Su Giorgi e FIT non faccio politica: il problema non è aver perso in Svizzera

Editoriali del Direttore

Su Giorgi e FIT non faccio politica: il problema non è aver perso in Svizzera

Lo spunto dalle accuse di una lettrice: i successi passati in Fed Cup non sono stati fedele indicatore della salute del movimento femminile. E anche sugli attuali risultati in ambito maschile la federazione ha poco di cui vantarsi

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Australian Open 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

In risposta a @elisa, che aveva scritto a margine di un audio da lei non ascoltato, e di un testo didascalico invece letto con approssimazione, quanto segue: “Interessante: per anni l’Italia di Fed Cup vinceva e della Fed Cup non importava niente a nessuno. Ora in Fed Cup si perde ed è colpa della FIT. Vi piace vincere facile, insomma. Se un tennista italiano va forte la FIT non ha meriti perché quel tennista si è fatto da solo. Se invece fa schifo allora è colpa della FIT. Questa guerra vi sta un po’ scappando di mano. Quando si portano avanti battaglie ideologiche ogni tanto ci vorrebbe anche un po’ di coerenza altrimenti non si è più attendibili. La Giorgi è stata a lungo in polemica con la FIT, allora si che era forte. Ora che ci si è riappacificata dietrofront, la Giorgi delude. More of that jazz…”.

Cara Elisa, ti prego di ascoltare cortesemente l’audio che ho registrato – seppur lungo , capisco che non tutti avessero voglia e tempo di ascoltarselo – se non ricordi quel che ho scritto mille volte in passato. La Fed Cup, come la Davis, non riflettono la profondità di un movimento tennistico. La continuità dei risultati di più giocatori e giocatrici negli Slam e il ranking invece sì.

 

Le quattro tenniste che sono diventate top-ten e hanno conquistato risultati eccellenti, per non dire straordinari se comparati a quelli degli uomini italiani e comunque in assoluto, hanno anche vinto diverse Fed Cup, ma a mio avviso i trionfi in Fed Cup non valevano come importanza quanto gli altri risultati, se non per il fatto che acclaravano l’omogeneità di una squadra fatta da grandi individualità. Al cui cospetto, in diverse occasioni, si presentavano come avversarie squadre “zoppe”, prive delle migliori. Basti vedere tante finali vinte contro belghe senza Clijsters, americane senza le Williams e altre, russe senza le prime 10 del ranking. Non ne avevamo certo colpa noi Italia, ma erano – spesso, anche se non sempre, perché lungo il percorso vittorioso talvolta abbiamo superato la Francia di Mauresmo, la Russia di Kuznetsova… – risultati da celebrare in modo equilibrato, ben diverso (per intendersi) da come meritavano di essere celebrati i trionfi di Schiavone al Roland Garros e di Pennetta all’US Open.

Gridare ai quattro venti “Siamo campioni del mondo!” era giusto farlo sul momento, sulle ali dell’entusiasmo, ma poi era anche giusto tornare con i piedi per terra e valutare in maniera oggettiva quei risultati di Fed Cup. Senza esagerare in trionfalismi, anche abbastanza ipocriti se – per salire sul carro dei vincitori – si proclamava il successo della “scuola italiana”, pur sapendo che quasi tutte le ragazze protagoniste di tanti successi, individuali e di squadra, avevano optato per allenarsi all’estero, con coach che non avevano nulla a che fare con la Federazione Italiana Tennis.

Non è colpa della FIT se le ragazze perdono in Svizzera, né per come perdono. Cioè male. Mai detto e pensato questo, Elisa. È colpa invece della FIT degli anni Ottanta se a seguito di un boom del tennis strettamente collegato ai successi di Panatta, Barazzutti, Bertolucci e Zugarelli – quelli sì tutti, in particolare i primi tre, “prodotti” del centro sportivo federale di Formia e del d.t. Mario Belardinell, quindi legittimamente da considerarsi prodotti FIT – non si è stati managerialmente capaci di dargli un seguitoNon si è saputo investire in competenze tecniche adeguate – Riccardo Piatti è, con Alberto Castellani, Claudio Pistolesi e pochissimi altri, uno di quei coach usciti da quella generazione, ma che anziché essere aiutati dal sistema federale si sono trovati spesso a combatterlo da coach privati che venivano considerati “rivali” e competitor. Né più né meno di come in tempi più recenti sono stati considerati rivali e competitor in una logica commerciale – che non dovrebbe istituzionalmente essere prerogativa di una federazione sportiva – diversi giornalisti e direttori di riviste costretti a smettere di lavorare o a chiudere in quanto autonomi, indipendenti e semplicemente non allineati.

Tornando “ab ovo”, così come rimprovero la FIT degli Anni Ottanta di non aver saputo gestire minimamente né il durante né il dopo Epoca d’Oro del Tennis Maschile Italiano degli Anni Settanta/inizio Ottanta, così rimprovero alla FIT che governa il tennis dal 2000, di non aver saputo organizzarsi nei 15 anni degli exploit compiuti dalla capofila Schiavone e dalle altre ragazze (ma direi già da Farina… perché arrivare a essere n.11 del mondo per me non vale meno di essere n.7… e semmai dovrebbe essere valutata maggiormente una prolungata permanenza ad alti livelli); ritengo che si poteva e doveva fare molto meglio… che non ritrovarsi senza nessuna ragazza fra le prime 150 del mondo per chissà quanti anni. Gli operati gestionali di una dirigenza si giudicano dai risultati che questa ottiene.

Sotto il profilo tecnico abbiamo avuto 15 anni di semi-vuoto a livello maschile, visto che da Tirrenia non è uscito un solo top-100 in tre lustri di attività. Fognini è frutto molto più dei sacrifici economici del padre che della FIT, se qualcuno è in grado di rileggersi la sua storia. Seppi molto più del suo fido coach Sartori che di un movimento, di Lorenzi non parliamo nemmeno, Bolelli a un certo punto proprio quando stava salendo in classifica ai suoi migliori livelli è stato più ostacolato che aiutato come qualcuno forse ricorderà. E mentre le donne ci davano lustro e prestigio, che cosa si è fatto per assicurare al tennis italiano un futuro una volta che questi avessero smesso per limiti anagrafici? Eppure i mezzi finanziari non sono mancati. A Binaghi e soci va riconosciuto un merito non indifferente (soprattutto se rapportato ad altre federazioni… che però, a loro discolpa, non potevano disporre della gallina delle uova d’oro costituito da un torneo quale gli Internazionali d’Italia), e cioè quello di aver sviluppato in positivo i conti economici. Oggi, anche se ci saranno certo i Club che lamentano i pochi servizi ricevuti, la FIT è una federazione ricca.

Ho sempre sostenuto che la priorità assoluta e istituzionale di una federazione debba essere quella di sviluppare il movimento tennistico giovanile e quello tecnico (coach di livello e non “politici”, centri di allenamento, rapporti stretti con i circoli leader per favorire la crescita in loco dei ragazzini più promettenti) con obiettivo primario quello di accompagnare all’allargamento della base dei tennisti una crescita tecnica che possa portare, dopo 40 anni di stasi e recessione, finalmente a qualche top-player. Per top-player non intendo un top-5 , ma almeno nei pressi. Oppure anche quattro o cinque top-25 insieme.

Oggettivamente l’aver cominciato a collaborare con i coach privati sta cominciando a dare buoni frutti (vedi Berrettini…), ma se andaste a rileggere quel che scrivevo 20 anni fa, capireste che c’è voluto troppo tempo! Idem investire su coach di provate capacità, esperienze e impegno. A oggi anche se leggo che, Cicero pro domo sua, si vuole spacciare la situazione del tennis italiano come brillante anche a livello tecnico, sebbene fra le donne ci sia il vuoto assoluto e fra gli uomini i migliori siano ancora due uomini di 31 e 34 anni (Fognini e Seppi che, ripeto, si sono fatti più da soli che altro, di certo non sono stati prodotti di una scuola), più un tennista di 26, Cecchinato, e Berrettini che non possono dirsi “prodotti” di Tirrenia, secondo me non c’è granché di cui vantarsi.

Supertennis è stato uno strumento (peraltro dispendiosissimo, ormai parecchie decine di milioni e quindi molto superiore ad ogni previsione e senza mai aver raggiunto quel break even che era stato annunciato alla sua istituzione dover avvenire in tre anni) utilissimo a far vedere tennis che altrimenti non avremmo visto altro che a pagamento e quindi certamente a promuovere tennis. È servito anche ad altri scopi primari mai dichiarati: magnificare i meriti della FIT, ingraziarsi i circoli amici per vari scopi elettorali e non, fare p.r. con dirigenti di altre federazioni e Coni, aprire spazi a collaborazioni di vario tipo. Alla gente comune interessa goderne e non sapere se sia costato troppo o poco, se sarebbe stato più o meno importante destinare parte di quei fondi a una crescita tecnica che è stata a mio avviso trascurata.

Io resto dell’idea che nessun traino avrebbe avuto maggior successo che quello della creazione delle migliori premesse possibili all’avvento di un campione. Non si può continuare a credere che il campione lo manda soltanto il Padreterno, anche se qualche volta è così. Bisogna crearne le premesse e per 20 anni le premesse sono state trascuratissime. Tutto qua, cara Elisa, io la penso così. E non ho mire politiche. Non aspiro ad altro che quello di poter scrivere più spesso di quanto sia accaduto negli ultimi 20 anni di un giocatore che, come Cecchinato a Parigi, arrivi almeno alle semifinali di uno Slam, qui o là. Anche se a oggi Cecchinato non ha saputo o potuto ripetersi, quella sua settimana a Parigi ha avvicinato al tennis molte più persone che mesi di trasmissioni (benvenute per carità) di Supertennis. Se ci fosse non una settimana, ma quattro o cinque l’anno grazie ad altrettanti exploit, ecco che il tennis farebbe quel balzo di popolarità che io auspico, quello sì. Come davvero prioritario, mia cara Elisa.

Post scriptum: su Giorgi nessun dietrofront… politico, quale quello cui tu Elisa alludi. Come ha scritto in un commento un altro lettore in calce allo stesso articolo, è vero che veder giocare Camila contro Pliskova mi aveva per l’ennesima volta entusiasmato per certe, ripetute splendide azioni di gioco. Nei primi due set, perché nel terzo purtroppo gli errori erano stati più dei vincenti. Però è la delusione per come Camila interpreta certe fasi decisive di una partita – e nell’audio, che non hai evidentemente ascoltato, ho citato quelle quattro risposte cacciate al vento e di metri, del tutto dissennatamente, sul 5-4 per Bencic al servizio dallo 0-15 in poi – che mi ha fatto disperare sulla sua possibilità di crescere, di cambiare. Non ha 28 anni ma 27, però dopo una dozzina di anni che gioca in quel modo, certi aggiustamenti tattici (in particolare al servizio) li ha fatti ma non abbastanza.

Non esiste non cercare di pensare che la tua avversaria che serve per il match sul 5-4 0-15 non possa essere un po’ nervosa e convenga quindi tastare quanto lo sia, metterla alla prova, misurare il suo stato di nervosismo facendole giocare qualche colpo, invece di sparacchiare “alla viva il parroco” quattro bombarde in risposta a dei buoni servizi con scarse possibilità che le restino dentro. L’ho trovato così deprimente che, a caldo, mi sono quasi pentito dei tanti elogi spesi in occasione del match con Pliskova. Ma, credimi, i pregiudizi politici di cui mi accusi, e cioè se Giorgi è in lite con la FIT è brava e se invece ci si mette d’accordo è scarsa, non c’entrano proprio per nulla, non hanno alcun senso. Sono, a mio avviso, semplicemente un segno di disistima nei miei confronti. Che spero non sia condiviso, chissà forse i lettori in calce a questo articolo saranno così gentili da significarmelo, così come non mi illudo granché sul fatto che cambierai idea. I pregiudizi sono difficili da abbattere. E mi sembra che tu mi abbia dimostrato con quel tuo commento di averne.

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Fognini come Panatta: la storia si ripete

A gran richiesta, parlo della vittoria di Fognini. Che io sappia Giovan Battista Vico non ebbe mai modo di impugnare una racchetta. E i suoi corsi e ricorsi non furono prodezze atletiche. Però, però, però…

Pubblicato

il

Fabio Fognini (trofeo) - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Il 1976 fu l’anno magico di Adriano Panatta e un po’ di tutto il tennis italiano che dagli anni di Pietrangeli e Sirola a cavallo degli anni Sessanta non aveva brillato granché. Quasi un’era geologica per quei tempi in cui il tennis era ancora sport d’élite, praticato da pochi Paesi e l’Italia della racchetta grazie a quei due, ma anche a Beppino Merlo, Fausto Gardini e prima di loro a De Morpurgo, De Stefani, Cucelli e i Del Bello, si era fatta rispettare in campo internazionale.

Dopo quasi tre lustri di penombra agonistica, se non proprio di oscurità, toccò a un giovane romano di grande talento, figlio di Ascenzio custode del TC Parioli, rischiarare con vari sprazzi di luce le prospettive di un tennis nel complesso assai poco azzurro. Fra i suoi 20 e 25 anni, quel bel ragazzo romano de’ Roma che in piena epoca di Dolce Vita piaceva tanto alle donne (anche se talvolta eccedeva un po’ nei modi un po’… arrogantelli da bulletto), aveva fatto vedere lampi di vera classe giocando un tennis magnifico, spettacolare e battendo nelle giornate di vena alcuni dei migliori tennisti del mondo: Orantes, Nastase, Borg, Rosewall, Connors. Innamorandosi dei suoi gesti tecnici, della loro varietà ed originalità perfino in un’epoca in cui nessuno dei grandi giocava in modo simile agli altri, gli si rimproverava una sola cosa: la discontinuità. La sporadicità di quelle giornate di vena.

 

Non c’era chi non lo temesse, perfino Bjorn Borg, il più forte tennista del mondo di allora – certamente sulla terra rossa anche se cinque trionfi sull’erba di Wimbledon sottolineavano la sua completezza – sapeva che un Adriano Panatta in giornata di vena avrebbe potuto farlo precipitare nel polvere rosso tritata. E accadde più di una volta, anche in teatri importanti. L’Orso Borg partecipò a otto Roland Garros, ne vinse sei. Da chi perse quelle sole due volte? Da Adriano Panatta.

Sì, era già successo nel 1973. Ma, come detto, fu il 1976 l’anno magico di Adriano Panatta. Trionfò nel torneo cui teneva di più, nella sua Roma vicino casa sua. Per dar vita a un’impresa sportiva ci vuole tanta forza, fisica e mentale, tanto coraggio e – come avrebbe detto in una sede principesca 43 anni dopo un altro grande della racchetta – anche un bel po’ di… culo.

Fino a quella memorabile settimana al Foro Italico, Adriano aveva collezionato tanti scalpi importanti, diversi tornei minori, ma mai ancora un grande torneo sebbene tutti gliene attribuissero il potenziale ad hoc. Ma non era mai favorito fino in fondo. Tutti sapevano che poteva vincere contro chiunque, ci speravano, ma accadeva solo talvolta. E troppe volte accadeva il contrario, rispetto alle aspettative di chi si era innamorato del suo modo di giocare. Scriveva su Ubitennis Fede Torre – vi invito a rileggerlo – poco tempo fa: “uno sportivo non è mai quel che vince, ma l’emozione che trasmette nel farlo e l’immedesimazione che la gente trova in lui. È un destino riservato a pochi, il destino dei Valentino Rossi, degli Alberto Tomba, dei Marco Pantani, dei Roberto Baggio. Adriano Panatta era tutto questo. Era bello, giovane. Sul campo elegante. Fuori anche di più”.

Panatta in tribuna – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Anche quella settimana sembrava proprio che non dovesse accadere. Contro un australiano di retroguardia, non certo uno dei grandi Aussies che hanno fatto la storia del tennis, tal Kim Warwick, talentuoso la sua parte – la settimana prima ad Amburgo aveva battuto Kodes – ma pazzerello ai confini dell’isteria in certi frangenti, Adriano si imbatte in una apparente giornata no. Fin quasi alla doccia. Warwick può giocarsi – non è uno scherzo – 11 match point. Dieci sul proprio servizio a partire dal 5-2 40-15, poi altri tre in quel game. Altri sul 5-4 40-0. Ripeto perché li annotai uno per uno, non è uno scherzo. Un paio furono scambi corpo a corpo, ravvicinati, da cardiopalmo, il pubblico impazzì: ‘Adriaaanooo Aaadriaaanooo!’. Chissà come, Panatta rovescia una giornata di non vena in una giornata lucidamente folle, in cui comincia d’incanto a rispondere divinamente, a giocare dei passanti incredibili contro l’australiano che si attacca alla rete con la forza della disperazione, match point dopo match point. La risposta, il passante, non erano mai stati i punti di forza di Adriano, eppure miracolosamente e improvvisamente quel giorno lo diventano.

Fortuna, culo, quindi? Beh, anche, ma anche no, perché poi Adriano infila una magnifica sequenza di vittorie, contro giocatori fortissimi sulla terra battuta. Stentòa ancora contro Tonino Zugarelli, romano anche lui ma… trattato come uno straniero dal pubblico di Adriano così spesso ingeneroso. Poi è la volta di Franulovic, sì, il direttore oggi del torneo di Montecarlo, quindi il “sorcio” americano Solomon che si ritira per proteste per una chiamata arbitrale in vantaggio 5-4 nel terzo set. Poi Adriano travolge Newcombe, entusiasmando, e infine raggiunge l’apoteosi battendo in finale Guillermo Vilas che sui campi rossi era, dopo Borg, decisamente il più forte e il più continuo del mondo. Lo mette k.o. In quattro set. Pandemonio. In quel torneo c’erano sette dei dieci tennisti più forti del mondo. Si poteva parlare ancora di fortuna? Certo che no. In ogni vittoria, salvo alcune di Borg e Nadal al Roland Garros, per restare sul pianeta terra rossa, c’è sempre un po’ di fortuna.

La farò più breve con Panatta al Roland Garros. Anche li sembrava tutto fuorché il suo torneo. Al primo turno contro il ceco Pavel Hutka appare in giornata no per quasi un intero match e salva miracolosamente con un tuffo prodigioso un match point. Un altro Panatta gioca la seconda parte del match. E lo vince in carrozza dando spettacolo. In semifinale e finale batterà due piccoletti irriducibili che si assomigliano tantissimo, per struttura fisica e tennis, rovescio bimane capace di cross strettissimi, un servizio così così, mai a rete salvo che per stringere la mano a fine partita. Pur sempre due top 10 di grande regolarità e continuità. Ma il capolavoro era arrivato nei quarti, quando la vittima era stata la più illustre, dominata con smorzate mascherate da finti attacchi in chop, attacchi in controtempo, serve&volley improvvisi. Bjorn Borg, il più forte tennista di sempre sulla terra rossa, prima dell’avvento di Nadal, era sembrato perfino impotente. I parigini si erano entusiasmato per il tennis brillante, fantasioso, vario, di Panatta non meno dei romani al Foro Italico.

Panatta avrebbe raggiunto prima a Roma e poi a Parigi il suo best ranking. Quando già qualcuno dubitava che ce l’avrebbe mai fatta a salire così in alto, per via di quella sua incapacità a mantenere i pronostici favorevoli. Io a Firenze, un torneo che ha anche vinto, l’ho visto mio malgrado perdere da carneadi quali il boliviano Benavides, gli americani Winitski e Fagel, l’australiano Dibley.

Beh, Giovan Battista Vico sarà certo d’accordo con me, laddove si trova. La storia di Fabio Fognini ricorda moltissimo quella di Adriano Panatta. Al quale, in termini di talento e potenziale, l’ho spesso confrontato, scrivendo a più riprese che negli ultimi 40 anni il tennis italiano non ha avuto un tennista più forte e talentuoso di lui.

Da quasi dieci lui senza vincere alcun grande torneo è costantemente fra i primi 20 del mondo e per anni tutti si aspettavano che sarebbe riuscito a entrare tra i primi dieci. E perché non ci sia riuscito il primo a dirlo è sempre stato lui: un problema di testa, non certo di gioco. Il suo tennis è stato sempre più piacevole a vedersi, nelle giornate di vena, di tanti top 10. Non c’è bisogno di far nomi.

Ora, come al Foro Italico 43 anni fa, ecco che a Montecarlo accade quel che era stato annunciato mille volte senza che mai accadesse. Cronaca di un evento annunciato. È sull’orlo del baratro contro Rublev (non vale i Safin e i kafelnikov, ma è stato capace di raggiungere i quarti allUs Open da teenager): pazzerello come Kim Warwick. Ma meno coraggioso, o incosciente, di Fognini che mette a segno un ace con la seconda palla su una delle cinque palle break che Rublev non trasforma per andare a servire sul 64 5-1.

Dopo quel miracoloso e fortunato salvataggio Fognini è ancora più fortunato perché gli si ritira senza scendere in campo il francese Simon che lo aveva battuto cinque volte su cinque. Poi però dà una lezione di tennis al n.3 del mondo che in due precedenti confronti gli aveva lasciato sei game per match. Spettacolo puro. Grande show che prosegue con Coric dopo un primo set giocato dal cugino di Fognini. Ma gli altri due li gioca come sa solo lui. Ed ecco Borg in semifinale, pardon Nadal. Rafa come Bjorn sa che con Fognini in vena si può perdere. Gli è già successo tre volte. Una addirittura nonostante due set di vantaggio e non in un torneo qualsiasi: all’US Open.

Fognini vs Nadal inizio match – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

È nervoso Rafa, appena le cose non si mettono troppo bene per lui, perché sa di non essere al top, non ha giocato particolarmente bene al ritorno dall’infortunio di Indian Wells. Mentre Fognini è in una di quelle giornate in cui gli riesce tutto, anche i bambini con i baffi. Passano i punti, i game, e Fognini è l’unico che dà davvero spettacolo, tennis magnifico. Mentre Nadal affonda sempre di più nella sua giornata no. Quel Fognini oggi è imbattibile, il più forte, inarrestabile. Addirittura Nadal evita per un soffio l’umiliazione estrema, un 6-0 che il più forte tennista del mondo sulla terra battuta dai tempi di Borg non poteva mettere in preventivo neppure se si è ormai convinto, suo malgrado, di aver giocato male, malissimo.

Ma quanto è il merito di Fognini? Di sicuro grande, grandissimo. Fantastico. Come Panatta contro Borg.

E come Panatta Fognini non si distrae, questa volte – a differenza di tutte le altre tre volte post Nadal quando aveva immancabilmente perso – e batte anche Lajovic, senza farsi travolgere dalla pressione di non dover mancare l’opportunità che pare unica. Anche per Panatta battere prima Dibbs e poi Solomon nella prima grande, grandissima finale, era stata la stessa cosa, la stessa angoscia della vigilia.

Vinse, anzi trionfò. Conquistò il plauso del mondo, l’ammirazione sconfinata di tutti, per il modo in cui vinceva, per il modo in cui giocava. Conquistò il best ranking. E da quell’exploit tutto il tennis italiano ne trasse giovamento. Fu solo il primo, i primi due. A Fabio ora manca solo il secondo, ma quasi nessuno dubita più che arriverà; lui saprà’, a 32 anni rotto finalmente il ghiaccio, reggere la pressione di giocare da favorito e campione quale certamente è anche uno dei prossimi tornei. L’Italia del tennis – non mi parrebbe però giusto non ricordare, perfino in questo momento, che i suoi comportamenti non sono stati troppo spesso all’altezza del suo tennis – gli deve dire dire grazie e dirsi fortunata di aver avuto in questi dieci anni un tennista, un campione, come lui. Il migliore, come mille volte scritto, dai tempi di Panatta nell’arco di 40 anni. Adriano re di Roma, Fabio principe a Montecarlo. 

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Lorenzo Sonego… come se nei quarti ci fosse mio figlio

Lui e Matteo Berrettini sono, insieme ai giovanissimi Sinner, Musetti e Zeppieri, le nostre migliori speranze per il futuro del nostro tennis

Pubblicato

il

La gioia di Lorenzo Sonego - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Il quasi incredibile exploit del ragazzo torinese che l’8 aprile era ancora n.103 del mondo e che oggi prima di affrontare il sorprendente Dusan Lajovic nei quarti del Masters 1000 di Montecarlo è già (da lunedì prossimo) n.65 dopo aver cominciato il torneo da n.96 mi ha fatto felice come un ragazzino. Anzi, come un papà. Sì perché Lorenzo, come anche Matteo Berrettini, è un ragazzo beneducato, semplice, serio, simpatico, di bei principi, un comportamento sempre corretto, con i piedi per terra e sono sicuro che resterà sempre tale anche se dovesse diventare famoso. Sono ragazzi che assomigliano, come genere di persona, a Paolo Lorenzi, un altro buon esempio di educazione.

Sarò anziano, ma sono valori che apprezzo, al di là del tennis. Perché sono valori che non tradiscono mai, sia che uno diventi un campione oppure no. Roger Federer è sempre stato una persona per bene, e così anche Rafa Nadal, Novak Djokovic, Andy Murray, seppure con sfumature magari diverse. Sarebbero stati dei grandi anche se avessero vinto di meno.

 

Gli exploit monegaschi ripetuti di Lorenzo, uno che ama ricordare quanto sia bello giocare a tennis, come si diverta, quanto sia eccitante essere incoraggiato dal pubblico, le emozioni di un campo centrale fanno piacere a tutto l’Italia più sana del tennis. “È stato bello già giocarci nel primo turno delle qualificazioni – ha detto Sonego dopo la partita – mi aiuterà contro il mio prossimo avversario chiunque esso sia [Lorenzo non poteva sapere in quel momento che Lajovic, n.48 del mondo avrebbe battuto dopo Goffin 63 64 anche Thiem n.5 63 63 dopo aver condotto addirittura per 5-0 nel primo] e con il sostegno del pubblico certamente darò il meglio di me stesso. Io stanco? Non si può essere stanchi quando si ha la fortuna di giocare il torneo di Montecarlo!

Le caratteristiche umane e tecniche, l’impegno a lavorare duro per progredire ancora ci sono tutte. Sonego serve benissimo, sui 200 km orari e con Berrettini è il tennista italiano che serve meglio in tutto l’ultimo ventennio. Ma più di Berrettini in questo momento sembra in grado di tenere il servizio anche sotto pressione. Lo scrivo anche se oggi sul 5-4 ha servito per il match è ha perso la battuta per la prima volta nel match. Nei turni precedenti non l’aveva mai persa con Seppi, e una sola volta con Khachanov.

Ha un gran dritto ed è miglioratissimo nella risposta e nel rovescio che sono ancora invece due punti deboli di Berrettini che comunque – non va dimenticato – gli sta ancora davanti in classifica (è n.55) ed ha la sua stessa età, anche se quest’anno sembra sentire più la pressione di vincere rispetto a un anno fa. Forse rispetto a Berrettini sembra migliore a rete, ma è difficile dirlo, perché a rete ci viene spesso a punto semi conquistato. Felice, anzi felicissimo per gli exploit di Lorenzo, sono dispiaciuto per la sfortuna di Cecchinato, febbricitante, quando avrebbe potuto battere altrimenti un Pella che comunque non sbaglia mai una palla e mai l’avevo visto così centrato.

Dispiace che abbia mancato un’opportunità importante per guadagnare punti pesanti in vista della cambiale del Roland Garros. Questa sfortuna mi ha ricordato l’episodio di Volandri al Roland Garros, quando contro Puerta mancò un’opportunità memorabile per infilarsi alle fasi finali del torneo perché limandosi qualche pellicina d’una mano con un rasoio si procurò delle vesciche che gli impedirono di difendersi come avrebbe potuto. Volandri non ebbe più occasioni del genere. Cecchinato, ne sono quasi certo, ne avrà ancora.

Infine mi scuso con i lettori se non scrivo neppure una riga sul match di Fognini con Zverev, che ho potuto seguire solo fino alla fine del primo est. Vi assicuro – e lo dico soprattutto ai miei lettori più maligni – che non è per partito preso, ma sono dovuto partire prima della fine del suo match.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Chissà se Nadal stava male! Tre italiani in ottavi: record? Il match migliore l’hanno visto in pochi

MONTECARLO – La fortuna di Fognini, le speranze di Cecchinato e Sonego con i quarti in vista. Un giovedì con tanti bei match. Spicca Nadal-Dimitrov

Pubblicato

il

Rafa Nadal e Carlos Moya - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Quando la partita del giorno è stata un 6-1 6-1 e la notizia del giorno è che ci sono tre italiani per la prima volta negli ottavi a Montecarlo, grazie al fatto che Fognini ha vinto per il ritiro del suo avversario, non si può dire che sia stata una giornata memorabile per il tennis, anche se erano in programma gli esordi di ben cinque top 10.

Era dal ’78 – ma il tabellone era di 32 giocatori, per arrivare agli ottavi bastava una sola vittoria e non due – che non avevamo tre azzurri in ottavi. Allora furono Panatta, Barazzutti, Bertolucci, Zugarelli e Ocleppo. Così oggi si può parlare quasi di record, anche se in altri tornei importanti è pure successo: a Roma ad esempio, l’ultima volta nel 1984, con Cancellotti, Ocleppo e Claudio Panatta, ma furono addirittura quattro nel 1979 (Ocleppo, Barazzutti, Panatta e Bertolucci). L’anno scorso anche a Pechino, ma era un torneo 500, raggiunsero gli ottavi Fognini, Cecchinato e Berrettini. Questo però è un Masters 1000.

 

Non c’è stata nemmeno una partita che si sia decisa al terzo set. E forse la migliore, quella Dimitrov e Struff l’hanno vista in pochi, perché come al solito la gente segue il campo centrale dove ci scendono i grandi nomi. Struff ha avuto tante occasioni per fare i break, ma i punti importanti li ha sempre giocati Dimitrov. Che quando è in vena può essere pericoloso per tanti.

Comunque sia, quando c’è Nadal, campione undici volte qui come a Parigi e a Montecarlo (dica 33…direbbe un medico), chi se lo perde? I ragazzini diventano matti, per conquistare un autografo sarebbero capaci di tutto.

Anche perché c’erano delle riserve sulla sua condizione fisica. Alimentate dal suo ritiro a Indian Wells, dalle sue stesse incertezze, dal nome dell’avversario, Bautista Agut, non un “terraiolo” puro e tuttavia uno degli uomini più in forma di questo inizio di stagione. Ebbene Rafa che era un vero Next Gen quando i Next Gen non erano ancora così promossi dalle campagne ATP – a 16 anni (e non a 20!) battè qui Albert Costa, uno che ha vinto il Roland Garros – ha dominato in 76 minuti il connazionale che il 14 aprile ha compiuto 31 anni: 61 61 e a casa.

Alla faccia della condizione incerta. È di un altro pianeta, se sta bene, quando si gioca sui campi rossi. Solo il miglior Djokovic può competere con lui, e forse il miglior Thiem. Ho scritto competere. Che non vuol dire battere. Anche se può succedere. Comunque Rafa non sembra sentirsi al riparo da qualche ricaduta. Troppe ne ha avute. E in conferenza stampa, fino al finale quando ha ironizzato sull’eccessivo strombazzamento per i Next Gen contemporanei, è apparso anche piuttosto corrucciato. Quasi preoccupato.

Quanto a Fognini beh, quando si dice come può cambiare la vita di un tennista (non solo di un tennista…) da un giorno all’altro. Era già quasi sotto la doccia nel match con Rublev (62 4-1 e 5 pallebreak per il 5-1) e aveva commentato “Che culo” e ora si ritrova agli ottavi senza colpo ferire perché Simon si è bloccato nel corso dell’allenamento mattutino – ci aveva perso 5 volte su 5 e quindi a Fabio è andata davvero di lusso – negli ottavi contro Zverev che quest’anno non ha fatto sfracelli anche se è pur sempre il numero 3 del mondo e lo ha battuto due volte su due, con un 63 63 e un 64 62, sei game a match lasciati al nostro.

Però chi si sente di escludere che Fognini trovi la grande giornata soprattutto quando nessuno se lo aspetta? Vero, peraltro, che lo si è visto allenarsi con un tutore al gomito. Non un buon segno. Anche perché mentre Nadal è uno che, abituato a sentire dolori di vario tipo, non si deconcentra mai se appena appena riesce a muoversi, invece a Fabio basta un nonnulla per crearsi un alibi. Lui per primo è consapevole del fatto che la testa, l’attenzione è sempre stata il suo grande problema, non certo il tennis, la tecnica. Il Fognini del primo set e mezzo contro Rublev non era neppure parente del Fognini che ha rimontato e soprattutto di quello che ha giocato il terzo set.

Fabio Fognini (allenamento) – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Certo non è favorito come lo sarà invece Cecchinato (altro miracolato dopo lo 06 02 con Wawrinka) con Pella, battuto due volte su due e senza perdere un set nella finale di Umago come a Buenos Aires in casa dell’argentino.

E dopo aver visto Sonego in questi giorni direi che il torinese ha almeno le stesse chance del suo coetaneo Norrie anche se in classifica ci sono 40 posti a favore del britannico nato in Sud Africa. Io penso anzi che Lorenzo possa vincere. Anche se Norrie pare non trovarsi a malpartito sulla terra rossa, se ha battuto uno come Fucsovics (dopo Mannarino). È fresco di best ranking dopo che per la prima volta quest’anno ha raggiunto una finale in un 250 (Auckland) e una semifinale in un 500 (Acapulco). Sembrerebbe uno da campi veloci, se non altro perché viene dal Paese di Wimbledon, ma sulla terra quel dritto che apre un po’ laboriosamente può forse penalizzarlo meno. Con grande umiltà ha tessuto le lodi di Sonego e ha detto di non considerarsi favorito. Quindi…è meglio diffidare.

Sarebbe un bel colpo avere due italiani nei quarti anche se Cecchinato andrebbe a sbattere proprio su Nadal e Sonego su Thiem. Ma credo che entrambi avrebbero firmato prima del torneo per arrivare a fare quel percorso.

A proposito di match deludenti… mi aspettavo qualcosina in più da Aliassime, ma a 18 anni come si può non essere indulgenti? Zverev che aveva giocato male a Marrakech ha giocato una partita tranquilla, senza strafare. Quando viene a rete è ancora un mezzo disastro. Incredibile pensando a quanto si sarà allenato e a come gioca suo fratello. Aliassime è stato più bravo fuori dal campo che in campo: in conferenza stampa non ha fatto una piega, ha parlato dei suoi due allenatori, mostrando educazione, maturità ed un approccio non drammatico dinanzi ad una sconfitta non scontata ma anche prevedibile. Né è sembrato preoccupato del livello del suo gioco, ben diverso da quello sfoggiato a Miami.

Giusto che gli organizzatori abbiano messo sul centrale in apertura alle 11 Medvedev e Tsitsipas, due che giocano in modo assai diverso, conservativo il russo, più estroso il greco (qui seguito da Mouratoglou). Tra i due c’è anche qualche vecchio screzio, che sembrerebbe risolto… ma chissà mai. Inevitabile che giocassero poi sul centrale i primi due tennisti del mondo, Djokovic contro Fritz e Nadal con Dimitrov (il match tecnicamente migliore). Chiuderà Fognini con Zverev. Invece sul campo dei principi aprono Pella e Cecchinato, seguiti da Sonego e Norrie.

Un appuntino qui per segnalare che il finalista dello scorso anno, Nishikori, è schizzato fuori per mano del francese Herbert. Ma, non so come dirlo, quando Nishikori perde io non mi stupisco mai troppo. È una sensazione curiosa che provo, nei confronti di un giocatore che ha fatto una finale di Slam, che è stato anche n.4 del mondo.

Kei Nishikori – Montecarlo 2018 (foto Roberto Dell’Olivo)

Vi lascio con il bilancio dei confronti diretti degli ottvai in programma oggi:

  • Djokovic vs Fritz: nessun precedente (ci sono dieci anni di differenza tra i due. Fritz è n. 65)
  • Medvedev vs Tsitsipas: 3-0 (Tutti i match si sono disputati nel 2018 con un battibecco tra i due a Miami, quando a sentire Medvedev Tistsipas lo avrebbe offeso)
  • Thiem vs Lajovic: 5-0
  • Sonego vs Norrie: nessun precedente 
  • P.H. Herbert vs Coric: 0-1 (MS 1000 Madrid 2017)
  • A. Zverev vs Fognini: 2-0 (MS 1000 Roma 2017 e Pechino 2017)
  • Cecchinato vs Pella: 2-0 (Umago 2018 e Buenos Aires 2019)
  • Dimitrov vs Nadal: 1-11 (ultimo Monte Carlo 2018 – 4 a 0 Nadal su terra – unica vittoria Dimitrov Pechino 2016)

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement