Niente finale a Wimbledon, ma l'erba del tennis cresce anche in Friuli

Flash

Niente finale a Wimbledon, ma l’erba del tennis cresce anche in Friuli

Voglia di tennis in stile Wimbledon? In Friuli-Venezia Giulia, a Gradisca d’Isonzo, c’è un campo in erba, verissima, grazie alla passione della famiglia Rizzotti

Pubblicato

il

Il campo di Gradisca d'Isonzo (dal profilo Facebook del ristorante 'Al Ponte')

Nostalgia di Wimbledon? Oggi, 12 luglio, avrebbe dovuto esserci la finale… Ebbene, alle porte di una ridente cittadina del Friuli-Venezia Giulia possiamo ritrovare le sensazioni del tennis su erba naturale. Non avrà l’aura sacra e centenaria del manto erboso di Church Road ma il campo in erba, verissima, di Gradisca d’Isonzo, in provincia di Gorizia, rappresenta una vera chicca per gli appassionati del tennis d’antan. Noi siamo andati a vederlo e abbiamo incontrato gli artefici di questa tanto apprezzata quanto originale iniziativa.

È una bella storia quella che c’è dietro a questo meraviglioso campo, quella della grande passione per il tennis di Fabiano Rizzotti e di suo figlio Marco. La famiglia Rizzotti è nota da decenni in regione, per il grande savoir faire in campo enogastronomico, e da diversi anni ha ampliato la propria attività di ristorazione con una struttura alberghiera, sorta nell’area retrostante il loro storico ristorante “Al Ponte” di Gradisca d’Isonzo. Nel cuore di un’ampia zona verde intorno all’hotel, dal 2014 è stato allestito anche un campo da tennis, l’unico in erba vera, ad oggi, in Friuli-Venezia Giulia e uno dei pochi presenti in Italia (ne troviamo anche in provincia di Rovigo, Brescia e Cagliari).

Foto di Laura Guidobaldi

Si tratta di un campo dalle misure regolamentari: l’area complessiva misura 800 metri quadrati (40×20) compresi gli spazi per il bordocampo in cui sono state posizionate panchine, sedie e l’impianto di irrigazione.

 

L’erba è la stessa dell’All England Club? “Purtroppo il tipo di erba di Wimbledon non resisterebbe al clima di questa zona, in agosto fa troppo caldo” ci ha spiegato Marco Rizzotti che, peraltro, nel 2010, ha avuto modo di visitare l’impianto di Wimbledon.

Abbiamo optato per un’erba che si adatti bene al clima locale, quella utilizzata anche per i campi da golf in regione“. Infatti, pur essendo una regione settentrionale, la zona sud del Friuli-Venezia Giulia, grazie alla costa, presenta un microclima quasi mediterraneo, con estati molto calde e, a volte afose. “Ma è comunque un’ottima erba per giocarci” continua Marco, “e la palla schizza via veloce, non è sempre facile averne il controllo, ci vuole una certa abilità. Il periodo ideale per questi campi va dalla primavera fino a settembre, in questi mesi a volte organizziamo dei tornei interni e amatoriali, di singolare e doppio, con tanto di trofeo. Per la realizzazione delle righe, ci siamo dotati di una vera e propria macchina traccialinee, proprio come quella utilizzata a Wimbledon!“.

Il campo è stato realizzato con uno scavo iniziale profondo 50 centimetri, con uno strato di sassi grossi e via via con ciottoli più piccoli per il drenaggio dell’acqua. L’ultimo strato è costituito da terriccio e sabbia.

Il campo di Gradisca d’Isonzo (dal profilo Facebook del ristorante ‘Al Ponte’)

Dopodiché, sono stati posizionati dei lunghi rotoli d’erba naturale. “Il giardiniere tratta il manto erboso ogni due-tre settimane con dei prodotti antinfestanti per limitare la crescita delle erbacce. La manutenzione è alquanto complicata” conferma Marco, “le erbacce invadono facilmente il prato. L’erba viene tosata con una macchina tagliaerba elicoidale, anche due volte alla settimana“.

Il campo infatti appare perfettamente rasato. “L’irrigazione, automatica, viene effettuata due volte al giorno, mattina e sera e, nei giorni i più caldi, anche verso mezzogorno” ci spiega Rizzotti. “Il campo non è dotato di luci artificiali. In estate, c’è buona visibilità fino alle 20 circa ma, soprattutto, con il calar della sera si forma la rugiada e il terreno diventa molto scivoloso. Durante l’inverno il campo non è coperto e l’erba non viene tagliata. Lo lasciamo così. Tuttavia, il manutentore ci mette un prodotto antigelo tra novembre e dicembre. Poi, tra marzo e aprile, lo “arieggia” carotando il prato con uno strumento apposito“.

Insomma, un gran lavoro, sorretto da una grande passione, soprattutto considerando il fatto che non si tratta di una struttura sportiva e di un circolo tennis in particolare, bensì di un campo privato, per la gioia della famiglia Rizzotti, degli appassionati locali del tennis su erba e, naturalmente, dei clienti dell’albergo.

Così, da qualche anno, il tennis in Friuli si tinge anche di un bel verde naturale. E, soprattutto, in questa stagione 2020 sinistrata dal coronavirus, il tennis green di Gradisca lenisce un po’ della forte nostalgia dell’amato Wimbledon.

Foto di Laura Guidobaldi

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il tabellone di Lexington, torna Serena: “No programmi, giocherò i tornei che si disputeranno”

Ritorno del circuito WTA negli USA e ritorno in campo di Serena Williams. Potenziale scontro al secondo turno con Venus o con Azarenka

Pubblicato

il

Serena Williams - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Si è finalmente consumato sabato a Lexington, Kentucky il primo atto della stagione agonistica WTA sul suolo statunitense. Il Top Seed Open presented by Bluegrass Orthopaedics, torneo International da $202.250 nato dallo “spin off” della versione femminile del Citi Open di Washington, ha iniziato i primi turni di qualificazione e alcune delle giocatrici più blasonate in tabellone hanno incontrato (via teleconferenza) i rappresentanti della stampa.

Tra queste c’è stata anche la 23-volte campionessa Slam Serena Williams, che si è insolitamente iscritta a un torneo di livello International per ritrovare le sensazioni agonistiche dopo i lunghi mesi di stop ed essere al meglio per l’assalto al record di vittorie nei tornei del Grande Slam che da due anni le sfugge.

Non avrei mai pensato di giocare in condizioni come queste, ma forse il futuro va in questa direzione, con distanziamento sociale e telecomunicazioni – ha detto la campionessa americana, che ha trascorso tutto il periodo del confinamento nella sua abitazione di West Palm Beach con la propria famiglia – La pandemia mi ha insegnato a non programmare, perché le cose possono cambiare molto velocemente. Penso di giocare i tornei che riusciranno ad andare in scena, senza pormi degli obiettivi a priori”.

 

Il problema più complicato da risolvere per Serena al fine di poter continuare la preparazione durante la pandemia è stato quello di trovare un nuovo gruppo di fisioterapisti, dato che il suo team “titolare” è basato in Europa e non poteva arrivare in Florida a causa delle restrizioni ai viaggi. “Risolto quel problema – ha spiegato Williams – non è stato tutto troppo diverso dal solito, anche se ovviamente non sono potuta andare in palestra, e forse non ci andrò per parecchio tempo. Fortunatamente non faccio pesi, i miei bicipiti me li ha forniti direttamente la mia mamma, ma mio marito mi ha aiutato a costruire una palestra in casa, così come un campo da tennis. Il campo è una specie di rifugio per me, avrei dovuto pensarci 20 anni fa, ho cercato di chiamare quanti più giocatori possibile ad allenarmi con me, con la scusa che la superficie era esattamente quella dello US Open”.

L’aver trascorso questo periodo in Florida, dove l’epidemia si sta diffondendo in maniera molto rapida, ha costretto Serena a non lasciare nulla al caso per quel che riguarda le precauzioni: “Viaggio con circa 50 maschere, non vado da nessuna parte senza, tutti quelli che sono nella ‘Serena bubble’ sono estremamente prudenti, si parla della vita di ognuno”. L’embolia polmonare di cui la tennista americana ha sofferto subito dopo il parto ha compromesso la capacita dei suoi polmoni, quindi anche per questo motivo è preferibile evitare di contrarre il CoV-SARS-2. “Fisicamente mi sento in forma, ma la forma partita è un’altra cosa. Non mi sento ancora in piena forma, i match mi diranno a che punto sono”.

IL TABELLONE COMPLETO

(clicca per ingrandire)

Il tabellone ha accoppiato Serena Williams, testa di serie n.1, alla connazionale Bernarda Pera (n. 60 ATP) al primo turno per poi eventualmente riservarle un impegno da scintille al secondo contro la vincente della sfida tra sua sorella Venus Williams e l’ex n.1 del mondo Victoria Azarenka.
Impegno potenzialmente complicato al secondo turno anche per la seconda del seeding, la bielorussa Aryna Sabalenka, che dopo Madison Brengle all’esordio potrebbe trovare la sedicenne Coco Gauff (n. 52).

Questi i quarti teorici:

[1] S. Williams vs [7] S. Stephens
[4] A. Anisimova vs [5] Y. Putintseva
[6] M. Linette vs [3] J. Konta
[8] O. Jabeur vs [2] A. Sabalenka

Continua a leggere

Flash

Dominic Thiem: “Questo US Open sarà meno importante dell’Australian Open 2020”

Il numero 3 del mondo: “Sono pronto per lo US Open ma se dovessi ancora restare a casa non sarebbe un problema”

Pubblicato

il

Dominic Thiem sta programmando la trasferta negli Stati Uniti, a New York, per disputare il torneo di Cincinnati (anch’esso si svolgerà a Flushing Meadows quest’anno) e lo US Open. Tuttavia, qualora dovesse rivelarsi necessario sottoporsi alla quarantena al rientro in Europa, potrebbe anche rinunciare alla Grande Mela in vista di Roma e Parigi. L’asse su cui si gioca questa partita è New York-Roma, poiché la destinazione di molti reduci dallo US Open sarebbe la sede degli Internazionali d’Italia. Senza la conferma dell’esenzione della quarantena sulla via del ritorno, diversi giocatori si troverebbero nella stessa posizione di Thiem.

Quando il tour ricomincerà, sarò pronto. Ma se dovessimo rimanere ancora a casa non sarà un problema, sono stato bene” ha dichiarato il n. 3 del mondo a Der Standard, ‘mascherando’ in qualche modo la sua proverbiale foga agonistica

Dubbi di partecipazione a parte, Thiem sarebbe il principale antagonista del numero uno Djokovic (che lo ha sconfitto di misura nella finale dell’Australian Open) in virtù dell’assenza del campione in carica Nadal. “Le aspettative sono alte, ma sarà completamente diverso perché non ci sarà il pubblico, il team sarà ridotto e gran parte del tempo bisognerà trascorrerlo in hotel, sarà un’esperienza completamente differente. Molti tra i migliori giocatori del mondo hanno rinunciato e forse altri ancora rinunceranno allo US Open e questo lo rende, per quest’anno, meno importante rispetto all’Australian Open. Tuttavia, non vedo l’ora di poter giocare“.

 

Il programma del tennista austriaco prevede il doppio appuntamento americano per poi continuare con Kitzbühel, Roma e il Roland Garros. Il torneo austriaco, però, coinciderà con la seconda settimana dello US Open e dunque Thiem potrà parteciparvi solo se le voci dello slittamento del torneo di una settimana (dal 7 al 14 settembre) dovessero rivelarsi fondate.

Continua a leggere

Flash

Giorgi si ferma a un set dalla finale: a Palermo il titolo sarà un affare tra Ferro e Kontaveit

Gran rimonta di Fiona Ferro, che da quando il tennis è ripartito non ha mai perso (14 vittorie su 14). Giorgi: “Non sono rammaricata, ho fatto il mio gioco”

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Eravamo pronti a salutare il ritorno di una tennista italiana in finale a Palermo (l’ultima volta era accaduto nel 2013, fu addirittura un derby tra Errani e Vinci), ma ci si è messa di mezzo la grande rimonta di Fiona Ferro. Presa decisamente a pallate nel primo set da Camila Giorgi (il 5-0 iniziale è andato a referto come 6-2), la tennista francese non ha fatto una piega e da quel momento non è più stata sotto nel punteggio. Non solo, ma è stata praticamente perfetta dal punto di vista tattico approfittando di un calo di Giorgi nei colpi di inizio gioco (6-2 7-5 il punteggio degli ultimi due set).

Ferro sfiderà in finale Kontaveit, che ha sconfitto in due set la n.1 del seeding Martic: la sfida è inedita nel circuito maggiore, ma nel 2016 si sono affrontate in un torneo ITF a Poitiers con vittoria di Kontaveit.

GIORGI ILLUDE – Scorrendo semplicemente il punteggio si potrebbe sospettare una quota maggiore di rammarico per Camila Giorgi, ma analizzando la partita a posteriori si deve invece sottolineare il notevole cambio di marcia di Ferro. Travolta in ogni aspetto del gioco nel primo set – senza timore di smentite si può dire che in campo c’era solo Giorgi, a firmare vincenti da ambo i lati – la francese allenata da Emmanuel Planque (ex coach di Pouille) ha capito di non poter accettare lo scambio a velocità troppo sostenuta e ha iniziato a sporcare le traiettorie oltre che a difendersi meglio, soprattutto dal lato del rovescio – quello debole.

 

L’inerzia del match è cambiata con le improvvise difficoltà di Giorgi a difendere il servizio (tre break subiti su quattro nel secondo set) a cui si è accompagnata l’imprecisione in risposta; non a caso, nell’unico game del secondo set in cui è riuscita a rispondere con continuità, ha breakkato Ferro lasciandola a quindici. Non è servito a evitare il 6-2, punteggio speculare a quello del primo set.

Nell’ultimo parziale il livello delle due giocatrici è stato più vicino, ma Ferro aveva ormai acquisito sicurezza nella gestione delle traiettorie; è stata abile a rallentare il ritmo e costringere Giorgi a colpire sopra l’altezza delle spalle, aumentandone così il margine d’errore. Il rovescio, da colpo debole, si è addirittura trasformato in prezioso alleato con un paio di lungolinea vincenti che sono risultati decisivi nell’economia del match. Dopo aver perso il break di vantaggio, Ferro si è portata ancora avanti sul 5-5 e ha chiuso la contesa con il servizio allungando a quattordici la striscia di vittorie dalla ripresa: contando le dieci uscite in una competizione nazionale francese e le quattro partite di questa settimana, da circa un mese Ferro ha sempre vinto.

Nel terzo set ho forzato troppo la seconda“, ha detto Giorgi in conferenza stampa. “Ma non sono rammaricata, ho cercato sempre di fare il mio gioco. E mi sentivo in forma, la condizione fisica non è una scusa: è stato quel game nel terzo set a incidere“.

FUORI MARTIC – Non ha avuto molta storia la prima semifinale, sebbene ce la si aspettasse piuttosto combattuta. In parte per merito di Anett Kontaveit, in parte a causa delle condizioni fisiche imperfette della prima favorita Petra Martic, frenata da un fastidio alla schiena e da una coscia dolorante. Nel primo set la giocatrice estone non ha sbagliato quasi nulla, offrendo una sola palla break, mentre nel secondo – quello in cui Martic ha chiesto il trattamento medico – si è un po’ fatta condizionare e ha faticato a chiudere l’incontro, che alla fine si è concluso 6-2 6-4.

Martic è apparsa abbastanza serena in conferenza stampa, non ha accampato scuse (“Oggi la migliore giocatrice in campo è stata lei“, ha ammesso) e si è detta comunque soddisfatta torneo che ha disputato, confermando di non aver patito particolarmente la ‘nuova’ normalità dovuta alle misure di sicurezza. Dopo aver raccontato nei giorni scorsi che la sensazione più particolare durante il lockdown è stata quella di non sentirsi una tennista per un po’, oggi Petra ha detto che la settimana siciliana le è servita proprio per ricordarsi… cosa significa invece esserlo.

La finale tra Fiona Ferro e Anett Kontaveit andrà in scena domenica, 9 agosto, alle ore 19:30.

Risultati:

[4] A. Kontaveit b. [1] P. Martic 6-2 6-4
F. Ferro b. Camila Giorgi 6-2 2-6 7-5

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement