WTA Stanford: troppa Venus per Bellis, Vandeweghe si ritira. Avanti Cibulkova e Konta

Nei quarti del Bank of the West Classic Venus Williams soffre solo nel primo set contro Catherine Bellis. Vandeweghe cade male distorcendosi la caviglia destra ed è costretta al ritiro. Avanzano le favorite ma Konta deve lottare duramente per avere ragione della cinese Zheng

WTA Stanford: troppa Venus per Bellis, Vandeweghe si ritira. Avanti Cibulkova e Konta

Si arriva alla stretta finale sui campi in cemento dell’università di Stanford che ospitano il Bank of the West Classic 2016. I quarti di finale proponevano match interessanti e significativi, come quello che ha opposto Venus Williams a Catherine Bellis, presente e futuro prossimo del tennis femminile statunitense, oppure l’altro derby USA fra Colleen Vandeweghe e Alison Riske. Ebbene, per motivi diversi i due incontri non hanno avuto lo svolgimento sperato dal pubblico.

Nell’incontro più atteso, ultimo di serata, la potenza di Venus non ha lasciato scampo alla diciassettenne di San Francisco, troppa ancora la differenza fisica e di consapevolezza fra le due contendenti. Del resto quando Venere vinceva il suo primo Wimbledon Catherine aveva poco più di un anno… In avvio Bellis ha infiammato la platea prendendosi subito la battuta dell’avversaria, senza però riuscire a confermare il break. Il primo set da quel momento in poi è scorso via sul filo dell’equilibrio fino al settimo gioco, quando la più giovane ha avuto la sua occasione. Venus serve e si porta sul 30-0 ma tre errori consecutivi, grave l’ultimo a campo aperto, davano a CiCi una palla break che l’avrebbe portata a servire per il set. Nel momento che conta però Williams non ha tremato, annullando l’opportunità con un violento dritto ad uscire che Bellis è riuscita solo a toccare. Il parziale si è chiuso poco dopo, quando sul 5-4 in suo favore la n° 7 WTA ha accelerato i tempi strappando a zero il servizio all’avversaria a colpi di rovescio per il 6-4 che la portava avanti nel punteggio. Le emozioni sono finite qui perché Venus nel secondo set ha dominato il gioco chiudendo il match con un perentorio 6-1 in ventotto minuti.

 

L’altro incontro fra connazionali di fatto non c’è stato perché la favorita Vandeweghe, cresciuta impetuosamente in questo 2016, si è dovuta ritirare all’inizio del secondo set dopo aver perso il primo col punteggio di 6-3. Il parziale si era deciso nei giochi centrali, Colleen perde la battuta nel sesto, recupera subito ma cade ancora giocando con poca attenzione. Riske coglie l’occasione e chiude al primo set point quando il rovescio dell’avversaria si stampa sul nastro. Il match termina in modo improvviso e drammatico. Dopo aver annullato due palle break tenendo la battuta in un primo gioco lunghissimo, Vandeweghe sul primo punto in risposta si allunga per recuperare un dritto incrociato ma la caviglia destra si pianta sul terreno e lei cade rovinosamente. È una brutta distorsione che la obbliga al ritiro e l’ultima immagine la vede a terra disperata con le mani sul volto.

Gli altri incontri di giornata hanno avuto un andamento opposto. La seconda favorita del torneo Dominika Cibulkova ha avuto problemi solo in uno schizofrenico primo set contro la giapponese Misaki Doi, tds n° 5, capace di portarsi in vantaggio 4-1 e poi 5-2. Il parziale è stato caratterizzato da ben nove break in dodici giochi e Misaki ha mollato sul più bello. Non è mai riuscita ad arrivare al set point, consentendo all’avversaria di infilare una serie di cinque games consecutivi che le hanno consegnato un insperato vantaggio per 7-5. L’occasione mancata ha assestato un duro colpo alle convinzioni della giapponese, che non è più esistita cedendo a zero il secondo parziale.

L’unico match terminato al terzo ha avuto come protagoniste l’inglese Johanna Konta e la cinese Saisai Zheng, che ha disputato un ottimo torneo. Ci sono volute quasi due ore e mezza di lotta serrata per determinare la vincitrice e Johanna ha avuto la freddezza necessaria per chiudere a suo favore. Dopo un primo set dominato la n°3 del seeding ha dovuto subire il ritorno dell’avversaria, in possesso di un tennis poco potente ma molto accurato e preciso nella lunghezza dei colpi e negli angoli di gioco. Konta nel secondo set ha avuto un calo, perdendo la battuta per quattro volte, caso raro per una che può contare su un gran servizio. Zheng ha fatto appena meglio subendo “solo” tre break ma tanto le è bastato per pareggiare i conti. L’inglese però ha tirato fuori il carattere e nel decider è stata concreta e concentrata chiudendo con una serie di tre giochi consecutivi dal tre pari. Le semifinali vedranno opposte Venus e Riske nella parte alta, Cibulkova e Konta in quella bassa.

Risultati:

[3] J. Konta b. S. Zheng 6-2 4-6 6-3
[2] D. Cibulkova b [5] M. Doi 7-5 6-0
A. Riske b. [4] C. Vandeweghe 6-3 0-1 rit.
[1] V. Williams b. [WC] C. Bellis 6-4 6-1

CATEGORIE
TAG
Condividi