La Mouratoglou Academy farà da casa a un Challenger (per ora)

Il Verrazzano Open, previsto per la prima settimana di aprile, sarà il primo evento ATP organizzato nell'accademia francese dell'ex coach di Serena Williams. Che pensa ancora più in grande

La Mouratoglou Academy farà da casa a un Challenger (per ora)

Due sole settimane ancora e la Patrick Mouratoglou Tennis Academy aprirà le porte a professionisti e spettatori per il suo primo torneo Challenger, il Verrazzano Open (64.000€ + ospitalità)Rinnovata e ingrandita al termine della scorsa estate, l’accademia del coach francese è quindi pronta per una nuova prova, assai differente da quelle a cui è abituata e per cui forse era stata inizialmente concepita. La struttura sorge a Sophia-Antipolis, parco tecnologico sito lungo la Costa Azzurra, e conta numerosi campi sia in cemento che in terra – quest’ultima è la superficie su cui dal 3 al 9 aprile si disputerà il torneo. Il centrale ha una capienza di 1.000 posti, e sono previste sessioni di gioco diurne e serali.

Il sito internet dell’evento, di gran lunga migliore alla media del circuito per qualità grafica e completezza di informazioni, annuncia già la presenza di giocatori tra la 50esima e la 150esima piazza del ranking ATP: Nicolas Almagro, Guillermo Garcia-Lopez, Julien Benneteau oltre a Jeremy Chardy – il volto più pubblicizzato del seeding, avendo la Academy come propria base tecnica – e ai giovani Stefanos Tsitsipas e Duckhee Lee. Con un paio di wild card ancora da assegnare e la sola concorrenza del Challenger di Panama – si tratta della settimana dei quarti di finale di Coppa Davis – c’è la possibilità di un’ultima zampata di Mouratoglou, che potrebbe ottenere un altro tennista di prestigio sfruttando i suoi molti contatti. Oltre al fascino di un impianto all’avanguardia, dove non di rado è possibile trovare ad allenarsi tennisti top come Novak Djokovic e Serena Williams.

 

Che Mouratoglou stia già puntando al circuito maggiore? La prima edizione del suo torneo non è ancora neppure iniziata, ma qualche indizio lascia pensare che un upgrade sia nei piani appena possibile. Lo stesso direttore ha tenuto a rimarcare come il livello delle facilities a disposizione degli atleti e degli spettatori sarà “superiore a quello di un normale Challenger” (i partecipanti potranno usufruire addirittura della crioterapia), e ha chiaramente presentato l’evento come preparatorio per il Roland Garros. In effetti il centro urbano principale nei dintorni dell’Academy è Nizza, che ha perso il proprio torneo ATP di maggio al termine dello scorso anno in favore di Lione. Tempo qualche anno e potrebbe essere il neonato Verrazzano Open a raccoglierne l’eredità.

CATEGORIE
TAG
Condividi