[VIDEO ESCLUSIVO] Un salto nel passato del Miami Open: l'impianto e il centrale di Crandon Park/Key Biscayne

evidenza

[VIDEO ESCLUSIVO] Un salto nel passato del Miami Open: l’impianto e il centrale di Crandon Park/Key Biscayne

Vanni Gibertini e Marco Lorenzoni sono andati a visitare l’impianto di Crandon Park a Key Biscayne.

Pubblicato

il

 
 

Dal 2019 il Miami Open va in scena al Miami Gardens, con l’Hard Rock Stadium “rimodellato” e riutilizzato come campo centrale. Ma in precedenza la sede storica del torneo è stata Crandon Park sull’isola di Key Biscayne. I nostri inviati Vanni Gibertini e Marco Lorenzoni sono andati a visitare l’impianto e il centrale che per oltre trent’anni ha ospitato il Miami Open prima del trasloco all’Hard Rock Stadium. Una passeggiata attraverso questa oasi tennistica immersa nella vegetazione tropicale ricordando come era il torneo quando ancora si disputava nella sua sede originale.

Guarda anche gli altri video da Miami preparati dai nostri rappresentanti sul posto per scoprire il nuovo impianto del Miami Open scegliendo dalla nostra playlist.

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Osaka risponde a Ubitennis su Wimbledon: “Non sono sicura al 100% di andarci”

La risposta di Osaka a Ubitennis ripresa dalla CNN: “Sono una giocatrice che si motiva salendo nel ranking”

Pubblicato

il

Naomi Osaka - Roland Garros 2022 (Twitter - @rolandgarros)
Naomi Osaka - Roland Garros 2022 (Twitter - @rolandgarros)

Raramente quando uno Slam è in corso, c’è un altro torneo della stessa categoria a tenere banco nelle discussioni tra appassionati e tennisti. Al momento, nonostante sia in corso di svolgimento il Roland Garros, molti volgono le loro attenzioni alla diatriba tra ATP e WTA da una parte e Wimbledon dall’altra. Il major londinese non permetterà ai giocatori russi e bielorussi di prendere parte all’evento, e come reprimenda le due associazioni dei tennisti non assegneranno punti per quel torneo. Come ha raccontato il Direttore Scanagatta nel suo editoriale la visita di alcuni membri dei piani alti dell’organizzazione del torneo in questi giorni potrebbe cambiare le carte in tavola, ma per il momento sono tanti i tennisti che stanno esprimendo la loro opinione – o il loro disappunto – in maniera più o meno pacata.

Quello che si è fatto sentire a gran voce, opponendosi alla scelta dell’ATP di non assegnare punti, è stato finora Benoit Paire che ha messo fortemente in discussione l’operato dell’ATP. Di tutt’altro avviso invece il n.2 Medvedev che ha definito “più logicale scelte dell’ATP. Molto più diplomatica invece è stata Naomi Osaka, uscita prematuramente dal Roland Garros, sconfitta al primo turno da Anisimova.

Nell’affollatissima conferenza stampa che ne è seguita, la giapponese ha risposto anche a Ubitennis, in particolare alla domanda di Vanni Gibertini su quali erano i suoi piani per la stagione su erba: “Direi che la decisione (della WTA di non assegnare punti) in qualche modo influisce sulla mia mentalità nell’andare o meno a giocare sull’erba. Non sono sicura al 100% se ci andrò. Mi piacerebbe molto andarci anche solo per fare esperienza sui campi in erba, ma allo stesso tempo per me… non voglio dire che sarebbe inutile (pointless in inglese) scusate il gioco di parole, ma io sono una di quelle giocatrici che si motiva nel vedere il proprio ranking salire o cose del genere

 

Le parole di Osaka, sul tema più caldo del momento, sono state riprese anche dalla CNN nel segmento dedicato al tennis, con Mats Wilander come opinionista di riferimento, come si vede nel video sottostante. “Direi che la loro intenzione (degli organizzatori di Wimbledon) era molto positiva, ma il modo in cui l’hanno messa in pratica è confusionaria ha concluso la n.38.

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

evidenza

Roland Garros, le letture di Nole: “Ho tanti libri con me, ma non riesco a leggerli tutti”

PARIGI – A Djokovic è stato chiesto cosa legge nel tempo libero. “Mi piacciono libri che trattano di salute, di benessere psicofisico. Ora sto leggendo un libro sulle tecniche di respirazione. Ne ho con me sempre almeno una decina”

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

Da Parigi, il nostro inviato

È sempre interessante seguire le conferenze stampa di Djokovic con i giornalisti del suo paese, dato che spesso gli argomenti delle domande esulano dall’aspetto puramente agonistico e tennistico, e vanno invece a conoscere qualche dettaglio in più del Novak uomo.

È accaduto anche nella conferenza stampa dopo la vittoria contro Molcan, quando una giornalista serba proprio al fotofinish, sfruttando la disponibilità del n. 1 al mondo a rispondere ad una domanda in più rispetto a quelle previste (in realtà Nole l’aveva concessa ad un’altra giornalista, ma la collega ha sfruttato il momento di indecisione), gli ha chiesto quali sono le sue letture durante il tempo libero. “In questo momento sto leggendo il libro di una scrittrice russa, non molto nota, che tratta delle tecniche del respiro. Basandosi sulla fisiologia e l’anatomia, spiega determinate tecniche di respirazione che permettono di alzare il proprio livello di energia, e altre che permettono invece di rilassarsi. A me piace leggere libri sulla salute, mi interessa l’argomento della salute, del benessere psicofisico. Mia moglie mi critica perché porto con me molti, molti libri in più di quelli che riesco a leggere. Porto sicuro con me almeno una decina di libri anche in un torneo di una sola settimana. Anche perché dipende dal mio umore in un determinato momento, mi va di prendere un libro invece di un altro…

 

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

evidenza

Le leggende Rino Tommasi e Gianni Clerici: due miti per due opposti che si attraggono

Il sito “Calciograffiti” rievoca con nostalgia le grandi telecronache dei due Maestri di giornalismo. Diverse filosofie applicate allo stesso mondo del tennis

Pubblicato

il

Gianni Clerici, Ubaldo Scanagatta e Rino Tommasi

Non esiste una regola più pertinente de “gli opposti si attraggono” per descrivere il rapporto che lega l’iconico duo Clerici-Tommasi, che ha tenuto incollati alla televisione milioni di tifosi italiani di tennis negli ultimi 40 anni. Gianni Clerici e Rino Tommasi, due monumenti del giornalismo italiano riconosciuti a livello internazionale, tanto che il primo è stato perfino insignito dell’introduzione nella gloriosa International Tennis Hall of Fame nel 2006, per il suo contributo nella diffusione dello sport. Il sito ‘Calciograffiti’, a questo indirizzo, ha prodotto un interessante confronto su due tra le personalità italiane più amate nel mondo del tennis.

Due leggende che abbiamo potuto apprezzare anche sul canale Youtube di Ubitennis, dove spesso accompagnavano il direttore Ubaldo Scanagatta nelle sue considerazioni a margine degli eventi più importanti del mondo del tennis. Eccovi alcune delle migliori scene:

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement