ATP Ranking: Nadal erculeo. Fognini per la prima volta in top 10

Focus

ATP Ranking: Nadal erculeo. Fognini per la prima volta in top 10

Nadal festeggia il dodicesimo titolo a Parigi scavalcando Djokovic nella Race to London. Fognini primo italiano in Top 10 dopo più di 40 anni. Anche Khachanov tra i primi 10

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Prima di dedicarci alla classifica ATP, rendiamo un doveroso omaggio alla dodicesima vittoria di Nadal a Parigi. Nella Smorfia napoletana il numero 12 simboleggia il soldato.Un’immagine perfetta per rappresentare un giocatore quasi sempre implacabile nell’adempimento del suo primo dovere: la conquista “manu racchettata” del Roland Garros.

In un altro articolo il Direttore ha già elencato il notevole numero di record statistici che il tennista di Maiorca ha infranto con questa vittoria. In questo ci limitiamo ad aggiungere che Nadal ha vinto il 62 per cento dei game complessivamente disputati nelle sue dodici finali: 248 su 400. La terra rossa per le sue caratteristiche rende più difficili le sorprese. La lunga durata delle partite e la minore preponderanza del servizio rispetto alle superfici veloci fanno sì che di norma il più forte vinca, a maggiore ragione in una competizione che si disputa sulla distanza dei cinque set.

Ma essere il più forte 12 volte nelle ultime 15 edizioni di una prova dello Slam (e nel 2016 Nadal non perse in campo ma si ritirò prima del terzo turno) è impresa degna di Ercole.Vedremo se Nadal nel 2020 supererà l’eroe greco in termini di fatiche vittoriose. Per impedirglielo i disorganizzati organizzatori del torneo francese potrebbero trarre ispirazione da quelli del Giro d’Italia del 1930 che pagarono Alfredo Binda per non prendervi parte data la sua manifesta superiorità sugli avversari. Chiudiamo così l’omaggio a Nadal e torniamo alla classifica mostrando i nomi dei primi 20 tennisti del Pianeta:

 
PosizioneNazioneGiocatorePuntiVariazione
1SerbiaN. Djokovic12715 =
2SpagnaR. Nadal7945 =
3SvizzeraFederer6670=
4AustriaThiem4685=
5GermaniaZverev4360=
6GreciaTsitsipas4215 =
7GiapponeNishikori4040 =
8Sud AfricaAnderson3565=
9RussiaKhachanov29802
10ItaliaFognini27852
11USAIsner2715-1
12Argentinadel Potro2695-3
13RussiaMedvedev26251
14CroaziaCoric25251
15CroaziaCilic2395-2
16FranciaMonfils20551
17GeorgiaBasilashvili1970-1
18CanadaRaonic1960 =
19SvizzeraWawrinka17159
20SpagnaBautista Agut16901

Le prime otto poltrone non hanno cambiato proprietario. Nonostante l’amara sconfitta subita a Parigi, Djokovic ha ulteriormente aumentato il vantaggio sui più diretti inseguitori.Il primo sussulto lo troviamo alla nona posizione sulla quale si è accomodato Kharen Khachanov, una new entry tra i primi dieci. Ma è alla decima posizione che il cuore degli italiani si riempie di orgoglio. Se grazie a Nadal gli spagnoli possono suonare le loro trombe, noi grazie a Fabio Fognini possiamo finalmente suonare a festa le nostre campane.

Il tennista ligure raggiungendo la decima posizione ha infatti colmato un vuoto statistico che per l’Italia durava da oltre quarant’anni.Cosa potrebbe o dovrebbe fare adesso il nostro campione? Secondo noi, viste le sue qualità, non accontentarsi di quanto fatto sin qui bensì cercare di salire ancora di almeno una posizione, tenendo però d’occhio i giocatori immediatamente dietro le sue spalle. Da qui alla fine del 2019 Fabio difende 1.235 punti, un bottino importante. Ma i suoi diretti antagonisti ne difendono uno ancora maggiore. Karen Khachanov e John Isner infatti ne hanno in scadenza rispettivamente 2.195 e 1.655.

Proseguendo nell’analisi delle prime venti posizioni del ranking da questa settimana fuori dall’elenco dei migliori 10 oltre a John Isner troviamo anche Juan Martin del Potro. Stan Wawrinka è invece rientrato tra i primi 20 dopo oltre un anno di assenza. Ne sono invece usciti Diego Schwartzman (n. 23) e Marco Cecchinato, scivolato al 39esimo posto.

CASA ITALIA

Non di solo Fognini vive il nostro tennis. Infatti, anche Matteo Berrettini, Salvatore Caruso e Lorenzo Giustino questa settimana hanno raggiunto il loro best ranking. Lorenzo Giustino vi è riuscito grazie alla prima vittoria assoluta in un torneo Challenger, quello di Almaty. Invariato rispetto a due settimane fa il numero di italiani presenti tra i primi 200 giocatori del mondo.

ClassificaGiocatorePuntiVariazione
10Fognini27852
30Berrettini12751
39Cecchinato1130-20
72Seppi750-1
76Sonego732-2
97Lorenzi5722
104Fabbiano557-8
112Travaglia5027
122Caruso45625
128Mager44414
144Giustino40115
151Baldi37912
152Giannessi37312
178Napolitano289-2
180Bolelli2817
187Marcora275-1

NextGeneration

Stefanos Tsitsipas a Parigi è stato ancora una volta il tennista della NextGeneration arrivato più lontano e insieme a Wawrinka ha regalato agli spettatori la partita più bella del torneo. Bene anche il genietto transalpino Corentin Moutet che, giungendo al secondo turno, si è regalato l’ottava posizione nella classifica avulsa e la 102esima in quella generale.

Posizione ATPNazioneGiocatoreNato nelPunti
6GreciaTsitsipas19982940
21CanadaAuger-Aliassime20001081
25CanadaShapovalov1999795
35USATiafoe1998750
59NorvegiaRuud1998666
24Australiade Minaur1999550
83SerbiaKecmanovic1999392
102FranciaMoutet1999364

ATP FINALS

Rafael Nadal scavalca Novak Djokovic in testa alla classifica valida per le Finals londinesi. Fognini resiste in ottava posizione.

Posizione ATPNazioneGiocatorePunti
2SpagnaNadal5505
1SerbiaDjokovic4725
3SvizzeraFederer3360
4AustriaThiem3305
6GreciaTsitsipas2940
7GiapponeNishikori1710
13RussiaMedvedev1585
10ItaliaFognini1550
5RussiaZverev1490
16FranciaMonfils1320

BEST RANKING

È lungo oggi l’elenco di coloro i quali hanno raggiunto il proprio best ranking:

ClassificaGiocatoreNazione
9KhachanovRussia
10FogniniItalia
13MedvedevRussia
21Auger AliassimeCanada
27DjereSerbia
30BerrettiniItalia
38StruffGermania
58LonderoArgentina
59RuudNorvegia
85BublikKazakistan
99MadenGermania

Tre le prime volte più significative, e quindi meritevoli di un particolare plauso: quelle di Khachanov e Fognini già in precedenza evidenziate e quella del trentenne Yannick Maden mai prima d’ora entrato nella top 100.

Continua a leggere
Commenti

WTA

La mattinata WTA: altro KO per Muguruza a Osaka

L’ex numero 1 del mondo incassa la quarta sconfitta consecutiva al primo turno. Avanza Keys, a Vekic l’ennesimo episodio della saga con Garcia. Muchova bene a Seoul

Pubblicato

il

Chiusi i primi turni tanto a Osaka, quanto a Seoul. Ricco il piatto in Giappone, unico Premier di settimana, considerato il periodo solitamente disertato dalle grandi stelle. Grandi stelle, ma anche ex star in rovinosa caduta libera come Garbine Muguruza, incapace di ritrovare se stessa nonostante le stagioni passino insieme alle superfici e al ricordo della giocatrice che fu: battuta in rimonta dal tennis eteroclito di Su-Wei Hsieh, l’ex pluriregina Major è andata incontro alla quarta sconfitta consecutiva al primo turno dopo quelle incassate a Wimbledon (contro la chiacchierata Haddad Maia), Cincinnati (Keys) e US Open (Riske). Negli occhi dell’ex presunta e presumibile dominatrice del tennis mondiale non si scorgono segnali d’immediata riscossa.

Bene Madison Keys, a proposito, avanti in due su un’altra giocatrice tramortita da un’annata nefasta come Daria Kasatkina e brava la qualificata USA Varvara Flink ad approfittare del calo di adrenalina occorso a Nao Hibino, reduce dalla favolosa settimana trascorsa a Hiroshima. Malissimo invece Kiki Mladenovic, capace di raccogliere appena tre game e travolta da Misaki Doi, mentre è andato a Donna Vekic l’ottavo episodio della mini-serie con Caroline Garcia protagonista: il bilancio, precedentemente appannaggio della francese dopo il centro di Nottingham, è ora di quattro vittorie a testa (nella parziale indifferenza del pubblico pagante, come segnalato da un perplesso ancorché soddisfatto Torben Beltz qui sotto).

Minori spunti in quel di Seoul, come ampiamente previsto, ma altro passo avanti nell’ottima stagione di Karolina Muchova, ceca dal bel tennis anomalo e orgogliosamente esibito: per lei ottima vittoria in tre nel match di giornata con Van Uytvanck e prossimo turno non impossibile contro la rediviva Timea Babos, oggi brava a sbarazzarsi di Polona Hercog, unica testa di serie rincasata in giornata. Tabellone molto aperto, anche a causa del ritiro in extremis di Maria Sakari, e allora occhio ad Ajla Tomljanovic e alla teen prodigio Anastasija Potapova, avanti in coppia con due vittorie tutto sommato agevoli contro Voegele e Han.

Risultati

Osaka, primo turno:

[5] M. Keys b. D. Kasatkina 6-3 6-4
S-W. Hsieh b. G. Muguruza 3-6 7-6(1) 6-1
[Q] V. Flink b. [WC] N. Hibino 6-4 7-5
Y. Putintseva b. [LL] K. Kawa 6-4 7-6(4)
[7] D. Vekic b. C. Garcia 7-5 6-2
[WC] M. Doi b. K. Mladenovic 6-1 6-2

Seoul, primo turno:

[Q] A. Bogdan b. [6] P. Hercog 6-3 3-6 6-1
A. Potapova b. [WC] N. Han 7-6(4) 6-1
[Q] P. Hon b. [SE] M. Buzarnescu 6-3 6-4
P. Badosa Gibert b. J. Teichmann 6-4 6-4
[Q] T. Babos b. J. Ostapenko 6-3 6-3
[3] K. Muchova b. A. Van Uytvanck 6-4 3-6 6-2
K. Flipkens b. D. Allertova 6-2 7-5
[5] A. Tomljanovic b. S. Voegele 6-0 6-2
[Q] P.M. Tig b. [LL] D. Kovinic 6-4 3-6 7-6(3)

I tabellone aggiornati

Continua a leggere

Italiani

Giorgi soffre, ma passa a Osaka

Camila annulla due set point nel primo set, vinto al tiebreak, poi dilaga. Ora Stephens al secondo turno. Avanza Mertens, Cornet KO. A Seoul avanti una convincente Gasparyan, Bacsinszky fuori “in bicicletta”

Pubblicato

il

A Osaka buona la prima per Camila Giorgi, che riesce a portare a casa un complicato primo set (con tanto di set point annullati) e dilaga poi nel secondo contro Xinyun Han, numero 178 del mondo. La tennista azzurra porta dunque temporaneamente in positivo il saldo vittorie/sconfitte di un 2019 piuttosto complicato, soprattutto a causa degli infortuni. Il bilancio ora riporta un 12-11 (in realtà, 12-13 se si considerano i due incontri persi in Fed Cup contro la Svizzera), che diventa 9-5 restringendo lo sguardo solo agli ultimi due mesi, ovvero da quando Camila è ritornata a tempo pieno sul circuito. In mezzo sono arrivate anche due finali (Washington e Bronx) su cinque tornei disputati sul cemento nordamericano, un ruolino di marcia che invita ad essere positivi per il proseguimento della stagione.

Nell’incontro di primo turno contro Han, Giorgi ha avuto i soliti problemi al servizio (10 doppi falli e 3 break subiti), ma alla lunga ha fatto valere la sua maggiore qualità con grande carattere e personalità. Nel primo set, si è ritrovata sotto 4-2 e ha concesso due palle del 5-2, entrambe annullate. Sul 5-3, ha poi salvato due set point sul proprio servizio prima di piazzare il break del pareggio. A decidere il set è stato il tiebreak ben giocato da Camila e chiuso al quarto set point: 7-6 dopo un’ora e cinque minuti. Il secondo parziale è un monologo dell’italiana che vola avanti 5-0 prima di subire un ininfluente break che ha come conseguenza solo quella di evitare il bagel a Han. Al prossimo turno Giorgi se la vedrà con la terza testa di serie, Sloane Stephens (2-2 i precedenti, 2-1 sul duro per Camila).

Negli altri incontri si segnalano i facili successi di Elise Mertens (6-3 6-1 a Osuigwe), Zarina Diyas (6-0 6-3 a Puig) e Nicole Gibbs (6-4 6-3 a Riske). Sconfitta a sorpresa per Alizé Cornet, eliminata in rimonta dalla numero 181 del mondo, Viktoriya Tomova.

 

Risultati:

[Q] V. Tomova b. [Q] A. Cornet 4-6 6-3 6-2
C. Giorgi b. [Q] X. Han 7-6(6) 6-1
E. Mertens b. [LL] W. Osuigwe 6-3 6-1
[Q] Z. Diyas b. M. Puig 6-. 6-3
[Q] N. Gibbs b. A. Riske 6-4 6-3
A. Pavlyuchenkova b. D. Yastremska 6-3 6-1

WTA SEOUL – La prima giornata del torneo di Seoul si è chiusa con un unico incontro finito al terzo set, quello vinto da Ysaline Bonaventure contro Jessica Pegula, vincitrice del torneo di Washington (in finale contro Giorgi). La statunitense è riuscita a scippare il primo set ad un passo dal tiebreak, ma si è poi spenta cedendo il secondo e il terzo set con il punteggio di 6-2 6-4. Bella vittoria per Margarita Gasparyan che ha recuperato un primo set quasi perso contro Tatjana Maria, infilando una serie di cinque giochi consecutivi, e si è poi presa anche il secondo con un chirurgico break nel settimo game. Facili successi e identico punteggio (6-1 6-4) per Magda Linette (contro Begu) e Kristyna Pliskova (contro Choi). Brutta sconfitta invece per Timea Bacsinszky uscita “in bicicletta” dal suo match contro Kristie Ahn (6-0 6-0 in 55 minuti).

Risultati:

Y. Bonaventure b. J. Pegula 5-7 6-2 6-4
[8] Y. Wang b. [Q] D. Lao 6-4 7-6(2)
[7] M. Gasparyan b. T. Maria 7-5 6-4
[4] M. Linette b. I.C. Begu 6-1 6-4
[WC] K. Ahn b. T. Bacsinszky 6-0 6-0
Kr. Pliskova b. [WC] J. Choi 6-1 6-4
[2] E. Alexandrova b. [Q] G. Minnen 6-4 6-3

I tabelloni aggiornati

Continua a leggere

Focus

Sorteggiati i gironi dell’ATP Cup: Italia a Perth con Russia e USA. Il programma di gioco

Gli azzurri sorteggiati nel girone D. Un’altra squadra sarà aggiunta a novembre. A Perth anche la Spagna di Nadal, mentre la Svizzera di Federer sarà a Sydney

Pubblicato

il

Nella suggestiva cornice dell’Opera House di Sydney, l’ATP e Tennis Australia hanno dato vita al primo atto ufficiale della ATP Cup 2020, manifestazione nata per rinverdire i fasti della defunta World Team Cup e, inutile nasconderselo, anche per pestare i piedi alla Coppa Davis versione Kosmos. L’evento si disputerà dal 3 al 12 gennaio prossimi nelle città australiane di Perth, Brisbane e Sydney.

Le prime 18 nazioni più l’Australia padrona di casa sono state suddivise in sei gironi da quattro: i rimanenti cinque posti saranno riempiti dopo il 13 novembre quando scadrà la seconda scadenza prefissata per l’iscrizione al torneo, secondo questa formula piuttosto laboriosa (qui trovate anche l’elenco dei giocatori che parteciperanno).

Il Gruppo A e il Gruppo F sono stati collocati arbitrariamente (ovvero senza sorteggio) a Brisbane, il Gruppo B e il Gruppo D a Perth, mentre i gruppi C ed E saranno a Sydney, dove avranno luogo anche le fasi finali della manifestazione (quarti, semifinali e finale a eliminazione diretta).

 

Nel Gruppo A, con la Serbia del n.1 del mondo Novak Djokovic vi saranno Francia, Sud Africa e una quarta squadra da decidere a novembre. A far loro compagnia a Brisbane ci sarà un interessantissimo Gruppo B pieno di giovani: con la Germania di Sascha Zverev ci saranno la Grecia di Tsitsipas e il Canada di Auger-Aliassime e Shapovalov, oltre anche all’Australia di Kyrgios e De Minaur.

Come detto l’Italia è a Perth, nel Gruppo D, insieme alla Russia di Medvedev e Khachanov e agli USA che possono contare su Isner e Fritz. L’altro gruppo di Perth sarà il Gruppo B, che oltre alla Spagna di Nadal vedrà il Giappone di Nishikori e la Georgia di Basilashvili.

A Sydney ci sarà la Svizzera di Roger Federer nel Gruppo C che se la dovrà vedere con il Belgio di Goffin e la Gran Bretagna di Andy Murray ed Edmund. Per chiudere, sempre a Sydney, il Gruppo E vedrà l’Austria di Thiem opposta alla Croazia di Coric e Cilic e l’Argentina di Schwartzman.

Le squadre vincitrici di ogni girone più le migliori seconde passeranno alla fase a eliminazione diretta che si disputerà a Sydney e decreterà la vincitrice della prima ATP Cup.

IL PROGRAMMA COMPLETO DEGLI INCONTRI (orari italiani)

FASE A GIRONI


DAY 1 (3 gennaio)

Gruppo F (Brisbane)
Grecia vs Canada dalle 01
Germania vs Australia dalle dalle 08:30

Gruppo D (Perth)
USA vs squadra da definire dalle 03
Russia vs Italia dalle 10:30

Gruppo C (Sydney)
Belgio vs squadra da definire dalle 00
Svizzera vs Gran Bretagna dalle 07:30

DAY 2 (4 gennaio)

Gruppo A (Brisbane)
Francia vs squadra da definire dalle 01
Serbia vs Sudafrica dalle 08:30

Gruppo B (Perth)
Giappone vs squadra da definire dalle 03
Spagna vs Georgia dalle 10:30

Gruppo E (Sydney)
Argentina vs squadra da definire dalle 00
Austria vs Croazia dalle 07:30

DAY 3 (5 gennaio)

Gruppo F (Brisbane)
Canada vs Australia dalle 01
Germania vs Grecia dalle 08:30

Gruppo D (Perth)
Italia vs squadra da definire dalle 03
Russia vs USA dalle 10:30

Gruppo C (Sydney)
Belgio vs Gran Bretagna dalle 00
Svizzera vs squadra da definire dalle 07:30

DAY 4 (6 gennaio)

Gruppo A (Brisbane)
Sudafrica vs squadra da definire dalle 01
Serbia vs Francia dalle 08:30

Gruppo B (Perth)
Giappone vs Georgia dalle 03
Spagna vs squadra da definire dalle 10:30

Gruppo E (Sydney)
Croazia vs squadra da definire dalle 00
Austria vs Argentina dalle 07:30

DAY 5 (7 gennaio)

Gruppo F (Brisbane)
Germania vs Canada dalle 01
Grecia vs Australia dalle 08:30

Gruppo D (Perth)
Russia vs squadra da definire dalle 03
Italia vs USA dalle 10:30

Gruppo C (Sydney)
Gran Bretagna vs squadra da definire dalle 00
Svizzera vs Belgio dalle 07:30

DAY 6 (8 gennaio)

Gruppo A (Brisbane)
Serbia vs squadra da definire dalle 01
Francia vs Sudafrica dalle 08:30

Gruppo B (Perth)
Spagna vs Giappone dalle 03
Georgia vs squadra da definire dalle 10:30

Gruppo E (Sydney)
Austria vs squadra da definire dalle 00
Croazia vs Argentina dalle 07:30

FASE FINALE


DAY 7 (9 gennaio)

Quarto 1: Vincente Gruppo C vs Vincente Gruppo F dalle 00
Quarto 2: Vincente Gruppo D vs Vincente Gruppo E dalle 07:30

DAY 8 (10 gennaio)

Quarto 3: Vincente Gruppo A vs squadra con punteggio più basso tra le migliori seconde dalle 00
Quarto 4: Vincente Gruppo B vs squadra con punteggio più alto tra le migliori seconde dalle 07:30

DAY 9 (11 gennaio)

Semi 1: Vincente Quarto 2 vs Vincente Quarto 3 dalle 00
Semi 2: Vincente Quarto 1 vs Vincente Quarto 4 dalle 07:30

DAY 10 (12 gennaio)

Finale dalle 07:30

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement