A Zhuhai ecco Murray, in tabellone anche Tsitsipas e Kyrgios

Flash

A Zhuhai ecco Murray, in tabellone anche Tsitsipas e Kyrgios

Andy ritrova Sandgren, che lo ha battuto a Winston-Salem. Seppi pesca Nick al primo turno, Cecchinato un qualificato. Fabbiano fuori al primo turno delle quali

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas e Nick Kyrgios - Washington 2019 (foto via Twitter, @CitiOpen)

Manca poco all’inizio della prima edizione dell’ATP 250 di Zhuhai e gli organizzatori del torneo cinese sono riusciti a mettere insieme un roster di elevatissima caratura. L’evento, che ha un montepremi totale di un milione esatto di dollari statunitensi, si svolgerà nel Hengqin International Tennis Center, complesso dotato di 17 campi che dal 2015 ospita il WTA Elite Trophy, nonché un torneo Challenger e un ITF femminile.

Le principali attenzioni da parte di stampa e tifosi saranno ovviamente riservate a Andy Murray, al suo sesto match stagionale a livello ATP. Durante gli US Open lo scozzese ha pensato bene di far tappa al Challenger di Maiorca per riacquistare un po’ di fiducia e ci è riuscito vincendo due partite prima di venire sconfitto da Matteo Viola. L’ex numero 1 del mondo è presente in Cina grazie al ranking protetto e giocherà il primo turno contro Tennys Sandgren che ha già affrontato a Winston-Salem un mese fa. La sconfitta in quel caso fu dolorosa non solo fisicamente perché Murray lottò tanto da procurarsi persino un set point nel primo parziale; insomma forse incontrare di nuovo lo statunitense potrebbe essere un vantaggio.

La testa di serie n. 1 è Stefanos Tsitsipas. Il greco attualmente a Ginevra per la Laver Cup esordirà al secondo turno contro il vincente di Adrian Mannarino-Ze Zhang. A beneficiare di un bye sarà anche Gael Monfils, il quale troverà uno tra Peter Gojowczyk e Cameron Norrie. Sono due gli italiani presente nel tabellone principale: uno è Andreas Seppi, sfortunato nel sorteggio che gli ha messo di fronte Nick Kyrgios, l’altro è Marco Cecchinato, decisamente più fortunato visto che se la vedrà con un qualificato.

 
(clicca per ingrandire)

Segnaliamo infine la sconfitta nel primo turno di qualificazioni di Thomas Fabbiano. Il pugliese, nonostante si trovi a suo agio in questo impianto come dimostra il Challenger vinto a Zhuhai nel 2016 e la finale raggiunta l’anno successivo, non è riuscito a superare il giapponese Tatsuma Ito (31 anni, n. 139), che lo ha battuto per 6-4 6-3.

Tutti i tabelloni della settimana

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon: niente torneo, ma i tennisti riceveranno 10 milioni di sterline di montepremi

L’AELTC annuncia che distribuirà un prize money a tutti coloro che sarebbero entrati in un tabellone per meriti di classifica

Pubblicato

il

Dopo la cancellazione del torneo di Wimbledon, l’All England Lawn Tennis Club non si è certo limitato a consolarsi con i soldi recuperati grazie alla previdente copertura assicurativa, ma si è impegnato a sostenere chi è stato più colpito dagli effetti della pandemia, dal livello locale fino a quello internazionale – dal milione e duecentomila sterline donate dalla Fondazione alle organizzazioni di beneficienza al contributo in favore del Player Relief Program. Proprio in quest’ottica, arriva adesso l’annuncio che, proprio grazie all’assicurazione, l’AELTC è in grado di distribuire un prize money per i 620 giocatori che in virtù del ranking avrebbero avuto accesso ai tabelloni principali o di qualificazioni. Parliamo di un montepremi complessivo di oltre 10 milioni di sterline. Ognuno dei 224 tennisti che avrebbero disputato le qualificazioni riceverà così 12.500 sterline, mentre 25.000 a testa andranno ai 256 dei main draw di singolare. Ecco la suddivisione completa, con la clausola che un giocatore riceverà il pagamento per una sola gara.

GaraN. dei
giocatori

Importo per giocatore (£) Importo per gara (£)
Qualifying 224 12.500 2.800.000
Singles 256 25.000 6.400.000
Doubles 120 6.250 750.000
Wheelchair 16 6.000 96.000
Quad
Wheelchair
4 5.000 20.000
TOTALE 620 10.066.000

“Subito dopo la cancellazione dei Championships, abbiamo rivolto l’attenzione al modo in cui poter assistere coloro che aiutano la realizzazione di Wimbledon” spiega l’amministratore delegato del club, Richard Lewis. “Sappiamo che questi mesi di incertezza destano molta peoccupazione per queste persone, giocatori inclusi, molti dei quali affrontano difficoltà economiche durante questo periodo e che si sarebbero aspettati l’opportunità di guadagnare il prize money a Wimbledon in forza della loro classifica. Siamo lieti che la nostra politica assicurativa ci abbia consentito di riconoscere l’impatto della cancellazione sui giocatori e ci metta nelle condizioni di offrire questo pagamento come ricompensa per il duro lavoro che li ha portati a costruirsi quel ranking che avrebbe consentito loro di guadagnarsi l’accesso diretto ai Championships 2020”.

 

Non solo tennisti, però. L’AELTC non può non constatare come la cancellazione impatti anche sugli ufficiali di gara in termini di mancati introiti, sottolineando la funzione essenziale di queste figure per l’organizzazione del torneo. Ci sarà quindi destinata una somma non solo a tutti gli ufficiali di gara della LTA (la federtennis britannica) che avrebbero lavorato al torneo, ma anche ad alcuni arbitri internazionali.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, addio al criterio per il seeding che durava dal 2002

Abolita la formula che determinava il seeding ai Championships. Dal 2021 conterà solo la classifica ATP

Pubblicato

il

Come se nulla fosse, in coda al comunicato con cui annunciano la generosa donazione in favore dei tennisti privati della possibilità di competere ai Championships, quelli dell’All England Lawn Tennis Club infilano un paragrafo che contiene il seme di una piccola rivoluzione in vista dell’anno prossimo: in vigore dal 2002, l’attuale sistema del sedding del singolare maschile andrà in pensione.

Se si fosse tenuta l’edizione 2020, l’ordine delle 32 teste di serie sarebbe stato calcolato con l’ormai solito criterio dei punti ATP con l’aggiunta del 100% dei punti ottenuti sull’erba nei dodici mesi precedenti e il 75% (sempre “erbosi”) nei dodici mesi prima di quelli. Ciò ha per esempio comportato che il numero 3 del ranking la settimana prima di Wimbledon 2019, tale Roger Federer, si accaparrasse il n. 2 del seeding a spese di Rafa Nadal, evitando così la possibilità di incontrare il n. 1 Novak Djokovic in semifinale.

“Dai Championships dello scorso anno” si legge nel comunicato, “ci siamo anche soffermati a considerare lo sviluppo dello sport e il meccanismo del seeding- data la qualità della competizione, del divertimento e dei moderni campi in erba, dopo una dettagliata discussione con i gruppi dei giocatori, l’AELTC ha deciso che la formula in uso dal 2002 ha fatto il proprio dovere e dai Championships 2021 le teste di serie per il tabellone maschile saranno basate esclusivamente sulla classifica”.

 

Dal prossimo anno, allora, potremo fare a meno della calcolatrice. Nulla cambia invece per il tabellone femminile che resterà determinato dalla classifica WTA sempre che, a giudizio del Professional Tennis Committee, si renda necessario un aggiustamento per ottenere un tabellone bilanciato. Come l’aggiustamento che un paio di anni fa aveva portato nel seeding Serena Williams, all’epoca n. 183 WTA e al quarto torneo dopo il rientro dalla maternità.

Continua a leggere

Flash

La WTA si allinea all’ATP: adotterà lo stesso sistema di classifiche con validità 22 mesi

Anche nel circuito femminile il ranking avrà validità da marzo 2019 a dicembre 2020. Ancora in bilico le WTA Finals di Shenzhen

Pubblicato

il

Ashleigh Barty (via Twitter, @WTA)

Nella serata di giovedì la Women Tennis Association ha comunicato la sua decisione sul sistema di ranking, che necessitava un temporaneo assestamento dopo il lungo stop causato dalla pandemia di Coronavirus. La scelta ricalca quella comunicata tre giorni prima dall’ATP: anche la WTA estende il periodo di validità del ranking da marzo 2019 fino a dicembre 2020. Con questo nuovo sistema, le giocatrici potranno scegliere i loro migliori 16 risultati in singolare e i migliori 11 nel doppio nell’arco del sopra citato periodo, potendo inserire un solo risultato (ovviamente il migliore) in caso di torneo disputato due volte.

Dopo il congelamento delle classifiche, che persiste da tre mesi, le due associazioni hanno dovuto prendere decisioni delicate in tema di ranking. Viene tolta l’obbligatorietà di disputare determinati tornei e messo in primo piano – come nel caso dell’ATP – il diritto delle giocatrici di non mettere a rischio la propria salute mettendosi in viaggio verso Paesi che stanno ancora affrontando fasi epidemiche critiche. Negli Stati Uniti infatti dopo un periodo di regressione dovuto a una parziale chiusura, il virus è tornato più forte di prima, facendo registrare oltre 60mila casi giornalieri. L’evoluzione della curva epidemiologica sarà un fattore decisivo nella definizione del parco giocatori e giocatrici che intenderanno prendere parte alle tante manifestazioni in programma (salvo non impossibili passi indietro) negli States.

Tra le atlete che hanno palesato scetticismo sui tornei che si disputeranno tra Lexington e New York, c’è l’ex numero uno mondiale Simona Halep. La rumena ha scelto di non partecipare agli eventi oltreoceano e in Asia: giocherà solo in Europa fino alla fine del 2020. La scelta di dilatare il periodo di validità per i punti conquistati è un buon punto d’incontro per chi come lei non intende rischiare e chi invece è più vicino agli impianti e può provare a migliorare i suoi risultati. Per quanto riguarda le WTA Finals di Shenzhenverranno considerati i migliori 16 risultati di una tennista in singolare e i migliori 11 per il doppio nell’arco della stagione 2020, ma non è ancora certo che la manifestazione si potrà svolgere in sicurezza a novembre.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement