Le regine del Roland Garros: il favoloso destino di Francesca Schiavone

Italiani

Le regine del Roland Garros: il favoloso destino di Francesca Schiavone

Il 5 giugno 2010 è una giornata storica per il tennis e lo sport italiano. Francesca Schiavone trionfa al Roland Garros battendo in finale Samantha Stosur; prima donna italiana a vincere un Major e primo titolo Slam azzurro dopo la vittoria di Panatta a Parigi nel 1976

Pubblicato

il

“SCHIAVO, NOTHING IS IMPOSSIBLE” – È vero, niente è impossibile quando si parla di Francesca Schiavone. La frase, fatta stampare sulle t-shirt dagli amici dell’azzurra prima di partire alla volta di Parigi per assistere alla sua finale contro la Stosur, riassume in qualche modo il destino della campionessa milanese. Francesca ha fatto della grinta e della resilienza, dentro e fuori dal campo, una filosofia di vita. Niente è impossibile, Francesca, come vincere a quasi 30 anni il Roland Garros, da numero 17 del mondo, dopo 12 anni di carriera. Quando nessuno avrebbe immaginato che lei, dal tennis geniale, imprevedibile ma altrettanto ‘difficile’, avrebbe sbaragliato avversarie favorite sulla carta, migliori in classifica e affamate di primi grandi successi come Li Na, Elena Dementieva, Caroline Wozniacki e Samantha Stosur.

Eppure, una dopo l’altra, Francesca le fa cadere come birilli, stordite da un tennis fantasioso, brillante, intelligente e audace. Fino allo storico 5 giugno. La finale contro Stosur è un gioiello. La partita della vita per l’azzurra che, senza il minimo timore, disputa un match perfetto tecnicamente e mentalmente, sovrastando un’avversaria stranamente insicura – resa però tale dalla sicurezza di ‘Schiavo’ – con lo score di 6-4 7-6(2) in un’ora e 38 minuti di gioco. È il primo, storico, successo Slam di una tennista italiana. Ma facciamo un passo indietro.

TENNIS IN CRESCENDO – Schiavone arriva a Parigi reduce dalla vittoria al torneo di Barcellona (terzo titolo della carriera fino a quel momento, dopo Bad Gastein nel 2007 e Mosca nel 2009) e indossando la casacca di numero 17 in classifica. Il primo turno si rivela alquanto ostico poiché contro la russa Regina Kulikova, Francesca è costretta a rimontare dopo aver ceduto il primo parziale per 7-5. La reazione è però immediata e vince il match con lo score di 5-7 6-3 6-4. Un segnale? Forse, perché da quel momento la Leonessa non perderà più un set – saranno tredici consecutivi – mettendo in campo, match dopo match, un tennis dal coefficiente di difficoltà progressivamente più elevato con variazioni e un’idea d’attacco più o meno continua. Francesca regola la pratica Sophie Ferguson al secondo turno con un doppio 6-2, ma il suo torneo comincia ad assumere una dimensione differente quando rifila all’undicesima favorita Li Na – Schiavone ovviamente non può saperlo, ma se la ritroverà di fronte in finale un anno dopo – un perentorio 6-4 6-2.

 

Agli ottavi affronta un’altra russa, la trentesima testa di serie Maria Kirilenko. ‘Schiavo’ non si scompone e si regala un’altra vittoria convincente con un doppio 6-4. Il livello di difficoltà sale ma anche la numero tre del mondo Caroline Wozniacki non riesce a vincerle un set, fermandosi anzi a quota cinque game (6-2 6-3). A questo punto Francesca è già nella storia del tennis italiano poiché è diventata la prima tennista a qualificarsi per la semifinale di uno Slam. Ma evidentemente, non è finita qui.

Sul suo cammino si profila la terza sfida contro una tennista russa, Elena Dementieva, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Pechino e una delle più forti giocatrici al mondo a non aver mai vinto uno Slam. Il primo set è combattuto e Francesca riesce ad aggiudicarselo solo al tie-break. Poi Elena è sfortunata poiché un infortunio al polpaccio la obbliga ad abbandonare il campo. Il sogno italiano continua. Schiavone è adesso la prima italiana (donna) ad issarsi in una finale Slam, per giunta sulla terra splendente del Roland Garros, suo torneo prediletto.

IL BACIO PIÙ BELLO – Le scene dei baci più memorabili e commoventi hanno fatto la storia del cinema, come ci insegna la struggente sequenza del film di Giuseppe Tornatore, Nuovo Cinema Paradiso. Ma anche il tennis ha i suoi baci storici. Baci (e abbracci) di passione, lacrime, gioia e orgoglio, stampati su coppe, racchette, erba, terra e cemento. O sulle labbra della persona amata. Francesca, distesa a terra, che bacia a lungo il suolo del Philippe Chatrier dopo il rovescio steccato da Stosur sul match point azzurro è una delle immagini più belle della storia del tennis. In quell’abbandonarsi sull’ocra parigina c’è tutta la storia d’amore di Francesca con il tennis, la passione per la terra rossa che, quel 5 giugno 2010, ha saputo riconoscerle la grandezza, dopo anni di sacrifici, dedizione e battaglie.

Per alcuni secondi c’eravamo solo io e lei, la mia terra” ha ammesso ‘Schiavo’ in una recente intervista a Sport Week. “Mi sono stesa e l’ho baciata. Bellissimo, indimenticabile. Il rosso è stato il terreno dove sono cresciuta come tennista e dove ho vinto di più”. E in un’altra intervista di alcuni giorni fa, rilasciata a Gaia Piccardi per il Corriere della Sera, ha ricordato: “È buffo: ricorda più il corpo della mente, la sensazione della pancia e delle gambe per terra sul centrale ruvido“.    

In finale, Stosur era favorita – almeno sulla carta, da n.7 del mondo. Tennista coriacea, potente, completa, dal kickkone di servizio fastidioso e capace di un top spin complicato da gestire. Ma la Leonessa affila gli artigli e passa all’attacco. Disegna il campo alla perfezione, scende a rete appena possibile e le ruba il tempo. In campo è una gazzella, veloce e chirurgica. Ancora a Sport Week, la stessa Francesca, ripensando a quella finale, ha detto di aver saputo trovare la chiave per contrastare un’avversaria pericolosa: “Come l’ho battuta? Con una scelta tattica […]. Avevo deciso che contrariamente al solito avrei aggredito il suo servizio. Lei giocava molto bene il kick, soprattutto sul rovescio. La mia scelta è stata fare due passi dentro al campo per colpire la pallina nella fase ascendente, d’anticipo. Sapevo che l’avrei sorpresa, non se lo sarebbe mai aspettato. Perché è molto difficile rispondere in questo modo giocando a una mano. Cosi è stato. Avere uno schema preciso prima di entrare in campo voleva dire aver già fatto più del cinquanta per cento per vincere. E in ogni caso nella mia testa c’erano anche un piano B e un piano C“.

Insegnamenti preziosi, soprattutto per molte giovani tenniste che, troppo spesso, si ostinano a rimanere inchiodate a fondo campo senza modificare di una virgola uno schema di gioco ormai meccanicizzato.

Oltre al timing perfetto nel gioco di volo e nell’impatto con la palla da fondo, proprio il suo magnifico rovescio ad una mano svolge un ruolo determinante nell’esito straordinario di quell’incontro. Ancora al Corriere, ‘Schiavo’ ha confermato lo stato di grazia di quel 5 giugno 2010 e la particolare fiducia nella risposta di rovescio. “Ero totalmente calata nel momento e nella situazione. Ricordo il pensiero prima dell’ultimo punto: mandami la palla, che la gioco come voglio io. Se mi servi sul rovescio, io la colpisco alta, in anticipo, e te la rimando sul rovescio. Io posso, io faccio, io, io, io. Zero paura, soltanto positività“. Rovescio che invece tradisce una Samantha Stosur destabilizzata dal piglio vincente di Francesca. Sul 6-4 6-6 (6-2) in favore della milanese, l’australiana stecca. Il sogno diventa realtà e, 34 anni dopo il successo di Adriano Panatta, sul Philippe Chatrier viene suonato di nuovo l’inno di Mameli.

I risultati della stagione le consentono di partecipare alle WTA Finals di fine anno, dove si fermerà ai gironi a causa della sconfitta proprio contro Sam Stosur. All’inizio della stagione successiva Francesca raggiunge il suo best ranking come numero 4 del mondo. Come anticipato, chiamata a difendere il titolo a Porte d’Auteuil nel 2011, raggiunge di nuovo la finale. Sfortunatamente, all’ultimo round contro Li Na, Francesca è vittima di un’infausta chiamata arbitrale che condiziona inesorabilmente l’andamento del match. Non c’è la vittoria ma resta la conferma di essere entrata nella storia del tennis e sicuramente del torneo parigino. In carriera Francesca vincerà in totale otto titoli a fronte di 12 finali perse. Eppure la battaglia più importante l’ha vinta lo scorso anno, quando ha sconfitto il tumore ed è tornata a sorridere come e più di prima. Infinita Leonessa, in campo e fuori.


Re e Regine del Roland Garros

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Vienna, Sinner fa un sol boccone di Novak: ora scontro diretto contro Ruud. Out Norrie

Altra vittoria agevole per Jannik Sinner. Venerdì contro Casper Ruud in palio l’ottavo posto nella Race e la Top 10

Pubblicato

il

Jannik Sinner (ITA) - Vienna 2021 (© e-motion/Bildagentur Zolles KG/Martin Steiger)

[7] J. Sinner b. [WC] D. Novak 6-4 6-2

Sei vittorie di fila e 20 set consecutivi vinti su campi indoor. Due numeri che inquadrano bene lo stato di forma di Jannik Sinner, che ha raggiunto i quarti di finale anche all’ATP 500 di Vienna (decimo quarto di finale del 2021) giocando in maniera decisa e pressoché impeccabile, confermando un trend che prosegue ormai da dieci giorni. Il suo avversario, la wild card austriaca Dennis Novak, ha giocato un buon match a tratti, ma da metà primo set in poi Jannik ha preso il largo. Vittoria per 6-4 6-2 in 75 minuti di partita, altri 80 punti assicurati e top 10 ATP che si avvicina sempre di più.

Jannik non ha messo in campo una prestazione stellare (come invece era stata quella di 24 ore prima, contro il servizio di Opelka). Se stessimo parlando di uno sport di squadra il match contro Novak corrisponderebbe alla classica partita dove ci si può permettere un po’ di turnover. Anzi, dove sarebbe necessario, poiché il calendario non dà tregua né a Sinner, né a tutti coloro che stanno lottando per un posto alle ATP Finals. Infatti la partenza dell’azzurro è stata un filo più lenta rispetto alle precedenti partite (nelle ultime cinque non ha mai fatto superare al proprio avversario la quota dei quattro game per set).

 

Novak ha mancato due palle break sul 2-1, decidendo di cambiare troppo repentinamente col rovescio in lungolinea e incappando nell’errore non forzato. Il servizio ha aiutato invece Sinner a evitare troppi scambi prolungati nel corso della partita. Dopo aver gestito i primi 6 game, ha trovato il break grazie a qualche omaggio dell’austriaco. Molto carico il nostro, che salendo 5-3 ha stretto forte il pugno e poco dopo ha incamerato una prima frazione che è parsa “di routine”, ma in realtà non lo era affatto. Importantissimo anche il game vinto in apertura di secondo set da Jannik, che ha strappato subito il servizio a Novak e ha sfruttato un paio di sbavature avversarie nel turno di battuta per salvare una palla break e salire 2-0. Ha affrontato con grande sicurezza anche il game di servizio successivo, dove ha recuperato da 0-40. È riuscito così a non perdere il servizio per la quarta partita consecutiva.

Chiuso il secondo set, che si è rivelato essere una pura formalità, Sinner ha guadagnato i quarti di finale e si è avvicinato di qualche centimetro al sogno chiamato ATP Finals. Ora lo attende uno scontro diretto: sfiderà Casper Ruud, che al momento è il settimo giocatore della “Race to Torino”. Gli head to head dicono 1-0 per l’italiano, che ha battuto Ruud proprio sui campi di Vienna un anno fa. Sinner si presenterà con 2925 punti, Ruud con 3060: in caso di vittoria l’italiano accorcerebbe a -45 su Casper e supererebbe Hubert Hurkacz, conquistando l’ottavo posto provvisorio. Ma non finisce qui. Infatti una vittoria nei quarti di finale gli garantirebbe anche l’accesso alla top 10 ATP, mettendo fuori Dominic Thiem.

Ancora parliamo di congetture. Ciò che è certo è che Jannik ha guadagnato punti in ottica qualificazione sul campione del Masters 1000 di Indian Wells Cameron Norrie. Il britannico ha mancato tre match point di fila nel tie-break del secondo set e ha finito per cedere 6-3 al terzo set a Felix Auger-Aliassime, ancora non tagliato fuori dai discorsi di qualificazione, ma con un ritardo di quasi 600 punti dall’ottava piazza. Hurkacz manterrà quindi il suo vantaggio su Norrie, nonostante la sconfitta con Murray, almeno per qualche altro giorno. Sinner ha messo 50 punti tra sé e il giocatore britannico, con la chance di consolidare il vantaggio prima di Bercy. La lotta per giocare a Torino continua e ci aspettano giornate al cardiopalma.

Continua a leggere

ATP

ATP Vienna: un grande Sonego si inchina davanti al muro norvegese di Ruud

Sonego cede le armi a Casper Ruud ma dimostra di poter lottare alla pari con un top 10

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego (ITA) - Vienna 2021 (© e-motion/Bildagentur Zolles KG/Christian Hofer)

[4] C. Ruud b. L. Sonego 7-5 4-6 6-4

Una delle più bella partite fin qui giocate, piena di pathos e di emozioni, con Sonego che alla fine deve inchinarsi alla regolarità asfissiante di Ruud che rimane costante per tutte le quasi 3 ore di partita.

Un Ruud che porta a casa la dodicesima partita consecutiva a terzo set in un match 2 su 3, dimostrando una grande tenuta fisica e mentale, che alla fine spesso fa la differenza.

 

Precedenti che vedono Ruud in vantaggio 2-0, anche se questo è il primo scontro fra i due indoor, una superfice che i teoria dovrebbe avvantaggiare Lorenzo, anche in virtù della bella cavalcata che ha avuto lo scorso anno.

Si comincia così con Ruud che vince il sorteggio e decide di servire per primo. Fin dalle prime battute il tema tattico è abbastanza chiaro con lo scandinavo focalizzato nel cercare di portare gli scambi sulla diagonale di rovescio, proponendo palle cariche di effetto all’italiano.

Nel quinto game Lorenzo arriva ad annusare qualche possibilità, in un gioco in cui il norvegese non trova la prima ma Ruud gli sbatte la porta in faccia. Sul 40-30 e seconda di servizio lo scandinavo segue a rete una seconda di servizio, una situazione di gioco che abbiamo visto anche nel suo match di primo turno. Probabilmente un tema studiato a tavolino per garantire un minimo di imprevedibilità, anche su base statistica, visto che il padre e coach di Ruud ci ha confermato che si servono dei servizi di analisi statistica da parte di una società esterna.

Un Sonego comunque che va in crescendo e ritarda l’appuntamento con il break di un solo game: nel successivo infatti lascia andare il braccio e con 3 vincenti si assicura il break che però non riesce a consolidare. Nel game successivo a causa di un Ruud estremamente efficace in difesa che lo porta ad andare fuori giri. Il match insomma va un po’ a strappi, con Sonego che però fa più la partita, mentre Ruud cerca essenzialmente la profondità rispetto all’accelerazione definitiva e praticamente non sbaglia mai. La sensazione è che dopo circa 45 minuti di partita questo livello di giovo non sia sufficiente per portare a casa la partita, che necessita innanzitutto di partire da una maggior incisività al servizio, che nel primo set è chiaramente insufficiente.

Casper Ruud (NOR) – Vienna 2021 (© e-motion/Bildagentur Zolles KG/Christian Hofer)

Si arriva così al decimo game con Sonego che salva un paio di palle break ma sbaglia una sanguinosa quanto banale volee smorzata che gli avrebbe dato il gioco; fortunatamente però Lorenzo è bravo a mantenere i nervi saldi e a portare comunque a casa il gioco continuando ad attaccare a tutto braccio e stavolta chiudendo bene a rete. La sofferenza però continua nel game successivo, con il norvegese che continua a proporre palle complicate senza mai sbagliare e porta alla fine all’errore Sonego, che regala il 7-5 con un doppio fallo e due banali errori non forzati, che però sono anche figli della pressione costante a cui il nostro ragazzo è sottoposto. A fine set le statistiche raccontano un solo errore non forzato di Ruud, contro i 12 di Lorenzo.

Secondo set che continua con questa andazzo e Lorenzo che sembra Laocoonte preso fra le spire del serpente che cerca di divincolarsi e in un qualche modo riesce a salvare la ghirba nel primo gioco. Il problema è che proprio uno non sa da che parte prenderla: Ruud oggi è veramente impeccabile in termini di consistenza, e non si tira indietro quando si trova una palla facile da spingere con il dritto, soprattutto quello a sventaglio. Insomma fino ad ora bravo lui (e magari pure fortunato ad essere nato 15 anni dopo Ferrer, Ferru sarebbe orgoglioso di questo suo epigono). Ci vorrebbe insomma che Lorenzo trovasse un’altra marcia, come fece a Roma contro Djokovic nel secondo set. E facendo leva sul carattere questa marcia Sonego la trova, con una performance al servizio che nel secondo set sale di livello come prime in campo (oltre il 70% e tirate a tutta fra l’altro). Peccato che Ruud anche in risposta manda di là di tutto e nell’ottavo gioco sono di nuovo guai: altra palla break per il norvegese, ma stavolta Lorenzo è bravissimo a tirarsi fuori dalla buca: basti dire che per chiudere il game deve inventarsi un passante di rovescio di volo e di pura sensibilità. Non sono solo i pochi errori non forzati, ma la qualità della difesa e la capacità di gestire e appoggiarsi alla velocità di palla di Sonego, che vista da bordo campo vi possiamo assicurare che viaggia eccome, in un campo, il numero 2, che da meno spazio ai giocatori per difendersi. Nel game successivo Ruud sembra sbrigare la solita pratica ma da 0-30 si fa riprendere e stavolta il serve and volley sulla seconda di servizio non gli funziona sul 40-30. Così si va ai vantaggi dove Sonego tira tutto quello che ha e riesce finalmente a sfondare il muro di Ruud e game successivo vinto a 0 con punto esclamativo di dritto inside in all’incrocio delle righe.

Si va così al terzo set con Sonego che continua ad essere aggressivo e fa anche ottimo uso di soluzione slice al servizio seguite a rete per mettere pressione a Ruud e trovare un po’ più di respiro sui propri game di servizio, che scorrono via abbastanza rapidi. In generale tatticamente Lorenzo cerca più gli angoli per aprirsi il campo soprattutto al servizio, con meno soluzione sulla T e cercando di accorciare gli scambi, anche con qualche palla corta. Tutto scorre via pulito fino all’ottavo game, con Sonego che devo affrontare due palle break, la prima salvata grazie ad una difesa arcigna in totale apnea, con il volume delle urla in costante crescita, e la seconda con un ace. Quando aumentano i decibel per Lorenzo di solito aumentano anche i giri del motore;.e infatti altro ace e altro urlaccio liberatorio, seguito da un servizio vincente per salvare il game. Lorenzo ci prova anche nel game seguente, ma sarà l’ultima fiammata, con il norvegese che recupera da 0-30 e nel game successivo, approfittando anche di un paio di errori dell’italiano porta a casa la partita. A fine match abbiamo chiesto un parere al solito disponibilissimo coach Gipo Arbino, che si è detto soddisfatto della prestazione e convinto che Lorenzo abbia comunque margini di miglioramento sia fisici che mentali. Sotto il profilo fisico si è visto come Ruud da questo punto di vista sia una macchina, e dal punto di vista mentale il rilievo del coach è stato quello di dover credere maggiormente nei propri mezzi, senza dover per forza cercare soluzioni strane e con la confidenza di poter comunque reggere lo scambio con chiunque.

Continua a leggere

ATP

ATP Vienna: Berrettini lotta con le unghie e porta a casa la vittoria

Un Matteo Berrettini meno scintillante del solito porta a casa la vittoria in quel di Vienna e si guadagna un quarto di finale con Carlos Alcaraz

Pubblicato

il

Matteo Berrettini (ITA), - Vienna 2021 (© e-motion/Bildagentur Zolles KG/Martin Steiger)
[3] M. Berrettini b. N. Basilashvili 6-7(5) 6-2 6-3

Ultima partita del giorno sul campo centrale che vede opposti il numero italiano contro l’imprevedibile fabbro georgiano. Berrettini conduce nei precedenti 3-1 con l’ultimo successo del georgiano ormai datato 2018 quando Berrettini ancora non era entrato nell’elite del tennis che conta.

Partita che deciderà chi andrà ad incrociara lo spagnolo Alcaraz che nel match precedente ha battuto un combattivo Murray. Partita quella di Berrettini che viaggerà su binari tattici ben diversi da quella precedente caratterizzata anche da scambi lunghi e combattuti.

Qua si confrontano due mani pesanti del circuito, anche se probabilmente la più pesante è proprio quella di Matteo (tanto da essersi guadagnato il rispetto nel tour con il soprannome “the hammer”); i colpi in gioco più pesanti sono il servizio e il dritto di Berrettini, con Basilashvili che oggi se vorrà portarla casa dovrà sperare in una giornata sottotono di Matteo sui suoi due fondamentali migliori, o nella sua capacità di rispondere con continuità alle bombe di Berrettini, spostando il gioco sulla diagonale di rovescio.

 

Primo set nel quale i servizi la fanno da padrone e in cui si scambia poco e infatti si assiste solo ad una palla break in favore di Basilashvili, annullata da Matteo in apertura, quando ancora il braccio doveva scaldarsi, e che risulterà infatti il game più tirato del set. Si arriva così al tie break come naturale conclusione di un set con poche emozioni, dove il georgiano è riuscito liberare i propri potenti colpi, dando fastidio a Matteo in particolare con le variazioni lungolinea e prendendo il sopravvento sugli scambi più tirati. Nel tie break l’equilibrio regge fino al 4-4, quando Matteo perde il filo del gioco e con 3 errori non forzati regala il set al georgiano.

La situazione continua a farsi complicata anche nel secondo set, quando nel game di apertura il georgiano arriva nuovamente a palla break nel game più tirato del match, che risulterà poi decisivo per le sorti finali del match. Se infatti il georgiano fosse riuscito ad esondare in quell’occasione, probabilmente Matteo, che fino a quel punto si era trovato in difficoltà sulla risposta al servizio, avrebbe avuto dei problemi a raddrizzarla; il fatto di aver tenuto botta, annullando la palla break con un fenomenale seconda di servizio in kick a uscire, ha consentito alla storia di prendere tutt’altra piega. Nel game successivo infatti Berrettini al terzo tentativo (dopo che i primi due erano stati annullati con due ace da Basilashvili) riesce nell’impresa di strappare il servizio al georgiano, che perde un po’ la concentrazione e lascia andare alla fine il parziale, con Berrettini che riesce a consolidare il vantaggio con un altro break.

Match che così va al terzo set, dove torna l’equilibrio e la differenza la fanno veramente un paio di punti, ovvero le singole palle break che risulteranno a disposizione dei due giocatori.

Nel secondo game, servizio basilashvili Berrettini è bravo a rispondere e a tirare fuori il jolly con un clamoroso vincente in corsa di diritto lungolinea, che sembra incidere sul morale del georgiano, che commette due banali errori e regala il break all’italiano.

Nel settimo game invece arriva invece il momento di difficoltà per Berrettini, che però è bravissimo sul 15-30 a tornare a galla con un’intelligente combinazione di slice acuminati che gli consentono poi di liberare il diritto; e successivamente aggrappandosi a san servizio, mette a segno un paio di ace oltre i 210 Km/h che gli consentono di salvarsi e poi andare tranquillamente a servire per il match.

Possiamo dire che più che altro si tratta di consapevolezza in me stesso – ha detto Berrettini dopo il match – nel primo set non ho giocato al massimo, sapevo che potevo giocare meglio e salire di livello; con un po’ più di tranquillità emotiva“.

Il prossimo avversario Alcaraz, con il quale Berrettini si è allenato una volta sola a Indian Wells, ha armi importanti, impressiona l’atteggiamento e come affronta le partite senza cali fisiologici per quell’età. “Sicuramente non è fra i migliori servitori del circuito. Spesso è il servizio e anche il primo colpo come viene piazzato, anche soprattutto col dritto possa fare più male, però a priori mi piace offendere e proverò a non fargli fare quello che gli piace fare e prendere l’inizaitva“.

Tre italiani su cinque hanno vinto, e forse la partita di Berrettini e quella più dura tra quelle che gli azzurri devono affrontare. “Loro però sono al secondo turno,” dice prontamente Matteo. Quando gli viene chiesto un’opinione si match degli altri azzurri, soprattutto quella di Sonego con Ruud, Matteo risponde: “La partitia di Lorenzo con Rudd penso partano alla pari, Ruud sta avendo risultati importanti anche sul cemento, però Lorenzo si trova bene su questi campi, mentre Jannik parte da favorito con Novak, anche se gioca in casa“. C’è tempo poi per un’ultima battuta a proposito del campo: “Non ho trovato condizioni estreme, in altre situazioni è più faticoso, alla laver Cup ad esempio faceva ancora più caldo. Io non ho trovato particolari problemi sotto questo aspetto“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement