Mladenovic (strepitosa) e Garcia riportano la Fed Cup in Francia

Fed Cup

Mladenovic (strepitosa) e Garcia riportano la Fed Cup in Francia

La finale si decide al doppio, ma Mladenovic indirizza la sfida battendo Barty. Inutile la vittoria di Tomljanovic su Parmentier. Terzo trionfo della storia per la Francia

Pubblicato

il

La gioia di Garcia e Mladenovic dopo il successo nel doppio - Finale Fed Cup 2019 (foto via Twitter, @FFTennis)
 
 

FED CUP, Finale: AUSTRALIA – FRANCIA 2-3

Finisce con la Marsigliese che risuona nella RAC Arena di Perth l’ultima edizione della Fed Cup con questo format. Vince la Francia, vince soprattutto Kristina Mladenovic che in un weekend da sogno porta tre punti al suo paese che rinconquista la Fed dopo ben 16 anni. Straordinaria la numero 40 del ranking WTA (e n.2 in doppio) che fa l’impresa della giornata battendo la n.1 del mondo Ashleigh Barty nel primo singolare e indirizza in maniera decisiva. Sfida poi chiusa dal doppio nel quale in coppia con Garcia travolge la stessa Barty e una irriconoscibile Stosur per il 3-2 finale, rendendo così inutile la prima vittoria di Ajla Tomljanovic con i colori australiani nella competizione su Parmentier che (a sorpresa) aveva sostituito la stessa Garcia.

Se vogliamo, con questa vittoria Garcia e Mladenovic hanno raccolto quanto avevano sfiorato tre anni fa a Strasburgo, quando al termine di una sfida infinita avevano ceduto 3-2 alla Repubblica Ceca sempre al doppio finale. Un giusto merito alla ritrovata compattezza del team francese il cui merito va ascritto soprattutto a Julien Benneteau, esordiente sulla panchina transalpina quest’anno e sempre molto sfortunato nella sua carriera da singolarista (10 finali disputate e sempre sconfitto) e in Davis (era nella squadra battuta dalla Svizzera a Lille nel 2014). La squadra femminile ha emulato così quella maschile, che nel 2000 a Sydney batté in un’altra incredibile finale sull’erba l’Australia di Hewitt e Rafter con un protagonista a sorpresa, Nicolas Escudé.

Cosa dire sulle sconfitte. Barty forse è arrivata un po’ con le pile scariche all’atto conclusivo. Del resto aveva trascinato la squadra fino alla finale con ben sette vittorie su sette match giocati (tra doppio e singolare), e avrebbe avuto bisogno di una mano consistente nel doppio odierno che però una troppo nervosa Stosur non ha saputo darle. E di certo non si poteva chiedere di più a Tomljanovic, già brava a battere Parmentier sull’1-2. Per le “aussie” è la nona finale consecutiva persa, più che una maledizione verrebbe da dire.

IMPRESA MLADENOVIC – La seconda giornata della finale di Fed Cup di Perth tra Australia e Francia si apre con il singolare tra le due numero 1, Ashleigh Barty e Kristina Mladenovic, ieri nettamente vincitrici nei loro match. 1-1 i precedenti tra le due tenniste che si sono affrontate proprio quest’anno a Roma, dove ha vinto in due set Mladenovic. La RAC Arena di Perth è piena come un uovo, gli spettatori sono oltre 13.800. Parte al servizio la n.1 del mondo che tiene la battuta senza problemi. Mladenovic sembra un po’ contratta, arriva subito il break della tennista australiana che poi lo conferma, 3-0 Australia. Mladenovic inizia ad entrare in partita ma Barty concede poco al servizio. Nel quinto gioco si arriva ai vantaggi sul servizio dell’australiana, ma è poi Mladenovic a capitolare di nuovo nell’ottavo game sprecando dal 40-15. Così la n.1 locale chiude dopo 33 minuti il primo set 6-2.

Sembra l’avvio di una altra cavalcata trionfale per Barty, ma Mladenovic non si disunisce e ben sostenuta da capitan Benneteau inizia a macinare il suo gioco. Lo si percepisce subito dal primo game del secondo set. La tennista francese si procura ben cinque palle break, Barty con gran caparbietà e pazienza le salva tutte e tiene la battuta. Ma ora c’è partita, Mladenovic serve bene, l’australiana perde fluidità nei colpi, non trova più profondità e in risposta non riesce più ad essere incisiva. Si seguono i servizi senza particolari sussulti. Sul 4-3 per la tennista di casa Mladenovic regala con un doppio fallo una palla break delicatissima che se sfruttata da Barty la manderebbe a servire per il match. La n.1 ospite si butta a rete, Barty avrebbe lo spazio per passare ma spedisce il diritto sul nastro. La francese si salva e dopo 10 minuti e 14 punti giocati sigla il 4-4.

L’australiana accusa il colpo, sbaglia molto di diritto e cede la battuta nel gioco successivo, la situazione si è capovolta, ora è Mladenovic che va a servire per il set. La francese non manca l’occasione, altro errore di diritto di Barty e dopo un’ora e 26 minuti siamo un set pari. Se si tiene conto che Barty non perde un match in Fed dal 2017 e che da allora ne ha vinti 14 consecutivi (tra singolare e doppio) si può ben capire quale impresa stia facendo Mladenovic a rimanere in partita. La tennista australiana è calata molto nel secondo set, a volte è sembrata lenta nei movimenti e soprattutto ha perso scioltezza nei colpi, la tensione probabilmente si fa sentire e la posta in palio pesa non poco nella testa della n.1 del ranking WTA.

Inizia il set decisivo con Barty al servizio, l’australiana tiene la battuta ma Mladenovic è ormai entrata in partita, non molla di un centimetro da fondo campo e sembra in gran forma anche da un punto di vista fisico. Barty continua a sbagliare troppo, arriva il break francese nel terzo game. Benneteau gongola sulla panchina francese, Alicia Molik si contorce su quella australiana. Barty rischia il tracollo, Mladenovic indovina due risposte profonde nel quinto game e si procura una palla per il 4-1 “pesante”. Stavolta l’australiana si salva con il servizio ma al cambio di campo mostra molto nervosismo, lamentandosi con il giudice di sedia Keothavong per le perdite di tempo tra un punto e l’altro della sua avversaria. Lo sfogo rimette in partita la n.1 del mondo che nel game successivo sale 0-40 e trasforma la terza palla break, 3-3, tutto da rifare.

L’inerzia sembra passare in mano alla tennista di casa, ma è un fuoco di paglia. Si arriva alla volata finale e la tensione la fa da padrona, i gratuiti aumentano a dismisura da una parte e dall’altra, succede di tutto. Mladenovic approfitta di quattro errori della sua avversaria e va a servire per il match sul 5-4. Controbreak a zero Barty, 5-5. Undicesimo game palpitante, Mladenovic per tre volte ha la palla break ma Barty risponde da n.1 aiutandosi con il servizio, 6-5 Australia. Mladenovic serve per rimanere nel match ma non accusa la minima tensione, game a zero, la sfida si deciderà al tie break.

Mininbreak immediato di Mladenovic, subito rintuzzato da Barty, ma dall’1-1 è una passeggiata per la francese che approfitta degli errori della tennista australiana completamente bloccata dalla tensione e si invola fino al 7-1 finale che sancisce il clamoroso e sorprendente 2-1 francese. Mladenovic festeggia con capitan Benneteau e piangendo dalla felicità si prende l’abbraccio di Cornet e Ferro in panchina. Barty lascia velocemente il campo probabilmente molto delusa da se stessa. Australia con le spalle al muro, Tomljanovic ha un compito arduo, battere Garcia e riaprire la sfida.

TOMLJANOVIC SIGLA IL 2-2 – Sul 2-1 per la Francia Benneteau cambia le carte in tavola sostituendo Caroline Garcia, letteralmente umiliata ieri da Barty (doppio 6-0) con Pauline Parmentier. La mossa è abbastanza sorprendente, non tanto perché il capitano francese si riserva Garcia per un eventuale doppio sul 2-2 ma soprattutto perché sceglie la quinta forza in singolare a sua disposizione, in quanto Parmentier è numero 122 e davanti a lei ci sono sia Cornet (che forse in questa atmosfera sarebbe la scelta ideale) sia Ferro. Non cambia naturalmente Alicia Molik che conferma Ajla Tomljanovic con Sam Stosur pronta a giocare il doppio (eventualmente) decisivo.

Subito emozioni nel primo gioco, serve Tomljanovic che va sotto 15-40, ma Parmentier non ne approfitta e l’australiana si salva tenendo la battuta. Entrambe le tenniste hanno nel rovescio il loro colpo migliore e da subito cercano di giocare sul diritto dell’avversaria. Ne viene fuori una partita tecnicamente mediocre, con tanti gratuiti (soprattutto di diritto) e con la tensione che la fa da padrona. Del resto, da un lato c’è una giocatrice che deve portare a tutti i costi a casa il punto del 2-2 e viene da un esordio alquanto scarso nella prima giornata con i colori dell’Australia. Dall’altro c’è la n.122 del ranking che potrebbe assurgere ad eroina nazionale perché potrebbe dare il punto del 3-1 e quindi essere decisiva nella conquista della terza Fed Cup del suo paese. Si seguono i servizi, Tomljanovic dopo i brividi del game d’apertura non concede più un punto alla risposta e va senza problemi sul 5-4. Chiamata a servire per rimanere nel set Parmentier si irrigidisce, due gratuiti di diritto e al primo set point Tomljanovic chiude il parziale dopo 41 minuti 6-4.

Il pubblico della RAC Arena ci crede, Benneteau prova a sostenere la sua giocatrice. Parmentier trema ancora nel secondo gioco che alla fine vince ai vantaggi nonostante due doppi falli. Il leit motiv della partita non cambia, tanti errori da una parte e dall’altra, poco spettacolo. Tomljanovic sembra trovare l’allungo decisivo con un break nel sesto game grazie ad una bella risposta di diritto, ma l’australiana vede la meta vicina e nel gioco successivo si irrigidisce. Tre gratuiti di diritto e un doppio fallo sulla palla break, Parmentier torna nel match. La francese però non riesce ad approfittare del momento, pareggia i conti sul 4-4 e non sfrutta una importantissima palla break nel nono game. Superato il momento di difficoltà, Tomljanovic ritrova sicurezza e nel dodicesimo game trova il break decisivo, quello che le consente di dare il 2-2 all’Australia.

LA FRANCIA DOMINA IL DOPPIO – Ed eccoci al doppio decisivo, le coppie sono quelle previste. Barty e Stosur da una parte, Garcia e Mladenovic dall’altra. Tutte e quattro le tenniste hanno in Fed un bilancio ragguardevole, Stosur addirittura è ancora imbattuta (8-0). A questo aggiungiamo che Mladenovic è la n.2 della speciale classifica e che la scorsa settimana ha vinto il Masters a Shenzhen con l’ungherese Babos. Insomma, tecnicamente non si può chiedere di meglio per l’ultima finale di Fed Cup con questo format.

Inizia a servire Garcia, Barty pare la più pronta delle quattro allo sparo dello start, arriva subito il break della coppia di casa per la gioia della RAC Arena (fino all’inizio di quest’anno sede della Hopman Cup). Le australiane vanno sul 2-0 ma le francesi pian piano vengono fuori. Mladenovic sta vivendo un week-end da sogno, Garcia esce dal torpore iniziale. Va a servire Stosur che sembra in campo quella che ancora deve capire dove si trova, controbreak a zero delle francesi complice un doppio fallo di Sam, 2-2, match di nuovo in equilibrio. Ora si seguono i servizi senza problemi, l’intesa tra Garcia e Mladenovic sembra più solida di quella delle australiane, Barty non riesce ad incidere più di tanto, Stosur è troppo contratta (e non è una novità nelle sfide che contanto). Sul 5-4 Francia serve Barty, le francesi spingono alla risposta, un nastro e due gratuiti della n.1 del mondo in singolare le aiutano, arriva il break e il primo set dopo 31 minuti e della coppia ospite.

Sotto i piedi delle australiane si apre una voragine e Garcia e Mladenovic (impeccabile) ne approfittano. Parte il secondo set ed in un amen le francesi vanno 3-0. La Fed Cup pare aver preso la via di Parigi, Barty e Stosur provano a rientrare, ma un po’ per loro demeriti, un po’ per la bravura delle avversarie, i tentativi esperiti non sortiscono effetto. Le australiane non sfruttano tre palle break sullo 0-2 ed una sul 2-4 (volée di Stosur in rete). Soprattutto nei pressi della rete le padrone di casa non incidono facendosi trovare spesso impreparate. Sul 5-2 per la Francia arrivano due match point per le transalpine, ma Stosur riesce a salvarsi in entrambe le occasioni. Il verdetto finale però è solo rimandato. Va a servire Mladenovic, piccolo brivido sul 15-30, poi arrivano tre punti di fila e la Francia può festeggiare il terzo titolo di Fed Cup della sua storia (l’ultimo nel 2003).

GIOIA FRANCESE A FINE MATCH – Riscatto Garcia: Ho provato a ricaricarmi dopo la debacle di ieri, abbiamo lottato punto su punto, è una gioia immensa”. Mladenovic non ci crede: “È un’emozione grandissima, abbiamo dato l’anima, non ci credo. Questa è la nostra rivincita dopo la sconfitta di tre anni fa a Strasburgo contro la Repubblica Ceca, ce lo meritiamo”. Capitan Benneteau: “Sono orgoglioso di questo gruppo, a inizio anno non avrei mai immaginato una cosa del genere. Sono state incredibili tutte. Kristina è stata bravissima, Caroline ha dimostrato grande forza di volontà dopo il doppio bagel di ieri, ma tutto il team ha contribuito a questa vittoria”.

Risultati:

K. Mladenovic (FRA) b. A. Barty (AUS) 2-6 6-4 7-6(1)
A. Tomljanovic (AUS) b. P. Parmentier (FRA) 6-4 7-5
C. Garcia/K. Mladenovic (FRA) b. A. Barty/S. Stosur (AUS) 6-4 6-3

Mladenovic chiama, Barty risponde: 1-1 tra Australia e Francia
La guida completa alla Finale di Fed Cup

Continua a leggere
Commenti

Billie Jean King Cup

Coppa Davis e Billie Jean King Cup: ecco chi sostituirà Russia e Bielorussia

Walkover, bye, wild card e ripescaggi in un turbinio di emozioni regolamentari da cui sono scaturiti i nomi delle nazioni che beneficiano dell’esclusione delle squadre russe e bielorusse

Pubblicato

il

Coppa Davis, il trofeo (foto via Twitter @DavisCup)

Avevamo lasciato la Coppa Davis ai Qualifiers, i tie di qualificazione per il primo atto delle Finals, quello a gironi in programma a settembre. Come per la Billie Jean King Cup, i cui “preliminari” si disputeranno il 14-15 aprile, si poneva innanzitutto il problema di sostituire la nazione già ammessa alla fase finale in quanto campione in carica dopo la decisione da parte dell’ITF in seguito all’invasione dell’Ucraina. Nel 2021, infatti, entrambe le manifestazioni sono state vinte dalla Russian Tennis Federation, che sarebbe la Russia ma non si può dire per via della sanzione per il doping di Stato, per quanto il titolo vinto come RTF sia comunque finito insieme agli altri nella bacheca russa. Vediamo allora su quali criteri la Federazione Internazionale si è basata per decidere chi sostituirà le squadre escluse, quindi anche quelle bielorusse.

Per quanto riguarda la Billie Jean Cup, il Board dell’ITF conferma che il posto della RTF sarà preso dalla semifinalista con classifica più alta tra le due sconfitte nel 2021, vale a dire l’Australia. Gli aussie vantano infatti il primo posto del ranking, mentre gli Usa, battuti nell’altra semifinale, sono quarti. Come ovvia conseguenza, l’Australia non giocherà i Qualifiers del prossimo aprile, mentre la nazione avversaria, la Slovacchia, beneficerà di un bye e si ritrova anch’essa direttamente alle Finals. Un walkover anche per il Belgio che avrebbe dovuto giocarsi la qualificazione contro la Bielorussia.

Se qualcuno cantava le donne come “dolcemente complicate”, per i maschi la faccenda è inutilmente complicata. Anche in Coppa Davis, il posto della RTF alle Finals è preso dalla semifinalista 2021 meglio classificata, la Serbia, undicesima. In realtà, l’altra semifinalista – la Germania – è piazzata molto meglio, quinta, ma la squadra che a sorpresa ha schierato Sascha Zverev si è qualificata sul campo (del Brasile). Dunque, il diritto della Serbia alle Finals non deriva dall’essere l’unica candidata, bensì dal fatto che, delle due, è la semifinalista con ranking più alto una volta esclusa la Germania. Ma non finisce qui.

 

Già, perché alla squadra di Novak Djokovic e compagni era stata offerta una wild card, quindi a settembre sarebbe stata presente in ogni caso; così, però, si libera un invito che andrà a una delle 12 perdenti dei recenti tie di qualificazione. L’annuncio del nome della fortunata sarà dato a tempo debito.

Ricapitolando, nelle quattro sedi che ospiteranno i gironi e che non sappiamo quali saranno ma speriamo che una sia Casalecchio di Reno (da non confondere con Reno, Nevada), gareggeranno la Croazia finalista 2021, la semifinalista Serbia, l’invitata Gran Bretagna, le 12 vincitrici di inizio marzo (Argentina, Australia, Belgio, Corea, Francia, Germania, Italia, Kazakistan, Olanda, Spagna, Svezia, Stati Uniti) e, appunto, la wild card misteriosa. Metà di queste si guadagneranno la fase finale davvero finale di fine novembre in un posto che l’ITF rivelerà in seguito. Le cose, l’importante è spiegarle bene evitando gli anacoluti.

Per concludere, la Bielorussia avrebbe dovuto disputare i playoff del World Group I del 4-5 marzo; la nazione avversaria, il Messico, ha ricevuto un walkover e a settembre competerà nel WG I. Rimane il problema di assicurare che nei World Group I e II ci sia il numero corretto di squadre. Quindi, l’Uzbekistan gareggerà nel WG I in quanto miglior classificata tra le perdenti dei playoff, mentre la Cina e la Tailandia in forza del loro ranking giocheranno nel WG II nonostante la sconfitta nei relativi playoff.

Continua a leggere

Coppa Davis

La Federazione Tennis Ucraina chiede all’ITF l’espulsione delle federtennis russa e bielorussa

Così la lettera pubblicata su Facebook: “La Russia e la Bielorussia non solo non devono ospitare competizioni sul proprio territorio, ma nemmeno devono partecipare a tornei”

Pubblicato

il

Sono da poco iniziati i negoziati tra le delegazioni ucraina e russa, ma si combatte ancora, mentre sullo sfondo c’è lo spettro della minaccia nucleare evocato da Putin. E continuano anche le reazioni del mondo sportivo all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Al recente annuncio di Elina Svitolina che devolverà i suoi prossimi prize money per sostenere i propri connazionali, si aggiunge ora la Federazione Tennis Ucraina che pubblica sul proprio account Facebook la lettera indirizzata a David Haggerty e Ivo Kaderka, presidenti rispettivamente dell’ITF e di Tennis Europe. Nella lettera viene chiesto di espellere le federtennis russa e bielorussa dai due organismi. Ecco il testo indirizzato alla International Tennis Federation:

“La Federazione Tennis Ucraina esprime la sua richiesta per l’espulsione immediata della Federazione Tennis Russa e della Federazione Tennis Bielorussa dalla ITF.

Le ragioni non hanno probabilmente bisogno di essere spiegate, ma ecco alcuni fatti.

 

Il cinico e sanguinoso attacco senza precedenti di Russia e Bielorussia all’Ucraina è in atto da ormai quattro giorni. Civili stanno morendo, anche donne e bambini; l’infrastruttura civile sta crollando.

È una guerra su vasta scala che riporterà il nostro Paese indietro di decenni. Tutto questo sta accadendo nel centro geografico dell’Europa. Il mondo non vedeva niente di simile dalla Seconda Guerra Mondiale. È in corso una spietata guerra di annientamento.

La Russia e la Bielorussia non solo non hanno il diritto di ospitare competizioni sul proprio territorio, ma nemmeno di partecipare in ogni torneo a squadre e individuale all’estero.

Il Consiglio direttivo della Federazione Tennis Ucraina spera in una Vostra forte posizione in considerazione di questa richiesta.”

Una richiesta assolutamente decisa, ma altrettanto comprensibile, quella della federtennis ucraina a firma del proprio presidente Sergiy Lagur. Lascia un po’ incerti il significato del passaggio sulla partecipazione ai tornei individuali, ma immaginiamo che, più che un’esclusione tout court dei tennisti di Russia e Bielorussia, si chieda di non mostrare bandiere e simboli di quelle due nazioni. In ogni caso, in attesa delle decisioni dei due organi interpellati, ricordiamo che restano fuori dalla loro competenza i tornei dello Slam, oltre naturalmente quelli dei circuiti ATP e WTA. Non dimentichiamo neanche le prese di posizione dei tennisti russi: da Daniil Medvedev ad Andrey Rublev, che già a Dubai ha avuto modo di pronunciarsi contro la guerra. Con loro si è espresso con gli stessi toni Karen Khachanov.

Questa la posizione di Ubitennis sul tema della Guerra in Ucraina
Questa la posizione di Ubitennis sul tema della Guerra in Ucraina

Continua a leggere

Fed Cup

BJK Cup, play-off: Canada, Ucraina, Lettonia e Gran Bretagna sul 2-0

Equilibrio tra Argentina e Kazakistan così come tra Olanda e Cina e tra Polonia e Brasile. Oggi si concludono le sfide

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko - Billie Jean King Cup 2021 (via Twitter, @BJKCup)

Oltre alla sfida di Cluj tra Romania e Italia sono in corso altre sette sfide valide per i play-off della Billie Jean King Cup, le cui vincenti saranno ammesse alle qualificazioni per le Finals 2022. Dopo la prima giornata tutto abbastanza facile per la Gran Bretagna contro il Messico e per l’Ucraina contro il Giappone.

Al National Tennis Center di Londra Katie Boulter e Heather Watson faticano solo nel primo set dei loro rispettivi incontri chiudendo poi in scioltezza i loro match. La prima regola con il punteggio di 7-5 6-0 la messicana Zacarias, la seconda con un similare 7-5 6-1 completa il 2-0 britannico contro la Olmos. A Chornomorsk, sulla terra rossa, vita facile per le ucraine contro il Giappone orfano di Naomi Osaka. Elina Svitolina lascia 5 giochi a Chihiro Muramatsu (6-3 6-2), Marta Kostyuk uno in più a Yuki Naito (6-3 6-3).

Sul 2-0 anche il Canada in Serbia e la Lettonia contro l’India. Sul veloce di Kraljevo Fernandez supera Olga Danilovic dopo tre combattuti set (7-5 4-6 6-4) e a seguire Rebecca Marino supera 6-4 7-6(8) Nina Stojanovic. Nordamericane ad un passo dai Qualifiers 2022. Qualche problemino per la Lettonia contro l’India anche se alla fine della prima giornata si è come da pronostico sul 2-0 per le padrone di casa a Jurmala. Jelena Ostapenko impiega infatti 2 ore e 25 minuti per superare in tre set la quasi sconosciuta Raina (nr. 147 WTA) con il punteggio di 6-2 5-7 7-5. Passata la paura Sevastova dà il 2-0 alla Lettonia superando in tranquillità Tandi (6-4 6-0).

Equilibrio invece nelle altre 3 sfide. Parità dopo la prima giornata tra Polonia e Brasile a Bytom. Magdalena French aveva dato l’1-0 alle padrone di casa superando Meligeni Rodrigues 6-4 6-3 ma nel secondo singolare Laura Pigossi ha ristabilito la parità superando in tre set Urszula Radwanska (7-6 (9) 3-6 6-2). A ‘s-Hertogenbosch sembrava una passeggiata di salute per l’Olanda contro la Cina. Ma dopo la facile vittoria di Kiki Bertens contro Xinyu Wang (6-2 6-0) ci pensava l’altra Wang Xiyu a rovesciare il pronostico contro Arantxa Rus e portare in parità le asiatiche (6-1 3-6 6-2).

 

Infine 1-1 anche sulla terra rossa di Cordoba tra Argentina e Kazakistan. Yulia Putinsteva rimonta la tenace Nadia Podoroska battuta 2-6 6-4 6-0 ma la sorpresa arriva dal secondo singolare, dove Maria Luise Carle (nr. 415 WTA) supera al terzo Elena Rybakina (6-4 3-6 6-0)

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement