ATP Challenger: tanti azzurri in Polonia, Lorenzi subito fuori

A Szczecin, Lorenzi (tds n.1) battuto da Gutierrez-Ferrol per 7-5 al terzo. Sono 5 gli azzurri al secondo turno. Filippo Baldi ai quarti a Banja Luka, Fabbiano guida a Istanbul

ATP Challenger: tanti azzurri in Polonia, Lorenzi subito fuori

SZCZECIN (Polonia, terra rossa, € 127,000)

È il Challenger più ricco della settimana e quello più atteso dai tifosi azzurri: erano infatti ben 9 gli italiani al via. Dopo il completamente degli incontri di primo turno, ne sono rimasti in gara 5: Gianluigi Quinzi, Andrea Arnaboldi, Roberto Marcora, Lorenzo Giustino e Simone Bolelli. Fuori all’esordio il primo favorito del seeding Paolo Lorenzi, battuto per 7-5 al terzo dallo spagnolo Gutierrez-Ferrol (160 del mondo). Spagna che batte Italia 3-0 grazie alle vittorie del qualificato Davidovich Fokina (6-4 6-2 a Caruso) e Vilella Martinez (6-2 6-2 a Moroni). È invece un russo ad estromettere subito dal torneo Lorenzo Sonego, reduce dal successo nel Challenger di Genova: l’azzurro si è arreso 6-4 al terzo al numero 189 del mondo Alexey Vatutin. Promossi Gianluigi Quinzi (agli ottavi se la vedrà con Barrios Vera che ha superato al debutto la settima testa di serie Casper Ruud), Lorenzo Giustino (battuto al tiebreak decisivo Dustin Brown, al prossimo turno sfiderà il giustiziere di Sonego), Simone Bolelli (prossimo avversario Rogerio Dutra Silva) e il lucky loser Roberto Marcora che agli ottavi affronterà Arnaboldi.

 

Il tabellone 


BANJA LUKA (Bosnia ed Erzegovina, terra rossa, € 85,000)

Quattro gli azzurri al via del Challenger di Banja Luka: Andrea Vavassori (che all’esordio ha rimediato un gioco contro il secondo favorito del seeding Andujar), Gianluca Mager (sconfitto da Zapata Miralles), Alessandro Giannessi (al secondo turno grazie alla vittoria contro la quinta testa di serie Andrej Martin, sfiderà adesso il bulgaro Kuzmanov) e Filippo Baldi, già ai quarti di finale grazie al successo al debutto contro il belga Kimmer Coopejans e il successivo ritiro pre match del cileno Christian Garin (testa di serie numero 6 del torneo). Baldi attende nei quarti Londero (prima testa di serie) o Federico Coria (qualificato).

Il tabellone 


ISTANBUL (Turchia, cemento, $ 75,000)

A guidare il seeding del Challenger turco è il nostro Thomas Fabbiano, a seguire Moutet (2), Menendez-Maceiras (3, unica testa di serie eliminata al primo turno), Halys (4), Lestienne (5), Otte (6), Tallon Griekspoor (7) e Miedler (8). Doppio impegno francese per Fabbiano, che dopo la comoda vittoria all’esordio contro Grenier (6-3 6-2), affronterà al secondo turno contro Benjamin Bonzi. In caso di successo Thomas potrebbe trovare un avversario francese anche nei quarti di finale (il quinto favorito del seeding Lestienne), che al secondo turno dovrà vedersela però con il nostro Matteo Viola, unico altro azzurro presente in tabellone, che al primo turno ha sconfitto il kazako Yevseyev.

Il tabellone 


SHANGHAI (Cina, decoturf, $ 75,000)

Sorteggio sfortunato per gli unici due italiani presenti in Cina: Alessandro Bega e Federico Gaio si sono infatti affrontati al primo turno. A prevalere in rimonta (4-6 6-4 6-3) è stato Bega, bravo a qualificarsi poi per i quarti di finale battendo in due set (7-5 6-3) il coreano Kwon. Al prossimo turno attende Rodionov o Kavcic. Eliminate intanto al debutto ben quattro teste di serie: Ito (3), Zhang (4, battuto da Alexander Bublik), Soeda (5) e Peliwo (6).

Il tabellone 


CARY (USA, Plexipave, $ 50,000)

Nel North Carolina si disputa l’unico Challenger della settimana senza giocatori italiani al via. Il tabellone, allineato al secondo turno, ha registrato l’eliminazione al debutto del primo favorito del seeding, il canadese Peter Polansky (battuto in due set da Alejandro Gonzalez) e della seconda testa di serie, lo svedese Elias Ymer (sconfitto da Hernandez-Fernandez). Fuori anche la sesta e l’ottava testa di serie, rispettivamente Kevin King e Maverick Banes. Promossi invece al secondo turno Arevalo (3), Opelka (4), Fratangelo (5) e Popyrin (7).

Il tabellone

CATEGORIE
TAG
Condividi