Il nuovo, spirituale, Marat Safin: "Non faccio niente. Io vivo"

Interviste

Il nuovo, spirituale, Marat Safin: “Non faccio niente. Io vivo”

L’amato (e odiato) ex tennista russo si racconta in una lunghissima intervista. “Non ho una fidanzata né una moglie e non voglio una relazione. E non ho una figlia”. Il passato politico parecchio nebuloso, l’amore improvviso per… il confucianesimo

Pubblicato

il

“È meglio lasciare lo sport prima che lo sport lasci te”. Tra le tante frasi di congedo dal tennis che è possibile reperire nella letteratura recente, è difficile trovarne una che, meglio di questa, descriva alla perfezione il rapporto con la racchetta di chi l’ha pronunciata e al contempo appaia valida ed esportabile fuori dal contesto. Sfuggì a Marat Safin a margine di una delle sue ultime apparizioni su un campo da tennis, nel dicembre 2016, sette anni dopo il ritiro dalle competizioni ufficiali; per il secondo anno di fila si era lasciato convincere dalla franchigia dei Japan Warriors a partecipare all’IPTL, torneo di esibizione itinerante che dopo quell’edizione non sarebbe più andato in scena per una storia di mancati pagamenti (in pratica una frode in piena regola).

Alle parole dell’ex tennista russo i giornalisti si abbeverano sempre con grande avidità, poiché Marat non è uno a cui sia facile mettere un microfono in mano. Chi scrive ha visto con i suoi occhi Mario Ancic – che non sarà Safin, ma la sua bella semifinale Slam l’ha disputata – fermarsi in sala stampa a Lille, durante l’ultima finale di Davis, e quasi spontaneamente rilasciare dichiarazioni, laddove il russo avrebbe tirato dritto per evitare di sottoporsi a un tale supplizio.

Concesso l’ultimo quindici della sua carriera a del Potro sull’indoor di Bercy nel 2009, Safin è nuovamente… sceso in campo – mutuando un’espressione che ci è grottescamente familiare – per iniziare la carriera politica. Nel dicembre 2011 è stato eletto nella Duma di Stato sotto l’egida del presidentissimo Putin per rappresentare una delle 46 Oblast’ (regioni) dello sconfinato paese eurasiatico, quella di Nižnij Novgorod, ed è stato confermato cinque anni dopo, salvo rassegnare le dimissioni nel maggio 2017. Nel mezzo anche una laurea in legge conseguita nel 2015 presso il Moscow Institute of Public Administration and Law, che a suo dire l’avrebbe aiutato a limare i difetti dell’inesperienza nell’arena politica russa. Da allora, se si eccettua qualche misero incarico di rappresentanza sportiva, Marat Safin non sembra avere avuto una vera occupazione.

 

Un aggiornamento sulla condotta di vita di uno dei personaggi più singolari che il tennis abbia potuto vantare è arrivato grazie alla lunga intervista rilasciata dall’ex tennista al fortunato Alexander Golovin, giornalista appena 23enne di Sports.ruIl portale russo ha titolato con la dichiarazione d’allergia ai rapporti interpersonali – ‘Non ho una fidanzata né una moglie e non voglio una relazione‘ – ma siamo certi che la scelta sia stata sofferta, poiché Marat ne ha raccontate davvero di ogni tipo.

IL MARAT-PENSIERO

UNA NUOVA SPIRITUALITÀ – Ricordate quando Safin aveva detto di essere musulmano praticante, armandosi di tale affermazione per deporre a favore della libertà di culto in Russia? Ecco, dimenticate tutto, perché a quanto pare non è più questa la sua dimensione spirituale. “Non esiste la religione, è stata creata artificialmente e tutti possono intuirne il motivo” erompe Marat, che sembra aver abbracciato una sorta di mistica naturale vicina alle filosofie orientali. Sul suo profilo Instagram, dal quale per sua stessa ammissione ‘non si può capire che sono stato un tennista‘, è comparsa quale mese fa la foto del testo di carattere divinatorio ritenuto più importante nell’alveo del confucianesimo, ‘Il libro dei mutamenti’. Gli viene chiesto di spiegare il suo avvicinamento a una sensibilità tanto lontana dalla sua cultura d’origine, lui risponde così: “Ho smesso di provarci, sarebbe come spiegare a un cieco i colori. Chi vuole troverà da sé le informazioni che cerca. Non mi è successo un giorno all’improvviso, dipende dalle esperienze di vita. Il mondo è come uno spettacolo teatrale e noi siamo gli attori“.

Costrutti aforistici che non possono sorprendere alla luce di come Safin ha aperto l’intervista: “Cosa faccio? Niente, non faccio niente. Io vivo“. Agli antipodi rispetto al ‘faccio cose/vedo gente’ di morettiana memoria, la messa in versi del terrore di apparire inoccupati che spinge la gente a confessare, con dissimulata sofferenza, di avere sempre qualcosa di importante da fare, a Marat non interessa fingere di avere una vita piena. “Vado a letto presto, verso le dieci-undici, e mi sveglio alle otto. Cammino, viaggio, non gioco a tennis, perlopiù vado in palestra per tenermi in forma”. Poi prova a spiegare rivolgendo quest’esempio al suo interlocutore: “Immagina di aver concluso la tua carriera di giornalista e poi di cominciare di nuovo a lavorare: sarebbe un po’ stupido, non trovi?”. Non lo tange minimamente il non avere un’occupazione specifica e sa spiegarne anche il perché: “Molte persone devono fare qualcosa per ricordarsi di essere vivi, ma lo fanno per non pensare. Solo pochi sono in grado di stare soli con se stessi per cinque minuti. Chiudi una persona in casa per un giorno intero, portagli via il telefono e il computer e guarda cosa succede. Io non ho di questi problemi, non ho bisogno di lavorare ed essere occupato per sentirmi normale“.

VIAGGI, SOLITUDINE E LIBERTÀ – Nell’aria è l’eco di un’espressione che più di qualcuno avrebbe rivolto a Marat, gli fosse stato di fronte; ‘grazie al… tennis, che puoi permetterti di non fare nulla‘, sarebbe la versione più edulcorata. Ritornando sul tema del suo unico vero hobby, viaggiare, l’ex tennista conferma come i guadagni sul campo – oltre 14 milioni di dollari, suggerisce la sua pagina ATP – gli permettano ancora di visitare serenamente ogni angolo del mondo. Intuibile ma non scontato: Becker ha guadagnato quasi il doppio, ma è stato decisamente meno abile a tenerseli.

Dal chiasso di Ibiza – ‘ma lì non per forza devi divertirti, io ci vado per fare sport, mangiare ottimo cibo e nuotare. Esiste una Ibiza diversa‘ – alle rovine Inca di Machu Picchu in Perù, il luogo che preferisce in assoluto. “Mi ha fatto una grande impressione, nonché dubitare del fatto che sia stato davvero tutto costruito dagli esseri umani. Anche le guide non sanno spiegare come sia successo. Un po’ come per le Piramidi in Egitto” dice Marat, che poi si esibisce in un fraintendibile ‘non credo che siamo soli nell’universo‘, tornando più tardi sull’argomento per ricordare come persino Stephen Hawking sia del suo stesso avviso.

Uno dei rovesci bimani più imponenti del nuovo millennio è convinto di non essere solo, nel senso sovrannaturale dell’espressione, ma in un certo senso vuole rimanerci. Nel ricordare il vecchio episodio di una scazzottata con Sergey Bondarchuk, figlio dell’attore e regista russo Fyodor (al quale lo legava un rapporto d’amicizia), Safin racconta piuttosto bruscamente di non avere amici. “Basto a me stesso e voglio vivere da solo, mi piace così. Non sono un asceta, ho un circolo nel quale passo il tempo ma quelli non li chiamerei amici, piuttosto compagni o colleghi. Non ho una ragazza né una moglie e non voglio che la cosa cambi. Non voglio condividere la mia vita personale e le mie cose; non perché sia accaduto qualcosa di particolare, voglio solo viaggiare e non avere legami. Mi piace libertà e non avere nessuno al mio fianco: silenzio e calma“.

Quando l’intervistatore prova ad andare più a fondo, Safin continua il fuoco di copertura. Nega di avere avuto una figlia dalla sua ex compagna Valeria Yakubovskaya, nonostante sia opinione comune che nelle vene della piccola Eva, sette anni e già un profilo Instagram per foraggiare la sua carriera di baby-modella, scorra il suo sangue. Arriva addirittura una domanda diretta sulla sua vita sessuale, alla quale Marat si sottrae senza troppe cerimonie. Il giornalista gli aveva chiesto se facesse ricorso al sesso a pagamento, in modo forse non troppo elegante.

L’ESPERIENZA POLITICA

Del periodo in giacca, cravatta a ventiquattr’ore di Safin ha fatto discutere soprattutto il suo avallo ad alcuni provvedimenti molto controversi. Su tutti la legge ‘anti-gay’ che il parlamento russo ha approvato nel giugno 2013 per ostacolare la propaganda e le manifestazioni omosessuali (con 434 voti a favore e un solo, impavido, astenuto), ma anche la ‘Dima Yakolev Law‘ entrata in vigore il primo gennaio dello stesso anno. Il provvedimento prendeva il nome di un bambino nato in Russia, adottato da una famiglia statunitense di Purcellville (Virginia) e morto in circostanze tragiche, dopo essere rimasto chiuso in auto per nove ore. Con questo pretesto e per rispondere a una legge approvata poco prima negli Stati Uniti, il parlamento russo decideva di impedire – tra le altre cose – ai cittadini statunitensi di adottare bambini russi.

Non mi vergogno delle leggi che ho votato. I nostri esperti hanno espresso un parere e ci siamo fidati di loro“. Un ginepraio dal quale qualcuno ha persino accusato Safin di aver contribuito a uccidere dei bambini. “Chi sono queste persone?“, si chiede Marat con indifferenza; “Come in tutte le cose c’è sempre qualcuno a favore e qualcuno contro“. In questa porzione dell’universo di Marat sembra però esserci qualche crepa in più. ‘Non accendo la TV, mi informo su Telegram‘. Affermazione piuttosto curiosa, se si considera che da aprile il governo russo ha bloccato l’utilizzo dell’app di messaggistica, rea di essersi rifiutata di fornire le chiavi di decrittazione dei messaggi scambiati dagli utenti. Telegram, fondato peraltro dal russo Pavel Valer’evič Durov, è notoriamente il baluardo digitale di una privacy che la Russia dimostra ogni volta di mal tollerare.

In tre dei sei gruppi Telegram citati dall’ex tennista compare proprio l’intervista di cui vi stiamo riportando la traduzione; si tratta di sacche di informazione indipendente per accedere alle quali, se si è sul suolo russo, è necessario aggirare il blocco imposto dal governo tramite una procedura in verità non troppo complessa. Il giornalista cita proprio episodi di corruzione diffusi in questi gruppi: “Se lo sapevo? Beh sì, non sono mica nato ieri. Ho 38 anni“. Perché allora non li ha denunciati quando era ancora in carica?Io non discuto di queste cose, non mi piace rovistare tra i panni sporchi. Leggo per informarmi senza dare una valutazione e poi oggi sono un cittadino libero, non più un politico“. Qui il Marat-pensiero appare parecchio meno convincente.

DOV’È IL TENNIS?

Quello che manca quasi del tutto in questa intervista, come del resto in queste settimane di piena off-season, è proprio il tennis. “Non è interessante, mi stufa dice Marat del suo rapporto odierno con la racchetta. Talmente lontano che non gli capita neanche di riguardare le sue stesse partite. “Ho chiuso quel capitolo della mia vita. Se rimani ancorato al passato non vai mai avanti, e poi guardarmi su Internet mi sembra strano. Non mi piace nemmeno parlarne“. Chi non ha mai smesso di criticarlo per il temperamento incontrollabile, quello che una volta lo portò ad abbassarsi i calzoncini per festeggiare un punto, non compare nei suoi radar come non vi compariva allora. “Le persone non sanno nulla. L’unico che può darmi consigli sono io. In passato ho pagato per farmi ascoltare, oggi non più; sono abbastanza maturo da non considerare le parole di estranei che non hanno mai giocato a tennis. Nessuno sa cosa è necessario per ottenere risultati“.

At the end of the day, ennesima di tante conferme, la sua carriera è finita soprattutto a causa degli infortuni. Rifiutò di sottoporsi a un’operazione alla gamba le cui probabilità di successo erano dichiaratamente basse. Infortuni da sovraccarico, dai quali Marat è rientrato senza però mai ritrovare velocità, esplosività e visione di gioco: “Rimanere fuori dai primi trenta non sarebbe stato divertente“. Da lì la scelta di chiamare l’ultimo giro, come per sottrarsi a un tavolo da gioco sul quale si hanno da vantare ormai poche fiches.

Del futuro che gli si stende davanti, a soli 38 anni, non è dato sapere troppo. Per significare il concetto, in chiusura di intervista Marat riesuma una battuta pronunciata da Woody Allen in uno dei suoi film meno riusciti. “Se vuoi far ridere Dioraccontagli i tuoi progetti”. Oppure digli che Marat Safin non sapeva giocare a tennis, aggiungeremmo noi.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Caruso e il tennis senza pubblico: “Mi sembra di andare in ufficio a timbrare il cartellino”

Il tennista siciliano dopo la sconfitta con Mager a Buenos Aires: “Senza nulla togliere a chi lavora in ufficio, mi sembra di timbrare il cartellino. Non siamo abituati, ma lo facciamo per amore dello sport”

Pubblicato

il

Salvatore Caruso - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Il tennis in bolla, senza o con poco pubblico, è un percorso senza deviazioni che va da un tampone all’altro prima che da un avversario all’altro e offre ben poche occasioni di svago. Lo raccontiamo da mesi, pur premettendo il massimo rispetto per chi ha pagato le conseguenze peggiori della pandemia. Del resto c’è anche chi, come Kyrgios, ha detto che di andare in giro a offrire spettacolo in stadi vuoti non ha alcuna voglia e preferisce aspettare la riapertura dei cancelli. Tutti gli altri ci provano, viaggiando di continente in continente e tenendo a bada la tristezza con un po’ di fatica. Ci ha raccontato il suo punto di vista Salvatore Caruso poco dopo la sconfitta nel derby contro Mager a Buenos Aires. Per il tennista siciliano, giocare in queste condizioni è un po’ come limitarsi a timbrare il cartellino.

Non ti nascondo che manca la parte più bella di questo lavoro. Senza nulla togliere a chi lavora in ufficio, e mi tolgo il cappello perché anche il loro lavoro è difficile… mi sembra di andare in ufficio a timbrare il cartellino” dice Sabbo, che da ragazzo estremamente corretto qual è si preoccupa di non esprimere alcun concetto irrispettoso. “Esco dall’hotel, vengo qua, mi alleno e torno in hotel. Poi non c’è il contatto con i tifosi perché giochi in stadi vuoti e la sera non ti puoi svagare, non puoi andare a cenare fuori – non parlo di andare a far festa perché ci mancherebbe, siamo dei professionisti e dobbiamo fare una vita sana. Però non è semplice, capisco i giocatori che fanno notare che siamo in bolla praticamente da agosto, perché a parte l’Australia siamo stati sempre in bolla. Non siamo abituati a timbrare il cartellino, ma lo facciamo per amore dello sport e sperando di tornare il prima possibile a una vita normale“.

Tornare a giocare presto con gli stadi pieni sarebbe veramente il massimo” è il primo desiderio di Caruso. “A volte quando hai qualcosa tra le mani non ti rendi conto di quanto sia importante fin quando poi non ce l’hai più. Sarà una frase detta e ridetta, ma è molto attuale. Ed è questo l’augurio che faccio: spero che tra agosto e settembre, magari con il vaccino, riusciremo a godercela un po’ di più giocando a tennis“.

 

Immagino che sia lo stesso anche per voi“, dice Salvo immaginandosi dall’altra parte del televisore – l’unico sistema tramite cui ci è possibile fruire del tennis, in questo momento. “Vedendo le partite in TV si perde un po’ di pathos, non c’è il pubblico che inizia a urlare dopo un punto pazzesco“. Gli chiediamo in quale stadio si immagina, una volta chiusi e riaperti gli occhi, a godere del calore del pubblico a cui eravamo abituati prima di questo brutto affare della pandemia. “Assolutamente a Roma. Non potrei pensare a un altro torneo“. Ce lo auguriamo insieme a lui.

Continua a leggere

Flash

L’inferno di Craig Tiley all’Australian Open: “Sono rimasto sveglio per 50 ore di fila”

Il numero uno di Tennis Australia ha dichiarato di aver perso peso a causa dello stress. La sua famiglia si è dovuta trasferire temporaneamente, ma Tiley si dice orgoglioso di quanto fatto: un segnale al mondo dello sport

Pubblicato

il

Qui l’articolo originale

Craig Tiley controlla il suo Fitbit per conoscere il numero di ore di sonno di cui ha potuto godere durante lo Slam di Melbourne. “Nelle ultime sei settimane – tra le tre e le quattro ore a notte“, ha detto Tiley all’AAP mentre descriveva nel dettaglio l’enorme difficoltà mentale e fisica alla quale sono stati sottoposti lui e il team di Tennis Australia, formato da più di 600 persone, durante l’Australian Open, torneo fortemente condizionato dalla pandemia globale. “Quattro ore e 31. È stata una buona nottata. Tre ore e 10. Due ore e 50. Il mio orologio segnava costantemente la scritta ‘sotto la media’; ho perso peso a causa dello stress“.

Facilmente prevedibile, dato che Tiley ha regolarmente lasciato il quartier generale della TA di Melbourne Park minimo alle due del mattino ogni giorno per tutta la durata del torneo. “A quel punto devi guidare fino a casa e metterti a letto. La maggior parte delle volte guardavo l’orologio ed erano già le tre”.

 

Tiley ha lavorato quasi 24 ore su 24 da quando il Covid-19 ha iniziato a diffondersi lo scorso marzo, cercando disperatamente di garantire lo svolgimento dell’Australian Open 2021. Ma le ultime sei settimane sono state particolarmente difficili, talmente intense che il boss dell’Happy Slam si è dovuto allontanare parzialmente da sua moglie e dai loro tre bambini piccoli per proteggerli dallo stress.

Quando i passeggeri di tre dei 15 voli charter diretti in Australia sono risultati positivi ai test del coronavirus, costringendo 72 giocatori e i loro entourage alla quarantena il mese scorso, Tiley ha preso l’impegno di sostenere lunghe videochiamate notturne con le persone in quarantena. Ha iniziato con le giocatrici ed i rispettivi staff, poi è stato il turno degli uomini con i relativi allenatori ed infine dei dipendenti “internazionali” del torneo – coloro che arrivano in Australia a lavorare per lo Slam, tra cui arbitri, funzionari dell’ATP Tour, emittenti e media internazionali.

Comunicare per almeno cinque ore a notte con qualcosa come 451 persone, la maggior parte delle quali frustrate dall’isolamento, è stato difficile. “Sono stato subissato dalle chiamate. È stato devastante“, ha detto Tiley. “Ci sono state lamentele di ogni tipo, anche su aspetti su cui stavamo lavorando bene. Stavamo costantemente cercando di fare del nostro meglio. Così ho preso la decisione di essere costantemente attaccato in prima persona, in modo da salvaguardare il duro lavoro effettuato dal team che mi circondava. Ma normalmente, quando si subiscono lamentele, questo avviene una volta soltanto. In questo caso invece sono arrivate per 15 giorni consecutivi. Immaginatevi di essere attaccati, verbalmente parlando, per 15 giorni consecutivi”.

Questa serie di problemi ha spinto Tiley a mandare temporaneamente sua moglie Ali, i suoi gemelli, di soli sette anni, e sua figlia di otto anni a Rosebud, nella penisola di Victoria’s Mornington. “Lo stress dentro casa sarebbe stato troppo“, ha detto. “È stato veramente complicato perché mi sentivo un estraneo dentro casa. Però abbiamo preferito adottare questa soluzione. Sono stato a casa da solo per probabilmente sette, otto giorni. E così, purtroppo, doveva essere, mi sentivo letteralmente martellato dalle critiche, e se ti stanno attaccando in quel modo probabilmente è meglio non avere persone intorno, perché senti la necessità di sfogarti su qualcun altro. I miei cari hanno percepito una pesante sensazione di tensione che aleggiava dentro casa, così sono andati a Rosebud e, quando la quarantena dei giocatori è terminata ed il torneo ha preso il via, i bambini e mia moglie sono tornati“.

Tiley ha ammesso di non aver dormito per due notti consecutive durante il periodo di quarantena dei protagonisti dell’AO. “Sono rimasto sveglio per 50 ore di fila. Una tortura“, ha detto. “La privazione del sonno è una forma di tortura. Ma è stata una mia scelta. Mi sarei potuto comportare in maniera diversa, ma era fondamentale mostrarmi così anche agli occhi delle altre persone“.

Melbourne Park – Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Tiley ha ammesso di aver temuto che, da un momento all’altro, il premier dello stato di Victoria, Dan Andrews, avrebbe cancellato l’Australian Open. “Ero sicuro che prima o poi sarebbe uscito il comunicato. Bastava una sola positività nel nostro ambiente e tutto sarebbe andato in rotoli. Abbiamo camminato su una sottilissima lastra di ghiaccio per tutta la durata del torneo, e lo facciamo tuttora. Ora dobbiamo fare in modo che tutti lascino l’Australia senza problemi e senza nuove complicazioni legate al Covid“.

Ma, alla domanda se ne valesse la pena, il sudafricano ha risposto fermamente: “Assolutamente. Lo rifarei 100 volte. Non ho mai, mai pensato di gettare la spugna. Alcuni momenti sono stati veramente duri. Ad esempio, quando ci sono stati i casi di positività sui voli. Quando un lavoratore dell’hotel in cui alloggiavano diversi è risultato positivo ed abbiamo dovuto sospendere tutto per una giornata intera e fare i test (appena quattro giorni prima dell’inizio dell’Open) – è stato un altro momento complicatissimo. Poi c’è stato il lockdown dello Stato di Victoria per cinque giorni durante l’Open – altro momento complicato. Cacciare le persone dallo stadio scoccata la mezzanotte – altro momento complicato”.

Tiley ha ammesso che Tennis Australia aveva esaurito gli 80 milioni di dollari che aveva in piano di spendere e dovrà probabilmente chiedere un prestito, andando ad affrontare anni di difficoltà per risollevarsi dai problemi finanziari. Tuttavia è orgoglioso del fatto che l’Australia abbia tirato fuori ciò che sembrava impossibile fino a non molto tempo fa. “L’investimento che abbiamo fatto e il sostegno che abbiamo ricevuto dal governo saranno ampiamente ripagati perché abbiamo inviato un messaggio di speranza globale”, ha detto. “Tutti gli occhi erano puntati su Melbourne e tutti hanno visto quali risultati siamo riusciti ad ottenere. Volevamo dare un segnale al mondo su ciò che, nonostante la pandemia, possa fare lo sport“.

Il 58enne si sentirà per sempre in debito con la sua squadra di Tennis Australia; ha inoltre concesso a tutti i suoi dipendenti di prendersi 10 giorni di riposo a Pasqua, quando l’azienda chiuderà. “Non mi sono preoccupato di me personalmente. Ero più preoccupato per gli altri“, ha detto Tiley. “Voglio dire, a volte mi commuovo quando penso al lavoro del team perché l’incredibile impegno che hanno dimostrato è veramente fuori categoria. Queste persone amano il tennis. Amano lavorare per l’azienda. Forse non tutti, ma la maggior parte di loro lo è. Mi sentirò per sempre legato alla maggior parte delle persone dell’organizzazione perché abbiamo raggiunto un risultato storico, da tramandare alle organizzazioni future del torneo“.

Naomi Osaka – Australian Open 2021 (via Twitter, @WTA)

Traduzione a cura di Marco Tidu

Continua a leggere

Focus

La mente dietro al successo di Iga Swiatek

Matthew Futterman del New York Times ha intervistato Daria Abramowicz, la psicologa dello sport che lavora con la recente vincitrice del WTA 500 di Adelaide e dello scorso Roland Garros

Pubblicato

il

Iga Swiatek ha vinto ad Adelaide il secondo titolo della sua carriera dopo il trionfo al Roland Garros. Alla vigilia dell’Australian Open, il New York Times ha pubblicato un bell’articolo sulla figura di Daria Abramowicz, ex velista che oggi lavora come mental coach proprio nel team di Swiatek. Alla luce del secondo successo di Iga, che aumenta le aspettative sul suo conto e la proietta tra le giocatrici più forti e in forma del circuito, pubblichiamo la traduzione di questo articolo – dal quale abbiamo eliminato i riferimenti all’Australian Open, ormai superati dai tempi.

Qui l’articolo originale


Lo scorso ottobre una teenager polacca, Iga Swiatek, ha stupito il mondo del tennis quando ha vinto l’Open di Francia spuntando dal nulla. Si presentava all’inizio del torneo alla cinquantaquattresima posizione mondiale e, nonostante ciò, ha vinto senza perdere set nelle sette partite giocate. Questa impresa l’ha immediatamente resa una delle giovani star del tennis mondiale, una celebrità in patria.

 

La sua straordinaria ascesa, a prescindere da cosa le riservi il futuro, si è compiuta anche grazie all’insolita decisione di lavorare con una mental coach fin dagli albori della carriera. Questa specialista, Daria Abramowicz, 33 anni, è un’ex velista che ha passato buona parte dello scorso decennio a portare in primo piano l’aspetto della salute mentale e della psicologia nello sport polacco. Si è caratterizzata come una costante presenza al fianco della Swiatek dal 2019, e spesso può essere vista sul campo durante i suoi allenamenti, dove, guardandola da vicino a braccia conserte, cerca di scrutarne la mente. Per ore e ore parlano fuori dal campo delle paure di Swiatek e dei suoi sogni. Lavorano per rafforzare le sue relazioni con la famiglia e gli amici, le persone che possono garantire stabilità emotiva“l’ancora umana”, usando le parole di Abramowicz (trovate qui un articolo del nostro Ilvio Vidovich sull’argomento, ndr).

A volte, durante gli allenamenti Swiatek indossa strumenti che misurano il suo livello di stress, monitorando l’attività del suo cuore e del suo cervello. Alla vigilia dell’Australian Open, ha guardato un documentario sulla Principessa Diana per meglio comprendere le insidie che derivano da una fama improvvisa. Due giorni prima della sua partita d’esordio a Melbourne è andata in spiaggia. “La mia vita è cambiata”, ha affermato recentemente Swiatek rispondendo ad alcune domande dalla sua stanza d’albergo a Melbourne, dove ha dovuto passare 19 ore al giorno per due settimane in ragione della quarantena imposta ai giocatori a causa della pandemia da COVID-19. C’è molta più pressione”.

Molti tennisti di vertice si consultano con psicologi dello sport, ma Abramowicz lavora con Swiatek con una frequenza maggiore di quella solita per questo sport. Abramowicz utilizza inoltre un approccio controintuitivo, che consiste nel dare la priorità alla gratifica, alle relazioni umane e alla crescita personale, utilizzandoli come percorso per la vittoria. A questo livello ogni giocatrice ha colpi fantastici e doti atletiche eccelse. Ciò che spesso separa una semplice grande tennista da una campionessa, o una vincitrice di un singolo torneo del Grande Slam da una dominatrice, è l’avere la forza mentale di prevalere in quei pochi punti chiave durante i quali l’inerzia di un match cambia.

“Parliamo tanto di emozioni positive e di quelle distruttive”, afferma Abramowicz in un’intervista. “Il perfezionismo non è così d’aiuto, pertanto cerchiamo di creare sensazioni positive, determinazione e grinta. L’idea è di abbracciare il proprio potenziale alla ricerca dell’eccellenza. Cerchiamo di dare il meglio ma, alla fine della giornata, siamo semplicemente degli esseri umani le cui vite hanno anche altri aspetti, e quando si perde una partita non significa che si valga meno come esseri umani. Abramowicz sostiene che l’autostima e i legami stretti sulla fiducia sono stati punti cruciali con cui supportare aspetti quali la motivazione, la gestione dello stress e la comunicazione che porta al successo dell’atleta. È impossibile diventare una campionessa quando non sei felice e non soddisfi pienamente le tue necessità in quanto essere umano, afferma Abramowicz.

Questa analisi è opinabile: il tennis, come altri sport, ha avuto svariati campioni che erano talvolta infelici, anche quando erano all’apice della carriera. Andre Agassi e Steffi Graf, che sono ora felicemente sposati, e più recentemente Victoria Azarenka, hanno avuto tanto successo durante periodi negativi nelle loro vite private. Detto ciò, Abramowicz ha spinto Swiatek ad abbracciare l’idea che si possa raggiungere un successo duraturo più facilmente (e di sicuro in maniera più piacevole) approcciandosi al tennis non come se fosse la propria vita ma solo una parte di essa. “È importante essere in pace, di modo tale da potersi focalizzare sul lavoro”, dice Swiatek. “Non è vero solo per i tennisti ma per chiunque voglia avere successo”. 

Iga Swiatek – Roland Garros 2020 (via Twitter, @australianopen)

IL CAMPO DA TENNIS È COME IL MARE

Il viaggio di Abramowicz verso la squadra di Swiatek ha inizio 15 anni fa, quando aveva 18 anni ed era una giovane promessa nel programma nazionale di vela in Polonia. Dopo una regata nazionale, Abramowicz fece una caduta di tre metri da un rimorchio mentre stava preparando una barca a vela, fratturandosi il polso sinistro. Dopo l’incidente non poteva più veleggiare e si sentiva svuotata e sola. Ma due settimane dopo un allenatore le chiese se volesse partecipare come allenatrice non ufficiale a una regata in Italia, dove si era già trovata a competere. “Mi ha risollevato, mostrandomi un nuovo percorso”, spiega Abramowicz.

Continuò quindi ad allenare mentre studiava gli sport e la psicologia. Visto che la sua conoscenza diventava sempre più approfondita, creò un sito web nel quale scrivere sulla salute mentale negli sport. Mentre otteneva un dottorato in psicologia nel 2016, la sua reputazione in Polonia in ambito sportivo cresceva grazie alla sua abilità nello spingere gli atleti ad essere più aperti riguardo alle loro necessità psicologiche. Quindi, nel febbraio 2019, un membro della squadra di Swiatek la chiamò per chiederle se fosse interessata a lavorare con un’ancora acerba tennista ma dal potenziale teoricamente illimitato. Swiatek può giocare fenomenali accelerazioni da fondocampo così come eseguire morbide stop volley su passanti fulminanti, ma a volte aveva difficoltà durante le partite a livello mentale.

L’accoppiata era una scommessa. Cosa poteva sapere una velista delle vette del tennis professionista? Abramowicz sostiene che i due sport sono considerevolmente simili. Un velista professionista deve sentire i cambiamenti nelle condizioni del vento e saper valutare le correnti durante una gara, così come un tennista deve assimilare ed adeguarsi ai ritmi di una partita. Durante gli incontri di tennis e durante le gare di vela in solitaria non c’è una squadra su cui fare affidamento – se sei esausto oppure entri in confusione, tutto dipende comunque solo da te.

Dopo la chiamata da parte della squadra di Swiatek, Abramowicz prese un volo da Budapest per vederla nel suo successivo incontro. Mentre la osservava, vide un fuoco della competizione in Swiatek che raramente aveva visto in un giovane atleta. Swiatek le disse che era lusingata che avesse fatto un lungo viaggio fino in Ungheria semplicemente per vederla giocare. Sapeva poco sulla psicologia sportiva, se non che poteva renderla una giocatrice migliore.

STRESS E SUDOKU

A volte, prima che Swiatek entri in campo per gli allenamenti, Abramowicz le applica un sensore che misura le variazioni sul battito cardiaco per poter monitorare il livello di tensione a cui è sottoposta la tennista durante momenti ad alto stress. Altre volte la cinge con un dispositivo che analizza le variazioni delle onde cerebrali per rilevare eventuale stress. L’obiettivo è l’utilizzo di qualsiasi strumento disponibile per allenare la mente di Swiatek a gestire l’adrenalina e la pressione di una partita. All’Australian Open del 2020, Abramowicz ha notato come Swiatek diventasse sia più calma sia più focalizzata se aveva passato le ore prima di un incontro facendo compiti, specialmente di matematica. Swiatek si è diplomata l’anno scorso e ormai non ha più compiti a casa, quindi Abramowicz la fa lavorare su parole crociate o Sudoku, utilizzandoli come allenamento cognitivo. Altri giocatori di vertice spesso passano il tempo libero ascoltando musica o guardando serie televisive senza sosta.

L’approccio è simile a quello di un’altra atleta, che Abramowicz ha sfidato Swiatek a cercare di imitare il più possibile: la campionessa di sci Mikaela Shiffrin, la quale spesso si mette a cercare definizioni prima delle gare per cercare di rilassare e focalizzare il cervello – Swiatek cerca di guardare tutte le gare di Shiffrin. Abramowicz guarda alla Shiffrin, che è diventata campionessa del mondo a 17 anni ed è una grande celebrità in Europa, come a un modello di gestione del successo e delle aspettative senza lasciarsi prendere da una spirale fuori controllo dettata dalla notorietà.

Considerate questo: un anno fa, a una cena durante l’Australian Open, Swiatek disse a Naomi Osaka, la vincitrice di quattro Slam (due all’epoca, ndr), che stava considerando di andare al college anziché proseguire con la carriera di tennista professionista. “Le stavo dicendo che è davvero brava e che pensavo che avrebbe fatto ancora meglio, quindi forse non doveva ancora cercare di spostare le sue energie sul college”, ha ricordato Osaka la settimana scorsa.

DOPO LA VITTORIA IL LAVORO È CAMBIATO

Attraverso il lavoro con Abramowicz, Swiatek è cambiata, passando dall’essere una giocatrice motivata esclusivamente dai risultati – un tratto comune, specialmente nei tennisti giovani – a una persona che, come sostiene lei, può “essere felice anche senza vincere”. Quell’obiettivo cambia col tempo. Mentre Swiatek si giocava il punto della vittoria al Roland Garros contro Sofia Kenin, Abramowicz cercava di capire dove poter spostare il focus del suo lavoro. Prima dell’Australian Open, Abramowicz e Swiatek hanno lavorato su come gestire la vita nelle vesti di favorita e di stella dello sport. “Ci siamo preparate per il successo”, spiega Abramowicz.

In Australia, Swiatek ha partecipato ai suoi primo tornei da ottobre. Dato il periodo di inattività ha cercato prima dell’inizio del torneo di escludere dalla mente qualsiasi aspettativa di vittoria. “Ho vinto contro alcune delle migliori giocatrici”, ha spiegato Swiatek. “A volte questo può davvero creare confusione mentale”. Una volta tornata in campo, per Swiatek è stato come se non avesse mai lasciato Parigi, se si eccettua il fatto che ora buona parte della Polonia la osserva da vicino. Come del resto Abramowicz ha sempre fatto.

Traduzione a cura di Massimiliano Trenti

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement