Serena Williams: "Ora gioco solo per gli Slam"

Flash

Serena Williams: “Ora gioco solo per gli Slam”

La 39enne americana non si nasconde: “Mi piace sapere che ho ancora la possibilità di essere competitiva a questo livello”

Pubblicato

il

Serena Williams - Australian Open 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)
 

L’ultima aggiunta nella sua bacheca dei trofei dello Slam risale al 2017, un’eternità per lei. Nella carriera di Serena Williams non c’era mai stata una pausa così lunga tra la vittoria di due major, e l’unica altra occasione in cui era stata per più di due anni consecutivi senza alzare un trofeo di questo calibro era tra il primo titolo Slam (US Open 1999) e il secondo (Roland Garros 2002). Un eventuale altro trofeo Slam la porterebbe a quota 24, record assoluto che al momento detiene l’australiana Margaret Smith Court in solitaria, e non è un mistero che Serena abbia questo come obiettivo primario della sua carriera tennistica. “Ora gioco solo per gli Slam” ha confermato la 39enne, intervistata da Stephen Colbert per il The Late Show.

Domani sarà impegnata in un match di esibizione contro Naomi Osaka, giocatrice capace di batterla proprio in una finale Slam, e questo primo test stagionale ci potrà dire qualcosa sul suo stato attuale di forma. Mi piace sapere che ho ancora la possibilità di essere competitiva a questo livello” ha detto Serena. “L’Australian Open è uno dei miei Slam preferiti e ho molti amici a Melbourne. Ma vincere uno Slam è davvero speciale, significa assolutamente tutto”. Ricordiamo che la città di Melbourne è particolarmente prolifica per lei: qui infatti sono arrivati 7 dei suoi 23 titoli major (record personale insieme ai 7 Wimbledon) incluso l’ultimo trionfo. Sempre in Australia inoltre, ad Auckland, lo scorso anno è arrivato il suo primo trofeo dopo la maternità.

Le ultime due settimane passate in quarantena ad Adelaide hanno permesso alla n. 11 del mondo di distrarsi un po’ dal tennis e lei stessa ha confessato il suo interesse per la saga de “Il Signode degli Anelli” e per i fumetti, sia Marvel che DC. La quarantena australiana invece è stata descritta così: “È super rigorosa, piuttosto folle e molto intensa, ma va bene. Alla fine è una cosa positiva perché ci permetterà di ritrovare una vita normale successivamente. Ma in realtà è piuttosto complicato stare tutto il giorno in un hotel con un bambino di tre anni. Ma ne vale la pena perché vogliamo solo che tutti stiano bene alla fine. Il 2020 è stato così difficile che nessuno vuole riviverlo, quindi se oggi ci vuole un po’ di impegno va bene. Certo, devi essere mentalmente forte. Per arrivare alla fine provo a pensare ad altro. Non vedo l’ora di vedere il Super Bowl” ha concluso Williams.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Schianto sull’A14, morto il tennista paralimpico Andrea Silvestrone

Scontro frontale con un tir sull’Autostrada Adriatica. Con il tennista hanno perso la vita anche due dei suoi figli

Pubblicato

il

Tennis in carrozzina alle Olimpiadi (foto Pinterest @ideasus)

Sabato mattina intorno alle ore 11 sul tratto marchigiano dell’A14 nei pressi di Grottammare (AP) ha perso la vita in un tragico incidente stradale Andrea Silvestrone, 49 anni, membro della nazionale italiana paralimpica di tennis. Con lui sono deceduti anche i suoi due figli più grandi di 12 e 14, oltre che il cane che viaggiava con loro. È sopravvissuto all’incidente, invece, il più piccolo dei figli di Silvestrone, un bambino di 8 anni ricoverato all’ospedale di Ancona.

Ancora da chiarire le cause dell’incidente nel quale l’auto condotta da Silvestrone ha invaso la corsia opposta dell’autostrada andandosi a scontrare frontalmente con un tir che proveniva nella direzione opposta.

Andrea Silvestrone era confinato su una sedia a rotelle dall’età di 33 anni a causa della sclerosi multipla cui era succeduta, qualche anno dopo, una seconda patologia. “Per fortuna era venuta a me – diceva – essendo molto simile alla sclerosi, meglio a me che sono già su una sedia a rotelle che a una persona normodotata”.

 

Dal 2017 giocava a tennis in carrozzina, specialità quad wheelchair, ed era riuscito a raggiungere un best ranking di n. 29 della classifica mondiale ITF a metà aprile 2018. In carriera aveva vinto due tornei, il Masera Trophy nel 2017 al suo esordio e il Gyor Open, in Ungheria, nel 2019. Il suo ultimo torneo risale al luglio del 2021 quando aveva perso al primo turno al torneo ITF di Nottingham.

Continua a leggere

Flash

WTA Lione: continua la favola di Alycia Parks. Affronterà Caroline Garcia nella sua prima finale in carriera

La classe 2000 statunitense centra il best ranking e si avvicina alla top60. Prima finale a Lione per la n°5 del mondo al quarto tentativo

Pubblicato

il

Alycia Parks, WTA Lione 2023 (foto: twitter @wta)

A. Parks b. M. Zanevska 6-3 7-6(4)

Continua la gran cavalcata di Alycia Parks all’Open 6e Sens, WTA250 di Lione che si disputa in contemporanea a quello di Hua Hin, dove si affronteranno in finale Zhu Lin e Lesia Tsurenko, che ha sfruttato il ritiro di Bianca Andreescu. Per la statunitense si tratta della prima finale in carriera a livello WTA, raggiunta grazie alla 14esima vittoria consecutiva sul cemento indoor.

 

L’attuale n°79 del mondo – che da lunedì sarà almeno n°62, migliorando il suo best ranking – parte forte nel primo set, portandosi sul 3-0 e strappando una seconda volta il servizio a Maryna Zanevska. Avanti 5-1 e servizio, la tennista a stelle e strisce si fa riprendere da 40-0, sciupando quattro set point in totale e restituendo uno dei due break alla quarta occasione. Anche nel nono game non è semplice per lei chiudere la frazione, ma dopo aver annullato due palle break (non consecutive) sfrutta il settimo set point in totale, chiudendo 6-3.

Decisamente più incerto il secondo set, con lo scambio di break tra quinto e sesto gioco che sembra minare un equilibrio incerto. Zanevska perde la battuta a zero nel nono game, spedendo la sua rivale al servizio per il match sul 5-4. Qui, però, Parks è colta dal classico braccino, facendosi rimontare da 40-15. A dirla tutta, la statunitense rischia tantissimo nel dodicesimo game, quando sotto 5-6 deve annullare due break point che sono anche set point. La 22enne di Atlanta, però, mantiene i nervi saldi, approda al tie-break e non si volta più indietro, centrando la prima finale in carriera a livello WTA con il punteggio di 6-3 7-6(4) anche grazie a 35 vincenti e 13 ace.

[1] C. Garcia b. C. Osorio 6-2 6-2

All’ultimo atto del torneo di Lione Parks proverà ad eliminare la seconda testa di serie sul suo cammino, come già accaduto con Petra Martic (n°4 del seeding) al secondo turno. L’impresa però sarà delle più complicate, perché sulla sua strada si presenta Caroline Garcia, campionessa delle ultime WTA Finals e testa di serie numero 1. Domani sarà una prima volta anche per la francese, che al quarto tentativo riesce ad approdare in finale a Lione.

La seconda semifinale è però decisamente meno lottata della prima, con la transalpina che – dopo un’iniziale fase di studio – aumenta i giri del motore e inanella cinque game di fila dal 2-2 del primo set al 6-2 1-0 del secondo. Camila Osorio non ha certo il tennis per mettere in difficoltà la sua avversaria, però non molla e cerca di fare il possibile per restare a contatto. Dopo non aver sfruttato tre break point nel terzo gioco del secondo parziale, nel quarto la colombiana è costretta a cedere nuovamente la battuta. Garcia si porta sul 4-1 e, nonostante qualche momento di nervosismo – che testimonia quanto tenga a far bene nel torneo di casa – annulla un break point nel settimo gioco e alla prima opportunità chiude 6-2 6-2, facendo esplodere il pubblico presente.

Il tabellone completo del WTA250 di Lione

Continua a leggere

Flash

WTA Abu Dhabi, il tabellone: Trevisan trova Mertens al primo turno

In corsa anche Elena Rybakina, la finalista dell’Australian Open. La prima testa di serie è Daria Kasatkina

Pubblicato

il

Martina Trevisan - United Cup 2023 Sydney (foto Tennis Australia/ James Gourley)

Tutto pronto per il WTA 500 di Abu Dhabi, il Mubadala Abu Dhabi Open, torneo sul cemento all’aperto che si gioca presso lo Zayed Sports City International Tennis Centre della capitale degli Emirati Arabi Uniti. Nel tabellone principale è presente per i colori italiani Martina Trevisan, che ha avuto in dote un primo turno contro la belga Elise Mertens. Al secondo turno in caso di vittoria se la vedrebbe contro la russa Veronika Kudermetova.

Le prime teste di serie sono Daria Kasatkina e Belinda Bencic, che sul loro cammino verso la finale avrebbero rispettivamente la n.4 del seeding Kudermetova e la n.3 Rybakina. La finalista dell’Australian Open potrebbe giocare contro Haddad Maia in un’interessante quarto di finale.

QUI IL TABELLONE DEL TORNEO WTA 500 DI ABU DHABI

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement