La prossima edizione delle WTA Finals si svolgerà in Texas

Flash

La prossima edizione delle WTA Finals si svolgerà in Texas

L’edizione 2022 delle WTA Finals avrà luogo a Fort Worth, in Texas

Pubblicato

il

 

Il gran finale di stagione del circuito femminile verrà disputato in Texas. Lo ha annunciato martedì Steve Simon, CEO della WTA, precisando che l’evento si terrà a Fort Worth, dal 31 ottobre al 7 novembre. Era dal 2005 (Los Angeles), che le Finals femminili non si svolgevano negli Stati Uniti. La Cina dovrà ancora attendere, dunque, fino al 2023, anno in cui la sfida tra le magnifiche otto si giocherà nuovamente a Shenzhen. Ricordiamo che ogni evento tennistico femminile previsto in Cina è stato sospeso dopo lo scoppio del caso Shuai Peng, ma siccome l’oneroso contratto che lega la WTA con la città di Shenzhen non è ancora stato risolto, la sospensione è per il momento temporanea, almeno fino a quando non saranno chiariti gli aspetti relativi alle penali di rescissione.

Le otto migliori tenniste del 2022 daranno spettacolo nella Dickies Arena che, da quando è stata inaugurata, nel 2019, ha accolto grandi eventi sportivi come i Campionati americani di Ginnastica artistica e i concerti di Paul McCartney e Michael Bublé, per citarne alcuni.

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis, Italia-Canada 1-0: un Sonego gladiatorio porta l’Italia a un passo dalla finale [AUDIO DEL DIRETTORE]

Match fantastico, nel quale Sonego ha la meglio salvando 12 palle break consecutive. Dal tiebreak del secondo set perso malamente al regalo finale di Shapo: Lorenzo ha saputo lottare come un leone

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Lorenzo Sonego - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

dal nostro inviato a Malaga

L. Sonego b D. Shapovalov 7-6(4) 6-7(5) 6-4

Un grande Sonego porta a casa il primo punto del scontro fra Italia e Canada. Il ragazzo di Torino è bravissimo a rimanere sempre attaccato al match e fra indicibili sofferenze riesce ad avere la meglio del suo più quotato rivale, con un’altra prestazione sontuosa al servizio. Tra gli alti e bassi di Shapovalov la spunta Lorenzo, che salva 12 palle break su 13 e, nonostante un secondo set perso quando sembrava quasi vinto, ha saputo restare a galla nel terzo set fino ad incassare il break finale grazie a tre doppi falli dell’incostante canadese. Ora tocca a Lorenzo Musetti contro Felix Auger-Aliassime.

 

IL MATCH – Primo match del giorno nel quale scendono in campo Sonego e Shapovalov. Per un approfondimento sulle pre match analysis vi rimandiamo all’articolo pubblicato precedentemente. Unico H2H fra il nativo di Tel Aviv e quello di Torino quello di quest’anno a Roma; certo la superficie è differente, visto che era terra rossa all’aperto, però l’aspetto confortante è che fu comunque una partita lottata, con uno Shapovalov comunque sempre sul filo dell’attacco isterico. Questa dell’aspetto mentale sarà una chiave di lettura fondamentale. Una nota di colore, visto che dopo “il caso Tiafoe” si è parlato parecchio del tema della presenza agli inni; i canadesi, in virtù del bilinguismo riconosciuto (francese e inglese), hanno cantato l’inno ognuno nella lingua di preferenza; Auger Aliassime in francese, Shapovalov in inglese, mentre Pospisil non ha cantato.

Avvio da incubo con Sonego che vince il sorteggio e sceglie di servire. Il torinese però infila subito 4 errori gratuti mentre Shapovalov conferma il break a 0. Primo punto di Sonego che arriva soltanto al terzo game dopo una striscia di 9-0 per il canadese. Peggior avvio di match non ci poteva essere, speriamo che Lorenzo riesca a ritrovare l’assetto in fretta e a mettere pressione a Shapovalov, che vorremmo ardentemente rivedere in versione Sciupavolov. Il canadese sembra ascoltarci e comincia il quarto game con un doppio fallo, seguito da una bella difesa di Lorenzo. Un’ipotesi di opportunità, che si trasforma anche con un pizzico di fortuna. Sul break point la palla del canadese pizzica il nastro ed esce. Match che torna in equilibrio con Sonego bravo a confermare nel successivo game di servizio. Finalmente Sonny ritrova incisività al servizio e va a condurre per la prima volta nel set. La tensione iniziale sembra finalmente essersi sciolta. Adesso bisogna essere bravi a giocare sui turni di servizio del canadese, quando possibile. Il canadese in linea di principio appena può cerca di accorciare gli scambi e chiudere a rete, attaccando preferibilmente sul rovescio di Sonego. Nei suoi turni di servizio Sonego continua a fare un po’ fatica, e deve aggrapparsi nei momenti decisivi al colpo di inizio gioco. Settimo gioco con altri due break point salvati grazie alla battuta e anche nel nono game il torinese si salva ai vantaggi. Un altro aspetto che fa la differenza è la direzione della risposta di Shapo; quando riesce a far partire lo scambio sul rovescio di Sonego spesso e volentieri sono dolori, mentre quando Lorenzo riesce a far partire lo scambio è tutta un’altra musica. In generale vista la piega del set, firmeremo a occhi chiusi per un tie break, che fortunamente arriva. Il canadese avrebbe senz’altro vinto ai punti, con ben 7 punti vinti in più di Lorenzo, che in un set sono tanti. A livello ATP il record del canadese è sorprendentemente negativo, considerando che stiamo parlando di un top player (75W-79L) mentre il saldo è decisamente positivo per Lorenzo (57W-49L). Andando poi a considerare quelli più recenti ancora più emblematica la statistica dei dolori del giovane Shapo quando si arriva sul 6-6; negli ultimi 18 giocati, solo 5 quelli vinti.

Primo set quindi in cui Lorenzo ci ha messo grande cuore e che comincia dopo un’ora di gioco; si resetta tutto e Lorenzo parte benissimo: ace e risposta profonda che il canadese non riesce a gestire, per il primo minibreak Italia. Sonny sfiora l’avvio perfetto, ma l’attacco lungolinea di rovescio non riesce, e quindi 2-1 Italia. Servizio che gira bene anche sulla seconda: le palle lavorate e piene di kick danno fastidio al rovescio a una mano del canadese; Sonego adesso è carico come una molla e con una risposta bloccata di rovescio manda ancora in difficoltà Shapovalov per un sontuoso 5-1 Italia e doppio minibreak. Purtroppo però Denis ritrova le sensazioni tutte assieme e gioca due gran punti sul servizio di Sonego e riporta il Canada in scia per il 5-4. Qua però ancora una volta Sonego dimostra una solidità mentale da grande giocatore: in qualche modo riesce rispondere nei successivi turni di servizio del canadese che non regge la tensione e spara fuori due dritti sanguinosi. Primo set a favore dell’Italia con il pubblico e la panchina italiana che esplodono di gioia.

Neanche il tempo di assorbire la sbornia emotiva di un primo set conquistato con cuore infinito da Sonego e si parte subito per la seconda frazione, vietati cali di tensione adesso. Ma su questo non sembrano esserci problemi, Lorenzo è in trance agonistica: emblematica il punto con cui si avvia il terzo gioco; prima un miracolo in controbalzo sulla risposta profonda di Shapo e poi miracoloso lungolinea di dritto sparato dai teloni di fondo campo che va a pizzicare l’incrocio delle linee, per il primo game chiuso a zero da Sonego nel match. In questo secondo set le operazioni sembrano procedere in modo più ordinato, con entrambi i giocatori che adesso fanno valere il vantaggio del servizio; Sonego nei turni di Shapovalov continua a cercare di aggredire non appena ha una mezza palla utile sul dritto, con risultati alterni. L’idea è quella di sperare di mettere in fila qualche buon colpo per mettere pressione al canadese e comunque non farlo entrare in ritmo, anche a costo di regalare qualcosina. Il problema è che Lorenzo non riesce fino ad ora a far male a Shapo sulla seconda; nella prima parte del secondo set solo 55% di prime in campo per il canadese che però sulla seconda non ha problemi. In altre parole la dominanza del canadese negli scambi è netta. Ragionamento forse un po’ scaramantico, ma servirebbe tenere duro anche nel secondo set e giocarsela al tie break di nuovo.

Primo momento complicato del set per l’italiano che nell’ottavo gioco concede il 30-30, ma il servizio continua a girare su livelli isneriani: due ace a 215 e 209 Km/h e passa la paura. Nel secondo set continuità irreale al servizio, siamo oltre il 90% di prime in campo tirate a tutta. Ma la pressione continua e si va 0-40, con Shapovalov che gioca un gran punto anche soffrendo. Game con Lorenzo che non trova la prima e inevitabilmente arrivano i problemi. Sulla prima palla break Shapo sciupa malamente una seconda non irresistibile; sulla seconda occasione Lorenzo è bravissimo a giocare un diritto in contrabalzo in attacco che sarebbe piaciuto pure a Federer. E infine sulla terza altra bella prima e chiusura senza troppo rischiare col dritto. Si va così ai vantaggi con Shapovalov che si procura un altra palla break con una meravigliosa risposta bloccata di rovescio su un servizio a 213 Km/h. Ma anche questa annullata con una gran botta, sempre oltre i 200 Km/h. Alla fine il braccio di ferro lo vince Lorenzo, con Shapovalov che alterna magie a errori banali. Potrebbe essere il momento che decide il match, Lorenzo in questo game ha salvato ben 5 set point di cui una fondamentale sulla seconda, gentile omaggio del canadese che ha sbagliato una facile risposta. Superato il momento di difficoltà poi Sonego è bravo a portare il set al tie break.

Nel tie break il primo a scappare via è Shapovalov che approfitta di una seconda di Sonego per scambiare e dominare il punto. Ma dura poco, fortunatamente nei momenti di tensione talvolta torna a fare capolino il fratello scarso del canadese, che prima affossa una facile volee e poi sbaglia un approccio di rovescio non impossibile. Situazione ribaltata con Sonego che ringrazia e vola via impeccabilmente sul 5-2, che diventa 5-4, visto che Shapovalov tiene i suoi due turni di servizio. Momento decisivo del match, se Lorenzo tiene il servizio è fatta: tutto il team Italia pagherebbe due prime di Lorenzo a peso d’oro. Decimo punto che però si gioca sulla seconda: scambio durissimo in cui Lorenzo prima salva con un miracolo un rovescio stretto di Shapovalov e poi però spara via il diritto al volo di chiusura. Tutto da rifare e 5-5. Undicesmo punto nel quale Lorenzo mostra la prima crepa vera del match e con un doppio fallo regala il sesto set point al canadese che questa volta trasforma: il passante di dritto di Sonego termina appena fuori. Dopo 2:15 di gioco insomma tutto da rifare per Sonego, contro un Shapovalov che nel secondo set si è messo a macinare tennis di alta qualità; oggi per battere il canadese come minimo servirebbe un top ten, ma Sonego ha dimostrato di avere i numeri per starci a questi livelli.

Terzo set che purtroppo inizia con Sonego al servizio, che deve subito vincere a tutti i costi il game di apertura. Far scappare il canadese potrebbe essere letale. Ma le scorie del tie-break si fanno sentire e arriva subito una palla break per Shapo sulla seconda; lo scambio prende subito una brutta piega e quando Shapo trova il tempo di girarsi sul dritto per sparare lo sventaglio si ha la sensazione che possa essere una condanna a morte. Fortunatamente Denis è di buon cuore e grazia Lorenzo. Il canadese ha anche una seconda palla break ma la risposta si spegne sul nastro. Match che si conferma vietato ai deboli di cuore. Anche stavolta però Lorenzo riesce a trovare il modo di uscire dalla buca e con un rovescio incrociato di grande timing porta a casa il game.

Pressione che continua anche nel terzo game, con il canadese che continua ad incantare con il suo talento e si riporta 0-30, ma di nuovo il servizio paga la cauzione per Lorenzo. Certo che andare avanti così un set intero sarebbe un’impresa ai limiti della realtà. L’unica speranza è che possa esserci un calo fisico di Denis, che infatti a inizio terzo set chiede il medical timeout, per un’aggiustatina col fisioterapista, forse problemi alla schiena.

Sia quel che sia, problemi fisici o un semplice calo mentale, quello che conta è che Sonego nel sesto gioco finalmente riesce a tornare a palla break, grazie a due gratuiti di dritto di Shapo. Sono passate oltre due ore dall’ultima palla break avuta da Sonego. Ma stavolta il canadese non trema e cancella con un ace, chiudendo poi il game ai vantaggi.

Nuovo game al servizio per Sonego e nuova via crucis: altre 3 palle break per il canadese, ma Sonego annulla ancora, nonostante Shapo ormai riesca a rispondere quasi con regolarità servizi tirati sopra i 200 Km/h. Non si sa come, ma Lorenzo anche questa volta la sfanga. Sonego sta tenendo una striscia aperta sulle palle break salvate pazzesca, siamo a 10 consecutive a questo punto. Ma la cosa che impressiona parimenti è che Shapovalov oggi non ha nulla del ragazzo viziato e nervoso. In altre occasioni, dopo tutte queste palle break sprecate avrebbe già sfasciato un paio di racchette. Non oggi però: quello che vediamo sono davvero due giocatori in missione che stanno tirando fuori il meglio, nonostante la fatica di oltre 3 ore di gioco.

Si arriva così alla stretta finale con Sonego che sul 5-4 si issa 30-30 sul servizio del canadese, che con il sesto doppio fallo del set mando Sonego a match point. E qua è un po’ un anticlimax, perchè a questo punto Shapovalov si spegne e con il settimo doppio fallo della terza frazione regala il match all’Italia dopo 3:15 di pura lotta, in quello che potrebbe diventare il match icona della nuova coppa Davis.

Continua a leggere

ATP

Federer torna a Wimbledon per la prima volta da ex giocatore

La leggenda svizzera, ritiratasi definitivamente alla Laver Cup di settembre, ha fatto il suo ritorno sui campi dell’All England Club

Pubblicato

il

Roger Federer a Wimbledon - Instagram @rogerfederer
Roger Federer a Wimbledon - Instagram @rogerfederer

Non è passato molto tempo dall’ultima volta in cui Roger Federer aveva messo piede sul centrale di Wimbledon. Erano i Championships di quest’anno, e già lo svizzero presenziava ad una fastosa cerimonia apparendo ormai pensionato: l’annuncio e il match conclusivo sono arrivati qualche mese dopo, ma il sentore di ritiro aleggiava già nell’aria.

È per questo che dalla sua nuova visita di venerdì, da giocatore ormai ufficialmente ritirato, deriva soltanto un senso di allegria mista a nostalgia.

Il venti volte campione slam ha testimoniato la visita attraverso delle fotografie pubblicate sul suo profilo Instagram, che hanno fatto il giro del mondo diventando ben presto virali, come d’altronde per ogni segno di presenza di Roger, ovunque e con chiunque. 

 

Federer ha vinto Wimbledon otto volte (record), la prima partecipazione risale al 1998 (vittoria nel torneo Junior), l’ultima al 2021 (sconfitta ai quarti subita da Hubert Hurkacz, che si è rivelata essere anche l’ultimo suo match sul circuito).

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1 maschile: domenica dalle 10.00 al via le semifinali scudetto e play-out. Presenti TC Rungg e Park Tennis Genova

TC Rungg Sudtirol contro CT Palermo e Park Tennis Genova contro TC Sinalunga Siena, queste le due semifinali maschili della massima serie

Pubblicato

il

La squadra del Park Tennis Club Genova

A partire dalle ore 10.00, domenica andranno in scena le gare di andata delle semifinali scudetto e quelle delle sfide per non retrocedere della Serie A1 maschile 2022. Il ritorno è in programma domenica 4 dicembre. 

PLAYOFF

Seconda semifinale playoff consecutiva per il TC Rungg Sudtirol, che ha chiuso al primo posto nel Girone 4 con tre vittorie un pareggio e due sconfitte. Il team altoatesino (Federico Gaio, Elmar Ejupovic) riceve il CT Palermo(Salvatore Caruso, Gabriele Piraino, Omar Giacalone), matricola terribile, autentico dominatore del Girone 2 e squadra più vincente della prima fase del campionato con cinque successi ed un pareggio.

 

Nell’altra sfida – live su SuperTennix – il Park Tennis Genova di Gianluca Mager ed Alessandro Giannessi, primo nel Girone 1 con quattro vittorie e due pareggi, affronta in casa il TC Sinalunga Siena(Matteo Gigante, Luca Vanni, Oriol Roca Batalla), altra matricola terribile del torneo, leader del Girone 3 con quattro vittorie, un pareggio ed una sconfitta, rimediata proprio nell’ultima giornata contro il TC Crema.

Questo il programma dell’andata dei playoff – domenica 27 novembre (inizio ore 10):

TC Rungg Sudtirol – CT Palermo

Park Tennis Genova – TC Sinalunga Siena

PLAYOUT

La Canottieri Casale,che ha chiuso all’ultimo posto nel Girone 3, insegue ancora la prima vittoria in questa serie A1il club di Casale Monferrato ospita il TC ItaliaForte dei Marmidi Stefano Travaglia e Walter Trusendi, terzo nel Girone 4 (il più equilibrato di questo campionato), in lizza per un posto nei playoff fino all’ultima giornata.

Il TC Prato, finito ultimo nel Girone 1, riceve ilTC Crema,terzo nel Girone 3 (con due vittorie due pareggi e due sconfitte). I lombardi, insieme ai toscani di Forte dei Marmi, sono la formazione finita ai playoff col maggior bottino di punti (8).

Il TC Genova del Next Gen Matteo Arnaldi, fanalino di coda nel Girone 2, ospita invece lo Sporting Club Sassuolo, terzo nel Girone 1.

Infine lo Junior Perugia del Nex Gen Francesco Passaro, ultimo nel Girone 4 e che si ritrova a giocare i playout nonostante i 7 punti conquistati, affronta il New Tennis Torre del Greco, campione uscente, finito terzo nel Girone 2 dopo la sconfitta a tavolino per inagibilità del campo nell’incontro casalingo non disputato contro il TC Pistoia nell’ultima giornata.

Questo il programma dell’andata dei playout – domenica 27 novembre (inizio ore 10):

Società Canottieri Casale – TC Italia Forte dei Marmi

TC Prato – TC Crema (sabato 26 novembre, inizio ore 10)

TC Genova – Sporting Club Sassuolo

Junior Perugia – New Tennis Torre del Greco

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement