Roland Garros: Tsitsipas si ferma un set troppo presto, Djokovic fa diciannove [VIDEO]

Flash

Roland Garros: Tsitsipas si ferma un set troppo presto, Djokovic fa diciannove [VIDEO]

In vantaggio di due set, Stefanos Tsitsipas subisce la rimonta di Novak Djokovic che vince il suo secondo Roland Garros

Pubblicato

il

Novak Djokovic con il trofeo - Roland Garros 2021 (foto Twitter @RolandGarros)
 

[1] N. Djokovic b. [5] S. Tsitsipas 6-7(6) 2-6 6-3 6-2 6-4

Ancora una volta un esponente della NextGen (termine abusato ma di cui ormai non possiamo più fare a meno) è andato in vantaggio per due set a zero in una finale Slam, ma non è riuscito a chiudere la partita ed ha finito per cedere al quinto set. Era capitato a Zverev all’US Open 2020, è capitato a Tsitsipas qui a Parigi. Sicuramente entrambi avevano avuto la “collaborazione” dei loro avversari, che avevano cominciato la partita non giocando il miglior tennis, ma è inevitabile pensare che nella domenica pomeriggio parigina che ha visto Tsitsipas accarezzare il suo sogno sia mancato qualcosa al tennista greco proprio nel terzo set, quando Djokovic era in evidente difficoltà, molto scarico fisicamente e in attesa di qualcuno che gli desse la spinta finale giù dal burrone.

Invece il campione serbo è riuscito a ricostruire il suo tennis colpo per colpo, prima con il servizio, poi con la risposta, ed ha eretto man mano un muro che Tsitsipas ha trovato sempre più difficile superare.

 

IL MATCH – Inizio di finale subito difficile per l’esordiente Tsitsipas, che già nel game d’apertura ha dovuto affrontare due palle break, annullate peraltro con bella autorità, chiudendo poi il suo primo turno di battuta con tre ace consecutivi. L’impatto sulla partita di Djokovic era parso ottimo, mentre Tsitsipas sembrava un po’ trattenuto nei colpi, non si capiva se per tensione o per scelta tattica.

Il serbo nei propri turni di battuta era intoccabile: doveva passare quasi mezz’ora prima che perdesse il primo punto sul proprio servizio, mentre Tsitsipas, pur evitando altre palle break doveva sicuramente sudare di più per portare a casa i suoi game. Una caduta piuttosto brutta di Djokovic, inciampato su una buca del Philippe Chatrier nel rincorrere una smorzata, avrebbe potuto avere conseguenze piuttosto gravi se il serbo non avesse evitato di poco il cartellone pubblicitario messo di fianco alla rete, ma il tutto si è risolto con una maglietta sporca di terra.

Sul 5-4 Tsitsipas primo game di difficoltà per Djokovic: un set point sul 30-40 è stato annullato con un ottimo schema di rovescio incrociato stretto, e poi il game si è chiuso due punti dopo con Nole in forcing. Aumento del ritmo per il n. 1 del mondo, che nella fase decisiva del set ha iniziato a spingere di più negli scambi da fondo. Il più classico dei “contrappassi tennistici” colpiva Tsitsipas nel game seguente: il greco accettava la battaglia a ritmo più sostenuto da fondo e finiva per compiere quattro errori non forzati (tre diritti e un rovescio) che mandavano Djokovic a servire per il set.

A questo punto però i 5.000 dello Chatrier e i milioni a casa hanno assistito ad una deviazione piuttosto insolita dal copione usuale degli ultimi anni, con il n. 1 del mondo che concedeva il controbreak a 15, quasi incapace di mantenere il ritmo da lui stesso imposto nel game precedente.

Nel tie-break successivo Tsitsipas andava subito 4-0, complice anche un doppio fallo di Djokovic. Sul 5-2 il greco perdeva due punti sul proprio servizio, uno dei quali anche grazie a un provvidenziale ‘net’ che ha aiutato la volée smorzata di Djokovic. Era proprio il serbo ad arrivare per primo al set point, sul 6-5, cancellato comunque da un diritto vincente; poi però, dopo il cambio di campo era Tsitsipas a trovare il guizzo vincente e portare a casa il set per 8-6 dopo 68 minuti di gioco.

Lo stadio, già nettamente a favore di Tsitsipas prima della partita, si è lasciato andare ad un boato incredibile per accompagnare il vantaggio del loro beniamino. La sconfitta nel primo set ha causato un contraccolpo piuttosto importante nel n. 1 del mondo, che ha ceduto subito il servizio in apertura di set, ma soprattutto ha dato l’impressione di essere particolarmente scarico dal punto di vista fisico. Quello che lasciava perplessi era la sua incapacità davvero insolita di trovare soluzioni sulla risposta e la facilità con la quale veniva sorpreso dai colpi in contropiede di Tsitsipas. La giornata dal sole particolarmente vivo, anche se meno “caliente” di quello di venerdì scorso, ma soprattutto le oltre quattro ore giocate contro Nadal due giorni prima probabilmente avevano lasciato delle scorie nel fisico di Djokovic. In solo mezz’ora Tsitsipas si è portato sul due set a zero, ad un passo dal sogno di conquistare il Roland Garros.

La brezza insistente che soffiava dall’inizio del match sulle tribune in ombra e rendeva la temperatura percepita quasi tiepida rendeva il contrasto con il campo soleggiato e scivoloso ancora più netto. All’inizio del terzo set Djokovic, anche se non era sicuramente tornato quello dei giorni migliori, ha comunque limitato gli errori ed è tornato a palleggiare da fondo facendo lavorare Tsitsipas molto di più per ottenere i punti. Il game decisivo del parziale è stato sicuramente il quarto, sul 2-1 Djokovic, un game di 20 punti nel quale il serbo è riuscito a ottenere il secondo break del match, ma che questa volta lo ha lanciato alla conquista del parziale.

Come spesso succede, quando non si riesce a tenere con la testa sotto l’acqua il giocatore più forte, questo finisce che ritrova almeno in parte lo smalto dei giorni migliori e ridiventa pericoloso. In questo caso Djokovic, conquistato il terzo set, è riuscito a ritrovare la ribattuta che per tutta la giornata era stata latitante ed è partito a razzo nel quarto set, ottenendo un break in apertura (anche grazie a tre gratuiti di Tsitsipas) e soprattutto il secondo break della tranquillità per il 3-0, portando a casa un altro game fiume, stavolta da 16 punti, aperto con due risposte al fulmicotone. Da quel punto il parziale è stato solamente un lento traghettare verso il set decisivo, con soli tre punti vinti dai giocatori alla risposta.

Con l’ombra del Philippe Chatrier che avanzava a coprire tutto il campo e faceva calare la temperatura nell’area di gioco, il quinto set cominciava come era terminato il quarto. Djokovic era tornato a sbagliare una palla ogni quarto d’ora e la sua risposta teneva in campo quasi tutto. Tsitsipas ha salvato una palla break nel game d’apertura, ma poco dopo una palla corta da troppo lontano e due errori da fondo gli sono costati il break, un break molto pesante perché Tsitsipas non era riuscito ad andare oltre il “30” sul servizio di Djokovic dal settimo gioco del secondo set.

Il greco ha provato a resistere con tutte le sue forze, è arrivato a 40 nel game finale, ma alla fine ha dovuto soccombere dopo 4 ore e 11 minuti di gioco.

DICIANNOVE – Si tratta del diciannovesimo titolo dello Slam per Djokovic, che conferma il primo posto della classifica mondiale (Medvedev avrebbe potuto sottrarglielo arrivando in finale con una combinazione di risultati favorevoli), rimane in corsa per il Grande Slam annuale (dopo il successo in Australia in febbraio) e diventa l’unico giocatore dell’era moderna ad aver vinto due volte tutti i tornei Major.

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Lione: Jasmine Paolini batte in scioltezza Andreeva e si regala la sfida contro Caroline Garcia

Facile successo per la nostra giocatrice contro la giovanissima qualificata russa. Grande sfida contro la beniamina di casa nei quarti

Pubblicato

il

J. Paolini b. [Q] E. Andreeva 6-2 6-3

Vince e convince Jasmine Paolini che lascia appena cinque game alla diciottenne russa Erika Andreeva, conquistando i quarti di finale dell’Open 6e Sens Métropole de Lyon. La tennista italiana affronterà domani non prima delle 17.30 la testa di serie numero 1 e idolo di casa Caroline Garcia: l’asticella si alza, ma la toscana è pronta per giocarsela a viso aperto.

Inizio di partita convincente da parte di Paolini che concede poco al servizio e comanda con i colpi di inizio gioco, specie con il dritto con il quale riesce a spingere soprattutto con lo sventaglio. Emerge un po’ di inesperienza da parte di Andreeva che, quando riesce ad aprirsi il campo, spesso sbaglia la scelta finale o la conclusione. La toscana riesce a ottenere il break nel quarto gioco sfruttando gli errori della russa e consolida il suo vantaggio con due turni di battuta laboriosi, ma entrambi tenuti ai vantaggi nonostante qualche imperfezione di troppo in fase offensiva. L’azzurra torna a rispondere con continuità nell’ultimo game e forza gli errori della giovane russa: il dritto della tennista di Castelnuovo Garfagnana ha fatto la differenza nel bene e nel male nel primo parziale vinto per 6-2.

 

La russa sembra prendere coraggio nel secondo set: qualche smorzata giocata molto bene e segni di incitamento per far sentire la presenza a Paolini. Nel quarto gioco la giocatrice italiana sbaglia due risposte di troppo e non riesce ad arrivare a palla break, malgrado qualche seconda in più della sua avversaria. L’attuale numero 66 del mondo serve particolarmente bene, concedendo le briciole alla classe 2004 di Krasnojarsk. Andreeva sul 2-3 regala: doppio fallo in apertura di game, prime di servizio che scarseggiano e l’allieva di Renzo Furlan spinge bene sin dalla risposta per prendersi il comando degli scambi e spostare la sua avversaria. Oltre a servire in maniera perfetta, Paolini continua a rispondere come un treno e si procura un match point: un rovescio nello scambio che esce di un soffio nega la gioia all’azzurra, ma la chiusura è solo rimandata al game successivo con tre punti diretti con il servizio e un rovescio in diagonale: la numero 3 d’Italia arriva lanciata alla sfida contro Caroline Garcia, non avendo concesso neanche una palla break. In precedenza la francese aveva rimontato Alison Van Uytvanch 2-6 6-0 6-1

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

Mahut attacca la Coppa Davis: “È un fallimento, in Francia non viene più trasmessa in chiaro”

Il francese contro Kosmos che ha organizzato la competizione: “Abbiamo buttato via quattro anni”

Pubblicato

il

Abbiamo perso quattro anni, non avremmo mai dovuto trovarci in una situazione simile”. Esordisce così Nicolas Mahut in un’intervista a L’Equipe a proposito della Coppa Davis prima della sfida tra Ungheria e Francia. “Può darsi che abbiano creduto che fosse una buona idea, ma abbiamo visto come sia stato un fallimento, non ha funzionato l’idea di trasformare la Coppa Davis in una Coppa del Mondo. Il pubblico non ha risposto presente, in Francia non viene neanche più trasmessa sui canali principali. Sono decisamente arrabbiato con Haggerty (presidente dell’Itf, ndr). Ci ha danneggiato, vedremo che succederà adesso. Bernard Giudicelli (dirigente della FFT e vice-presidente dell’Itf, ndr) sa cosa ne penso: anche lui ha una grande responsabilità in questo fallimento, ma non si è mai messo in discussione. Sostiene di aver agito per il bene del tennis, ma non mi trova d’accordo: in quanto presidente della Federazione francese aveva il compito di votare per gli interessi della Federazione francese

Mahut ha provato ad offrire anche una soluzione per gli sviluppi di questa competizione: “Sicuramente possiamo trovare un nuovo format per riportare la Coppa Davis al suo splendore. Nel tennis moderno l’aspetto più complesso è trovare settimane libere, ancora di più con l’allargamento dei Masters 1000 a due settimane. Giocheremo due o tre giorni, come sarà strutturato il doppio? Sicuramente se torniamo al passato con i match tre su cinque diversi giocatori direbbero di no. L’idea sarebbe di ritornare alle partite in casa e in trasferta, magari ampliando un’edizione a due anni.
In Francia abbiamo una grande cultura della Coppa Davis, ma penso che il format imposto da Kosmos non avvicini i giovani al tennis. Noi ci siamo innamorati grazie alla finale di Lione nel 1991
”.

Infine, un commento sull’attuale formazione francese: “La squadra ha grande senso di appartenenza. Se fossimo dovuti andare in Corea o in Colombia, saremmo andati tutti ugualmente. Ugo Humbert è tornato dall’infortunio ed è per noi fondamentale. Non abbiamo un vero e proprio leader com’era Tsonga, manca un top 10, ma in diversi stanno salendo in classifica”.

 

Continua a leggere

Flash

Coppa Davis in TV: due sfide su SKY Sport, tutte le qualificazioni in streaming su SuperTenniX

Germania-Svizzera in diretta sia sulla Pay-TV che su Rai Sport. SKY offrirà anche Croazia-Austria

Pubblicato

il

SKY Sport e NOW

Dal 3 al 5 febbraio il tennis da spazio alle qualificazioni per un posto alle Finals di Coppa Davis, che si disputeranno nel mese di settembre in Spagna.

Finals alle quali sono già qualificati il Canada, vincitore dell’ultima edizione, l’Australia, l’Italia, grazie ad una wildcard, e i padroni di casa spagnoli.

 

In questo fine settimana sono previsti 12 match e due di questi verranno tramessi in diretta su Sky e in streaming su NOW.

Domani sarà possibile seguire la prima giornata di Germania-Svizzera, sabato la seconda dell’incontro tra tedeschi e svizzeri, ma anche la prima di Croazia-Austria. Domenica chiusura con croati e austriaci.

La formula prevede che si giochino due singolari e il doppio il primo giorno e se non ci fosse un vincitore, altri due singolari il secondo giorno.

Telecronaca affidata a Elena Pero e Luca Boschetto, affiancati nel commento da Marco Crugnola e Nicolò Cotto.

___________________________________________________________________________________________

Di seguito la programmazione su Sky e in streaming su NOW

Venerdì 3 febbraio – dalle ore 17

Germania-Svizzera                                        Sky Sport Tennis, Sky Sport Uno e NOW       diretta

Sabato 4 febbraio – dalle ore 13                   

Germania-Svizzera e Croazia-Austria Sky Sport Tennis e NOW                                diretta

Domenica 5 febbraio – dalle ore 13

Croazia-Austria                                              Sky Sport Tennis e NOW                                diretta

SupertenniX

Tutte le 12 sfide dei qualifiers in diretta sul servizio streaming a pagamento di SportCast (FIT). Gratuito per i tesserati FIT oppure disponibile a 3.99€ per un mese senza vincoli.

Rai Sport+ e RaiPlay

Rai Sport+ trasmetterà in diretta TV l’incontro Germania-Svizzera venerdi 3 febbraio dalle 17 mentre la seconda giornata, sabato 4 febbraio, sarà in diretta streaming su RaiPlay 3 dalle 15:30.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement