Federer: “Alla fine della settimana deciderò se andare a Bercy”

BASILEA - Dopo la vittoria contro Mannarino: "Importante vincere questi match. Per Bercy non ho ancora deciso"

Federer: “Alla fine della settimana deciderò se andare a Bercy”

da Basilea, il nostro inviato

Roger Federer si presenta in conferenza stampa pochi minuti dopo la sudata vittoria contro Adrian Mannarino. Lo svizzero fa il suo ingresso in sala interviste in tuta grigia e scarpe argentate, con l’espressione stanca ma serena di chi sa di aver schivato un proiettile. Domani in semifinale affronterà David Goffin, che ha sempre battuto nei cinque precedenti. Due di queste sfide si sono giocate proprio alla St. Jakobshalle, nel 2014 (in finale) e nel 2015 (quarti di finale). Di seguito la conferenza stampa di Roger Federer.

 

Quest’anno hai parlato spesso del fatto di giocare libero e senza pensieri. Ci sono volte in cui non ti senti così?
Oggi quando ero sotto 15-40 nel terzo set avevo dimenticato di essere indoor, di essere a casa mia. Ho semplicemente giocato per non sbagliare e questo non è un buon modo di procedere specialmente a questi livelli. In questi momenti è importante essere convinti di potercela fare e oggi è andata bene.

Sei sorpreso per come ha giocato lui, considerando i precedenti?
In verità no. Non ci si può basare solo sul fatto che non era mai andato vicino a vincere un set contro di me. Le persone si aspettano che le cose vadano sempre nello stesso modo e non è giusto. Ogni giorno è diverso. Oggi è stata una battaglia. Vincere questi match è molto importante. Lui è stato molto solido e ha meritato quel primo set, ma sono contento della mia reazione.

Parliamo di quel rovescio sulla palla break. Cosa ti passa per la mente quando fai un colpo del genere, prima, durante e dopo?
Prima penso che non vorrei dover fare un colpo così, durante penso “ti prego vai” e dopo penso “oddio ce l’ho fatta!”. E dopo ancora penso “ora è un problema tuo, amico”. Di sicuro non potevo permettermi di perdere quel gioco. Quindi ho mantenuto i nervi saldi e probabilmente ho incrinato le sue certezze. I margini sono molto sottili a volte.

Sei in tabellone a Parigi. Questo vuol dire che andrai là e che sei pronto a giocare due settimane di fila?
Deciderò se andare o meno a Parigi alla fine di questa settimana. Mi piacerebbe giocare a Bercy, ma c’è anche una buona possibilità che ciò non accada. Dipende da come gioco e mi sento nei prossimi due giorni.

Il tabellone di Bercy: buon percorso per Federer

CATEGORIE
TAG
Condividi