La volta in cui Stefanos Tsitsipas ha rischiato di morire

Flash

La volta in cui Stefanos Tsitsipas ha rischiato di morire

Parlando con la BBC, il tennista greco ha raccontato un episodio spiacevole occorsogli nel 2016, e di come il padre l’abbia salvato

Pubblicato

il

Stefanos e Apostolos Tsitsipas - Australian Open 2021 (Mohammed 4K Photos)

TSITSIPAS vs MEDVEDEV – ORE 9:30

Stefanos Tsitsipas si è qualificato per la terza semifinale Slam della sua carriera, dopo quella sempre qui a Melbourne nel 2019 (vs Nadal) e a Parigi nel 2020 (vs Djokovic). Per la prima volta potrà giocarsi le sue chance contro un giocatore diverso da un Fab 3, Daniil Medvedev, per quanto in fortissima ascesa e in netto vantaggio nei precedenti (5-1 il bilancio). Per riuscirci ha dovuto compiere un’impresa contro Rafael Nadal. Ma la storia raccontata in questo articolo riguarda un episodio accaduto cinque anni fa, poco conosciuto dai media e raccontato da un articolo della BBC.


Qui l’articolo originale

Quando Stefanos Tsitsipas è arrivato a Melbourne per l’Australian Open, nel suo bagaglio era stipato anche un legame con il passato. Un oggetto semplice – una maglietta recante una scritta: URSS 1956 – che però aiuta a illustrare qualcosa riguardo alla personalità di uno dei talenti più interessanti nel mondo del tennis.

 

Nel 1956, il nonno materno di Stefanos, Sergei Salkinov, divenne campione olimpico a Melbourne, giocando come attaccante nella squadra di calcio dell’Unione Sovietica. 65 anni più tardi, il ventiduenne nipote greco che Sergei non ha mai conosciuto compete per la prima vittoria Slam nella stessa città.

La famiglia è fondamentale per Tsitsipas, e così pure lo è l’Australian Open, il torneo nel quale per la prima volta ha mostrato tutto il proprio potenziale sconfiggendo il suo idolo Roger Federer in una cavalcata che lo avrebbe portato alle semifinali, nel 2019. Da allora, Stefanos ha vinto 4 titoli ATP, incluse le ATP Finals del 2019, ed è sesto nel ranking mondiale.

Visto come un erede naturale dell’attuale generazione di campioni, oltre a essere una meraviglia per gli occhi, è una presenza fresca e nuova sia dentro che fuori dal campo. Ma il greco nasconde un lato inaspettato. Nonostante l’immagine sicura ostentata oggi, per lungo tempo il giovane ha dovuto fare i conti con una estrema timidezza e con i postumi di una esperienza che gli è quasi costata la vita, che egli stesso afferma condizionarlo ancora.

La prima parte della storia di Tsisipas è abbastanza banale, per gli standard del mondo del tennis. Inizia a giocare molto giovane, assistito da genitori con esperienza nello sport. Da una parte la madre Julia Apostoli, ella stessa giocatrice professionista, dall’altra il marito Apostolos, maestro di Tennis nella periferia di Atene. “Mia madre era anche la mia allenatrice quando ero più giovane, mi ha insegnato molto, comprese la disciplina, la generosità e la gentilezza”, racconta Stefanos a BBC Sport. “Anche mio padre ha avuto una grossa influenza su di me, e ce l’ha tuttora. Mi ha aiutato a sviluppare il mio gioco. La sua guida e i suoi consigli mi hanno aiutato a maturare”.

Il giovane Tsitsipas era talentuoso, amava giocare e grazie a questo ha raggiunto un successo significativo fin dalla più tenera età – è stato infatti numero uno del ranking juniores. All’età di 16 anni ha cominciato ad allenarsi in un’Academy francese gestita da Patrick Mouratoglou, l’allenatore di Serena Williams. Tuttavia, nella sua storia ci sono alcuni dettagli unici, e almeno uno di questi è particolarmente degno di nota.

Nell’ottobre del 2016, mentre nuotava vicino alle coste di Creta, Tsisipas e un amico sono quasi annegati dopo essere stati sbalzati in mare aperto da una pericolosa corrente improvvisa. Nessuno dei due aveva idea di cosa stesse succedendo. Entrambi cercarono di combattere contro la corrente, con l’unico risultato di esaurire presto le energie. Tsitsipas ha raccontato l’orrore di questa vicenda in un video di nove minuti, fortemente evocativo, nel quale ha descritto con dovizia di particolari il terrore provato durante quella esperienza, di come si sentisse impotente durante quei momenti, e di come abbia dovuto affrontare e accettare il pensiero di non farcela, il tutto mentre alcune immagini della propria infanzia gli balenavano alla mente, incontrollate.

Per chi conosce l’inglese, il video è questo

Oggi riflette su come quell’incidente lo abbia cambiato e maturato – aveva compiuto 18 anni solo due mesi prima di quella vicenda – e come lo abbia fatto sentire, da allora in poi, “senza paura” – lo chiama “il giorno in cui avrei dovuto perdere la vita”.

Fu Apostolos a salvare entrambi i giovani. Nuotò verso di loro e in qualche modo riuscì a trarli in salvo. “Quello che accadde fu il risultato di un automatismo insito in tutti gli esseri umani, in particolare in quelli che sono genitori – spiega Apostolos – quando quel meccanismo si attiva, come successe quel giorno, anche i miracoli diventano possibili. Condizione essenziale per cui cose come quella accadano è la fede incondizionata in ciò che stiamo facendo e in ciò che amiamo. Quello che è successo è la conferma della fede e dell’amore che abbiamo l’uno per l’altro, e del fatto che i sacrifici che facciamo non sono vani”.

Nel video su YouTube, Tsitsipas dice di suo padre: “Se avessimo perso la vita quel giorno, avremmo dovuto farlo insieme. È stato un eroe. Quello è stato il giorno in cui ho messo le cose in una diversa prospettiva. Ricordo quanto, a partire da quel momento, sono cambiato psicologicamente”.

Tsitsipas ora si vede come una persona che “comprende la vita in maniera migliore, una persona che prende decisioni migliori”. Una parte di questo processo è stato influenzato da tutto ciò che è successo l’anno passato. “All’inizio del 2020 mi sentivo perso – racconta – non avevo mai affrontato qualcosa di simile a questa pandemia, trovandomi costretto a rimanere lontano dalle competizioni e segregato in casa senza potermi muovere. Ma l’ho vista come un’opportunità per provare cose nuove ed espandere i miei orizzonti, cosa di cui sono molto grato. Mi ha dato tempo per riflettere, per vedere le cose da un punto di vista diverso. Sono maturato molto emozionalmente e mentalmente”.

Questo sviluppo si può notare non solo sul campo, ma anche nei video che pubblica su Youtube, nelle fotografie o nei podcast. Tsitsipas esplora diversi modi di esprimersi. “Per me è un modo di vivere il momento. Mi trasmette molta libertà. Mi sento come se fossi nel mio spazio personale, il mio mondo. È una scappatoia dal mondo del tennis, un hobby che potrebbe portare anche ad un secondo lavoro, un giorno”, racconta.

Crescendo, tuttavia, Stefanos era molto timido, bullizzato dai compagni di scuola. “Non era facile per me approcciarmi alle persone – esordisce Stefanos – ero un buon osservatore e un buon ascoltatore. Ero curioso, molto curioso di sentire quello che la gente aveva da dire, e imparavo dalle persone. Ero molto tranquillo anche in famiglia, sempre in disparte ad osservare il mondo”.

Quella particolarità del suo carattere fu notata anche da Mouratoglou, nel sud della Francia. Il coach francese rappresenta qualcosa di simile a uno spirito affine, da questo punto di vista, avendo vissuto a sua volta una fanciullezza caratterizzata dal carattere timido. Stefanos ha costruito il proprio mondo interiore – racconta Mouratoglou, il quale assieme ad Apostolos allena Tsisipas ancora oggi – all’inizio, quando è arrivato nel 2015, aveva un carattere molto introverso. Era solito stare in famiglia, lontano dagli altri. Di solito, quando le persone non mostrano le proprie emozioni, costruiscono un mondo interiore solido. In seguito ha compreso che io e lui abbiamo avuto esperienze molto simili, e ne abbiamo parlato. Non penso sia così timido oggi, ha fatto molti progressi”.

Aggiunge il diretto interessato: “Non mi sento timido. Sono una persona a cui piace catturare i momenti della vita, avere i miei pensieri e le mie esperienze trasmesse online perché è così che vanno le cose oggi. Il tennis è uno sport solitario, avere hobby al di fuori di quello è importante per la salute mentale. Anche mio nonno Sergei era un produttore e scrittore cinematografico. Penso che questa passione arrivi dalla parte russa del mio patrimonio genetico”.

Nonostante o forse proprio a causa di un legame così forte, ci sono momenti di tensione anche pubblica all’interno della famiglia Tsitsipas. Alla ATP Cup nel 2020, Stefanos ha colpito accidentalmente il padre mentre distruggeva una racchetta a bordo campo.

Un mese dopo, a Dubai, disse che a volte sentiva che i genitori fossero “decisamente troppo coinvolti” nella sua carriera. Per tutta risposta, la madre decise di partecipare ad una delle sue conferenze stampa, ponendogli una serie di domande inerenti all’importanza della famiglia nel successo, mettendo il giovane in una posizione scomoda.

Quando Stefanos era più giovane – ammette Apostolos – era tutto più facile; il mio doppio ruolo deve essere riconsiderato in parallelo alla sua crescita. Devo accettare che stia assumendo più responsabilità e prendendo più decisioni. Devo imparare ad ascoltarlo di più. Ha lavorato sodo negli ultimi due anni. Ha giocato parecchi incontri, semifinali, finali, match molto duri che l’hanno aiutato ad accumulare esperienza. Ha preso alcune decisioni in autonomia, scelto alcuni dei dettagli su cui focalizzarsi, e organizzato i protocolli di lavoro suoi e del team. Si sta assumendo le sue responsabilità, sapendo dove vuole arrivare e come farlo. Sono cose che portano nuove energie”.

Stefanos aggiunge: “Va abbastanza bene. Abbiamo una buona chimica. A volte litighiamo, ma a conti fatti non ci separiamo, e siamo sempre presenti l’uno per l’altro. È una persona buona, ha un grande cuore. La mia famiglia è parte della mia stabilità, le devo molto”.

Fino a dove può spingersi Tsitsipas? Tanto per cominciare, sia lui che il suo team hanno grandi aspettative per questo mese. Per certi versi sarebbe il posto perfetto per una prima grande vittoria, data la forte componente greca presente a Melbourne. Forse la Grecia non è mai stata considerata una nazione particolarmente competitiva nel tennis, ma quella mentalità è cambiata proprio grazie alla scalata di Stefanos nel ranking – è già il miglior giocatore nella storia del tennis greco. “Stefanos ha il potenziale per vincere degli Slam”, racconta Mouratoglou, egli stesso con radici greche. Apostolos conferma: “Penso che sia pronto per vincere un torneo dello Slam, anche psicologicamente. Crede nelle proprie capacità, e ancora non vediamo limiti”.

Per Tsitsipas, la sua famiglia e il suo Paese, questa è un’opportunità per scrivere un altro capitolo. “Penso sia solo l’inizio”, dice Stefanos, “Penso che se vincessi uno Slam, renderei mio nonno molto orgoglioso. Se lavorerò abbastanza duro e avrò un po’ di fortuna, sarà possibile. Sarebbe il momento migliore della mia carriera, sicuramente”.


Traduzione a cura di Michele Brusadelli

Continua a leggere
Commenti

Flash

Segui il LIVE della Coppa Davis: Italia-Colombia, aprono Sonego e Mejia

A seguire Sinner-Galan Riveros: l’Italia può chiudere il discorso qualificazione. Fra poco Djokovic-Struff. Rublev dà il primo punto alla RTF, ora in campo Medvedev

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego alla 2021 Davis Cup by Rakuten (Credit: Jose Manuel Alvarez/Quality Sport Images/Kosmos Tennis)

18:00 – Si stanno scaldando Lorenzo Sonego e Nicolas Mejia, primi singolaristi del tie fra Italia e Colombia in programma al Pala Alpitour di Torino. In caso di vittoria, gli azzurri staccheranno il biglietto per i quarti di finale. Nell’altro gruppo torinese, il D, l’Australia ha rimontato l’Ungheria con il punteggio di 2-1, tenendosi in vita nella competizione; i magiari affronteranno domani la Croazia, comunque già certa di finire davanti agli aussies.
Negli altri incontri della prima sessione, la Gran Bretagna ha sconfitto la Francia per 2-1, mentre il Kazakistan ha rimontato la Svezia. Entrambe saranno certe di passare il turno con una vittoria negli incontri di domani: la Gran Bretagna se la vedrà con la Cechia, il Kazakistan col Canada.
Per quanto riguarda il tie attualmente in fase di svolgimento a Madrid, Andrey Rublev ha portato in vantaggio la RTF battendo Quiroz dell’Equador per 6-3 4-6 6-1, mentre Medvedev è 3-0 e servizio su Gomez. A Innsbruck, invece, Dominik Koepfer ha battuto Filip Krajinovic 7-6(4) 6-4: vantaggio tedesco sulla Serbia, fra poco Novak Djokovic proverà a raddrizzare la situazione contro Jan-Lennard Struff

I TITOLI DI OGGI

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis: l’Australia rimonta l’Ungheria dopo una lotta ma è quasi fuori (e il pubblico pure…)

L’Australia di Hewitt vince un tie molto equilibrato ma ha poche chance di qualificazione. Piros sorprende Milmann , De Minaur la spunta su Fucsovics poi decide il doppio australiano.

Pubblicato

il

da Torino, il nostro inviato

Mancava l’atmosfera della vecchia Davis? Eccovi accontentati, Australia-Ungheria ha offerto un mix di tutti gli elementi che hanno reso speciale la storia di questa competizione, l’anomalia di un torneo per nazioni nello sport più individuale che possa esistere.

Ci sono volute quasi nove ore di battaglia per decretare il vincitore, l’Australia, con inevitabili ripercussioni sulla programmazione e l’inizio della sfida Italia-Colombia, inizialmente programmata per le 16.00.

 

Molti spettatori ci hanno segnalato lunghe code all’esterno del PalaAlpitour, con disagi dovuti alla mancanza di stand, ristorazione e bar. Per fortuna non piove, ma i 5 gradi di temperatura non aiutano l’attesa.

Nwl primo tie di giornata c’è stato il giovane semisconosciuto che ha sorpreso il più quotato avversario, il drammone trai due numero uno, tra recuperi, rimonte, match point e oltre tre ore di gioco. Ed infine, il doppio-combattutissimo a decidere le sorti della contesa.

A Gabor Koves non è riuscito il bis. Il capitano ungherese era in campo nel 1995 quando l’Ungheria a Budapest soprese l’Australia nei play-off ed oggi dalla panchina ha portato i suoi ragazzi ad un passo da una sorprendente vittoria. L’ha spuntata L’Australia alla fine, ma lo 0-3 del match con la Croazia è un macigno per le speranze di ripescaggio. L’Ungheria domani si giocherà con Cilic e compagni il passaggio del turno, ma bisognerà vedere se Fucsovics sarà in grado di giocare.

L’eroe di giornata (alla fine non decisivo) è senza dubbio il ventiduenne magiaro Zsombor Piros, numero 282 del ranking, campione junior dell’Australian Open cinque anni fa e poi impaludatosi a livello challenger, dove quest’anno ha perso contro i nostri Giovanni Fonio e Francesco Forti ( ma recentemente è stato finalista a Bratislava, sconfitto dal Re del circuito minore Griekspoor). Piros ha battuto in tre set John Millman, numero 72 del mondo, preferito a Popyrin dopo la brutta prestazione di giovedì. “Non ho dormito molto la notte scorsa, non avevo mai giocato a questi livelli ed ero molto eccitato. Dopo i successi da junior le cose non sono andate come mi aspettavo, pensavo che il percorso fosse più breve ma penso adesso di essere sulla strada giusta”.

È stata poi la volta dei due numeri uno, Alex De Minaur, chiamato a riscattarsi dopo il ko con Cilic, e Marton Fucsovics. Il match è stato avvincente, a tratti molto ben giocato con la trama chiara sin dal primo quindici: l’ungherese a spingere e l’australiano a fare da muro.

Lo spettacolo nello spettacolo è stato garantito da Lleyton Hewitt, tarantolato ed incapace di stare fermo sulla sua panchina, quasi volesse entrare in campo al posto del suo numero 1.

Alla fine l’ha spuntata De Minaur al tiebrek del terzo set, dopo che aveva servito per il match sul 6-5, fallendo anche un match point in un game lunghissimo che ha condensato tutte le emozioni di questa manifestazione, con la claque ungherese a sgolarsi per Marton.

Fucsovics ha lottato strenuamente con grande coraggio, ma nel tiebreak era quasi fermo a causa di un problema alla caviglia. E difatti Koves lo ha prontamente sostituito con Piros nella formazione del decisivo doppio.

E qui è cominciata la parte più emozionante della sfida, per la disperazione degli spettatori italiani in attesa in lunghe code all’esterno del PalaAlpitour (e dei cronisti rassegnatisi via via ad una lunga serata…), con il doppio che ha visto i due ragazzi ungheresi tenere testa alla grande al più collaudato doppio aussie condotto da Peers, campione slam nella specialità.

Dopo aver vinto il primo set gli australiani hanno sprecato due match point nel tiebreak del secondo, prima di arrendersi 12-10 agli scatenati ungheresi alla quinta palla set. Nel terzo parziale Peers ha fatto valere la sua classe di doppista esperto, ma ci sono voluti altri due match point per avere la meglio sui giovani ma indomiti avversari.

Z. Piros (HUN) – J. Milmann 4-6 6-4 6-3

A. De minaur (AUS) – M. Fucsovics 7-5 2-6 7-6(2)

A. Bolt/J. Peers (AUS) – F. Marozsan/Z. Piros 6-3 6-7(10) 6-3

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis: Alexander Bublik guida la rimonta del Kazakistan sulla Svezia

Elias Ymer batte Kukushkin, ma Sasha rinviene su suo fratello Mikael in tre set. Golubev e Nedovyesov vincono facilmente il doppio. Domani i kazaki dovranno battere il Canada per accedere ai quarti

Pubblicato

il

MADRID, SPAIN - NOVEMBER 27: Davis Cup by Rakuten Finals 2021 at Madrid Arena on November 27, 2021 in Madrid, Spain. (Photo by Mateo Villalba/Quality Sport Images/Kosmos Tennis)

KAZAKISTAN b. SVEZIA 2-1

E. Ymer b. M. Kukushkin 6-3 7-6(4)
A. Bublik b. M. Ymer 3-6 6-4 6-0
A. Golubev/A. Nedovyesov b. A. Goransson/R. Lindstedt 6-3 6-3

Il Kazakistan batte la Svezia 2-1 nel secondo tie del Gruppo B e sogna i quarti di finale. La nazionale asiatica – che ha anche un pezzettino di Italia nel suo team, rappresentato dall’incordatore torinese Andrea Candusso – ha superato gli scandinavi in rimonta.

 

Nel primo singolare, quello tra i numeri due delle formazioni, Elias Ymer ha superato Mikhail Kukushkin in due set (6-3 7-6): il maggiore dei due fratelli ha operato il break nel secondo gioco del primo set, mentre nel secondo si è fatto trascinare al tie-break dopo aver sprecato per ben tre volte un break di vantaggio; nel game di spareggio ha trovato l’allungo decisivo sul 3-1, vincendo gli ultimi quattro punti al servizio per dare alla sua nazionale il punto.

Nel secondo singolare, tuttavia, Alexander Bublik ha piegato alla distanza il più quotato dei fratelli Ymer, vale a dire Mikael, reagendo dopo il primo set perso e finendo per imporsi addirittura 6-0 al terzo. Il doppio decisivo è stato vinto senza troppa fatica da Golubev e Nedovyesov, che hanno superato gli scandinavi Goransson e Lindstedt in due comodi set.

La situazione di classifica vede ora la Svezia ferma a una vittoria – quella nel tie inaugurale contro il Canada – e una sconfitta. Il Kazakistan, dunque, avrà l’opportunità di qualificarsi ai quarti di finale battendo domani un Canada privo di Shapovalov e Auger-Aliassime. Un obiettivo che sembra alla portata dei kazaki. La Svezia sembra comunque in ottima posizione per il ripescaggio, avendo riportato una vittoria per 3-0 e una sconfitta per 1-2.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement