Roland Garros: giornata no per Sonego, Harris lo travolge in tre

Flash

Roland Garros: giornata no per Sonego, Harris lo travolge in tre

Lorenzo commette troppi errori per riuscire a buttarla nella lotta. Il sudafricano finisce in crescendo e realizza una delle sorprese di giornata

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - ATP Roma 2021 (ph. Giampiero Sposito)
 

L. Harris b. [26] L. Sonego 7-5 6-4 6-4

È forse imputabile alla recente, indimenticabile sbornia romana il drastico calo che ha sorpreso noi tutti e Lorenzo Sonego nel giorno del suo esordio al Roland Garros. Non potendo in alcun modo essere certi della correlazione tra i due eventi, occorre allora aggrapparsi all’evidenza dei fatti: la spia della riserva si è accesa, luminosa. Probabilmente la causa dell’insospettabile débâcle sarà da ricercare nella presumibile, ancorché non prevedibile, stanchezza mentale più che in una criticità fisica, o forse in una semplice giornata storta, ché capita anche ai meno inclini alle lune. Peraltro dall’altra parte del net c’era un avversario, Lloyd Harris, che da qualche mese sta veleggiando su un tappeto magico tenuto in aria dalla fiducia e che oggi ha giocato bene. Certo, non ci si aspettava un tale rovescio, ma tant’è.

Non se lo aspettavano i famigerati addetti ai lavori invisi a Naomi Osaka, e tanto meno se lo attendevano gli allibratori, di solito propensi a prenderci per la natura del loro ufficio. Le quote uscite nella serata di ieri garantivano a Lorenzo Sonego un comodo accesso al secondo round, dove invece approderà il sudafricano, ora atteso al varco da un altro collega in fiducia come Cameron Norrie. Non ha funzionato nulla nella partita oggi consegnata ai libri, e il primo ad averlo capito, in tempo reale, è stato proprio Lorenzo Sonego. Nonostante il pubblico di nuovo tornato a far chiasso sulle tribune i microfoni hanno restituito forti e chiari i pareri del protagonista in grave difficoltà; spaccati di pensiero utili a dipingere mano a mano a un quadro di giornata a tinte piuttosto fosche. “Per favore, spingi” – l’educazione delle persone perbene si vede anche nei caratteristici soliloqui -, “sei un pollo“, e via via salendo di tenore fino a travalicare il confine dell’onomatopeico nei disperati tentativi di auto-incitamento giunti quando il timer stava per suonare la sua ora.

 

Di equilibrato, il match ha avuto solo l’avvio, segmento in cui Harris, purtroppo per il Nostro, ha concentrato gran parte degli errori non forzati del suo pomeriggio pur riuscendo a lucrare un break di vantaggio, peraltro subito restituito. La svolta però non sarebbe tardata ad arrivare, sfavorevole al semifinalista degli Internazionali. Un dritto infossato, una palla corta mal congeniata e il buon Lloyd è stato spedito a servire per la prima frazione, di lì a poco chiusa alla terza occasione utile. Dritto e palla corta, simboli e sintomi di una giornataccia da cancellare. Aggiungiamo un servizio, vistosamente contumace: prime, poche e poco fastidiose; seconde, molte e assai attaccabili.

Vinto il primo set Harris si è rasserenato, ha servito bene e giocato meglio i punti pesanti fomentato da un dritto tirato a lustro. Sonego ha corso e lottato come al solito, ma la sua difesa stavolta è rimasta tale, orfana del contrattacco e quindi inutilmente faticosa. Spesso visto troppo vicino ai teloni, Lorenzo ha pagato ancora dazio con un drittaccio lungo nel settimo gioco del secondo, per offrire una nuova palla break stavolta capitalizzata da Harris con lo sventaglione.

Non si sono intravisti i presupposti per una rimonta da ricordare nel consuntivo di fine anno. L’estremo tentativo di ribellione, segnalato da un atteggiamento al solito gladiatorio, si è infranto nel quinto gioco del set decisivo, con un nuovo break di Harris che ha di fatto chiuso la partita. Sonego ha provato a sondare il potenziale braccino del rivale costringendolo a servire per il set dopo aver annullato quattro match point nel gioco numero nove, ma quello ormai di dubbi ne aveva pochini, come bene testimoniano gli zero punti concessi negli ultimi tre turni trascorsi in battuta. Sonego analizzerà, metabolizzerà, e la spia della riserva sarà spenta quando sarà tempo della stagione sui prati. Può essere che, dispiacere a parte per essere riuscito a difendere gli ottavi dell’edizione 2020, una pausa di un paio di settimane a questo punto possa rivelarsi davvero salvifica.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Etcheverry: “Due settimane che mi hanno cambiato la vita. Da lassù mia sorella mi ha aiutato”

“Alexander è un top ten, io ero emozionato. Qui ho festeggiato con i nonni”

Pubblicato

il

Tomas Etcheverry - Roland Garros 2023 (foto Roberto Dell'Olivo)

Il ragazzo di La Plata, sconfitto oggi da Zverev, riconosce il valore dell’avversario e dichiara la propria felicità per il risultato ottenuto, parlando di particolari toccanti legati alla famiglia.

D: Oggi è andata male Thomas, però è stata comunque una bellissima esperienza per te, non è vero?

Etcheverry: “sì, queste due settimane hanno cambiato la mia vita. Oggi è stata un’esperienza straordinaria giocare sul Philippe Chatrier. Certo Alexander ha giocato benissimo e presto parlerò col mio staff per capire come è andata. Ma è stato tutto positivo e incredibilmente bello”.

 

D: nel risultato di oggi quanto è dovuto al fatto che per te era la prima volta su un palcoscenico così importante? Quanto ha fatto lui di buono e per quante di queste cose tu non eri pronto?

Etcheverry. “Alexander è un top ten. Ha giocato qui la semifinale, quest’anno è di nuovo tra i migliori quattro. In effetti all’inizio io ero un po’ contratto ed emozionato e solo nel terzo set ho cominciato a raggiungere il livello di gioco che avevo tenuto nel resto della settimana. È andata così”.

Poche parole per lui. Nelle ultime ore ne aveva spese alcune per ricordare la sorella maggiore Magalì, deceduta per un tumore al seno lo scorso settembre. Su Twitter, Relevant Tennis aveva riportato il pensiero che Thomas le aveva dedicato subito dopo la vittoria con Nishioka, raccontando di averle chiesto aiuto in un certo momento del match e di aver giocato un ace subito dopo.

Tutto vissuto in semplicità, dunque, compresi – continua Relevant Tennis – “I festeggiamenti con i nonni Eduardo e Ana e l’allegro latrare da casa del cane, che manco a dirlo pare si chiami Roland Garros (ma in famiglia per tutti è Rola)”.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, vige la legge “Casper” negli Slam: Ruud approda in semifinale, Rune troppo falloso

Casper Ruud centra la terza semifinale Slam della sua carriera, traguardo che sfugge ancora a Rune. Per il norvegese ora c’è Zverev

Pubblicato

il

Casper Ruud - Roland Garros 2023 (foto Roberto Dell'Olivo)

[4] C. Ruud b. [6] H. Rune 6-1 6-2 3-6 6-3

Vige la legge “Casper” negli Slam: Ruud batte ancora una volta Holger Rune in quattro set nei quarti di finale del Roland Garros e si concede la seconda semifinale consecutiva parigina. 6-1, 6-2, 3-6, 6-4 il punteggio finale di un match durato 2ore e 47′. Il norvegese si conferma uomo da Slam: spento e falloso nell’approcciarsi al Roland Garros, lucido e cinico nel torneo parigino dove si sente sempre più a suo agio. Per lui si tratta della terza semifinale conquistata in uno Slam, dopo quella sempre qui al Roland Garros nel 2022 e allo US Open 2022.

 

Holger Rune è stato spettatore non pagante per due set, poi ha tirato fuori il cartello “Scusate il ritardo” ed è stata gara equilibrata. Nel momento in cui doveva tenere d’esperienza, Ruud è scappato via chiudendo al quinto matchpoint. Il giovane Rune rimane ancora una volta in uno Slam con un quarto di finale tra le mani quasi a chiedersi dove fosse finita la semifinale. In un cono d’ansia vi è finito in avvio, condizionando tutta la gara. Dovrà cominciare a capire che servono le mezze misure, che alle volte quando non si è in partita anche un errore dell’avversario può rimetterti in corsa. Invece, i primi due set sono stati un galà dell’errore del danese. Alla fine ha chiuso la partita con 48 vincenti e 47 errori, ma ben 32 ne ha commessi nei primi due set. Addirittura nove i doppi falli di Rune, cinque dei quali commessi nel primo set. Giovane Holger e questa sua propensione a mostrarsi “Dottor Jekyll e Mister Hyde” a dannare i suoi fan e anche il suo staff che sa del suo potenziale. Eppure Roma non è così lontana, ma tre settimane fa fu altro epilogo anche per via della non perfetta forma fisica del norvegese. Ma bisogna anche considerare il fatto che una gara da tre set su cinque è altra storia e ti dà sempre il tempo per recuperare. Forse per questo motivo Casper gioca molto più sereno e riesce a far valere la potenza dei suoi colpi rispetto alle gare degli altri tornei ATP che si giocano su tre set. Il danese cercava la rivincita dei quarti di finale dello scorso anno quando, sempre in quattro set, fu eliminato da Ruud: ripassare nel 2024 per riprovarci!

Sarà incrocio con Alexander Zverev, la finale mancata dell’anno scorso, un epilogo che la sorte impose fosse differente.

Ruud cercherà la terza finale Slam della sua carriera!

IL MATCH – L’avvio è positivo per il danese che si procura immediatamente due break point. Casper scalda il braccio e fa intendere la sua ottima serata al servizio. Rune si pianta e rischia addirittura di finire 4-0 sotto: non sente la palla, sbaglia abbondantemente in lunghezza i colpi, smarrisce il dritto e si complica la vita al servizio. La gente non si diverte, Ruud pure ma quanto meno mette le mani sul primo set chiuso in 28′.

Non cambia la musica nel secondo set con la testa di serie n. 4 padrone del campo con la gente a chiedersi chi ha rapito il dritto di Rune. La testa di serie n. 6 cerca di entrare in partita, ma gli errori si moltiplicano e soprattutto non cerca neanche tanto la palla corta che a Roma gli aveva dato soddisfazioni. Ruud ringrazia e in 37′ fa 6-2.

Il terzo round è preceduto dal cartello “Scusate il ritardo” portato in alto da Holger Rune. Il pubblico capisce, gradisce e tira un sospiro di sollievo perché la partita si fa intensa e spettacolare. Scambi lunghi e i due giocatori a esaltarsi con i cambi migliori. L’unica pausa al servizio costa al norvegese il break. Rune sale 4-1 e tira un sospiro di sollievo. Il vento spira sul Philippe Chatrier ma entrambi sembrano adattarsi bene. Il danese lascia andare i colpi, trova fiducia nel presentarsi a rete a giocare la smorzata. Si moltiplicano i vincenti del danese: ne trova ben sedici e scalda soprattuto il rovescio lungolinea che gli dà grandi soddisfazioni. Il braccio non trema e bastano 46′ per chiudere la terza contesa con il punteggio di 6-3.

I duellanti arrivano alla quarta frazione. Il primo ad andare in difficoltà è Rune perchè subisce troppo la risposta del norvegese sulla sua seconda di servizio. Riesce ad annullare due palle break, ma precipita alla terza quando, con coraggio, Ruud prende in mano le sorti dello scambio e sale 3-1.

Suona l’allarme del controbreak in casa Casper: Rune si procura immediatamente due palle break salendo 15-40 ma, di fatto, non ha grossi rammarichi perchè di fronte c’è chi sale di rendimento e porta a casa il quinto gioco.

I game sono tutti dominati dal norvegese, ad eccezione dell’ottavo game: ha due matchpoint ma col servizio e con un coraggiosissimo serve and volley sulla seconda strappa applausi. Ruud si aggrappa alla prima di servizio e sale 40-0: Rune annulla con due splendidi rovesci lungolinea i primi due, mentre precipita al terzo dopo un ricamo del norvegese.

Si saluteranno? La domanda che tutti si sono posti nella vigilia del match sapendo il grande affetto che i due non nutrono. Eppure stupiscono tutti con un abbraccio vero che serve a Rune per allontanare di qualche secondo le riflessioni sulle mancate semifinali Slam e a Ruud per cominciare a pensare alla sfida con Zverev.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, Zverev: “Ricordare quanto fossi forte prima dell’incidente mi ha aiutato molto”

“Mi chiedi quanto sia grande il mio cuore? Meno male, credevo mi chiedessi quanto fosse grande un’altra cosa…”

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Roland Garros 2023 (foto Roberto Dell'Olivo)

Un punto è senza dubbio ben chiaro nella mente del semifinalista di Roland Garros 2023: l’incidente di un anno fa è oramai storia. Un capitolo chiuso da dove Sascha vuole ripartire per raggiungere quanto gli è sinora sfuggito. È tranquillo e disteso, al punto di approfittare di una domanda per divertirsi con un gioco di parole velatamente osceno…

D: congratulazioni Sascha. Considerando tutto quello che è successo possiamo dire che questa semifinale è un po’ più dolce di quelle che hai già raggiunto a livello di Grande Slam?

Zverev: “Forse sì, considerando quello che è successo negli ultimi 12 mesi. In realtà una semifinale Slam è sempre un grande risultato e io preferisco considerare il vero traguardo la vittoria dei prossimi due match”.

 

D: oggi hai lottato per più di tre ore come un leone: hai dimostrato forza e cuore. Ma quanto è grande il tuo cuore?

Zverev:“Sono contento che mi stai chiedendo quanto è grande il mio cuore e non qualcos’altro” (ride).

D: come vedi i due rivali di questa sera? Chi sarà secondo te il tuo avversario in semifinale?

Zverev: “Ruud ha giocato la finale qui l’anno scorso; sa come si fa, sa cosa ci vuole per arrivare. Rune è molto giovane, è appena arrivato tra i migliori e sta giocando benissimo, specialmente sulla terra rossa. Ha giocato la finale a Montecarlo e a Roma”.

D: dal punto di vista mentale, ci sono differenze tra l’approccio a una semifinale Slam e a una di un altro torneo? E in ogni caso per questa semifinale in particolare c’è qualcosa di diverso vista la storia degli ultimi 12 mesi?

Zverev: “No, non sto affatto pensando a quello che è successo un anno fa, sono qui per vincere match di tennis. Capisco sia normale che noi ne stiamo parlando oggi, ognuno fa il suo lavoro. In ogni caso ovviamente il Grande Slam è un capitolo a parte, è diverso. E questo vale anche per le Olimpiadi”.

D: con un infortunio così grave hai dovuto in un certo senso reinventare il tuo gioco o sei semplicemente rientrato come se nulla fosse accaduto?

Zverev: “Dopo l’infortunio non ho giocato per 7 mesi e per i successivi 3 ho giocato sentendo dolore. È stato difficile ma mi sono aiutato anche pensando a che giocatore io fossi prima dell’incidente e che tipo di match riuscissi a vincere. Ora non ritorno più del tutto al passato”.

D: quali sono stati i momenti in cui hai capito che il tuo tennis stava tornando, che sarebbe tornato al top?

Zverev: “Quando ho smesso di sentire dolore. In Australia ho giocato su una gamba sola, avevo ancora dolore a Indian Wells e a Miami. Quando ho sentito che la gamba davvero non aveva più problemi a muoversi sul campo, sicuramente quello è stato un bel momento. Ma ripeto, non ci sto pensando più”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement