettacolarità dei due rovesci a una mano. Sarebbe valso il prezzo del biglietto anche soltanto l’emozionante game di 22 punti che sul 5-3 ha permesso a Tsitsipas di difendere il servizio e di portare a casa il primo set al settimo setpoint. In quel game Federer aveva avuto due pallebreak per il 4-5. Le avesse trasformate si sarebbe rimesso magari in corsa.

(…)

Ma il miglior Federer avrebbe saputo trasformare qualche pallabreak in più – ne ha avute ben 12, ma gli è riuscito un solo break – soprattutto quando Tsitsipas (solo 6 ace, ma diversi prime battute efficaci) ha dovuto far ricorso alla seconda di servizio. Tsitsipas finalista al suo primo Masters, un anno fa aveva vinto a Milano il Next Gen come Jannik Sinner (oggi in finale al challenger di Ortisei contro l’austriaco Offner).

Finals delle novità. Tsitsipas o Thiem sarà la prima volta (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello sport)

Apollo verrà, avrà i capelli biondi e si siederà con autorevolezza al banchetto degli dei. Tsitsipas, dalla Grecia con furore: se batti Federer in due dei templi che ne hanno esaltato la grandezza immortale, prima gli Australian Open e poi le Finals, hai già cominciato a scolpire il tuo nome sulle colonne della storia. E’ il vento della freschezza, della gioventù e della novità, che ha portato al Masters due semifinalisti sotto i 23 anni (l’altro è Zverev) come non accadeva dal 2008 (e allora si trattava di Murray e Djokovic, noblesse oblige) e oggi cullerà verso il trionfo un vincitore inedito, un nuovo paese, un epigono della Next Gen come Stefanos oppure il più pronto e completo della generazione di mezzo, Dominator Thiem. Ma ci sono anche talento e personalità nell’uragano ateniese che strappa al Maestro di Basilea il sogno di un’undicesima finale e di una settima vittoria. In una sfida altalenante nello spettacolo ma sempre palpitante per i continui cambi di prospettiva, Tsitsipas e Federer si ritrovano a rivivere lo stesso match di gennaio a Melbourne, quando il Divino non sfruttò neppure una palla break su 12 e si arrese in quattro set al ragazzo, fresco del successo al Masters dei giovani a Milano (Sinner, ora tocca a te…). Stavolta Roger fa appena meglio, e su 12 palle break (ancora) ne converte una, quella che lo riporta in carreggiata nel quarto game del secondo set, ma le troppe occasioni mancate prima e dopo marchiano a fuoco il duello. (…)

E poi sbaglia troppo di dritto (17 gratuiti), non è rapido nel gioco di piedi e alla battuta si scopre davvero alterno. Che per Roger non fosse giornata, nonostante il consueto tifo a senso unico, lo si era capito fin dal secondo game, quando ha sbagliato due smash a campo aperto.

(…)

Ora per Tsitsi ci sarebbe una finale da vincere per completare l’opera,

(…)

Intanto però gli ha inflitto la prima e l’ultima sconfitta di stagione, al culmine di un percorso dl maturazione passato attraverso una più accentuata solidità nel rovescio, una programmazione finalmente non cervellotica e una rinnovata consapevolezza:

(…) Secondo la sua versione, la definitiva esplosione è figlia anche di un cambio di vita: «Negli ultimi due mesi credo di essere cresciuto anche dal punto di vista delle interazioni, mentre prima mi concentravo solo sul tennis. Stare a contatto con gli altri mi ha fatto capire come funziona il mondo. Ero un bambino con la paura del rifiuto. Adesso invece mi sento molto più ventunenne di prima». E’ vero che le Finals a volte hanno premiato campioni estemporanei (l’ultimo, Dimitrov nel 2017), ma la finale di oggi contro Thiem, che stoppa il re del 2018 Zverev con un break per set e una maggior saldezza nei momenti clou, può assomigliare davvero a una rivoluzione. Anche se Federer, vecchio saggio, invita alla cautela: «Intanto, il numero uno è un ragazzo dl 33 anni che si chiama Nadal. E io sono molto carico al pensiero della prossima stagione». E chi li smuove più.

Sinner vola, quarta finale nel 2019: ora punta la top 80 (Federica Cocchi, La Gazzetta dello Sport)

Jannik Sinner non si ferma più. Sarà l’adrenalina che circola ancora in corpo dopo il trionfo alle Next Gen Finals, sarà l’aria dell’Alto Adige e delle sue montagne, fatto sta che il 18enne di Sesto Pusteria oggi gioca per il titolo del Challenger di Ortisei. Una giornata importante per Jannik che ha l’occasione di mettere i piedi tra i primi 80 al mondo, battendo l’ennesimo record di precocità.

(…) quella di oggi sul veloce indoor di Ortisei (46.000 euro) sarà la quarta finale Challenger stagionale. Ha vinto quelle di Bergamo e di Lexington mentre ha perso quella di Ostrava. Grazie ai punti guadagnati fino a oggi, dovrebbe assestarsi al numero 83 Atp, ennesimo best ranking di quest’anno straordinario, mentre l’eventuale vittoria del titolo potrebbe addirittura proiettarlo al numero 78.

(…)

L’ultimo ostacolo tra Sinner e il titolo oggi sarà l’austriaco Sebastian Ofner, numero 173 della classifica mondiale, che in semifinale ha battuto in tre set il 34enne toscano Luca Vanni ora sceso al numero 368 del mondo.

(…)

Dopo il torneo Jannik resterà qualche giorno a casa, anche perché mercoledì sarà impegnato nell’esame per la patente. Ma secondo i programmi del team, il tempo per riposare è molto poco: bisogna riprendere la preparazione e volare a Doha, dove giocherà con una wild card. Da lì poi Jannik andrà in Australia. Intanto si gode i complimenti di Novak Djokovic, che lo ha conosciuto a Bordighera e che lo ha definito come la futura star del tennis mondiale: «Mi ha sorpreso quello che ha detto — ha commentato—, lui è una leggenda».

(…)

Tsitsipas da sogno. La resa di Federer (Gabriele Marcotti, Corriere dello Sport)

La sua vittoria agli ottavi di Melbourne, lo scorso gennaio, aveva sorpreso solo chi non lo aveva ammirato, pochi mesi prima, al torneo Next Gen di Milano.

(…)

Il successo di ieri rappresenta la definitiva consacrazione di Stefanos Tsitsipas, perché alla 02 Arena l’allievo ha superato il maestro. E’ dunque il più giovane tra gli otto maestri di Londra a volare in finale. In poco più di un’ora e mezza il 2lenne greco, al debutto alle Finals, ha liquidato in due set Roger Federer al termine di una prestazione impeccabile, durante la quale ha saputo respingere ogni tentativo dell’elvetico di invertire l’inerzia della partita.

(…) 11 palle-break salvate (su 12 complessive) dal greco, bravo a sfruttarne 3 delle 4 concessegli da Federer. Questa in numeri la differenza tra i due semifinalisti, divisi anagraficamente da 17 anni, un record per questo torneo.

(…)

(…) Federer ha subito un’occasione per strappare il servizio al greco, ma non la sfrutta. Nel game successivo, viceversa, a Tsitsipas – il primo greco di sempre a qualificarsi per il torneo dei maestri – non trema il braccio, e si porta avanti fmo a 4-1. Nel settimo e nono gioco, lo svizzero – vincitore sei volte delle Finals – ha altre cinque palle per ristabilire la parità, ma è il 2lenne greco -al termine di un game infinito (13 minuti e 36 secondi), dopo sei set-point mancati – ad aggiudicarsi la prima frazione.

Simile l’andamento del secondo set, che si apre con un nuovo break di Tsitsipas. Nel game successivo, però, Federer, dopo aver sprecato altre tre palle-break, finalmente ristabilisce la parità. E’ solo un attimo, perché il campione di Basilea è costretto nuovamente a cedere il turno di battuta per la seconda volta consecutiva. Anche nel decimo game, quello finale, Federer ha altre due palle per la parità, ma non le trasforma e così, con un ace, Tsitsipas chiude la contesa.

(…)

Se Federer per il terzo anno consecutivo, è costretto a fermarsi in semifinale a Londra, per Tsitsipas, che in questa stagione ha già vinto due tornei (Estoril e Marsiglia), si tratta della prima finale di sempre alle Finals, la più importante della sua ancor giovane carriera.

Continua a leggere
Commenti

Rassegna stampa

Le ragazze del TC Genova sconfitte all’ultimo tiebreak. Scudetto a Prato (Vassallo)

La rassegna stampa di domenica 8 dicembre 2019

Pubblicato

il

Le ragazze del TC Genova sconfitte all’ultimo tiebreak. Scudetto a Prato (Elisabetta Vassallo, Il Secolo XIX)

Per l’ennesima volta le ragazze del Tennis Club Genova arrivano alla finale scudetto e mancano il bersaglio per un soffio. La gara si è svolta a Lucca in due giornate e il team ligure sembrava essere ormai a un passo dal tricolore quando la situazione si è capovolta in favore delle «solite rivali» come il presidente del TC Giovanni Mondini ha definito il TC Prato, ritirando il trofeo del secondo posto. A decidere la sconfitta delle genovesi è stato il long tie break del doppio di spareggio, terminato 10 a 6 per le toscane. Le liguri erano state avanti 5 a 2, poi all’improvviso la situazione si è capovolta, complici alcuni errori sotto rete. Liudmila Samsonova e Alberta Brianti hanno così ceduto a Martina Trevisan e a Kristina Kucova. La competizione tra il TC Genova e il TC Prato era iniziata nel pomeriggio di venerdì quando si sono disputati due incontri: Alberta Brianti ha affrontato Lucrezia Stefanini e dopo due ore e venti minuti di lotta la biancorossa ha ceduto al terzo set 3-6 6-2 5-7. E’ toccato allora alla russa-genovese Liudmila Samsonova (21 anni, 135 Wta) portare il punto dell’1-1 battendo 6-4 6-2 la slovacca Kucova (176 Wta). Le altre partite sono state giocate ieri sino alle 9 di sera e tutte sono state lottate sino all’ultimo. Lucia Bronzetti del TC Genova ha tenuto testa per oltre due ore a Martina Trevisan (157 Wta) prima di arrendersi 4-6 6-4 4-6. Nel pomeriggio, sul 2 a 1 per le toscane, è sceso in campo il doppio: Brianti-Samsonova contro Stefanini-Trevisan. Dopo un set pari, nel long tiebreak il TC Genova è finito sotto 2 a 5, ma punto dopo punto le biancorosse sono riuscite a risalire sino a chiudere 10 a 7. Tutto da rifare: lo scudetto è stato deciso dal doppio di spareggio iniziato poco dopo le 19 con schierata ancora Brianti, 39 anni, che aveva già giocato 4 ore, insieme a Samsonova. Prato ha sostituito Stefanini con Kucova e ha conquistato il sesto scudetto.

Continua a leggere

Rassegna stampa

Wozniacki si ritira a 30 anni. “Ho realizzato tutti i sogni. Farò campagne sull’artrite”

La rassegna stampa del 7 dicembre 2019

Pubblicato

il

Wozniacki si ritira a 30 anni. “Farò campagne sull’artrite” (Marco Calabresi, Corriere della Sera)

A leggere le reazioni delle altre giocatrici, il mondo del tennis non era pronto al ritiro di Caroline Wozniacki. A maggior ragione perché la danese, che deve ancora compiere 30 anni, si stava già allenando per la nuova stagione. Invece ha detto basta, anzi, lo dirà a fine gennaio, al termine degli Australian Open, che con la vittoria di due anni fa hanno rappresentato il punto più alto della sua carriera. Per ufficializzare il suo addio al tennis, Caroline ha usato una lunghissima lettera sui social: «Ho realizzato tutto quello che potevo sognare in campo, ma mi sono detta che ci sono anche altre cose al di fuori del tennis che vorrei fare, e ora è il momento di farle. Sposarmi con David (l’ex cestista Lee, con la cerimonia che si è svolta nel giugno scorso in provincia di Siena, ndr) era una di queste. E poi formare una famiglia, viaggiare e sensibilizzare le persone sull’artrite reumatoide». Malattia che l’ha colpita (e che Wozniacki ha specificato non essere la causa del ritiro), ma che non le ha impedito di proseguire a giocare a tennis. Lo fara ancora per uno Slam: poi, rimarranno solo i trofei (3o titoli in singolare), una vittoria nelle finali Wta, tre Olimpiadi e ben 71 settimane vissute da numero 1 del mondo.

Continua a leggere

Rassegna stampa

Park beffato all’ultimo sprint, Brianti porta in finale le donne del Tc Genova (Vassallo)

La rassegna stampa di lunedì 2 dicembre 2019

Pubblicato

il

Park beffato all’ultimo sprint. La Brianti porta in finale il Tc (Elisabetta Vassallo, Il Secolo XIX)

Un doppio di spareggio con un long tie break da infarto terminato 11-9. In questo modo crudele è svanito il sogno del Park Tennis di battere nel ritorno il Vigevano e accedere alle finali scudetto della A1. Baldi-Hoang hanno vinto contro Mager-Giannessi 5-7 6-2 11-9, con il francese Hoang (117 ATP) che ha avuto la freddezza di annullare due match point lasciando di stucco un pubblico rimasto per l’intera giornata a sostenere i gialloblù con un tifo da stadio. Al club Selva Alta il Park aveva perso 4 a 2 e ieri in casa è riuscito a ribaltare il risultato con tantissima grinta: sul due pari dei singolari i liguri sono tornati in campo agguerriti più che mai e hanno conquistato i due doppi. I risultati: i due singolari sono stati vinti da Gianluca Mager, 6-4 6-1 a Filippo Baldi pezzo da novanta del Selva Alta, e dal campioncino 17enne Lorenzo Musetti (6-1 6-2 a Davide Dadda). Nulla da fare per Simone Bolelli che ha perso 6-4 6-2 contro Roberto Marcora e Pablo Adujar battuto da Antoine Hoang 6-4 3-6 6-3. I doppi che hanno portato la squadra del Park al pareggio sono stati vinti da Musetti-Bolelli 6-1 6-1 contro Marcora-Dadda in 41 minuti e Mager-Giannessi 6-4 6-2 contro Baldi-Hoang in 46 minuti. Poi lo spareggio che ha segnato la fine delle speranze.

Bastava un punto invece alle ragazze della Serie A1 del Tennis Club per raggiungere la finale, ma non avrebbero mai pensato che sarebbe costato loro più fatica di tutte e quattro le partite vinte all’andata contro Lucca. Alla fine Alberta Brianti (39 anni) ha battuto Tatiana Pieri 6-3 3-6 6-4 e ha garantito al TC la finale scudetto che si giocherà il prossimo weekend a Lucca contro il TC Prato. Prima del successo della Brianti Liudmilla Samsonova ha perso al terzo set contro Valentina Ivakhenko (1-6 6-3 4-6) e Lucia Bronzetti si è arresa a Jessica Pieri (2-6 6-7) mentre due domeniche fa entrambe avevano battuto le stesse avversarie.

(…). Il Tennis Club uomini di A2 ha invece ieri battuto 5-1 il Bassano nella gara di andata. Domenica prossima giocherà sui campi degli Orti Sauli il ritorno per conquistare la promozione in A1.

 

(…).

La riconferma in A1 vale uno scudetto. Il Beinasco sorride ma con rimpianti (Barbara Masi, La Stampa Torino)

Il Tennis Beinasco conquista in casa, davanti al proprio pubblico, la vittoria contro il Bal Lumezzane nel ritorno del play out che conferma la Serie A1 per il 2020.

(…) Giulia Gatto Monticone — che una settimana fa ha completato la sua straordinaria annata con la vittoria nel torneo ITF 25.000 $ di Solarino e il n. 179 del ranking WTA – ha superato in tre set la svizzera Ylena Dal Bon per 7/5 5/7 6/4, e così anche Anastasia Grymalska, indiscussa protagonista in campionato battuta solo una volta, che si è imposta per 6/2 7/6 7/6 su Georgia Brescia. Volata sul vantaggio di 5 a 2 al terzo, la tennista del Beinasco ha subito la rimonta fino al tie-break, dove ha chiuso al terzo match point sui quattro accumulati, complice un vincente di rovescio lungolinea che toglie la paura e fa tirare il fiato anche al presidente Sergio Testa.

“(…) lo spirito di gruppo che ci ha permesso lo scorso anno di conquistare lo storico tricolore è lo stesso che ci ha permesso di conservare la massima Serie. Ci riproveremo nel 2020»

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement