Quote sabato 20 febbraio, Australian Open: Osaka strafavorita su Brady

Senza categoria

Quote sabato 20 febbraio, Australian Open: Osaka strafavorita su Brady

L’americana vale 4,80 nella sua prima finale slam. Ma ben nove delle ultime venti finali major femminili sono state vinte da debuttanti assolute.

Pubblicato

il

Naomi Osaka all'Australian Open 2021 (foto Twitter @AustralianOpen)
 

La finale femminile dell’Australian Open 2021 vede affrontarsi la testa di serie numero 3 Naomi Osaka e la numero 22 Jennifer Brady. Il bilancio dei precedenti vede la nipponica in vantaggio per due a uno, con la vittoria della Brady che risale addirittura alla stagione 2014, mentre l’ultimo incontro è quello della semifinale di Flushing Meadows dello scorso settembre, portato a casa dalla futura campionessa del torneo in tre set.

I bookmakers sono concordi nell’individuare Osaka come favorita, mediamente a quota 1,20, in virtù del tennis mostrato finora, a tratti impressionante, e del record di tre vittorie su altrettanti finali slam giocate (una proprio a Melbourne due anni fa e due allo US Open); lei stessa ha dichiarato che preferisce giocare queste partite in cui la pallina ‘scotta’ e che le riesce più facile dare il meglio in quanto “le persone non ricordano gli sconfitti”. Imbattuta in questo 2021, durante il torneo è stata in seria difficoltà solo negli ottavi di finale contro Garbine Muguruza, sconfitta 7-5 al terzo set rimontando da 3-5 15-40, mentre sono state spazzate via abbastanza agevolmente Pavlyuchenkova, Garcia, Jabeur, Hsieh e per ultima Serena Williams, tutte in due set: vale infatti solo 1,60 per Snai il successo della giapponese in due set, mentre paga 3,85 il punteggio di 2-1.

La vittoria di Jennifer Brady è quotata 4,80 da Bet365, con la venticinquenne americana che cerca di proseguire il suo momento d’oro: dopo lo stop causa pandemia ha portato a casa il primo titolo WTA a Lexington e la semifinale allo US Open, e con questa finale raggiunge il suo top ranking alla tredicesima posizione mondiale. Nel corso del torneo, dopo aver facilmente battuto Bolsova, Brengle, Juvan e Vekic, ha faticato un po’ di più per avere la meglio sulla connazionale Jessica Pegula e poi in semifinale su Karolina Muchova. Jennifer ha ammesso che sarà emozionatissima, ma può darle fiducia il fatto che nelle ultime venti finali slam sono state ben nove le vincitrici al debutto, di cui due proprio a Melbourne, ossia Angelique Kerber nel 2016 e Sofia Kenin l’anno scorso; l’unica debuttante sconfitta negli ultimi cinque anni è stata Karolina Pliskova (che perse da proprio da Kerber a Flushing Meadows 2016), insieme chiaramente alle tre che affrontavano a loro volta altre novelline (nella finale tutta tricolore Pennetta-Vinci del 2015, seguita sempre allo US Open dal derby Stephens-Keys del 2017, fino a Barty-Vondrousova del Roland Garros 2019); curiosamente a Wimbledon non si è mai verificato negli ultimi cinque anni che ci fosse una neo-finalista.

 

Luca Chito

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Advertisement
Flash2 ore fa

Nuovo Sinner Paradiso (Cocchi). Ora resistenza e recupero per essere al top anche nei major (Bertolucci). In 10 motivi l’amore per Sinner (Arturi). Sinner regalaci lo Slam (Nizegorodcew). Il mondo ci invidia il rosso (Palliggiano). Effetto Sinner (Ercoli). Così Sinner e l’Italia saranno numeri uno (Azzolini). “Sinner e questi azzurri hanno le mani sul futuro” (De Ponti). Sudtirolesi e altoatesini: gli atleti risolvono i problemi (Stella). I magnifici 4 (Piccardi). Il metodo Sinner (Martucci). Miniera Sinner (Semeraro)

Flash3 ore fa

Ubaldo Scanagatta con Omar Camporese a Radio Sportiva [AUDIO]

Flash4 ore fa

Ancora elogi per Sinner, Vagnozzi: “Jannik è uno squalo, un cacciatore. Contro Nole la spunta chi è più aggressivo tra i due”

Flash4 ore fa

Martin Landaluce è il primo tennista classe 2006 in top 500

Coppa Davis5 ore fa

Volandri: “Puntiamo ad aprire un nuovo ciclo in Coppa Davis. Vogliamo ripeterci con Berrettini in campo”

Flavio Cobolli - Challenger Milano 2023 (foto Ufficio stampa Milano)
ATP5 ore fa

Il diario di Cobolli alle Next Gen Finals, day 2: “Stricker è uno tosto davvero”

ATP5 ore fa

Il tennis torna in Russia con un’esibizione. Presente anche Jasmine Paolini

ATP6 ore fa

Big Three: chi tra Djokovic, Federer e Nadal ha perso più partite con match point a favore?

Flash17 ore fa

Le stelle del tennis del futuro giocano su SKY e in streaming su NOW

Editoriali del Direttore19 ore fa

L’Italia ha vinto la Coppa Davis senza essere la squadra più forte. Nel 1976 invece lo era. Sinner? È il n.2 del mondo

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement