Roland Garros, entry list qualificazioni femminili: guida Minella, quattro azzurre al via

Flash

Roland Garros, entry list qualificazioni femminili: guida Minella, quattro azzurre al via

Rispetto ai connazionali uomini, rappresentanza italiana risicata e coefficiente di difficoltà più alto per centrare il main draw. In gara anche Timea Bacsinszky

Pubblicato

il

Martina Trevisan - Roland Garros 2018

Saranno quattro le ragazze italiane presenti nel tabellone qualificatorio al Roland Garros 2019: Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Martina Di Giuseppe e Jasmine Paolini, citate in rigoroso ordine di classifica, tenteranno una difficilissima scalata al main draw per tentare di raggiungere Camila Giorgi, unica nostra connazionale sicura di un posto a Parigi nel delicatissimo momento del tennis in gonnella tricolore.

L’entry list completa delle qualificazioni (clicca per ingrandire)

Impresa ardua, da affrontare con pronostici ferocemente contrari, per quel che valgono: nessuna delle nostre rappresentanti ha mai superato le qualificazioni in un Major (la più vicina Trevisan, per tre volte in carriera sconfitta al turno decisivo, l’ultima in gennaio all’Open d’Australia) e il campo di partecipazione si annuncia non troppo addomesticabile.

Le prime cinque teste di serie si chiamano Mandy Minella, Bernarda Pera, Stefanie Voegele, Denisa Allertova e Timea Bacsinszky, tanto per dire: la presenza di quest’ultima sorprende alquanto, peraltro. Una giocatrice reduce da due anni di Via Crucis che al Roland Garros ha già giocato due semifinali (2015 e 2017) e un quarto (2016) forse avrebbe meritato un invito diretto per il main draw.

 

Roland Garros 2019: le entry list aggiornate
Calendario ATP 2019: entry list e tabelloni
Calendario WTA 2019: entry list e tabelloni

Continua a leggere
Commenti

Flash

Ultimate Tennis Showdown: in campo anche Auger-Aliassime

Il 19enne canadese prenderà parte al torneo organizzato da Patrick Mouratoglou, al via dal 13 giugno

Pubblicato

il

Felix Auger-Aliassime - Marsiglia 2020 (via Facebook, @Open13)

Come ci ricorda il countdown presente sul sito ufficiale della manifestazione, tra 15 giorni scatterà l’Ultimate Tennis Showdown, il torneo organizzato da Patrick Mouratoglou che si svolgerà sui campi dell’accademia del coach di Serena Williams a Sophia-Antipolis, in Costa Azzurra. L’evento, inizialmente previsto per il 16 maggio, è stato posticipato di un mese per permettere all’organizzazione di adattarsi alle disposizioni del governo francese e prenderà il via nel weekend del 13-14 giugno con il match tra David Goffin e Alexei Popyrin.

View this post on Instagram

A FAA-bulous addition to the field 🇨🇦⁣ ⁣ @felixaliassime is in. #UTShowdown

A post shared by UTS | Ultimate Tennis Showdown (@ultimate_tennis_showdown) on

 

Alla lista dei partecipanti (era già stata annunciata la presenza di Fabio Fognini, al via insieme a Benoit Paire, Dustin Brown e Lucas Pouille) si è aggiunto ieri Felix Auger-Aliassime, il 19enne canadese che occupa la 20esima posizione del ranking mondiale e che pochi giorni fa ha ripreso ad allenarsi proprio sui campi della Mouratoglou Academy. Il torneo, che si svolgerà a porte chiuse, si articolerà lungo cinque weekend proponendo un totale di 50 incontri, visibili su una piattaforma di streaming appositamente creata.

Continua a leggere

Flash

Luthi dà ragione a Federer: “Non è necessario che si alleni troppo”

Lo storico coach di Federer Severin Luthi dice la sua sul perché sia giusto per lo svizzero non allenarsi troppo, in questo momento

Pubblicato

il

Qualche giorno fa Roger Federer ha dichiarato in una chiacchierata con Gustavo Kuerten che ultimamente non si sta allenando molto perché non ne vede il motivo. Non stupiscono quindi le ultime dichiarazioni di Severin Luthi, storico allenatore di Federer e capitano della Svizzera di Davis.

Intervistato da Paul Annacone (altro ex allenatore di Federer), per un puntata della serie di Tennis Channel “Coaching in the Bigs”, Luthi ha detto di essere in contatto con Roger Federer e ha spiegato che al campione svizzero “Non è necessario colpire tante palle […] è appena tornato da un intervento al ginocchio e non c’è bisogno che si alleni troppo dato che manca ancora tanto ai prossimi tornei. Del resto, per lo stesso motivo, Djokovic ha evitato di chiedergli la sua eventuale disponibilità per partecipare all’Adria Tour.

C’è qualcosa che i tifosi non conoscono ancora di Roger, gli chiede Annacone? Luthi la mette sul piano personale. “Molti non sanno che è una persona gentile e divertente; è molto più divertente di quanto si possa pensare“. Un divertimento che Federer porta spesso in campo, con le sue giocate speciali che per Annacone lo svizzero fa sembrare “semplici”, anche se “molti non sanno la quantità di lavoro necessaria affinché noi possiamo ammirare quello che fa in campo“.

Non poteva mancare la domanda sulla finale di Wimbledon del 2019 persa contro Djokovic. Luthi si mostra calmo e prova a offrire una soluzione filosofica al problema, che non contempli in alcun modo l’abbattersi. “A volte vinci partite che non dovevi vincere e perdi partite che non dovevi perdere. Sta tutto nel non incamerare troppa negatività. Avrai presto una seconda possibilità“.

Continua a leggere

Flash

La federazione britannica e i fratelli Murray pensano al ritorno in campo

Prove di ripartenza anche per il tennis britannico, con tante opzioni sul tavolo

Pubblicato

il

Il mondo intero sta faticosamente uscendo dal lockdown e il tennis non è da meno, con l’organizzazione dei primi tornei locali in giro per il mondo. Si è mosso anche Novak Djokovic, che ha in messo in piedi l’Adria Tour. La Lawn Tennis Association, ente governativo del tennis britannico, ha confermato che sta pensando di organizzare quattro tornei “British Tour” da disputarsi tra il 3 e il 26 luglio a Londra, presso la LTA National Arena di Roehampton – località in cui si svolgono le qualificazioni di Wimbledon. La superficie scelta è il cemento in modo da favorire una buona preparazione nel caso in cui lo US Open dovesse essere confermato nelle date previste.

Ad ogni torneo dovrebbero partecipare 32 tennisti, 16 uomini e 16 donne, e sarà aperto ai giocatori tesserati alla LTA con la classifica migliore. Il British Tour solitamente è un circuito di tornei aperto a giocatori non di alto livello e il prize money sarà più alto del 50% rispetto alle precedenti edizioni; questo aiuterà gli organizzatori ad attrarre i top player britannici ora fermi per l’emergenza coronavirus. Tutte le partite si disputeranno a porte chiuse ma con la possibilità di vederle in streaming.

La federazione britannica non è però l’unica ad aver pensato a un torneo. Come riportato dal The Times, Jamie Murray, sette volte campione Slam di doppio, sta pensando di organizzare un torneo locale in stile ATP Finals. I migliori otto giocatori britannici per ranking saranno infatti divisi in due gironi, un’idea che ricalca il format del torneo di fine stagione targato ATP. Il numero 28 del ranking – nonché numero 1 britannico – Daniel Evans si è detto entusiasta dell’idea di Murray. “È incredibile quello che sta facendo […] da vero uomo squadra (Davis, ndr) sta provando ad aiutare i giocatori britannici in questo momento“.

 

Dovrebbe essere possibile anche la presenza di Andy Murray, che sta continuando ad allenarsi e pare aver recuperato dall’infortunio all’inguine che lo tormenta da fine 2019. Il torneo dovrebbe avere luogo a Londra, verso la fine di giugno, sempre in ossequio alle norme igienico-sanitarie che verranno stabilite da LTA.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement