Berrettini ha deluso ma la top 10 non gli è preclusa

Editoriali del Direttore

Berrettini ha deluso ma la top 10 non gli è preclusa

LONDRA – Ha solo 23 anni e migliorerà. Il campione di Wimbledon 1973 Jan Kodes fa a gara con Ubaldo Scanagatta. E la Strycova con Roberta Vinci. Serena a un passo e mezzo dallo Slam n.24 e Margaret Court

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

da Londra, il direttore

Se qualcuno mi chiede ancora se Matteo Berrettini è quello visto contro Federer, rispondo di no. Se qualcuno mi chiede se arriverà a essere un top 10 non mi faccio influenzare dal match perso malamente con un grande Federer e rispondo: non lo so. Se qualcuno mi chiede se lo escludo, una sorta di follow-up alla questione precedente, dico: non mi sento di escluderlo perché ho visto troppi “late-bloomer” nella mia carriera, cioè giocatori che hanno dato il meglio dopo una certa età. Perché non Berrettini allora? La consapevolezza dei propri limiti è uno straordinario stimolo a lavorare per superarli. Si fosse sentito già un “quasi arrivato”, come è successo a tanti giocatori più presuntuosi di lui, allora sarei stato negativo sul suo futuro. Ma Matteo e il suo clan hanno la testa sulle spalle. Il pericolo costituito dall’imborghesimento che ti fa adagiare sugli allori non mi pare abbia ragion d’essere.

Ciò dico anche se – mi rendo conto – è ben diverso progredire da n.60 a n.3 rispetto a passare da n.20 a top 10. Però ci sono stati giocatori che sono arrivati a essere top 10 dopo molti anni di onorata carriera. E non erano tutti fenomeni. Ci torno più giù.

 

Fra gli uomini, e potrei citare giocatori italiani che non godevano di grande credito ma che hanno fatto grandi progressi dopo i 27 anni, i primi che mi vengono in mente senza sforzarmi troppo sono Sanguinetti, Pozzi e Seppi.

Senza fare grandi ricerche, se a Fognini è riuscito a diventare per la prima volta top ten (a giugno 10 e forse 9 a luglio) a 32 anni, idem a Isner anche lui n.9 a 32, idem a Melzer e Fish intorno ai 30, perché non dovrebbe riuscirci Matteo Berrettini entro qualche anno visto che, oltretutto, rispetto ai contemporanei avrà il grande vantaggio – nel giro di pochi anni – di non avere più tre poltrone occupate in modo permanente dai tre “marziani”  Federer, Nadal e Djokovic? Non ci fossero stati quei tre – anzi, c’era pure il quarto Fab Four Murray –  Fognini sarebbe stato n.10 già nel 2013.

Prendo pari pari un commento dell’ottimo Alex Irene, che ho invano pregato più volte di mettersi in contatto con noi su direttaubitennis@gmail.com per vedere se potevamo persuaderlo a collaborare con Ubitennis: “Nessun italiano forte a mia memoria ha giocato con tale autorevolezza la sua prima finale (si riferisce a Berrettini quando a Gstaad vinse il torneo battendo Bautista Agut): Camporese Cancellotti e Furlan persero netto da Perez Roldan a San Marino, da Arias a Firenze e da Oncins a Bologna giocando al di sotto delle proprie possibilità; Canè Gaudenzi Starace Volandri Seppi Fognini lottarono, ma senza fortuna, contro Jaite a Bologna, Berasategui a Stoccarda, Almagro a Valencia, Moya a Umago, Mathieu a Gstaad e Simon a Bucarest”.

Ora, nel ringraziare Alex per il suo contributo, sfido chiunque a non considerare una sorta di finale quella che Berrettini si è trovato ad affrontare sul centre court di Wimbledon contro Sua Maestà Roger Federer.

Insomma di alibi per giustificare la pesante sconfitta ce ne sarebbero a bizzeffe. Da ultimo faccio presente l’età degli otto quartofinalisti di questo Wimbledon partendo dal più anziano: Federer 37, Nadal 33, Djokovic 32, Bautista Agut 31 (e sono i più probabili semifinalisti, anche se Guido Pella ha clamorosamente mandato a casa gli ultimi due finalisti di Wimbledon, Anderson e Raonic, che fanno tre con il Cilic eliminato lo scorso anno), Querrey 31, Nishikori 29, Pella 29, Goffin 28. Insomma, Matteo ha almeno cinque anni per… mettersi in pari con il più giovane del lotto, Goffin, che è stato top-ten, sia pure per breve tempo.

Chi è sicuro che non possa arrivarci è un vero pessimista. Come ho già scritto altre volte, nelle retrovie dei top 10 sono arrivati anche giocatori che non erano tecnicamente formidabili, che non avevano limiti meno evidenti di quelli manifestati dal nostro a 23 anni. Diamo tempo al tempo, confidiamo nella serietà del lavoro che faranno Berrettini, Santopadre e Rianna, e poi vedremo, con più cognizione di causa, quando Matteo avrà 27 anni.

Matteo Berrettini – Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Io non mi sbilancerà più su Matteo per un po’, dopo aver ciccato clamorosamente quella profezia secondo cui non avrebbe mai potuto perdere da Federer 61 62 62. Il video con la conferenza stampa e il siparietto scherzoso con Roger Federer sta diventando virale, soprattutto in Svizzera ha fatto il giro di tutti i Cantoni.

Però voglio dirvi che stamani quando ho raccontato al campione di Wimbledon 1973 Jan Kodes la mia disavventura lui si è messo a ridere, prima di raccontarmi cosa è successo a lui: “L’altro giorno c’erano ben quattro ceche in ottavi di finale e uno era un derby: Pliskova-Muchova. Poi c’erano Kvitova contro Konta, Strycova contro Mertens. I giornalisti cechi mi hanno intervistato e io ho detto quel che avrebbe pensato chiunque: ‘Quelle che faranno più strada dovrebbero essere Pliskova e Kvitova”.  Well, Pliskova e Kvitova hanno perso, Muchova e Strycova sono andate invece avanti (poi in semifinale ci è arrivata solo Strycova). Così stamani sul giornale di Praga ci si interrogava: “Ma Kodes capisce di tennis?”. Che consolazione! Se sbaglia Kodes che ha vinto Wimbledon non posso sbagliare io… che ho vinto il torneo al Golf Club dell’Ugolino?

Fra le donne mi è ancora più facile – e in questo caso si parla invece di raggiungere posizioni di notevole preminenza – sottolineare come non si debba essere necessariamente enfant-prodige per salire ai vertici delle classifiche mondiali. Tre delle nostre Top-Ten, Schiavone che ha vinto Parigi da over 30, Pennetta e Vinci che hanno fatto la famosa finale dell’US Open e l’ingresso fra le top 10 anch’esse in età matura (Pennetta ci era riuscita già nel 2009 a 27 anni, Vinci a 33), sono la testimonianza di quanto affermo. Silvia Farina non ce l’ha fatta per un pelo a lasciarsi la posizione n.11 alle spalle, ma se non erro quando c’è stata più vicina aveva anche lei superato i 30.

Fra le donne è indubbiamente meno difficile, c’è minor competizione, ma certo mi fa effetto vedere che qui a Wimbledon ha raggiunto la sua prima semifinale di Slam una ragazza di 33 anni, Barbora Strycova. Batte il record che apparteneva a Robertina Vinci, prima volta semifinalista all’US Open a 32 anni.

Se penso che ho visto Strycova perdere contro Sara Errani al torneo olimpico di Rio de Janeiro solo tre anni fa (62 62, mentre quando perse la finale di Dubai fu addirittura un 60 62), mi prende sconforto e tristezza. Strycova aveva già 30 anni, non era una bambina. Non so quale dei miei prossimi quesiti possa ritenersi il più giustificato. Cosa è scattato, quale clic, nella Strycova a 30 anni, se a 29 era n.41 a fine anno, a 28 n.26, a 27 n.92, a 26 ancora n.92, a 25 n.44 e in una vita da tennista aveva vinto solo 2 tornei minori, Linz e Quebec City? Cosa è successo a Sara Errani a 29 anni dopo che in carriera aveva invece vinto la bellezza di 9 tornei, fra cui il Premier di Dubai, ma figurano anche nel suo palmares le finali del Roland Garros, del Foro Italico, le semifinali a Parigi e New York, più i quarti in Australia? Possibile che l’amara e angosciosa vicenda del tortellino l’abbia condizionata a tal punto che non sia più capace di battere altro che da sotto?

Accadono cose che davvero non si si spiegano facilmente. Confesso che un po’ mi dispiace in questo frangente tirar fuori l’argomento dello spaventoso declino di Sara che – sono certo –  avrebbe fatto volentieri a meno di ritrovarsi per colpa mia sotto i riflettori. Non ho né avevo nessuna intenzione di infierire, ma quando mi sono ricordato di questi confronti diretti fra Barbora e Sara, ho pensato alla ragazza che ha raggiunto la quinta posizione mondiale e ora non riesce nemmeno a rientrare tra le prime cento. Com’è che ce la siamo persa per strada quando avrebbe dovuto essere ancora competitiva…

Fra l’altro ho visto che proprio ieri Sara ha perso a Baastad contro Vikhanyantseva (n.105 WTA) 60 63. Mi dispiace. Non riesco a vedere la luce in fondo al tunnel. L’importante sarebbe che la vedesse lei. Ma la vede?

Tornando a scrivere di Wimbledon credo che a Serena Williams non sia proprio dispiaciuta la vittoria della Strycova su Johanna Konta, letteralmente massacrata dalla stampa britannica che non le ha mai perdonato i suoi rifiuti di concedersi al gruppo dei giornalisti Brit sulla falsariga di quanto fanno Federer, Nadal e Djokovic i quali, esaurite le conferenze stampa con i giornalisti di tutto il mondo, concedono ai connazionali qualche minuto in più. Battere Konta in Inghilterra pone più problemi, per via del tifo che anche nel tempio del tennis non è per nulla timido.

A Serena mancano due successi per raggiungere i 24 titoli conquistati da Margaret Court Smith. Secondo me ha già un piede in finale. Lì però dovrà farsi valere e giocare meglio che con la generosa Riske, capace di commettere un doppio fallo nelle due palle break che ha dovuto affrontare nel terzo set.

Per i quarti maschili di oggi, vi lascio alle previsioni dei miei validissimi collaboratori, dopo che il secondo anno di fila e per la quinta volta in totale i Big 3 Djokovic, Federer e Nadal, si trovano tutti insieme appassionatamente nei quarti. Vero che soltanto nel 2007 riuscirono tutti e tre ad approdare alle semifinali (Nadal battè Djokovic e perse da Federer in finale), ma io credo che quest’anno sarà la seconda volta. Negli ottavi hanno perso zero set e 19 game fra tutti: 8 Djokovic con Humbert, 5 Federer con Berrettini, 6 Nadal con Sousa. Che possano perdere con Goffin, Nishikori e Querrey mi sembra altamente improbabile (anche se ci sarebbe un dato statistico da considerare). Ma chi si sbilancia più dopo la gaffe Berrettini?

David Goffin – Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Non credo che Serena Williams possa vincere il suo quarto Roland Garros, ma…

La caccia al 24° Slam di Court nella sua testa continua. Anche se fa freddo “e io lo odio! Mai vista la neve per metà della mia vita” e le palle sono pesanti. Ma se il maltempo l’aiutasse facendole disputare le sue partite sotto il tetto?

Pubblicato

il

Serena Williams - Roland Garros 2020 (da Twitter, @rolandgarros)

Tanti auguri Serena, buon compleanno davvero alla giocatrice più forte del terzo millennio e forse di sempre (anche se Gianni Clerici direbbe che lo è stata invece Suzanne Lenglen, La Divina).

Ieri Serena Williams ha compiuto 39 anni e ha detto, non per la prima volta: “Non avrei mai creduto di ritrovarmi a giocare ancora a 39 anni. E ora non so quando mi fermerò. Mi diverto ancora e finché mi diverto…”. Pareva di sentire riecheggiare le parole tante volte pronunciate da un suo coetaneo, tal Roger Federer.

Di certo, è la prima volta che Serena li festeggia a Parigi. E di certo è anche la prima volta dopo tantissimi anni che all’avvio di uno Slam non viene considerata fra le primissime favorite, nonostante all’appello manchi la campionessa in carica Barty, e le ultime due vincitrici dell’US Open Osaka e Andreescu (peraltro non fortissime sulla terra rossa).

 

Vero che la terra battuta non è mai stata la superficie prediletta – le spunta in buona parte l’altrimenti micidiale arma del servizio – tuttavia il suo non è un caso… Sampras! Sweet Pete non è mai andato oltre una semifinale a Parigi (1996). Serena ha vinto il Roland Garros tre volte (2002-2013-2015) ed è stata finalista nel 2016, semifinalista nel 2003, nei quarti altre cinque volte. Ai tre trionfi nel torneo di Port Auteuil si devono aggiungere altri 10 titoli conquistati sui campi rossi. Non sono così pochi.

Ma, oltre a dover sottolineare che sono comunque cinque anni che Serena non vince più al Roland Garros – nel 2015 è diventata la più anziana vincitrice del torneo con i suoi 33 anni e mezzo – quest’anno sembra esserci una favorita che sembra stagliarsi su tutte, Simona Halep, e varie altre, come Svitolina e Azarenka nel suo quarto (Vika l’ha battuta a New York), Muguruza e Kenin nell’altra metà, che sembrano avere le stesse chance di Serena se non di più, dopo aver visto che Serena si è fatta trascinare al terzo set da tutte le sue avversarie nel Kentucky e all’US Open prima di soccombere.

Potete, se ne avete voglia, ascoltare i motivi per cui Steve Flink e il sottoscritto ci siamo sbilanciati in sede di presentazione video del sorteggio a sostenere che ci sembra fortemente improbabile che Serena, certo appesantita dagli anni con l’handicap di una superficie ultra-pesante per via dell’umidità incalzante e di palle Wilson che perfino Nadal fa fatica a spingere, riesca a conquistare il suo quarto Roland Garros e il famoso 24° Slam. Cioè quello che le consentirebbe di eguagliare il record di Margaret Court e cancellare l’incubo che la perseguita ormai da nove tentativi falliti, incluse le quattro finali Slam perdute dopo la nascita della sua bambina e tutte perdute senza aver vinto un set.

Serena si è allenata in Francia da lunedì, alla tennis Academy del suo coach Patrick Mouratoglou nei pressi di Nizza, ma sulla terra rossa non gioca da un anno e mezzo, dal terzo turno del Roland Garros del maggio 2019, quando perse da Sofia Kenin (la sconfitta per lei più… prematura in uno Slam dal 2014).

Serena Williams – Roland Garros 2020 (da Twitter, @rolandgarros)

Per una qualsiasi altra giocatrice l’aver centrato quattro finali di Slam e perso soltanto in semifinale all’ultimo US Open avrebbe rappresentato un sogno. Per lei no. Ha vinto 23 Slam su 75 ai quali era iscritta, mica uno solo.

Una semifinale dovrebbe essere un buon risultato per me? Assolutamente no! Mi ritrovo in una posizione nella mia carriera nella quale non posso essere soddisfatta! Non voglio star seduta qui e dire: “Oh, sono felice! No, perché non lo sono!”.

Serena dovrà affrontare al primo turno Kristie Ahn, l’americana che si è distinta particolarmente in questo 2020 per la sua abilità nel movimentare i social, soprattutto Tik Tok, durante i mesi difficili del lockdown. “Non ho giocato alcun torneo di preparazione a questo, il che è inconsueto per me – ha detto ieri Serena a Parigi. Questo è stato un anno davvero inconsueto, raro. Ho cercato di fare tutta la riabilitazione possibile da Patrick, dopo il problema avuto alla caviglia a New York. Sono al 100 per 100 della condizione fisica ora? No, ma abbastanza per provarci. Non giocherei se non pensassi di essere competitiva e non conosco atleti che non competano se non sono al 100%. Se gioco bene posso ancora battere chiunque e più gioco e meglio dovrei riuscire a giocare”.

Insomma la caccia di Serena continua, anche se con questo freddo parigino lei non ha mai giocato. “Fra California e Florida, e nei vari tornei, non mi è mai capitato. Odio il freddo e per metà della mia vita…non ho mai visto la neve!”. Di certo il tempo, che prevede piogge ripetute, non sarà suo alleato… a meno che dovendosi lei esibire quasi sempre sotto il tetto dello Chatrier (sia pure un tetto con delle perdite…), non finisca per avvantaggiarsene.

P.S. A proposito di tetti “bucati”, qualcuno ricorda quello di Napoli per il match di Fed Cup Italia-Spagna?

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Jannik Sinner è il favorito con il mancato sposo Goffin? Il belga: ”In allenamento mi batte sempre e a Rotterdam…”

“Vedo Sinner capace di vincere uno Slam, prima o poi…”. Il belga si è allenato con Berrettini. E Djokovic con Thiem

Pubblicato

il

Il programma del Day 1 a Parigi

C’era stato un risultato, fra i tanti a sorpresa registrati a Roma durante gli Internazionali d’Italia e dovuti a tante concause (transizione dal cemento made in USA, desuetudine agonistica, effetti Covid) che da noi in Italia era passato sotto silenzio pur essendomi apparso impronosticabile: il netto 6-2 6-2 inflitto a David Goffin da Marin Cilic.

Soltanto oggi sono in grado di interpretarlo meglio, alla luce di una notizia fornitami dall’amico e collega belga Yves Simon: il 19 settembre, cioè nel weekend del torneo di Roma, Goffin avrebbe dovuto sposarsi!

Soltanto una decina di giorni prima ha deciso, causa Covid-19 e l’impossibilità di fare il ricevimento che avrebbe voluto, di rinviare il matrimonio.

 

“A quel punto ho deciso di giocare a Roma…ma è stato un errore! Non ero preparato, né tennisticamente né mentalmente. Non ho voluto ripetere l’errore andando anche a Amburgo. Ho preferito allenarmi intensamente a Montecarlo…”.

-E l’hai fatto?

“Sì, ho giocato per cinque giorni con grande intensità, sulla terra rossa naturalmente, e mi sento adesso in forma e ottimamente preparato”.

-Temi Sinner?

“Lo conosco bene, ci siamo allenati diverse volte, sia a Monaco sia a Bordighera. E’ molto forte e sono convinto che sia un giocatore che prima o poi potrà vincere uno Slam. In allenamento mi batteva sempre, e lo ha fatto anche a Rotterdam in gara (76,75, 9 p. a 7p. il punteggio del tiebreak; si è giocato a febbraio 2020), però uno Slam è diverso: si gioca tre set su cinque, e vincere tre set per un giovane non è come vincerne due. Avete visto cosa è successo a Jannik all’US Open con Khachanov? E’ anche una questione di esperienza…”

Tutto vero, come vero che le condizioni climatiche, il freddo che ha costretto in questi giorni tutti i giocatori a indossare leggings – beh, in Francia li chiamano fuseaux, la traduzione italiana calzamaglia, ghette non mi persuade – le palle Wilson assai pesanti di cui si è lamentato Rafa Nadal, sembrerebbero poter favorire il tennis di Sinner al cospetto del “peso leggero” belga.

Questo sabato, alla vigilia del suo match delle 11 sul Chatrier, Goffin si è allenato sul campo Simonne Mathieu con Matteo Berrettini. Per carpirgli qualche segreto su Sinner? Sullo Chatrier hanno invece giocato insieme, curiosamente, Djokovic e Thiem. Vero che l’austriaco è capitato nella metà del tabellone di Nadal, ma fra 15 giorni Nole e Dominic potrebbero trovarsi contro in finale.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Roland Garros, avvio con il botto: Wawrinka-Murray, ma anche Thiem-Cilic e Sinner-Goffin

Per Thiem, nella metà di Nadal, un percorso di guerra. Rispetto a Rafa, dopo l’inizio in discesa, sta meglio Djokovic

Pubblicato

il

Dominic Thiem - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

IL TABELLONE MASCHILE
IL TABELLONE FEMMINILE


Tengo a precisare, a scanso di equivoci, di avere scritto questo articolo di commento al tabellone entro l’ora successiva al sorteggio. Si è deciso di ritardarne la pubblicazione per la mattina presto di venerdì per dare modo ai lettori di commentarlo senza che Ubitennis con il mio editoriale avesse già dato una sua impronta. Ora potrete verificare se alcuni dei commenti postati dai lettori coincidano più o meno, o addirittura per niente con quanto potete leggere in questo articolo. E sono curioso anch’io di vedere se il mio pensiero sarà stato condiviso o meno. Buona lettura (spero…).

Un sorteggio con il botto: Wawrinka-Murray al primo turno! Un ex campione del Roland Garros contro un ex finalista, lo svizzero ex n.3 contro lo scozzese ex n.1! Ma anche Thiem-Cilic, due che sono o sono stati n.3 del mondo, fra il finalista degli ultimi due anni e il croato quartofinalista nel 2017 e 2018, non è davvero da buttar via, anche se Cilic, 32 anni questo 28 settembre, non è più quello che ha vinto un US Open sei anni fa (2014).

E l’altro aspetto più significativo è che Thiem e Nadal, finalisti degli ultimi due anni si trovano nella stessa metà tabellone. Non solo: per Thiem al di là dell’ostacolo forse non così duro in Cilic, c’è un probabile Ruud al terzo turno e in ottavi teoricamente Wawrinka (più che Murray, ma non si sa mai: il Wawrinka visto con Musetti non è apparso irresistibile) per trovare poi magari Schwartzman più che Monfils. Insomma un vero percorso minato per l’austriaco, per arrivare a Nadal! Non mi pare si possa dire che abbia avuto fortuna.

E anche Nadal, che non si può davvero lamentare del suo tabellone fino ai quarti, poi però non sarà contento neppure lui di avere Thiem dalla sua parte, mentre non credo che tema un’eventuale quarto contro Zverev- Corre meno rischi di lui Djokovic, perché, a parte quel Bautista Agut che lui un po’ soffre (ma più sul cemento che sulla terra rossa, direi) e potrebbe trovare nei quarti se lo spagnolo esce dalla zona presidiata da Berrettini che rischierà a sua volta con Carreno Busta, secondo me difficilmente può perdere da Khachanov o Garin, e nemmeno dal n.4 Medvedev, dal n.13 Rublev, dal 9 Shapovalov

Semmai è Tsitsipas in buona giornata quello che gli può dare più noia, perché gli altri tre succitati sulla terra rossa sono troppo incostanti per metterlo in difficoltà sulla distanza dei tre su cinque. Vedrei il miglior Shapovalov capace di stappargli un set o forse due, ma non tre, almeno oggi. Tsitsipas farà bene però a stare attento a Krajinovic, così come Shapovalov non ha il match in tasca con Dimitrov al terzo turno. Da Medvedev-Fucsovics potrebbe scappar fuori la prima sorpresa, nel senso di un top-5 estromesso dal torneo anzitempo.

Per quanto riguarda gli italiani, beh è un peccato che Fognini non sia (probabilmente) nelle migliori condizioni, perché un tabellone migliore di questo non poteva capitargli. Kukushkin, poi un qualificato, poi un quartetto da cui potrebbe uscire Isner che sulla terra rossa a 34 anni non è troppo temibile, insomma arrivare a Nadal negli ottavi sarebbe un traguardo raggiungibilissimo. Di Berrettini ho accennato: al terzo turno dovrebbe arrivare senza problemi, poi troverebbe o Carreno Busta o Bautista Agut in ottavi e lì probabile disco rosso con Djokovic, contro il quale Matteo sarebbe più temibile sul cemento nonostante che anche Djokovic sui campi duri abbia dimostrato di essere un n.1.

Un primo turno durissimo, e uno dei match di cartello anche per chi non è italiano né belga, è Goffin-Sinner. Entrambi non possono dirsi fortunati. Goffin è certamente favorito, ma c’è partita. Anche in questo caso forse il “nostro” aveva più chances di fargli male sul “veloce” dove il suo dritto soffre meno. I due si conoscono benissimo, si sono allenati tante volte insieme sia a Montecarlo sia al Centro Piatti di Bordighera. Curiosamente più volte su campi in cemento che sulla terra rossa. L’amico giornalista Yves Simon mi ha detto che Goffin gli ha raccontato: “In allenamento con Jannik credo di non aver vinto quasi mai!”.

 

Chi viene fuori da quel duello può far parecchia strada. La testa di serie che presidia la zona è Paire… e più in là a livello di ottavi Zverev che sui campi rossi, anche se ha vinto Roma, non mi convince del tutto. Il tedesco però ha un buon tabellone, fino a Goffin (o Sinner?) non vedo proprio da chi possa perdere. Però Sascha non è ancora un tennista solidissimo, di nervi e prestazioni.

Dagli altri azzurri, più che al massimo un secondo o un terzo turno, non credo ci si possa attendere, perché al primo o al secondo si imbattono in teste di serie, anche se non fortissime. Per ora mi fermo qui. Un commento al tabellone femminile lo farò in un secondo momento, ma se dovessi scommettere su una finale dopo aver visto il tabellone punterei su Halep-Muguruza.

OTTAVI TEORICI

[1] N. Djokovic vs [15] K. Khachanov
[10] R. Bautista Agut vs [7] M. Berrettini
[4] D. Medvedev vs [13] A. Rublev
[9] D. Shapovalov vs [5] S. Tsitsipas

[8] G. Monfils vs [12] D. Schwartzman
[16] S. Wawrinka vs [3] Thiem
[6] A. Zverev vs [11] D. Goffin
[14] F. Fognini vs [2] R. Nadal

PRIMO TURNO PER GLI ITALIANI

[7] M. Berrettini vs V. Pospisil
[14] F. Fognini vs M. Kukushkin
L. Sonego vs qualificato
J. Sinner vs [11] D. Goffin
G. Mager vs [22] D. Lajovic
S. Travaglia vs P. Andujar
A. Seppi vs qualificato
S. Caruso vs G. Pella

Il tabellone maschile del Roland Garros con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement