ATP Dubai, Karatsev non si ferma più: battuto Harris e primo titolo in carriera

ATP

ATP Dubai, Karatsev non si ferma più: battuto Harris e primo titolo in carriera

Lunedì il russo sarà fra i 30 migliori giocatori al mondo – un anno fa era fuori dai primi 250!

Pubblicato

il

Aslan Karatsev (Credit: @DDFTennis on Twitter)

Aslan Karatsev, il ventisettenne russo grande rivelazione della stagione, ha conquistato il suo primo titolo in carriera battendo Lloyd Harris per 6-3 6-2 in 75 minuti. Settimana prossima sarà N.27 al mondo, quinto nella Race to Turin (è peraltro preceduto da due connazionali). Il 9 marzo del 2020 era N.263 ATP; si può parlare di una delle ascese più sorprendenti degli ultimi anni, un vero e proprio Carneade che ora sembra avere la sicurezza e il gioco per vincere ogni match.

LA STRADA VERSO LA FINALE – Harris ha ottenuto la prima vittoria contro un Top 10 in carriera battendo Thiem al secondo turno, per poi eliminare altri che fra i primi ci sono stati come Nishikori e Shapovalov (contro quest’ultimo ha giocato con una vistosa fasciatura alla coscia destra da metà primo set in avanti). Karatsev ha invece ottenuto la sua seconda vittoria contro un membro dell’élite durante il torneo quando ha battuto Rublev nella giornata di ieri (la prima a Melbourne contro Schwartzman).

Il sudafricano risponde all’identikit del colpitore sovradimensionato contemporaneo, fondato su servizio e dritto ma dal rovescio incrociato di livello (soprattutto con il passante) e dotato di buona mobilità in relazione alla statura, mentre Karatsev ormai lo conosciamo, gioca senza il benché minimo salvagente spingendo tutti i fondamentali semipiatti con quei polpacci da Roberto Carlos, tanto che un divertente video emerso in questi giorni lo mostra al lavoro con un disperato Tursunov che cerca di convincerlo a variare e mettere un po’ di spin per tenere in campo qualche colpo in più:

 

Per ora, però, sta avendo ragione il buon Aslan, almeno in un momento di chiara fiducia com’è questo: 14-2 nel 2021 prima di questo match (sconfitto solo da Djokovic e Thiem) con semifinale a Melbourne e 40-8 dalla ripresa del tour ad agosto, un tesoretto di vittorie e autostima costruito principalmente a livello Challenger ma per il momento traslato ineffabilmente nel circuito maggiore.

Infine, la stanchezza difficilmente poteva essere un fattore, nel senso che il surmenage era vero per entrambi: Harris ha fatto sette partite partendo dalle qualificazioni con tre set persi (ha infatti scherzato dicendo di sentirsi come se avesse giocato due tornei), mentre Karatsev ha vinto i suoi ultimi quattro match al terzo, due dei quali in rimonta contro Sonego e Sinner – entrambi avevano trascorso poco più di 11 ore in campo prima della finale.

PRIMO SET – Nella prima sfida in assoluto fra i due, Karatsev ha colpito subito per il 2-0, trovando le facili accelerazioni acute a cui ci ha abituati negli ultimi mesi. Harris ha trovato due ace nel secondo gioco, ma quando lo scambio è partito non ha mai avuto la situazione in mano – bella soprattutto la combinazione di rovesci con cui Aslan è salito a palla break per poi piazzare un altro dritto in cross con i piedi dentro al campo su cui Harris non è riuscito a recuperare. Nel game successivo il sudafricano ha avuto una mezza chance su un errore di dritto dell’avversario, ma Karatsev l’ha subito cancellata con una prima esterna.

Va dato atto a Harris di aver saputo mettere giù la testa e reggere il più possibile, sfruttando anche qualche imprecisione di troppo del dritto del russo e attaccando bene la seconda (solo un punto su sei per Karatsev nei primi cinque game con il fondamentale), ma nei momenti decisivi il russo ha sempre mostrato una certa confidenza, trovando tanti punti diretti con il servizio (in particolare quello esterno da destra).

Il problema per Harris è che la strategia iper-aggressiva dell’avversario in risposta alla sua, di seconda, gli ha fatto perdere sicurezza: nonostante alte velocità, Karatsev era sempre con i piedi in campo, colpendo pulito e potente e vincendo quattro punti su quattro sul colpo dell’avversario. Nel quinto gioco, una di queste risposte agassiane gli ha dato tre palle del 5-1, ma Harris è riuscito a trovare tre prime per annullarle, rimanendo a contatto. Nel game successivo Karatsev ha concesso qualcosina con due doppi falli, ma sul 40-40 si è cavato d’impaccio con un gran passante di dritto lungolinea, salendo 5-2 e tenendo poi a zero per il 6-3 dopo 38 minuti.

SECONDO SET – A inizio parziale Karatsev è riuscito a spingere in risposta da subito, costringendo Harris a colpire in movimento o impedendogli di caricare il dritto (alla fine i vincenti da fondo saranno 19-3 per il russo): un profondo rovescio in cross gli ha dato il 15-40 immediato, e un errore di dritto del qualificato ha prodotto il break dell’1-0. La partita sarebbe potuta finire lì, perché Karatsev ha continuato a crescere, impattando senza problemi anche le prime in una fase di kleos assoluto; l’ennesima risposta di rovescio con i piedi dentro al campo gli ha dato due palle del doppio break, e solo qualche errore non forzato gliel’ha precluso.

Avanti 3-2, Karatsev ha ricominciato a regalare qualcosina con il dritto, e una risposta profonda di Harris ha generato una palla break, ma come ha sempre fatto sui punti decisivi Aslan ha giocato in sicurezza, trovando la prima e seguendo l’approccio nello spazio vuoto a rete. Tenuto il servizio, la wildcard ha chiuso l’incontro in scioltezza: prima ha trovato una risposta vincente di dritto d’incontro, e poi ha spinto nello scambio per provocare l’errore di Harris che gli ha dato il 5-2 – il titolo è arrivato subito dopo con uno smash a rimbalzo, come sempre con un angolo irraggiungibile.

“Sono supercontento”, ha detto per la verità con la consueta flemma. “Abbiamo fatto un buon lavoro con il mio team, mi è piaciuta la superficie rapida che usano qui rispetto a quella di Doha. La settimana è stata piuttosto dura, spero di poter recuperare per Miami”.

I NUMERI – Karatsev era finalista da wildcard (il terzo a Dubai dopo Santoro nel 1993 e Muster nel 1997, il primo a farlo da unseeded), Harris da qualificato (il primo nella storia del torneo a raggiungere la finale). Si tratta di una combinazione piuttosto rara, la sesta nell’Era Open considerando wildcard non teste di serie:

Image
Credit: @bry17may on Twitter

Come detto, questa era anche la prima finale per Karatsev (anche se settimana scorsa ne aveva già fatta una in doppio, vinta, a Doha), mentre per Harris questa è la seconda sconfitta dopo quella patita lo scorso ad Adelaide proprio con quell’Andrey Rublev frenemy di Karatsev (ci ha perso ieri interrompendo la striscia di vittorie nei 500, ma è stato stato suo compagno sia settimana scorsa in Qatar che nella vittoriosa spedizione in ATP Cup). Karatsev salirà al N.27, Harris al N.52 delle classifiche – best ranking per entrambi, ça va sans dire. Entrambi sono registrati per giocare a Miami, bisognerà vedere se dopo le fatiche di questa settimana vorranno affrontare la trasferta in Florida.

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Roma: il coprifuoco non ferma Sonego. Straordinaria vittoria con Thiem [VIDEO-COMMENTO]

Tre ore e mezza di partita intensa ed emozionante: vince Lorenzo Sonego, purtroppo con gli spalti vuoti dopo l’uscita del pubblico per il coprifuoco. Sfiderà Rublev ai quarti

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - ATP Roma 2021 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

L. Sonego b. [4] D. Thiem 6-4 6-7(5) 7-6(5)

Non ho mai pensato di perdere questa partita“. Così Lorenzo Sonego ha commentato a caldo la strepitosa vittoria su Dominic Thiem, arrivata dopo tre set e tre ore e mezza di battaglia. Eppure quella partita il torinese è andata vicinissimo a perderla, quando sul 5-3 nel terzo set ha annullato un match point al proprio avversario prima di riuscire ad arrampicarsi fino al tiebreak decisivo. Al di là dell’ottimo livello di tennis espresso, la cosa che ha veramente impressionato di Lorenzo oggi è stato l’atteggiamento, la capacità di restare attaccato al match anche quando le cose sembravano ormai indirizzate verso il peggio. Sì, perché Thiem ha giocato un primo set certamente sottotono, ma poi alla lunga è andato in crescendo, vincendo con merito il tie-break del secondo parziale e poi salendo 5-3 nel terzo e arrivando, come detto, a un passo dalla vittoria.

Persino nel tie-break decisivo quei due consecutivi rovesci vincenti di Thiem avrebbero potuto minare le sicurezze dell’italiano che invece ha reagito subito, portando a casa il match. Un successo, il secondo contro un top 10, che ha un sapore decisamente migliore di quello ottenuto contro Novak Djokovic a Vienna, quando il numero uno al mondo era apparso in evidente disarmo e a secco di motivazioni, al contrario del Thiem di oggi.

 

Per la quarta volta negli ultimi quattro Masters 1000, un italiano disputerà i quarti di finale (Sinner a Miami, Fognini a Montecarlo e Berrettini a Madrid). Per Sonego in particolare questi saranno i secondi quarti di finale in un Masters 1000 (la prima volta fu a Montecarlo 2019) dove tenterà una nuova impresa contro Andrey Rublev, il quale ha rifilato un doppio 6-4 a Roberto Bautista Agut.

IL MATCH – Sonego sa di dover essere il primo a prendere l’iniziativa, cercando di dettare lui il ritmo degli scambi senza finire nel martellamento di Thiem. Il servizio fortunatamente lo assiste in queste prime fasi dell’incontro e gli permette di concentrarsi maggiormente sui turni di risposta. Sul 2-2, l’italiano si guadagna tre palle break, di cui due consecutive, ma non riesce a rispondere con efficacia e a sfruttare l’occasione. Lorenzo è però decisamente più pimpante di Thiem, che sembra spesso in ritardo sulla palla e non riuscire a trovare sufficiente spinta con le gambe. Sonego ne approfitta per strappare qualche punto anche sulla diagonale rovescia, in teoria a lui sfavorevole, e per tornare alla riscossa in risposta. Il break finalmente arriva sul 3-3, alla quinta occasione, e permette all’azzurro di scavare un piccolo solco tra sé e l’avversario.

Le prime vere difficoltà al servizio per Sonego si registrano proprio al momento di servire per il set sul 5-4. Thiem ha un sussulto d’orgoglio e sale a palla break, sulla quale l’azzurro si salva con un’ottima stop volley. Lorenzo sigilla poi il set vincendo uno scambio tesissimo e calando una prima pesantissima sulla prima palla buona.

Sonego riprende da dove aveva lasciato, continuando a mettere pressione all’avversario e facendo vedere qualche velenosa smorzata. Dal canto suo però Thiem comincia a trovare maggiore profondità con i propri colpi e nel quarto game si procura due consecutive palle break, sulle quali però Sonego è molto ordinato. L’azzurro trova buone soluzioni anche con il lungolinea di rovescio, non la soluzione più solida del suo repertorio, ma che oggi sta regalando qualche problemino a Thiem. Lorenzo varia benissimo anche al servizio, traendo il massimo dalla posizione estremamente arretrata dell’austriaco.

Thiem prova a mettersi nei guai da solo sul 4-4, regalando due palle break consecutive a Sonego con un doppio fallo e un erroraccio. L’austriaco si riscatta subito giocando quattro punti pressoché perfetti e salendo 5-4. Lorenzo non accusa la tensione, tiene il servizio e poi torna a farsi pericolo in risposta. Un gran pallonetto e un gran dritto lo portano a palla break, ma Thiem lo butta fuori dal campo col dritto. Sulla seconda occasione la scena è la stessa con Sonego costretto ad affossare in rete il dritto in corsa. Sul 6-5, l’italiano pasticcia a rete un paio di volte e si ritrova a dover fronteggiare due set point di fila. Ancora una volta Lorenzo gioca alla perfezione e li cancella entrambi, ma ne offre subito un altro, sul quale nuovamente non lascia l’iniziativa a Thiem. Dopo quattordici punti di sofferenza, l’azzurro riesce finalmente ad agguantare il tie-break.

Thiem si invola rapidamente sul 4-1 grazie a due rovesci poderosi, ma Sonego si rifà subito sotto con un grande recupero su una smorzata e un dritto vincente. Un pallonetto troppo corto dell’austriaco gli dà la chance di smashare agevolmente per il 4-4. Thiem però va a prendersi di forza altri due set point con una risposta vincente: sul primo Sonego si salva con un rovescio lungolinea vincente, ma sul secondo l‘austriaco mena come un fabbro e alla fine costringe il torinese alla resa.

Essendo le 21.30 passate, il gioco viene sospeso per permettere al pubblico di defluire fuori dall’impianto in ottemperanza alle norme sul coprifuoco. Curiosamente anche Sonego e Thiem lasciano il Grandstand per poi farvi ritorno una ventina di minuti dopo a spalti svuotati, mentre Bautista-Agut e Rublev, impegnati sul Pietrangeli, attendono in campo che gli spettatori se ne vadano.

La pausa sembra far bene a Sonego che parte forte e sale 2-0. Thiem però ha definitivamente ingranato e fa sentire la maggior pesantezza di palla, rispondendo con continuità e mettendo l’italiano costantemente sulla difensiva. L’austriaco ribalta la situazione vincendo quattro giochi consecutivi e andando sul 4-2.

Sonego non molla nonostante lo svantaggio, annulla un match point sul proprio servizio nel nono game e poi prova l’ultimo disperato assalto in risposta. Una risposta un po’ fortunata gli regala due palle break di fila, che Thiem cancella con un drittone sulla riga e una prima vincente. Sulla terza però il pallonetto di Lorenzo è buono e gli vale il 5-5. Tocca di nuovo al tiebreak dirimere la questione, come nel secondo set. Ancora una volta è Sonego a partire meglio, salendo 2-0 e poi 5-3, grazie anche a una smorzata telefonata di Thiem. L’austriaco però pesca dal cilindro due rovesci lungolinea vincenti da antologia e riequilibra le cose. Dominic rovina tutto con un’improvvida discesa a rete e viene poi punito da una gran prima vincente di Sonego, che può finalmente festeggiare con il proprio angolo una vittoria che ricorderà per sempre.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Roma: Sinner ancora rimandato da Nadal. “Potevo e dovevo fare meglio” [VIDEO commento]

Jannik gioca alla pari, ma sciupa due break nel primo set e un vantaggio di 4-2 nel secondo. Rafa in ottima forma vola agli ottavi contro Shapovalov

Pubblicato

il

[2] R. Nadal b. J. Sinner 7-5 6-4

Non riesce l’impresa a Jannik Sinner che, sul centrale del Foro Italico, cede in due set a Rafael Nadal dopo due ore e un quarto di partita. L’italiano ancora una volta se l’è giocata alla pari, a viso aperto, ma non è riuscito a concretizzare molte chance e alla fine ha dovuto cedere alla maggiore esperienza dell’avversario, autore a sua volta di una prestazione ottima. I passi avanti rispetto al precedente giocato al Roland Garros lo scorso anno ci sono stati, con Sinner capace di assorbire il colpo di un primo set perso pur avendo avuto chance e di ripartire da zero nel secondo.

Jannik è stato due volte in vantaggio di un break nel primo parziale, facendosi riprendere subito entrambe le volte, e nel secondo era avanti 4-2 prima di perdere quattro giochi consecutivi. La differenza, oltre all’esperienza, l’ha certamente fatta il servizio che ancora non gli permette di guadagnarsi molti punti facili, anche se c’è da dire che spesso sotto pressione la prima gli è venuta in soccorso. La cosa che però consola e impressiona, come sempre, è la forza mentale di Sinner così come l’espressione quasi arrabbiata con cui ha lasciato il campo a fine partita. Evidentemente sentiva di poter vincere e in effetti qualche speranza il match gliel’aveva data.

 

Contro Rafa sulla terra però i miglioramenti non sono bastati, così come non era bastata un paio di settimane fa la partita quasi perfetta di un top 5 come Stefanos Tsitsipas in finale a Barcellona. Sinner può comunque lasciare Roma con la consapevolezza dei grandi passi avanti compiuti e con un nuovo best ranking da numero 17. Nadal invece proseguirà la sua corsa nel torneo contro Denis Shapovalov (2-1 i precedenti in favore del maiorchino), che ha eliminato in due set Stefano Travaglia. L’azzurro ha giocato molto bene nel primo set, ma una volta perso il tie-break non ha più tenuto il ritmo del canadese che ha vinto piuttosto agevolmente il secondo parziale per 6-3.

Appena sono uscito dal campo, io e Riccardo ci siamo detti la stessa cosa” ha esordito Jannnik in conferenza.Ora non voglio dirlo qui, però sento che potevo e dovevo fare meglio. Il lavoro è ancora veramente tanto, oggi fa male e questo non mi farà dormire bene stanotte. D’altra parte so a che punto sono, so dove devo migliorare e vediamo la prossima volta come va“. Una certezza però c’è: “Oggi sono entrato in campo per vincere, non è che se incontro Nadal le cose cambiano. Anzi, devo fargli capire che voglio vincere“.

IL MATCH – Come suo solito, Jannik prende da subito il controllo degli scambi e con i piedi dentro il campo sa come fare male agli avversari, anche del calibro di Nadal. L’azzurro trova il break già in apertura di match, ma pecca un po’ di imprecisione e offre una palla dell’immediato controbreak che Rafa concretizza con il proprio marchio di fabbrica, il dritto lungolinea. I due continuano a scambiarsi mazzate da fondo con Sinner che non rinuncia a prendersi molti rischi, anche a costo di sbagliare. Il gioco sembra valere la candela perché l’italiano riesce nuovamente a far breccia nel servizio dell’avversario e a salire 3-2. Ancora una volta però Jannik non riesce a confermare il break e la situazione torna subito in equilibrio. Nadal, da vecchio volpone e maestro di questa superficie, mischia bene le carte al servizio e alterna benissimo palleggi più carichi a mortifere palle corte, cercando di presentare più problemi possibili al gioco di Sinner. L’iniziativa è più nelle mani del maiorchino, che subisce molto meno la pressione dell’avversario rispetto a inizio match.

Senza ulteriori strappi si arriva sul 5-4 ed è qui che le cose si complicano terribilmente per l’italiano. Il servizio non fa troppo male a Rafa, che tiene profonda la risposta e costringe Jannik a forzare da dietro. Tre errori portano Sinner a dover fronteggiare altrettanti set point consecutivi. Stavolta la battuta gli dà una mano, mentre il dritto e la testa fanno il resto. Una a una, con calma e diligenza, Jannik annulla le tre chance e va a impattare sul 5-5. La differenza nella gestione dei turni di servizio è però abissale tra i due: Nadal ormai viaggia abbastanza tranquillo, mentre l’italiano deve faticare enormemente. Sul 6-5 Sinner si mette di nuovo nei guai con un doppio fallo che regala all’avversario il quarto set point, cancellato da una buona prima. Sempre con l’ausilio del servizio ne annulla altri due, ma il settimo deve giocarselo con la seconda e gli risulta fatale. 7-5 Nadal dopo un ora e dieci minuti di gioco.

Perdere un set in questo modo, a un passo dal tie-break e dopo essere andato due volte avanti di un break, dovrebbe costare molto in termini di energie mentali, ma Jannik riparte come se niente fosse e anzi, quasi con rinnovata energia. L’italiano spinge benissimo con il rovescio coperto, anticipando più che può sul dritto mancino di Nadal, e strappa il servizio all’avversario nel terzo gioco. A differenza di quanto accaduto nel primo set, Sinner riesce a confermare il break e a salire 3-1. Jannik regge bene il ritmo e si difende bene fino al 4-3, quando un paio di imprecisioni gli costano la prima palla break del set, trasformata da Nadal al termine di uno scambio massacrante.

Lo spagnolo sale 5-4 e scarica la pressione sul più giovane avversario, che si ritrova ora a dover servire per restare nella partita. Jannik sale 30-0, ma subisce la rimonta di Rafa che si arrampica a match point. La prima gli permette di salvarsi, ma subito dopo ne arriva un altro, annullato con una coraggiosa palla corta. Una terza occasione se ne va su un dritto steccato di Nadal, che però non sbaglia sul quarto match point e chiude con un gran dritto lungolinea.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Roma, Berrettini domina Millman e vola da Tsitsipas: “Siamo due giocatori simili”

Matteo non soffre e supera l’australiano in due comodi set. Agli ottavi super sfida contro Tsitsipas: “Non credo sia più giusto chiamarci Next Gen, stiamo macinando risultati”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - ATP Roma 2021 (ph. Giampiero Sposito)

Altra grande prova di Matteo Berrettini che supera in due set John Millman e si qualifica per gli ottavi di finale agli Internazionali d’Italia. Una partita da vero top 10 per Matteo, che dal 4-4 nel primo set ha cambiato marcia, vincendo sette game consecutivi e mettendo in ghiaccio una partita potenzialmente insidiosa contro un avversario di buon livello. Più che la solita grande prestazione al servizio (appena quindici punti persi in tutto il match e zero palle break concesse), è importante sottolineare la grande autorità e consapevolezza con la quale Berrettini ha affrontato l’incontro. Al prossimo turno sarà fondamentale alzare ancora l’asticella perché dall’altra parte della rete ci sarà Stefanos Tsitsipas. Sarà la prima sfida su terra rossa tra i due, dopo che il greco si è aggiudicato i precedenti incroci, al primo turno dell’Australian Open 2019 e nelle qualificazioni dello US Open 2017.

IL MATCH – Millman parte bene vincendo i primi sei punti del match e affacciandosi sullo 0-30 nel primo turno di servizio di Berrettini. Matteo reagisce aggiudicandosi otto dei successivi nove, cosa che lo porta ad avere tre consecutive palle break. L’australiano riesce però a salvarsi e a salire sul 2-1. Entrambi continuano a servire molto bene e a spartirsi pressoché equamente gli scambi più lunghi da fondo. L’equilibrio si spezza improvvisamente sul 4-4: Millman commette qualche errore di troppo e offre di nuovo a Berrettini l’occasione di strappargli il servizio. Sulle prime due palle break l’australiano se la cava, ma sulla terza non riesce a recuperare la smorzata di Matteo e capitola dopo un game da ben quattordici punti. Forte del break appena ottenuto, l’azzurro tiene agevolmente il servizio e fa suo il set dopo 47 minuti di gioco.

L’onda lunga del parziale perso si fa sentire per Millman, che va subito sotto 0-30 sul proprio servizio. L’australiano scivola nello scambio successivo e viene punito dal passante di rovescio di Matteo, finendo poi per completare il disastro con un doppio fallo. Millman osserva con occhio polemico il punto nel quale ha rischiato di cadere poco prima, ma non si lascia andare a vistose polemiche. Berrettini dal canto suo appare ovviamente alleggerito dal vantaggio e riprende a martellare a più non posso, lasciando all’avversario lo sgradevole compito di correre da un lato all’altro del campo. Matteo strappa ancora la battuta a Millman e sale 4-0 in appena 18 minuti. L’italiano si procura anche una palla del 5-0, ma il suo drittone si stampa in rete, permettendo all’australiano di interrompere la striscia di sette giochi consecutivi del suo avversario. Cambia poco, Berrettini non si distrae e chiude un paio di game più tardi (6-2) dopo ottanta minuti di gioco.

 

Fa sempre bene vincere una partita in poco tempo e giocando bene” ha detto Matteo in conferenza. “Ovviamente sto già pensando a Tsitsipas, anche se devo fare tutta la routine di recupero“. Andrà in scena la sfida saltata a Melbourne per l’infortunio agli addominali di Berrettini: “Secondo me per alcuni versi siamo simili; servizio e dritto, ci piace giocare con spin, usiamo slice e palle corte. Ovvio, è un giocatore in fiducia, ma lo sono anche io. Non credo sia più giusto chiamarci Next Gen, siamo top 10, stiamo macinando risultati – chi più chi meno“. In chiusura, arriva un pensiero interessante: “Capisco Paire. Capisco il fatto che quando arrivi in un torneo come questo o come Montecarlo, che di solito è pieno di gente che urla il tuo nome, invece vedi tutto vuoto ed è più difficile. Io non dico quello che dice lui perché non lo penso, ma capisco che è difficile trovare motivazioni se sei un giocatore che ‘va’ col pubblico“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement