Pliskova a scuola da Halep, Barty si rilassa con il golf

Interviste

Pliskova a scuola da Halep, Barty si rilassa con il golf

Alle 18 la finale di Miami. Karolina è pronta per sfidare Ashleigh: “Non dipenderà solo da me ma so di poterla battere”. L’australiana affila le armi: “Dovrò imporre il mio gioco”

Pubblicato

il

Ashleigh Barty e Karolina Pliskova (foto via Twitter, @WTA)
 
 

Se si volesse provare a dividere le tenniste WTA in due categorie differenti, in base allo stile di gioco, quello che si otterrebbe approssimativamente è qualcosa che non si discosta molto dalle figure di Karolina Pliskova e Ashleigh Barty, che si sfideranno sabato alle 18:00 nella finale di Miami. Da un lato abbiamo una giocatrice, la ceca, alta e dotata di colpi molto potenti a partire dalla battuta (similmente a Osaka, Kvitova, Sabalenka), mentre dall’altro c’è un personaggio molto più mobile in campo – anche in direzione verticale – che fa della varietà di colpi e dell’effetto sorpresa una delle sue armi vincenti (vedi Sevastova, Kasatkina, Hsieh).

Le due hanno già condiviso il campo da gioco per quattro volte (due sull’erba di Nottingham e due sul cemento) e le vittorie sono equamente divise, anche per quanto riguarda le superfici. Il grande equilibrio che c’è in questa piccola rivalità lo si evince inoltre leggendo i risultati: due volte si è andati al terzo set e in totale ci sono stati cinque tie-break (3-2 per Barty). Il precedente però che fa più testo è, come spesso accade, il più recente, e lo scorso anno sul cemento americano degli US Open l’australiana non è mai entrata veramente in partita.

Ovviamente ‘Ash’ spera di non ripetere una prestazione tanto opaca in Florida e l’aver vinto la semifinale in maniera sbrigativa è stato d’aiuto. In effetti, contro Anett Kotaveit, il principale avversario sembra essere stata la pioggia: “Non possiamo controllare il meteo e ogni tanto la cosa può diventare stressante. Puoi solo cercare di restare calma e sfruttare al massimo i tempi morti, e appena si torna in campo avere la mentalità giusta”. Per raggiungere la prima finale Premier Mandatory della carriera infatti, Barty ha dovuto fare i conti con condizioni atmosferiche avverse che hanno ritardato di diverse ore lo svolgersi della partita. “Per me i ritardi non sono molto stressanti. Abbiamo una stanza in cima e stavamo lì a guardare il golf, il che è stato bello per staccare un po’. Potevamo comunque vedere quanto rapidamente si stessero asciugando i campi”.

 

Diverse condizioni meteo comportano inevitabilmente delle modifiche anche al modo in cui ci si approccia alla partita e la n. 11 del mondo l’ha imparato in corsa. “Di solito qui fa caldo ed è molto movimentato, mentre il meteo ha cambiato le cose drasticamente. Mi ci è voluto un po’ di tempo per accettare il fatto che non potevo giocare nel modo in cui avrei voluto. Ma ho fatto il meglio con quello che avevo e ho portato a casa un paio di turni di servizio molto tirati nelle fasi cruciali”. Contro Karolina invece, la stessa Barty riconosce la necessità di dover imporre il suo gioco, il suo “brand of tennis”, che grazie a colpi tagliati e discese a rete improvvise potrebbe davvero mandare in tilt la ceca.

Ad aver subìto molto di più l’influenza della pioggia è stata Pliskova, che in vantaggio 7-6 5-0 contro Halep si è vista costretta a rientrare negli spogliatoi, e nonostante il largo vantaggio è comunque rimasta sulle spine. “Non ero triste di rientrare ma avrei voluto finirla lì, perché mi sentivo ‘in the zone’. Tutto può accadere, si tratta sempre di tennis. 5-0 è tanto […] ma penso che lei avrebbe potuto giocare meglio. Forse era frustrata per il primo set dove le cose non sono andate nel suo verso”.

In questi ultimi tempi Simona e Karolina si sono allenate svariate volte insieme – principalmente su richiesta della romena -, ma conoscersi più a fondo non sembra essersi rivelato un vantaggio per entrambe perché, come ha spiegato la ceca, “nella maggior parte degli allenamenti continuo a perdere. E stavo pensando che forse non dovrei allenarmi con lei perché non vedo come la cosa possa essermi d’aiuto. Ma è sempre fantastico fare due tiri con Simona, non le dico mai di no perché non importa quanto io giochi male, lei è sempre lì a lottare e a farti colpire quella palla in più che in allenamento fa sempre bene. Ma tutto sommato non penso di aver trovato un piano per batterla, perché lei ne ha solo uno: correre e riprendere tutte le palle. Se commetto troppi errori non ho chance. Nel mio caso tutto deve funzionare alla perfezione, servizio, dritto, rovescio, altrimenti se c’è qualcosa che non va lei lo scoprirà e andrà a cercare proprio quel colpo”.

Per quanto riguarda la sua prossima avversaria, anche in questo caso l’unico precedente che ha lasciato traccia – nella memoria di Karolina – è quello di New York, e la tennista ceca riconosce la grande versatilità nel gioco di Barty: “Lei ha uno stile completamente differente rispetto alle altre ragazze che ho affrontato qui. Quindi questa volta non si tratterà solamente di me, perché in fondo finora molti match dipendevano più da me stessa. Insomma si direbbe quasi che la n. 7 del mondo abbia fatto un passo in avanti verso quel processo di auto-accettazione che in molti le richiedono, e la maggior ampiezza di vedute emerge anche da altre parole: Dovrò riconoscerle i meriti quando giocherà bene e so comunque di poterla battere. Ho giocato alla grande a New York quindi cercherò di ripetermi. Si risolverà tutto in un paio di punti, un paio di occasioni, e i piccoli cambiamenti avranno grande importanza”.

E proprio di questi piccoli cambiamenti si sta occupando Conchita Martinez, l’ex campionessa Slam da diversi mesi ormai stabilmente nel team di Pliskova, anche se ci sono certi aspetti che quest’ultima non riesce ancora a mandar giù. “Non stiamo proprio lavorando sull’aspetto difensivo, non è qualcosa sulla quale io mi allenerei. Sicuramente sto cercando di correre di più. Forse prima c’erano delle palle che avrei solamente guardato passare via mentre adesso cerco di fare un passo o almeno un movimento; questo è positivo. In ogni caso ho corso molto questa settimana con tutti questi dropshot, quindi penso di essere pronta”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros, Sinner dopo l’ecografia: “Niente di grave, tra due giorni non dovrei sentire più male”

Il n.12 Jannik Sinner atteso negli ottavi contro Rublev: “Sto servendo meglio e vinco i punti importanti. Sarà una partita dura e lunga”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Terminata la partita, vinta sì in tre set contro Mckenzie McDonald ma con grande sofferenza fisica visto il problema al ginocchio, Jannik Sinner si è recato ad effettuare un’ecografia che lascia ben sperare. “Non è niente di grave quindi tra due giorni in teoria non dovrei sentire più male” ha spiegato Sinner, ma sottolineando come si tratti di un dolore al ginocchio inaspettato e mai provato prima. In ogni caso fra due giorni lo vedremo di nuovo in campo impegnato negli ottavi di finale contro il russo Rublev. “È un giocatore ostico che ti tiene tanto in campo, mi aspetto una partita dura e lunga” il giudizio dell’altoatesino.

Che problemi hai avuto al ginocchio?
JANNIK SINNER: “Oggi mi sono svegliato con questo male, senza che io avessi ma prima sentito niente. Menomale che abbiamo anche trovato un modo per giocare la partita, perché era stata messa in dubbio anche quella parte lì. Quindi credo come si è visto, non mi sono mosso benissimo. Ho appena fatto l’ecografia e non è niente di grave quindi tra due giorni in teoria non dovrei sentire più male. In teoria, vediamo adesso. Per fortuna ho finito abbastanza presto e ho tanto tempo per recuperare e vedremo dopodomani”.

Nel secondo set hai annullato 11 set point recuperando da 2-5. Questa tua caratteristica di rimanere attaccata alla partita è qualcosa che hai sviluppato o è tua?
JANNIK SINNER: “Mha, sicuramente ho imparato anche quella parte lì, anche se ce l’ho già un po’ dentro perché comunque non mi piace lasciare punti facili. Ho avuto anche un po’ di foprtuna quando l’ho brekkato sul 5-3 ma credo che parlando in generale, la partita era molto difficile oggi e ho trovato una soluzione. Sono molto contento e spero che mi aiuterà nel futuro questa partita nel conoscere i miei limiti”.

 

Al di la del problema fisico, puoi parlarci del match in generale, di come hai servito, e come credi che sia andata nel livello della gestione.
JANNIK SINNER: “Ci sono stati dei momenti in cui ho servito bene e altri in cui ho servito peggio. Sicuramente nel tiebreak non ho servito benissimo, però quand’era fondamentale anche la seconda l’ho rischiata di più. Quando ho fatto il break subito nel terzo set, al game dopo non ho servito benissimo ma ho fatto i punti importanti. E conta questo in questo gioco”.

Come sta procedendo il tuo adattamento sulla terra, una superficie sulla quale hai detto di far fatica a digerire all’inizio.
JANNIK SINNER: “Sì, credo che le cose stiano andando abbastanza bene. Sicuramente la terra non è adatta tantissimo al mio gioco, ma dall’altro senso io posso giocare benissimo sulla terra perché riesco a tirar forte anche quando la palla è lenta… sto iniziando a servire anche meglio. Devi cambiare un po’ tatticamente. Contro Rublev sarà molto difficile giocarci contro perché tira forte di dritto e sarà importante capire dove gli devo giocare. Ci ho già giocato due volte, due volte sulla terra quindi mi può sicuramente dare una mano. È un giocatore ostico che ti tiene tanto in campo, mi aspetto una partita dura e lunga”.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Nadal: “Toni è più di uno zio, mi serve un livello alto per andare avanti”. Auger-Aliassime: “Non penso che Toni mi darà un piano tattico”

I due campioni, legati dal filo comune di Toni Nadal (zio di uno, coach dell’altro) parlano largamente di questa situazione emozionale e del match in campo

Pubblicato

il

Rafael Nadal - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Dopo due vittorie brillanti, ma decisamente più faticosa quella di Felix Auger-Aliassime su Filip Krajinovic, il canadese e Rafael Nadal(andato via liscio su Van de Zandschulp) sono pronti a darsi battaglia nel match che è senza dubbio il piatto forte di domenica 29 maggio, in una giornata che offre 4 dei primi 6 al mondo tutti insieme. E anche in conferenza stampa post match i due si preparano per questo quarto turno, sicuramente particolare perché nell’angolo di Felix siede Toni Nadal, zio di Rafa ed ex allenatore. Partita quindi speciale, e andiamo per primo a sentire cosa ha detto il 13 volte campione al Roland Garros.

D: “Tuo zio sta allenando Felix, e diventerà una grande attenzione quando giochi. Sarà imbarazzante per te e la famiglia quando ciò accade? Ovviamente non parlerai a Toni nel corso perché siete in campi separati?

RAFAEL NADAL: “No, ho già parlato con Toni dopo il mio incontro. No, so che farete la domanda, ma per me è molto semplice. È mio zio, non credo che sarà in grado di volere che perda, senza dubbio, ma è un professionista ed è con un altro giocatore. Non so cosa succederà, se rimarrà dentro il box o no, ma non mi interessa, ho zero problemi con quello. Quindi non è affatto una storia per me; so quali sentimenti abbiamo tra di noi e so che vuole il meglio per me. Ora sta aiutando un altro giocatore, ma onestamente, per me, non è un problema

 

D: “Come hai detto in campo dopo la partita, è stata una vittoria impressionante. Per quanto riguarda la tua prossima partita, hai giocato con Felix solo una volta, sulla terra battuta a Madrid. Hai vinto in due set nel 2019. Il suo gioco è migliorato molto da allora? Cosa ti aspetti da questo incontro?

RAFAEL NADAL: “Be’, è uno dei giocatori più in forma del tour, quarto nella race, sopra di me, ed è uno dei primi 10 giocatori nel ranking. È un quarto turno, so che devo giocare ad un livello molto alto per avere la possibilità di andare avanti. Sarà un buon test, in qualche modo è quello di cui ho bisogno. Anche oggi è stato un test molto buono, perché sono stato in grado di giocare la mia migliore partita del torneo finora, senza alcun dubbio. Per due set e mezzo stavo giocando a un livello molto positivo. Questa è un’ottima notizia, andando al campo domani, per la mia sessione di allenamento, sapendo che oggi sono stato in grado di alzare molto il mio livello. Domani è il momento per confermarlo in pratica e continuare a lavorare su cose specifiche

D: “Tornando alla tua prossima partita contro Felix e il rapporto di tuo zio con lui, mi chiedevo se, prima che iniziassero a lavorare insieme, Toni ti ha parlato della possibilità di lavorare con Felix? Ha chiesto la tua opinione su di lui come giocatore?

RAFAEL NADAL: “No, non c’è bisogno che mi chieda qualsiasi cosa. È abbastanza grande da poter prendere da solo decisioni, no? Io non posso ringraziare abbastanza tutte le cose che ha fatto me durante così tanti anni, e non ho alcun problema con qualsiasi posizione che sta prendendo. Voglio il meglio per lui, e lui vuole il meglio per me. Siamo una famiglia più di ogni altra cosa. Non solo famiglia; siamo una famiglia che stiamo insieme tutto il tempo. Noi siamo nello stesso paese, passiamo del tempo in accademia insieme, abbiamo vissuto insieme emozioni incredibili. Quindi non è solo uno zio, lui è più di questo“.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Se l’intervista a Rafa ha riguardato in buona parte le emozioni che vivrà nell’affrontare un giocatore allenato da suo zio, c’è da dire che anche quella di Auger-Aliassime non è da meno, e si incentra in buona parte su Toni e su cosa accadrà domani nella domenica parigina.

D: “Un match in tre set davvero difficile. Puoi analizzarlo per noi?

FELIX AUGER-ALIASSIME: “Sì, sempre dure le partite contro Filip. Abbiamo giocato anche a livello di challenger ed è sempre stata una partita difficile in tre set, tranne l’ultima volta indoor l’anno scorso. Mi aspettavo una partita difficile oggi, e lo è stata. Ma alla fine della giornata stavo servendo davvero bene. I primi due set penso che stessi giocando un po’ meglio, stavo colpendo la palla davvero bene con pochi non forzati. Il livello mostrato oggi è stato buono, purtroppo calato nel terzo, ho perso un po’ la concentrazione, ma è stato così bello recuperare, e ottenere quella vittoria in tre set è stato davvero importante per quello che verrà

D: “Sei allenato da Toni Nadal e giocherai contro Rafa nel prossimo turno. Parla della dinamica di ciò. Sarà abbastanza imbarazzante per Toni o pensi di avere qualche intuizione sul modo in cui gioca Rafa dato che sei allenato da qualcuno della sua famiglia?

FELIX AUGER-ALIASSIME: “Non so se ho bisogno di un’intuizione su come gioca Rafa, a dire il vero. Penso che sappiamo tutti cosa fa bene, e non credo che Toni mi dirà qualcosa di nuovo su come gioca. Abbiamo avuto la discussione, dalla prima volta che abbiamo iniziato a lavorare insieme sapevamo che c’era una possibilità che alla fine avrei giocato contro Rafa lavorando con Toni. E in realtà ora è presente qui in questo Grande Slam. Ma penso che Toni guarderà da un posto neutrale e si godrà l’incontro. Da parte mia è un’altra partita, un’altra occasione per provare a giocare una bella partita e vincere, ma ovviamente è molto difficile. Non so come si sente Toni, forse dovremmo chiederglielo, ma non me ne ha parlato. Ma penso anche che tu debba ricordare, che la carriera di Rafa e quello che ha fatto con Toni è molto più grande della partita di domani. Penso che noi tutti possiam dire che, indipendentemente da ciò che accadrà domani, dobbiamo vedere che è molto più grande di questo. Voglio dire, a quello che ha fatto con suo zio, questa partita non toglierà nulla a entrambe le parti, e penso che dobbiamo vederla come un disegno più grande. È una partita, ma la sua carriera è molto più grande di questo

D: “Normalmente Toni ti dà un piano tattico per gli avversari, ti ci porta attraverso. Non sarà un po’ strano questa volta?

FELIX AUGER-ALIASSIME: “Non lo so. Non ne abbiamo parlato, a dire il vero. Voglio dire, ho appena lasciato la partita, ci siamo visti un po’, abbiamo parlato di oggi. Vedremo domani, ma dipende da lui, ma non me lo aspetto, lo sai, non credo che parleremo molto della partita di domani. Non è nemmeno come con il mio allenatore Fred, non è che ci sia molto da dire. Tipo, sai, lo conosco, l’ho visto giocare, so cosa sa fare bene, lo sappiamo tutti. Ma alla fine della giornata, arriva la partita e provi del tuo meglio e cerchi di trovare modi per tutto l’incontro. Ma nessuno, Toni, Fred o me ha le risposte per vincere la mia prossima partita. Sta a me, alla fine della giornata, quando vengo sul campo, cercare soluzioni

D: “Giocherai la prossima partita contro Rafa per vincere. Nonostante tutte le cortesi parole di lode e rispetto, quali sarebbero le caratteristiche del tuo gioco e del tuo personaggio che pensi ti consegneranno quel risultato desiderato?

FELIX AUGER-ALIASSIME: “Sì, contro i giocatori credo come lui, Novak e quei top, prima di tutto mi piace concentrarmi su me stesso. Perché penso che a volte noi tendiamo a pensare troppo a chi ci sta di fronte, soprattutto in quella posizione, e non pensi solo al gioco ma alla montagna che è giocare contro questi campioni. Penso che dobbiamo, personalmente devo, per prendere la prossima partita così com’è, giocare la palla come viene e concentrarmi davvero su me stesso. So che se servo bene, questo è un mio punto di forza, mi darò le opportunità di mettere pressione sui giochi di servizio dell’avversario, e mi devo muovere bene, cercare di entrare quando posso con il mio diritto, entrare e uscire dal campo. Si tratta di concentrarmi sulla mia forza, su quello che faccio; avere un atteggiamento positivo come sempre e, sì, giocare ad alta intensità come posso fare“.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

ITF Grado, Cocciaretto in semifinale: “Sono venuta qui con l’obiettivo di migliorarmi” [ESCLUSIVA]

Semifinale raggiunta in Friuli con l’obiettivo Top100: “Devo ripartire da zero. Obiettivo fare più partite possibili”. In campo anche Errani

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto a Grado
Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

L’attenzione degli appassionati di tennis è tutta concentrata su Parigi, dove il gotha del tennis femminile sta dando spettacolo, con molti colpi di scena, diverse teste di serie cadute e nomi nuovi che si stanno facendo luce. Tuttavia, per coloro che non sono rientrate tra le 128 elette del main draw dello slam parigino, il circuito ITF ha offerto una vasta possibilità di scelta con ben 12 tornei in contemporanea. I più importanti sono i due W60 in corso di svolgimento ad Orlando in Florida e il torneo italiano di Grado.

E proprio nel comune dell’Alto Adriatico, situato tra Trieste e Venezia brillano i colori italiani, con ben due nostre rappresentanti che hanno raggiunte le semifinali. Sara Errani, testa di serie numero 5 del tabellone, che ha sconfitta l’austriaca Haas ed Elisabetta Cocciaretto, testa di serie numero 4, che ha sconfitto la svizzera Waltert.

Al termine della sfida contro la numero 211 al mondo durata quasi due ore giocata in condizioni abbastanza complicate, Cocciaretto è stata intervistata dal nostro Massimo Gaiba: “C’era abbastanza vento, lei comunque è una giocatrice forte, serve bene, risponde bene, ha una palla abbastanza pesante quindi diciamo che ho avuto molti alti e bassi, però sono contento di aver vinto e di giocare un’altra partita”.

 

Cocciaretto, che ha abbandonato prematuramente Parigi dopo la sconfitta nel secondo turno di qualificazione contro la russa Selekhmeteva, ha scelto di giocare a Grado per trovare la giusta condizione: “Io sono venuta qui con l’obiettivo di migliorarmi, di fare più partite possibili e giocarne un’altra mi da l’opportunità di migliorare e giocare ancora, cosa che mi serve molto quest’anno”.

L’ultimo successo permetterà all’italiana, al momento numero 157 delle classifiche mondiali, di riprendere la cavalcata verso la top 100, fortemente penalizzata da una tendinopatia al ginocchio sinistro: “Sono stata ferma sette mesi, mi sono operata quindi devo ripartire da zero, per questo l’obiettivo è di fare più partite possibili.

Nella strada verso la finale Cocciaretto affronterà la slovena Jakupovic, numero 311 WTA ma con un best ranking al numero 69 datato novembre 2018. Nell’altra semifinale Errani affronterà la testa di serie numero 1 del torneo Ylena In-Albon.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement