La strategia di Medvedev: "Vinco grazie ai miei colpi insoliti"

Flash

La strategia di Medvedev: “Vinco grazie ai miei colpi insoliti”

Divertente conferenza stampa di Daniil Medvedev, in gran spolvero nelle ultime settimane. “È bello non fare il pazzo, ma questo non vuol dire che io non possa tornare a rompere tre racchette”

Pubblicato

il

Si presenta in conferenza stampa sorridente lo stakanovista Daniil Medvedev, fresco vincitore sul numero uno britannico Edmund. Medvedev sta rapidamente scalando le classifiche mondiali, ridando lustro al tennis maschile russo insieme a Khachanov dopo i fasti di Davydenko e Safin. “Sono leggende del paese, due ottime persone che hanno avuto grandi successi” ricorda Daniil, ma “oggi la Russia è l’unica nazione ad avere due giocatori in top 10. È fantastico, ma vogliamo migliorare”. Subito dopo Zverev e Tsitsipas ci sono infatti loro, con Medvedev all’ottavo posto grazie alle finali raggiunte a Washington e Montreal.

A Cincinnati, terzo torneo consecutivo, Daniil potrebbe avvertire un po’ di stanchezza sebbene la sua condizione fisica appaia ancora più che soddisfacente: “Ho giocato un gran tennis! Potevo vincere più facilmente, ma il primo turno serve a prendere confidenza col torneo, domani andrà meglio“. Un tennis che, per usare le sue stesse parole, è il migliore della sua carriera.

Ma quale segreto si cela dietro il suo stile di gioco poco ortodosso eppure tanto efficace? Molti giocatori, Tsitsipas compreso, trovano il suo tennis di difficile lettura. Daniil si dimostra fiero di ciò: “È proprio così. Questo è il mio ruolo nel tour, cerco di confondere i miei rivali con colpi insoliti. Ho vinto match perché gli avversari non sono abituati, traggo vantaggi dal giocare colpi inaspettati e insoliti“. Daniil va più in dettaglio, e ci racconta di non sapere esattamente quando ha iniziato a sviluppare questo tipo di gioco. “Ricordo che la mia prima allenatrice mi ha sempre insegnato a lottare fino all’ultima palla, e questo è quello che faccio ancora oggi. Ma il maggior impatto sulla tecnica viene dal mio attuale coach (Gilles Cervara, ndr): è con lui che ho preso i primi punti ATP“.

C’è anche molto lavoro dietro le quinte, però. Non è solo il gioco poco convenzionale ad avvantaggiarlo, ma anche un lavoro pre-partita molto puntale nell’analizzare gli avversari. “Prima del match discuto con il mio coach il piano di gioco. A meno che non si debba affrontare una wild card diciottenne, tutti conoscono i punti deboli degli avversari, compresi i miei: è importante saperli sfruttare a proprio vantaggio, oggi è successo col rovescio di Edmund”. Capita anche di giocare con Rafa, contro cui “il massimo è sapere cosa non devi fare, non ci sono punti deboli. Poi però perdi 6-3 6-0, e cerchi di capire“.

Partite come queste possono trasformarsi in scivoloni ulteriormente deleteri per Daniil, in difficoltà a trattenere i suoi scatti d’ira quando le cose non si mettono troppo bene (se non sapete di cosa parliamo, leggete un po’ della sua storia). Per sua stessa ammissione però, tra Washington e Montreal non ha mai ceduto a questi impulsi, mantenendo il suo ‘livello di pazzia’ al minimo. “Non sono impazzito per niente!” afferma fiero e quasi divertito, “solo con Karen ho avuto un piccolo cedimento, ma nulla di che. Con Rafa ero solo deluso da me stesso, ma sto bene ora“, ridendo. “È bello non fare il pazzo, ma questo non vuol dire che io non possa tornare a rompere tre racchette. Però ci sto lavorando e spero di poter continuare così a lungo“. Prossimo ostacolo a Cincinnati, uno che di pazzie sul campo se ne intende: Benoit Paire.

Lorenzo Fattorini

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Parte il Roland Garros… virtuale! Tsonga e Mladenovic protagonisti

Al posto di quello vero e proprio, in questi giorni lo Slam parigino si giocherà a colpi di joystick. Lo scopo è raccogliere fondi per gli ospedali della capitale francese

Pubblicato

il

In questi giorni sarebbe dovuta andare in scena la seconda settimana del Roland Garros, quella decisiva per decretare i vincitori dei vari tornei. E invece, come è ben noto, a causa della pandemia di COVID-19, il secondo Slam della stagione è stato rimandato. A quando non è ancora ben chiaro. Nel frattempo, l’organizzazione del Roland Garros ha lanciato una competizione virtuale. A sfidarsi in un gioco che ricrea le partite e le ambientazioni del vero torneo, dal 1 al 7 giugno, saranno 16 volti noti del tennis transalpino e non solo.

Ad una serie di protagonisti del tennis francese capeggiati da Jo-Wilfried Tsonga e Kristina Mladenovic, si uniranno ad esempio anche il tre volte campione del mondo di nuoto Camille Lacourt e il comico Kev Adams. Gli incontri, che inizieranno ogni giorno alle 18, saranno trasmessi dai canali digitali di France TV oltreché da Tennis Channel. Come è stato anche per il torneo online del Mutua Madrid Open, fare beneficienza è l’obiettivo principale. Infatti, i fondi raccolti andranno agli ospedali di Parigi, ancora impegnati nella lotta al Coronavirus. 

Non è la prima volta che si gioca un torneo virtuale abbinato allo Slam francese, anzi. Il ‘Roland Garros eSeries’ è stato organizzato per la prima volta nel 2018 ed è stato riproposto nel 2019, sebbene non partecipassero i tennisti professionisti – per ovvie ragioni, essendo impegnati sul campo.

Di alcune connessioni presenti e di possibili connessioni future tra il mondo degli e-sports e il tennis vi abbiamo partito in questo articolo.

Continua a leggere

Flash

Federer di nuovo in campo a Berlino? L’organizzatore: “Ci proviamo”

Roger potrebbe partecipare all’esibizione in programma a luglio nella capitale tedesca insieme a Thiem, Zverev, Kyrgios e Sinner. O almeno così spera l’organizzatore dell’evento

Pubblicato

il

Roger Federer - Stoccarda 2018 (via Facebook, @Mercedescup)

Domandare è lecito, rispondere è cortesia. La pensa così anche Edwin Weindorfer, organizzatore del torneo di esibizione che si terrà a Berlino a metà luglio, in merito alla possibilità di inserire anche Roger Federer nel campo dei partecipanti. “Lo contatterò”, ha dichiarato Weindorfer, il quale, anche grazie all’aiuto di una nota casa automobilistica tedesca, è riuscito a convincere Federer a disputare il piccolo ATP 250 di Stoccarda nelle sue prime tre edizioni. Insomma, la chiamata ci sarà e c’è da credere che il sempre molto cortese fenomeno svizzero darà la sua risposta. Più difficile immaginare che sia anche positiva. Di recente il 38enne Federer, reduce da un intervento chirurgico al ginocchio, ha candidamente ammesso di essere del tutto fuori allenamento. Da qui a un mese il tempo non manca per ritrovare una condizione accettabile. Soprattutto per qualcuno dotato di un talento così smisurato. Staremo a vedere cosa deciderà Federer. 

La sua presenza sarebbe la più classica delle ciliegine sulle torte per la kermesse berlinese, che già può contare su una serie di tennisti di altissimo profilo e grande richiamo per il pubblico. A partire dal padrone di casa e n.7 al mondo Alexander Zverev. Oltre al tedesco, parteciperà al torneo anche un altro Top 10, Dominic Thiem, e due tennisti particolarmente attraenti per gli appassionati più giovani: il funambolico Nick Kyrgios e il nostro Yannik Sinner, trionfatore delle ultime Next Gen Finals. Oltre all’evento maschile, è programmata anche una serie di partite tra tenniste WTA. Anche in questo caso, già confermata la partecipazione di due Top 10: Elina Svitolina e Kiki Bertens. A loro si aggiungono due giocatrici di casa, Julia Goerges e Andrea Petkovic. Così come per Federer, Weindorfer farà un tentativo per Angelique Kerber. 

Continua a leggere

Flash

Le pillole di Luca Bottazzi: quali sono i punti cardinali di una partita di tennis?

Uno, che ci viene tramandato dai tempi di Tilden, è che bisogna sempre cambiare il gioco perdente e mai quello vincente. Scopriamo gli altri tre

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2019 (foto via Twitter, @ATP_Tour)

Vi aggiorniamo sulla pubblicazione dei nuovi contenuti sul canale YouTube Bottazz Vincente di Luca Bottazzi, commentatore, scrittore e studioso del tennis oltre che grande amico di Ubitennis. Trovate qui la puntata precedente, nella quale Bottazzi ha parlato dell’importanza di saper perdere, l’abilità fondamentale per inseguire e raggiungere la vittoria.

Come Nord, Sud, Est e Ovest, i riferimenti per chiunque abbia bisogno di orientarsi in un dato posto del mondo, anche i tanti momenti di una partita di tennis possono essere ricondotti a quattro punti cardinali che aiutano il giocatore ad affrontare ‘la tempesta del confronto’. Secondo Bottazzi, sono questi qui:

  1. Osservare e raccogliere i dati ambientali
  2. Realizzazione di un piano di gioco
  3. Adattarsi alle condizioni della partita senza però snaturarsi
  4. Cambiare sempre il gioco perdente e mai quello vincente (massima Tildeniana)

Nella seconda ‘pillola’ che vi proponiamo oggi, vengono identificati i due riferimenti essenziali per rispondere alla domanda ‘Cosa bisogna fare per crescere?‘. Per prima cosa, è fondamentale avere il senso della misura ed evitare gli obiettivi troppo lontani; per utilizzare una metafora più concreta, è necessario ridurre l’ampiezza dei gradini di una scala per continuare a salire. Ciò che conta è non smettere di salire, e forse la storia di crescita che più si avvicina a questo concetto espresso da Bottazzi è l’ascesa di Matteo Berrettini.

 

La seconda cosa importante è il ‘saper fare’ sempre di più, riassumibile nella capacità di migliorare le proprie abilità giorno per giorno. La vittoria non deve dunque essere un obiettivo ossessivo, ma arriverà come naturale conseguenza dei progressi.

Bottazzi ci ricorda una cosa fondamentale: non tutti sono destinati ad arrivare in cima e soprattutto nessuno conosce la misura della ‘scala del tennis’.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement