Coppa Davis, si infiamma il caso Ram. Schnur: "Escludere il n. 1 in doppio non depone a favore del vostro ego". Paul replica: “Cosa c'entri tu con il tennis?"

Coppa Davis

Coppa Davis, si infiamma il caso Ram. Schnur: “Escludere il n. 1 in doppio non depone a favore del vostro ego”. Paul replica: “Cosa c’entri tu con il tennis?”

Al festival dei confini oltrepassati, tra sfilettate pungenti e dichiarazioni taglienti, partecipano anche il cestista TJ Warren e Taylor Fritz: “Se hai intenzione di sparare a zero, Brayden, devi motivare le tue affermazioni”

Pubblicato

il

Tommy Paul e Jack Sock – Davis Cup Finals 2022 (foto: Roberto dell'Olivo)
 

Dopo la cocente eliminazione subita nei quarti di finali delle Davis Cup By Rakuten Finals 2022 per mano di un’Italia rimaneggiata a causa degli infortuni patiti da Berrettini e Sinner, le polemiche e le critiche attorno a Team Usa non accennano a placarsi. Gli statunitensi, guidati da capitan Mardy Fish, partivano infatti con i favori del pronostico dato la migliore classifica dei loro due singolaristi rispetto ai “Lorenzo” tricolore. Tuttavia in casa azzurra serpeggiava ottimismo alla vigilia, sia perché si annusava la possibilità che il Lore da Carrara si ritrovasse di fronte un Taylor Fritz oramai affranto fisicamente e con il rubinetto delle energie residue fatto scorrere in occasione della settimana dei Maestri in quel di Torino – eventualità poi non verificatasi – ma soprattutto poiché si aveva la consapevolezza dentro il gruppo di Filo Volandri, che se fossimo riusciti a strappare un punto in singolare; poi nel doppio decisivo saremmo stati sicuramente i favoriti al successo finale visto l’assenza di Rajeev Ram.

Ecco, proprio la mancata convocazione del 38enne di Denver – originario dell’India – era stato un tema caldo già dei giorni che avevano preceduto la sfida in Andalusia. Difatti, l’esperto specialista a stelle e strisce appena domenica scorsa aveva raggiunto un prestigioso traguardo aggiudicandosi le Nitto ATP Finals al fianco del fido anglosassone Joe Salisbury, riuscendo ad avere la meglio su un duo molto forte ed affiatato come i croati Mektic e Pavic. Per questo era logico aspettarsi una chiamata alle armi di colui che ricorda “Pistol Pete” per via del suo movimento dinoccolato al servizio, considerando il grande momento di forma che stava attraversando ma anche il fatto che Fish avesse contato su di lui sia in occasione dell’edizione dello scorso anno nel capoluogo sabaudo, che nella fase a gironi di settembre a Glasgow.

Invece il buon Mardy non solo ha sorpreso tutti non convocando Ram, ma addirittura non ha voluto portare con sé nessun quinto giocatore. Il protagonista della vicenda non l’ha presa benissimo, dichiarando apertamente di essersi meritato il posto in Davis a suon di ottime prestazioni sul campo. Tutto sommato, però, è stato in grado di affrontare la delusione con filosofia, meno il suo compare. Chiaramente la situazione, dopo la sconfitta, si è ribaltata completamente a discapito del capitano americano, che come accadde in queste circostanze – a qualsiasi CT di qualunque Sport – è stato subissato di critiche, reo di aver compiuto le scelte sbagliate. Perché oltre alla “querelle Ram”, in molti sono rimasti sbigottiti per la decisione di affidarsi a Paul invece che a Tiafoe – decisamente più a suo agio in doppio rispetto a Tommy, ma in particolar modo già compagno di Sock in Laver Cup con vittime illustre a perire sotto le loro cannonate.

 

Per cui il caro Fish non è che se la passi benissimo, in salta stampa non si è sbottonato più di tanto sul tema del momento affermando unicamente – come da prassi in questi casi – di essere l’unico responsabile per le scelte fatte. Ma purtroppo per lui, non è ancora il momento di spegnere il fuoco delle pressioni esterne dei media e dei social: dopo le reazioni del giocatore che doveva esserci ma che non è stato preso in considerazione, ad alimentare il divampante incendio delle discussioni; ci ha pensato Brayden Schnur. Per i meno avvezzi al circuito secondario, e ai nomi di secondo piano: parliamo di un 27enne di Pickering, città canadese a est di Toronto. Può vantare un best ranking di n. 92 ATP raggiunto il 19 agosto 2019. Al momento però è sprofondato al n. 909, poiché fermo ai box da aprile. Pur essendo un comprimario, che si limita unicamente a sostenere i propri compagni vedendo il campo con il binocolo – anche per via dell’abbondanza del Canada -, è stata una figura più volte presente nelle spedizioni degli ultimi anni della squadra di Frank Dancevic. Ha preso parte al percorso che tre anni fa a Madrid, vide Shapo e soci arrendersi soltanto dinanzi alla Spagna di Nadal; ma anche alla vittoriosa campagna australiana d’inizio anno in ATP Cup. Nel 2022 però per via della sua prolungata assenza dalle competizioni, sia a Valencia che a Malaga gli sono stati preferiti i giovani Galarneau e Diallo a completamento del quintetto.

Ebbene lui ha posizionato l’innesco e la miccia, Taylor Fritz prima e Tommy Paul poi, hanno dato vita con la partecipazione speciale di TJ Warren – cestista che milita in Nba, nei Brooklyn Nets – ad un scontro verbale fiammante con palcoscenico malcapitato Twitter. Ecco a voi la carrellata di provocazioni e connesse reazioni. Ai lettori l’ardua sentenza sulla fondatezza di tali critiche e di codeste accuse velate da parte del canadese, e sulla correttezza delle risposte a stelle e strisce.

Brayden Schnur: “Guardate i giocatori della squadra statunitense. Date un’occhiata al loro ego. Siamo tutti abbastanza intelligenti da mettere insieme i vari pezzi. Rajeev [Ram, ndr] è un grande giocatore, ma prima ancora un grande uomo”.

Taylor Fritz: “Per favore Bayden, puoi spiegare cosa vorresti intendere per ego e soprattutto come questo possa aver avuto un ruolo nel modo in cui la squadra è stata selezionata”.

Brayden Schnur: “Non provare rancore verso i giocatori, al limite prova odio nei confronti del gioco. Io, questa situazione la chiamo così come la vedo. Non venire a dirmi che mettere in panchina il n. 1 del mondo in doppio dava alla vostra squadra più possibilità di vittoria”.

Taylor Fritz: “Schivi ancora la domanda. Se hai intenzione di spararci addosso, potresti quantomeno motivare le tue affermazioni

Brayden Schnur: “Ecco una domanda migliore per te: Rajeev sarebbe stato invitato ad uscire con voi stasera?

Taylor Fritz: “Se Raj avesse voluto celebrare la qualificazione alle semifinale della nostra squadra, saremmo stati tutti entusiasti di averlo con noi. Poi c’è una cosa che voglio dire. Io sono una persona molto timida, e che è vittima di un’ansia sociale piuttosto brutta da dover gestire. Quindi, non penso sia assolutamente corretto da parte tua presumere qualcosa in merito al mio possibile ego o giudicare questi aspetti personali. Ti ripeto, se hai intenzione di sparare a zero su di me come individuo e come membro della squadra statunitense, credo di meritare qualche tipo di spiegazione”.

T.J. Warren, cestista statunitense dei Brooklyn Nets: “Come fa un panchinaro della squadra canadese a pretendere di saperne di più sulla composizione del roster di Team Usa, rispetto al n. 1 della squadra di cui parla

Tommy Paul: “Brayden Schnur, tu cosa hai a che fare con il tennis?”.

Brayden Schnur: “Ottima domanda, non sono nessuno”.

Tommy Paul: “E’ così bello vedere che non sei e che non sarai mai un capitano di Coppa Davis. Ma solamente uno che finge di essere capitano di Coppa Davis su Twitter”.

Il commento che segue è stato rimosso in un secondo momento, tuttavia non è sfuggito: da questa affermazione si può facilmente leggere dietro le righe una profonda valutazione negativa degli specialisti, che – esasperando anche il concetto – per la visione del tennista del New Jersey sarà sempre inferiore ad un singolarista in un match di doppio. Il riferimento a Glasgow, poi, è riconducibile al tie contro la Gran Bretagna del settembre scorso quando nel terzo rubber, decisivo ai fini del successo finale, Sock e Ram s’imposero in rimonta su Andy Murray e Salisbury.

Tommy Paul: “Ovviamente non avevi la Tv nel seminterrato dei tuoi genitori, durante la fase a giorni a Glasgow. Il doppista numero 1 o 100 fatica contro i singolaristi classificati 1-8000, in singolare o doppio.”

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis: l’ITF scioglie il contratto con Kosmos, voci di una causa intentata da Piqué

Rottura tra ITF e Kosmos, voci di una procedura legale sia da una parte che dall’altra, con la società di Gerard Piquè che sarebbe sul piede di guerra

Pubblicato

il

Coppa Davis a Montreal (foto Ubitennis)

Tra l’ITF e la Kosmos rien ne va plus. Avrebbero dovuto collaborare venticinque anni – così stipulava il contratto – e invece l’ITF, nel corso del mese di gennaio, ha deciso di porre fine alla tanto discussa partnership con la celebre società di eventi guidata dall’ex calciatore spagnolo Gerard Piqué.

Secondo quanto ricostruito, la decisione da parte della Federazione Internazionale di Tennis sarebbe stata dettata da un ritardo nei pagamenti da parte della Kosmos e da una gestione non adeguata; per questo, sembrerebbe che la stessa ITF abbia anche intentato una causa nei confronti della Kosmos.

Ma l’azienda guidata da Piqué ribatte che non ci sarebbe alcuna ragione per interrompere il contratto, per giunta con una scelta unilaterale e, per tale motivo, secondo il quotidiano spagnolo Marca, lo stesso Piqué farà ricorso al TAS (il Tribunale Arbitrale dello Sport) e avrebbe intenzione di intentare una causa nei confronti dell’ITF. Affaire è suivre... Intanto, la Coppa Davis 2023 inizierà la settimana successiva all’Australian Open, con il turno dei Qualifiers (a cui l’Italia non prenderà parte perchè ammessa direttamente alla fase a gironi). E a presiedere alla più importante competizione a squadre del tennis saranno l’ITF e l’ATP, entrata nel Committee a fine ottobre.

 

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Kosmos replica alla ITF dopo la scissione: “Il premio in denaro sarà saldato a tempo debito”

Nonostante il fallimento del progetto riguardante la Davis, Kosmos rilancia con l’acquisizione di tre nuovi volti nella propria agenzia di rappresentanza: “Borna Coric, Elina Svitolina e Andrey Rublev”

Pubblicato

il

Coppa Davis a Montreal (foto Ubitennis)

Dopo il comunicato pubblicato dall’International Tennis Federation, che sanciva la fine del rapporto tra l’ente governativo del tennis professionistico e l’organismo commerciale fondato dall’ex calciatore del Barcellona Gerard Piqué in materia di Coppa Davis, e successivamente all’indiscrezione fuoriuscita nei giorni precedenti secondo la quale la rottura dell’accordo che agli albori della sua nascita avrebbe dovuto avere una durata di 25 anni fosse stata dipesa dai mancati pagamenti ai tennisti dei Team impegnati a Malaga per la Final Eight lo scorso novembre; arriva puntuale la replica – in verità visto il contenuto espresso, più che altro un allineamento – di Kosmos Tennis con tanto di proprio comunicato stampa veicolato via Twitter.

La società spagnola ha confermato dei ritardi sui pagamenti inizialmente programmati, affermando che si provvederà a saldarli non appena verranno soddisfatti i parametri delle rispettive Nazioni in causa. Viene addotta ancora una volta, la piaga pandemica come effetto delle riduzioni degli esborsi economici in questione: “In risposta alla dichiarazione pubblica fatta ieri – venerdì 13 gennaio – dalla ITF, annunciamo che Kosmos ed ITF non sono stati in grado di raggiungere un accordo per rinegoziare il modello di business oltre che la commissione attuale e futura richiesta dall’ITF. Questa tassa, che è stata significativamente ridotta durante la pandemia, ha pagato per intero la quota relativa al 2022 ed il premio in denaro sarà saldato a tempo debito quando i requisiti delle nazioni saranno soddisfatti“.

Pur abbandonando anzitempo l’avventura riguardante la competizione per squadre nazionali più antica che lo sport conosca, Kosmos proseguirà lo sviluppo dei propri progetti legati al tennis tra i quali soprattutto il crescente ingresso di nuovi volti della racchetta nella propria agenzia di rappresentanza: “Kosmos continuerà ad essere comunque strettamente legata al mondo del tennis professionistico attraverso Kosmos Management, che ha recentemente aggiunto i tennisti Borna Coric, Elina Svitolina e Andrey Rublev al suo elenco di atleti rappresentati“.

 

Così come continueranno le varie partenerships avviate nell’intero mondo sportivo, in varie discipline, nonostante il lampante fallimento del progetto riguardante la ‘Coppa del Mondo di Tennis“: “La società continuerà a svolgere le proprie funzione in diversi altri progetti di successo come Kings League, l’Andorra Football Club e la Balloon World Cup e con le sue varie unità aziendali: Kosmos Management, Kosmos Studios, Kosmos Team, Kosmos Media, Goatch e Koi (entrambi creati con lo streamer Ibai Llanos)“.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Daniel Evans sulla rottura ITF-Kosmos: “Era solo questione di tempo”

“Ci sono tennisti che non vedono l’ora di giocare 3 su 5” dice Daniel Evans. I fatti sembrano contraddire la fiducia espressa dal CEO di Kosmos poco più di un mese fa

Pubblicato

il

Daniel Evans - United Cup 2023 Sydney (foto Twitter @the_LTA)

Sono ore convulse per la Coppa Davis dopo la rottura del sodalizio tra l’ITF e Kosmos, il gruppo di Gerard Piqué. Le cause sarebbero da ricercarsi in alcuni mancati pagamenti nel corso dell’ultima edizione.  

Anche Daniel Evans, numero due britannico, ha voluto dire la sua: “E’ deludente che non possano continuare a riempire le nostre tasche! Venivamo pagati un po’ troppo per non molto“.

 

Secondo quanto riporta The Guardian, Evans si è dichiarato favorevole ad una nostalgica restaurazione che riporterebbe la Coppa alla sua formula originaria: “L’abbiamo cambiata quando non credo fosse necessario mutasse del tutto. Ci sono giocatori che non vedono l’ora di giocare tre su cinque tre giorni di seguito e vincere il torneo. Anche io ne sarei felice”.

Nel frattempo spunta anche qualche retroscena. Il giornalista Jannik Schneider riporta su Twitter un dialogo che avrebbe avuto con il CEO di Kosmos, Enric Rojas: “Era seduto a parlare con me. Mi ha guardato negli occhi e mi ha detto, ‘non siamo lontani dal fare un utile, entro i prossimi anni, forse già l’anno prossimo’, mentre ci confrontavamo sui numeri che avevo sentito (erano fuori di circa 50 milioni)”.

Momenti difficili, dunque, per il tennis: quale il futuro della Coppa Davis? 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement