Le regine del Roland Garros: il favoloso destino di Francesca Schiavone

Italiani

Le regine del Roland Garros: il favoloso destino di Francesca Schiavone

Il 5 giugno 2010 è una giornata storica per il tennis e lo sport italiano. Francesca Schiavone trionfa al Roland Garros battendo in finale Samantha Stosur; prima donna italiana a vincere un Major e primo titolo Slam azzurro dopo la vittoria di Panatta a Parigi nel 1976

Pubblicato

il

“SCHIAVO, NOTHING IS IMPOSSIBLE” – È vero, niente è impossibile quando si parla di Francesca Schiavone. La frase, fatta stampare sulle t-shirt dagli amici dell’azzurra prima di partire alla volta di Parigi per assistere alla sua finale contro la Stosur, riassume in qualche modo il destino della campionessa milanese. Francesca ha fatto della grinta e della resilienza, dentro e fuori dal campo, una filosofia di vita. Niente è impossibile, Francesca, come vincere a quasi 30 anni il Roland Garros, da numero 17 del mondo, dopo 12 anni di carriera. Quando nessuno avrebbe immaginato che lei, dal tennis geniale, imprevedibile ma altrettanto ‘difficile’, avrebbe sbaragliato avversarie favorite sulla carta, migliori in classifica e affamate di primi grandi successi come Li Na, Elena Dementieva, Caroline Wozniacki e Samantha Stosur.

Eppure, una dopo l’altra, Francesca le fa cadere come birilli, stordite da un tennis fantasioso, brillante, intelligente e audace. Fino allo storico 5 giugno. La finale contro Stosur è un gioiello. La partita della vita per l’azzurra che, senza il minimo timore, disputa un match perfetto tecnicamente e mentalmente, sovrastando un’avversaria stranamente insicura – resa però tale dalla sicurezza di ‘Schiavo’ – con lo score di 6-4 7-6(2) in un’ora e 38 minuti di gioco. È il primo, storico, successo Slam di una tennista italiana. Ma facciamo un passo indietro.

TENNIS IN CRESCENDO – Schiavone arriva a Parigi reduce dalla vittoria al torneo di Barcellona (terzo titolo della carriera fino a quel momento, dopo Bad Gastein nel 2007 e Mosca nel 2009) e indossando la casacca di numero 17 in classifica. Il primo turno si rivela alquanto ostico poiché contro la russa Regina Kulikova, Francesca è costretta a rimontare dopo aver ceduto il primo parziale per 7-5. La reazione è però immediata e vince il match con lo score di 5-7 6-3 6-4. Un segnale? Forse, perché da quel momento la Leonessa non perderà più un set – saranno tredici consecutivi – mettendo in campo, match dopo match, un tennis dal coefficiente di difficoltà progressivamente più elevato con variazioni e un’idea d’attacco più o meno continua. Francesca regola la pratica Sophie Ferguson al secondo turno con un doppio 6-2, ma il suo torneo comincia ad assumere una dimensione differente quando rifila all’undicesima favorita Li Na – Schiavone ovviamente non può saperlo, ma se la ritroverà di fronte in finale un anno dopo – un perentorio 6-4 6-2.

 

Agli ottavi affronta un’altra russa, la trentesima testa di serie Maria Kirilenko. ‘Schiavo’ non si scompone e si regala un’altra vittoria convincente con un doppio 6-4. Il livello di difficoltà sale ma anche la numero tre del mondo Caroline Wozniacki non riesce a vincerle un set, fermandosi anzi a quota cinque game (6-2 6-3). A questo punto Francesca è già nella storia del tennis italiano poiché è diventata la prima tennista a qualificarsi per la semifinale di uno Slam. Ma evidentemente, non è finita qui.

Sul suo cammino si profila la terza sfida contro una tennista russa, Elena Dementieva, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Pechino e una delle più forti giocatrici al mondo a non aver mai vinto uno Slam. Il primo set è combattuto e Francesca riesce ad aggiudicarselo solo al tie-break. Poi Elena è sfortunata poiché un infortunio al polpaccio la obbliga ad abbandonare il campo. Il sogno italiano continua. Schiavone è adesso la prima italiana (donna) ad issarsi in una finale Slam, per giunta sulla terra splendente del Roland Garros, suo torneo prediletto.

IL BACIO PIÙ BELLO – Le scene dei baci più memorabili e commoventi hanno fatto la storia del cinema, come ci insegna la struggente sequenza del film di Giuseppe Tornatore, Nuovo Cinema Paradiso. Ma anche il tennis ha i suoi baci storici. Baci (e abbracci) di passione, lacrime, gioia e orgoglio, stampati su coppe, racchette, erba, terra e cemento. O sulle labbra della persona amata. Francesca, distesa a terra, che bacia a lungo il suolo del Philippe Chatrier dopo il rovescio steccato da Stosur sul match point azzurro è una delle immagini più belle della storia del tennis. In quell’abbandonarsi sull’ocra parigina c’è tutta la storia d’amore di Francesca con il tennis, la passione per la terra rossa che, quel 5 giugno 2010, ha saputo riconoscerle la grandezza, dopo anni di sacrifici, dedizione e battaglie.

Per alcuni secondi c’eravamo solo io e lei, la mia terra” ha ammesso ‘Schiavo’ in una recente intervista a Sport Week. “Mi sono stesa e l’ho baciata. Bellissimo, indimenticabile. Il rosso è stato il terreno dove sono cresciuta come tennista e dove ho vinto di più”. E in un’altra intervista di alcuni giorni fa, rilasciata a Gaia Piccardi per il Corriere della Sera, ha ricordato: “È buffo: ricorda più il corpo della mente, la sensazione della pancia e delle gambe per terra sul centrale ruvido“.    

In finale, Stosur era favorita – almeno sulla carta, da n.7 del mondo. Tennista coriacea, potente, completa, dal kickkone di servizio fastidioso e capace di un top spin complicato da gestire. Ma la Leonessa affila gli artigli e passa all’attacco. Disegna il campo alla perfezione, scende a rete appena possibile e le ruba il tempo. In campo è una gazzella, veloce e chirurgica. Ancora a Sport Week, la stessa Francesca, ripensando a quella finale, ha detto di aver saputo trovare la chiave per contrastare un’avversaria pericolosa: “Come l’ho battuta? Con una scelta tattica […]. Avevo deciso che contrariamente al solito avrei aggredito il suo servizio. Lei giocava molto bene il kick, soprattutto sul rovescio. La mia scelta è stata fare due passi dentro al campo per colpire la pallina nella fase ascendente, d’anticipo. Sapevo che l’avrei sorpresa, non se lo sarebbe mai aspettato. Perché è molto difficile rispondere in questo modo giocando a una mano. Cosi è stato. Avere uno schema preciso prima di entrare in campo voleva dire aver già fatto più del cinquanta per cento per vincere. E in ogni caso nella mia testa c’erano anche un piano B e un piano C“.

Insegnamenti preziosi, soprattutto per molte giovani tenniste che, troppo spesso, si ostinano a rimanere inchiodate a fondo campo senza modificare di una virgola uno schema di gioco ormai meccanicizzato.

Oltre al timing perfetto nel gioco di volo e nell’impatto con la palla da fondo, proprio il suo magnifico rovescio ad una mano svolge un ruolo determinante nell’esito straordinario di quell’incontro. Ancora al Corriere, ‘Schiavo’ ha confermato lo stato di grazia di quel 5 giugno 2010 e la particolare fiducia nella risposta di rovescio. “Ero totalmente calata nel momento e nella situazione. Ricordo il pensiero prima dell’ultimo punto: mandami la palla, che la gioco come voglio io. Se mi servi sul rovescio, io la colpisco alta, in anticipo, e te la rimando sul rovescio. Io posso, io faccio, io, io, io. Zero paura, soltanto positività“. Rovescio che invece tradisce una Samantha Stosur destabilizzata dal piglio vincente di Francesca. Sul 6-4 6-6 (6-2) in favore della milanese, l’australiana stecca. Il sogno diventa realtà e, 34 anni dopo il successo di Adriano Panatta, sul Philippe Chatrier viene suonato di nuovo l’inno di Mameli.

I risultati della stagione le consentono di partecipare alle WTA Finals di fine anno, dove si fermerà ai gironi a causa della sconfitta proprio contro Sam Stosur. All’inizio della stagione successiva Francesca raggiunge il suo best ranking come numero 4 del mondo. Come anticipato, chiamata a difendere il titolo a Porte d’Auteuil nel 2011, raggiunge di nuovo la finale. Sfortunatamente, all’ultimo round contro Li Na, Francesca è vittima di un’infausta chiamata arbitrale che condiziona inesorabilmente l’andamento del match. Non c’è la vittoria ma resta la conferma di essere entrata nella storia del tennis e sicuramente del torneo parigino. In carriera Francesca vincerà in totale otto titoli a fronte di 12 finali perse. Eppure la battaglia più importante l’ha vinta lo scorso anno, quando ha sconfitto il tumore ed è tornata a sorridere come e più di prima. Infinita Leonessa, in campo e fuori.


Re e Regine del Roland Garros

Continua a leggere
Commenti

Flash

Cocciaretto: “Una finale tutta italiana? Sarebbe un sogno”

La tennista marchigiana, fresca di quarti di finale a Palermo, ha commentato la vittoria contro Vekic e il suo nuovo best ranking

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Come sottolineato da più parti, la vittoria di Elisabetta Cocciaretto per 6-2 6-4 contro Donna Vekic è stata la sua prima contro una Top 30, significativa soprattutto per la resilienza mostrata contro un’avversaria molto più potente e quotata.

Un anno fa (o meglio, la scorsa stagione, visto che questa edizione del Ladies Open è scalata indietro), la classe 2001 si era già fatta notare qualificandosi per il torneo e dando battaglia a Kuzmova al primo turno, ma l’exploit dei giorni scorsi l’ha portata su un nuovo plateau. Lei stessa, parlando con i cronisti dopo il match, ha parlato della propria evoluzione: “Da Palermo dell’anno scorso a Palermo di quest’anno sono cambiata molto. Ho acquisito più consapevolezza, ho capito quello che devo fare per diventare un’atleta. La prima cosa che mi ha detto Fausto [Scolari, ndr], il mio allenatore, quando tre anni fa abbiamo iniziato questo percorso, è che prima di diventare una tennista devo diventare un’atleta e cercare di dare il massimo tutti i giorni e poi le cose vanno sempre come devono andare. Diciamo che questa mentalità sto cercando di portarla sempre con me e di farla mia.

Andando a commentare il match nel dettaglio, si è detta convinta che le folate improvvise di vento non abbiano influenzato il risultato finale: “Io ho cercato di gestirlo bene, di capire dove tirava, dove era meglio giocare. Non ha inciso tanto perché alla fine non ce n’è stato moltissimo, solo a tratti”.

 

Un fattore sicuramente importante è stato l’elemento della sorpresa. Vekic, infatti, aveva affermato prima del match di non conoscere le caratteristiche di Cocciaretto, e ha infatti cambiato molto l’approccio tattico alla partita, passando da un primo match in cui ha cercato di sfondare presto con il dritto a un secondo in cui ha cercato di costringere l’avversaria a spingere su palle senza peso per poi accelerare. L’azzurra ha commentato così: “Sì, è normale che abbia detto di non conoscermi. Sono da poco nel circuito e da poco gioco i WTA. Piano piano, giocando inizieranno a conoscermi meglio e io conoscerò meglio loro”.

Cocciaretto ha sicuramente dato prova di maturità vincendo la guerra psicologica nei primi minuti, con i due giochi d’apertura in cui si sono giocati ben 30 punti: “Sì, sono partita un po’ tesa, come è normale che fosse. Piano piano mi sono sciolta un po’, pensando a quello che dovevo fare e agli obiettivi che avevo. Piano piano ho migliorato il mio tennis”. Parte della tensione poteva derivare dal fatto che questa fosse la sua prima partita sul centrale a Palermo, ma, stando alle sue parole, il pubblico (ancorché contingentato) l’ha sostenuta lungo tutto l’arco del match: “Sicuramente mi hanno aiutato molto, sono stati molto calorosi e infatti li ho ringraziati. È stata la mia prima partita in serale qui, è un bellissimo campo e non vedevo l’ora di giocarci”.

Ai quarti attenderà la vincitrice di Kontaveit-Siegemund. Come approccerà il match? “Entrerò in campo cercando di perseguire i miei obiettivi, indipendentemente dall’avversaria, dal risultato finale ecc… entrerò in campo, cercherò di fare il massimo e poi la partita andrà come deve andare. Se sarà stata più brava lei le dirà brava, se invece la porterò a casa io sarò contenta”. Con la vittoria di ieri, Cocciaretto si è assicurata un best ranking provvisorio al 144 del mondo, ma sembra non accontentarsi, e vuole vederlo come una tappa transitoria della sua scalata: “È un buon punto di partenza, sono contenta del risultato e del ranking che è una conseguenza dei miglioramenti che ho fatto in allenamento e fuori dal campo”.

Infine, ha detto che una finale tutta italiana “sarebbe un sogno”, anche perché, essendo l’unica rimasta nella parte alta del tabellone, questo significherebbe che una delle due finaliste sarebbe proprio lei. In ogni caso, come riconosciuto durante l’intervista, ogni partita che verrà sarà solo un bonus su un torneo in cui è già andata ampiamente oltre alle aspettative della vigilia.

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo: imprese di Cocciaretto ed Errani, male Paolini

Giornata piena di gioia per i colori italiani a Palermo, Cocciaretto ed Errani volano ai quarti di finale

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

PAOLINI KO – È Jasmine Paolini la prima italiana a scendere in campo a Palermo, contro la numero 116 del mondo Aliaksandra Sasnovich. Nonostante la differenza di classifica Sasnovich si presentava alla partita dopo la grandissima vittoria contro Mertens e non si può dire che la partita non abbia rispettato le aspettative. Paolini viene dominata completamente nel primo set, dove vince solo 6 punti su 19 al servizio e subisce un pesante 6-0 senza appello. Non migliora molto la situazione nel secondo set, dove subisce subito il break e ha un sussulto solamente nel sesto game, dove non sfrutta 5 palle break per tornare dentro la partita. Sasnovich scampa il pericolo e chiude comodamente con 6-2.

Molto lucida Paolini nella sua analisi post-partita Paolini: “In queste situazioni è molto difficile. Ho provato a incitarmi, a rimanere vicina nel punteggio ma quando parti male e l’altra parte molto bene è difficile. L’atteggiamento però è quello giusto, oggi purtroppo non è andata: lei mi è salita subito sopra“. Sasnovich sfiderà la vincente tra la numero 1 del seeding Petra Martic e Samsonova per un posto in semifinale.

ERRANI IN RIMONTA – Sfida inedita quella tra Sara Errani e Krystina Pliskova ed è la tennista italiana a volare nei quarti del Palermo Ladies Open. La tennista ceca, reduce da una grandissima vittoria contro Maria Sakkari, non rispetta le previsioni della vigilia e cede ad una Sara Errani che parte male ma che carbura col passare dei game.

 

L’inizio non è appunto dei migliori. La Pliskova vince ben 13 punti di fila ad inizio partita portandosi abbastanza comodamente sul 3-0. Sembra una partita dall’esito scontato, sulla falsariga di quella di Jasmine Paolini, ma Errani ha il merito di rimanere dentro la partita. Paradossalmente Errani non sembra soffrire tanto al servizio quanto in risposta, dove non riesce mai a mettersi in posizione di comando nello scambio e subisce perennemente l’iniziativa di Pliskova.

Nonostante la situazione pesante di punteggio sembra essere scattato qualcosa in Sara, che dopo il quarto game salvato aumenta i giri del motore in risposta e rende sempre la vita difficile a Pliskova sin dal primo colpo dopo il servizio. E il break arriva per l’italiana, dopo aver salvato tre set point. Ma bastano due seconde attaccabili di Errani per portarsi a due palle break e un rovescio affondato a rete vale il set per la ceca.

Lo spartito del match cambia completamente nel secondo set. Errani non sbaglia praticamente niente da fondocampo e Pliskova non riesce più a dominare lo scambio con il suo dritto. In un attimo la tennista ceca si ritrova sotto 0-2 e rischia anche il doppio break, ma una bellissima demi-volée di dritto la tiene a galla. Una riga profonda salva Pliskova da un pericoloso set point ma non basta, Errani va a servire per il set sul 5-4 e chiude con autorità un secondo set pienamente meritato. Un set in cui Sarita non ha mai perso il servizio.

Il momentum della tennista bolognese continua nel terzo set, con Errani che continua a dominare da fondocampo e a tenere medie accettabili al servizio. Chiuderà la partita con il 78% di prime in campo e il 59% di punti vinti con la prima. L’italiana trova il break nel quinto game e non si guarda più indietro. Tiene la concentrazione nonostante il rain delay sul 5-3 e chiude il match con l’ennesimo break. Troverà una Fiona Ferro in grandissima forma nei quarti, ma visto il livello tenuto in questo inizio di torneo tutto è possibile. “Ho cercato di rimanere concentrata durante la pausa per la pioggia – ha detto Errani a fine match -. Sono più tranquilla rispetto allo scorso anno, sono sempre dentro la partita. Ferro prossima avversaria? Questa mattina ci siamo allenate insieme. È giovane e molto potente”.

SORPRESA COCCIARETTO – Elisabetta Cocciaretto si conferma il nostro miglior prospetto femminile e sconfessa i pronostici della vigilia battendo Donna Vekic dopo un’ora e mezzo di battaglia. È la prima vittoria contro una top30 e la seconda contro una top100 nell’arco di due giorni. La tennista italiana ha fatto valere la sua maggiore solidità da fondocampo e soprattutto al servizio, dove nonostante non abbia brillato particolarmente per potenza è stata molto più costante dell’avversaria.

La partita è dura sin da subito. Cocciaretto deve salvare due palle break in un game di dieci minuti e la stessa Vekic soffre parecchio al servizio in altri due game interminabili. È Cocciaretto però a spuntarla grazie al suo dritto. L’italiana si porta a palla break con un bellissimo dritto in corsa e si prende il 4-2 grazie ad un errore non forzato della croata. Vekic non trova mai il ritmo da fondocampo e soprattutto ha un servizio troppo poco incisivo per creare problemi a Cocciaretto. L’italiana è estremamente aggressiva sulle seconde della numero 24 del mondo e non ha problemi a sfruttare il servizio timoroso della Vekic, portandosi a casa break e set per il 6-2.

Le distrazioni della tennista croata non si fermano nel secondo set, dove viene breakkata subito e mostra un linguaggio del corpo che non lascia presagire niente di buono. Nonostante ciò ha un sussulto e tanto basta per riaprire il set, approfittando di un passaggio a vuoto di Cocciaretto al servizio. L’italiana non si perde d’animo e tiene senza problemi i suoi turni di battuta, per poi trovare il break decisivo nel decimo game e lanciare la racchetta al cielo per quella che è la più grande vittoria della sua carriera finora. Saranno i primi quarti a livello WTA per Elisabetta Cocciaretto, che troverà la vincente tra Kontaveit e Siegemund.

Risultati:

[Q] A. Sasnovich b. J. Paolini 6-0 6-2
[WC] S. Errani b. Kr. Pliskova 3-6 6-4 6-3
[WC] E. Cocciaretto b. [6] D. Vekic 6-2 6-4
F. Ferro b. [8] E. Alexandrova 7-5 6-2

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo: Camila Giorgi completa il poker azzurro

Convincente esordio per Camila Giorgi a Palermo contro Rebecca Peterson. Prossimo impegno contro Juvan. Fuori la n. 2 Vondrousova

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Ritorno vincente per la n.1 italiana Camila Giorgi (n. 89 del ranking) che ha fatto il suo rientro sul circuito WTA aggiudicandosi il suo in contro di primo turno al Palermo Ladies Open contro la svedese Rebecca Peterson (n. 44 WTA) con il punteggio di 7-5 6-4. Nel suo primo match sulla terra battuta da più di due anni a questa parte, la marchigiana ha fatto un po’ fatica all’inizio del match a trovare il ritmo partita e ha dovuto recuperare da 1-3 e servire per rimanere nel set sul 4-5. Da lì però ha infilato ben sette giochi consecutivi che hanno segnato il destino del match. “Mi sono allenata qualche settimana sulla terra, mi sono trovata molto bene – ha spiegato Giorgi -. I primi punti sono stati un po’ difficili per il ritmo, poi ho iniziato a muovermi meglio. Il pubblico è stato fantastico”.

La vittoria di Camila completa l’en-plein azzurro al primo turno della competizione palermitana, raggiungendo Errani, Cocciaretto e Paolini che avevano superato il loro primo impegno nella giornata di lunedì. Il prossimo turno per Giorgi sarà contro la slovena qualificata Kaja Juvan (n. 121 WTA) che nel primo incontro della giornata sul campo centrale aveva eliminato la testa di serie n.2 Marketa Vondrousova (n. 18 WTA), finalista lo scorso anno al Roland Garros.

Negli altri incontri di martedì da segnalare il facile ingresso del torneo della testa di serie n.1 Petra Martic, che ha lasciato solamente tre giochi alla belga Van Uytvanck, e l’affermazione di altre tre giocatrici provenienti dalle qualificazioni: la russa Samsonova, che ha superato Flipkens, la bielorussa Sasnovic che ha eliminato la n. 5 del seeding Elise Mertens e la lucky loser Dodin che ha avuto la meglio di Zidansek.

 

I risultati:

[1] P. Martic b. A. Van Uytvanck 6-0 6-3
[Q] L. Samsonova b. K. Flipkens 6-4 6-2
[Q] A. Sasnovich b. [5] E. Mertens 6-4 6-1
F. Ferro b. [Q] N. Podoroska 6-2 6-1
[LL] O. Dodin b. T. Zidansek 2-6 6-4 6-4
C. Giorgi b. R. Peterson 7-5 6-4
[Q] K Juvan b. [2] M. Vondrousova 1-6 7-5 6-4

Il tabellone aggiornato

Il programma di mercoledì 5 agosto

Campo centraleore 16
[8] E. Alexandrova vs F. Ferro
J. Paolini vs [Q] A. Sasnovich
[WC] S. Errani vs Kr. Pliskova
[WC] E. Cocciaretto vs [6] D. Vekic

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement