Giorgi sbatte su Bencic: da New Haven andrà a New York. Ritiro Bertens

Prestazione così così di Camila, Belinda si dimostra più solida. C'è qualche giorno per raccogliere le idee in vista dell'US Open. Intanto si ritira Kiki Bertens

Giorgi sbatte su Bencic: da New Haven andrà a New York. Ritiro Bertens
Camila Giorgi - New Haven 2018 (via Twitter, @connecticutopen)

Dopo la bella prestazione da lucky loser la settimana scorsa a Cincinnati contro Anastasija Sevastova (per poi quasi non giocare contro Madison Keys), al secondo turno del Premier di New Haven Camila Giorgi trova Belinda Bencic che aveva battuto in finale sull’erba di ‘s-Hertogenbosch nel 2015 per conquistare il suo finora unico titolo in carriera. Questa volta l’esito non sorride alla giocatrice italiana. In una gara fondata sull’aggressività e sul tentativo di rubare il tempo all’avversaria, oltre che sugli errori conseguenti, sono questi ultimi (37 a fronte di 28 vincenti) a decidere la sfida a favore della lucky loser svizzera.

Giorgi parte bene salendo 2-0 dopo aver salvato il servizio in apertura, ma subisce il rientro di Bencic che, dopo sette break complessivi, fa suo il parziale per 6-4 tenendo per la seconda volta la battuta. Il secondo set parte in modo speculare rispetto al primo, con l’azzurra costretta a recuperare i primi due game tra errori anche tattici e le solite accelerazioni devastanti. La gestualità di Belinda sembra suggerire il colpo accusato ma la svizzera, al contrario, rimane centrata. Continua a rimandare più palle possibili e piazza un parziale di 8 punti a 1: è lo strappo decisivo, nonostante la successiva palla del cinque pari per Camila annullata però da un servizio al corpo. Bencic raggiunge così i quarti di finale dove attende la vincitrice del match fra Aryna Sabalenka e la campionessa in carica Daria Gavrilova. Camila si sposterà alla volta di New York con qualche buona sensazione pareggiata da altrettante incertezze. Le solite.

 

BERTENS E KONTA MARCANO VISITA – Dopo dieci top ten battute a partire da maggio, la vittoria a Cincinnati e il best ranking (n. 13) che la vede a pochi passi dall’ingresso nell’élite del tennis mondiale, Kiki Bertens ragiona da aspirante protagonista dell’imminente US Open e, come ha fatto Simona Halep, si prende una comprensibile pausa. Per lo meno, speriamo sia quella l’origine della malattia virale che costringe l’olandese a cedere il proprio posto in tabellone a Pauline Parmentier. Poco dopo, con la stessa motivazione, si ritira anche Johanna Konta lasciando via libera ai quarti a Carla Suárez Navarro.

KONTAVEIT FATICA – Forse distratta dal cambio (favorevole) di avversaria, Anett Kontaveit ci mette un set prima di ritrovare almeno parzialmente sé stessa e la misura del dritto per avere ragione della ripescata Pauline Parmentier. Sintomatico della situazione è il punto perso sul 3-3 del primo set: con la francese costretta al tergicristallo, Kontaveit lancia un grido di disappunto per il suo dritto che erroneamente crede destinato a uscire; dall’espressione di Anett è immediatamente chiaro che non contesterà il “disturbo volontario” chiamato subito dopo dall’arbitro. Pauline chiude la partita 6-3 ma la ventiduenne di Tallinn non si scompone e, annullate quattro opportunità dello 0-2, prende il controllo del gioco e chiude con un doppio 6-2 un incontro caratterizzato da pochi vincenti e troppi gratuiti.

Nella notte il livello dello spettacolo è decisamente salito con le vittorie di Goerges e Garcia. La tedesca ha dovuto faticare molto più del previsto per battere la 18enne ucraina Dayana Yastremska, ennesima giocatrice tra le millenial a dimostrare di avere la personalità giusta per imporsi nel circuito. Goerges ha sbagliato più del dovuto, cedendo per questo motivo il secondo set, e quando ormai in Italia si era vicini al sorgere del sole ha trovato il break decisivo per rompere l’equilibrio nel parziale decisivo. Vittoria importante per Julia, sconfitta altrettanto significativa per Yastremska di cui probabilmente avremo presto altre notizie. Gran battaglia anche tra Garcia e Sasnovich, in campo quasi tre ore con esito infausto per la bielorussa che si era portata in vantaggio di un set. La francese ha iniziato la rimonta subito dopo aver ricevuto un trattamento medico a inizio secondo set per un problema allo stomaco, ma nel terzo è sembrata quasi spacciata sullo svantaggio di 4-1; qui ha riunito le idee e vinto cinque giochi consecutivi, conquistando il passaggio del turno.

Michelangelo Sottili

Risultati:

A. Kontaveit b. [LL] P. Parmentier 3-6 6-2 6-2
[LL] B. Bencic b. [Q] C. Giorgi 6-4 6-4
C. Suárez Navarro b. J. Konta W/O
[2] C. Garcia b. A. Sasnovich 6-7(2) 6-2 6-4
[5] J. Goerges b. [Q] D. Yastremska 6-4 3-6 6-4

Il tabellone completo

CATEGORIE
TAG
Condividi