Invasione di campo a Conception durante la finale del Challenger locale

Flash

Invasione di campo a Conception durante la finale del Challenger locale

Il match tra Cerundolo e Baez è stato interrotto all’inizio del secondo set causa l’irruzione di una cinquantina di manifestanti

Pubblicato

il

Non c’è nulla da fare: di questi agitati tempi il tennis giocato sembra dover costantemente occupare una posizione di secondo piano, sopravanzato da spinose questioni non strettamente inerenti che immancabilmente ne prendono il posto sulle prime pagine della stampa specializzata e non. Tra sconvolgimenti causati dal putiferio pandemico, bisticci tra colleghi, chiacchieratissimi infortuni o – come nel caso che stiamo per raccontarvi – rivendicazioni di stampo sociale, l’extra campo finisce sempre più spesso sotto le luci dei riflettori.

Extra-campo relativamente, occorre dire, poiché il surreale episodio avvenuto nella serata italiana di ieri nella città cilena di Conception si è consumato proprio nei 23×10 del rettangolo in terra battuta. Era appena iniziato il secondo set della finale del Challenger locale tra Francisco Cerundolo e l’interessante connazionale Sebastian Baez (ottavo nella race aggiornata questa mattina per i nati dopo il trentuno dicembre 1999), quando, armati di bandiere, trombette e animali domestici, una cinquantina di manifestanti hanno fatto irruzione in campo, obbligando il giudice di sedia a sospendere il match per diversi minuti.

La protesta della piccola ma rumorosissima folla era legata a motivi… calcistici. Nei pressi del Club ha infatti sede il campo che ospita le partite dell’Alianza Bellavista, squadra amatoriale di Conception in procinto di ritrovarsi senza casa. Sulla superficie del suddetto campo, infatti, sta per essere realizzato un complesso edilizio comprensibilmente osteggiato dai sostenitori del team, i quali hanno scelto l’ultimo atto del Challenger come palcoscenico per far sentire la propria voce.

 

Per la cronaca, dopo la pausa forzata Cerundolo ha rimontato il set di svantaggio, ma ha finito per perdere al tie break del terzo avendo sprecato la possibilità di servire per il match sul cinque-quattro. Sebastian Baez invece può festeggiare: quello di Conception è il suo primo alloro nel secondo circuito professionistico.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Medvedev supererà Nadal e sarà numero 2 del mondo: è il primo ‘non Fab 4’ dal 2005

Il sorpasso avverrà ufficialmente il 15 marzo, quando Nadal perderà il 50% dei punti di Indian Wells 2019. L’ultimo a riuscire in questa impresa, prima del dominio dei Fab 4, fu Hewitt nel luglio 2005

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Tanto tuonò che piovve, dice il proverbio. Dopo l’occasione fallita a Melbourne e quella in verità neanche sfiorata a Rotterdam, dove è stato eliminato prematuramente, Daniil Medvedev si è assicurato la seconda piazza del ranking ATP. Si tratta di un traguardo storico non soltanto per il tennista russo; Medvedev sarà infatti il primo ‘non Fab 4’ sul secondo gradino del ranking dal lontano luglio 2005, quando Hewitt fu scalzato da Nadal. Da quel momento, è stato un affare riservato soltanto a Djokovic, Nadal, Federer e Murray.

Medvedev riuscirà a scavalcare Nadal (per una manciata di punti) grazie all’ultimo aggiornamento dei regolamenti ATP sulle classifiche, che consente ai tennisti di conservare soltanto il 50% dei punti conquistati nei tornei giocati tra il 4 marzo e il 5 agosto 2019 e non disputati nel 2020 a causa della pandemia. Tra questi c’è Indian Wells, la cui ultima edizione è stata vinta da Thiem. Nadal si ritirò prima di disputare la semifinale contro Federer, guadagnando 360 punti dei quali ha titolo a mantenerne solo la metà (180). Fino al ritorno in campo dello spagnolo, che non avverrà prima di Miami, questi 180 punti non sono sufficienti a rimanere davanti a Medvedev che in quella edizione vinse una sola partita e perderà appena 22 o 23 punti (la metà di 45). Senza considerare il risultato di Marsiglia, dove il russo potrà incrementare il suo bottino in classifica, Medvedev è sicuro di operare il sorpasso per una quarantina di punti.

 

In linea teorica, i tornei rimossi dal calendario del 2021 e non ancora riprogrammati sono in una sorta di limbo, poiché in assenza di comunicazioni ufficiali sulla cancellazione si può ancora presumere una disputa del torneo in un altro momento della stagione. Il fatto che l’ATP abbia ufficializzato il sorpasso di Medvedev per il 15 marzo, giorno in cui verrà dunque rilasciata la prima classifica ‘scongelata’ dopo un anno, certifica di fatto che quest’anno il torneo di Indian Wells non dovrebbe giocarsi.

Continua a leggere

Flash

ATP Santiago: il cileno Garin guida il tabellone. Tre italiani al via

Caruso, testa di serie numero 6, pesca Carballes Baena. Avversari argentini per Cecchinato e Mager

Pubblicato

il

Salvatore Caruso - Buenos Aires 2021 (courtesy of Argentina Open 2021)

Lunedì, sui campi in terra rossa di Santiago del Cile, prenderà il via il Chile Dove Men+Care Open, torneo ATP 250 e terzo appuntamento del “golden swing” sudamericano, che segue gli appuntamenti argentini di Cordoba e Buenos Aires.  

La testa di serie numero 1 del tabellone è il numero 22 del mondo e padrone di casa Christian Garin, che dopo la precoce eliminazione per mano di Nagal a Buenos Aires cerca il primo successo del 2021 sul suolo amico. Il cileno ha saltato il primo slam della stagione per un infortunio al polso sinistro. Dopo il bye di cui beneficerà al primo turno, troverà il vincente della sfida tra lo slovacco Kovalik e un qualificato.

La seconda testa di serie è il francese Benoit Paire, protagonista questa settimana di atteggiamenti sopra le righe nel match perso a Buenos Aires contro Cerundolo e di successivi sfoghi sui social. Dopo il bye di cui usufruirà al primo turno, il francese avrà come avversario nel suo match di secondo turno un giocatore proveniente dalle qualificazioni.

 

Bye al primo turno anche per le teste di serie numero 3 e 4, rispettivamente Andujar e Djere. Lo spagnolo al secondo turno aspetta il vincente del match tra il colombiano Galan ed il tedesco Altmaier, mentre il serbo scenderà in campo contro uno tra il portoghese Pedro Sousa e l’argentino Leonardo Mayer.

Per quanto concerne gli italiani, il siciliano Salvatore Caruso, numero 79 del ranking, si troverà di fronte lo spagnolo Carballes Baena, numero 97 del ranking, con cui ha giocato in doppio a Buenos Aires. In caso di successo al secondo turno lo aspetta il vincente della sfida tra wild card, ossia uno tra il fresco vincitore del torneo di Cordoba Juan Manuel Cerundolo e l’atleta di casa Gonzalo Lama. L’altro siciliano in tabellone, il palermitano Marco Cecchinato, numero 89, affronterà l’argentino Bagnis, attualmente n.115 al mondo, con cui ha perso l’ultimo precedente datato 2015 giocato sulla terra argentina. Avversario argentino anche per Mager. Il giocatore ligure, reduce dagli ottavi di Buenos Aires, esordirà contro la testa di serie numero 7 Federico Coria.

Tutti i tabelloni della settimana


Articolo a cura di Giuseppe di Paola

Continua a leggere

Flash

ATP Buenos Aires: ancora Cerundolo, ma questa volta è Francisco! Finale con Schwartzman

Continua il sogno dei fratelli Cerundolo. Dopo il successo di Juan Manuel a Cordoba, Francisco gunge in finale a Buenos Aires. Affronterà “El Peque” per il titolo

Pubblicato

il

Diego Schwartzman - Buenos Aires 2021 (via Twitter, @atptour)

La favola continua per i fratelli Cerundolo. Se la settimana scorsa, a Cordoba, il 19enne Juan Manuel Cerundolo ha sorpreso tutti vincendo il titolo alla sua prima partecipazione a un evento del circuito maggiore, suo fratello Francisco sta vivendo il suo primo momento di gloria in quel di Buenos Aires. Il ventiduenne si è qualificato per la sua prima finale ATP (alla seconda partecipazione ad un evento maggiore) configurando un evento più unico che raro: due fratelli in una finale ATP back to back, in due settimane consecutive.

Il n. 137 ATP, proveniente dalle qualificazioni, ha superato in semifinale il veterano spagnolo Albert Ramos Viñolas, finalista la scorsa settimana a Cordoba dove è stato battuto proprio da Juan Manuel. La partita è stata molto combattuta e alla fine Cerundolo si è imposto alla distanza con il punteggio di 7-6(5) 3-6 6-2. Nove break in tutto l’incontro, come era facile ipotizzare tra due giocatori che non fanno del servizio un’arma formidabile; l’argentino ha dimostrato di averne di più nel parziale decisivo.

Francisco Cerundolo – ATP Buenos Aires 2021 (via Twitter, @atptour) (1)

Domenica (alle 19 italiane), Francisco Cerundolo troverà dall’altra parte della rete il grande beniamino di casa, Diego Schwartzman, n. 1 del tabellone e n. 9 del mondo, 28 anni, alla sua 11° finale in carriera. Ha vinto tre titoli, ma non è mai riuscito a imporsi in casa nel circuito maggiore (nel 2019 fu fermato proprio qui a Baires da Cecchinato). In semifinale, “El Peque” ha surclassato il 21enne serbo Miomir Kecmanovic, con lo score di 6-0 6-4. Punticini utili a difendere la nona piazza in classifica, dacché di rincorrere chi gli sta davanti – il più vicino, Rublev, corre come un forsennato – per ora non se ne parla.

 

Il tabellone completo del torneo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement