Accadde oggi: quando Gulbis spaventò Nadal durante il concertone di Roma

Accadde Oggi

Accadde oggi: quando Gulbis spaventò Nadal durante il concertone di Roma

1 maggio 2010: semifinale degli Internazionali d’Italia. Nadal deve sudare sette camicie per avere ragione di Ernest Gulbis, che sembra pronto a diventare un crack

Pubblicato

il

 
 

Questo articolo è stato scritto nel 2017, viene ri-pubblicato oggi con i dovuti aggiornamenti


C’era una volta Ernests Gulbis. Quello che “hey ragazzi, questo qui se vuole può mettere in riga tutti“. Quello che alla fine non è riuscito neanche a mettere in riga se stesso, quasi intrappolato in una spirale di comportamenti autolesionisti e cambiamenti stilistici del movimento del dritto, già visto in tre versioni differenti (nel dettaglio pre-Bresnik, Bresnik e post-Bresnik) che a loro volte si suddividono in altre sotto-fasce di assestamento.

Adesso – meglio, quando si giocava – il lettone è un tennista che annaspa tra qualificazioni dei tornei maggiori e challenger, quelli che una volta sembravano essere una dimensione a lui poco congeniale perché destinato a fare grandi cose sui grandi palcoscenici. Occupa la posizione 162 del mondo grazie al successo nel challenger di Pau, che abbiamo seguito come fosse un torneo più importante per via della finale con un altro desaparecido della racchetta – Janowicz.

 

Esattamente dieci anni fa, era il primo maggio 2010, mentre in piazza del Popolo c’era Paolo Nutini ad accaldare le folle, sui campi del Foro Italico andavano in scena le semifinali degli Internazionali d’Italia. In una delle due si affrontavano proprio Ernests Gulbis e Rafa Nadal. Vinse lo spagnolo ma fu un grande, grande Gulbis. Nelle cronache di quel giorno abbondarono i “subisce il gioco del lettone“, “Gulbis sciupa il vantaggio” a testimonianza di una partita in cui era stato decisamente Gulbis a tenere le redini dello scambio. Potente, a tratti straripante. Tutti sapevano della sua tendenza a rovinare l’incredibile efficacia dei colpi con comportamenti sopra le righe, ma gli stessi si auguravano che potesse riuscire prima o poi a cavalcare le sue stesse intemperanze.

Se quel Gulbis avesse scritto una lettera al Gulbis di oggi beh, probabilmente avrebbe confezionato una missiva a vuoto. La quadra del cerchio non è arrivata, nonostante molte altre volte abbia confermato sul campo di poter schiaffeggiare quasi chiunque. Fosse anche lo stesso Nadal, come riaccaduto a Roma nel 2013 prima che il campo decretasse ancora una volta la vittoria del giocatore che aveva più spesso tenuto la testa sott’acqua. Nadal poi non lo ha mai battuto, nonostante le ben sette occasioni. Ha battuto Djokovic, Federer, ma non il maiorchino. Ultimo acuto la semifinale al Roland Garros 2014. E dire che nel 2020 le cose sembravano andare meglio, con il terzo turno all’Australian Open e il già citato successo di Pau. Tempi duri, caro Ernests. Ma come tutti avrai ancora modo di dire la tua.

Continua a leggere
Commenti

Accadde Oggi

Compie 70 anni l’indimenticabile Jimmy Connors

Buon compleanno a uno dei più grandi tennisti di ogni epoca che nella sua lunghissima carriera diede vita a rivalità che sono rimaste nella storia

Pubblicato

il

Se Jimmy Connors fosse stato argentino si sarebbe detto che la ‘garra’ non gli faceva difetto. Ma lui era yankee purosangue, nato a Belleville (paesino di 40.000 abitanti in Illinois) per cui si limitava ad odiare gli avversari, e nemmeno il resto del mondo gli stava troppo simpatico. Il suo modo iper-aggressivo di tagliare il campo con i suoi passettini di una velocità innaturale, il suo rovescio bimane mancino, una vera arma ‘fine del mondo’, i suoi c’mon urlati in faccia al malcapitato avversario erano tutti tasselli che ci aiutano a decifrare il personaggio Jimbo, e soprattutto aiutarono lui a mettere in bacheca otto Slam (non gli riuscì mai di alzare il trofeo a Parigi dove arrivò quattro volte in semifinale) e 109 tornei del circuito (record assoluto tra i tennisti professionisti). Chissà cosa avrebbe combinato se solo avesse avuto un servizio all’altezza. Incrociò la racchetta con Ashe, Nastase e Rosewall che stavano spendendo gli ultimi spiccioli delle loro impareggiabili carriere. Impattò poi contro il miglior Borg, la sua bestia nera, contro Vilas e tenne a battesimo McEnroe e Lendl…tanto per chiarire con chi ebbe a che fare il ragazzo. Jimbo ruggì fino a 39 anni quando raggiunse a sorpresa, e con l’appoggio di un pubblico in delirio, le semifinali degli US Open, battuto alla fine da Jim Courier. Quella fu in pratica la sua ultima partita ad alto livello, anche se lui continuò testardamente a giocare fino ai 44 anni quando si arrese non ad un avversario ma alle leggi di natura.

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere

Accadde Oggi

La prima vittoria in uno Slam di Federer, 21 anni fa

Contro Micheal Chang, non proprio uno qualunque, al primo turno degli Australian Open. 6-4 6-4 7-6 il punteggio per lo svizzero che ne ha vinte altre 361 di partite nei Major

Pubblicato

il

Roger Federer - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Oggi, 18 gennaio, cade una ricorrenza molto speciale per Roger Federer. Infatti, in questa data, 21 anni fa, il fenomeno di Basilea ha colto la sua prima vittoria in uno Slam, agli Australian Open 2000. Magari non tutti se lo ricordano ma il primo scalpo di Federer in uno dei quattro grandi tornei del tennis è stato a dir poco eccellente: si tratta infatti di Michael Chang, vincitore del Roland Garros nel 1989 ed ex n.2 al mondo. 

Federer, all’epoca 18enne, si presentava a Melbourne per la prima volta, come una delle nuove sensazioni del circuito. Nella stagione precedente, aveva scalato oltre 200 posizioni in classifica, fermandosi alla n.62. Nelle sue prime due apparizioni Slam era stato sconfitto con onore contro giocatori affermati, il due volte campione Slam Patrick Rafter al Roland Garros e il ceco Jiri Novak a Wimbledon, mostrando sprazzi del suo enorme talento. Chang, che di anni ne aveva 28 e che era sul tour ormai da 13 stagioni, era nella fase calante della sua carriera ed era fuori dai primi 30.

Ma comunque era pur sempre Micheal Chang, uno dei nomi più celebri del tennis negli anni Novanta. E Federer era solo un promettentissimo ragazzino elvetico che aveva vinto Wimbledon juniores un paio di anni prima. “Non ricordo bene tutto. Non ricordo ad esempio le nostre posizioni in classifica. Ma c’è una cosa che non mi sono dimenticato. Mentre stavamo per entrare in campo, camminavo dietro a Michael e notari che aveva il suo nome sulle scarpe. Ho pensato: ‘quando hai il tuo nome sulle scarpe significa che sei uno dei migliori’”, ha raccontato Federer. 

 

Ma il migliore in partita fu proprio lui. 6-4 7-6 7-6 il punteggio con il quale quello che oggi è il tennista con più titoli nello Slam (20, ex aequo con Rafa Nadal) vinse la sua prima partita in uno Slam. In quell’edizione degli Australian Open, Federer vinse anche il successivo match contro lo slovacco Jan Kroslak, sempre in tre set, prima di arrendersi al terzo turno al francese Arnaud Clement. Purtroppo, non sono disponibili video su Youtube del match contro Chang e bisogna accontentarsi degli highlights del secondo incontro con Kroslak per ammirare le gesta di un giovanissimo Roger.

Continua a leggere

Accadde Oggi

Accadde oggi: l’inizio della leggenda di Serena Williams

La grande corsa di Serena Williams verso i 24 Slam (non ancora raggiunti) iniziava esattamente 25 anni fa, in Canada, con un esordio traumatico su un campo di periferia

Pubblicato

il

Come spesso succede nella storia del tennis, il debutto dei grandi campioni è una sconfitta traumatica. È così anche per Serena Williams, che ben 25 anni fa, il 25 ottobre 1995, iniziava in Canada la sua lunghissima e vincente carriera professionistica con una sconfitta netta. La connazionale Annie Miller superò infatti la giovanissima Serena (14 anni compiuti da un mese) con il punteggio di 6-1 6-1.

Il contesto era ben diverso da quelli che oggi Serena calca regolarmente. Si trattava del primo turno di qualificazioni del torneo di Quebec City. Come ricorda il giornalista del New York Times Robin Finn, presente quel giorno, la location era molto diversa dalla cornice più glamour degli Slam. “Era un campo d’allenamento di un circolo di tennis nella periferia di Vanier, accanto a un campo dove si giocava un’altra partita di qualificazione. Niente luci o introduzioni pre-partita e nemmeno tifosi. Sopra il campo c’era un piccolo chiosco con una TV, dei gelati e 50 persone che mostravano… diversi livelli di interesse alla partita”.

Clicca per visualizzare il post INSTAGRAM

Serena vinse soltanto due giochi contro la 18enne americana Annie Miller, che però era già la numero 149 del mondo. Visto il punteggio non stupisce l’analisi molto dura di Serena quel giorno. “Non ho giocato come so, ho giocato come una principiante“. Molto più conciliante e comprensivo il suo commento 24 anni dopo, quando nel 2019 Serena l’ha commentato durante il torneo di Toronto. “Tutto quello che mi ricordo è che ero nervosissima, non potevo credere che stavo giocando. Non sono riuscita a tenere a bada i nervi, avevo bisogno di tornare a casa e migliorare. Quando sono tornata a giocare con i professionisti ero molto più pronta rispetto la prima volta”.

 

Il ritorno di Serena Williams tra i professionisti si sarebbe concretizzato “solo” due anni dopo. Nel novembre del 1997 arrivò il torneo che la svelò a tutto il mondo tennistico. Williams si rese protagonista di una grande cavalcata nel torneo di Chicago, dove entrò grazie a una wild card: sconfisse le numero 7 e 4 del mondo Mary Pierce e Monica Seles e da numero 304 del mondo si fece strada fino alla semifinale, poi persa contro Lindsey Davenport. Nemmeno due anni dopo, nel 1999, sarebbe arrivato il suo primo torneo del Grande Slam, il titolo degli US Open vinto in finale contro Martina Hingis.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement