Garbiñe Muguruza, il futuro del tennis spagnolo

Al femminile

Garbiñe Muguruza, il futuro del tennis spagnolo

Pubblicato

il

Garbiñe Muguruza è in continua crescita: in questo periodo si gioca la leadership nazionale con Carla Suarez Navarro, ma anche la top ten sembra alla sua portata

Sarà inevitabile per chi scrive di tennis femminile: bisognerà imparare i comandi per digitare rapidamente la tilde, evitando ogni volta la ricerca nella sezione “caratteri speciali” dove si trova la enne con l’ondina sopra. La tilde è necessaria per scrivere correttamente Garbiñe Muguruza.
Ventuno anni, nata l’8 ottobre 1993 a Caracas ma cresciuta tennisticamente a Barcellona, è la più concreta speranza per il movimento spagnolo di ritrovare finalmente una giocatrice di primo livello, che manca dai tempi di Arantxa Sánchez e Conchita Martinez.
Dopo di loro ci sono state buone giocatrici, come Anabel Medina Garrigues (abbonata alla vittoria a Palermo e Strasburgo) o come Maria Josè Martinez Sanchez (una delle tenniste più anomale degli ultimi anni, capace di una settimana da sogno a Roma 2010); e oggi sarebbe ingiusto sottovalutare il bel gioco classico di Carla Suarez Navarro. Ma direi che Muguruza sembra poter ambire a qualcosa in più: quanto meno ad entrare nella top ten, un risultato che, se non sbaglio, manca al tennis spagnolo da quasi quindici anni

 

Forse qualcuno ricorderà l’esordio eccezionale di Garbiñe nel circuito maggiore, nel marzo 2012. Allora era ancora oltre il duecentesimo posto e dopo aver preso parte senza successo ad un paio di qualificazioni WTA, aveva ricevuto una wild card per giocare a Miami. Era stato possibile grazie all’appoggio della IMG, che curava anche l’organizzazione del torneo in Florida e che evidentemente credeva molto nelle sue possibilità.

Eccola dunque a Miami: prima partita in un tabellone principale WTA, e in uno dei tornei più prestigiosi del calendario. L’inizio contro Ayumi Morita (73 del ranking) è vincente, ma è nulla in confronto al turno che la aspetta: la numero 9 del mondo Vera Zvonareva.
La partita non è ripresa dalle telecamere (i primi giorni non erano coperti dalla tv), per cui solo gli spettatori sul posto sono testimoni della sorpresa: la numero 208 del mondo liquida la numero 9 in due set: 6-4, 6-3.
Nemmeno il match successivo è coperto dalla tv, e così mancano le immagini anche della terza vittoria da esordiente: 6-2, 1-6, 7-6 a Flavia Pennetta. Per fermarla ci vuole la futura vincitrice del torneo Agnieszka Radwanska, in uno dei migliori momenti di forma della carriera (sconfiggerà Sharapova in finale).

Da quel momento Muguruza non è più una giovane qualsiasi che si è affacciata tra le professioniste; diventa immediatamente qualcuna che merita di essere tenuta d’occhio, corteggiata dalle federazioni di due nazioni.
Però l’impresa in Florida forse è prematura; a diciotto anni, dopo i quarti di finale raggiunti quasi sullo slancio a Fes, non riesce a confermarsi: nel resto della stagione perde sempre nella qualificazioni o al primo turno dei tabelloni principali.
Ma la carriera di Garbiñe va incontro ad una difficoltà ancora più seria a metà del 2013, quando è costretta a fermarsi per un intervento chirurgico alla caviglia destra. Durante la pausa forzata si opera anche al setto nasale per risolvere problemi di respirazione.

Non racconterò nel dettaglio tutte le stagioni successive di Muguruza: per quello basta andare nel sito WTA e scorrere la pagina dei risultati. Mi limito a questo: con il tempo i picchi di gioco si sono fatti più frequenti e il ranking è logicamente migliorato.

Gli ingegneri della Formula 1 sostengono che è meglio progettare una macchina veloce ma poco affidabile piuttosto che una che non si rompe mai, ma più lenta; perché nel tempo è più facile acquisire la solidità piuttosto che migliorare le prestazioni. Facendone una metafora tennistica, direi che la penso allo stesso modo: tendo a dare più credito alle giovani discontinue, ma capaci di picchi molto alti, rispetto alle “formichine”, che salgono in classifica grazie a tanti discreti risultati, ma senza particolari exploit.
Muguruza ha iniziato con il botto, a Miami, e poi ha avuto bisogno di un po’ di tempo per ripetersi. Ma evidentemente quello era il segnale che la stoffa superiore c’era.

Numero 104 a fine 2012, numero 64 a fine 2013 (anno giocato solo fino a Wimbledon, e lì concluso per l’operazione).
Numero 21 a fine 2014, grazie a una stagione iniziata subito bene: al rientro dallo stop medico, vince  in gennaio a Hobart (primo torneo in carriera), e poi diventa protagonista assoluta al Roland Garros. A conferma che per lei ogni superficie va bene, dato che sostiene di amare l’erba e poi il cemento, mettendo come ultima la terra rossa.
Fatto sta che a Parigi sconfigge con un perentorio 6-2, 6-2 la campionessa in carica Serena Williams e perde nei quarti al terzo set (6-1, 5-7, 1-6) contro Sharapova (che poi avrebbe vinto il torneo) arrivando a due soli punti dalla vittoria, nel finale di secondo set.

E proprio a Sharapova direi che la si può avvicinare per il tipo di gioco. Anche se non mi piacciono molto i paragoni, mi pare che in questo caso i punti di contatto siano reali

https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=aPiAaPcKXIM
Come Maria, è una tennista alta, solida fisicamente, particolarmente sicura nei tre colpi base (servizio potente, dritto e rovescio in topspin); e che punta sullo scambio da fondo in pressione costante, cercando sistematicamente il vincente. Anche il grunting (seppur non ugualmente forte) un po’ le accomuna: aspetto curioso, visto che quando ha esordito tra le pro Garbiñe era una giocatrice quasi del tutto silenziosa.
Se prende il comando del palleggio diventa davvero difficile resisterle: ogni palla può diventare definitiva, e la pressione che mette nello scambio non è sostenibile a lungo. In sostanza Muguruza propone un tennis non ricchissimo di variazioni, ma estremamente efficace.

Ma limitarsi a questo per descrivere i suoi pregi sarebbe a mio avviso farle un torto. Credo vada spiegato meglio in cosa è superiore: e secondo me la sua miglior dote consiste nel sapere spingere palle davvero difficili.
Nel circuito le giocatrici in grado di tirare forte sono parecchie, ma non tutte sono in cima al ranking; questo perché un conto è essere capaci di attaccare su palle comode, un conto saperlo fare su parabole insidiose. E’ inevitabile: più sale la difficoltà della palla proposta dall’avversaria, più si riducono le tenniste che sanno replicare all’altezza.
E quando per molte giocatrici la palla è così difficile da dover ripiegare su una soluzione di contenimento, Muguruza invece riesce ancora ad aggredirla; se ha il tempo di raggiungere la traiettoria, si può stare certi che riuscirà a gestire anche colpi pesantissimi, ribattendo ancora in grande spinta.

Questo grazie alla notevole potenza (di gambe innanzitutto, ma non solo) e alla compattezza del movimento. Il suo swing infatti non è molto ampio, ma riesce comunque a far viaggiare la palla: non ha bisogno di grandi aperture (una leva lunga) per generare velocità perché dispone di una forza superiore.
Mi verrebbe da dire: quasi un peso massimo, ma molto coordinata, e rapida nella preparazione; e la preparazione contenuta la agevola anche in risposta, dove mostra una reattività sorprendente, che contrasta con la flemma con cui si muove tra un punto e l’altro.
E’ una delle poche giocatrici che non concede troppo a Serena sul piano della forza muscolare. E che sia davvero un’avversaria pericolosa, dopo il Roland Garros lo deve pensare anche la numero uno del mondo; tanto che agli ultimi Australian Open l’ha affrontata con evidente rispetto: Serena è scesa in campo subito concentrata, eppure  ha comunque perso il primo set; e in quello decisivo ha rischiato di finire sotto di un break (2-6, 6-3, 6-2).

Naturalmente Muguruza ha anche punti deboli. A mio avviso sono soprattutto due: la fase difensiva (perché prima o poi la palla impossibile da attaccare arriva, e in quel caso le soluzioni di contenimento non sono il suo forte) e il gioco di volo.
Senza troppi giri di parole: a rete la ritengo una delle peggiori del circuito; un po’ meglio negli schiaffi, ma disastrosa sulle volèe classiche. Qualcuno replicherà che sta raccogliendo ottimi risultati in doppio insieme a Carla Suarez Navarro; ma in realtà le qualità che occorrono per volleare in singolare non sono le stesse del doppio.
Per tenniste con un gioco differente non sarebbe una grave mancanza; ma per Garbiñe è un po’ diverso; infatti, per come imposta lo scambio, molto spesso conquista campo progressivamente, al punto da ritrovarsi, quasi senza volerlo, così avanti da dovere colpire di volo. E a quel punto arriva il pasticcio.
Troppo spesso ha perso punti importanti con errori davvero evitabili; ad esempio contro Serena agli ultimi Australian Open ha mancato una volèe elementare che grida ancora vendetta, su un break point del terzo set.
Penso che a questo problema dovrà trovare rimedio: o con la rinuncia della conquista della rete oppure cercando di colmare la lacuna. In fondo è ancora giovanissima ed è possibile crescere su questi colpi; ad esempio Caroline Wozniacki era una pessima volleatrice (smash escluso, che ha sempre eseguito bene) mentre oggi è senz’altro migliorata.

Dove potrà arrivare? Di sicuro ci sono stati incontri in cui ha già dimostrato di potersela giocare ad altissimi livelli; e poi storicamente le attaccanti fanno meglio delle difensiviste negli Slam, se questo è il traguardo di cui, più o meno esplicitamente, vogliamo parlare.
Fare previsioni è come avventurarsi in un territorio minato, in cui gli errori sono possibili ad ogni passo; e in più c’è il rischio di farsi influenzare dai propri gusti di gioco, nella speranza che possano coincidere con i risultati futuri. Sotto questo aspetto devo ammettere che preferisco altre giocatrici, magari meno solide, ma capaci di sorprendermi con soluzioni e colpi meno prevedibili.
Credo però che tra le nuove leve (Pliskova, Keys, Bouchard etc) che si sono fatte notare ultimamente, Muguruza un vantaggio ce l’abbia: è già andata incontro alle prime delusioni e ai momenti di seria difficoltà che si possono presentare dopo la prima fase di euforia: l’avere sperimentato sei mesi fuori dal circuito per problemi fisici in un momento in cui era in ascesa potrebbe averle fortificato l’approccio verso il tennis, rendendola più equilibrata e concreta verso la professione. Non resta che aspettare i prossimi grandi tornei per scoprire fino a che punto saprà spingersi.

Continua a leggere
Commenti

Al femminile

Due Slam e il numero 1 del mondo

Da Chris Evert a Naomi Osaka venti giocatrici sono riuscite a raggiungere il primato nel ranking e vincere almeno due Major. Ma solo cinque vantano un record ancora più difficile

Pubblicato

il

By

Serena Williams, Chris Evert, Naomi Osaka - US Open 2018

Con il successo agli ultimi Australian Open Naomi Osaka ha compiuto una impresa significativa: ad appena 21 anni ha già vinto due tornei dello Slam e conquistato il numero 1 del mondo. Non si tratta di risultati da poco, tanto che da quando esiste il ranking WTA ufficiale (dal 1975), solo 20 tenniste possono vantare di esserci riuscite. Ecco un breve excursus nel passato per ricordarle, e per provare a inquadrare storicamente l’impresa di Osaka.

Chris Evert
Secondo le regole WTA, Chris Evert va considerata la prima numero 1 del mondo dell’era contemporanea. Il 3 novembre 1975 è il giorno che corrisponde all’inizio della definizione delle classifica con criteri automatici e prestabiliti (oggi noi diciamo del “computer”), in modo simile a quanto si fa ancora oggi. Di conseguenza questa data è un discrimine che inaugura un’epoca e chiude con il passato, escludendo le giocatrici che prima di Evert erano state definite numero 1 con criteri differenti.

 

Evert diventa numero 1 del mondo avendo già vinto alcuni Slam, a partire dal 1974. Nel suo caso subito dopo il primo Major aveva conquistato anche il secondo consecutivamente, nel giro di pochissimi giorni; infatti in un memorabile periodo di giugno-luglio, vince prima il Roland Garros 1974, poi la settimana successiva il torneo di Eastbourne (in finale su Virginia Wade) e infine Wimbledon 1974. Chris si aggiudica i primi due Slam contro la stessa avversaria in finale: la sovietica Olga Morozova. 6-1, 6-2 a Parigi, 6-0, 6-4 a Londra. Curiosamente insieme a Morozova gioca (e vince) il doppio nello stesso Roland Garros.

Ricordo però che la diciannovenne Evert (è nata il 21 dicembre 1954) riesce ad aggiudicarsi il primo Major alla quarta finale Slam disputata, dato che aveva perso la partita decisiva tre volte nel 1973: al Roland Garros da Margaret Court, a Wimbledon da Billie Jean King e agli Australian Open da Evonne Goolagong.

Evonne Goolagong
Dicevo sopra che la prima classifica che la WTA considera ufficiale e comparabile con quelle attuali risale al 1975; Goolagong è dunque la seconda giocatrice a conquistare il primato nel ranking. Evonne rimane in cima al ranking per appena due settimane, sufficienti però a farla rientrare nei criteri di questo articolo.
Goolagong, che è nata il 31 luglio del 1951, raggiunge il primato in classica in età relativamente matura, nel 1976, quando ha già compiuto un importante tratto di carriera. Questione differente la vittoria negli Slam: vince infatti i primi Major poco prima di compiere 20 anni, e li conquista consecutivamente proprio come Evert: Roland Garros 1971 e Wimbledon 1971. Due successi arrivati al termine di due derby australiani in finale: 6-3, 7-5 su Helen Gourlay a Parigi e 6-4, 6-1 a Margaret Court a Londra.

Prima di queste vittorie Goolagong aveva già disputato, e perso, una finale Slam, agli Australian open 1971, ancora contro Margaret Court. Quegli Australian Open 1971 si giocarono nel mese di marzo sull’erba di Sydney.

Martina Navratilova
Terza numero 1 del mondo è Martina Navratilova, che dal 1976 si alterna ai vertici WTA con Chris Evert, in una rivalità straordinaria che ha segnato in modo indelebile la storia del tennis: 80 partite complessive, 60 finali. (A chi fosse interessato consiglio un documentario del 2010, “Unmatched”, costruito su una lunga intervista ad entrambe).

Navratilova raggiunge il primato del ranking prima ancora di vincere un Major; come per Chris, anche per Martina il successo arriva dopo aver perso alcune finali Slam, nel 1975: in Australia da Goolagong e in Francia da Evert. La terza occasione è quella buona. Nei primi successi Slam di Navratilova la rivale sconfitta è sempre Chris Evert: a Wimbledon 1978 (2-6, 6-4, 7-5) e Wimbledon 1979 (6-4, 6-4). Ricordo che, essendo nata il 18 ottobre 1956, Navratilova ha 21 anni compiuti quando ottiene il primo Major.

Tracy Austin
Per più di dieci anni, dal 1976 al 1987, Evert e Navratilova dominano il tennis femminile, conquistando la gran parte degli Slam e monopolizzando i vertici del ranking. Dietro di loro chi si ritaglia più spazio è Hana Mandlikova, con 4 successi negli Slam, senza però mai conquistare il primato della classifica. Chi invece riesce a raggiungere il numero 1 del mondo, per 22 settimane del 1980, è Tracy Austin. Una parentesi breve, anche perché breve è la carriera di Austin: nata il 12 dicembre 1962, è una autentica enfant prodige, in grado di affermarsi tra le professioniste già a 14 anni, ma presto costretta al ritiro a causa di gravi problemi alla schiena.

Fra il 1979 e il 1981 Austin vince 24 tornei. Tracy ha disputato due sole finali Slam in carriera, e le ha vinte entrambe. US Open 1979: 6-4, 6-3 contro Evert; e due anni dopo ancora a New York: US Open 1981, 1-6, 7-6(4), 7-6(1) contro Navratilova. Ricordo l’età del primo successo Slam di Austin: nel settembre 1979 aveva appena 16 anni, dato che è nata il 12 dicembre 1962.

Steffi Graf
Chi ha chiuso l’era Evert- Navratilova, per aprirne una nuova quasi altrettanto lunga, è stata Steffi Graf. Numero 1 a partire dall’agosto 1987, ha tenuto il primato per più settimane di tutte, 377 in totale. Il suo primo successo Slam arriva in occasione della prima finale disputata, al Roland Garros 1987: 6-4, 4-6, 8-6 a Martina Navratilova. Partita giocata il 6 di giugno; essendo nata il 14 giugno 1969, significa che in quel momento Steffi non ha ancora 19 anni, per poco meno di 10 giorni.

Per vincere il secondo Slam, Graf deve aspettare l’anno successivo, visto che nel 1987 avrebbe perso in finale sia a Wimbledon che agli US Open, sempre da Martina Navratilova. Dunque il secondo Major in carriera arriva con il successo agli Australian Open 1988. Un successo che inaugura una stagione eccezionale, che le vale addirittura il Grande Slam, a cui va aggiunta anche la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Seoul. Nel suo secondo successo Slam, sul cemento di Melbourne 1988, Steffi sconfigge Chris Evert per 6-1, 7-6(3).

a pagina 2: Da Monica Seles a Jennifer Capriati

Continua a leggere

Al femminile

Aryna Sabalenka: l’apparenza inganna

Nuova Top 10, Sabalenka sta attraversando una fase di evoluzione del proprio gioco, verso un tipo di tennis molto più ricco di quanto spesso raccontato

Pubblicato

il

By

Aryna Sabalenka

Raramente un ingresso in Top 10 è stato così poco celebrato quanto quello recente di Aryna Sabalenka. Eppure questo traguardo è da sempre considerato come significativo, degno di note e riconoscimenti. Ma questa volta non è stato così: avvenuto il lunedì successivo agli Australian Open, è passato quasi sotto silenzio, probabilmente per due ragioni diverse. La prima è legata alle circostanze giornalistiche: Sabalenka infatti è entrata in Top 10 negli stessi giorni in cui Naomi Osaka ha vinto il secondo Slam ed è diventata la nuova numero 1 del mondo.
Però, a mio avviso, c’è una seconda ragione, per cui la conquista di Aryna non è stata celebrata: in realtà, se la aspettavano un po’ tutti; era solo una questione di tempo, di aritmetica, di punti in scadenza… Insomma, di dettagli; ma prima o poi doveva accadere.

Sotto questo aspetto mi sembra di essere tornato al 2015, quando in Top 10 era entrata per la prima volta Garbiñe Muguruza; anche lei giovane rampante, individuata con ampio anticipo come promessa dal sicuro avvenire. E, come Aryna, in possesso di un tennis dominante, che le permetteva di giocarsela alla pari con le più forti. E poi così è stato, almeno fino a quando Garbiñe non ha sperimentato la difficoltà di mantenersi ai vertici in termini di motivazioni, responsabilità, impegno. Ma questo è un altro discorso, che ci porterebbe fuori tema. Oggi è il momento di ricapitolare i progressi di Sabalenka, per cercare di comprendere meglio la sua situazione, con uno sguardo rivolto al futuro.

 

Qualche dato per cominciare. La Media Guide 2019 di WTA (che si può scaricare QUI) a pagina 145 elenca le giocatrici capaci di entrare per la prima volta in Top 10 negli ultimi due anni. Tra parentesi la data di ingresso fra le prime dieci:

Svitolina (27 feb. 2017)
Ostapenko (11 set. 2017)
Garcia (9 ott. 2017)
Mladenovic (23 ott. 2017)
Vandeweghe (6 nov. 2017)
Goerges (5 feb. 2018)
Stephens (2 apr. 2018)
Osaka (10 set. 2018)
Bertens (8 ott. 2018)
Kasatkina (22 ott. 2018)
Sabalenka (28 gen. 2019)

Una lista di nomi eterogenei per età e per storia: per alcune giocatrici l’ingresso fra le prime dieci appare come il coronamento di una intera carriera, per altre come un exploit difficilmente sostenibile a lungo termine; per altre ancora, le più giovani, come un trampolino di lancio verso obiettivi ancora più ambiziosi. È il caso di Sabalenka, entrata fra le “elette” a 20 anni appena compiuti, essendo nata a Minsk il 5 maggio 1998.

Secondo dato: la progressione nel ranking. Ricordo che Aryna ha avuto una carriera da junior piuttosto limitata, senza particolari risultati: migliore classifica numero 225, e nessuna partecipazione agli Slam di categoria. Da professionista scala il ranking WTA molto in fretta: numero 548 nel 2015, 159 nel 2016, 78 nel 2017, numero 11 nel 2018. Dunque una crescita rapidissima e costante. L’anno che la fa conoscere al mondo è il 2017, quando supera brillantemente il passaggio dai tornei ITF ai tornei WTA, consolidandosi su alti standard negli ultimi mesi di stagione.

Ma forse la spinta decisiva arriva dalla Fed Cup: comincia a essere schierata come titolare in singolare, e da “numero 2” del team spalleggia le imprese di Aliaksandra Sasnovich, fenomenale quell’anno nella competizione a squadre. In febbraio la Bielorussia supera l’Olanda: Aryna sconfigge Michaella Krajichek e perde solo 4-6, 7-6(6), 6-4 da Kiki Bertens, mancando un match point nel tiebreak del secondo set. Poi Sabalenka sconfigge Golubic in semifinale contro la Svizzera, prima di superare anche la campionessa in carica degli US Open Sloane Stephens nella finale, sfuggita contro gli USA solo al termine del doppio decisivo. Nella crescita della stagione va ricordata anche la finale di Tianjin in ottobre, persa 7-5, 7-6(8) contro Maria Sharapova.

Non ha senso ripercorrere nel dettaglio tutto il 2018: QUI si possono leggere i risultati completi, con 51 vittorie totali. In estrema sintesi, della stagione scorsa direi questo: Sabalenka si afferma in modo definitivo come una giocatrice capace di sconfiggere qualsiasi tipo di avversaria, anche di vertice, come si deduce dal bilancio contro le Top 10 (otto vittorie e appena quattro sconfitte).

a pagina 2: Le caratteristiche tecniche di Aryna Sabalenka

Continua a leggere

Al femminile

Il più bello Slam degli ultimi anni

Gli Australian Open 2019 si candidano a diventare una pietra miliare del tennis femminile del periodo più recente

Pubblicato

il

By

Karolina Pliskova e Serena Williams - Australian Open 2019

Questa settimana mi spetta un compito difficile: provare a dimostrare che martedì scorso a proposito degli ultimi Australian Open non ho usato una definizione esagerata o campata in aria. Dunque: perché sono stati “il più bello Slam degli ultimi anni”?

Innanzitutto rimando alle prestazioni delle due finaliste, Osaka e Kvitova, di cui ho parlato sette giorni fa. Qui aggiungo altri quattro motivi. Il primo: il torneo ha confermato, sul campo, uno degli aspetti che alla vigilia lo rendevano particolarmente interessante; ci ha offerto un ricchissimo confronto generazionale, aperto come non mai a tenniste di ogni età. Ha vinto la 21enne Osaka, contro una finalista 28enne come Kvitova. Ma la 37enne Williams è stata protagonista insieme ad altre tenniste dell’età di mezzo come Pliskova (26 anni), e Collins 25. Ma nel torneo c’è anche stato spazio per una giovanissima come Anisimova (17 anni) in grado di sfoderare una partita straordinaria contro Aryna Sabalenka (20 anni).

 

Secondo aspetto positivo: tutto sommato il caldo australiano non è stato di quelli terribili. A parte un paio di giorni della seconda settimana (quando però si è ovviato chiudendo il tetto), non si sono raggiunte temperature estreme, cioè quel tipo di condizioni che rendono una partita di tennis una questione soprattutto fisica, in un ambiente che porta ai limiti le protagoniste. Ricordo per esempio che lo scorso anno Simona Halep fu costretta a passare la notte successiva alla finale (persa contro Caroline Wozniacki) in ospedale a causa della disidratazione. Per quanto ammiri anche l’aspetto atletico che richiede il tennis, mi sembrano situazioni eccessive, che oltre tutto non possono favorire la qualità di gioco. Se si è spinte sull’orlo del collasso non si può certo offrire il proprio miglior tennis: e questo è un peccato sia per chi va in campo sia per chi segue il match da spettatore.

Terzo aspetto positivo: le condizioni di gioco in senso tecnico: il complesso superficie+palline+clima. Cioè quel complesso che sinteticamente viene definito come “velocità” dei campi. A mio avviso le condizioni di gioco di Melbourne 2019 hanno favorito un tennis propositivo, in cui veniva premiata chi aveva il coraggio di prendere l’iniziativa, offrendo un giusto mix tra scambi rapidi e scambi prolungati. In questo modo abbiamo evitato le situazioni dell’ultimo grande torneo affrontato, le WTA Finals di Singapore, in cui il campo troppo lento aveva allungato i palleggi a dismisura, e portato praticamente tutti i match ad essere chiusi con saldi negativi, cioè con il numero di errori non forzati superiore al numero di vincenti.

Ma alla fine gli Australian Open 2019 sono stati semplicemente anche una edizione fortunata. Nel senso che si è creata più spesso del solito quella particolare alchimia che produce match di qualità superiore; con una frequenza che davvero non ricordavo in un unico torneo degli ultimi anni. Sicuramente l’essersi disputato a inizio stagione, dopo il periodo di recupero e preparazione, ha favorito la freschezza delle giocatrici. Ma in ogni caso fatico a ricordare in un solo evento così tante partite eccezionali.

Chi legge questa rubrica con regolarità sa che alla fine di ogni stagione seleziono dieci-dodici partite degne di essere ricordate; partite ricavate dall’intero anno di tennis. Ecco, devo dire che almeno 5-6 match di questi Australian Open mi sono sembrati già degni di scalzare quelli selezionati per il 2018. La finale Osaka Kvitova, la semifinale Osaka Pliskova, il quarto tra Pliskova e Serena, l’ottavo tra Serena e Halep, il terzo turno Osaka Hsieh e quello tra Pliskova e Giorgi sono state partite davvero notevoli, ricchissime di tensione emotiva, alternanza di situazioni ma anche e sopratutto, di qualità tecnica. A questi match dovrei aggiungerne uno che purtroppo non ho seguito, ma che in molti hanno segnalato: Muguruza contro Konta (6-4, 6-7, 7-5), terminato con numeri strepitosi (Konta +9, Muguruza +22 nel saldo vincenti/errori non forzati).

Rimettendo in fila queste partite emerge un aspetto curioso: tutte si sono svolte nella parte alta del tabellone. Questa è stata una caratteristica particolare dell’ultimo Slam: la parte alta del tabellone (quella che ha portato in semifinale Osaka e Pliskova) ha offerto tantissima qualità grazie a protagoniste tutto sommato attese, mentre la parte bassa del tabellone (che ha portato in semifinale Kvitova e Collins) è stata invece quella delle sorprese e, a conti fatti, anche delle maggiori delusioni. Cominciamo con queste, per lasciare il meglio in fondo.

a pagina 2: La parte bassa del tabellone

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement