Australian Open donne: Swiatek doma Cirstea. Disastro Sabalenka: la 36enne Kanepi ai quarti [VIDEO] - Pagina 2 di 2

Australian Open

Australian Open donne: Swiatek doma Cirstea. Disastro Sabalenka: la 36enne Kanepi ai quarti [VIDEO]

La polacca gioca male, ma riesce a rimontare un set all’avversaria. Ai quarti troverà Kanepi, uscita vincitrice da un vero e proprio psicodramma contro Aryna

Pubblicato

il

Iga Swiatek all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)
 

K. Kanepi b. [2] A. Sabalenka 5-7 6-2 7-6(7)

Tanto tuonò che piovve. La testa di serie numero due del tabellone, Aryna Sabalenka, dopo aver giocato male dall’inizio del torneo, è stata alfine eliminata negli ottavi di finale dalla 36enne Kaia Kanepi. L’upsetla seconda sorpresa della giornata, dopo l’eliminazione di Simona Halep per mano di Alizé Cornet – si è concretizzato al termine di una partita nella quale la logica è stata tenuta fuori dalla porta per due orette abbondanti. Soprattutto nel terzo parziale l’altalena emotiva è stata impressionante ed è difficile rendere conto a parole dell’andamento dell’incontro, assolutamente impossibile tentare di ricercare le motivazioni profonde di queste montagne (bielo)russe.

Di sicuro c’è che per l’ennesima volta Sabalenka si è dimostrata incapace di adeguare il proprio tennis sparatutto all’avversaria, all’occasione e al proprio status di numero due del mondo. Come sa bene chiunque segua il tennis, per vincere una partita serve molto di più di un bel dritto o di un gran servizio, soprattutto quando la posta in palio è alta e la giornata non delle migliori. Onore comunque a Kaia Kanepi che con la vittoria odierna riesce nell’impresa di raggiungere i quarti di finale almeno una volta in tutti e quattro i tornei dello Slam. Contro Iga Swiatek tenterà per la settima volta di accedere a una semifinale Major, anche se non partirà ovviamente favorita.

 

IL MATCH – Il primo set non lasciava presagire segni del dramma che si sarebbe poi verificato, anche perché entrambe entrano in campo piuttosto centrate. Le emozioni si concentrano tutte nella fase finale del parziale. Prima Sabalenka rischia di subire un break sul 5-5, ma si salva nonostante ben tre doppi falli e nel game successivo è lei a strappare a zero la battuta all’avversaria, vincendo il set.

Il secondo set inizia in maniera scioccante per Aryna che perde subito il servizio e addirittura si ritrova sotto 4-0, mettendo a referto un altro disastroso turno di battuta da quattro doppi falli. Il divario è troppo ampio per essere colmato, sicuramente da questa versione di Sabalenka e Kanepi può far suo il set con il punteggio di 6-2.

Kanepi comincia bene il terzo set e scippa subito la battuta all’avversaria. Seguono cinque game tenuti a zero dalla giocatrice al servizio, ultimo barlume di normalità della partita. Sul 4-2, Sabalenka annulla ben quattro palle del doppio break e rimane in scia nella partita. Sul 4-3 40-40, un paio di uccelli sospendono (o aumentano?) il pathos del match svolazzando a bassa quota per qualche minuto e impedendo alle due contendenti di proseguire. Alla ripresa del gioco, Aryna strappa la battuta a Kanepi alla seconda occasione, ma si inguaia di nuovo restituendo il break con tre doppi falli e un gratuito di rovescio.

Kanepi sale rapidamente 40-0, ma spreca tutto con tre non forzati e un doppio fallo. L’estone cancella la palla break con un ace e si procura un quarto match point, anch’esso gettato al vento con un erroraccio. Sabalenka è poi brava a prendersi il break con una gran risposta. La bielorussa gioca un game praticamente perfetto e va 6-5, seguita a ruota dall’avversaria che firma per il 6-6. Il super tiebreak si apre con un altro doppio fallo di Sabalenka (il quindicesimo della sua partita) che fissa il punteggio sul 3-1. Dal 5-2 però Aryna riesce a rientrare, anche grazie a un dritto di Kanepi deviato fuori dal nastro, e addirittura ad andare avanti di un minibreak.

La numero due del mondo rovina tutto con un dritto e un rovescio lungo che capovolgono nuovamente la situazione. Un raro vincente riporta il punteggio in equilibrio sul 7-7, prima che Sabalenka metta fuori l’ennesimo comodo dritto sull’8-7, con Kanepi che esulta pensando di aver vinto. La gioia è rimandata però di un solo punto perché la sua avversaria stampa in rete un altro rovescio e abbandona così l’Australian Open.

Pagine: 1 2

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Gaël Monfils salta l’Australian Open: “Punto ai Giochi Olimpici di Parigi 2024”

Il francese si affida al ranking protetto: “Il 2023 sarà fondamentale per me, un anno di transizione”

Pubblicato

il

L’annuncio in un’intervista, insieme a sua moglie Elina Svitolina, al canale televisivo d’Oltralpe Canal+ Sport. Gaël Monfils non parteciperà all’Australian Open 2023 saltando, di fatto, il quarto slam di fila, dopo il forfait al Roland Garros, Wimbledon e US Open 2022 a causa di un complicato infortunio al tendine d’Achille. La scelta è dovuta principalmente al regolamento che permette ai tennisti di beneficiare della classifica protetta dopo un certo periodo lontano dai campi.

L’anno scorso, proprio in Australia, ad Adelaide, il 35enne parigino ha vinto il suo undicesimo titolo (Monfils ha disputato altre 22 finali in carriera ed è stato n. 6 del mondo) e ha raggiunto i quarti di finale nel primo slam dell’anno. Gaël non aveva concesso neanche un set prima di cedere a Matteo Berrettini in una battaglia di cinque set.

Esiste questa regola del ranking protetto che permette di congelare la classifica se non vengono disputate le gare per un certo numero di mesi. Non giocando in Australia, avrò completato il periodo di sei mesi di stop e questa è la mia decisione” ha confermato Gaël a Canal+. “Per me il 2023 sarà un anno molto importante, un anno di transizione, tra l’infortunio e il ritorno alla competizione per tentare di qualificarmi alle Olimpiadi di Parigi 2024. Sarebbero i miei ultimi Giochi e non vorrei perdermeli, e poi forse l’anno dopo sarebbe la mia ultima stagione. Dico sempre che vorrei continuare a giocare fino a 40 anni ma, in realtà, più passo il tempo con mia figlia (la piccola Skaï, nata lo scorso 16 ottobre, ndr), più mi dico che smetterò un po’ prima (ride)”.

 

Continua a leggere

Australian Open

Shelton e McNally vincono la Wild Card Challenge per l’Australian Open 2023

Se entrambi saranno qualificati per il tabellone principale, l’invito sarà assegnato a chi li segue nelle rispettive classifiche dell’Australian Open Wild Card Challenge

Pubblicato

il

Ben Shelton - Cincinnati 2022 (foto Twitter @atptour)

Le classifiche finali dell’Australian Open Wild Card Challenge maschile e femminile hanno decretato vincitori Ben Shelton e Caty McNally. Entrambi hanno conquistato la wild card per partecipare al primo Slam dell’anno secondo gli accordi che ci sono tra la federazione tennis australiana e quella statunitense. Se i due tennisti statunitensi dovessero ottenere l’accesso diretto al tabellone principale dell’edizione 2023 dell’Australian Open (cosa alquanto probabile dato che sono rispettivamente numero 97 e 94 del mondo), le wild card verranno assegnate a chi li segue nella classifica generale di questo avvincente e particolare “Challenge”.

Per l’ottavo anno di fila, la USTA e l’Australian Open hanno trovato un accordo finalizzato al reciproco scambio di wild card per il tabellone principale degli Australian Open e degli US Open 2023. L’Australian Open Wild Card Challange riguarda i punti conquistati dai tennisti dell’USTA in tre tornei disputati dal 24 ottobre al 14 novembre per gli uomini, fino al 24 ottobre e per cinque settimane per le donne.

Inseriti nel Challenge maschile, tutti gli eventi indoor e outdoor su campi in cemento a livello M25 e superiore, inclusi gli eventi ATP e Challenger. In quello femminile invece sono inclusi stati tutti gli eventi indoor e outdoor su campi in cemento a livello W25 e superiore. I destinatari di wild card dovranno ovviamente seguire tutti i protocolli dell’Australian Open in relazione alla quarantena o alla vaccinazione.

 

L’Australian Open comincerà il 16 gennaio per terminare domenica 29: Rafa Nadal dovrà difendere il torneo maschile, mentre in ambito femminile si cercherà colei che succederà ad Ashleigh Barty.

Di seguito sono riportati il ​​totale dei punti di ogni giocatore e la classifica attuale (tra parentesi):

Uomini

1. Ben Shelton (n. 97) — 240

2. Chris Eubanks (n. 124) — 130

3. Tennys Sandgren (n. 272) — 107

4. Michael Mmoh (n. 110) — 87

Donne

1. Caty McNally (n. 94) — 189

2. Madison Brengle (n. 59) — 161

3. Taylor Townsend (n. 131) — 130

4. Alycia Parks (n. 150) — 126

Continua a leggere

Australian Open

Craig Tiley tranquillizza Djokovic sui tifosi australiani: “Il nostro è un pubblico equo. Celebriamo il successo”

I prossimi Open australiani torneranno ad ospitare Novak Djokovic dopo che il campione serbo ha ricevuto un visto temporaneo

Pubblicato

il

Il Ceo di Tennis Australia, Craig Tiley, ha lanciato un appello a tutti gli appassionati di tennis australiani esortandoli a trattare in modo equo Novak Djokovic quando tornerà a Melbourne a gennaio per la prima volta dal respingimento alla frontiera, con tanto di deportazione, andato in scena nel 2022.

Il Dipartimento degli affari interni ha confermato la scorsa settimana che Djokovic ha ricevuto un visto temporaneo, il che significa che parteciperà agli Australian Open del 2023, dopo essere stato detenuto ed espulso lo scorso gennaio a causa della sua posizione di vaccinazione. Fino allo sviluppo della scorsa settimana, c’era il rischio che il 21 volte campione del Grande Slam venisse bandito dall’Australia per tre anni a causa di quegli eventi. Djokovic cercherà di vincere il decimo titolo di singolare maschile degli Australian Open.

Il sei volte vincitore delle ATP Finals – eguagliato Roger Federer – non si ritiene preoccupato dell’accoglienza; e nemmeno Tiley, che a The Age spiega: “Ho molta fiducia nel pubblico sportivo australiano e nel nostro pubblico: siamo un pubblico molto equo. Celebriamo il successo e lo ricompensiamo“. L’amministratore ha poi aggiunto: “Certo, sosteniamo gli australiani e vogliamo che gli australiani facciano bene. Penso che il pubblico si divertirà a venire agli Australian Open e penso che accoglieranno tutti i giocatori in modo equo”.

 

Su Djokovic, Tiley aggiunge: “Se si guarda a come ha giocato di recente, si può dire sia il miglior giocatore del mondo. In Australia ha sempre mostrato il suo miglior tennis e sicuramente arriverà con la grande voglia di dimostrare di non essere inferiore alle più giovani stelle”.

Quando si guarda alle spalle, Tiley specifica: “Siamo orgogliosi di come abbiamo gestito le cose. Nel 2021 e nel 2022 abbiamo messo in piedi il primo grande evento tennistico dell’anno in condizioni difficilissime per via del Covid, anche grazie al supporto dello stato del Victoria. Tante cose sono successe intorno a quegli eventi, ma è comprensibile, era una situazione che non avevamo mai sperimentato prima”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement