Borna Coric, se l’ha dura la vince

Flash

Borna Coric, se l’ha dura la vince

Curiosa statistica del giocatore croato in questo inizio 2019. Nei match al meglio dei tre ha uno score nettamente positivo quando va al terzo, deficitario se il match si chiude in due set

Pubblicato

il

Borna Coric - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)


Che Borna Coric fosse un giocatore che riesce a dare il meglio di sé quando il match si trasforma in una battaglia agonistica è ormai risaputo. I suoi risultati in Coppa Davis lo testimoniano: pur essendo ancora giovanissimo non ha mai tremato nei momenti decisivi, tanto da vincere in tutte e tre le occasioni in cui è sceso in campo nel quinto e decisivo match (nel 2016 contro il Belgio al 1° turno e gli USA nei quarti, di nuovo contro gli statunitensi nella semifinale dello scorso anno). Ma in questo primo scorcio della stagione il 22enne zagabrese sta forse un pochino esagerando.

Andando infatti ad analizzare i  risultati del n. 15 del mondo in questi primi quattro mesi del 2019 negli incontri al meglio dei tre set, si scopre che Borna riesce praticamente  a vincere “solo” se va al terzo set. Dei sedici incontri disputati al meglio dei tre set, lo zagabrese ne ha vinti dieci e ne ha persi sei, con un record di nove vittorie ed una sola sconfitta quando la partita è andata al terzo, contro una sola vittoria e cinque sconfitte quando invece il match si è chiuso in due soli set.

 

L’unica sconfitta in tre set è quella contro Fabio Fognini nei quarti del torneo di Montecarlo. Curioso che in quel match ad un certo punto il tennista croato sembrava poter chiudere in due set, dato che si è trovato in vantaggio per 6-1 2-0 e palla del 3-0. Peraltro – tanto per aggiungere curiosità alla curiosità – proprio il giorno dopo aver sfatato il “tabù” delle sconfitte in due set, con la vittoria per 6-4 6-2 su Herbert (l’ultima volta che si era imposto in due set era stato al Masters 1000 di Parigi-Bercy, contro Medvedev).

Coric non si è smentito neanche queste settimana, all’ATP 250 di Budapest. Sulla terra rossa ungherese ha infatti battuto 6-4 al terzo l’olandese Haase, per poi perdere in due set (6-4 7-5) con il serbo Krajinovic, che aveva sconfitto in quattro set al terzo turno dell’ultimo Australian Open. Insomma, se le cose in campo non si fanno difficili – esemplificativo in questo senso è il torneo di Dubai, dove vinse tre gli incontri al tie-break del terzo, prima di perdere in due set contro Federer in semifinale – pare proprio che Borna non si diverta…

Continua a leggere
Commenti

Flash

Qualificazioni ATP: Sinner dentro a Lione, Sonego passa a Ginevra

Jannik elimina Lamasine in due set e si qualifica per il tabellone principale. Troverà Kukushkin. In Svizzera, Sonego supera Kecmanovic, Fabbiano cede a Dimitrov

Pubblicato

il

Jannik Sinner continua a ritagliarsi spazio con sempre più convinzione anche nel circuito maggiore. Dopo aver onorato al meglio la wild card last minute per gli Internazionali d’Italia, il diciassettenne azzurro ha passato le qualificazioni del torneo di Lione e giocherà dunque per la terza volta nel main draw di un torneo ATP.

Sinner aveva ricevuto dagli organizzatori un invito per il tabellone cadetto e, anche stavolta, ha dimostrato di meritarsi questo onore. Al primo turno ha superato la sesta testa di serie Antoine Hoang in tre set combattuti, mentre ha sudato molto meno al turno decisivo contro Tristan Lamasine (6-4 6-3). Il suo primo avversario nel tabellone principale sarà Mikhail Kukushkin. In caso di vittoria, troverebbe la testa di serie numero uno del torneo, Nikoloz Basilashvili.

 

A Ginevra, continua il buon momento di Lorenzo Sonego che supera in due set tirati Miomir Kecmanovic e centra l’accesso al main draw. Esordirà contro Radu Albot, testa di serie numero 5. Niente da fare invece per Thomas Fabbiano che si è trovato di fronte Grigor Dimitrov, in cerca di match e fiducia. Il bulgaro l’ha spuntata in due set e troverà Federico Delbonis al primo turno.

Continua a leggere

Flash

Le quote della finale di Roma: Nadal favorito su Djokovic

I principali bookmakers vedono favorito lo spagnolo sia per la maggiore attudine alla superficie che per la maggiore stanchezza del serbo

Pubblicato

il

Siamo pronti per l’atto N.54 della sfida più giocata nella storia del tennis Open, i primi due giocatori del mondo Novak Djokovic e Rafael Nadal si ritrovano in finale a Roma 10 anni dopo la prima volta.

I principali bookmakers danno favorito lo spagnolo, 8 volte vincitore di questo torneo, che ha avuto un percorso molto più tranquillo per arrivare in finale, favorito anche dalla programmazione che l’ha sempre visto in campo di giorno nelle ultime due giornate. Nadal ha dominato in sequenza Chardy, Basilashvili, Verdasco per poi vendicare la sconfitta subita da Stefanos Tsitsipas a Madrid.

 

Djokovic viene da due battaglie notturne consecutive contro due argentini: prima del Potro a cui ha annullato match point e poi quella di ieri sera contro Diego Schwartzman che gli ha strappato un set: durata complessiva dei due incontri 5 ore e 32 minuti.

Con poche ore di riposo prima della finale prevista alle ore 16 è normale dunque che Nadal goda dei favori del pronostico:

Saprà il N.1 del mondo sovvertire il pronostico?

Continua a leggere

Flash

Roma, il programma delle finali: Nadal-Djokovic alle 16

Ultima giornata di gioco agli Internazionali d’Italia. Il primo titolo che verrà assegnato sarà quello femminile: alle 13 Konta sfida Pliskova. Si giocano anche le finali del doppio

Pubblicato

il

Con quattro titoli in palio nell’ultima giornata di gioco, giunge a conclusione l’edizione 2019 degli Internazionali BNL d’Italia. Si parte alle 13 con la finale del WTA Premier 5 tra Johanna Konta e Karolina Pliskova (diretta su Supertennis e Sky Sport Arena). Sei i precedenti tra le due, una sola vittoria della britannica: Pechino 2016.

Non prima delle 16 occhi puntati sulla finale dell’ATP Masters 1000 che vedrà opposti, per la 54esima volta, Rafa Nadal e Novak Djokovic (diretta su Sky Sport 1 e Supertennis). Il computo degli head to head vede Nole avanti di tre lunghezze su Rafa, 28 successi a 25 per il serbo, che ha vinto gli ultimi due giocati (semifinale Wimbledon 2018 e finale Australian Open 2019). L’ultimo successo di Rafa risale allo scorso anno, proprio a Roma, in semifinale (7-6 6-3).

 

Sul campo Pietrangeli spazio alle finali del doppio: a contendersi il titolo maschile (a partire dalle 14) saranno Cabal/Farah e Klaasen Venus, a seguire l’ultimo atto del torneo femminile tra Azarenka/Barty e Groenefeld/Schuurs.

Il programma completo

Centraledalle 13
J. Konta vs [4] Ka. Pliskova
non prima delle 16
[1] N. Djokovic vs [2] R. Nadal

Pietrangelidalle 14
[3] J.S. Cabal/R. Farah vs [6] R. Klaasen/M. Venus
non prima delle 15
V. Azarenka/A. Barty vs [8] A.L. Groenefeld/D. Schuurs

I tabellonimaschile – femminile

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement