Il mio ricordo di Francesca Schiavone

Editoriali del Direttore

Il mio ricordo di Francesca Schiavone

A 38 anni la “Schiavo”, prima italiana a vincere uno Slam, annuncia a New York che “basta così”. L’ho conosciuta e seguita per… 71 Slam. La ex n.4 WTA, oggi n. 454, da bambina ad adulta, sempre imprevedibile

Pubblicato

il

L’AUDIO DELLA CONFERENZA DI FRANCESCA

L’UFFICIALITÀ – Francesca Schiavone si ritira. Dopo 8058 giorni di carriera
Spunti tecnici: Schiavone, quanto eri bella da veder giocare. E che rovescio

 

L’ho conosciuta che era poco più che una una bambina. Insieme a mille handicap di varia natura, i vantaggi d’essere il giornalista italiano più anziano presente ai tornei sono forse solo due. Uno vale per tutti i campi della vita (non solo quelli del tennis) e si chiama esperienza, l’altro aiuta quando si tratta di rivivere situazioni, incontri, personaggi delle old-generation. Non c’era nessuno degli attuali compagni di viaggio, ma i vecchi amici Gianni Clerici, Rino Tommasi e Roberto Lombardi, quando 18 anni fa qui a New York, nel 2000, una ragazzina milanese che avevo visto un paio d’anni prima nel torneo junior del Roland Garros e che non mi aveva particolarmente impressionato perché m’era parsa troppo esilina e piccolina (166 cm) anche se agilissima, era a sorpresa sbucata nel main draw dell’US Open.

Si chiamava Francesca Schiavone. Un peperino saltellante. Con un tennis che pareva assai istintivo, allegro, arrembante, dritti liftatissimi (“topponi” li avrebbe ribattezzati lei) e rovesci a una mano già insoliti in mezzo a una selva di rovesci bimani. Aveva compiuto 20 anni a giugno, la figlia di un tranviere emigrato dal sud e trasferitosi a Milano; famiglia piuttosto modesta che non ne aveva però condizionato la viva personalità.

Dai 12 ai 18 anni Francesca aveva frequentato il Tennis Club Milano Bonacossa di viale Generale Arimondi, vicino piazza Firenze, e la sua prima maestra era stata Barbara Rossi, ex giocatrice di buon livello poi trasformatasi in eccellente commentatrice per Eurosport.Non si riusciva mai a farla uscire dal campo, lavorava tantissimo, era decisissima a migliorarsi e a diventare una professionista del tennis. Non ne voleva sapere di perdere – ha raccontato tante volte Rossi – e ricordo che uno dei primi match che giocò per il TC Milano lo perse e lei… sparì! La cercai dappertutto e quando finalmente la trovai stava piangendo: ‘Non è possibile che io abbia perduto! Significa che devo lavorare di più…’“. Quella è sempre stata la sua attitudine.

I 70 SLAM E IL SUO CARATTERE… DIFFICILE

Grazie all’exploit nelle “quali” del 2000 rividi, due anni dopo Parigi (o erano tre?) Francesca a New York alle prese nel primo turno del main draw con una croata, Silvia Talaja. Vinse lei, 6-3 6-3. Poi ecco pararsi davanti alla milanesina Gloria Pizzichini in uno degli infrequenti derby del tennis italiano dell’epoca a livello di Slam. Francesca vinse anche quello: 6-4 6-4. Poi le toccò la serba Jelena Dokic, quella povera ragazza dal padre impossibile, un camionista che sarebbe arrivato a picchiarla ogni volta (o quasi) che non vinceva. La ragazza che poi avrebbe preso la cittadinanza australiana (e avrebbe vinto anni dopo gli Internazionali d’Italia) vinse 7-6 7-5. Ma la carriera professionistica di Francesca ormai era decollata: quello sarebbe stato il primo di 61 Slam consecutivi, fino allo US Open 2015. A un passo dal record di 62 detenuto dalla giapponese Ay Sugiyama. Io però ho avuto la fortuna di vederla in tutti e 70 gli Slam che ha disputato, 71 se ci aggiungo anche quello junior a Parigi.

Per 10 anni Francesca – proprio come aveva immaginato Barbara Rossi – non ha mai cessato di lavorare e di credere in se stessa più di qualsiasi altro. Ha vinto oltre 11 milioni di dollari in carriera, senza contare sponsorships, esibizioni e gettoni di presenza (e i famosi 400.000 euro regalati senza alcuna necessità da Binaghi quando vinse Parigi). Non era facile averci a che fare come giornalista. È sempre stata molto “moody”, imprevedibile. Non solo sul campo, anche fuori. Avevi spesso la sensazione che dover parlare con i giornalisti dopo un match, e soprattutto dopo uno perso, le pesasse in modo insopportabile. Guai ad azzardare analisi tattiche, ricostruzioni delle sue partite, diverse da come le vedeva lei.

Era spesso difficile, talvolta criptica, anche perché tendeva a usare da ragazzina parole delle quali non conosceva sempre benissimo il significato. Ricordo, fra diversi, durante un Wimbledon un suo scontro virulento con Clerici perché Gianni gli aveva rivolto una domanda chiamandola “Leonessa” – come a lei era piaciuto tantissimo farsi chiamare per anni e fino a quando il suo vecchio allenatore Tavelli l’aveva incoraggiata chiamandola a quel modo – e lei gli si era rivolta polemicamente dicendo: “Voi giornalisti non vi informate e non date retta…”. Niente faceva saltare la mosca al naso allo scriba Clerici più che venire confuso, con il voi, fra i giornalisti. “Se ha qualcosa da rimproverarmi la contesti a me…”. La cosa andò avanti un po’, non la ricordo nemmeno tutta, ma fu assai imbarazzante e Clerici per un bel pezzo non si fece più vedere alle conferenze della… Leonessa.

Un vizio comune a tanti giocatori/giocatrici, in cui incorreva non di rado anche Francesca, era quello di non leggere quel che un giornalista aveva scritto – o aveva detto in tv e ovviamente lei non lo aveva sentito – ma di polemizzare riguardo a cose mal riportate da qualche semina zizzania. Fra i cortigiani federali non ce n’erano pochi. Comunque sia io ricordo che a seguito di una vittoria come di una sconfitta, Francesca pareva sempre sicura di sé, spesso fin troppo… tanto che quando dopo anni in cui a fronte di ottimi risultati che però si arenavano ai quarti di finale (all’US Open 2003 e a Wimbledon 2009, più un Roland Garros), lei continuava a sostenere che non c’era alcun motivo per cui non potesse vincere uno Slam, in giro si avvertiva soprattutto scetticismo. Parevano eccessi di presunzione. Ma aveva ragione lei.

IL TRIONFO DI PARIGI

A 29 anni, undici mesi e 15 giorni, sabato 5 giugno 2010 Francesca sarebbe stata la prima italiana a vincere uno Slam, battendo al Roland Garros l’australiana Sam Stosur che l’aveva sconfitta l’anno precedente al primo turno sul campo 2 davanti a un pugno di spettatori, e che era super favorita stando ai bookmaker: Stosur era data a 1,75, Schiavone a 4,50. Contro Kirilenko e soprattutto con Wozniacki, più che con Dementieva mezza infortunata (ma si sarebbe ritirata se avesse vinto il primo set?), Francesca aveva giocato una delle sue più belle partite di sempre, molto meglio di quando aveva battuto una Serena Williams in pessime condizioni a Roma. Però se intervistaste Francesca vi direbbe sempre che quella è stata una delle sue più belle partite… il prestigioso scalpo della più forte tennista di quest’ultima generazione… e della penultima! Il fatto di aver battuto Serena a Roma nel torneo che avrebbe amato vincere quasi più del Roland Garros, probabilmente influenza ancora oggi i suoi ricordi.

“Spero che vinca la più intelligente” aveva detto Francesca alla vigilia della finale, con quella simpatica sfrontatezza che l’ha spesso contraddistinta. Ho il titolo de l’Equipe a provarlo, semmai lo avesse dimenticato. Fatto sta che Francesca giocò una partita straordinariamente intelligente, varia, all’attacco, mixata con sapienti smorzate. Stosur, emozionatissima, non ci capì nulla. “Francesca, il titolo per questa impresa?”. “Oltre tutti i limiti! Avevo sempre sognato questo torneo. Ogni giorno che ti alzi lavori per fare qualcosa così che, anche se è lontano dalla realtà, è dentro di te. Lo sport ti lascia dimostrare il talento, ma ci devi mettere accanto anche il lavoro. E poi ho detto di essere intelligente, è vero, ma non esageriamo!”.

L’ENDORSEMENT DI MARTINA E IL CONFRONTO CON FLAVIA

Francesca poteva essere simpaticissima ma anche antipatica, a seconda dei giorni. Genuina, vera il più delle volte, un po’ eccessivamente recitata altre volte quando decideva di comunicare i suoi pensieri più o meno filosofici con un fil di voce, e la teatralità di Eleonora Duse. Insomma certe volte era straordinaria nella sua spontaneità, altre volte faticosa quando si improvvisava l’intellettuale iper-costruita. Non si sapeva mai come l’avresti trovata. Anche oggi credo. Francesca aveva, con il suo tennis vario, i suoi rovesci ora liftati ora tagliati, una dote che Flavia Pennetta non ha mai avuto: riusciva a far giocare male le avversarie, tanto quanto Flavia tendeva a metterle (involontariamente s’intende) in palla. Secondo Martina Navratilova, che l’adora, Francesca è stata una delle tenniste con il maggior talento degli ultimi anni. Ed è difficile darle torto. Avesse avuto qualche centimetro in più sarebbe rimasta top-ten molto più a lungo. Ma magari non sarebbe stata altrettanto agile e formidabile in difesa sulla terra.

Sia Francesca sia Flavia hanno battuto quasi tutte le più forti tenniste del mondo, Francesca è salita fino a n.4 WTA, come solo Adriano Panatta è riuscito fra i maschi, Flavia Pennetta si è fermata a n.6 (Errani a n.5, Vinci a n.7). Hanno vinto entrambe uno Slam Francesca e Flavia, e sono vittorie che a mio parere contano molto di più dei 4 successi in Fed Cup (che all’estero, per darvi un’idea, pochi ricordano: mentre le vittorie negli Slam fanno la storia vera del tennis e tutti ce le hanno presenti), ma non hanno quasi mai giocato il doppio insieme. Se non ci fosse stata Francesca secondo me non ci sarebbero state nemmeno le altre. È stata lei, con il suo esempio e i suoi risultati – arrivati prima per ragioni anche anagrafiche – a trascinare le altre. Ciò anche se la prima italiana a entrare fra le top-ten è stata, nel 2009, la Penna. Un pochino, anche se non lo ammetterà mai, Francesca rosicò. In effetti lei, tre anni di più, avrebbe pensato di arrivarci prima… Ma che dire allora di Farina, che giunta al n.11 è stata mille volte lì lì per entrarci e ha sempre sbagliato… l’ingresso? Secondo me l’impresa quasi più significativa di Francesca è stata riconquistare la finale al Roland Garros un anno dopo averlo vinto. Una vittoria poteva essere anche frutto un po’ di circostanze favorevoli, ma se l’anno dopo fai ancora finale (perdendo contro una campionessa come Li Na), beh non può essere un caso fortunato.

Due tipe completamente diverse Francesca e Flavia, anche nel modo di concludere la loro carriera. Flavia ha voluto farlo nel suo momento più fulgido, bello, indimenticabile, con ancora il trofeo dell’US Open 2015 in mano, sorprendendo perfino la sua avversaria in finale, Roberta Vinci (che, ricorderete, aveva battuto Serena Williams impedendole di centrare un Grande Slam che pareva scontato). Francesca invece ha continuato pervicacemente a credere in se stessa, a giocare il tennis agonistico “perché mi piace”, incurante del susseguirsi delle sconfitte e del progressivo declino in classifica, perché con la testardaggine che l’ha sempre contraddistinta fin da bambina e senza la quale non sarebbe diventata quella che è diventata, ha sempre creduto di poter ancora dir e la sua sul campo di gara. Fino a ieri, quando ha alzato bandiera bianca. Perché abbia deciso di farlo negli Stati Uniti e non in Italia, a Roma, magari durante gli Internazionali d’Italia (che però le avevano rifiutato la wild card quando avrebbero potuto ancora dargliele per onorare una grande carriera e le famose quattro Fed Cup) lo abbiamo saputo qui a New York.

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Australian Open: Jannik Sinner ha più pazienza (e classe) dei suoi fan

Si pretende troppo da lui. Sbaglia chi si dichiara deluso per la sconfitta del tennista altoatesino con Shapovalov. E non era giusto dargli un giorno di riposo in più

Pubblicato

il

Per dare l’idea delle pesanti, esagerate aspettative che già perfino ieri sono cadute sui riccioli rossi di Jannik Sinner, siamo già al punto che una sconfitta arrivata per 6-4 al quinto set (3-6 6-3 6-2 4-6 6-4) dopo una maratona di quasi quattro ore e una palla mancata per il 5-5 contro il n.12 del mondo Denis Shapovalov, sembra essere percepita da molti impazienti appassionati come una piccola grande delusione.

Niente di più ingiusto. Il ragazzo altoatesino mostra una maggiore maturità rispetto ai suoi fan anche nella sconfitta che resta comunque dolorosa, la seconda al quinto set in uno Slam dopo il 76 s-ubito nel set decisivo con Khachanov a New York, e mi ha detto con grande lucidità e fairplay: “Ho dato quel che potevo, non ci sono scuse. Credo di aver fatto le scelte giuste anche se ho perso. Analizzerò con Riccardo Piatti se avrei dovuto giocare nel game finale lungolinea invece che incrociato, ma “Shapo” ha meritato di vincere perché i punti importanti li ha giocati meglio lui. Se perderò una terza volta al quinto set, magari mi preoccuperò, ma prima o poi vincerò”.

Jannik lo dice stropicciandosi gli occhi, come se non riuscisse neppure a tenerli aperti. Era visibilmente stanco, provato, ma ha rifiutato orgogliosamente di aggrapparsi al minimo alibi. Che tempra.

 

Eppure le attenuanti non mancherebbero. L’inevitabile stress per un torneo appena vinto meno di 24 ore prima, il secondo in carriera e di fila, tutta una serie di battaglie – anche due in un giorno – la “vendetta” consumata con un bel 7-6 al set decisivo in 3h e 10 m di rincorse con Khachanov dopo avergli annullato un match point.

Jannik ha perso la più bella partita del primo giorno d’Australian Open, dando ragione alle attese degli organizzatori che l’avevano programmata match clou nella sessione serale sulla Margaret Court Arena. La sfortuna ha voluto che Jannik si trovasse fra i 64 giocatori della metà alta del tabellone, quelli destinati a giocare il primo giorno.

Pazienza, dice lui. E noi con lui. Io stesso mi ero chiesto se non sarebbe stato più giusto che gli organizzatori consentissero ai finalisti di un altro loro torneo conclusosi domenica un giorno extra di riposo. Mi sono risposto che non sarebbe stato giusto. In fondo la finale del Melbourne 1 (Great Ocean Road) era previsto sulla corta distanza dei due set su tre (tant’è che Sinner ha vinto la finale in due). Perché quindi programmare due partite di fila di Slam, quindi tre set su cinque? Non sarebbe stato neppure conveniente per lo stesso Sinner. Figurarsi per Shapovalov. Non è colpa di Shapovalov se Sinner ha deciso di giocare un torneo che finiva di domenica, pur considerando le complicazioni che sono derivate dal giovedì in cui non si è potuto giocare.

Il neo 32 del mondo ha dimostrato che con il ventunenne mancino canadese non c’è proprio il gap di 20 posti del ranking ATP. Lo ha detto lui stesso in conferenza, a margine dei dei dovuti complimenti all’avversario: “Non c’è tutta questa differenza tra me e lui. Semplicemente, oggi ha giocato meglio di me i punti importanti“. Considerazione lucida e onesta che, mi pare, conti più di qualsiasi altra. Jannik ha 2 anni di meno, ve lo ricordo.

Nella prima ora di gioco, anzi, è stato decisamente superiore. Poi, calato d’intensità, ha perso secondo e terzo set per ritrovarsi sotto d’un break nel quarto. Ma con smisurato orgoglio ha rimontato e vinto il set. Purtroppo all’inizio del quinto ha subito lui il break che non è più riuscito a recuperare pur avendo sfiorato il cinque pari.

Non ha mai mollato insomma. Anzi ha lottato fino all’ultimissima palla, spendendo tutto quello che aveva. Ha perso, non ha accampato scuse, è una sconfitta che va vista in positivo. Forse è perfino più importante di una vittoria, e anche questa considerazione l’aveva fatta lui stesso in conferenza dopo aver battuto Travaglia. Non c’è nessuno motivo per perdere la nostra fiducia nelle sue qualità. Anzi, ce ne sono parecchi per credere ancora di più in lui.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Australian Open, 6 vittorie azzurre e 8 KO al primo turno: poteva andare meglio, no?

Con le delusioni Cecchinato e Seppi e l’amaro in bocca per Sinner, la risposta è sì. Bravissima Errani, e adesso può sorprendere Venus. Bello il derby Fognini-Caruso

Pubblicato

il

All’interrogativo posto dal titolo, a seguito di sei vittorie al primo turno e otto sconfitte, mi viene fatto di rispondere che sì, certo che poteva andare meglio.

Chiaro che è facile dirlo, scriverlo stando davanti a un computer, però le vittorie che io pensavo potessero arrivare con percentuali vicine al 50% e non sono venute – premesso che mi sarei accontentato della metà – erano quelle di Mager, Travaglia, Cecchinato, Cocciaretto e…(why not?) Sinner. Cinque speranze svanite.

Di vittorie inattese, comunque arrivate fuor di mio pronostico una sola: quella di Sara Errani sulla Wang. E brava Sara. Dovrei darle a questo punto fiducia anche con Venus Williams, 40 anni, all’ottantottesimo Slam? 73 anni in due, match più “anziani” anagraficamente è difficile ipotizzarli. Se Venus non riuscisse a fare 50 risposte vincenti sulle seconde dal basso di Sara, boh, magari ci scappa un’altra vittoria a sorpresa. Sara vanta un quarto di finale a Melbourne 2012, nove anni fa, ai suoi bei tempi (2012) e Venus ben altri record, compresa due finali (2003 e 2017), ma 40 anni pesano più di 33. Se – vista dalla prospettiva di Sara –  gli scambi si prolungassero e diventasse una gara di corsa, ci potrebbe essere lotta e sorpresa.

 

Tornando al bilancio di primo turno – con 14 azzurri al via: il record di 15 era stato nel ’92 – il primo duro colpo era arrivato dalla prima giornata dell’Australian Open, perché i maschi (che quest’anno eguagliavano il record di partecipazione del ’92 e di un anno fa con 9 presenze) sono schizzati fuori in tre su tre, Mager con Karatsev, seguito da Travaglia con Tiafoe e da Sinner con Shapovalov.

Nella seconda giornata gli altri sei uomini hanno chiuso sul 4-2, con le convincenti vittorie di Berrettini (Anderson), Fognini (Herbert), Sonego (Querrey) e Caruso (Laaksonen), tutte in tre set.  12 set a zero. Onestamente non pensavo che Seppi, ormai purtroppo un po’ in disarmo (anche se continua a battersi) potesse battere Cuevas, ma mi illudevo sul conto di Cecchinato, soprattutto dopo il primo set vinto su McDonald. Invece il Ceck ha perso le uniche due partite giocate qui in Australia (tra Slam e torneo di preparazione): la trasferta nella terra dei canguri è stata un vero disastro. Tant’è che ha dichiarato di essersene pentito. Se non si convince che sul cemento occorre giocare in modo diverso rispetto alla terra, temo che avrà poche soddisfazioni anche in avvenire.

BILANCI, TRA 2020 E 2021

Il bilancio uomini dunque è quattro vittorie, ben vissute, e cinque sconfitte, con quella di Sinner che brucia più delle altre solo perché è arrivato a un soffio dal 5 pari al quinto, quando avrebbe ancora potuto succedere di tutto dopo 4 ore di gioco e tanta stanchezza. Anche il bilancio delle cinque donne è negativo, due sole vittorie (Giorgi su Shvedova e Errani su Wang) e tre sconfitte (Trevisan con Alexandrova, Paolini con Karolina Pliskova, Cocciaretto con Barthel), ma direi che era nelle previsioni, salvo invertire la vittoria della Errani con la sconfitta della Cocciaretto.

Un anno fa il bilancio dei nove uomini si concluse allo stesso modo: quattro vittorie (Berrettini su Harris, Sinner su Purcell, Seppi su Kecmanovic, Fognini su Opelka), cinque sconfitte (Caruso con Tsitsipas, Travaglia con Garin, Sonego con Kyrgios, Cecchinato con Zverev, Giustino con Raonic). Delle quattro donne nel 2020 passò il primo turno solo Giorgi (su Lottner). Persero Trevisan con Kenin, Cocciaretto con Kerber, Paolini con Bunkova.

Insomma, se non è zuppa è pan bagnato.

Un Sinner vittorioso avrebbe fatto la differenza, perché il secondo turno  che adesso è di Shapovalov (Tomic) lo avrebbe visto favorito e al terzo turno con Auger-Aliassime e poi al quarto con Schwartzman poteva esserci partita.

Ma rispetto a un anno fa, quando dei quattro superstiti tre persero (Sinner da Fucsovics, Berrettini da Sandgren, Seppi da Wawrinka) con Fognini che giunse agli ottavi (sconfitto da Sandgren) dopo aver battuto Thompson e Pella, forse stiamo un tantino meglio.

Intanto perché un azzurro al terzo turno c’è di sicuro e cioè il vincente del derby Fognini-Caruso, il cui esito mi incuriosisce non poco. E direi che si può pronosticare quasi sicuro anche Berrettini contro il ceco Machac n.199 ATP. Il quasi quarantenne Lopez, uno degli ultimi panda del serve&volley, ha sempre un tennis fastidioso per uno come Sonego che preferirebbe trovare avversari che gli danno ritmo, però 3 set su 5 dovrebbe far prevalere la sua maggiore freschezza. Insomma tre italiani al terzo turno come nel 2019 (Fognini, Seppi e Fabbiano) è un obiettivo eguagliabile.

Alle donne, il cui record di partecipazione è di nove e risale al 2004 (Garbin, Pennetta, Adriana Serra Zanetti e Grande eliminate al primo turno, Antonella Serra Zanetti, Schiavone e Camerin al secondo, Santangelo e Farina agli ottavi), credo non si possa chiedere che di… sopravvivere alla notte in cui, come detto, Errani affronta Venus Williams e, come non detto, Camila Giorgi sogna di ripetere contro Iga Swiatek il risultato conseguito quando Iga (sempre al secondo turno di Melbourne, due anni fa) non aveva ancora vinto il Roland Garros e… non era la Swiatek.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Sinner, Travaglia, ATP Cup: una domenica azzurra davvero speciale

Ma neppure bestiale. A Melbourne almeno un titolo non ci sfuggirà, con la settima finale tutta italiana. E battere la Russia di Medvedev e Rublev con Fognini e Berrettini è difficile, ma non impossibile

Pubblicato

il

ATP Cup 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Non era mai successo che sei tennisti italiani si trovassero tutti impegnati, nella stessa domenica, in finale a tornei/eventi ATP, cioè quelli del maggior circuito. Finale tutta italiana fra Jannik Sinner e Stefano Travaglia nel Melbourne 1 (Great Ocean Road), finale di ATP Cup per l’Italia con Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Simone Bolelli e Andrea Vavassori che si troveranno alle prese – contro pronostico – con la Russia di Medvedev e Rublev.

Si tratta quindi di una circostanza che deve essere considerata assolutamente eccezionale. Intanto perché su 167 finali d’epoca professionista con un tennista italiano in gara dalla primissima dell’8 agosto del ’71 – quando Adriano Panatta batté Martin Mulligan a Senigallia – soltanto sei erano state fino a oggi le finali tutte italiane. E l’ultima, per l’appunto al mio circolo delle Cascine e che ricordo benissimo, risale a 33 anni fa! La vinse al CT Firenze, il 22 maggio 1988, Massimiliano Narducci su Claudio Panatta (3-6 6-1 6-4). Trentatre anni sono davvero tanti. Al “mio” torneo fiorentino i quarti furono giocati da Duncan-Mancini (6-2 5-7 7-5), Claudio Panatta-Rebolledo (6-1 7-6), Arraya-Frana (6-4 1-6 7-6) e Narducci-Yzaga (6-2 3-6 6-3), le semifinali Furono Panatta-Duncan (7-6 6-2) e Narducci Arraya (6-4 6-1).

Non ho avuto tempo di andare a ricercare chi fossero le prime teste di serie di quel torneo alle Cascine di 33 anni fa, ma in quello che si conclude oggi del Great Ocean Road Open – a proposito, che meraviglia la Great Ocean Road per raggiungere i “12 Apostoli”, 12 scoglioni pazzeschi al cui confronto i nostri due gloriosi Faraglioni di Capri escono ridimensionati – c’erano due top 20, Goffin n.14 e Khachanov n.20, poi Hurkacz n.29. Direi che questo torneo in cui Stefano Travaglia centra la prima finale in carriera – complimenti insieme al best ranking n.60! – e Sinner la seconda dopo quella vinta a Sofia contro Pospisil (6-4 3-6 7-6), fosse di livello superiore.

 

Jannik resterebbe n.36 se la perdesse, dovrebbe salire di 4 o 5 posti vincendo il torneo scavalcando così Lorenzo Sonego che dovrebbe scendere a 34. Insomma, se questo torneo si fosse potuto giocare una settimana prima, Sinner sarebbe stato testa di serie e avrebbe evitato di dover affrontare Shapovalov al primo turno. Non è per nulla scontato che Jannik debba perdere con il giovane canadese, però temo che possa arrivare ad affrontarlo un po’ stanco per le maratone di questi giorni, due partite venerdì, oltre tre di maratona con Khachanov questo sabato, la finale domenica e magari un tantino scarico prima di ritrovarsi subito già lunedì in campo contro Shapovalov in un duello sulla distanza dei tre set su cinque, dopo che gli organizzatori dell’Australian Open hanno deciso di far giocare i match della metà alta del tabellone maschile nel primissimo giorno, insieme a quelli femminili della metà bassa.

Jannik Sinner – ATP Melbourne 1, Great Ocean Road 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Forse Craig Tiley e il suo team avrebbero potuto (dovuto?) tener conto di chi era in finale questa domenica e dar loro un giorno di riposo in più. Sarebbe stato meglio, anche se poi c’è il rischio di dover giocare due match senza il consueto giorno di riposo. Intanto bravissimi Travaglia e Sinner, con il primo che ha vinto la sua semifinale con Monteiro in due set e con il secondo che ha avuto i nervi saldi e il coraggio per annullare un matchpoint sul 6-5 e ben 12 palle break in una giornata in cui il servizio (cinque break subiti e soltanto il 61% di prime palle) ha funzionato a intermittenza.

Ma bravissimo anche Fognini a vincere contro la sua bestia nera Carreno Busta che lo aveva messo sotto sette volte in sette precedenti duelli. Dopo la prima deludente prestazione di Fabio contro l’austriaco Novak c’era da preoccuparsi. Contro Paire si era tornati a sorridere ma con ancora qualche dubbio perché Paire per tutta la parte iniziale del match era sembrato più fuori di testa del solito. Ma adesso il tabù sfatato con Carreno Busta darà sicuramente ben altra fiducia a Fabio e al suo nuovo coach Alberto Mancini.

Con il suo avversario di stanotte, Rublev, Fabio ha un bel bilancio, cinque vittorie e una sconfitta (a Umago) e poi il suo tabellone all’Australian Open non è semplicissimo, il francese più forte in doppio Herbert e poi il vincente fra Caruso e Laaksonen per arrivare al terzo turno contro “leprotto” de Minaur, ma oggettivamente non è nemmeno così duro come quello toccato a Sinner (Shapovalov) e a Berrettini (Anderson).

E che dire adesso a proposito di Berrettini che dopo Thiem e Monfils ha dominato anche Bautista Agut senza perdere un set in tre partite ad altissimo livello? Beh, i superlativi usati “bravissimo” per gli altri tre tennisti per lui potrebbero risultare quasi “understatement”. Zero set persi contro giocatori di quel livello, sei game persi in totale sia con Thiem sia con Monfils, otto con Bautista Agut. Questo Berrettini ha tutta l’aria di poter essere competitivo anche con Medvedev, anche se è giusto considerarlo sfavorito. Ma per come ha giocato, e per il loro unico e combattuto precedente, Matteo potrebbe pure vincere. E poi c’è comunque il doppio. Non è che i russi siano due doppisti fenomenali. Fognini in Australia ha vinto uno Slam (con Bolelli), a Berrettini non è poi così facile strappare il servizio quando a rete c’è anche un Fognini che può intercettare le risposte. Insomma ragazzi… fiducia!

Si potrà pensare o dire che magari l’ATP Cup, alla sua seconda edizione è ancora una manifestazione di insufficiente tradizione (valore?) anche se dovevano parteciparvi 14 dei primi 16 tennisti del mondo. Si ha ancora la sensazione che i giocatori possano affrontarla con minor convinzione. Nadal che preferisce non giocarla, Thiem che un anno fa la giocò di peste ma poi invece fece un grandissimo Australian Open. Però è anche certamente vero che nessun top-player ha piacere di perdere e scende in campo fregandosene, soprattutto con rivali dello stesso calibro. Semmai si può avere un po’ meno concentrazione nelle fasi di preparazione al match. Anche il fatto che il capitano sia il coach del giocatore toglie un po’ di “stile” alla situazione, e non solo per il n.2 del team. Il capitano di Coppa Davis ha un altro impatto.

Matteo Berrettini – ATP Cup 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Sarà dunque una domenica davvero speciale… Un po’ un peccato – non siamo mai contenti! – doverla vivere fino in piena notte e all’alba, dormendo poco per chi vorrà seguire la finale d’ATP Cup Italia-Russia da mezzanotte e la finale Sinner-Travaglia dalle 4 del mattino. Un programma che darà più ragione del solito a chi disse “la domenica è quel giorno che la mattina hai sonno, il pomeriggio hai mal di testa e la sera hai la paranoia del lunedì”. Un lunedì del tutto particolare, per l’appunto, perché cominciano due settimane di notti insonni per i veri appassionati e di superlavoro per chiunque collabori seriamente a un sito di tennis.

Una domenica speciale, ma comunque non… bestiale. Almeno un trionfo azzurro in un singolo evento siamo sicuri che potremo celebrarlo. E sarà il titolo numero 69 nella storia del tennis italiano Era Open. Gaudeamus.

TUTTI I 68 TITOLI ATP DEL TENNIS ITALIANO

1971 – A. Panatta (Senigallia)
1973 – A. Panatta (Bournemouth)
1974 – A. Panatta (Firenze)
1975 – A. Panatta (Kitzbuhel, Stoccolma), Bertolucci (Firenze)
1976 – Bertolucci (Barcellona, Firenze), A. Panatta (Roma, Roland Garros), Zugarelli (Bastad), Barazzutti (Nizza)
1977 – Barazzutti (Bastad, Parigi indoor, Charlotte), Bertolucci (Firenze, Amburgo, Berlino), A. Panatta (Houston)
1978 – A. Panatta (Tokyo)
1980 – A. Panatta (Firenze), Barazzutti (Cairo)
1981 – Ocleppo (Linz)
1984 – Cancellotti (Firenze, Palermo)
1985 – C. Panatta (Bari)
1986 – Canè (Bordeaux), Colombo (S. Vincent)
1987 – Pistolesi (Bari)
1988 – Narducci (Firenze)
1989 – Canè (Bastad)
1991 – Camporese (Rotterdam), Canè (Bologna), Pozzi (Brisbane)
1992 – Camporese (Milano), Pescosolido (Scottsdale)
1993 – Pescosolido (Tel Aviv)
1994 – Furlan (San Jose, Casablanca)
1998 – Gaudenzi (Casablanca)
2001 – Gaudenzi (St. Polten, Bastad)
2002 – Sanguinetti (Milano, Delray Beach)
2004 – Volandri (St. Polten)
2006 – Bracciali (Casablanca), Volandri (Palermo)
2011 – Seppi (Eastbourne)
2012 – Seppi (Belgrado, Mosca)
2013 – Fognini (Amburgo, Stoccarda)
2014 – Fognini (Vina del Mar)
2016 – Lorenzi (Kitzbuhel), Fognini (Umago)
2017 – Fognini (Gstaad)
2018 – Fognini (San Paolo, Bastad, Los Cabos), Cecchinato (Budapest, Umago), Berrettini (Gstaad)
2019 – Cecchinato (Buenos Aires), Fognini (Montecarlo), Berrettini (Budapest, Stoccarda), Sonego (Antalya)
2020 – Sinner (Sofia)

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement