Sinner, la lezione per diventare più grandi. Primato storico Italia: dieci nella top 100 (Scanagatta). Sinner punta sul rosso: da Montecarlo a Parigi obiettivo Finals e top 10 (Cocchi). Sinner deluso non si dà pace: "Voglio subito capire che cosa ho sbagliato" (Azzolini)

Rassegna stampa

Sinner, la lezione per diventare più grandi. Primato storico Italia: dieci nella top 100 (Scanagatta). Sinner punta sul rosso: da Montecarlo a Parigi obiettivo Finals e top 10 (Cocchi). Sinner deluso non si dà pace: “Voglio subito capire che cosa ho sbagliato” (Azzolini)

La rassegna stampa di martedì 6 aprile 2021

Pubblicato

il

Sinner, la lezione per diventare più grandi. Primato storico Italia: dieci nella top 100 (Ubaldo Scanagatta, Giorno – Carlino – Nazione Sport)

È mancata la ciliegina sulla torta. Tutti, incluso Jannik Sinner (nella foto), avrebbero firmato alla vigilia del Masters 1000 di Miami – lui era ancora n.31 ATP – per ritrovarlo in finale domenica di Pasqua e oggi n. 23 del mondo. Nonché n. 7 nella Race verso le finali mondiali ATP di Torino 2021. L’appetito era venuto mangiando. Non capita sovente di affrontare in una finale di un 1000 un tennista che ti sta dietro nel ranking come Hubi Hurkacz che era n.37. A seguito del vittorioso 7-6 6-4 il polacco (24 anni) lo ha superato in tromba: n.16. E Sinner è deluso come noi dopo aver assaporato il primo grande trionfo, perché oggettivamente ha giocato ben al di sotto delle proprie capacità. Poca varietà, poca lucidità. A 19 anni può succedere. Il guaio è che tutti lo avevano già battezzato «non umano», solido come una roccia ben oltre i suoi 19 anni e mezzo. Invece Jannik ha sofferto psicologicamente l’essere il favorito di tutti, bookmakers inclusi. E non è stato lucido proprio per nulla. Nel primo set Hurkacz non ha giocato neppure un vincente, ma si è limitato ad aspettare i suoi errori, giunti per troppa impazienza. Il coach di Jannik, Riccardo Piatti, aveva ammonito ad aver pazienza («Ha giocato solo 70 match ATP, aspettate ne abbia giocati 150»). E Sinner ne ha più dei suoi tifosi che però contando i suoi punti ATP degli ultimi 12 mesi – cancellando quelli congelati ad altri per proteggere i risultati d’epoca pre-pandemica – lo considerano già top-ten. Chi scrive non è impaziente e scommette su un sicuro avvenire da campione. Già dopo Montecarlo (via fra una settimana), Madrid, Roma e Parigi, sorteggi permettendo, vedrete. Intanto, anche grazie alle imprese dell’altoatesino, l’Italia del tennis maschile si ritrova con dieci giocatori tra i primi 100 del mondo: non era mai successo prima. Eccoli: 10 Matteo Berrettini, 18 Fabio Fognini, 23 Jannik Sinner, 34 Lorenzo Sonego, 69 Stefano Travaglia, 87 Salvatore Caruso, 90 Lorenzo Musetti, 91 Gianluca Mager, 93 Marco Cecchinato, 96 Andreas Seppi.

Sinner punta sul rosso: da Montecarlo a Parigi obiettivo Finals e top 10 (Federica Cocchi, Gazzetta dello Sport)

 

Dimenticare Miami e tornare coi piedi per terra. Quella rossa, dove ha mosso i primi passi da bambino in Alto Adige e dove, lo scorso anno, si è guadagnato i quarti di finale Slam al Roland Garros. Aveva di fronte Rafa Nadal, l’imperatore della terra, che dall’alto dei suoi 13 titoli a Porte D’Auteuil aveva comunque dovuto battagliare per quasi 3 ore. Una prestazione che lo aveva entusiasmato a tal punto da volersi confrontare col pupillo di Riccardo Piatti per ben due settimane di quarantena nella bolla di Adelaide, prima della partenza dell’Australian Open. La sconfitta in finale al Masters 1000 sul cemento della Florida per mano dell’amico-rivale Hurkacz, è già nella scatola dei ricordi. Non c’è tempo per l’amarezza, è il momento di analizzare, programmare il futuro e la rincorsa verso le ATP Finals di Torino di novembre. L’Italia, che si è imita davanti al televisore per il talento dai capelli rossi, lo vuole tra gli otto maestri che si sfideranno in Piemonte. Jannik e il suo team non sono soliti fare proclami, ma la speciale classifica per Torino dice numero 7, il ranking mondiale 23 e la rincorsa è appena cominciata. Confermare la posizione nella race e salire fino sull’Olimpo della top 10 non sono traguardi fori portata. Il programma di Jannik sulla terra rossa è piuttosto intenso. L’obiettivo è sempre accumulare più match possibili per continuare a scrivere il suo romanzo di formazione tennistica. E quindi, via con un altro Masters 1000 la settimana prossima sulla terra amica di Montecarlo, dove vive e si allena con colleghi di alto lignaggio, ma non ha mai giocato il torneo. Da lì poi si sposterà in Spagna per giocare uno dei tornei più amati da Rafa Nadal, l’ATP 500 di Barcellona. Attualmente, l’altoatesino è iscritto anche al torneo di Monaco di Baviera ma non è ancora sicura la sua partecipazione, che verrà decisa a seconda di come procederà il lavoro con il team. Jannik sarà poi al Masters 1000 di Madrid, dove sembra che non parteciperà Novak Djokovic, e ovviamente agli Internazionali d’Italia al Foro Italico. Chiuderà il periodo “rosso” il Roland Garros. Ci saranno tante prime volte ancora per Sinner che, a causa dello stop per pandemia, sta iniziando soltanto ora ad assaporare tutti i tornei della stagione. A parte Roma e Miami, Jannik non ha mai vissuto da protagonista altri Masters 1000 (escluse le qualificazioni di Cincinnati lo scorso anno, dov’è uscito al primo turno), e anche a Barcellona non ha mai partecipato. Esperienza, partite e lavoro fisico saranno la ricetta per i prossimi mesi del 19enne che ha tanta fretta di crescere: «Penso che lavorerò molto con il mio preparatore atletico Dalibor Sirola, perché è l’aspetto in cui devo migliorare di più». […]

Sinner deluso non si dà pace: Voglio subito capire che cosa ho sbagliato” (Daniele Azzolini, Tuttosport)

Lo aveva detto, quasi preconizzato, se solo qualcuno fosse stato a sentirlo. Non era un annuncio di sconfitta, ci mancherebbe altro… Ma una richiesta. Legittima. Quella di tenere in considerazione lo stato d’animo con cui giungeva a questa finale, e i pensieri di un ragazzo che ha ben chiaro quale sia il percorso da compiere. Un diciannovenne che sta esplorando, insieme, se stesso e il tennis, deve permettersi di considerare i primi inciampi della carriera come inevitabili scivoloni. Gli stessi di un bimbo che compia i primi passi con qualche mese d’anticipo su ogni possibile previsione. Non perdo, imparo. II motto di Nelson Mandela, che Berrettini ha introdotto nel circuito – pietra filosofale di un impegno nel tennis che muova da uno stimolo sempre positivo – vale anche per Jannik Sinner. Tanto più dopo questo primo tentativo in una finale Masters 1000, che nel passato si è concessa anche ai diciannovenni, ma solo a patto che poi diventassero i primi della classe. Hewitt, Nadal, Djokovic… Semola resta ai bordi di questi due così esclusivi, ma solo per ora, per questa prima volta. E niente vieta di pensare che presto ce ne sarà un’altra. «Non vedo l’ora di riunirmi con il mio team, e capire che cosa ho sbagliato in questa finale. Non tutto, certo, questo lo so. Ne fa fede il buon torneo che ho giocato. Ma qualcosa sì… Qualcosa non ha girato a dovere e la devo mettere a fuoco quanto prima. Perché mi pesa. E non sono felice di questa sconfitta, sebbene sia giunta contro un amico, uno dei pochi che posso definire tali nel giro del tennis». Avrà le risposte che cerca, Jannik, il team di Bordighera è di prim’ordine. E forse le tradurrà in quel passo avanti che indica la frase di “Nelson” Berrettini. L’impressione che ha dato la finale di Miami è che Hubert Hurkacz sia riuscito a far pesare quei pochi vantaggi che gli venivano dal ruolo secondario che sembrava dovesse ricoprire in questo match titolo in palio. Quel po’ di esperienza in più, offerta dai cinque anni di anzianità di servizio che vanta sul compagno di doppio italiano, gli ha permesso un approccio alla finale privo di stordenti batticuore. E la sua predisposizione a rendere intercambiabile la tattica di gara ha fatto la differenza. […] La strada per raggiungere gli obiettivi sognati è lunga, e servirà essere corredati di tutto punto. Piano B, piano C e via secondo le lettere dell’alfabeto. «Lui è andato 7-6 4-0 grazie ai suoi colpi vincenti, ma non mi ha preso a pallate. Ho commesso degli errori e sono andato sotto, ma non 6-1 6-1 senza speranza. Per questo sono convinto che vi sia una spiegazione agli errori che ho commesso». […] Si va sul rosso europeo, il tennis lascia il cemento. Montecarlo comincia la prossima settimana, e sarà un duro impegno per Fognini. Berrettini torna in campo a Cagliari, ma solo in doppio, con il fratello Jacopo. Da ieri, il nostro tennis vale dieci posti nella Top 100. È un bel record. Sinner è salito al numero 23 (ma nella Race è settimo), Musetti al 90, ed è rientrato in gioco Mager. È un tennis che vale, per numeri, quelli di Spagna e Francia. E in più mette in campo i giovani più forti del circuito. Vale la pena aspettarli.

Continua a leggere
Commenti

Rassegna stampa

Fantastico Sonego, batte Thiem e vola ai quarti (Semeraro, Azzolini, Mastroluca, Crivelli). Nadal è gigantesco. Annulla 2 match point e batte Shapovalov (Crivelli)

La rassegna stampa di venerdì 14 maggio 2021

Pubblicato

il

Sonego, la notte magica. Più forte di Thiem e del coprifuoco (Stefano Semeraro, La Stampa)

Si sperava nel duello al sole fra Matteo Berrettini e Stefanos Tsitsipas, invece l’impresa l’ha fatta l’uomo della notte, Lorenzo Sonego, firmando dopo quasi 3 ore e mezzo di battaglia quella che per ora è la partita del torneo (6-4 6-7 7-6). Se Berrettini sul centrale si è arreso in due set al greco (7-6 6-2), crollando dopo il tie-break perso, Sonny ha firmato un’altra vittoria del cuore, un capolavoro di grinta, di tenacia, di sacrificio. Sulla Grand Stand Arena alle 11 di sera Lorenzo ha buttato fuori dal torneo il numero 4 del mondo, due volte finalista a Parigi e campione in carica degli Us Open, Dominic Thiem, chiudendo in tre set una partita che avrebbe anche potuto chiudere in due, visto che si era preso il primo set attaccando appena possibile, servendo come un treno. Sul 5 pari del secondo ha avuto poi due palle break che l’avrebbero portato a servire per il match, ma Thiem si è salvato giocando un tie-break alla Thiem. Così invece del mezzogiorno di fuoco si è vissuta la beffa del coprifuoco: alle nove e mezzo lo stadio è stato svuotato (fra i fischi) dal pubblico che ieri per la prima volta è stato ammesso al Foro. Il gioco è ripreso dopo 23 minuti, e Sonny è stato il più veloce a ritrovare il ritmo. Piazzato il break al secondo game si è però fatto raggiungere e superare cedendo due servizi consecutivi. Sul 5-4 sembrava fatta per Thiem, che ha anche sprecato un matchpoint, ma un Sonego indomabile è riuscito a pareggiare il conto, a riportarsi avanti 6-5, e a chiudere 7-5 al tie-break davanti ad un Thiem che ha provato a mettere sul campo tutta la sua esperienza, ma che alla fine si è dovuto piegare alla grinta superiore di Sonego. Peccato solo per l’esultanza a spalti vuoti. Stasera si giocherà il suo primo quarto di finale a Roma contro il russo Rublev che ha battuto 6-4 6-4 lo spagnolo Bautista Agut.

Sonego meraviglia (Daniele Azzolini, Tuttosport)

 

L’impresa Sonego ce l’ha nei colpi, nei pensieri. E’ tra i pochi a vantare un “gambetto al Re” al numero uno, che mise alla porta Djokovic a Vienna sul finire della scorsa stagione; perché non tentare il colpo anche con chi è stato numero tre? Figurarsi se uno come Lori si fa sfuggire l’occasione. Anzi, la costruisce sul posto, mattone su mattone, e la rinforza, la smonta e la rimonta ancora più solida, fino a sfinire quello che un tempo si faceva chiamare Dominator, a ridurlo in crisi mistica alle prese con il più paradossale dei monologhi. Come roba da matti è la svolta che Sonego impone al match quando sembra che non ci sia più speranza. Siamo 5-4 per Thiem nel terzo, l’austriaco è al servizio. Lore sgomita e ottiene il break e la parità, gioca da indemoniato e si porta avanti 6-5. Poco dopo siamo al tie break. Intanto il pubblico se n’è andato, per via del coprifuoco. Sonego comincia bene, Thiem rinviene, ma il torinese trova i colpi giusti, gli spari di Thiem non gli fanno paura. Una palla lenta inguaia l’austriaco a rete, il match point dura un attimo, palla lunga, Sonego alza le braccia. Tappa, maglia e cronoscalata sono sue. L’Italia sopravvive, questa volta il faro è questo ventiseienne piemontese al quale lo spogliatoio del Tour concede ormai grande attenzione. Lori passa per quello che “ti fa stare in campo fino a notte’; che “sa giocare tutti i colpi; che “se ti azzanna, non ti molla più’: Thiem era avvisato… Non il miglior Thiem, è vero. Viene da un lungo rimessaggio, curativo di infortuni del fisico e dell’animo, e ha ripreso solo a Madrid. Qui a Roma mostra già di essere cresciuto, ma Sonego l’ha obbligato a dare il meglio di sé per portare a casa il match e non è bastato. Lori ha vinto il primo, ha costretto Thiem a un faticoso tie break nel secondo, ha condotto di un break il terzo, infine l’ha superato in volata. Giocherà con Rublev, ma i quarti appena raggiunti valgono già moltissimo.

Gigante Sonego, la notte più bella (Alessandro Mastroluca, Corriere dello Sport)

Il capolavoro di Lorenzo Sonego. Dopo tre ore e 28 minuti di partita, dopo aver sconfitto 6-4 6-7 7-6 Dominic Thiem, e avergli rifilato 50 vincenti, ha ancora la forza di ballare in campo. Ha conquistato il cuore dei tifosi italiani, soprattutto quelli che c’erano per i primi due set sulle tribune della Grand Stand Arena. Ma poi hanno dovuto abbandonare lo stadio a causa del coprifuoco. II torinese diventa il quindicesimo azzurro nei quarti di finale agli Internazionali BNL d’Italia nell’era Open. Affionterà per la terza volta il russo Andrey Rublev, che l’ha battuto l’autunno scorso in finale a Vienna. «Devo cercare di portare in alto la bandiera dell’Italia, è stato bello avere il sostegno dei tifosi» ha detto nell’intervista a caldo dopo una partita che ha vissuto di orgoglio rabbioso e coraggio per tre set. Nonostante il 25% di tifosi presenti, la natura dell’atmosfera sulla Grand Stand Arena è la solita del Foro Italico. Serve anche quella perché il torinese si gusti a fondo una partita di cui è assoluto, meritato protagonista. Perché un Sonego così non si era mai visto. Oggi è un giocatore più consapevole di quello che può fare, di dove può arrivare. Tenace lo è sempre stato. Contro Thiem ci ha messo anche grandi prime di servizio, ottime le soluzioni in slice da destra anche nei momenti importanti della partita. Gioca forte, senza paura di rischiare. Mira alle righe, rischia più di qualche palla corta e qualche attacco in controtempo. Per due set, gioca un tennis scintillante che lascia incredulo il suo coach “Gipo” Arbino. Thiem, al contrario, inizia piano, anche troppo. Non è la sua versione migliore e si vede da come prepara il servizio e da quanto corto giochi di diritto, perfino da metà campo. E come saltata la catena cinetica, a parità di sforzo l’effetto ìimpallidisce rispetto a quanto mostrava nei momenti migliori. Per un giocatore come il tornese sentirsi in controllo contro il numero 4 del mondo è evidentemente inusuale. Ci prende gusto. In queste situazioni si incrociano due spinte. Da un lato, speri che possa continuare così; dall’altro, avverti la precarietà dello scenario. E in effetti dal secondo set la partita cambia. Thiem inizia ad aumentare la profondità dei colpi, ma non è ancora preciso. Il tiebreak, chiuso 7-5, inaugura un match nel match. La breve sospensione per far defluire il pubblico a causa del coprifuoco fissato alle 22 aumenta il senso scenografico dell’intervallo fra il secondo e il terzo atto. Sonego saluta i tifosi venuti per lui. I giocatori vengono mandati negli spogliatoi per il tempo necessario all’operazione, poi si ricomincia su una terra più dura. Sonego piazza il primo allungo, ma la stanchezza si sente. Thiem adesso si sente a suo agio. È la sua partita, fatta di corse e di asprezze, ma è anche la partita del torinese, che infatti la interpreta come meglio non potrebbe. Rimonta da 3-5, annulla un match poitn e chiude al tie break, uscendone da grande giocatore.

Sonegol: urlo nel silenzio (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Terminator questa volta ha la faccia pulita e il cuore enorme di un ragazzo di Torino che voleva fare il calciatore e poi nel tennis, l’altro amore della vita, ha invece scoperto di possedere la dote che meno di tutte si può allenare perché sgorga innata dalla carne e dal sangue: la volontà di non lasciare indietro nemmeno un punto, anche quando le onde sollevate dal quarto giocatore del mondo ti stanno rovesciando, riportandoti con la testa sotto l’acqua dopo un primo set di magie. Sonego batte Thiem, e già così suona come una musica celestiale. Questa è la sera di Lollo, che raggiunge per la seconda volta in carriera un quarto in un Masters 1000 dopo Montecarlo 2019 e coglie la vittoria più bella e prestigiosa della carriera, più ancora di quella contro il numero uno Djokovic a Vienna in ottobre, perché quella era una versione edulcorata del fenomeno serbo, con la pancia piena dopo essere tomato in vetta al ranking. Questo Thiem, invece, dopo la prima ora di gioco in cui soffre l’aggressività dell’ex ala delle giovanili granata, le sue bordate al servizio e il dritto penetrante, è molto vicino alla miglior versione del trionfatore degli. Us Open. Comincia a tenere lontano Sonego dalla riga di fondo, lo muove, mette pressione su ogni palla. Dopo l’interruzione alla fine del secondo set per far defluire il pubblico causa coprifuoco, con i due giocatori obbligati a tornare negli spogliatoi e poi a rifare il riscaldamento, l’austriaco sembra prendere il volo fino al match point in risposta sul 5-3 che Lorenzo annulla con un serve and volley da brividi. Una mossa ardita che trasforma totalmente gli orizzonti del match, con Thiem che pasticcia nel game successivo quando serve per chiudere e poi subisce il clamoroso ritorno dell’azzurro. Nel tie break, che arriva quando la partita ha già abbondantemente scavallato le tre ore (alla fine 3h24′), Dominic per salire 5-4 tira due rovesci da manuale che atterrerebbero un toro, ma non ll Sonego di questa meravigliosa notte romana che con tre punti consecutivi si gode l’apoteosi: «Per battere Thiem sulla terra, devi giocare la partita perfetta, giocare con coraggio e tirare fuori tutto quello che hai dentro. Adesso spero di recuperare bene, anche se l’adrenalina faticherà a smaltirsi. Intanto non accenderò il cellulare fino a qualche minuto prima della prossima partita, non voglio distrazioni».

Nadal è gigantesco. Annulla 2 match point e batte Shapovalov (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Gigante, pensaci tu. Se la riapertura al pubblico meritava uno show che cancellasse i lunghi mesi senza tifosi, non poteva che essere il re dei gladiatori a infiammare l’arena. Superbo Nadal, una volta di più, formidabile nel sopperire con l’orgoglio e l’inesauribile sete di vittoria a un pomeriggio in cui viene a lungo sovrastato tecnicamente dall’avversario. Anzi, per quasi due set Shapovalov lo prende a pallate, incisivo al servizio e ficcante con l’elegantissimo rovescio incrociato o lungolinea che Rafa non legge quasi mai. Il mancino canadese è imperioso, ha la palla per il 4-0 nel secondo set che chiuderebbe di fatto la contesa, ma da lì inizia a pasticciare risvegliando il guerriero maiorchino. La partita adesso è una battaglia di qualità sopraffina, Denis va avanti di un break anche nel terzo, si fa rimontare, si procura due match point per un successo leggendario sul 6-5 e invece li spreca malamente, accorgendosi dolorosamente che portare Nadal al tie break decisivo è come sanguinare davanti a uno squalo. Rafa dopo 3 ore e 27′ approda cosa ai quarti per la 16^ volta in 17 partecipazioni romane e per la 97^ in un 1000, record già suo migliorato, vince il 16° match dopo aver avuto match point contro oltre a portare a 19 la striscia di vittorie consecutive contro un mancino: «È stato un successo importante, arrivato al termine di una partita lunga, contro un giovane… Spero di riprendermi al meglio per il prossimo turno, vediamo come mi sveglierò, ma questi sono match duri da cui non è semplice recuperare. Ho lottato mentalmente e fisicamente, ho mantenuto un approccio positivo. Partite così ti danno fiducia per il futuro».

Continua a leggere

Rassegna stampa

Non basta un grande Sinner contro Nadal (Bertolucci, Mastroluca, Azzolini, Barana). Berrettini irrompe negli ottavi (Crivelli)

La rassegna stampa di giovedì 13 maggio 2021

Pubblicato

il

Jannik, uno stop che conforta. C’è voluto il Rafa migliore (Paolo Bertolucci, La Gazzetta dello Sport)

Talvolta il sorteggio fa il birichino e si diverte a offrire già nei primi turni partite che noi appassionati vorremmo vedere invece nelle fasi più calde. E così la rivincita del Roland Garros tra Nadal e Sinner è andata in scena già al debutto nel torneo dello spagnolo, che giustamente temeva l’incrocio con il giovane azzurro, consapevole che in otto mesi le condizioni sono cambiate. Jannik infatti sta procedendo a grandi passi verso la maturazione, affinando il bagaglio tecnico con soluzioni più ampie e grazie a una gestione più strategica delle partite. Tuttavia non va dimenticato che dall’altra parte della rete si trovava di fronte il giocatore più forte di sempre sulla terra. La sfida del Foro ha dimostrato, se ce ne fosse bisogno, che le distanze tra il fenomenale campione maiorchino e Sinner restano importanti, ma anche che il ragazzo di Sesto Pusteria ha le doti e la mentalità per colmare il gap con i più grandi, purché gli si lasci il tempo di imparare. La versione primaverile di Nadal aveva lasciato intravedere alcune crepe che potevano anche indurre all’ottimismo, ma ritrovata l’atmosfera di uno dei suoi tornei prediletti il numero 3 del mondo ha riproposto la sua fenomenale abilità di risolvere ogni problema tattico che gli venga proposto dall’avversario. Sinner è stato bravo, Nadal però ha dovuto mostrare la sua miglior versione su terra del 2021 per venire a capo del match: il segno della grande qualità di Sinner.

Rivince Nadal, e Sinner la prende male (Alessandro Mastroluca, Corriere dello Sport)

 

Jannik Sinner esce dal campo cupo, deluso, triste. Anche troppo, dopo il 7-5 6-4 subito contro uno dei Rafa Nadal più duri e tenaci del 2021. Una versione dello spagnolo che difficilmente si vede nel match d’esordio di un grande torneo. «È una sconfitta difficile da accettare – dice dopo la partita, con la voce spenta, lo sguardo nel vuoto – E’ dura parlare di questo match, nella mia mente sto ancora un po’ giocando. Penso che avrei potuto, avrei dovuto fare meglio. Ma se penso alla partita a Montecarlo con Djokovic, so che sono migliorato. Dovremo riguardare questa sfida molte, molte volte con il mio team. Stavolta non è mancato tanto per vincere, ma d’altra parte mi manca ancora tanto». Ci credeva Sinner, che ha tolto cinque volte il servizio a Nadal: «Penso di aver fatto molte cose bene, ho giocato un match solido contro un avversario molto solido», ha detto Nadal, «Jannik è un giocatore molto completo. Ha un ottimo rovescio, un buonissimo dritto, io credo di essere stato bravo a non perdere troppo campo. Non mi sorprendono i suoi colpi, né la sua capacità di tirarsi fuori da posizioni difficili. Sta sta migliorando molto, ma non puoi vedere i progressi di un tennista in un giorno, devi seguirlo». Al di là del punteggio, il match racconta i progressi dell’azzurro rispetto al quarto di finale di Parigi. Racconta anche il rifiuto della sconfitta di un campione come Nadal, che ha perso cinque volte il servizio. L’azzurro non si limita a cercare di non sbagliare. Colpisce spesso forte al centro, poi forte in un angolo, più frequentemente quello destro. Con questo schema, semplice nella teoria, Sinner può concentrarsi sull’esecuzione e sul timing. Il maiorchino lo conosce e lo rispetta, sta dentro la partita non come farebbe contro un qualsiasi altro teenager. L’altoatesino è più compiuto rispetto alla sfida di Parigi. Lo vedi in campo, dal modo in cui annulla sei set point prima di cedere il primo parziale. Lo spagnolo vorrebbe accorciare gli scambi, per mascherare gli effetti del logorio del tennis moderno. L’azzurro è il primo a piazzare il break, il maiorchino appare meno aggressivo, sembra giocare più corto. Ma con Nadal non è mai finita, ed è qui che si vede la differenza tra chi campione lo è già e chi aspira a diventarlo. Rafa torna martellante, lo costringe ad affannose rincorse mentre il vantaggio svanisce.

A lezione da Nadal (Daniele Azzolini, Tuttosport)

Non è per tutti la terra rossa. Non più. Malgrado in molti muovano da lì, dai rimbalzi regolari ma non troppo, dalle alte velocità che non servono se non sai fare altro. Poi ci ripensano, magari per scoprire che il cemento, così uguale e democratico offre alcove più comode e tranquillizzanti, nelle quali le misure contano ma anche altro. Sul rosso, è diverso. Gli anni di Nadal l’hanno trasformato in un concetto. Non si gioca più su una superficie, ma su una tavola prospettica di se stessi, che rifrange ciò che siamo davvero e che saremo un domani. Lavoratori indefessi, disponibili al sacrificio, ma fino a che punto? Pronti a mettersi in discussione, forse, ma quanto a cambiare davvero? Pensieri, valutazioni, che hanno spinto nei giorni scorsi Daniil Medvedev, ieri tritato da Karatsev, a una curiosa dichiarazione. «Non sono da terra rossa, non lo sarò mai. Non lo sono nell’indole, e non lo è nemmeno il mio fisico». È il numero due del tennis, e sta dicendo all’intera comunità che non potrà mai esserlo a pieno titolo, a tutto tondo. Gli mancherà comunque un pezzo. Stando così le cose, un confronto con Rafa Nadal ha tutto per essere considerato un privilegio. Sinner però ha fretta di imparare, e non basta andare avanti di due break nel primo set e farsi riprendere sempre nel game successivo. E nemmeno guidare il match 4-2 e 30-0 nel secondo, per poi ritrovarsi al centro dello tsunami tennistico nadaliano, in grado di ridisegnare il match in modo del tutto sconosciuto da Sinner, di punto in bianco sotto 5-4, e nuovamente spolverato nel decimo game, con sei set point annullati, prima dell’ultimo finito sulla riga, manco fosse una sentenza. Diceva coach Platti, dopo la sconfitta del Roland Garros che Jannik si era troppo rilassato dopo aver ottenuto il break. Glielo potrebbe dire anche questa volta. Tale è la fatica (mentale, più che fisica) che Jannik tende a frenare la rincorsa, quando ha raggiunto un obiettivo, seppure parziale. Rafa no. Lui accende i motori di riserva, e crea intorno a sé un gorgo letale. La lezione comunque è servita, passi avanti ci sono stati. Il confronto, a colpo d’occhio, risulta quasi paritario. È Rafa a trasformarsi in corso d’opera «Sapevo che sarebbe stato un match duro. Il giovane Jannik cresce davvero bene». La partita è persa, ma l’esame è comunque superato. […]

Sinner “monstre”. Nadal, vittoria dura (Francesco Barana, Corriere dell’Alto Adige)

Tutto parte dalla testa. La differenza, ieri sera a Roma agli Internazionali d’Italia, tra Jannik Sinner e Rafa Nadal è stata tutta lì. Perché sul piano tecnico, degli scambi, dell’intensità di gioco la contesa (spettacolare) è stata equilibrata e sembra incredibile anche solo poterlo scrivere per un ragazzo di soli 19 anni dinanzi a un fuoriclasse epocale. Il paradosso è che Rafa, numero 3 del mondo, ha risolto in 2 ore e 12′ (7-5, 6-4) un match quasi sempre condotto da Sinner. Che si è trovato due volte in vantaggio di un break nel primo set e ancora una volta nel secondo. Il primo set è emblematico. Un’ora e sette minuti sul filo di un precario equilibrio. Succede di tutto: due break di Sinner subito stoppati da Rafa e nel finale sei set point annullati dal pusterese con tanta personalità. La settima palla set invece Nadal la sfrutta, ma il rimpianto vero resta il doppio vantaggio di Sinner non capitalizzato. E il cedimento in quei frangenti è stato più che altro mentale: non si spiega altrimenti il disastroso 17% di prime di servizio di Sinner nel secondo gioco, quando doveva difendere il break precedente. Situazione simile al quarto game: sul 3-2 e in battuta Jannik ha rimesso ancora una volta in carreggiata il maiorchino. Che già e raro se ti concede due occasioni, figurarsi la terza. Infatti da quel momento il venti volte slam, ha cambiato marcia e Sinner si è ritrovato a inseguire e ad annullare tre set point sul 4-5, poi altri tre sul 5-6, mettendo tutte e sei le volte prime di servizio. Non così nella settima chance di Nadal, quando lo scambio si è allungato ed è scappato in corridoio il rovescio incrociato di Jannik. Ma Sinner non si è disunito nel secondo set ed è un grande merito questo. II pusterese, anzi, strappa per la terza volta il servizio a Nadal al terzo game con un rovescio incrociato sublime. Questa volta, a differenza del primo set, Sinner capitalizza il vantaggio nel successivo turno di battuta (3-1). Ma non dura: insomma, è ancora la mente a fare la differenza. Nadal non si fa sfuggire la preziosa occasione e controbrekka (4-4). Tutto da rifare e, non a caso, Sinner accusa il colpo. Perde male il gioco successivo (4-5) e un Nadal ora indemoniato lo infila in risposta nel decimo e ultimo gioco. Si esce a testa altissima.

Matteo irrompe negli ottavi: «Sono in fiducia». E c’è pure Sonego (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Il calore della Città Eterna avvolgerà con la sua passione sopita da troppo tempo le meravigliose speranze azzurre. Ovazioni e musica, con il Foro che oggi battezzerà la rinascita seppur parziale dello sport in presenza e avrà l’onore e l’orgoglio di farlo applaudendo Matteo e Lorenzo, due giovani eroi italiani. Berrettini e Sonego rappresentano dunque l’avamposto a Roma del nostro rinascimento tennistico, un’opera d’arte sportiva che adesso si ritrova a confrontare i propri capolavori con un paio di talenti mondiali tra i più rinomati: sono infatti Tsitsipas e Thiem i rivali degli ottavi. Un tempo, forse, avremmo abbassato lo sguardo di fronte al destino, ora lo sfideremo a testa altissima. Berretto ci scherza, sul secondo turno scavallato in scioltezza contro l’australiano Millman dopo le fatiche del debutto contro Basilashvili: «Diciamo che ho raggiunto il primo obiettivo, volevo arrivare fin qui per sentire finalmente il pubblico gridare il mio nome». In realtà ci voleva, una partita così, per rimetterlo in tono e ridargli fiducia senza richiedergli troppe energie: «E’ sempre bello vincere una partita in poco tempo e con buona qualità di gioco, dalla metà del primo set sono sicuramente salito di livello. Una vittoria che mi dà ancor più consapevolezza». Il rivale sulla strada per i quarti si chiama Tsitsipas: «Secondo me per alcuni versi siamo simili; servizio e dritto, ci piace giocare con il top spin, usiamo slice e palle corte. Ovvio, è un giocatore in fiducia, ma lo sono anch’io. Però lasciatemi dire una cosa: non credo sia giusto chiamarci ancora Next Gen, siamo diventati giocatori di alto livello, tra i primi 10 della classifica e stiamo macinando grandi risultati». Tra l’altro, il vincitore della loro contesa troverebbe quasi certamente Djokovic nei quarti per una sensazionale sfida generazionale. Oggi anche Sonego si troverà davanti un grande avversario: Thiem, per lunghi tratti strapazzato dall’ungherese Fucsovics ma poi capace di ritrovare la pesantezza dei colpi fino al 6-0 perentorio del terzo set: «Un grandissimo giocatore, uno dei più forti sulla terra — analizza Lollo — ma ci si allena e si fanno sacrifici per partite come queste, dove misuri il tuo livello e la tua crescita».[…]

Continua a leggere

Rassegna stampa

Orgoglio Berrettini. E oggi la sfida Sinner-Nadal (Crivelli, Esposito, Mastroluca, Marchetti, Bertellino)

La rassegna stampa di mercoledì 12 maggio 2021

Pubblicato

il

Orgoglio Berrettini: «Vi ho dimostrato perché sono top-10» (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Preoccuparsi è dannoso come aver paura: rende le cose più difficili. Ieri, sul Centrale sferzato dal vento e sotto un cielo plumbeo, Matteo Berrettini deve essersi ricordato che un top ten non può mai essere soggiogato dalla paura. Neppure se è reduce da una finale persa appena 48 ore prima che ha indubbiamente lasciato graffi al morale. Che il primo turno dell’ex ragazzino che su questi campi palleggiava con Nadal e Federer potesse nascondere molte complicazioni era scritto nelle scorie psicologiche e fisiche della sconfitta di Madrid e nelle qualità del rivale, il georgiano Basilashvili, numero 30 Atp, non un mostro di continuità ma già capace, in stagione, di vincere due tornei, a Doha sul cemento e a Monaco sulla terra. All’inizio del match il fantasma di Zverev e la profondità dei colpi dell’uomo di Tbilisi sono un rompicapo per Berretto, che infatti ha la mano freddissima al servizio: appena il 36% di prime in campo. «Sapevo che le condizioni erano molto diverse rispetto a Madrid – confessa Matteo – dove mi bastava mettere un servizio e poi esplodere il dritto, grazie alla velocità superiore della palla in altura. Lui ha subito giocato bene, è stato molto continuo, senza cali. Ha fatto una partita di alto livello». Per uscirne, serviranno le doti che vanno oltre la tecnica e che rendono completo il bagaglio di un campione: il cuore, l’orgoglio, la volontà di non cedere alla sconfitta. E così il rendimento alla battuta di Berrettini sale di botto, consentendogli di togliere ritmo al georgiano. Una vittoriosa battaglia di nervi che dimostra una volta di più quanto ci stia bene, Matteo, tra i grandi del mondo: «Sono rimasto lì con la testa. Mi sono scavato dentro, ho tirato fuori tutto quello che avevo con una mentalità molto buona. Ho sempre detto che mi sento legittimamente un top ten, perché quello che ho ottenuto non me l’ha regalato nessuno. Ho dimostrato che il tennis non è soltanto una questione di colpi. In queste situazioni, l’energia che uno ci mette e il modo di approcciare le difficoltà contano di più». Oggi, nel secondo turno, lo attende l’australiano Millman, numero 42 Atp, avversario tignoso e battagliero: «Non non ho mai giocato contro di lui, non mi ci sono mai nemmeno allenato, ma dai risultati credo stia attraversando un buon momento. So che tipo di giocatore è: un gran lottatore, molto tenace. Certo, mi sento favorito, ma dovrò dimostrarlo». […]

Nadal, benedizione a Sinner: «E’ il mio debutto più duro» (Elisabetta Esposito, La Gazzetta dello Sport)

 

L’estate in cui Jannik Sinner nasceva, Rafa Nadal diventava professionista. Era il 2001 e il maiorchino da poco quindicenne iniziava la scalata al ranking. Poco meno di vent’anni dopo, eccoli uno di fronte all’altro in una sfida dal sapore agrodolce. Jannik e carichissimo: «Cercherò di fargli più male possibile». Rafa si tiene cauto, non ha bisogno di proclami, del resto qui ha già vinto nove volte e, sulla terra rossa, ha storicamente pochi rivali. Ma che non stia affatto sottovalutando la partita di oggi è evidente in ogni sua parola: «E’ un esordio duro, forse il più duro che mi potesse capitare. Sinner è giovane, ma migliora giorno dopo giorno, sta scalando il ranking, viene da una grande prova a Miami e ha acquistato fiducia. È uno di quelli che ti obbligano a giocare al meglio, vediamo se ne sarò capace…». La stima quando si parla del proprio avversario spesso è più forma che sostanza. Ma Rafa è sincero. Lo dimostra la storia. Dopo essersi sfidati per la prima e finora unica volta ai quarti del Roland Garros 2020, a gennaio di quest’anno lo spagnolo ha scelto Sinner per le due settimane di allenamenti nella bolla degli Australian Open. Se non lo considerasse forte, avrebbe senza dubbio chiesto a qualcun altro. Quelle giornate di sfida costante hanno lasciato il segno. Jannik una volta ha detto: «Allenarmi con lui a Melbourne è stata la cosa migliore che potesse capitarmi a 19 anni, non solo per la mia carriera, ma anche come esperienza di vita. Non lo scorderò mai». […]

Berrettini sul ring da vero Top-10 (Alessandro Mastroluca, Corriere dello Sport)

Non ha avuto il ponentino malandrino, né il cri cri dei grilli. Per dire il suo sì e passare il primo turno agli Internazionali BNL d’Italia, Matteo Berrettini non ha avuto alle spalle il fascino di Roma. Ha dovuto contare solo su se stesso. Sotto un cielo grigio, in un Centrale del Foro Italico vuoto, che gli ha messo un po’ di tristezza, il numero 1 azzurro ha rimontato 4-6 6-2 6-4 il georgiano Nikoloz Basilashvili, uno dei tre giocatori ad aver vinto già due titoli ATP quest’anno. «Ho dimostrato che il tennis non è solo una questione di colpi. In queste situazioni, contano di più l’energia che ci metti, come affronti le difficoltà – ha detto dopo la partita – Il mio avversario ha giocato bene, è stato molto continuo, senza cali. Ha fatto una partita di alto livello. Io sono rimasto lì con la testa. Mi sono scavato dentro, ho tirato fuori tutto quello che avevo». Nel primo set, la sua stanchezza si vede, si sente, si traduce in un 36% di prime di ser contro un avversario in fiducia, che lo attacca senza indecisioni dal lato del rovescio e chiude il parziale con più del doppio dei vincenti. Ma dal secondo set, la partita cambia verso e il numero 1 azzurro si accende. Raddoppia la percentuale di prime di servizio, e il dato numerico diventa vantaggio competitivo, gli consente di avvicinarsi al campo e far valere la varietà di soluzioni. Il terzo parziale è il più difficile. C’è vento, il cielo è coperto, il georgiano non molla. Se si entra nello scambio, Berrettini va in affanno ma Basilashvili ha battuto solo un Top 10 sulla terra battuta in carriera: non può essere un caso. Berrettini ora affronterà l’australiano John Millman, trentunenne di Brisbane, numero 42 del mondo, per raggiungere un potenziale ottavo di finale contro Stefanos Tsitsipas. […]

Nadal: «Sinner, il peggior inizio!» (Christian Marchetti, Corriere dello Sport)

Jannik ringhia ancora. Il ko di Madrid da Popyrin ha fatto catapultare al Foro Italico un Sinner carico e quadrato. Pronto anche a sfidare Rafael Nadal. E ora lo scherzo del destino di mettere l’uno di fronte all’altro l’allievo e il maestro al secondo impegno. Sebbene, ieri, il 19enne di San Candido numero 18 del mondo sia stato avvistato sul Centrale a prendere lezioni da Djokovic, impegnato in un tennis subacqueo con Fritz. Nadal batte Sinner 7-6, 6-4, 6-1. Questo il verdetto dell’unico precedente tra i due, i quarti di finale del Roland Garros di un anno fa. Ma, per Jannik, Rafa è un libro aperto. Non semplicissimo. Si sono allenati in quarantena prima dell’Australian Open, il ragazzo italiano ha cercato di assorbire tutto come una spugna e ha messo tutto nel suo bagaglio. Jannik si è presentato a Roma dicendo a tutti. «Ah, no, eh. Non mi parlate di film, serie tv e libri. Io sto pensando solo al tennis». Ebbene, oggi lo dimostrerà. E Rafa Nadal, sceso lunedl al numero 3 del ranking mondiale, dall’alto dei suoi 34 anni preannuncia: «Nulla dura per sempre. Devi accettare il ricambio generazionale e vedere cosa viene fuori. Noi (i ‘Fab 3″ Djokovic, Nadal, Federer; ndr) siamo più vecchi e loro (le facce nuove della next generation) sono sempre più forti, a me non piace nascondere la verità. Non stiamo giocando tanti tornei come quelli che giocavamo prima ed è normale che dopo vent’anni nel tour assistiamo all’arrivo di una generazione vincente». Dal punto di vista della preparazione, spiega il maiorchino, «contro Sinner sarà un inizio difficile nel torneo, una delle peggiori partenze possibili. Spero di essere pronto abbastanza». Preparatevi a una battaglia.

C’è sinner-Nadal. E Roma si ferma (Roberto Bertellino, Tuttosport)

Tutti gli occhi puntati sulla grande sfida tra Rafael Nadal, nove volte campione a Roma, e Jannik Sinner, n. 18 Atp e personaggio a dispetto del non volerlo essere a ogni costo. Il pronostico è dalla parte del mancino di Manacor, re della terra rossa, ma Sinner è pronto a giocarsi le proprie possibilità perché nell’unico precedente su questa superficie (Roland Garros 2020) per più di un set aveva fatto partita pari con Rafa, che arriva al confronto dopo lo stop patito nei quarti a Madrid per mano di Zverev. Sinner ha già esordito in modo convincente a Roma, battendo in due set il francese Humbert, altro mancino, preparandosi al grande evento. I due si conoscono bene essendosi allenati insieme per 15 giorni ad Adelaide, in preparazione agli Australian Open. Il giovane azzurro è pronto a dar battaglia: «Entrerò in campo con la giusta mentalità e cercherò di fargli male con il mio gioco. Anche lui però mi conosce meglio. Il tennis è uno sport di situazioni e ognuna richiede la giusta soluzione». Nadal risponde con la saggezza delle mille battaglie vinte: «Jannik è un tennista in costante ascesa. Dovrò giocare bene, ne sono consapevole. So che è molto motivato e impaziente per il duello. Anche io lo sono. Roma è un torneo che mi ha dato tante soddisfazioni e sono contento di esserci». […]

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement