Tennis a porte chiuse: è la strada migliore per ripartire?

Opinioni

Tennis a porte chiuse: è la strada migliore per ripartire?

La possibile assenza di pubblico risulterebbe meno naturale rispetto al calcio, dove spesso è dovuta all’ordine pubblico. I tornei, Roma lo dimostra, spingono per avere i tifosi. Ma non è l’unico interesse in ballo

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

C’è un non detto che emerge tra le righe delle riflessioni sul futuro della stagione sportiva. Il calcio – se dovesse ripartire entro l’estate – lo farebbe necessariamente a porte chiuse. Un po’ viene dato per sottinteso, un po’ si cerca di tenere sotto traccia il prezzo da pagare per quello che sarebbe comunque un grande momento di ripartenza. A oggi, tutt’altro che scontato. Tra i vari pareri scientifici, è andato dritto sul tema l’epidemiologo di fama mondiale Pierluigi Lopalco, richiamato in Puglia per coordinare in questi giorni la task force per combattere il coronavirus. Con il suo parere scientifico, dovrà fare i conti anche l’ipotesi di slittamento degli Internazionali ad agosto. “Prima di ottobre penso sarà impossibile riavere gente allo stadioha dichiarato a Repubblicala mia previsione è che le misure restrittive dureranno almeno fino all’estate: ci potrà e dovrà essere una mitigazione delle misure, torneremo a lavorare, a uscire, ma si dovrà fare tutto con molta calma e cautela“.

PIANETA CALCIO – Convivere con gli effetti della pandemia, quindi. Non se ne potrà fare a meno anche nei mesi che verranno, quando l’emergenza sarà cessata ma comunque sarà impossibile riportare il mondo a un punto di ripristino. Chiaramente vanno pesati gli interessi, che ogni stakeholder cercherà – sempre nella migliore delle ipotesi – di tutelare: nel calcio di vertice, il peso dei contratti televisivi (e dell’ossigeno che deriverebbe dal rispettarli) è decisamente maggiore rispetto a quello degli introiti dei biglietti. La trasmissione in TV delle partite avrebbe indiscutibilmente anche un valore sociale: uno spiraglio di normalità, qualche ora di svago per chi è stato costretto a lungo in casa. Scendendo man mano di categoria, al contrario, gli stadi vuoti diventerebbero un peso sempre meno sostenibile per le casse dei club. Che potrebbero quindi preferire una chiusura anticipata, anche per non dover sostenere altre spese da qui a fine stagione.

QUASI TABU’ – La sensazione è che nel tennis, in ogni caso, l’ipotesi porte chiuse venga discussa con meno familiarità. Probabilmente perché si posizionano lontano dall’immaginario, non essendoci mai stato bisogno di collaudarle per ragioni di ordine pubblico. Ma anche qui siamo tra spinte contrapposte: il pubblico dei tornei è sempre più globale, non riconducibile alla provenienza geografica di due sole squadre come nel calcio o in altri sport di squadra. Teoricamente, il margine di rischio negli spostamenti potrebbe aumentare. Comunque, da qualsiasi lato si voglia prenderlo, il tema sta diventando sempre più d’attualità. Prima dello stop imposto fino al 7 giugno, i tornei spagnoli – in un Paese dove il peggio, forse, deve ancora arrivare – già avevano provato a rimanere in calendario con il lucchetto alle tribune. Al contrario, da Wimbledon – a oggi, regolarmente in programma a luglio – fanno trapelare che i cancelli dell’All England Club, se torneo ci sarà, rimarranno aperti. Probabilmente, un altro esempio dell’approccio non proprio allarmistico dei giorni scorsi in territorio britannico, anche se proprio nelle ultime ore il premier Johnson ha disposto un lockdown simile a quello italiano.

 

FATTORE ROMA – In mezzo al guado, come accennato, c’è Roma. Che spera di poter far sponda sul rinvio dell’Olimpiade appena ufficializzato per provare a riciclarsi come torneo estivo. In quelle date il Foro Italico potrebbe aprire le sue porte (ma più difficilmente le tribune), con il piano B rappresentato invece da uno straordinario spostamento autunnale in altra sede (e su altra superficie). L’ostinazione – apprezzabile – del presidente Binaghi nel provare a non smantellare il più importante torneo italiano va letta alla luce dell’enorme importanza che gli Internazionali hanno per il bilancio federale. Il torneo romano, dall’ultimo bilancio disponibile, produce il 60% del fatturato FIT. E nell’ultima edizione ha incassato dai soli biglietti 13,2 milioni.

DUE FORZE IN CAMPO – Questo caso di studio (che ci sta a cuore) palesa nell’immediato una delle due forze in campo. I tornei, quelli in programma dopo il 7 giugno o comunque pronti a prendersi le date olimpiche, faranno tutto il possibile per disputarsi regolarmente con i tifosi. Anche a costo di bruschi slittamenti, sul modello Roland Garros. Dall’altro lato della corda c’è però il tennis inteso come organizzazione globale: ATP e WTA hanno l’interesse a ripartire prima possibile per sbloccare il meccanismo delle classifiche (più rimangono ferme, più la ricaduta diventa pesante anche sul 2021), soluzione che tutelerebbe in parallelo anche l’ampio mosaico dei diritti TV.

Non è da escludere una soluzione di compromesso. L’intenzione rimane provare a far ripartire il circuito con la stagione su erba, ma nessuna decisione verrà presa prima del mese prossimo. “La realtà è che questa situazione cambia rapidamente e non c’è altra possibilità se non affrontarla di giorno in giorno, di settimana in settimana” è il fresco punto di vista del chairman ATP Andrea Gaudenzi. Se così fosse, ipotizzare nel mese di giugno un graduale percorso che possa andare dalle porte chiuse dei primi appuntamenti a più miti forme di distanziamento sociale non sarebbe assurdo. Si potrebbe arrivare così al primo Wimbledon – il cui inizio, lo ricordiamo, è previsto per il 29 giugno – con qualche posto lasciato obbligatoriamente libero sulle tribune. Un’altra delle fotografie di questi giorni che finirebbe nei libri di storia.

Continua a leggere
Commenti

Opinioni

US Open 2020, la Champions League del tennis

Oggi, nel calcio, riparte la Champions League: il sole d’agosto e la voglia di tennis possono creare numerose allucinazioni, tipo accostare l’Atalanta a Denis Shapovalov, tra serate in bianco e incontri molto bizzarri sul bagnasciuga…

Pubblicato

il

Denis Shapovalov - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Lo US Open che la USTA assicura si disputerà (ma a questo punto ci crederemo solo quando vedremo i giocatori in campo impegnati nel primo turno) costituiscono un torneo inevitabilmente anomalo. L’assenza del pubblico, le interviste in smart working, un solo media presente (ESPN) e le numerosissime defezioni rendono questo torneo del tutto sui generis. Quando però una grande competizione assume una configurazione così insolita, la possibilità che emergano sorprese è estremamente alta, anche in chiave di successo finale.

La strada per sollevare il trofeo è fatta sempre di 7 partite, ma si tratta di quelle manifestazioni che davvero possono creare terremoti. C’è una situazione in parte analoga anche nel calcio.

La Champions League, una volta disputati gli ottavi di finali rimanenti (con Juve e Napoli in ballo, rispettivamente contro Lione e Barcellona), si disputerà in sede unica a Lisbona, con quarti e semifinali in partita secca – niente andata e ritorno – per poter chiudere il torneo entro la fine di Agosto. Proprio quando scatterà lo US Open, tanto per non perdere il gusto dello sport quotidiano che esalta l’uscita dal mare o lenisce le sofferenza di chi si ritrova in ufficio o sui libri. Una Champions che potremmo leggere come un ‘Wimbledon calcistico’ dai quarti in poi, in salsa lusitana e sempre, rigorosamente, su manto verde.

Sono queste le suggestioni agostane che animano le discussioni tra due strampalati amici, Fabio e Matteo, che in una località sulla riviera adriatica dell’estate più strampalata di tutte – costantemente a metà tra precauzioni talvolta eccessive e sconsiderati assembramenti da movida ritrovata – si ritrovano nella condizione più comune di tutte. Ragazze sbranate con gli occhi ma avvicinate solo per chiedere l’ora, all’insegna del drammatico “Anche stasera si cucca domani”…

 

M: “Fabio, che ne pensi di questo US Open?” 

F: “Intanto vediamo se giocano davvero…” 

M: “Sì d’accordo, ma siccome non siamo noi i dirigenti della Federazione americana, ti volevo chiedere se pensi che vista la situazione unica, non possa arrivare una grande sorpresa. È un po’ come in Champions League, dai quarti tutti a Lisbona in partite secche, tipo final eight del basket. In una situazione così, potrebbe vincere l’Atalanta! In molti si aspettano il primo successo Slam di un Next Gen e io sono tra questi, ma ho in mente una sorpresa bella da vedere come la Dea, Denis Shapovalov

F: “Sei impazzito? Devi aver preso troppo sole, Shapovalov appena trova uno solido e di esperienza soccombe. Se vuoi che ti segua nel tuo parallelo con la Champions, il canadese è il Lipsia e Bautista è l’Atletico Madrid. Ce li vedi i tedeschi che mandano a casa gli uomini di Simeone? Mi piace però la tua suggestione sull’Atalanta, ma la mia Dea è David Goffin, esperienza e talento, altro che Next Gen… A proposito, Zverev è il Manchester City, ogni volta sembra che debba suonare tutti, e ogni volta torna suonato

M: “Ecco, probabilmente allora la Champions la vincono gli inglesi e a New York trionfa Sascha…”.  

A questo punto, giusto dalla prima fila di ombrelloni, separato dal mare solo dai due giovinastri che sin dal mattino avevano occupato il bagnasciuga, interviene un distinto signore sulla sessantina, più abbronzato di  un pescatore locale: “Ragazzi, scusate se mi intrometto, anch’io sono un malato di tennis. Abbiate pazienza, ma perché in questa Champions League tennistica non vedete i nostri italiani possibili vincitori? Lo so, purtroppo Fognini non sarà della partita, torna sulla terra rossa ed è un peccato, perché Fabio lo conoscete bene, è una sorta di Napoli con l’esperienza internazionale, mentre Matteo lo vedo come una via di mezzo tra la freschezza dell’Atalanta e il potenziale del Paris Saint-Germain. Voi invece volete trovare a tutti i costi la sorpresa estera. Perdonate la confidenza, non è che siete di Ubitennis per caso? Sembrate davvero due firme allevate a pane e Scanagatta…

No, noi siamo solo due umili lettori… lei piuttosto, visto il suo ottimismo patriottico, non è della FIT per caso?

Ah ah, no, anch’io sono solo un appassionato lettore, sia di Ubitennis che della concorrenza. Insomma, credo proprio che nè Binaghi né Ubaldo sapranno nulla di questa discussione… Comunque noi qui sogniamo in spiaggia ma credo che il Real di turno, all’anagrafe Novak Djokovic, non si batterà neanche quest’anno. Lasciate perdere quest’anno che il Real dovrebbe rimontare il Manchester City, sarebbe come se Djoker dovesse rimontare 2 set a Zverev sul veloce (ci crederei solo se lo vedessi, e comunque in uno Slam ce la farebbe lo stesso). Vi saluto ragazzi

L’italico signore volge le spalle al mare e ai due amici, per stringere la mano a un altro cumenda, col quale scambia due veloci battute per concludere con un sorriso rassicurante: “Non si preoccupi Avvocato, anche dovessero giocare senza pubblico, per lei le porte degli Internazionali saranno sempre aperte“. I sospetti sulla provenienza di quel distinto vanno rafforzandosi, ma Matteo e Fabio tornano subito al tennis giocato.

M: “Certo che Berrettini mai come ora a New York ha una grande opportunità e ce l’avrebbe avuta anche Fognini. Anche se ti confesso che pensando a quei due penso subito a Flavia e Tomljanovic”. 

F: “Sì però pure tu, quelle due ieri sera ci sorridevano per tutto il lungomare e ora mi parli di Tomljanovic e Pennetta. Allora dillo che preferisci palleggiare contro un muro bellissimo piuttosto che giocare un bel match contro un fresco terza categoria…”. 

La Champions comincia tra poche ore, tra poco più di 20 giorni toccherà anche allo US Open. Nella speranza che la ripresa globale dello sport non venga interrotta da altre notizie infauste.      

Continua a leggere

Flash

La tennista positiva a Palermo non è uno shock, è solo la nuova normalità

Il tennis in regime di COVID-19 sarà così: servono rigidi protocolli per isolare chi è positivo al coronavirus, ma è corretto provare a giocare. Perché non sappiamo quanto durerà questa situazione

Pubblicato

il

Si parla di ‘partenza shock’ per il Ladies Open 2020 (titolano così La Gazzetta dello Sport e anche Palermo Today), Tuttosport è un po’ più morigerato e scrive ‘a Palermo è subito Covid‘, che può assomigliare alla tag-line o addirittura al titolo di una commedia. La giornata di sabato, che doveva essere dedicata ai primi match di qualificazione e al sorteggio del tabellone principale, è stata archiviata in realtà come la giornata della prima positività di una giocatrice nel contesto di un torneo ufficiale.

Sull’identità di questa giocatrice l’organizzazione del torneo di Palermo non ha fatto luce né sui canali social né a mezzo comunicato stampa, ma avendo informato del suo trasferimento in una struttura adibita alla raccolta di pazienti asintomatici – e implicitamente confermato la sua esclusione dal torneo – non è stato troppo difficile capire che si trattava della bulgara Viktoriya Tomova, l’unica giocatrice il cui nome sia scomparso dai tabelloni nella giornata di sabato.

Tralasciando il difetto di comunicazione (a che pro nascondere un nome che sarebbe venuto fuori meno di un’ora dopo, e continuare a non comunicarlo anche dopo?), non siamo – forse meglio dire ‘sono’: non amo utilizzare la prima persona, ma in questo caso sarebbe preferibile poiché ognuno in redazione ha la sua opinione – d’accordo con chi si riferisce al Ladies Open come ci si riferirebbe a un paziente malaticcio, appena entrato in ospedale. Quello che ci si attendeva da un torneo di tennis organizzato in regime di pandemia è esattamente questo, è la nuova normalità, ovvero che venissero stabiliti e poi rispettati determinati protocolli sanitari per identificare e isolare eventuali giocatori o membri dello staff positivi.

 

Tra main draw e qualificazioni, ci sono circa sessanta giocatrici che rappresentano ventidue nazioni diverse. Non è dato sapere quante di loro siano arrivate a Palermo senza aver mai effettuato un tampone o un test sierologico, ma è facile immaginare che ce ne sia più di qualcuna. Si aggiunga che si tratta del primo torneo ufficiale dopo i cinque mesi di stop, e quindi da un punto di vista strettamente lavorativo le tenniste non si erano mai trovate di fronte all’obbligo di testarsi prima di atterrare a Palermo. Onestamente, era piuttosto semplice immaginare che sarebbe emersa una positività.

Se siamo d’accordo sul fatto che questo scenario non è uno ‘shock’, e non dovrebbe sorprendere proprio nessuno, allora possiamo interrogarci sull’opportunità di giocare in queste condizioni. Siamo ancora nel campo delle opinioni ed esprimerò la mia: sì, è giusto provarci. In linea di principio non sono d’accordo con Kyrgios, sebbene in questo momento non abbia senso esprimere pareri assolutistici perché la situazione di ogni Paese è differente, perché siamo andati ben oltre la fase di contenimento del coronavirus. Dove la situazione sanitaria e i regolamenti nazionali lo consentono è giusto provare a giocare perché ci troviamo nel pieno della convivenza con il virus e non sappiamo per quanto tempo ancora ci toccherà rispettare queste precauzioni.

Se fossero solo pochi mesi forse varrebbe la pena attendere, ma la scienza non è in grado di darci questa certezza. Così come si sta provando a ripartire in ogni settore, adeguandosi alla nuova normalità o addirittura reinventandosi, così deve fare il tennis. Mettere al primo posto la sicurezza di atleti e addetti ai lavori, giocare a porte chiuse se non è sicuro ospitare i tifosi, ma con il dovere di provarci. Che non sia obbligo, perché la struttura organizzativa del tennis addossa l’intero rischio d’impresa sulle spalle degli organizzatori dei tornei, i quali sono costretti a decidere se giocare o meno sulla base del crudele parere di una calcolatrice. Senza tifosi e senza merchandising conviene imbarcarsi in questa avventura?

Quasi tutti i tornei di rango inferiore ai Masters 1000 ci hanno rinunciato, con poche eccezioni: l’ATP 250 di Kitzbuhel – sospinto dal direttore Alex Antonitsch – unico nel calendario maschile, Praga, Lexington (che fu Washington) e appunto Palermo in quello femminile. Da questo punto di vista Oliviero Palma, direttore del torneo siciliano, merita un plauso. Sicuro di organizzare un evento in perdita, a cui è stato concesso di incassare appena 40.000 euro dalla vendita dei biglietti in tutta la settimana, e forse sfavorito dal successivo inserimento in calendario di Praga, è andato avanti con i mezzi di cui dispone.

Non sono mancate e non stanno mancando le critiche. L’allenatore di Elena Rybakina, Stefano Vukov, che già un mese fa aveva duramente accusato la WTA di non avere a cuore la salute delle giocatrici acconsentendo alla ripresa del tennis negli Stati Uniti, se l’è presa anche con il torneo di Palermo che sta svolgendo i tamponi in strada e dunque in ambiente non abbastanza protetto. Ha inoltre rilevato che nell’albergo in cui soggiornano le giocatrici, lo stesso in cui hanno trascorso in isolamento le 24 ore tra lo svolgimento del test e la comunicazione dell’esito, ci sono anche altri ospiti. Come ha fatto notare il giornalista britannico Mike Dickson, che nonostante la sostanziale chiusura del torneo ai media è a Palermo per seguire il torneo (nessuna irregolarità, il torneo non ha accreditato giornalisti ma ha predisposto degli spazi separati perché alcuni ‘ospiti’ possano sedere sugli spalti), semplicemente i mezzi del WTA International di Palermo non consentono di prenotare un intero hotel in alta stagione, specie con la certezza di un bilancio in rosso (la perdita massima sostenibile è stata stimata in 80.000 euro) e quindi nessun margine operativo.

Oliviero Palma ci ha anche raccontato di aver rifiutato dei contributi pubblici per l’organizzazione del torneo, un gesto apprezzabile e neanche così scontato, e ha specificato che la WTA è venuta in soccorso del torneo solo accordando uno sconto sul montepremi del 18%, (quest’anno le singolariste si divideranno 163.000 euro, mentre il montepremi totale ammonta a circa 190.000 €). Intanto, pochi che siano, il torneo di Palermo consentirà alle semifinaliste di portare a casa poco più di 6.000 euro, alla finalista di vincerne circa 11.000 e alla vincitrice di lasciare la Sicilia con un assegno da 20.161 euro e 280 punti. Anche solo per aver fatto ripartire una macchina ferma da cinque mesi – e impantanata nel fango, mica ferma nel parcheggio di un centro commerciale – Palermo merita la nostra considerazione.

Giulia Gatto-Monticone ha servito la prima palla del torneo di qualificazione, anche se il punto (e poi la partita) l’ha vinto Martina Trevisan. Lunedì si giocherà il primo quindici del tabellone principale. Il torneo lo vincerà forse la prima favorita Petra Martic, una di quelle a cui con le dovute proporzioni potrebbe applicarsi la massima di Rosewall su Pietrangeli (se finissimo tutti per mesi su un’isola deserta e poi ci dessero delle racchette per giocare, quel torneo lo vincerebbe Pietrangeli) vista la qualità del braccio in questione. In realtà, in regime di CovidTennis, le giocatrici hanno avuto tutto il tempo di allenarsi e probabilmente la contesa si deciderà su altri fattori: chi sopporterà meglio il caldo, chi si adeguerà meglio all’assenza di un vero contorno al torneo. Intanto, è già bello parlarne.

Continua a leggere

Italiani

Campionati Assoluti di Todi di segno ‘Macho’… ma non fatelo sapere a Billie Jean King

Sedici anni dopo, la FIT ha rispolverato gli Assoluti. Vittorie di Lorenzo Sonego e Jasmine Paolini: applausi. Ma il montepremi (23.000 euro) è discriminatorio: 18.000 per gli uomini, 5.000 per le donne. Fischi

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego e Jasmine Paolini - Premiazione Campionati Assoluti di Todi (ph. Marta Magni)

Ne “Il Più Grande Uomo Scimmia del Pleistocene”, illuminante ed esilarante romanzo di Roy Lewis, si narrano le vicende di una famiglia alle prese con i primi passi sulla terra, dopo aver abitato per millenni sui rami degli alberi. Tra i protagonisti, spicca la figura dello Zio Vania, che, ostinatamente contrario ad ogni forma di progresso, si rifiutava persino di camminare su due “zampe”, considerandolo un affronto insanabile nei confronti della pura razza scimmiesca. La posizione eretta, per lui, era una bestemmia urlata nel pieno di una sacra funzione. Tra i mille aspetti del racconto dell’alba della vita umana, potete ben immaginare come l’autore descriva il rapporto tra gli uomini e le donne, che può sinteticamente ridursi al confronto tra predatori superiori e prede inferiori.

Dopo milioni di anni di storia e un paio di secoli di lotte e rivendicazioni non ancora terminate, dalle Suffragette alle Mondine, dal movimento femminista ai giorni nostri, siamo ancora qui a domandarci perché gli uomini riescano a occupare ruoli apicali nella società con più facilità e perché le donne, per farlo, debbano essere eccezionali. Perché sono ancora così evidenti le differenze di trattamento economico tra i due sessi. Perché ancora è di gran moda pensare alla donna come primariamente procreatrice ed angelo del focolare. Perché, nelle pubblicità, la donna stende, stira e cucina e l’uomo si sollazza al computer, per lo più fingendo di lavorare.

Le lotte delle tenniste come Billie Jean King e del gruppo delle Original 9 (che vi stiamo raccontato in questa serie di articoli) per ottenere un montepremi pari a quello dei tennisti, una battaglia portata a compimento – quantomeno negli Slam – a metà degli anni 2000, hanno ottenuto un discreto successo, ma il tema rimane assai dibattuto e ancora non si può ipotizzare il giorno in cui, in tutti i tornei di pari livello, il trattamento economico sarà identico per gli uni e le altre. Non è detto che quel giorno arrivi perché il business detta regole anche sul tema dei diritti: si pensi, per portare un esempio, a quanto è condizionato dagli affari il diritto alla salute. Non solo negli Stati Uniti.

 

Dopo anni di assenza, su lodevole iniziativa della nostra Federazione, si sono organizzati i Campionati Assoluti di Tennis, che assegnano il titolo di miglior giocatore nazionale tra gli iscritti al torneo. Considerata la mancanza di tennis, vissuta dagli appassionati per qualche mese a causa del virus che ha còlto impreparato il mondo, gli Assoluti si sono ritagliati uno spazio di primordine, anche televisivo, e hanno suscitato l’interesse non solo degli amici del tennis, ma dello sport in generale. Tenniste e tennisti italiani di gran livello si son trovati in quel di Todi per giocarsi l’ambito titolo, vinto infine da Lorenzo Sonego in campo maschile e Jasmine Paolini in quello femminile.

Una volta stabilito il discreto montepremi di 23.000 euro, si è deciso di suddividerlo in questa maniera:

  • 18.000 euro per il torneo maschile
  • 5.000 euro per il torneo femminile

Per evitare il rischio di trascendere, non essendo mio uso, non aggiungo alcun commento, lasciando tale compito, se mai volessero, ai gentili lettori.

Qualche domanda, però, mi sorge spontanea: 

  • Chi ha deciso tale ripartizione?
  • Perché, tra i giornalisti sportivi e gli operatori del settore, nessuno ha sentito il bisogno di commentare pubblicamente tale ripartizione?
  • Comprendendo appieno le ragioni del silenzio sul tema da parte di tennisti e tenniste in attività, mi chiedo, poi, perché ex tennisti o ex tenniste non abbiano rilasciato qualche dichiarazione a riguardo.
  • Infine, non sarebbe stato meglio, considerata la differenza di trattamento, assegnare l’intero montepremi ai maschietti e riservare alle femminucce solo un bel trofeo con un sontuoso bouquet di fiori da lanciare tra gli spalti plaudenti?
Jasmine Paolini – Premiazione Campionati Assoluti di Todi (ph. Marta Magni)

Qualche passo in avanti rispetto al Pleistocene, comunque, è stato fatto: lo Zio Vania avrebbe certamente vietato alle donne la partecipazione al torneo, obbligandole in caverna a far le pulizie come si deve. Come si deve.

Marcos


Marcos è stato uno dei primissimi collaboratori del mio blog Servizi Vincenti. Per diversi anni ha curato egregiamente la rubrica di “critica televisiva”. Bentornato! 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement