I segreti di un campione: Juan Martin Del Potro

evidenza

I segreti di un campione: Juan Martin Del Potro

Quello che i numeri raccontano del gioco di un campione sfortunato

Pubblicato

il

Juan Martin del Potro - Roland Garros 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)
 

Il 14 settembre 2009, Roger Federer scende in campo a Flushing Meadows con i favori del pronostico, e non soltanto perché disputa la sesta finale consecutiva in quel Major, avendo vinto le precedenti cinque.

Federer, nel 2009, si è rialzato, dopo aver ceduto la vetta della classifica ATP all’eterno rivale Nadal: dopo aver perso proprio con Nadal in Australia in finale, ha conquistato non soltanto la vittoria a Wimbledon ma anche, per la prima (e tuttora unica) volta, si è aggiudicato il Roland Garros.

Per completare il quadro. lo sfidante è un ragazzo di vent’anni, alla sua prima finale in un Major. È un gigante di quasi due metri, argentino: si chiama Juan Martin Del Potro. Inesperto a quei livelli, sì, ma quando tocca la palla di dritto, questo ragazzo fa davvero paura, forse anche a Sua Maestà Federer. E infatti, dopo essersi portato in vantaggio per due set a uno, l’elvetico perde il tie-break del quarto set. Sulle ali dell’entusiasmo, Delpo dilaga nel set decisivo, che si aggiudica per 6-2, sconfiggendo il suo idolo.

 

Sembra l’alba di una grande carriera e, invece, purtroppo, rimarrà l’unica vittoria Slam dell’argentino, che ha recentemente annunciato il proprio ritiro. Una lunga serie di imprevisti, cominciata nel 2010 con un grave infortunio al polso e conclusasi con l’infortunio al ginocchio del 2018, che tuttora fa sentire i suoi strascichi, ha probabilmente impedito a Delpo di realizzare pienamente il proprio potenziale. Ciò nonostante, la sua carriera, che pure si sviluppa nell’era dei Big Three (Federer, Nadal, Djokovic), è chiara testimonianza non solo di qualità di gioco, ma anche di determinazione.

Cercheremo, attraverso l’analisi statistica dei match disputati in tornei del Grande Slam a partire dal 2011 da Del Potro, di intuire quali elementi, quali pattern abbiano portato l’argentino al successo, nei momenti di maggiore forma. Prima però proviamo a ripercorrere brevemente la sua carriera, a partire dai primi passi.

Palmarès

Delpo esordisce a livello ATP nel 2006, a Viña del Mar, battendo Albert Portas, prima di essere sconfitto al secondo turno da Fernando González, in un match tra veri e propri pesi massimi del dritto. Già l’anno successivo, qualificandosi al terzo turno sia agli US Open che al Masters 1000 di Madrid, l’argentino raggiunge la top 50.

Nel 2008, la stella di Delpo comincia a brillare nel tennis mondiale, arrivano i primi titoli ATP e, un po’ a sorpresa, l’argentino li conquista entrambi sulla terra battuta: a Stoccarda e a Kitzbühel. Nonostante qualche problema alla schiena, Del Potro chiude l’anno in top 10, e scalda i motori per un grande 2009.

Dell’anno successivo, si ricorda soprattutto l’exploit con il titolo agli US Open, superando Federer in finale (da sottolineare come, in semifinale, Delpo avesse sconfitto anche Nadal): in generale, si tratta di una grande stagione, che porta l’argentino in top 5, e a raggiungere anche la finale del Master di fine anno, in cui viene sconfitto da Davydenko.

Il 2010 è l’anno del primo grave infortunio al polso: perde praticamente tutta la stagione, scivolando fuori dalla top 250. Anche l’anno successivo, complice una posizione in classifica da ricostruire, è molto travagliato, e regala a Delpo soltanto la soddisfazione di portare l’Argentina in finale di Coppa Davis, che verrà vinta dalla Spagna.

Il 2012 è l’anno delle Olimpiadi di Londra, il torneo si gioca sull’erba di Wimbledon. Delpo viene sconfitto da Federer in semifinale e si aggiudicherà una medaglia di bronzo che sa di riscatto. Il match di semifinale con Federer, una partita da antologia, è la più lunga mai giocata al meglio dei tre set. A fine anno, Delpo è di nuovo in top 10.

Nel 2013 la crescita continua, fino a portarlo in semifinale a Wimbledon e, nuovamente nella top 5 mondiale. Purtroppo però, un secondo infortunio al polso interrompe la rincorsa dell’argentino, e lo costringe di fatto a saltare due intere stagioni, 2014 e 2015.

Il 2016, l’anno del rientro, è anche quello delle Olimpiadi di Rio. E l’atmosfera delle Olimpiadi sembra fare un gran bene a Delpo, che conquista una grande medaglia d’argento. Nello stesso anno, porta la sua Argentina a vincere la coppa Davis.

Sembra la volta buona: l’anno successivo, incontra una volta Federer, di cui peraltro Delpo è un grande fan, sempre agli US Open, ai quarti di finale. Ancora una volta, lo sconfigge, per arrendersi poi a Nadal in semifinale. Complice anche altri buoni risultati, come la vittoria a Stoccolma (ventesimo titolo ATP, nonostante i continui infortuni) e la finale a Basilea, l’argentino rientra in top 10, e si qualifica per il Master di fine anno.

Nel 2018, Delpo raggiunge addirittura la terza posizione del ranking mondiale: sempre a Flushing Meadows, incontra ancora una volta Nadal in semifinale. Il maiorchino è costretto a ritirarsi a causa di un infortunio al ginocchio, e Del Potro raggiunge una finale Slam. Sarà sconfitto da Djokovic, in tre set.

Purtroppo però, durante il Master 1000 di Shanghai, Del Potro subisce un nuovo infortunio, e chiude anticipatamente la stagione. Da allora, si può dire che l’argentino non sia mai veramente rientrato a pieno regime tanto che, recentemente, ha annunciato la propria intenzione di ritirarsi.

Uno sguardo d’insieme

Prima di approfondire l’analisi, alla ricerca di pattern vincenti e perdenti, cerchiamo, nei limiti del possibile, di averne una visione d’insieme, inquadrando lo stile di gioco di Del Potro degli ultimi dieci anni con una serie di statistiche, i cui valori medi sono mostrati in Figura 1, separatamente per superficie di gioco.

Figura 1. Statistiche medie di gioco per Del Potro, match di singolare in tornei del Grande Slam dal 2011 in poi

Il numero di vincenti e di ace, specialmente sul veloce, è davvero notevole ma forse, considerate le caratteristiche fisiche e lo stile di gioco di Delpo, colpisce ancora di più la sua capacità di procurarsi palle break, in particolare sulla terra battuta. Questo a testimonianza del fatto che, per quanto Del Potro faccia della violenza dei propri colpi, in particolare del dritto, un’arma vincente, si tratta di un giocatore completo, che sa procurarsi diverse chance anche nei game di risposta, su una superficie che porta a scambi più lunghi.

Un secondo set di statistiche, mostrato in Figura 2, può esserci d’aiuto nel farci un’idea ancora più precisa:

Figura 2. Altre statistiche medie per Del Potro, match di singolare in tornei del Grande Slam dal 2011 in poi

Da questo secondo plot, emerge forse un piccolo punto debole di Del Potro. La prima di servizio, eventualmente seguita dal dritto, è eccezionale, e porta a una percentuale di punti vinti con la prima superiore al 70% su tutte le superfici, che addirittura si avvicina all’80% sul veloce. La seconda palla però, a differenza ad esempio di ciò che accade nel caso di un altro big server con capacità di fare gioco come Berrettini, è molto più aggredibile, e procura a Delpo un rendimento tra il 50% e il 60%.

I pattern più significativi, gli elementi-chiave del gioco di Del Potro

Dopo questa panoramica, proviamo a chiederci quale o quali tra le varie statistiche di gioco (che rappresentano le nostre variabili di input) si rivelino decisive, e in che modo, rispetto alla vittoria o alla sconfitta nel match (che rappresenta la nostra variabile di output). Impostiamo cioè, in altre parole, un problema di classificazione.

Per maggiore chiarezza, facciamo in modo che l’algoritmo di classificazione utilizzato restituisca automaticamente, sulla base delle variabili a disposizione, un modello costituito da un insieme di regole, che rappresentano i pattern statisticamente più significativi che conducono Del Potro alla vittoria o alla sconfitta. Di seguito, illustriamo le tre regole più significative così calcolate:

  1. Se Del Potro concede meno di sei palle break e si presenta meno di quarantacinque volte a rete, allora l’argentino vince la partita”. Il pattern si è verificato in cinquantaquattro occasioni e, in tutte e cinquantaquattro, Del Potro ha vinto il match.
  2. Se Del Potro ha una percentuale di trasformazione delle palle break di almeno il 13.9% maggiore dell’avversario, si aggiudica la partita”. Il pattern è meno generale, ma altrettanto preciso: si è verificato ventitré volte, e per ventitré volte Del Potro si è aggiudicato la vittoria.
  3. Se Del Potro concede più di sette palle break, se ne procura meno di quindici e mette a segno meno di quarantanove vincenti, viene sconfitto”. Il pattern è piuttosto generale, anche se meno preciso: si verifica venti volte, e in diciassette occasioni l’argentino viene sconfitto.

Sulla base di regole come queste, considerando che quanto più una caratteristica del gioco compare come condizione rilevante all’interno di tali pattern, tanto più potremo definirla un elemento-chiave del gioco del campione argentino.

Potremo quindi, sulla base dei dati, stilare un feature ranking, ovvero una sorta di classifica dei vari aspetti del gioco, distinguendo quelli che, in misura maggiore, da soli o in combinazione con altri, si sono rivelati decisivi.

Figura 3. Feature ranking associato ai match di Grande Slam di Del Potro, dal 2011 in poi. La lunghezza della barra rappresenta la rilevanza della feature, la direzione rappresenta il verso della correlazione (diretta per barre che si sviluppano verso destra, inversa per barre che si sviluppano verso sinistra)

L’elemento più significativo sembra essere la pressione che Delpo è in grado di mettere al proprio avversario con i propri turni di servizio. La prima chiave verso la vittoria, in altre parole, è concedere poche palle break. Soltanto dopo (terza e quarta feature) vengono la percentuale di trasformazione delle palle break rispetto a quella dell’avversario, e il numero di palle break che Delpo si procura nei suoi game di risposta. Ancor meno rilevante (quinta feature in ordine di importanza), la percentuale di trasformazione delle palle break di Delpo, considerata da sola e non in relazione a quella dell’avversario.

In altre parole, i numeri sembrano dirci questo: se nei suoi game di servizio Del Potro riesce a imporsi, senza lasciare spazio all’avversario e creando difficoltà anche nel trovare ritmo, avrà, presto o tardi, le occasioni giuste in qualche game di risposta, così portando a casa il match. A confermare tale sintesi, osserviamo che la seconda feature più significativa in ordine di importanza è il numero di vincenti messi a segno dall’argentino, e sappiamo che, una quota significativa di questi vincenti sono dritti violentissimi dopo una buona prima di servizio. In sintesi: se questo schema funziona, per l’avversario la partita sarà molto complicata. Hanno dovuto accorgersene vere e proprie leggende del tennis come Federer e Nadal, anche nei loro anni migliori. Nondimeno, Delpo si avvia a chiudere la propria carriera con in bacheca un solo trionfo Slam, una finale e quattro semifinali. Risultati ragguardevoli, in sé, ma senz’altro riduttivi rispetto al potenziale dell’argentino.

Ciò nonostante, con la sua voglia di lottare e di rialzarsi, oltre che col suo stile aggressivo, ha saputo accendere l’entusiasmo dei tifosi. E d’altronde, come ricordava John Steinbeck in una lettera indirizzata al figlio Thom: “Non avere paura di perdere. Se deve accadere, accadrà. L’importante è non avere fretta. Le cose belle non scappano via”. E il trionfo del 2009, la vittoria in Coppa Davis del 2016, le due medaglie olimpiche a sorpresa, entrambe segno di riscatto, resteranno, sempre, nel cuore degli appassionati.

Nota: l’analisi e i grafici inseriti nell’articolo sono realizzati per mezzo del software Rulex


Genovese, classe 1985, Damiano Verda è ingegnere informatico e data scientist ma anche appassionato di scrittura. “There’s four and twenty million doors on life’s endless corridor” (ci sono milioni di porte lungo l’infinito corridoio della vita), cantavano gli Oasis. Convinto che anche scrivere, divertendosi, possa essere un modo per cercare di socchiudere qualcuna di quelle porte, lungo quel corridoio senza fine. Per leggere i suoi articoli visitate www.damianoverda.it

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Miss Wightie, una vita all’attacco: la prima tennista che conquistò la rete

Dall’assolata California fino a Boston, ecco la storia di Hazel Hotchkiss Wightman, gran signora, campionessa e innamorata del gioco fino alla fine. Senza non avremmo avuto Bilie Jean King e Martina Navratilova

Pubblicato

il

Hazel Hotchkiss Wightman

Quando è troppo è troppo.

Dopo che avrete letto quel che mi è capitato l’anno scorso mentre mi trovavo negli Stati Uniti credo concorderete con me che sia giunto il momento di affiancare al tennis qualche altra passione.

Partiamo dal principio.

 

C’è una località a circa sei miglia da Boston in cui fra fine estate e l’autunno dolci alture e fitti boschi stingono dal verde a mille tonalità di ruggine e giallo.

Si chiama Chestnut Hill, la collina dei castagni. Qui dal 1850 in poi grandi lotti di terreno vennero venduti tutti in una volta alle più facoltose famiglie del circondario ed esse provvidero a costruirvi grandi magioni di campagna. L’adozione degli stili più in voga al tempo come lo Shingle di pietra e ciottoli e il Neocoloniale con i suoi ampi portici donò all’insediamento un’armonia estetica e naturale che dura ancora oggi.

I lunghi viali alberati costeggiati da siepi rigogliose e prati lasciano intravvedere solo scorci di quelle storiche e imponenti abitazioni. In questi luoghi sospesi a metà fra i quadri di Thomas McKnight e la foresta di Sherwood prese sede nel 1922 il Longwood Cricket Club. Fondato 45 anni prima in contemporanea con l’edizione inaugurale di Wimbledon, negli Stati Uniti è uno dei templi del tennis. I suoi campi affiancati di verde prato videro i pionieri del gioco importato da Mary Outerbridge, la prima Davis nel 1900 e tre anni dopo i fratelli Doherty giocarne i singolari decisivi a pochi metri di distanza l’uno dall’altro contro Larned e Wrenn. Fra le sue mura si respira storia, chiudendo gli occhi si può ancora avvertire il sommesso fruscio di flanelle e l’aroma di tè e tabacco, mentre attutito giunge il suono di una pallina che colpisce corde rigorosamente in budello.

Wham, Bang,

I colpi che sento però non provengono dall’avito luogo.

Esco in Hammond Street e lasciandomi alle spalle le persiane verdi dell’elegante club house color avorio ecco che questi si fanno più forti.

Wham, Bang,

Wham, Bang,

Dopo qualche centinaio di metri, a un paio di profondi lob di distanza, attraversato un ponte di vecchio metallo rivettato e ingentilito da siepi, si incrocia Suffolk Road.

Ora il ritmo è martellante e regolare, come quello di un grande cuore che batte.

Wham, Bang,

Wham, Bang,

Wham, Bang.

Il rumore proviene da un enorme garage doppio di solide mura, con il tetto appuntito decorato da tegole di pietra marrone, che sta accanto a una grande villa gialla.

Mi azzardo ad entrare.

Per continuare clicca qui…

Continua a leggere

evidenza

L’ultimo scambio del coach dei coach: addio a Nick Bollettieri

A 91 anni, ci lascia il più grande coach della storia del tennis. La sua Tennis Academy, fondata nel 1978, ha cambiato per sempre il modo di approcciare al tennis professionistico

Pubblicato

il

Si è spento a 91 anni Nicholas James Bollettieri, meglio noto come Nick. Figlio di immigrati italo-americani, è stato il coach che più di tutti ha saputo cambiare l’approccio dei giocatori al tennis professionistico. Una vita dedicata a giovani tennisti talentuosi, che lo ha visto trascurare la propria vita privata, in cui si contano ben 8 mogli diverse e 7 figli, per dedicarsi al mestiere di “allenatore di tennis”, sebbene non abbia mai giocato un torneo in tutta la sua vita.

Laureato in filosofia, inizia la sua avventura nel mondo del tennis nei primi anni Settanta, diventando il direttore delle attività agonistiche al Dorado Beach Hotel a Porto Rico, di proprietà dei Rockefeller. Nel 1978 apre la sua Tennis Academy a Bradenton, in Florida – ora di proprietà della IMG. La vera rivoluzione introdotta da Bollettieri è stata quella di trasformare l’accademia in un luogo simile a college americano: i suoi allievi erano invitati a vivere all’interno dell’impianto, dove erano a loro disposizione campi da gioco aperti a tutti le ore, affiancati dall’offerta di numerosi corsi di studio compatibili con gli allenamenti. Secondo Nick, l’amore e la passione per il gioco erano l’elemento cardine per ambire alle vette della classifica mondiale. La sua lungimiranza gli ha permesso di capire, prima degli altri, la direzione futura del tennis: si può lecitamente considerare l’ideatore del power tennis, basato sulla potenza e la forza degli scambi da fondo campo. Forse, in fondo, più che capire in che direzione stava andando il tennis, è lui stesso ad averne indicato la strada.

Ben 12 dei suoi allievi hanno raggiunto la vetta delle classifiche ATP e WTA: Andre Agassi, Jim Courier, Marcelo Rios, Pete Sampras, Jennifer Capriati, Jelena Jankovic, Martina Hingis, Monica Seles, Maria Sharapova e le sorelle Williams.

 

È l’uomo che impose ad Andre Agassi il rovescio a due mani perché, secondo lui, era il colpo migliore per vincere i grandi tornei: in un tennis sempre più rapido, il rovescio a una mano sarebbe diventato un problema. Lo stesso Agassi, nella sua biografia Open, ha parlato molto degli allenamenti alla Bollettieri Academy, criticando aspramente i metodi utilizzati, a suo dire, troppo duri. Anche oggi, chi sceglie di varcare la soglia dell’Accademia deve accettare rigide regole che coinvolgono tutti gli aspetti della vita: dall’alimentazione allo studio, dalla fatica fisica alla preparazione mentale.

Bollettieri è stato anche il primo ad applicare il concetto di mental coaching e a dare risalto all’aspetto mentale dei giocatori. A Milano, nel 2015, in occasione della presentazione della sua ultima fatica editoriale, Bollettieri su Sharapova e Seles aveva detto Nessuna delle due era un’atleta, ma erano entrambe forti mentalmente”.

La sua formula per essere un ottimo coach Capire chi sono i tuoi allievi, anche le loro manie. Non si tratta di insegnare a colpire una palla, ma aiutare i giocatori 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, 365 giorni all’anno”.

Nick ci lascia con una grande eredità che, siamo certi, non sarà lasciata cadere nel vuoto. Dopo aver letto o ascoltato le sue parole, si rimane con la sensazione di aver assistito a una vera lezione di vita che si adatta bene a qualsiasi contesto dell’esistenza umana, non solo all’interno del rettangolo da gioco E come diceva lui stesso, “tutte le persone grandi nella vita devono fare errori, se non commetti errori non puoi diventare una grande persona”.

Buon viaggio Nick.

Continua a leggere

evidenza

Una contro tutte: Chris Evert ed Evonne Goolagong

Dal 1975, 28 giocatrici hanno occupato la prima posizione del ranking mondiale: ripercorriamo le loro storie. Le prime due furono Chris Evert ed Evonne Goolagong

Pubblicato

il

Dopo la rubrica UNO CONTRO TUTTI” dedicata ai numeri uno della storia ATP di Remo Borgatti, vi proponiamo anche la versione WTA a cura di Viola Tamani: UNA CONTRO TUTTE. Primo episodio dedicato alle carriere di Chris Evert ed Evonne Goolagong


Il tennis mi ha aiutato a darmi un’identità e mi ha reso qualcuno. Christine Marie Evert

Con due anni di ritardo rispetto ai colleghi uomini, dal 3 novembre 1975 anche il circuito femminile fu dotato di una classifica computerizzata che permise di definire l’accesso ai diversi tornei, fino ad allora a discrezione degli organizzatori. Il primo nome che uscì da questi complessi calcoli fu quello della statunitense Christine Marie Evert, a tutti nota come Chris. Nata nel 1954 a Fort Lauderdale, in Florida, iniziò a giocare a tennis nel campo comunale in terra rossa della sua città natale a soli 5 anni.

 

Il padre, Jimmy Evert, era un maestro di tennis e iniziò al tennis tutti e cinque i suoi figli – tutti vincitori dei National Juniors Championship -, forse ignaro di avere tra la progenie la futura stella del tennis americano.

Il primo grande exploit fu durante un piccolo torneo in North Carolina nel 1970. A soli 15 anni, Chris sconfisse l’allora numero uno Margaret Court in due tie-break. L’anno seguente, quando gli US Open si giocavano ancora sull’erba di Forest Hills, Evert infilò una serie di inaspettate vittorie che le consentirono di giocare la sua prima semifinale Slam, contro Billie Jean King. La stessa King ha detto di lei: “Chris non gioca game o set, ma solamente punti”.

Evert fu l’artefice di una piccola rivoluzione tennistica; fu la prima ad utilizzare il rovescio a due mani che, nella mente del padre-coach, avrebbe dovuto essere una soluzione temporanea: infatti Chris, alle prime armi con la racchetta, era troppo piccola e minuta per colpire con una sola mano. Crescendo, decise di non abbandonarlo e anzi, ne fece il suo marchio di fabbrica. Ad oggi, più dell’80% delle top 100 usa il rovescio bimane. Degli insegnamenti di suo padre, dirà lei stessa, ha osservato sempre tre fondamenti che la accompagnarono per tutta la carriera: porta la racchetta dietro, affiancati, fai sempre passo avanti quando colpisci.

Il dominio di Evert fu pressoché incontrastato fino al 1982. Dal 1975 al 1978 conservò la prima posizione del ranking, ceduta per sole due settimane nell’aprile del 1976 all’australiana Evonne Goolagong.

La carriera di Evert è costellata di record. Nel triennio 1975-1977 vinse le uniche tre edizioni degli US Open tenutesi sull’Har-Tru, la terra verde americana. Ed è proprio sulla superficie più lenta, la prima su cui iniziò a giocare da bambina, che Chris Evert ottenne i suoi migliori risultati. A soli 19 anni, vinse il primo dei sette Roland Garros, del quale detiene il record di vittorie.

L’altro record mai eguagliato è quello della sequenza di 125 vittorie consecutive ottenute sulla stessa superficie, la terra, per un totale di ben sei anni da imbattuta (1973-1979). Ha vinto almeno una prova dello Slam per tredici anni consecutivi dal 1974 al 1986. Ha vinto oltre il 90% delle gare disputate (1304 su 1448 incontri disputati) secondo i dati della WTA.

Raggiunge la finale del Master di fine anno per sei anni consecutivi dal 1972 al 1977, perdendo solo due volte dall’australiana Evonne Goolagong nel 1974 e nel 1976. Per 13 anni, dal 1974 al 1986 ha occupato la prima o la seconda posizione del ranking. Ma la carriera di un grande atleta non sta solo nei record.

Jimmy Connors e Chris Evert (Art Seitz)

Questi primi anni ’70 furono per Chris di grande ascesa mediatica: era la sportiva più riconosciuta al mondo e, oltre alle vittorie in campo, un fattore che influì sulla sua popolarità è la felice relazione con il connazionale Jimmy Connors. I due nell’estate del 1974 vincono i rispettivi titoli di singolare a Wimbledon, con il tennis americano al massimo della sua espressione. Sfortunatamente però questo matrimonio non s’ha da fare.

Dal 1979 la si trova in campo col nome di Chris Evert-Lloyd, dopo aver preso il cognome del marito, anche lui tennista. Inizia in questo torno di anni una delle rivalità più seguite e amate del pubblico nello sport. Con Martina Navratilova. Nessuna altra rivalità nella storia del tennis ha visto opporsi i due contendenti per così tanto: le due si affrontarono in 80 occasioni. Praticamente in tutte le fasi finali dei tornei! Si scontravano due tipologie di giocatrice opposte: da un lato Chris consistente e paziente, impeccabile e abile a gestire la pressione; dall’altro Martina emozionale, sentimentale, coinvolgente col pubblico. Anche a livello personale, la percezione mediatica delle due è opposta. Evert incarnava perfettamente la figura della “ragazza della porta accanto”, la figlia e la moglie che tutti desideravano. Navratilova era l’estroversa e la ribelle, anche a causa della sua scelta politica di prendere le distanze dal comunismo, e acquisire la nazionalità americana.

Tra la primavera del 1975 e la fine del 1977 Evert vinse 15 dei 17 match disputati contro la cecoslovacca naturalizzata statunitense; in generale dal 1973 al 1982 Evert ha avuto la meglio sull’avversaria ma nel biennio ‘83-‘84 ha subito ben 13 sconfitte consecutive.

Il coach del marito John, Denis Ralston, iniziò a seguire anche Chris. L’unico modo per arginare la potenza di Navratilova era ricorrere al serve-and-volley. La finale del Roland Garros 1985 è uno dei match più belli della storia del tennis femminile. In tre lottatissimi set, Evert batte 6-3 6-7 7-5 l’avversaria di sempre ed agguanta, per l’ultima volta nella sua carriera la prima posizione mondiale.

Fin da giovanissima, le viene attribuito il soprannome The Ice Maiden: imperturbabile nelle espressioni facciali, quasi priva di emozioni come il ghiaccio; mentre Maiden sta ad indicare l’innocenza di una giovane donna, ma in lingua scozzese, è anche una rudimentale ghigliottina. Le straordinarie capaci mentali di Evert furono chiare fin dal secondo turno dello US Open del 1971 quando vinse, salvando addirittura 6 match point, ribaltando un pesante 4-6 5-6 e 0-40 contro la connazionale Mary Ann Eisel.

La sconfitta certamente più dolorosa da numero 1 del mondo è stata la semifinale del Roland Garros del 1981 persa in due set da Hana Mandlikova, tennista di Praga ma naturalizzata australiana, che la sconfisse nuovamente nel 1985 allo US Open. Nella sua carriera, Evert ha giocato 34 finali Slam, perdendone 16 delle quali 7 solo a Wimbledon, lo Slam in cui ha raccolto meno vittorie (solo 3 affermazioni ai Championship). Come detto, il biennio ’83-’84 fu per Chris, il momento più difficile di tutta la carriera. Stabile al secondo posto del ranking, subì la superiorità di Martina Navratilova che le inflisse anche le due peggiori sconfitte nelle finali Slam: allo US Open ’83 e al Roland Garros ’84, Evert raccolse solo 4 game (6-1 6-3 6-3 6-1).

La dolcezza dei tratti, la bellezza femminile ed elegante di Chris erano in netto contrasto con l’aggressività e l’imperturbabilità del suo volto durante le partite. Uno spirito guerriero sorprendente se si considera che, alla stessa età, a 30 anni, quando Evert decide di passare alla grafite (la sua rivale Navratilova era passata alla nuova tecnologia l’anno prima), un’altra straordinaria atleta come Steffi Graff decideva di ritirarsi. La carriera di Evert si conclude ufficialmente nel 1989.

Nei primissimi anni della sua carriera da professionista, iniziata nel 1973, la sua più grande rivale fu l’australiana Evonne Goolagong. Nata da una famiglia aborigena, ha qualcosa in comune con l’ultima campionessa australiana, Ashleig Barty. Oltre a condividere un’ascendenza comune, entrambe da piccole si sono cimentate nel cricket. A soli 19 anni, nel 1971 vinse il torneo di Wimbledon, diventando la prima tennista aborigena a vincere uno Slam. È diventata mamma nel 1976 e due anni dopo ha vinto gli AUS Open: non accadeva dal 1914. La sua carriera terminò nel 1982. Fu la prima atleta di colore a vincere uno Slam e a diventare la numero 1 del mondo, segnando così i sogni e la carriera di tante giovani atlete dopo di lei.

Evonne Goolagong (foto via Twitter, @Wimbledon)

SCONFITTE DA NUMERO 1 SUBITE DA CHRIS EVERT

1976M. Navratilova – EVERT6-3 6-4Houston
1976D. Fromholtz – EVERT2-6 6-2 6-3Boston
1976E. Goolagong – EVERT6-3 7-6Philadelphia
1976E. Goolagong – EVERT6-3 5-7 6-3Los Angeles
1976V. Wade – EVERT6-2 6-2Londra
1977M. Navratilova – EVERT6-2 6-3Washington
1977V. Wade – EVERT6-3 6-4San Francisco
1977V. Wade – EVERT6-1 4-6 6-2Wimbledon
1978E. Goolagong – EVERT4-6 6-1 6-4Boston
1978M. Navratilova – EVERT6-4 4-6 9-7Eastbourne
1978M. Navratilova – EVERT2-6 6-4 7-5Wimbledon
1979G. Stevens – EVERT6-2 6-3Florida
1979M. Navratilova – EVERT6-4 6-4Dallas
1979S. Barker – EVERT6-3 6-1Boston
1979M. Navratilova – EVERT6-4 6-4Wimbledon
1980M. Navratilova – EVERT7-6 6-2Tokyo
1981H. Mandlikova – EVERT7-5 6-4Roland Garros
1981T. Austin – EVERT6-1 6-4Toronto
1981M. Navratilova – EVERT7-5 4-6 6-4US Open
1981M. Navratilova – EVERT6-3 6-2Tokyo
1981M. Navratilova – EVERT6-7 6-4 7-5AUS Open
1981T. Austin – EVERT6-1 6-2East Rutherford, NJ
1982A. Jaeger – EVERT7-6 6-4California
1982A. Jaeger – EVERT6-1 1-6 6-2Hilton Head
1982A. Jaeger – EVERT6-3 6-1Roland Garros
1982M. Navratilova – EVERT6-1 3-6 6-2Wimbledon
1985M. Navratilova – EVERT4-6 6-3 6-2Wimbledon
1985H. Mandlikova – EVERT4-6 6-2 6-3US Open

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement